Cerca

Come fare un Audit al SEO del tuo sito Web e fare crescere rapidamente il tuo traffico

Tempo di lettura: 38 minuti

L’importanza dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) nel 2020 è più forte che mai poiché Google elabora oltre 40.000 query di ricerca ogni secondo , offrendo l’opportunità alla tua organizzazione di essere scoperta dai clienti giusti.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Gli sforzi SEO possono aiutare la tua azienda a migliorare le classifiche di ricerca, il traffico web e la generazione di lead. Secondo il rapporto sullo stato del marketing di HubSpot , il 64% degli esperti di marketing investe attivamente nella SEO e il 55% afferma che la SEO è molto importante o estremamente importante per la strategia di marketing complessiva.

Con un ecosistema in costante evoluzione di diverse piattaforme che influiscono sulla ricerca, nonché i continui aggiornamenti degli algoritmi di ciascun motore di ricerca, è difficile mantenere un vantaggio competitivo con la SEO.

Il primo passo per comprendere i progressi della tua azienda con la SEO consiste nell’eseguire un audit SEO per identificare sistematicamente i suoi punti di forza, debolezza e aree di miglioramento per il futuro.

Questa guida illustra come eseguire un audit SEO per qualsiasi sito Web utilizzando l’approccio a cinque pilastri di Digital Current.

I passaggi per il controllo SEO del tuo sito web

  1. Scansiona il tuo sito 
  2. Identifica i tuoi obiettivi
  3. Installa Google Analytics e Google Search Console 
  4. Esegui un test di velocità
  5. Controlla la tua Sitemap XML
  6. Esegui un test ottimizzato per dispositivi mobili
  7. Analizza la tua sicurezza 
  8. Fai l’inventario dei tuoi contenuti
  9. Raccogli le opinioni dei clienti
  10. Verifica la presenza di contenuti duplicati 
  11. Determina l’indicabilità del tuo sito web
  12. Definire una strategia per parole chiave 
  13. Controlla il tuo profilo di backlink 
  14. Analizza citazioni locali
  15. Rivedi i social media 

 

Inizia a gattonare

Prima di iniziare il processo a cinque pilastri per un audit SEO, è essenziale eseguire prima la scansione del sito Web per iniziare a raccogliere dati per analizzare e comprendere meglio i progressi del sito.

La scansione è il processo di utilizzo di uno strumento per rivedere le pagine che compongono un determinato sito Web per mappare il sito, comprendere gli argomenti trattati, identificare eventuali problemi e altro ancora.

 Il software di scansione di terze parti fornisce un rapporto dettagliato del contenuto di un sito per fornire informazioni su come i motori di ricerca potrebbero visualizzare lo stesso sito.

Nessun crawler di terze parti sarà accurato al 100% rispetto ai robot di un motore di ricerca, ma questi strumenti forniscono un’approssimazione abbastanza forte dell’avanzamento di un sito.

Screaming Frog ha una versione gratuita che fornisce una buona visione dello stato di avanzamento del tuo sito web.

Screaming Frog aiuta i proprietari di siti Web:

  • Trova collegamenti interrotti
  • Scopri contenuti duplicati
  • Genera una Sitemap XML
  • Rileva reindirizzamenti temporanei e permanenti
  • Raccogliere dati dall’HTML su una pagina Web
  • Esamina gli URL bloccati da robots.txt 
  • Analizza i tag del titolo e le meta descrizioni sulle tue pagine
  • Integrazione con Google Analytics per abbinare le pagine di destinazione a una scansione

È possibile eseguire la scansione di un massimo di 500 URL sulla versione gratuita del software, ma se il tuo sito Web è più grande, considera l’acquisto della versione pro di Screaming Frog per circa $ 165 all’anno.

Per iniziare, scarica il programma, inserisci l’URL della home page del tuo sito Web nel campo vuoto che dice Enter URL to Spider, quindi premi Start.

Screenshot di Screaming Frog

Esporta il rapporto completo in Excel per poterlo personalizzare in seguito al completamento del controllo.

Lasciare aperto il report sul sito Web all’interno del software poiché lo rivedremo più avanti nel corso dell’audit.

Pilastro 1: conversione

L’obiettivo principale delle tue campagne SEO dovrebbe essere quello di generare conversioni. Una conversione è l’atto di guidare l’azione di una persona che visita un sito Web, sia che si tratti di aumentare le vendite dei tuoi prodotti, sia di incoraggiare i download di una risorsa o un’altra azione.

Concentrarsi sulle conversioni è importante perché i visitatori devono essere convinti a interagire quando sono attivi sul tuo sito web. Altrimenti, non sono qualificati e il tuo budget di marketing viene speso per attirare persone che non acquistano o fanno qualcosa di utile.

Se il traffico inviato al tuo sito Web da Google non viene convertito, può danneggiare i tuoi profitti. Secondo il CXL Institute , le aziende che dispongono di un sistema per l’ ottimizzazione delle conversioni hanno il doppio delle probabilità di vedere un forte aumento delle vendite.

Una mancanza di coinvolgimento da parte dei visitatori può ridurre le tue classifiche, in quanto Google vede le persone che ritornano immediatamente alla ricerca dopo aver visitato il tuo sito Web per la prima volta come segno che il sito non è pertinente.

Per capire se il tuo sito Web è attrezzato per generare conversioni da SEO, procedi come segue:

  1. Identificare gli obiettivi di questo audit SEO man mano che si allineano con gli obiettivi dell’azienda.
  2. Analizza l’accessibilità del sito Web per favorire le conversioni.

Identifica gli obiettivi dell’audit SEO

È essenziale capire su quali obiettivi ti focalizzi per stabilire le priorità in cui stai trascorrendo del tempo, nonché capire quali tipi di conversioni sono importanti da monitorare per conto della tua attività.

Non ci sono due aziende focalizzate sugli stessi obiettivi esatti, motivo per cui è importante personalizzare di conseguenza il tuo approccio al SEO.

Non accontentarti di scegliere solo un obiettivo o un tipo di conversione, poiché la tua azienda perderà l’intera gamma di vantaggi che un audit e SEO in generale possono offrire. Allo stesso tempo, non concentrarti su troppi obiettivi e tipi di conversione contemporaneamente perché potrebbe sopraffare i tuoi sforzi con troppi punti dati a cui fare riferimento.

Gli obiettivi del tuo audit SEO potrebbero essere:

  • Identifica i problemi SEO esistenti
  • Comprendere i progressi rispetto ai concorrenti
  • Risolvi un aspetto particolare della tua strategia SEO
  • Informa il tuo team di potenziali aree di crescita
  • Classifica per un certo elenco di parole chiave

Esempi dei tipi specifici di conversioni che vale la pena monitorare sono:

  • Download di contenuti come PDF, white paper, ecc.
  • Fare un acquisto
  • Compilare un modulo di contatto
  • Iscrizione a un elenco e-mail
  • Guardare un video
  • Aggiunta a un carrello o lista dei desideri
  • Invio di domande di lavoro

Con una comprensione di ciò che la tua azienda sta cercando di ottenere con un audit SEO, è tempo di chiarire quanto sia accessibile il tuo sito Web sia ai visitatori che ai motori di ricerca. È anche importante misurare le conversioni che si verificano su un sito Web per capire se la tua strategia SEO ha successo.

Analizzare l’accessibilità del sito Web

Imposta Google Analytics e Google Search Console

Google Analytics è una piattaforma di analisi web gratuita fornita da Google che consente alle aziende di misurare ciò che sta accadendo su un sito Web, oltre a monitorare le conversioni dalla ricerca e altrove.

