Cerca

Come ottenere traffico web garantito eseguendo il Reverse Engineering dei contenuti di successo

Migliaia di blogger in tutto il mondo sono colpevoli di fare lo stesso errore mortale.

… un errore che deraglia la crescita della maggior parte dei blog prima che abbiano avuto la possibilità di raggiungere il loro pieno potenziale.

In effetti, c’è una grande possibilità che tu sia colpevole di fare anche questo errore. 

Non è una brutta cosa – ho fatto lo stesso errore.

Riesci a indovinare come si chiama questo errore?

Originalità .

La creazione di contenuti altamente originali suona alla grande. Crei qualcosa di creativo e originale. Quindi, le persone ti ricompenseranno con condivisioni e collegamenti.

Almeno questo è quello che sembra sulla carta.

In verità, se crei solo contenuti originali, la maggior parte dei tuoi sforzi fallirà. Trascorrerai troppo tempo (e denaro) nella creazione di contenuti senza alcuna garanzia di successo.

La soluzione? Ingegnere inverso che cosa sta già funzionando e renderlo ancora migliore.

In questo post, ti mostrerò esattamente come.

Iniziamo:

Iscriviti alla procedura guidata di blog

La regola 80/20 della creazione di contenuti

La regola 80/20 (o Principio di Pareto) è vera per la maggior parte delle cose, inclusa la creazione di contenuti.

È una regola semplice:

L’80% dei tuoi contenuti dovrebbe essere basato su contenuti già riusciti. Il restante 20% dovrebbe essere pezzi originali.

Nota: è possibile modificarlo leggermente in base alla fase di crescita del blog. I contenuti originali possono essere più efficaci una volta che hai un pubblico più vasto. Ma è un buon punto di partenza.

Ad esempio, se sai che i lunghi post basati su elenchi sembrano andare bene per i tuoi concorrenti, il tuo prossimo articolo dovrebbe avere uno stile e una struttura simili.

Dopo aver pubblicato quattro di questi tipi di post, puoi aggiungere un articolo originale su un problema controverso nella tua nicchia .

Affinché il processo di reverse engineering abbia esito positivo, è necessario seguire 3 passaggi:

  • Scopri quali contenuti funzionano già nella tua nicchia
  • Analizza il contenuto per scoprire cosa lo rende efficace
  • Usa questi risultati per ispirare il tuo contenuto

Ora, approfondiamo ciascuno di questi tre passaggi:

Passaggio n. 1: scopri quali contenuti hanno già successo nella tua nicchia

Il primo passo nel processo di reverse engineering è trovare contenuti già efficaci su cui modellare i tuoi post.

Ci sono quattro tattiche che puoi usare:

1. Il metodo dei social media

Questo è abbastanza ovvio: tutto ciò che ottiene molte condivisioni sui social media ti dà una buona base su cui basare i tuoi contenuti.

Un modo semplice e veloce per farlo è usare uno strumento come Buzzsumo .

Ad esempio, se stavi scrivendo un articolo sulla “gestione del tempo”, puoi cercare questa parola chiave in Buzzsumo e vedere i contenuti con le migliori prestazioni su diversi social network.

Puoi anche taggare ogni post in diverse categorie, in questo modo:

01 Contrassegna ogni post in diverse categorie

Questo ti dice due cose:

  • Che tipo di articoli e titoli fanno bene sui social media
  • La migliore piattaforma social per distribuire diversi tipi di contenuti

Guardando l’esempio sopra, puoi vedere che le infografiche e gli elenchi funzionano entrambi bene. Ma gli elenchi funzionano meglio su Facebook e Twitter, mentre le infografiche funzionano meglio su Pinterest.

Se hai un concorrente specifico che sta particolarmente bene sui social media, puoi collegare il suo dominio anche a Buzzsumo per vedere i loro contenuti più performanti.

