Guida alla personalizzazione di WordPress per principiantiHai acquistato un piano di hosting Web e un nome di dominio per il tuo sito Web. E con un clic, hai installato WordPress sul tuo server.

Questa è la parte facile. Ora è il momento di iniziare a costruire e personalizzare il tuo sito Web WordPress.

In questa guida alla personalizzazione di WordPress, ti mostreremo come eseguire l’installazione di WordPress predefinita e personalizzarla. Imparerai come:

  1. Configura le impostazioni di WordPress.
  2. Aggiungi nuovi utenti.
  3. Scegli e personalizza un tema.
  4. Imposta plugin essenziali.
  5. Integra SEO.
  6. Crea il tuo contenuto.
  7. Crea un modulo di contatto.
  8. Aggiungi widget.
  9. Imposta il menu.
  10. Connettiti a Google.

Una guida dettagliata alla personalizzazione di WordPress

Alla fine di questo tutorial in 10 passaggi, avrai un sito Web WordPress di base ma completamente personalizzato impostato e pronto per l’uso.

Passaggio 1: configura le impostazioni di WordPress

Ci sono un paio di punti diversi in cui troverai le impostazioni di WordPress.

Il primo set ti aiuterà a personalizzare l’aspetto di WordPress stesso. Il secondo ti aiuterà a personalizzare l’aspetto del tuo sito web.

Personalizza le opzioni dello schermo

La prima volta che entri in WordPress, questo è ciò che vedrai:

Nuova installazione di WordPress

Questa è la dashboard di WordPress. Ed è un po ‘fonte di distrazione con tutti quei widget che intasano lo schermo, giusto?

Quindi, la prima serie di impostazioni da personalizzare sono le Opzioni schermo, che troverai qui:

Personalizza le opzioni dello schermo di WordPress

Fai clic su “Opzioni schermo” per aprire le impostazioni:

Modifica opzioni schermo

Le caselle selezionate sono quelle visualizzate come widget nella dashboard.

Activity ti offre una rapida panoramica dei nuovi contenuti pubblicati sul tuo sito.

A colpo d’occhio mostra quante pagine e post hai pubblicato e i commenti che hai ricevuto.

Quick Draft è un modo per annotare pensieri o note per un nuovo post sul blog, ma non ti porterà molto oltre.

Welcome non è altro che un elenco di controllo semplificato per gli utenti alle prime armi.

Gli eventi e le notizie di WordPress non sono davvero utili se non sei uno sviluppatore che lavora nello spazio di WordPress.

Se desideri mantenere uno di questi widget, lasciali semplicemente selezionati. Puoi deselezionare il resto delle caselle per farle sparire alla vista.

Rimuovere le scatole del cruscotto

Dopo aver selezionato le caselle che desideri conservare, sentiti libero di trascinarle. Puoi impilarli verticalmente (come nello screenshot sopra) o utilizzare entrambe le colonne:

Dashboard di WordPress personalizzato

La visualizzazione della dashboard è tua da personalizzare.

Nota: quando inizi ad aggiungere plug-in al tuo sito Web, potresti visualizzare nuove caselle nella dashboard. Se li trovi utili, tienili dove sono. Se vuoi rimuoverli come distrazione, nascondili nello stesso modo in cui hai nascosto le caselle predefinite.

Personalizza le impostazioni di WordPress

Per regolare le impostazioni del tuo sito Web WordPress, individua il menu Impostazioni sulla barra laterale:

Menu delle impostazioni di WordPress

Anche se potrebbe non essere necessario personalizzare le impostazioni in ciascuna categoria, è sempre una buona idea esaminare ciascuna di esse per assicurarsi di aver punteggiato i tuoi i e aver incrociato i tuoi.

Inizia con Impostazioni generali:

impostazioni generali

Prestare attenzione a quanto segue:

Se non hai un logo, assicurati di avere un titolo del sito. Questo apparirà nella parte superiore del sito in sua assenza. Questo è anche il nome che vedrai nell’angolo in alto a sinistra dell’amministratore di WordPress.

Assicurati che gli indirizzi di WordPress e del sito corrispondano tra loro e al nome di dominio che hai acquistato. Se uno di questi è errato, può causare errori.

Fino a quando non hai iniziato a scrivere e classificare i post del tuo blog, puoi saltare le Impostazioni di scrittura.

Passa a Impostazioni di lettura successive:

Impostazioni di lettura

Dopo aver creato i contenuti per il tuo sito, torna a queste impostazioni e aggiorna “La tua home page visualizza” (di seguito sono riportate le istruzioni). Altrimenti, l’impostazione predefinita è di fare in modo che il tuo blog alimenti la home page.

Per ora, concentrati sulle ultime due impostazioni.

“Per ogni post in un feed, includi” deve essere impostato su “Riepilogo”. Ciò è utile non solo per i visitatori che desiderano scorrere rapidamente gli argomenti del blog nel feed, ma anche per accelerare il tempo di caricamento della pagina .

Prima di salvare le modifiche e andare avanti, assicurati che la “Visibilità dei motori di ricerca” non sia selezionata. Volete decisamente che Google e altri motori di ricerca trovino il vostro sito Web e lo indicizzino.

Se hai intenzione di bloggare, la tua prossima fermata è Impostazioni discussione:

Impostazioni di discussione

Puoi personalizzare la maggior parte di questa pagina come preferisci. Se desideri che i lettori di blog possano commentare i tuoi contenuti, configura le impostazioni di conseguenza.

Detto questo, c’è un’impostazione che dovresti correggere qui per motivi di sicurezza.

In “Impostazioni post predefinite”, deseleziona “Consenti notifiche link da altri blog (pingback e trackback) su nuovi post”.

In breve, pingback e trackback sono notifiche che vengono visualizzate nel feed di moderazione dei commenti ogni volta che qualcuno si collega al tuo blog.

Non esiste un valore reale per visualizzare pingback o trackback. Inoltre, rappresentano un rischio per la sicurezza noto, quindi è meglio disattivarli e impedire agli hacker e agli spammer di accedere al tuo sito in quel modo.