Google Search Console , precedentemente noto come Strumenti per i Webmaster di Google, è un altro strumento gratuito per aiutare le aziende a monitorare la loro presenza nei risultati di ricerca e rilevare eventuali errori nell’indicizzazione di un sito Web.

L’installazione di entrambi gli strumenti non è considerata un fattore formale per stabilire se un sito Web è indicizzabile o meno, ma l’installazione di Google Analytics e il codice di Search Console su una proprietà web è certamente un’indicazione per Google dell’esistenza di un sito Web.

Per verificare se Google Analytics è installato, segui queste istruzioni descritte da Google per accedere al tuo account e vedere se sta raccogliendo dati o meno. Un altro modo per rilevare se Google Analytics è installato su un sito Web è inserire l’URL su GA Checker .

Per rilevare se Google Search Console è configurato per la tua attività, accedi allo strumento con il tuo account Google per vedere se il sito Web è stato aggiunto o meno.

Se è necessario installare Google Analytics, quindi aggiungerlo seguendo le loro istruzioni e se è necessario aggiungere Google Search Console, seguire le indicazioni qui .

Durante la revisione di un account esistente o l’impostazione di Google Analytics per la prima volta, valuta se anche gli obiettivi per il monitoraggio delle conversioni sono impostati correttamente.

Gli obiettivi di Google Analytics consentono a un’azienda di monitorare se le conversioni su cui ti concentri si verificano o meno, indipendentemente dal fatto che si tratti del download di una risorsa o della vendita di un prodotto.

Scopri come impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics seguendo questo tutorial di Google.

Determinare la velocità del sito e la memorizzazione nella cache della pagina

Il tempo impiegato per caricare un sito Web è essenziale – il  47 percento dei consumatori si aspetta che una pagina Web si carichi in due secondi – soprattutto perché Google considera la velocità della pagina come un fattore di classifica. Google consiglia persino di caricare i contenuti above the fold in meno di un secondo per offrire agli utenti la migliore esperienza.

Per capire la velocità di caricamento del tuo sito Web, utilizza lo strumento di test della velocità del sito Web Pingdom , poiché è gratuito e semplifica la comprensione dei risultati a colpo d’occhio. Cerca di ottenere un grado di prestazione di una C o superiore per assicurarti che il tuo sito Web funzioni in modo efficace.

Non solo dovresti analizzare la velocità della home page del tuo sito web, ma anche le prime 10 pagine con le migliori prestazioni in merito al fatto che siano pesantemente trafficate, che generano il maggior numero di conversioni o altro.

Per avere un’idea delle prestazioni di altri siti Web, è sufficiente inserire l’URL di un sito di notizie principali o di un altro sito Web con cui si ha familiarità per vedere quanto velocemente questi siti sono in confronto.

Controlla la velocità del sito dei cinque principali concorrenti nel tuo settore per capire chi sta caricando più velocemente o più lentamente. Revisionare la velocità del sito dei concorrenti aiuterà a stabilire le priorità in termini di ottimizzazione necessaria sul proprio sito.

Se hai ricevuto un livello di prestazioni basso, considera di ottimizzare la velocità del tuo sito per ridurre il tempo necessario al caricamento delle pagine e aumentare la probabilità che un visitatore si converta.

Un altro modo per aumentare il tempo di caricamento del sito è assicurarsi che la memorizzazione nella cache delle pagine Web sia abilitata. La memorizzazione nella cache di una pagina nel browser è il processo automatico di salvataggio di una pagina per un visitatore, quindi non deve essere caricata completamente alla successiva visita.

Ciò riduce il tempo necessario per caricare una pagina e fornisce a una persona un’esperienza migliore con il tuo sito Web in generale. Esamina le informazioni sulle prestazioni nella parte inferiore dello strumento di test della velocità del sito Web di Pingdom per ricevere un voto per ogni elemento che influisce sulla velocità del tempo di caricamento del tuo sito Web.

Per elementi con un grado di “C” o inferiore, rivedere le raccomandazioni dello strumento per migliorare le prestazioni di memorizzazione nella cache, come un’ulteriore combinazione di JavaScript e CSS esterni.

Esiste una Sitemap XML?

Una Sitemap XML è un elenco di pagine di un sito Web disponibili per la scansione sui motori di ricerca, che forniscono ai robot di ricerca informazioni su cosa indicizzare.

Il primo passo di questo processo è determinare se il tuo sito web ha attualmente una sitemap o meno.

Aggiungi /sitemap.xml /sitemap_index.xml alla fine dell’URL di qualsiasi sito Web per vedere se è presente una Sitemap o se viene caricata una pagina 404, il che significa che non ce n’è uno sul sito Web. Un altro modo per verificare è utilizzare lo strumento Test Sitemap per una diagnostica.

Se un sito Web ha una Sitemap XML aggiornata, non sono necessarie ulteriori azioni. Se sul sito non viene trovata alcuna Sitemap XML, estrarre il report Screaming Frog SEO Spider all’interno del software come visto sopra, selezionare Sitemap e quindi Crea Sitemap XML . Per maggiori dettagli sulla creazione di una Sitemap XML, consulta questa risorsa da Screaming Frog .

Una volta creata, aggiungi la Sitemap XML all’account Google Search Console del sito Web per confermare che Google abbia accesso al file. Google eseguirà la scansione di una Sitemap da sola, ma questa è un’ulteriore precauzione per garantire che la struttura del sito Web sia chiara.

Esiste compatibilità tra dispositivi?

Oltre la metà di tutte le ricerche di Google in tutto il mondo avvengono su dispositivi mobili, richiedendo l’ottimizzazione di ogni sito Web per gli utenti mobili e i motori di ricerca su tutti i dispositivi.

Per verificare se il tuo sito Web è compatibile con i dispositivi mobili, utilizza lo strumento di test amichevole per dispositivi mobili di Google, lo strumento di test di cordialità mobile di Bing o lo strumento SEO per dispositivi mobili di Varvy . Ciascuno strumento indicherà chiaramente se un sito Web è ottimizzato per i dispositivi mobili, oltre a fornire alcuni consigli su come correggere eventuali errori esistenti.

Un problema comune riscontrato quando si rende un sito Web mobile-responsive non è avere un meta tag viewport nella del sito Web, necessario per adattare una pagina a dimensioni dello schermo diverse.

Avere un sito Web ottimizzato per i dispositivi mobili è anche un fattore SEO, tra i molti, che Google utilizza per capire quanto sia alto il posizionamento del tuo sito Web nei risultati di ricerca mobile.

Oltre alla compatibilità, la promozione delle conversioni dalla ricerca sui dispositivi mobili richiede che il tuo sito Web sia adeguato al modo in cui i consumatori utilizzano effettivamente questi dispositivi per effettuare ricerche e acquisti.

“Ciò che la maggior parte delle aziende non capisce è che un utente di telefonia mobile si trova in una fase diversa del processo di acquisto e sta provando a svolgere un compito diverso rispetto a quanto farebbe sul desktop”, ha affermato Bryan Eisenberg, partner di BuyerLegends.com, oratore principale e autore più venduto.

Secondo Eisenberg, quando le persone sono sedute al loro desktop, è come se fossero sedute con te per un intero pasto. Sono pronti a fare ricerche con l’aiuto della ricerca, compilare moduli, ecc., Poiché sono più coinvolti nel compito.

Quando le persone prendono un dispositivo mobile, è come se stessero facendo uno spuntino. Sono in viaggio, afferrano un paio di minuti tra una pausa, una rapida ricerca, in bagno, ecc.

Adattare la tua strategia per tenere conto di queste considerazioni è importante, poiché il tuo SEO non guiderà i risultati che stai cercando se l’esperienza mobile non corrisponde alle aspettative di un consumatore.