Ad esempio, questo è il contenuto con le migliori prestazioni di Buffer, suddiviso in diversi post-tipi:

02 Buffer contenuti con le migliori prestazioni

Questa visione è ideale perché possiamo vedere i singoli titoli e consultare gli articoli. Tuttavia, è possibile fare clic sulla scheda Analizzatore per ottenere un rapporto visivo.

Una sezione del rapporto ti fornirà una panoramica del coinvolgimento medio per tipo di contenuto e una ripartizione delle reti che ottengono il maggior numero di condivisioni:

03 Panoramica dell'impegno medio per tipo di contenuto

Puoi anche aggiungere siti concorrenti per vedere come si confrontano.

2. Il metodo del motore di ricerca

Questo metodo è semplice: cerca le tue parole chiave target e vedi quale contenuto è in cima alle SERP.

Ad esempio, se la tua parola chiave target era “tattiche di marketing”, ecco cosa potrebbe dirti Google :

04 Tattiche di marketing Esempio di Google

Nota: Google potrebbe mostrarti qualcosa di diverso perché i risultati della ricerca sono personalizzati in base a vari fattori come la posizione. 

Tieni traccia dei risultati per diverse parole chiave in un foglio di Google separato per future sessioni di pianificazione.

Ecco cosa devi tenere traccia:

  • La parola chiave
  • Titolo + tipo di post (primo risultato)
  • Titolo + tipo di post (2 ° risultato)
  • Titolo + tipo di post (3 ° risultato)

3. Il metodo Reddit

Reddit è uno dei siti Web più popolari negli Stati Uniti e la cosiddetta “prima pagina di Internet”.

Reddit non è solo una grande fonte di traffico, ma è anche un’ottima piattaforma per condurre ricerche sui contenuti.

Inizia cercando la tua parola chiave usando la funzione di ricerca di Reddit. Ad esempio, se stavi scrivendo di “tattiche di marketing”, la ricerca di questa parola chiave ti mostrerebbe un sacco di sub-Reddit per il marketing …

05 Tattiche di marketing Esempio di Reddit

… e un sacco di post relativi a “tattiche di marketing”.

All’interno di questo elenco di post relativi alle tattiche di marketing, troverai sicuramente alcune idee di contenuti utili.

Puoi anche visitare alcuni dei sotto-Reddit consigliati e ordinare in base ai post “In alto” e regolare il filtro data entro l’ultimo mese / anno. 

4. Il metodo della piattaforma di nicchia

Questo non si applica a tutti i settori, ma un ottimo modo per trovare i migliori contenuti è quello di esplorare le piattaforme di condivisione specifiche del settore.

Ad esempio, i marketer hanno artisti del calibro di GrowthHackers.com.

Solo guardando la loro pagina di post, possiamo vedere che tipo di contenuto funziona bene nello spazio di marketing:

06 Quali contenuti funzionano bene

Nel campo della tecnologia, il tuo sito di condivisione di nicchia di riferimento sarebbe Hacker News. Vai ai link “Best of” di Hacker News per vedere i contenuti più performanti: 

07 Hack Nuovo best of links

Ecco un sacco di altre piattaforme di condivisione di nicchia:

Se questi non si allineano con la tua nicchia, assicurati di controllare aggregatori di contenuti come AllTop e Flipboard .

E assicurati di creare un foglio di calcolo separato per raccogliere tutti i contenuti principali che trovi.

Passaggio 2: capire cosa rende ogni pezzo di contenuto di successo

Questa è la parte difficile: capire cosa fa funzionare ogni contenuto. 

Ci sono tre cose chiave che dovresti guardare qui:

1. Il titolo

Probabilmente sai già che i titoli sono molto importanti.

Secondo il leggendario copywriter, David Ogilvy : “5 volte più persone leggono il titolo che leggere la copia del corpo”.

L’analisi dei titoli utilizzati dai tuoi contenuti più performanti può darti un mondo di intuizioni su ciò che li rende tick.