Se decidi di voler regolare la dimensione dell’immagine predefinita di WordPress, puoi farlo in Impostazioni multimediali. Tuttavia, probabilmente non vale la pena farlo adesso.

Quindi, passa a Impostazioni Permalink.

Il permalink è la struttura degli indirizzi della tua pagina web. WordPress ti offre una serie di opzioni tra cui scegliere:

Impostazioni Permalink

Per impostazione predefinita, “Nome post” è il modo in cui saranno strutturati i tuoi collegamenti – ed è una buona scelta. Mantiene i tuoi URL semplicemente strutturati e facili da richiamare per i visitatori.

Ma dipende da te. Se ha senso strutturare i post del tuo blog entro la data di pubblicazione, potresti voler abilitare una di queste opzioni. Tuttavia, è più che probabile che complicino le cose.

Le impostazioni sulla privacy sono state aggiunte di recente alle impostazioni di WordPress:

Impostazioni della privacy

Alla luce del GDPR e dell’effetto di vasta portata che ha avuto sui siti Web WordPress di tutto il mondo, la privacy è diventata una componente importante del processo di sviluppo del sito Web.

Ci sono altre cose che puoi e dovresti fare per far rispettare severi standard di privacy sul tuo sito. Per iniziare, seleziona una pagina dell’Informativa sulla privacy (che WordPress creerà automaticamente per te) a cui i visitatori possono fare riferimento in caso di domande o dubbi.

Passaggio 2: Aggiungi nuovi utenti

Con le impostazioni di WordPress fuori dai piedi, ora dovresti rivolgere la tua attenzione al menu Utenti.

Utenti di WordPress

Qui puoi creare nuovi utenti e modificare i profili degli utenti attuali, i privilegi di accesso e le informazioni di accesso, inclusi i tuoi.

Aggiungi un utente

Per aggiungere un nuovo utente, fai clic su “Aggiungi nuovo utente” e inserisci i seguenti dettagli:

Aggiungi nuovo utente WordPress

Gli unici campi richiesti sono il nome utente (assicurarsi che non sia mai “admin”) e l’indirizzo e-mail.

Assicurati di personalizzare il loro ruolo utente prima di aggiungerli al sistema:

Personalizza il ruolo utente

Ciò determinerà la quantità di backend dell’amministratore di WordPress che possono vedere e che tipo di controlli di modifica (se presenti) hanno.

Modifica un profilo utente

Anche se sei l’unica persona che lavora su questo sito Web, è comunque una buona idea visitare il tuo profilo utente e assicurarti che sia aggiornato.

Questo è ciò che vedrai quando modifichi il tuo profilo:

Modifica profilo utente

L’unica cosa che potresti voler personalizzare in questa sezione è la combinazione di colori dell’area di amministrazione di WordPress. Altrimenti, scorri verso il basso e inizia a compilare i dettagli del tuo profilo.

Profilo utente di WordPress

Questo potrebbe non sembrare un grosso problema in questo momento, ma se decidi di blog, è qui che verranno estratte le tue informazioni biografiche (e lo stesso per gli altri utenti).

Un’ultima cosa da prendere in considerazione è la sezione Gestione account:

Gestione dell'account utente

Se vuoi mai cambiare la tua password (che è una buona cosa da fare almeno un paio di volte all’anno), fallo qui.

La cosa bella di questo è che WordPress ti aiuta a generare password più forti (e incoraggerà anche gli altri utenti a farlo):

Generatore di password di WordPress

Assicurati di aver creato una password complessa qui, con o senza lo strumento, che includa lettere minuscole e maiuscole, numeri e simboli.

Passaggio 3: personalizza il tuo tema

Prima di poter personalizzare un tema, devi prima trovare quello giusto per il tuo sito web.

Ci sono decine di migliaia tra cui scegliere, quindi lascia che questa guida degli oltre 25 temi WordPress migliori e più popolari ti aiuti a restringere la tua attenzione.

Dopo aver selezionato un tema, vai al menu Aspetto> Temi.

Temi WordPress

Per impostazione predefinita, WordPress avrà automaticamente installato i propri temi sul tuo sistema. Per installare un tema diverso, devi prima installarlo.

Installa un tema gratuito

Se hai un tema gratuito dal repository WordPress come OceanWP , fai clic sul pulsante “Aggiungi nuovo” e cerca il nome del tuo tema:

Aggiungi nuovo tema

Passa il mouse sopra la scheda del tema e fai clic su “Installa”. Il pulsante blu “Installa” si trasformerà in un pulsante blu “Attiva”. Fai clic su questo quando lo vedi.

Questo sostituirà il tema predefinito di WordPress con il tuo.

Installa un tema Premium

Se hai un tema premium, devi prima scaricare i file del tema. Se li hai ottenuti da un fornitore di terze parti o da un marketplace a tema come ThemeForest , li troverai nel tuo account:

File di download di ThemeForest

Scarica i file e poi torna a WordPress.

Fai clic su “Aggiungi nuovo” per aggiungere il tuo tema. Quindi fai clic su “Carica tema” nella parte superiore dello schermo:

Aggiungi tema Premium

Apparirà un file uploader in cui puoi inserire i tuoi file WordPress:

Uploader di temi WordPress

L’autore del caricamento installerà e attiverà automaticamente il tema per te.

Personalizza il tuo tema

Con il tema ora installato, è il momento di personalizzarlo. Nel menu Aspetto, fai clic su Personalizza. Questo avvierà il personalizzatore di WordPress:

Personalizzatore di WordPress

Mentre questo strumento avrà un aspetto diverso da tema a tema, il layout sarà sempre lo stesso. Le opzioni di personalizzazione di WordPress saranno a sinistra e l’anteprima a destra.

Esaminiamo i moduli di personalizzazione di base che potrai utilizzare qui:

Identità del sito
Se hai già aggiornato il titolo del tuo sito (o slogan) in Impostazioni generali, non è necessario farlo di nuovo. Ricorda: questi appariranno sul sito Web solo se non aggiungi un logo.