La sfida significativa che le aziende devono affrontare per favorire le conversioni è comprendere i comportamenti unici degli utenti mobili. Più in particolare, come garantire agli utenti un’esperienza straordinaria nello svolgere un’attività sul sito e nel collegare l’attività mobile con il desktop.

“Si tratta di utilizzare i dispositivi mobili per favorire il comportamento desiderato degli utenti, sia che si tratti di chiudere una vendita online o di incoraggiare un cliente a provare i propri prodotti in negozio”, ha aggiunto Eisenberg.

Il tuo sito è sicuro?

Con quasi 1 miliardo di siti creati fino ad oggi, è importante per i consumatori che visitano siti Web sicuri e affidabili. Google apprezza anche la sicurezza , prendendo la crittografia HTTPS / SSL su un sito Web come segnale di classifica.

L’obiettivo di aggiungere questo livello di sicurezza è impedire agli spammer e agli autori di attacchi malware di impersonare un sito Web, acquisire dati degli utenti o monitorare le loro abitudini durante la loro visita. Può anche aiutare a ridurre la probabilità che un visitatore rimbalzi durante la visualizzazione del tuo sito Web, offrendo loro maggiori opportunità di conversione.

Per analizzare il livello di sicurezza del tuo sito Web, utilizza Site Analyzer ed esegui un’analisi della pagina per visualizzare i dettagli del rapporto di sicurezza se HTTPS è abilitato e ha un certificato valido, oltre ad altri fattori di sicurezza.

Pilastro 2: contenuto

Il contenuto viene copiato su una landing page, un post di blog, una pagina di servizi, un’infografica, un video, un quiz interattivo o qualsiasi altra informazione presente sul tuo sito Web o su una piattaforma di terze parti (come i social media) che offra valore al tuo pubblico .

Il 72 percento dei marketer intervistati ha affermato che la creazione di contenuti pertinenti è stata la chiave principale del successo. Il contenuto incluso in un sito Web è importante perché fornisce ai motori di ricerca un’indicazione su quali argomenti il ​​sito è un’autorità e offre ai visitatori l’opportunità di trovare la risposta alle domande che stanno cercando.

L’atto di creare contenuti è un equalizzatore per tutti i siti Web. Indipendentemente dalle dimensioni del budget o dal livello di prestigio, ogni azienda può migliorare le classifiche e convertire i propri clienti con contenuti di qualità.

Tuttavia, è più difficile competere per l’attenzione nella ricerca, poiché molte organizzazioni stanno investendo in contenuti, motivo per cui è necessario produrre in modo ponderato contenuto e sviluppare una strategia di contenuti multicanale per tenere conto degli obiettivi non SEO.

Tieni presente che il successo con contenuti e SEO non si verifica in un silo, ma con un approccio vario a più mezzi e strategie di marketing.

Non tutte le tattiche SEO funzioneranno per ogni organizzazione. Questa è una considerazione importante da tenere a mente quando si completa un audit.

Quando si utilizza il contenuto per ottenere risultati dal SEO, il successo dipende dagli argomenti scelti, dalla scelta del formato, dalla qualità del contenuto, da come viene promosso il contenuto e da come viene ottimizzato.

Per capire se il tuo sito Web è all’avanguardia con i contenuti per la SEO, procedi nel seguente modo facendo un inventario dei contenuti esistenti sul sito.

Inventario dei contenuti: un inventario è un punto di partenza per comprendere tutto il contenuto che un’azienda ha attualmente pubblicato sul suo sito Web fino ad oggi. La realizzazione di un inventario identifica i contenuti ad alte prestazioni e tutte le aree problematiche con i contenuti, nonché quali lacune nella copertura meritano di essere colte.

Revisione del contenuto: guardando i precedenti rapporti di Screaming Frog viene fornito un elenco di tutti gli URL attivi su un sito Web. Fai riferimento a questi per identificare rapidamente ogni pagina del tuo sito e iniziare a sistemare le pagine non pertinenti.

Per organizzare il rapporto Screaming Frog in base al contenuto esistente, filtra le pagine non pertinenti che non sono attive o vengono reindirizzate.

Guarda in alto come la colonna C evidenzia lo stato di ogni singola pagina di un sito Web se sono attivi (200), reindirizzati in modo permanente (301), reindirizzati temporaneamente (302), bloccati da robots.txt (0) o spezzati / inattivi ( 404).

Evidenziare la colonna C sul report e selezionare il pulsante di ordinamento in ordine decrescente per organizzare l’intero documento in base al codice di stato. È molto più facile rivedere i contenuti esistenti quando sono raggruppati insieme e più facile rimuovere o ignorare le pagine rotte e reindirizzate per questa parte dell’audit e concentrarsi invece su qualsiasi 200 pagina codificata.

Successivamente, scarica un rapporto aggiuntivo da Google Analytics da combinare con il rapporto Screaming Frog per aggiungere il tuo traffico di ricerca organico all’inventario dei contenuti.

Accedi al rapporto sull’acquisizione in Google Analytics, quindi su Tutto il traffico, quindi su Canali e infine seleziona Ricerca organica.

Esistono alcuni sistemi di misura che determinano se un sito Web è semplice da leggere o meno, incluso l’Indice Gunning Fog che misura la leggibilità da un punteggio 1 a un numero illimitato. Il punteggio ideale per la maggior parte delle organizzazioni va da 7 a 8.

Un altro sistema è il livello di grado Kincaid di Flesch, che misura la leggibilità in base al livello accademico da 0 a 12. Il punteggio medio è un 8, il cui contenuto è contenuto a un livello di lettura di terza media, che comprende la maggior parte degli adulti negli Stati Uniti

Per misurare quanto sia facile leggere il contenuto del tuo sito Web, prova lo strumento di leggibilità di Juicy Studio (come visto sopra), lo strumento di test di leggibilità o il punteggio di leggibilità del testo di Dairy Science .

Qualità dei contenuti: Google richiede che i contenuti di un sito Web siano di alta qualità al fine di fornire agli utenti le risposte migliori alle loro domande, che alla fine aiuta il motore di ricerca a guadagnare, poiché sempre più persone continuano a fidarsi e ad utilizzare il loro servizio.

I visitatori cercano fonti attendibili di informazioni di cui si possono fidare per rispondere alle loro domande, che nel tempo costruiscono un rapporto con loro e la vostra attività. Ciò spinge idealmente questi utenti a effettuare un acquisto, contattare la propria organizzazione, ecc.

Determinare la qualità dei contenuti di un sito Web a volte è soggettivo, ma è meglio chiarito prima comprendendo quali contenuti desiderano i tuoi clienti, e in secondo luogo, confrontando i contenuti della concorrenza con i tuoi.

Per capire quali contenuti cercano i tuoi clienti:

  • Esamina le ricerche condotte nella casella di ricerca del tuo sito per vedere cosa cercano le persone e se ci sono delle lacune che non stai risolvendo. Ecco come configurare rapidamente il rapporto di ricerca del sito in Google Analytics.
  • Esegui test degli utenti sul tuo sito Web e chiedi specificamente agli intervistati di rivedere, leggere e interagire con i tuoi contenuti per ottenere il loro feedback. Usertesting.com è uno strumento conveniente per convincere le persone reali ad esaminare il tuo sito Web e inviare un rapporto sui loro risultati.
  • Crea sondaggi da inviare al tuo pubblico tramite SurveyMonkey , Google Forms o Typeform . Poni domande relative al modo in cui i clienti visualizzano il tuo contenuto esistente e se lo hanno trovato utile o meno.

Rivedere il contenuto dei concorrenti può anche aiutare a chiarire le aree di contenuto che la tua organizzazione eccelle e anche in che modo i tuoi contenuti devono migliorare.