Ad esempio, diamo un’altra occhiata ai contenuti più performanti su GrowthHackers.com (meno l’AMA in alto):

08 Contenuti con le migliori prestazioni su GrowthHackers

Puoi capire perché funzionano:

  • Il quarto post mostra immediatamente ciò che i lettori impareranno ed è supportato da “The 3x Founder” che stabilisce la credibilità.
  • Il penultimo post crea curiosità condividendo un’affermazione che vola di fronte a ciò che la maggior parte della gente crede.

Ecco alcune domande da porsi quando analizzi un titolo: 

Il titolo usa curiosità o iperbole?

Iperbole, curiosità, confessioni … queste sono tutte armi che gli scrittori possono usare per catturare i lettori.

Hai visto questi titoli su tutti i social media – titoli che promettono di mostrarti cose “non ci crederai” o di svelare i “segreti di …” qualcosa.

Ecco alcune cose da considerare:

  • Incuriosisci – Il tuo titolo dovrebbe lasciare una domanda senza risposta. Ad esempio, invece di fare una dichiarazione, puoi capovolgere il titolo in una domanda.
  • Trova il giusto equilibrio dell’iperbole – Alcuni titoli richiedono un certo livello di iperbole per funzionare ma non esagerare. Il titolo è una promessa e il contenuto deve essere consegnato.

Il titolo utilizza numeri?

I titoli con numeri tendono ad avere risultati migliori di quelli che non lo fanno.

Ad esempio: “6 modi per trovare [vuoto]” e “10 ricette per [vuoto]”, ecc.

Questi titoli funzionano perché danno ai lettori un’idea ferma di cosa aspettarsi dall’articolo. I titoli basati su elenchi sono anche facili da leggere visivamente.

E, gli articoli più performanti di Buzzfeed su Facebook di solito ne hanno un numero. Non importa se il numero è basso (es. “18 foto che non daranno senso alle famiglie senza sorelle”) o estremamente alto (“61 migliori meme dell’insegnante”) – l’effetto sembra essere simile.

I listini non si comportano solo bene sui social media, ma funzionano bene anche nella ricerca organica.

Ecco un esempio: durante la ricerca di “tecniche SEO”, 4 dei 5 risultati migliori sono elenchi.

09 Listini risultati tecniche SEO

E lo stesso vale per molti altri termini di ricerca. 

Il titolo usa qualche parola di potere?

Parole come “strabiliante”, “segreto”, “vietato” sono chiamate parole di potere . Sono parole che ti saltano addosso perché non sono usate nei discorsi di tutti i giorni. 

(Seriamente: chiediti: quando è stata l’ultima volta che hai usato la parola “segreto” con i tuoi amici?)

La maggior parte dei titoli più performanti usa parole potenti come queste per attirare l’attenzione.

Siti come Upworthy.com usano spesso parole di potere nei titoli. Ecco un esempio:

10 parole di potere nei titoli

Le parole ” ossessivamente belle ” attirano immediatamente l’attenzione del lettore e suscitano forti emozioni. La musica non è solo bella, è indimenticabilmente bello.

Quindi, analizza i titoli utilizzati dagli articoli di successo che hai scoperto nel passaggio n. 1. È quindi possibile iniziare a utilizzare questi dati nei propri contenuti.

Il che ci porta al prossimo pezzo del puzzle: il contenuto .

2. Contenuto

Questa è la carne e le patate di qualsiasi post di successo. Certo, un ottimo titolo attirerà le persone sul tuo sito Web, ma a meno che non sia supportato da contenuti solidi, non ti guadagnerà alcun favore con i lettori.

Ecco alcune domande che dovresti porre durante l’analisi dei contenuti dal passaggio 1:

Quanto dura il contenuto?

Probabilmente hai visto studi che mostrano una correlazione positiva tra lunghezza dei contenuti e SEO, come questo da serpIQ (la fonte non è più attiva):

11 correlazione serpIQ

E studi che mostrano una correlazione tra lunghezza dei contenuti e condivisioni social totali :

12 Correlazione tra lunghezza del contenuto e condivisioni social totali

Al fine di determinare la lunghezza ideale di un post sul blog, Medium ha condotto uno studio in cui ha misurato i contenuti che funzionano meglio in base all’attenzione del lettore e non ai clic.