Identità del sito

Deselezionando la casella qui, farai spazio al logo (che aggiungeremo a breve).

Ora, l’icona del sito non è il tuo logo. È il simbolo riconoscibile – di solito un pezzo più piccolo di un logo – che appare nella scheda del browser.

Ad esempio, puoi vedere qui le icone del sito per WebsiteSetup.org, WordPress.org e Google:

Icone del sito Web

Notare come ciascuna delle icone semplifica la ricerca della pagina esatta in cui si desidera tornare? Una volta che il tuo logo è stato progettato, assicurati di avere un’icona del sito distintiva per abbinarlo. Quindi, caricalo qui.

Logo
Lo troverai nella sezione “Intestazione”:

Personalizza il logo

Per aggiungere il tuo logo, fai clic su “Seleziona logo” e caricalo dal tuo dispositivo.

Assicurati che il logo abbia uno sfondo trasparente (il che significa che deve essere un PNG o WebP). In questo modo, non importa quale colore di sfondo appaia sopra.

Se il logo è troppo alto per lo spazio, utilizzare il dispositivo di scorrimento per regolare la larghezza di conseguenza. Non vuoi che sia così grande che ci sia uno spazio bianco eccessivo attorno al menu di navigazione sulla destra.

Colori
Molte delle decisioni relative ai colori saranno determinate dal tema e dai modelli utilizzati. Tuttavia, puoi cambiare alcuni dei colori universali qui.

Personalizza i colori

Il colore dell’intestazione, ad esempio, può essere aggiornato se desideri utilizzare qualcosa di diverso dal bianco predefinito. Potrebbe anche valere la pena regolare il colore primario utilizzato per collegamenti e pulsanti su un colore marchiato.

Globale
È possibile trovare altre impostazioni globali che si desidera personalizzare:

Impostazioni globali

Se hai già risolto il tuo marchio – logo, tavolozza dei colori, caratteri, ecc. – Puoi personalizzare queste impostazioni qui. In caso contrario, potresti volerli lasciare e lasciare che le impostazioni predefinite del tema rimangano come sono.

Se il tuo tema ti dà accesso a queste impostazioni, sappi solo che non sarà il colore di base o le scelte di font che farai. Puoi modificare le dimensioni dei caratteri, i layout predefiniti delle pagine, i colori degli elementi del tema e così via.

Se non sei sicuro di dover modificare qualcosa, dai almeno un’occhiata a queste impostazioni per assicurarti di aver coperto le tue basi.

Per quanto riguarda le altre impostazioni che potresti incontrare nel Customizer, dovrai affrontare la maggior parte di esse nei passaggi successivi. Quindi, non preoccuparti se non abbiamo toccato tutto. Ti daremo suggerimenti su come personalizzarli in seguito.

Personalizza il tuo tema premium

Per tutti i temi, gratuiti o a pagamento, per iniziare utilizzerai il personalizzatore di WordPress. Tuttavia, se hai un tema freemium o premium, avrai ulteriori impostazioni da configurare.

Guarda sulla tua barra laterale di WordPress e vedi se c’è una nuova voce di menu per il tuo tema. Se c’è, troverai le tue impostazioni lì.

Ad esempio, questo è il pannello principale per il tema Uncode :

Annulla codice impostazioni

In realtà non ci sono impostazioni da personalizzare. Tuttavia, il tema richiede agli utenti di installare un numero di plugin necessari per far funzionare il tema come previsto.

Con il tema gratuito Astra , una nuova scheda menu appare in Aspetto:

Opzioni Astra

Le impostazioni gratuite ti riporteranno semplicemente al Personalizzatore di WordPress. Tuttavia, se esegui l’upgrade a pro, aprirai ancora più opzioni di personalizzazione, come puoi vedere da questo elenco.

Bottom line: WordPress ti darà alcune impostazioni di personalizzazione del tema per impostazione predefinita. A seconda del tema scelto, potresti avere di più con cui lavorare.

Tuttavia, non sudare. Una volta che inizi a creare le tue pagine, avrai la sensazione se sia necessario modificare ulteriormente il tema e puoi sempre tornare a questo menu.

Passaggio 4: configura plug-in essenziali

Mentre puoi aggiungere tutti i plugin di WordPress di cui hai bisogno al tuo sito Web, ti consigliamo di esercitare un certo controllo in questo.

Trova i tuoi elementi essenziali

I plug-in sono ottimi per estendere le funzionalità di un sito Web senza dover utilizzare alcun codice ma possono esercitare un’indebita pressione sul server di hosting.

Quindi, per iniziare, concentrati sulla creazione solo degli elementi essenziali. Puoi aggiungere altri plugin di WordPress in un secondo momento, se necessario.

Sicurezza
Per proteggere la schermata di accesso di WordPress da attacchi di forza bruta e il sito Web stesso diventa una casa per spam e malware, è necessario l’aiuto di un plug-in di sicurezza come Wordfence .

Caching I
siti Web WordPress hanno la tendenza a diventare lenti e lenti se non li aggiungi alla cache. Tutta la memorizzazione nella cache è un processo mediante il quale il tuo server Web fornisce il tuo sito Web in modo più efficiente ai browser dei visitatori. La cosa bella della maggior parte dei plug-in di cache di WordPress come W3 Total Cache , tuttavia, è che vengono forniti con altre impostazioni di ottimizzazione delle prestazioni, come la compressione Gzip e la minimizzazione dei file.

Tutte queste cose hanno lo scopo di velocizzare il caricamento del tuo sito web.

Ottimizzazione delle immagini
Un’altra cosa di cui ogni sito Web ha bisogno è un plug-in di compressione delle immagini come Smush . In questo modo, puoi utilizzare un sacco di immagini ad alta risoluzione per progettare il tuo sito Web o mostrare i tuoi prodotti senza preoccuparti delle grandi dimensioni dei file che rallentano tutto (cosa che può accadere senza questo plugin).