Utilizzando uno strumento come Ahrefs Content Explorer o BuzzSumo , analizza i contenuti più performanti per argomento, concorrente o settore conducendo una ricerca e rivedendo ciò che è in quella categoria.

Entrambi gli strumenti offrono informazioni dettagliate sul traffico organico e sulla condivisione sociale di ciascun contenuto per una determinata ricerca. I dati competitivi di questi strumenti possono informare quali parti di contenuto rivedere e confrontare con le tue per trarne ispirazione per contenuti futuri o per confermare che sei sulla strada giusta.

Lunghezza dei contenuti: un altro indicatore di contenuti di qualità, in particolare con Google e i motori di ricerca, è la lunghezza dei contenuti scritti inclusi in un sito Web.

Né i contenuti lunghi né quelli brevi sono migliori dell’altro, poiché dipendono da come vengono utilizzati; alcune circostanze richiedono l’una o l’altra.

Se un articolo contiene 200 parole o 2.000 parole e non contiene informazioni utili, Google lo considererà un contenuto di bassa qualità. Questo è etichettato come tale perché è un tentativo di classificare una determinata parola chiave con poco o nessun sforzo, principalmente perché il contenuto di bassa qualità non fornisce alcun valore a un lettore.

La lunghezza di un articolo o di una pagina di prodotto è importante anche per un visitatore, ma è situazionale in quanto dipende da quanto una persona è disposta ad andare a leggere su un argomento in modo approfondito. Un articolo di 800 parole su un argomento può essere utile per una persona, mentre un video con un riassunto di 300 parole potrebbe essere più prezioso per un’altra.

Non esiste un conteggio esatto delle parole per cui puntare in tutte le situazioni, per tutti i siti Web. Concentrati invece sul rendere tutti i contenuti del tuo sito Web utili, ben studiati e pertinenti.

Come regola generale, articoli, post di blog e altre risorse scritte (non necessariamente le pagine dei prodotti e dei servizi) non devono essere inferiori a 500 parole. Niente di meno e spesso non c’è abbastanza spazio per spiegare appieno un concetto. Tuttavia ci sono sempre delle eccezioni. Questa è solo una raccomandazione per ricordare ai proprietari di siti Web di riflettere sul loro contenuto.

Diversi studi hanno scoperto che esiste una forte correlazione tra il contenuto più lungo di oltre 2000 parole e la sua capacità di generare più condivisione sociale e backlink.

Ciò non significa che i contenuti più lunghi garantiranno un buon rendimento, poiché devono comunque fornire utilità, rispondere rapidamente a una domanda per i lettori e offrire più valore rispetto ad altre fonti sull’argomento.

Per comprendere la lunghezza dei contenuti del tuo sito Web, fai riferimento all’inventario dei contenuti creato dal rapporto Screaming Frog e visualizza la colonna Y per il conteggio delle parole di ogni pagina durante l’ultima scansione.

La prima priorità è capire perché ogni pagina ha un conteggio di parole pari a 0 e quindi identificare quali pagine hanno un conteggio di parole basso per capire se è appropriato per quella particolare pagina o meno.

Contenuti duplicati: Google penalizza un sito quando esistono più versioni dello stesso contenuto sul tuo sito Web o su più siti Web per errore o allo scopo di ingannare i motori di ricerca.

In molti casi, il contenuto duplicato si verifica involontariamente, come quando una pagina ha una versione stampabile o una pagina del prodotto ha più versioni per illustrare uno stile diverso dello stesso prodotto.

Per rilevare contenuti duplicati sul tuo sito Web, utilizza uno strumento come Siteliner o Google Search Console, sotto il rapporto Aspetto della ricerca, quindi visita Miglioramenti HTML per visualizzare tutti i problemi relativi ai contenuti duplicati.

Se il tuo sito web contiene contenuti duplicati, prendi uno dei seguenti suggerimenti da Google per correggere il problema.

Pilastro 3: ottimizzazione

L’ ottimizzazione di un sito Web è il processo di valutazione continua e miglioramento dei suoi numerosi elementi per garantire che sia fondamentale per l’indicizzazione e il posizionamento nei motori di ricerca per le parole chiave giuste. L’ottimizzazione si verifica anche quando si garantisce che il sito Web offra la migliore esperienza utente.

In passato era sufficiente avere classifiche e collegamenti, ma ora Google apprezza i valori quando i visitatori consumano contenuti sul tuo sito, interagiscono con le tue offerte e condividono con altri.

Quando rivedi i tuoi progressi con la SEO, usa questa sezione per capire sia cosa sta succedendo a un livello dettagliato, ma anche come ogni parte del processo integra l’esperienza complessiva dei visitatori.

Fattori di posizionamento sulla pagina

I fattori di classificazione on-page sono costituiti dagli elementi HTML presenti in ogni pagina di un sito Web che possono essere ottimizzati per aiutarlo a posizionarsi correttamente nei motori di ricerca. Come ogni fattore che Google considera riguardo a un sito Web, le ottimizzazioni on-page rappresentano un passaggio dell’intero processo e non possono essere manipolate.

Tag del titolo: il titolo HTML di qualsiasi pagina di un sito Web viene definito tag del titolo. L’obiettivo del tag del titolo è identificare l’argomento di una determinata pagina per aiutare Google a capire il suo focus, nonché visualizzare il nome della pagina negli elenchi di ricerca per i ricercatori.

Il tag del titolo deve essere definito dal proprietario del sito Web per descrivere accuratamente di cosa tratta la pagina e fornire a Google una chiara indicazione del suo scopo su un sito Web.

Per rivedere tutti i tag titolo utilizzati su un sito Web, fare riferimento alla colonna E sul rapporto Screaming Frog etichettato Titolo 1. A destra di quella colonna, rivedere Lunghezza titolo 1, che è la colonna F, per capire quanti caratteri ogni titolo il tag è composto da ogni pagina.

Non solo i tag del titolo devono descrivere accuratamente la pagina a cui fanno riferimento, comprese naturalmente le parole chiave, ma devono anche contenere meno di 55 caratteri per non essere troncati nei risultati di ricerca.

Controlla anche se i tag del titolo sono duplicati e correggili per assicurarti che siano tutti originali e pertinenti. I tag del titolo sono in genere facili da modificare nel back-end di WordPress o di un altro sistema di gestione dei contenuti (CMS).

Meta descrizioni: la meta descrizione è l’HTML usato su ogni pagina di un sito Web per fornire una breve spiegazione di quale argomento è coperto. La meta descrizione è lunga circa due frasi e si trova sotto il tag del titolo negli elenchi di ricerca.

Le descrizioni meta non sono considerate un fattore da Google quando si tratta di classifiche di pagina. Al contrario, le meta descrizioni vengono utilizzate dagli utenti per decidere se fare clic su un risultato di ricerca o meno, il che migliora la percentuale di clic e influisce sul modo in cui Google visualizza una determinata pagina Web.

Per rivedere tutte le meta descrizioni su un sito Web, controlla la colonna H nel rapporto Screaming Frog e visualizza anche la colonna J per rivedere il conteggio dei personaggi per ciascuna.

Le meta descrizioni non devono essere più lunghe di 156 caratteri per evitare che vengano troncate nei risultati della ricerca. Questo tag HTML può anche essere modificato in WordPress o con un altro CMS.

Struttura dell’URL: l’URL di ogni pagina di un sito Web è anche considerato un fattore di classificazione (seppur basso), in quanto ha lo scopo di aiutare a identificare l’argomento generale della pagina sia per i visitatori che per i motori di ricerca. 