Hanno capito che la lunghezza ideale di un post sul blog è di 7 minuti o 1.600 parole.

13 Lunghezza ideale della posta

La lunghezza del contenuto ti dice se l’autore è andato in profondità in un pezzo di se ha appena sfiorato la superficie.

Questo è un punto importante da capire quando decodifichi contenuti di successo.

Nota: solo perché uno studio afferma che il contenuto di lunga durata è migliore, non significa che lo sia. Questi sono studi di correlazione e la correlazione non equivale sempre alla causalità. Quindi, assicurati di considerare l’intento dell’utente (o l’ intento di ricerca nel caso del SEO) quando valuti la lunghezza del contenuto. In genere, il contenuto deve essere lungo quanto è necessario per trasmettere il messaggio.

Il contenuto è altamente visivo?

Secondo Visual Learning Alliance, gli elementi visivi vengono elaborati 60.000 volte più velocemente nel cervello.

Lo sappiamo:

Il modo in cui un contenuto utilizza la grafica ha spesso un ruolo importante da svolgere nel suo successo.

Un paio di cose che dovresti cercare:

1. Immagini

Le immagini in qualsiasi post svolgono tre funzioni:

  • Illustrativo: mostrano al lettore ciò che il post sta cercando di dire.
  • Strutturale: le immagini ti aiutano a strutturare e organizzare il contenuto.
  • Emozionale: le immagini riflettono e amplificano le emozioni in qualsiasi contenuto.

Idealmente, vuoi usare le immagini sia per mostrare (e non solo raccontare) i tuoi lettori, sia per organizzare i tuoi contenuti.

Ad esempio, uno degli articoli più performanti di Gizmodo utilizza le immagini per mostrare come appare qualcosa :

14 articoli Gizmodos con le migliori prestazioni utilizzano immagini

Considerando che Backlinko utilizza le immagini non solo per mostrarti come appare qualcosa, ma anche per organizzare il contenuto in blocchi digeribili:

15 Backlinko organizza i contenuti in blocchi

Le immagini sono anche un ottimo modo per trasmettere le emozioni che vuoi che i tuoi lettori provino. Vedere un’immagine di una persona felice ci rende felici e un’immagine triste ci rende tristi. Usalo a tuo vantaggio usando le immagini appropriate.

Questa è una tattica spesso usata nelle landing page , ma funziona altrettanto bene nei post del blog.

Ad esempio, in questo articolo su “bugie del content marketing”, Joel Klettke illustra la sua emozione con un’immagine:

16 bugie di marketing dei contenuti di Joel Klettke

2. Video

Da qualche tempo, il video è stato considerato il futuro del content marketing. E, uno studio di Moz mostra che i video ricevono quasi il 300 percento in più di link in entrata.

Personalmente, preferisco il contenuto scritto al video ma non c’è dubbio che il video sia uno dei migliori tipi di contenuto da usare.

I video funzionano meglio quando è necessario mostrare una soluzione a un problema. Puoi aggiungere vari tipi di video alla tua piattaforma; how-to video, video Explainer animati , dimostrazioni o le testimonianze dei clienti .

Ad esempio, REI vende attrezzature per esterni. Realizzano video dimostrativi per i loro clienti come questo su come mettere in valigia uno zaino :

17 Come video

Nota: come abbiamo discusso in precedenza, la maggior parte delle persone sono studenti visivi. Questo è uno dei fattori che rendono i video così potenti. Ma quando i video sono strutturati come video in stile “parlante”, questo è apprendimento udibile, non apprendimento visivo. Quindi, se consideri questo stile di video, considera di includere alcuni elementi visivi per trasmettere il tuo messaggio in modo più efficace agli studenti visivi.