Backup
Il piano di hosting Web dovrebbe includere siti Web gratuiti. Tuttavia, è sempre una buona idea avere un set aggiuntivo di backup archiviati altrove nel caso in cui accada qualcosa agli originali. Inoltre, con un plug-in di backup come UpdraftPlus , è possibile automatizzare e pianificare i backup in background.

Page Builder
Sebbene questo sia facoltativo, probabilmente scoprirai che puoi lavorare più rapidamente con un plug-in di trascinamento del generatore di pagine che con l’editor di blocchi che WordPress ti offre. Ce ne sono molti là fuori, quindi assicurati di scegliere un plug-in di page builder che funzioni meglio per i tuoi scopi.

Installa i tuoi plugin WordPress gratuiti

Una volta che hai un elenco dei plugin essenziali di cui hai bisogno, installali e attivali.

Per fare ciò, vai su Plugin> Aggiungi nuovo:

WordPress Aggiungi nuovi plugin

Questo è il repository gratuito di plugin per WordPress . Per trovare il plug-in che stai cercando, digita semplicemente il nome nella casella di ricerca.

Installa plugin

Fai clic sul pulsante “Installa ora” per il plug-in che desideri aggiungere. Il pulsante cambierà in un pulsante blu “Attiva”. Fare clic per aggiungere il plug-in e le sue funzionalità al sito Web.

Ripeti questi passaggi fino a quando non hai installato tutti i plug-in essenziali.

Installa i tuoi plugin premium

Se hai acquistato un plug-in premium da un fornitore o marketplace di terze parti, è lo stesso processo di installazione di un tema premium.

Vai a Plugin> Aggiungi nuovo. Fai clic su “Carica plug-in”.

Carica plugin

Quindi, carica i file scaricati. L’installer installerà e attiverà automaticamente il plugin per te.

Personalizza i tuoi plugin WordPress

Dopo aver installato un plugin WordPress, di solito riceverai un messaggio che ti chiede se sei pronto per iniziare, come questa introduzione da Elementor :

Elementor Guida introduttiva

Sebbene la maggior parte dei plugin di WordPress sia preconfigurata, dovresti comunque prenderti del tempo per rivedere ciascuno dei tuoi plugin appena installati e assicurarti che non ci siano altre impostazioni che desideri personalizzare.

Per individuare le impostazioni del nuovo plug-in, basta guardare la barra laterale. Dovresti vedere una nuova voce di menu per ognuno di essi.

Nuovi menu plugin

I nomi dei menu potrebbero non corrispondere sempre ai plug-in (come “Performance” è il menu per il plug-in W3 Total Cache). E alcuni dei menu potrebbero non essere al livello superiore come negli esempi sopra.

Ad esempio, il menu di UpdraftPlus si nasconde sotto Impostazioni:

Menu UpdraftPlus

Se hai mai avuto difficoltà a trovare il menu delle impostazioni del plug-in, vai alla pagina principale dei plug-in e fai clic sui pulsanti Impostazioni lì:

Impostazioni del plugin

Le impostazioni differiranno da plugin a plugin, quindi non c’è molto da scorrere. Ancora una volta, prenditi tutto il tempo necessario per eseguire le procedure di configurazione che ti vengono fornite come questa da Smush:

Smush Setup

Inoltre, presta attenzione a tutti i consigli che lo sviluppatore del plugin ha messo nella tua pagina delle impostazioni. Questi suggerimenti sono utili per assicurarti di personalizzare e ottimizzare correttamente il tuo plug-in.

Passaggio 5: integrare la SEO

L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è una questione complessa. Come tale, non ho intenzione di scavare nella complessità di come ottimizzare un sito Web oggi.

Tuttavia, quello che voglio mostrarti è un modo semplice e veloce per aggiungere uno strumento SEO a WordPress che ti aiuterà a iniziare con esso.

Installa il plugin SEO

Il plug-in di cui hai bisogno si chiama Yoast SEO .

Yoast Plugin SEO

Questo è il plug-in SEO più votato e scaricato in WordPress. E se vuoi semplificare l’ottimizzazione del tuo motore di ricerca, questo è il miglior plugin con cui farlo.

Imposta e personalizza Yoast SEO

Una volta installato il plug-in, individua il nuovo menu SEO sulla barra laterale:

Yoast Impostazioni SEO

Questo aprirà la tua dashboard Yoast. Avrai bisogno di circa cinque-dieci minuti per eseguire la personalizzazione delle impostazioni, ma la procedura guidata di configurazione accelererà le cose.

Fare clic sul collegamento fornito per avviare il processo.

Ambiente
Yoast SEO Wizard

Scegli l’opzione A.

Google impiega circa una settimana circa per indicizzare un sito Web, quindi non devi preoccuparti che il tuo sito Web venga visualizzato nella ricerca prima che sia completato. Non c’è molto altro da completare in questo processo.

Tipo di sito
Yoast - Tipo di sito

Scegli che tipo di sito web costruirai. Yoast informerà i motori di ricerca in modo che possano mostrare le tue pagine e i tuoi post alle persone che cercano quel tipo di contenuti.

Organizzazione o Persona
Yoast - Tipo di organizzazione

Assicurati di compilare questa pagina. Una volta che inizi a generare consapevolezza del nome del marchio, vuoi che le persone siano in grado di visualizzare in anteprima i tuoi dettagli quando ti cercano nella ricerca.

Ecco un esempio di come i tuoi dettagli potrebbero apparire nel grafico della conoscenza quando ciò accade:

Ricerca Google - Grafico della conoscenza

Visibilità dei motori di ricerca
Yoast - Visibilità

A meno che tu non abbia contenuti privati ​​che non vuoi che le persone sul Web possano trovare, lascia tutti questi valori impostati su “Sì”.