Dal punto di vista della SEO e dell’esperienza utente, tutti gli URL di un sito Web devono essere specifici e concisi per mantenere organizzata la navigazione di un sito. Punta a non più di cinque o sei parole nell’URL, separate da trattini e senza parole comuni.

Ad esempio, il rivenditore di cosmetici Sephora utilizza il seguente URL per la categoria di fragranze dei suoi prodotti: https://www.sephora.com/shop/fragrance

Un altro esempio è della pubblicazione tecnologica Mashable che utilizza il seguente URL per un articolo intitolato “3 semplici modi per far risplendere una perdita di lucentezza”: http://mashable.com/2016/07/28/improve-weak-resume/

Per rivedere tutti gli URL inclusi in un sito Web, fare riferimento al rapporto Screaming Frog e guardare la prima colonna per vedere dove si trova ogni pagina.

Intestazioni: le pagine del tuo sito Web devono essere organizzate con intestazioni e sottotitoli per facilitare la lettura di una pagina o di un articolo da parte dei lettori. Includere i tag HTML dell’intestazione (

,

,

, ecc.) Per queste varie intestazioni aiuta anche i motori di ricerca a determinare il focus di una pagina ai fini del posizionamento.

L’intestazione principale di una pagina deve essere designata con un tag

, sottotitoli con tag

, tag

per i sottotitoli e così via.

Non complicare eccessivamente la pagina con troppi tag o informazioni eccessivamente categorizzate, poiché l’obiettivo è quello di creare una risorsa utile che sia preziosa per i tuoi clienti. Esamina i tag

e

sul tuo sito Web nella colonna da M a T del rapporto Screaming Frog.

Alt Image Tag e nomi di file di immagini : l’ inclusione di elementi visivi nei tuoi contenuti migliora l’esperienza per le persone che visitano un sito Web, rendendolo più coinvolgente per molti consumatori che sono principalmente studenti di visual

I motori di ricerca esaminano il tag alt e il nome file associato a un’immagine utilizzata su un sito Web per determinarne l’argomento ai fini del posizionamento. Questo tag HTML e il nome del file devono essere una descrizione accurata e concisa (da 100 a 200 caratteri circa) di ciò che è effettivamente mostrato nella foto, disegno, infografica, ecc.

Per assicurarti che tutte le immagini su un sito Web includano un tag immagine alt conciso, seleziona Esportazione in blocco utilizzando Screaming Frog dopo che il tuo sito Web è stato sottoposto a scansione e scegli Immagini , quindi Immagini Tag tag mancanti per creare un documento Excel che elenca ogni immagine mancante di questo importante tag HTML.

Ottimizzazione tecnica

L’ottimizzazione per la SEO dal punto di vista tecnico non solo posiziona un sito Web per il successo nella ricerca, ma aggiunge anche valore per altre aree del marketing, come la strategia dei contenuti, i social media, la pubblicità pay-per-click e altro ancora.

Per capire se il tuo sito web è ottimizzato per il SEO correttamente:

  1. Determinare l’indicabilità del sito Web.
  2. Concentrati su una strategia specifica per le parole chiave.

Determinare l’indicabilità del sito Web

Prima che le conversioni dalla ricerca organica siano possibili, capire se i motori di ricerca stanno aggiungendo correttamente le tue pagine web ai loro indici per il posizionamento.

Robots.txt: il file robots.txt viene utilizzato per indicare a Google di ignorare una pagina che non dovrebbe essere inclusa nei risultati di ricerca, ma non tutte le aziende devono utilizzare questo file poiché molti non devono bloccare alcun contenuto dalla ricerca .

È perfettamente normale bloccare determinate pagine durante lo sviluppo di un sito Web o se hai contenuti premium che la tua azienda non vuole indicizzare, tra le altre ragioni.

Per determinare se alcune aree importanti di un sito Web sono bloccate, aggiungi /robots.txt all’URL di qualsiasi sito come questo: http://www.example.com/robots.txt

Se hai un file sul tuo sito web, vedrai HTML. Ecco cosa significa il testo:

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

L’intero sito Web è rilevabile per i robot di ricerca, il che è l’ideale.

L’intero sito Web è bloccato dai robot di ricerca, il che non è l’ ideale.

Il problema principale da tenere in considerazione è se tutti i tuoi contenuti vengono bloccati dai motori di ricerca. Va bene se vengono bloccate solo determinate pagine purché vi sia una ragione.

Se determinate pagine vengono bloccate, ecco come apparirà il testo nel file:

Un determinato file viene bloccato dai motori di ricerca.

Una cartella particolare è bloccata dai motori di ricerca.

Meta tag robot: funzionante in modo simile al file robots.txt, il meta tag robot è un HTML speciale incluso nella di un sito Web utilizzato per informare i motori di ricerca di non eseguire la scansione o di non seguire i collegamenti in una determinata pagina.

Se una pagina viene bloccata dall’indicizzazione o dal seguire i collegamenti inclusi, il codice HTML sarebbe simile al seguente:

Nessuna pagina indice e nessun collegamento follow:

… title>

Head>

Nessuna pagina indice:

… title>

Head>

Nessun collegamento di follow:

… title>

Head>

Per ulteriori opzioni relative ai meta tag robot, consultare la guida di Bing sull’argomento. Per rilevare se ci sono meta tag robot sul tuo sito Web, fai riferimento a Google Search Console per vedere se alcune pagine sono bloccate, quindi visita quelle pagine per rivedere l’HTML utilizzato.

Navigazione Flash e JavaScript: la struttura di navigazione del tuo sito Web non dovrebbe essere interamente costruita in Flash e JavaScript, poiché questa tecnologia obsoleta rende il tuo sito difficile da interpretare dai crawler di ricerca.

Per identificare l’uso di Flash nella tua navigazione, fai riferimento al test SEO SiteCheckup Flash per una rapida panoramica inserendo l’URL del tuo sito web.

Se viene rilevato Flash, è tempo di ridisegnare quegli elementi, poiché la tecnologia è defunta e difficile da sottoporre a scansione o visualizzare su dispositivi mobili. Sostituisci la navigazione Flash e JavaScript con schemi basati su CSS e XHTML.

Identificazione delle penalità manuali e algoritmiche: le penalità di Google possono rimuovere le classifiche di un sito Web e ridurre il traffico in modo significativo, a causa di un problema su un sito Web specifico (manuale) o di una modifica apportata all’algoritmo di Google che influisce su un problema presente su molti siti (algoritmico) .

Per identificare eventuali penali manuali nei confronti di un sito Web, visitare la Google Search Console e rivedere i messaggi inviati a Google dal sito Web specifico in merito a eventuali problemi.

In secondo luogo, visita Cerca traffico nel menu, quindi rivedi Azioni manuali per verificare se sono presenti sanzioni. La pagina apparirà come sopra se il sito web è senza penalità. Se vengono rilevate penalità manuali, ognuna verrà elencata con una descrizione, come mostrato di seguito. Leggi la nostra guida su come correggere le azioni manuali . 

Per rilevare una sanzione algoritmica su un sito Web, prestare attenzione a eventuali cali improvvisi o inspiegabili del traffico in Google Analytics che coincidono con le notizie della modifica dell’algoritmo. Sapere quale algoritmo sta interessando un sito Web informerà quali azioni devono essere intraprese per correggere il problema.

Si consiglia di utilizzare lo strumento Panguin , pure, per allineare i report di analisi con la storia algoritmo di Google per capire rapidamente quali penalità avrebbe potuto colpire il vostro sito web.

Inizia ad affrontare eventuali sanzioni identificate sul tuo sito risolvendo il singolo problema indicato da Google Search Console o associato a un particolare aggiornamento dell’algoritmo.