3. GIF

Jim Carrey Good Call Gif
Fonte: Gighy

Le GIF catturano l’attenzione dell’utente come nessun altro contenuto visivo. L’uso delle GIF è salito alle stelle negli ultimi anni.

Google Trends da oltre 15 anni
Fonte: Google Trends

Non si limitano più a Reddit o ai social media. Aziende di miliardi di dollari come Buzzfeed utilizzano le GIF nei loro contenuti …

19 Buzzfeed utilizza GIF nel loro contenuto

Anche gli editori vincitori del premio Pulitzer come il Washington Post stanno entrando nella tendenza e lo sono da anni:

20 Washington Post utilizza GIF

Quando analizzi il contenuto, questa è un’altra cosa di cui dovresti prendere nota. 

Il che ci porta al punto successivo: la leggibilità.

Quanto è leggibile il contenuto?

Non abbiamo bisogno di uno studio per dirci che le persone preferiscono le frasi scritte in modo chiaro e semplice.

La leggibilità gioca un ruolo importante nel successo di qualsiasi contenuto. Come vedrai più volte, il contenuto con frasi brevi, semplici strutture di paragrafi e un chiaro stile di scrittura supera costantemente i contenuti complessi e occupati.

Ad esempio, sul mio blog personale , raramente pubblico contenuti visivi e tuttavia il contenuto è ancora molto leggibile e organizzato:

21 Esempio di post sul blog di Adam Connell

Quindi, assicurati di considerare questo quando analizzi (e crei il tuo) contenuto.

In una nota correlata, se hai bisogno di aiuto con questo tipo di cose, assicurati di leggere il nostro articolo su come formattare i post del blog .

Questo ci porta al terzo, e probabilmente, l’elemento più importante nel successo di qualsiasi contenuto: la distribuzione.

3. La distribuzione

La distribuzione è la chiave per il successo di qualsiasi contenuto che pubblichi. Basta premere il pulsante di pubblicazione e rilasciare un singolo tweet non sarà sufficiente. Non importa quanto siano buoni i tuoi contenuti.

Devi raggiungere il pubblico giusto.

Per capire in che modo il contenuto di successo raggiunge il suo pubblico, devi capire quali canali di distribuzione sfrutta.

Lascia che ti mostri come fare questo con un esempio.

Scorrendo il post di Copyblogger su ” SEO per i moderni marketer di contenuti “, possiamo vedere i suoi canali di distribuzione ponendo queste domande:

Quante condivisioni social hanno ottenuto il contenuto (e da quale canale)?

La ricerca dell’articolo su Buzzsumo fornisce il numero totale di condivisioni sui social media.

22 Buzzsumo numero totale di condivisioni sui social media

Questo post ha un totale di 2.400 condivisioni con la maggior parte delle condivisioni provenienti da Facebook e Twitter. Questo ci dice all’incirca dove il loro target di riferimento è più attivo.

Come nota a margine, immagino che un segmento centrale del loro pubblico di destinazione sia su LinkedIn ma i conteggi delle condivisioni per quella piattaforma non sono disponibili da quando l’API è stata chiusa.

Che tipo di social media segue il sito Web?

Capire il seguito sociale di un editore può darti un’idea dei canali social su cui concentrarti.

È evidente guardando Twitter di Copyblogger dopo aver concentrato i loro sforzi di marketing su Twitter.

23 Copyblogger twitter

Con la loro pagina Facebook che arriva a circa 35.000 follower.

Quanti backlink ha il contenuto?

Ora è il momento di aprire il tuo analizzatore di backlink preferito per avere un’idea di quanto sia forte l’impronta SEO che ha.

Ecco cosa ottengo quando incollo l’URL in SEMrush :

24 risultati di dati SEMrush

Possiamo anche fare un ulteriore passo avanti utilizzando la funzione di ricerca organica SEMrush. Questo ci dirà quali parole chiave posiziona la pagina nel tempo, volume di ricerca, URL concorrenti e altro.