Autori multipli
Yoast - Autori

Per i blog con più autori che contribuiscono, è una buona idea attivare questa impostazione in modo che le persone che cercano tali individui trovino le loro pagine di archivio nella ricerca e, successivamente, nel tuo sito Web. Se sei solo tu a scrivere blog, mantieni questo valore come “No”.

Impostazioni del titolo
Yoast - Titolo

In genere, quando una pagina Web viene visualizzata nella ricerca, viene visualizzato il titolo della pagina (o post) e il nome del sito Web o dell’azienda dopo di esso. Per esempio:

Cerca i separatori dei titoli

Ma piuttosto che avere i tuoi titoli nel nome del marchio, puoi far sì che Yoast inserisca automaticamente un divisore tra quei dati essenziali. Il trattino (-) e il tubo (|) sono i più comunemente usati, ma puoi scegliere una delle opzioni fornite.

Altre impostazioni Yoast

La procedura guidata di configurazione si occuperà della maggior parte delle impostazioni necessarie per questo plugin.

Detto questo, potresti voler dare un’occhiata ai sottomenu Cerca aspetto e Social. Qui puoi personalizzare ulteriormente il modo in cui le tue pagine e i tuoi link vengono visualizzati al di fuori del tuo sito web.

Questo ti aiuterà anche a risparmiare tempo nella personalizzazione di questi dettagli ogni volta che crei una nuova pagina in WordPress.

Usa il plugin SEO

Perché abbiamo impostato il plug-in SEO prima di avere contenuti da ottimizzare? Per farti risparmiare tempo.

Durante il passaggio successivo, dovresti utilizzare Yoast ogni volta che crei nuovi contenuti.

Sotto ogni pagina web o post di blog che crei, troverai il widget Yoast SEO:

Widget SEO Yoast

È qui che aggiungerai i tuoi dati di ricerca (tutte le cose che le persone vedranno quando ti troveranno sul Web).

Personalizza Yoast SEO

Assicurati di creare sempre un’abitudine:

  • Focus keyword – l’argomento principale e la parola chiave per il post
  • Lumaca: il collegamento specifico alla pagina
  • Meta description: la breve descrizione che appare sotto il titolo della pagina nei risultati di ricerca

Quando hai finito, Yoast “segnerà” quanto hai ottimizzato la pagina per il SEO.

Troverai suggerimenti su come migliorare la classificabilità del tuo sito Web nella scheda SEO:

Yoast Suggerimenti SEO

Troverai suggerimenti su come rendere più semplice la lettura della tua pagina nella scheda Leggibilità:

Buona leggibilità

Se qualcosa è contrassegnato da un punto rosso o arancione, apportare le modifiche consigliate nel miglior modo possibile. Questi suggerimenti aiutano davvero il tuo sito Web a posizionarsi più in alto nella ricerca (e rendono i visitatori più piacevoli passare il tempo a leggere i tuoi contenuti).

Passaggio 6: crea il tuo contenuto

La maggior parte dei siti Web include lo stesso set di pagine di base:

  • Home : la pagina che accoglie i tuoi visitatori.
  • Informazioni su : la pagina che racconta la storia della tua azienda.
  • Servizi / Prodotti : la pagina che introduce i visitatori ai tuoi servizi o prodotti (potresti aver bisogno di più di una pagina a seconda di cosa vendi e di quanti contenuti ci sono).
  • Contatto : la pagina che consente ai visitatori di sapere come mettersi in contatto.
  • Informativa sulla privacy : la pagina che spiega che tipo di dati raccoglie il tuo sito Web e cosa ne fai.

Ci sono anche altre pagine che potresti voler creare. Per esempio:

  • Portfolio : la pagina che mostra esempi del tuo lavoro.
  • Blog : feed di notizie in cui vengono visualizzati tutti i post o articoli del blog.
  • Prezzi : la pagina in cui fornisci i prezzi per i tuoi servizi e forse anche le opzioni “Acquista ora”.

Indipendentemente dalle pagine di cui hai bisogno, dovrai creare gli stessi passaggi per crearle e personalizzarle:

Crea una nuova pagina

Vai al menu Pagine.

Aggiungi nuove pagine

Per impostazione predefinita, WordPress creerà una Pagina di esempio e una Pagina sulla privacy per te. È possibile eliminare la pagina di esempio. Mantieni la pagina sulla privacy in quanto puoi personalizzare il contenuto e pubblicarlo una volta che hai finito con tutto il resto.

Per creare la tua prima pagina (di solito è meglio iniziare con la home page), fai clic su “Aggiungi nuovo”.

In una nota a margine, puoi anche impostare il tuo sito Web in modalità di manutenzione , che impedisce ad altri di vedere il tuo sito Web incompiuto.

Questo è l’editor dei blocchi di WordPress e le sue impostazioni associate:

Nuova pagina WordPress

Puoi usarlo per creare le tue pagine web oppure puoi usare un plug-in di page builder. L’aggiunta di contenuto alla pagina è la stessa per ogni opzione.

Assegna un nome alla pagina
Innanzitutto, dai un nome alla tua pagina.

Nome pagina di WordPress

Fai clic su “Salva bozza” per generare automaticamente l’URL della tua pagina. (Ti mostrerò come riparare la home page in modo che non abbia una lumaca attaccata tra un po ‘.)

Crea design e layout
Puoi scegliere qui: crea da zero il design e il layout della tua pagina o usa un modello.

Per costruirlo da zero, aggiungi ogni elemento uno per uno con un blocco. Questo non è il modo più efficiente in termini di tempo per costruire un sito Web, quindi dovresti probabilmente esplorare le opzioni del tuo modello prima di percorrere quella strada.

Controlla il tuo tema WordPress per vedere se può aiutare. Alcuni di essi sono dotati di modelli di pagina predefiniti che è possibile importare nel sito.

Se il tuo tema non è di alcun aiuto, puoi utilizzare un plug-in di page builder per aggiungere modelli di pagina intera o blocco per colmare le lacune.