I metodi per correggere ogni tipo di penalità variano in modo significativo, ma c’è molta documentazione disponibile su come affrontare ogni tipo, come gestire contenuti duplicati o negare link innaturali.

Problemi di canonizzazione: tutte le pagine di un sito Web devono avere un unico URL da considerare per i motori di ricerca. Altrimenti, l’autorità di un sito viene dispersa in modo non uniforme tra i duplicati dell’indirizzo web.

La canonicalizzazione è un modo elegante per dire che ci sono indirizzi web duplicati per la stessa pagina. Per creare un profilo di link più forte e mantenere classifiche competitive, è importante rivedere regolarmente gli indirizzi Web su un sito per assicurarsi che non vi siano errori di canonicalizzazione.

Ad esempio, se l’indirizzo Web della home page di Digital Current presentava un problema di canonicalizzazione, potrebbe apparire in più versioni, in questo modo:

Versione 1: www.digitalcurrent.com

Versione 2: digitalcurrent.com

Versione 3: digitalcurrent.com/

Versione 4: digitalcurrent.com/index.html

Versione 5: www.digitalcurrent.com/index.html

In tal caso, le diverse versioni della stessa pagina porterebbero Google a distribuire in modo diseguale il valore a ciascuna opzione anziché semplicemente dare piena autorità alla versione corretta.

Usa Screaming Frog per rilevare problemi di canonicalizzazione selezionando Rapporti dopo aver eseguito la scansione di un sito Web e quindi selezionando Errori canonici per creare un documento Excel in cui sono elencati eventuali errori da risolvere.

Definire una strategia per parole chiave

È necessario rivedere le parole chiave utilizzate in un sito Web per capire se le persone giuste cercano, visitano e interagiscono con le tue offerte online. Sapere per quali parole chiave la tua azienda desidera classificare rispetto a quali parole chiave stai effettivamente classificando può aiutare a informare su come ottimizzare l’intero sito Web.

Frequenza delle parole chiave: per continuare a classificare in alto per una varietà di parole chiave pertinenti correlate alla tua organizzazione, il primo passo è analizzare ciò per cui stai classificando e la frequenza con cui stai utilizzando parole chiave correlate a specifici argomenti e categorie di prodotti.

Per capire per quali parole chiave è attualmente classificato un sito Web, utilizzare uno strumento come SEMrush , KeywordSpy o Keyword Explorer di Moz . Ogni strumento genererà un elenco di parole chiave per le quali è classificato il tuo dominio, la posizione che ogni parola chiave detiene nelle pagine dei risultati del motore di ricerca e il volume di ricerca stimato per ciascun termine di ricerca.

Esporta un elenco di parole chiave da uno di questi strumenti in un documento Excel e inizia a organizzarle in diverse categorie di tua scelta, in base alle aree tematiche o ai prodotti che stanno affrontando.

Una volta che le tue parole chiave sono organizzate in categorie, sarà semplice vedere quali gruppi hanno costantemente un posizionamento più elevato rispetto ad altri gruppi nella ricerca. Comprendendo la frequenza con cui si posizionano le parole chiave, la tua organizzazione sarà in grado di:

  • Identifica per quali tipi di parole chiave continuare a ottimizzare
  • Sviluppa idee per parole chiave correlate su cui investire
  • Comprendi quali parole chiave e gruppi di parole chiave hanno un rendimento scarso
  • Chiarire quali parole chiave sono troppo competitive e non dovrebbero più essere ottimizzate

Ricorda che le classifiche non sono la metrica SEO più importante, poiché una posizione elevata non garantisce traffico qualificato, ma fornisce un’indicazione del rendimento dei tuoi contenuti nella ricerca rispetto ai concorrenti.

Analisi della concorrenza: le parole chiave per le quali i tuoi concorrenti si posizionano non solo informano la tua strategia SEO, ma anche le tue campagne pubblicitarie pay-per-click. Utilizza uno degli strumenti di analisi delle parole chiave sopra per esaminare i siti Web dei tuoi principali concorrenti per capire a cosa classificano e su cosa la tua organizzazione dovrebbe considerare di concentrarsi.

SpyFu è un altro strumento utile per l’analisi delle parole chiave della concorrenza che fornisce una rapida rassegna di quante parole chiave un concorrente sta classificando nella prima pagina, nonché un elenco di tutte le loro parole chiave organiche.

Confronta e confronta le parole chiave per cui la tua azienda si posiziona rispetto alla concorrenza per vedere quali lacune non vengono colmate e vale la pena investire ulteriormente.

Pilastro 4: autorità

Un’organizzazione può creare e ottimizzare i contenuti di massima qualità nel proprio settore, ma se nessun altro sito web lo collega, non genererà l’autorità che Google ritiene necessaria per classificare come risorsa nella ricerca.

“L’autorità di collegamento e i segnali del marchio sono considerati il ​​fattore di classificazione più importante perché hanno dimostrato più volte di essere efficaci nel produrre risultati di ricerca di qualità per Google”, afferma Jarrod Hunt, partner di Digital Current .

L’autorità è definita dai motori di ricerca come i backlink di qualità e le condivisioni social che il tuo sito Web riceve da altri che confermano veramente la tua esperienza in un settore.

“Nel corso degli anni, Google ha testato la rimozione o la riduzione del peso fornito dai link nel loro algoritmo solo per scoprire che i risultati della ricerca risultanti non erano altrettanto pertinenti o utili”, aggiunge Hunt.

“È molto improbabile che Google riduca l’importanza dei segnali di collegamento in qualsiasi momento nel prossimo futuro. Al contrario, mentre continuano a perfezionare la loro capacità di sradicare i link spam, i collegamenti che vengono naturalmente forniti e provengono da fornitori di contenuti di alto livello avranno probabilmente un impatto ancora maggiore sulle tue classifiche. “

Comprendere come attirare organicamente l’attenzione dei siti Web di terzi e costruire relazioni con altre organizzazioni autorevoli nella tua nicchia ti aiuterà a migliorare il tuo SEO a lungo termine.

Per capire se il tuo sito web sta generando l’autorità che merita:

  1. Analizza e interpreta il profilo del link del tuo sito web.
  2. Se applicabile alla tua attività, concentrati su citazioni e recensioni locali.

Effettuare un controllo dei collegamenti

Esegui un rapporto su un sito Web esistente per vedere quali link sono stati generati fino ad oggi, quali link di spam devono essere rinnegati e dove si trovano i concorrenti con il proprio profilo di link.

Rivedi il profilo dei collegamenti: fai riferimento a Google Search Console per ottenere prima una rapida panoramica del numero totale di collegamenti al tuo sito Web in base a Google, quali siti Web collegano maggiormente al sito, i tuoi contenuti più collegati e il testo di ancoraggio più comune utilizzato per collegarti al tuo sito.

Successivamente, utilizza uno strumento di terze parti come Open Site Explorer Ahrefs SEO Backlink Checker per creare un rapporto completo di backlink sul tuo sito web. L’esecuzione di un rapporto con Ahrefs fornisce un’ampia recensione di:

  • Numero di backlink
  • Numero di domini di riferimento
  • Tipi di domini di riferimento (.gov vs. .edu vs. .com, ecc.)
  • Fonti di backlink di un sito
  • Collegamenti Dofollow vs Nofollow
  • Cronologia dei collegamenti generati
  • Testo di ancoraggio più comune incluso
  • La maggior parte delle pagine collegate

Esporta il rapporto Ancore per visualizzare tutto il testo di ancoraggio utilizzato con ogni backlink o il rapporto Contenuti di riferimento principali per visualizzare tutti i collegamenti di riferimento dei contenuti.

Disavow Link di bassa qualità: durante la revisione del profilo di backlink su base link per link, identifica tutti i link che non aggiungono valore e potenzialmente riducono l’autorità del tuo sito web.