25 SEMrush organizza la funzione di ricerca

Nota: avere accesso a una piattaforma di ricerca della concorrenza come SEMrush può fornire molte informazioni utili per la ricerca di contenuti, a lungo con un sacco di strumenti extra per aumentare la tua strategia di contenuti. Fai clic qui per provare SEMrush gratuitamente .

Su quali altre piattaforme il sito distribuisce i suoi contenuti?

Assicurati di analizzare dove questi siti Web stanno distribuendo i loro contenuti oltre alle popolari piattaforme di social media.

Ad esempio, puoi controllare Reddit andando su “reddit.com/domain/[websitename.com]”

Vale anche la pena di visitare qualsiasi piattaforma di social bookmarking di nicchia per vedere come il sito Web si comporta lì. Ad esempio, poiché Copyblogger copre contenuti di marketing, potremmo esaminare piattaforme come Growthhackers.com.

Anche la valutazione delle menzioni dei media sul sito Web è fondamentale per comprenderne il successo. Verifica se il contenuto è collegato o citato da un blog tradizionale o da un punto vendita o se è stato condiviso da influencer.

Possiamo farlo facilmente scavando nei backlink mostrati in SEMrush :

26 backlink SEMrush

Fare tutte queste domande ti aiuterà a capire cosa ha reso il contenuto di successo. Una volta che lo sai, puoi decodificare il titolo, il contenuto e la distribuzione per ottenere un successo simile.

Passaggio 3: analizza il contenuto e crea qualcosa di meglio

Ormai, dovresti avere una buona idea di ciò che rende ogni post della tua lista originale di successo.

Mi piace tenere aperto un foglio di calcolo con i dati chiave su ogni post. Includo titoli come:

  • URL dell’articolo
  • Titolo
  • Analisi del titolo (parole di potere + struttura come come fare)
  • Lunghezza
  • leggibilità
  • Oggetti visivi utilizzati
  • La migliore piattaforma sociale
  • ritroso
  • Domini di riferimento
  • Top media mentions

Questa informazione mi faciliterebbe la creazione di un post sul blog su un argomento diverso. 

Saprei quali strutture principali funzionano, su quali tipi di elementi visivi funzionano bene, su quali social network focalizzare l’attenzione e quali siti multimediali utilizzare a fini di sensibilizzazione .

In questo modo, posso decodificare i contenuti di successo e quasi garantire il successo dei miei contenuti, invece di adottare l’approccio “spray and pray”.

Iscriviti alla procedura guidata di blog

Avvolgendolo (e le chiavi da asporto …)

Abbiamo coperto molto terreno, quindi ora diamo un’occhiata ad alcuni punti chiave e una nota importante su come procedere.

  • Tutti amiamo i contenuti originali ma non sempre pagano. Il modo migliore per avere successo è trovare ciò che già funziona, quindi utilizzare la sua struttura, stile e tono per ispirare il contenuto su un argomento diverso.
  • I contenuti originali funzionano al meglio quando hai un pubblico consolidato. Se hai appena iniziato, pubblica tipi di contenuti e argomenti comprovati con il tuo tocco unico.
  • Utilizza i social media, la ricerca di Google e le piattaforme di condivisione di nicchia per trovare contenuti che hanno già successo.
  • Esegui il drill-down in ogni contenuto per vedere cosa lo spunta. Ciò include concentrarsi su titoli, stile / lunghezza dei contenuti, canali di distribuzione e altro ancora.
  • Usa i dati di questa analisi per creare contenuti comprovati che funzionano sempre.

E, come ho detto prima, segui la regola 80/20 per assicurarti di essere in grado di sperimentare nuovi approcci ai contenuti.

Il contenuto originale a volte paga. A volte no. È una scommessa.

Ricorda: potrebbe essere necessario modificare la regola 80/20 man mano che il tuo pubblico cresce. Non aver paura di sperimentare la tua strategia di contenuti per trovare ciò che funziona meglio per il tuo pubblico.

Ora è il momento di prendere ciò che hai imparato e iniziare a implementare.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close