Ad esempio, supponiamo che tu stia usando Elementor e questo è ciò che vedi quando apri la tua nuova pagina:

Esempio di Home Page di Elementor

Per sostituire la pagina con un modello, fare clic sulla cartella per accedere ai modelli:

Modelli di cartelle elementari

Trova il modello che desideri utilizzare e fai clic su “Inserisci” per aggiungerlo alla pagina:

Inserisci modello elementare

Ecco come appare questo particolare esempio quando lo aggiungi alla pagina:

Modello di pagina elementare

Personalizza il layout
Supponiamo che ti piaccia il modello che hai importato, ma non sei soddisfatto di come si trova sulla pagina.

Nell’esempio sopra, ad esempio, vuoi eliminare il banner del titolo della pagina “Home” e la barra laterale. Non sarai in grado di farlo sulla pagina reale poiché non sono elementi che puoi trascinare e rilasciare in posizione.

Utilizza invece il widget Impostazioni (l’icona a forma di ingranaggio) nell’editor a sinistra:

Impostazioni della pagina elementare

Quando fai clic su “Nascondi titolo”, dovrebbe rimuovere la barra del titolo dalla parte superiore della pagina. Tuttavia, se hai intenzione di nascondere questa barra su ogni pagina del sito Web, è meglio configurare questa impostazione dal tema Personalizzatore. In questo modo, devi solo impostarlo una volta.

Per sfruttare meglio lo spazio sulla pagina, Elementor, in particolare, ti offre opzioni come “Fullwidth” e “Canvas” per allungare il design. Gioca con queste impostazioni per trovare il layout e il design più adatti alle tue esigenze.

Ancora una volta, puoi sempre tornare al Personalizzatore per modificare le impostazioni di temi predefinite di cui non sei soddisfatto.

Personalizza il contenuto
Una volta che sei soddisfatto del design della tua pagina, puoi personalizzare il contenuto. Ciò include tutto il testo e le immagini.

Per fare questo in qualsiasi editor – l’editor di blocchi di WordPress o un plug-in del generatore di pagine – basta fare clic sul blocco che si desidera personalizzare e aggiornarlo.

Modifica il contenuto di WordPress

Man mano che personalizzi i tuoi contenuti nell’editor, questi rifletteranno le modifiche nell’anteprima del tuo sito Web in tempo reale.

Lo stesso vale per l’aggiornamento dei media.

Modifica WordPress Media

Sia che sostituiate un’immagine o un video per conto vostro o aggiungiate qualcosa di completamente nuovo, avrete la possibilità di caricare file multimediali dal dispositivo o scegliere tra quelli già presenti nella libreria.

Inserisci media

Aggiungi nuovo contenuto
Se ritieni che manchi qualcosa nel tuo modello, non preoccuparti. È possibile aggiungere facilmente i propri blocchi a progetti predefiniti.

In un plug-in del generatore di pagine, cerca un segno più nella parte della pagina in cui desideri aggiungere un nuovo blocco:

Aggiungi nuovo blocco

Quindi, trova il tipo di blocco che desideri utilizzare e trascinalo nel nuovo spazio:

Trascina e rilascia blocco

L’editor di WordPress funziona in modo simile:

Blocchi dell'editor di WordPress

Trova il segno più per aggiungere un nuovo blocco o selezionane uno dal menu Blocchi in alto a sinistra. Fai clic su quello che desideri aggiungere, quindi inizia a personalizzare.

Aggiorna le impostazioni della pagina
Hai già visto il widget Yoast nella parte inferiore della pagina. Assicurati che se hai attivato quel plugin, configura quelle impostazioni prima di pubblicare la tua pagina.

Inoltre, assicurati di personalizzare le impostazioni “Documento” della tua pagina qui:

Impostazioni del documento WordPress

Puoi modificare:

  • Il permalink (il link specifico della pagina)
  • L’immagine in primo piano (ogni pagina dovrebbe averne uno in modo che i riepiloghi dei feed del blog e le promozioni sui social media abbiano sia un’immagine che una descrizione)
  • Categorie e tag (solo per post di blog)

Al termine della compilazione di tutti i dettagli pertinenti, fare clic sul pulsante “Anteprima” per rivedere il sito Web in una nuova finestra del browser.

Anteprima di WordPress

Ciò ti dà la possibilità di vedere la tua pagina web in tempo reale prima di pubblicarla (o qualsiasi modifica apportata a una pagina esistente).

Se sei soddisfatto, fai clic sul pulsante “Pubblica” e la tua pagina web verrà pubblicata.

Nota : la pagina non verrà ancora aggiunta al menu. Ti occuperai di questo prima che questo processo sia completato.

Risciacqua e ripeti
Ripeti questo processo fino a quando tutte le tue pagine web non sono state completate. Quando vengono pubblicati, puoi andare avanti.

Imposta la Home Page
Un’ultima cosa:

Desideri che la tua home page si trovi su https://nomedominio.com . Non in qualcosa come https://nomedominio.com/home .

Per risolvere questo problema, vai su Impostazioni> Lettura.

In “Viene visualizzata la tua home page”, seleziona “Una pagina statica”:

Impostazioni di lettura: imposta la home page

Ora puoi scegliere la Home page (e la pagina Blog, se ne hai creata una) dall’elenco delle pagine pubblicate.

Salva le tue modifiche. Questo imposterà la tua Home page come prima pagina del tuo sito Web e inizierà a popolare il Blog con tutti i post che scrivi.

Passaggio 7: compilare un modulo di contatto

Con le tue pagine chiave in atto, il passaggio successivo è aggiungere un modulo di contatto in modo che i visitatori e i potenziali clienti interessati possano mettersi in contatto.

Questo tutorial ti mostrerà come creare un modulo di contatto dall’inizio alla fine usando il plugin Contact Form 7 . Se hai un altro modulo di contatto su cui hai gli occhi, scorri fino alla fine del post per consigli.