Hunt afferma che se non stai negando in modo proattivo i link di bassa qualità, ci sono buone probabilità che il tuo profilo di backlink abbia dei problemi.

“Se sei un grande marchio con tonnellate di link di qualità, questo potrebbe non essere un grosso problema, ma vale la pena guardarlo, o se sei un marchio più piccolo in un settore con molta concorrenza SEO”, aggiunge. “Devi assolutamente rivedere il tuo profilo di link in quanto è più facile che mai per i tuoi concorrenti creare link di bassa qualità per danneggiare le tue classifiche e la tua fiducia.”

Durante la revisione del rapporto sui collegamenti Ahrefs, cerca i collegamenti da siti spam di bassa qualità senza contenuto univoco, troppi annunci su un sito Web o siti che tentano di giocare ai motori di ricerca con tattiche come il riempimento di parole chiave. Se c’è un alto volume di collegamenti di bassa qualità o testo di ancoraggio innaturale su un sito che si collega a te, questa è un’altra indicazione della presenza di collegamenti dannosi.

Una volta identificato un elenco di collegamenti di bassa qualità (se presenti), utilizza lo strumento Disavow di Google per avvisare il motore di ricerca che i collegamenti al tuo sito Web devono essere ignorati dall’indice.

È importante avere la certezza che i collegamenti che vengono rinnegati sono attualmente o potrebbero in futuro danneggiare il rendimento del tuo sito su Google. I collegamenti sono difficili da generare, il che renderebbe spiacevole negare accidentalmente un collegamento utile.

Correggi le pagine spezzate (errori 404): le pagine spezzate in un sito Web indicano a Google che il sito non è ben gestito e non è prezioso come potrebbe essere per i visitatori. Correggi le pagine rotte sul tuo sito Web (errori 404) su base bimestrale o mensile.

Dopo aver eseguito una scansione del tuo sito Web con Screaming Frog, ordina il rapporto nella dashboard in base ai codici di risposta o al file Excel in base al codice di stato, portando le 404 pagine in cima all’elenco.

Revisione del collegamento competitivo: utilizzare uno strumento come Ahrefs per condurre una simile revisione del collegamento a ritroso dei primi cinque concorrenti. L’obiettivo di un’analisi dei collegamenti competitivi è:

  • Comprendi il numero e i tipi di backlink della concorrenza e utilizza questi dati come benchmark relativo.
  • Identifica i siti Web autorevoli che rimandano ai concorrenti per informare il tuo team sulle opportunità di collegamento trascurate.
  • Elencare il contenuto più collegato ai concorrenti per confrontare il successo della strategia di contenuto.

Analizzare le citazioni locali

Quando si parla dell’autorità SEO di un sito Web, è importante rivedere il profilo locale di un’azienda nelle aree in cui è più attiva.

Citazioni locali: una citazione è un elenco della posizione fisica della tua organizzazione a cui i motori di ricerca si riferiscono quando i visitatori effettuano una ricerca locale.

Schermata del pannello di conoscenza della corrente digitale

Per ridimensionare le autorità locali, è importante che la tua azienda abbia un profilo locale accurato su siti Web come Yelp, Pagine Gialle, Google, Bing e altrove.

Usa una scansione gratuita delle inserzioni locali come Yext o Moz Local per condurre una panoramica delle tue inserzioni per ogni sede dell’azienda. Questa scansione riunisce un ampio report per evidenziare dove non sono elencate le sedi della tua attività, nonché i tipi di informazioni che ti mancano, come indirizzo, numero di telefono, ecc.

Se paghi per utilizzare Yext o Moz Local, entrambi possono aiutarti a ridimensionare e semplificare il processo di aggiornamento delle citazioni locali su ogni servizio. Tuttavia, ciascuno di questi profili può essere aggiornato manualmente gratuitamente per ogni posizione.

La decisione di pagare gli strumenti o seguire il percorso manuale dipende da quante posizioni fisiche l’azienda deve ottimizzare.

Se ce ne sono solo alcuni, ha senso aggiornarli manualmente. Ma se hai più di 10 sedi, potrebbe essere conveniente acquistare uno strumento che automatizza il processo per risparmiare tempo e risorse.

Recensioni locali: le recensioni sulla tua posizione fisica influenzano le classifiche di ricerca e influiscono anche sul processo decisionale dei consumatori alla ricerca di un’azienda adatta alle loro esigenze, che si tratti di un ristorante o di un sarto.

Per valutare manualmente le recensioni esistenti, visitare ogni sito Web di elenchi locali in cui i clienti lasciano feedback. Se la tua attività commerciale comprende solo una o poche sedi, guardare le tue recensioni esistenti non dovrebbe essere un processo troppo difficile.

Tieni traccia dei luoghi con un rendimento migliore di altri in termini di ricezione di recensioni più positive per sapere cosa viene fatto in quel luogo e applica queste lezioni nei tuoi negozi per aumentare le recensioni.

Prendi nota degli schemi di feedback, sia positivi che negativi, per applicare questi risultati, oltre a rispondere a tutte le recensioni negative per risolvere eventuali problemi aperti.

Se la tua organizzazione ha molte sedi fisiche, controllare manualmente ogni sito Web non è un uso efficiente del tuo tempo, poiché esistono strumenti per riunire tutte le recensioni di diversi servizi in un’unica dashboard.

Strumenti come ReviewPush , Reputology e ReviewTrackers consentono alle organizzazioni di tutte le dimensioni di ampliare i loro sforzi analizzando e rispondendo alle recensioni, risparmiando tempo e risorse mentre la tua azienda continua a concentrarsi sulla costruzione dell’autorità con SEO.

Pilastro 5: promozione

La contabilità per la promozione dei contenuti è spesso trascurata in un tipico audit SEO, i social media e la crescita del marketing degli influencer online hanno continuato a evolversi.

La promozione implica la sensibilizzazione, il traffico e il coinvolgimento del tuo sito Web e dei contenuti attraverso l’uso di mezzi a pagamento, social media e influenzatori del settore online e offline.

La promozione dei contenuti dovrebbe essere una componente significativa di qualsiasi strategia SEO incentrata sul 2020, poiché la quantità di contenuti pubblicati oggi rende difficile distinguersi.

Una strategia SEO ottimizzata per la promozione si concentra su:

  1. Revisione della presenza sui social media e delle prestazioni di condivisione sui social.
  2. Analizzare le collaborazioni di influencer esistenti e costruire nuove relazioni con i creatori di contenuti.

Rivedi i social media

Esegui un rapporto su un sito Web esistente per vedere quali link sono stati generati fino ad oggi, quali link di spam devono essere rinnegati e dove si trovano i concorrenti con il proprio profilo di link.

Per capire quali aree dei tuoi sforzi di marketing sui social media devono essere migliorate per scopi SEO, inizia con i tuoi profili social esistenti.

Crea e ottimizza i profili social: mentre l’esatta influenza che i social media hanno sulla ricerca non è chiara, è evidente che i profili aziendali su canali come Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn e altrove si posizionano sulla prima pagina quando le persone cercano il marchio di un’azienda.

Identifica se la tua azienda ha un profilo ottimizzato sui principali canali di social media in cui il tuo pubblico è più attivo. Non è importante che il tuo marchio sia attivo su tutti i canali, ma dovrebbe avere una presenza solida su alcuni siti social che contano di più per il tuo pubblico.

Dominare i risultati della ricerca per il proprio marchio è essenziale per stabilire l’autorità nella ricerca e anche per fornire rapidamente ai clienti il ​​miglior canale social che possono utilizzare per comunicare con la propria attività.