Per quanto riguarda le migliori pratiche per l’aggiunta di un modulo di contatto personalizzato a WordPress, ecco alcune cose da tenere a mente:

Non nasconderlo.
Posizionare il modulo in una posizione facile da trovare. La tua pagina di contatto, sicuramente, ne ha bisogno. Puoi anche aggiungerne uno alla barra laterale del tuo blog o alla fine della home page.

Includi solo i campi che ti servono.
Al giorno d’oggi con tutti così in sintonia con le preoccupazioni sulla privacy sul Web, non vuoi andare a chiedere informazioni irrilevanti per i tuoi scopi.

Non dimenticare i messaggi di follow-up.
Dopo aver compilato il modulo di contatto, due persone riceveranno messaggi di follow-up.

La persona che ha compilato il modulo riceverà un messaggio di conferma. Di solito, appare al posto del modulo dopo che è stato inviato.

Per impostazione predefinita, il modulo invierà messaggi pre-scritti all’utente:

Messaggi del modulo di contatto

Sentiti libero di dare un tocco personale personalizzando i tuoi messaggi.

Non dimenticare il messaggio che ricevi come follow-up. Il tuo verrà via e-mail:

Modulo di contatto Email

Una riga dell’oggetto come “Nome dominio” [Riga oggetto dell’utente] “” non è eccezionale e potrebbe inviare e-mail del modulo di contatto direttamente allo spam. Se desideri ricevere questi invii di moduli di contatto senza errori, personalizza i dettagli nella riga dell’oggetto e il corpo del messaggio.

Dopo aver incorporato il modulo di contatto, visita il tuo sito Web e compila tu stesso. Assicurati che tutto funzioni come previsto, soprattutto se imposti i campi obbligatori. Quindi, controlla i messaggi di follow-up sul sito e nella tua casella di posta elettronica per assicurarti che tutto vada bene.

Passaggio 8: Aggiungi widget

Quando hai lavorato in precedenza con le tue impostazioni di personalizzazione, potresti aver notato che c’era una sezione per “Piè di pagina” o “Widget”.

Al momento, ti abbiamo chiesto di lasciarli soli. Questo perché non ha molto senso riempire questi piccoli blocchi di contenuti fino a quando non avrai messo insieme il resto dei pezzi del tuo sito web.

Per quanto riguarda i widget, pensali come i blocchi per varie sezioni del tuo sito web. Principalmente, i widget vanno nel piè di pagina, nella barra laterale e talvolta nella home page.

Anche se potresti tornare a Personalizza per configurare il tuo piè di pagina, la soluzione migliore è fare tutto il lavoro in Aspetto> Widget:

Widget di WordPress

In questo modo, puoi affrontare tutti i tuoi widget contemporaneamente. Inoltre, hai una visione molto più chiara di che tipo di spazi widget sono disponibili sul tuo sito Web da riempire (questo differirà da tema a tema, tra l’altro).

Sul lato sinistro dello schermo ci sono i tuoi widget disponibili:

widget

Sul lato destro dello schermo sono disponibili i posizionamenti dei widget:

Posizionamenti dei widget

Il tuo tema potrebbe aver già precompilato alcuni di questi widget con contenuti (di solito, questo è il caso del piè di pagina).

Rivedi uno dei widget attualmente presenti. Se sei felice, tienili dove sono.

Se desideri personalizzare l’ordine in cui vengono visualizzati, ad esempio spostando un elenco di post recenti sopra la barra di ricerca, trascina e rilascia il blocco widget nel punto in cui desideri che appaia.

E se vuoi personalizzare il contenuto del widget, fai clic sul blocco:

Modifica widget

In questo esempio, puoi aggiungere o modificare il titolo che appare sopra l’elenco Post recenti. Puoi anche aggiornare quanti post verranno mostrati alla volta. Se lo desideri, puoi anche aggiungere la data di pubblicazione.

Ora, non è necessario riempire nessuno di questi widget se non si desidera. Tuttavia, se vuoi sfruttare questo spazio extra che ti offre WordPress, prenditi cura di riempire tutti i tuoi widget prima di procedere.

Passaggio 9: impostare il menu

Ora che tutti i tuoi contenuti sono a posto, devi solo creare un menu di navigazione per mostrarlo.

Lo troverai in Aspetto> Menu:

Menu WordPress

In questa pagina, puoi creare tutti i menu di cui il tuo sito Web ha bisogno. Per la maggior parte di voi, ne avrete bisogno solo uno.

Assegna un nome al menu

Non è necessario complicare eccessivamente questo dato che sei l’unico che vedrà il nome del menu. Chiamalo semplicemente come “Menu principale”.

Crea menu

Quindi, fai clic su “Crea menu”.

Scegli il posizionamento del menu

Quindi, indica dove vuoi che vada il menu.

Posizionamento del menu

Se crei un menu per il piè di pagina (che è raro) o uno diverso per il cellulare (che potresti decidere di fare in futuro), lo configurerai qui. Per ora, basta scegliere “Principale”.

Mantieni deselezionata l’opzione “Aggiungi automaticamente nuove pagine di livello superiore a questo menu”. Anche se automatizzi quel pezzo, dovrai comunque tornare a questa pagina per aggiornare l’ordine. Potresti anche aspettare di posizionare una pagina nel menu quando puoi scegliere il posto giusto per essa.

Aggiungi pagine al menu

Per aggiungere le tue pagine al menu, fai clic sulle caselle di controllo accanto a loro. Quindi, fai clic su “Aggiungi al menu”.

Aggiungi pagine al menu

Puoi aggiungere anche più di semplici pagine. Se hai post sul blog, categorie, prodotti o altri link che desideri aggiungere, fallo qui.

Le tue pagine atterreranno qui:

Personalizza la struttura del menu

Per modificare l’ordine in cui vengono visualizzati, trascinarli e rilasciarli in posizione:

Trascina il menu a discesa

Se vuoi che tutte le tue pagine appaiano nel livello più alto della tua navigazione, assicurati che siano allineate a sinistra. Per creare sottopagine per pagine di livello superiore, rilasciarle sotto con un rientro come questo:

Trascina menu secondario

Personalizza menu e pagine

Una volta che le tue pagine sono a posto, apri ognuna e assicurati che tutte le impostazioni siano personalizzate a tuo piacimento.

Personalizzazione del menu

Puoi:

  • Cambia il nome della pagina.
  • Disabilitare il collegamento se non si desidera fare clic sul livello principale.
  • Abilita un megamenu se desideri posizionare un menu di grandi dimensioni con più livelli sotto un singolo nome di pagina.

Per la maggior parte, probabilmente non sarà necessario regolare queste impostazioni. Tuttavia, è bene sapere che sono qui nel caso in cui lo fai. Qui puoi anche rimuovere le pagine dal tuo menu.

Passaggio 10: connettiti a Google

Una volta che il tuo sito Web è stato creato e personalizzato a tuo piacimento, c’è un’ultima cosa da fare: collegalo a Google.

Imposta Google Analytics

Con o senza una connessione a Google Analytics , Google e altri motori di ricerca saranno ancora in grado di eseguire la scansione e l’indicizzazione del tuo sito Web. Ciò che guadagni, quindi, è la capacità di vedere che tipo di dati Google ha raccolto dal tuo sito Web in relazione al traffico e alle prestazioni.

Questo tutorial ti guiderà attraverso i passaggi per creare un account Google Analytics e quindi collegarlo al tuo sito Web . Puoi farlo con l’aiuto di un plugin WordPress o puoi farlo manualmente con il codice.

Una volta che Google Analytics è pronto per l’uso, sarai in grado di monitorare i modelli di traffico del tuo sito Web e prendere decisioni basate sui dati sul futuro del design, del contenuto, dello scopo del tuo sito Web e così via.

statistiche di Google

Questo non è l’unico strumento Google a cui dovrebbe essere collegato il tuo sito Web.

Imposta Google Search Console

Google Analytics ti fornisce dati su come i visitatori interagiscono con il tuo sito web. Google Search Console , d’altra parte, ti fornisce dati su come i visitatori incontrano il tuo sito Web ovunque sul Web.

Se hai già un account Google Analytics, configurare Search Console è semplice.
Il prossimo passo è connettere Google Search Console.

Google Search Console

Vai al sito Web di Search Console e fai clic su “Avvia ora”. Ti guiderà attraverso la procedura di configurazione rapida e ti chiederà di verificare la proprietà dell’account utilizzando una serie di opzioni. Google Analytics è uno dei modi più semplici per farlo, quindi scegli questa opzione se preferisci.

Verifica per i webmaster di Google

È anche importante stabilire questa connessione dal lato di Google Analytics. Questa impostazione è disponibile in Ammin.> Proprietà> Impostazioni proprietà:

Google Analytics - Google Search Console

Dovresti vedere il tuo account Search Console elencato come opzione. Selezionalo e collegalo a Google Analytics in modo da poter iniziare a inserire alcuni dei dati di ricerca nel rapporto di acquisizione:

Rapporto di acquisizione di Google Analytics

Oppure puoi sempre accedere alla stessa Google Search Console per ottenere informazioni più approfondite su ciò che sta accadendo con il tuo sito Web nella ricerca:

Dashboard di Google Search Console

Puoi imparare cose come:

  • Quanti clic e visualizzazioni il tuo sito Web e ogni singola pagina ottengono su Google, nelle ricerche su Web, immagini e video.
  • Quanti clic e visualizzazioni provengono dagli utenti su desktop, tablet e dispositivi mobili.
  • Qual è il ranking medio per le pagine del tuo sito.
  • Quali sono le principali query di ricerca per il tuo sito web.
  • Che tipo di problemi di usabilità mobile, sicurezza o velocità ha il tuo sito Web (se presente).
  • Quali siti Web hanno il maggior numero di collegamenti che puntano al tuo sito Web.
  • Quanto bene stai gestendo i collegamenti interni all’interno del tuo sito.

Se impieghi del tempo per conoscere Google Search Console, sarai in grado di perfezionare la tua strategia di ottimizzazione della ricerca in WordPress (e oltre) per una migliore visualizzazione nei risultati di ricerca.

Invia le tue Sitemap a Google

L’ultima cosa da fare con Google Search Console è caricare le tue Sitemap. In questo modo, puoi creare un collegamento diretto tra WordPress e Google, dicendo a Google dove trovare i contenuti sul tuo sito web.

Una delle cose belle dell’utilizzo del plug-in Yoast SEO è che le tue Sitemap XML vengono generate automaticamente. Puoi trovare un link ad essi in Generale> Funzionalità:

Sitemap XML Yoast

Fai clic sul punto interrogativo per ottenere il link alle tue Sitemap. Ora puoi tornare a Google Search Console.

Apri la scheda Sitemap:

Aggiungi una Sitemap

Per ogni link della Sitemap, ottenuto dal tuo sito Web WordPress, inseriscilo nella barra “Aggiungi una nuova Sitemap”. Google Search Console elaborerà quindi la Sitemap e tutti i collegamenti alle pagine al suo interno. La prossima volta che i robot di Google si avvicinano alla scansione del Web, le pagine del tuo sito verranno raccolte.

Poiché la tua Sitemap si aggiorna automaticamente ogni volta che aggiungi nuovi contenuti al tuo sito, non dovrai preoccuparti che Google perda importanti aggiornamenti poiché ora ha la tua Sitemap in Search Console.

Incartare

Una delle grandi cose sulla costruzione di un sito Web con WordPress è che hai il controllo totale su come lo costruisci e su quanta personalizzazione va in esso. Come puoi vedere, c’è molto da personalizzare in WordPress, dal tuo tema al layout della navigazione. Puoi persino personalizzare come e dove ti vengono presentati i tuoi dati sul traffico di Google.

In conclusione: se hai intenzione di scegliere di utilizzare WordPress, approfitta di tutto ciò che ha da offrire. C’è così tanto che puoi fare con questo sistema di gestione dei contenuti per creare un sito Web unico e potente che hai sempre desiderato.