L’identificazione, la creazione e l’ottimizzazione dei profili dei social media è principalmente un processo manuale. Pertanto, aggiorna regolarmente ogni account con contenuti pertinenti di interesse per i tuoi clienti e relativi alle offerte della tua azienda.

Assicurati che il titolo, l’URL e il profilo di ciascun account di social media identifichino accuratamente la tua azienda e includano le informazioni di contatto necessarie per rendere più semplice per Google estrarre tali profili per l’inclusione nelle liste di ricerca.

Analizzare la condivisione sociale: Google e i principali motori di ricerca utilizzano un certo livello di segnali sociali come indicatore di qualità nei risultati di ricerca, ma non è chiaro fino a che punto.

Probabilmente esiste una chiara correlazione tra una risorsa fortemente collegata e ampiamente condivisa, che fornisce ai motori di ricerca un senso più forte della pertinenza di un contenuto.

Per ottenere la massima visibilità per un sito Web e il suo contenuto, concentrati sulla condivisione da parte del pubblico sui social media.

La condivisione di contenuti per il gusto di condividerli non è utile, ma creare contenuti utili e di valore che siano rilevanti per i tuoi clienti e renderli facili da condividere è un investimento degno.

Analizza fino a che punto il tuo attuale contenuto è ampiamente condiviso utilizzando BuzzSumo o Ahrefs Content Explorer , poiché ogni strumento suddivide le condivisioni per social network, fornendo al contempo le condivisioni totali generate da ogni elemento di contenuto.

Che si tratti di rivedere la condivisione dei dati all’interno della dashboard di ciascuno strumento o di esportarli in Excel, identificare le seguenti informazioni per comprendere le prestazioni sui social:

  • Quali canali social guidano la maggior parte delle tue condivisioni social?
  • Quali argomenti di contenuto guidano il maggior numero di condivisioni sui social media?
  • Quali tipi di contenuti sono maggiormente condivisi sui social media?
  • Quali elementi sono presenti nei tuoi contenuti più condivisi che possono essere duplicati per stimolare la futura condivisione sui social?

Eccita, analizza e sviluppa le relazioni dell’influencer

“I social media non solo danno visibilità ai tuoi contenuti a un nuovo pubblico che non ti sta necessariamente cercando su Google, ma i social offrono anche l’opportunità di entrare in contatto con influencer attraverso i contenuti che condividi”, afferma Neal Schaffer, autore di The Affari di influenza .

Schaffer consiglia di utilizzare i social per promuovere i tuoi contenuti e interagire con gli influencer, che dovrebbero aiutare a informare quali contenuti aggiornare in futuro per il successo continuo nella ricerca, nonché quali argomenti e formati di contenuti dovrebbero essere i contenuti fondamentali della tua azienda.

Controllo dell’influencer: identifica gli influencer esistenti che stanno discutendo e condividendo i tuoi contenuti sui social media e altrove online usando BuzzSumo e cercando l’URL del tuo sito web.

BuzzSumo popolerà un elenco di contenuti che sono stati condivisi sui social media con l’opzione Visualizza condivisori , che crea un nuovo rapporto degli account Twitter che condividono un determinato articolo o pagina sul tuo sito web.

Questo rapporto aiuta la tua azienda a identificare chi sta già condividendo i tuoi contenuti, il numero di follower di Twitter che hanno, il numero medio di retweet ricevuti da questi utenti e quale percentuale dei loro tweet sono risposte e retweet rispetto ai tweet regolari.

Esamina questo rapporto e identifica gli utenti di Twitter con un pubblico coinvolto che condivide i tuoi contenuti o contenuti di un argomento simile. Questi possono essere influenzatori che vale la pena contattare e costruire una relazione con o che meritano semplicemente un “ringraziamento” da parte del team di marketing.

Trovare gli influenzatori già interessati ai tuoi contenuti e costruire una relazione più forte con loro può aiutare a portare a una maggiore promozione dei tuoi contenuti sui social media, così come più menzioni online che si traducono in ulteriori backlink al tuo sito web.

Attrarre influenzatori: se i contenuti della tua azienda non sono attualmente condivisi dagli influenzatori di cui sei entusiasta, usa BuzzSumo per identificare quali influenzatori condividono in relazione al tuo settore in generale.

Usando BuzzSumo, cerca gli argomenti relativi alle offerte e alle competenze della tua azienda per ottenere elenchi di account influenti su Twitter che condividono contenuti relativi al particolare argomento. Nell’esempio sopra, abbiamo cercato l’argomento “fast food salutare” per trovare esperti che discutono l’argomento su Twitter.

Questi dati possono aiutare a informare i produttori di alimenti del tuo settore, il che può aiutare ad aumentare la probabilità che saranno interessati a collaborare con te, poiché stanno già condividendo i contenuti correlati con i tuoi.

Ora hai un controllo SEO completo – Dove vai da qui?

Questo è un impacco! A nostro avviso, queste sono le aree più importanti a cui prestare attenzione quando si esegue un audit SEO del proprio sito Web. 

Se le informazioni precedenti sembrano schiaccianti, potresti voler lavorare con un’agenzia SEO in grado di completare queste attività in modo rapido ed efficace per te. Utilizzare i seguenti suggerimenti per rendere il caso.

Come fare il caso per far crescere il tuo budget SEO 

Non ci sono dubbi sui vantaggi e l’importanza di una strategia SEO sostenibile per aumentare la consapevolezza del tuo marchio, guidare il traffico e aumentare i flussi di entrate. Ma quando arriva il momento di fare un caso per investire di più nel tuo budget SEO, le conversazioni possono iniziare a diventare un po ‘complicate.

Per uno specialista SEO, la teoria è di base: maggiore attenzione e budget vengono assegnati al SEO, migliore sarà la tua attività nei motori di ricerca, il che si riferisce a un aumento delle opportunità e delle vendite. Sfortunatamente, questo non è sempre il caso, e anche una strategia SEO che sta funzionando bene e fornendo risultati può essere difficile da dimostrare.

Le strategie SEO sono in costante evoluzione e questi cambiamenti possono essere difficili da tenere al passo con coloro che non sono direttamente coinvolti nel settore. Inoltre, la SEO è spesso fraintesa dai decisori. Le tattiche sembrano eccessivamente tecniche o i modelli ROI non sono chiari. Questi fattori possono creare incertezza ed esitazione quando è il momento di considerare di investire più soldi nelle tue campagne SEO.

Al fine di creare un caso migliore per aumentare il budget SEO, è necessario presentare prove del fatto che SEO aiuterà la tua azienda a guidare più traffico, migliorare la sua posizione di ricerca contro la concorrenza, aumentare le opportunità di lead, aumentare le entrate e alla fine produrre un ROI positivo.

Quali decisori devono sapere sul SEO

SEO è un investimento nella tua attività. Come con molte altre opportunità di investimento, può richiedere molto tempo prima di iniziare a generare un rendimento evidente, a volte fino a 12 mesi. Dovresti impostare questa aspettativa fin dall’inizio, perché spesso i decisori sono interessati a risultati immediati. È probabile che stiano prendendo in considerazione altre strategie che potrebbero produrre un ROI più rapido o apparire più prezioso al momento.

Ad esempio, un decisore potrebbe essere interessato al budget per più dipendenti, aggiungendo nuovi strumenti per strategie esistenti, aumentando la spesa pubblicitaria o una varietà di altri investimenti. Aumentare la spesa SEO potrebbe essere l’ultima cosa a cui pensare se non hanno ancora visto prove di un ritorno positivo o non si rendono conto dell’impegno a lungo termine che una strategia SEO richiede per avere successo.

Se la tua azienda sta attualmente investendo in una strategia SEO, dovresti produrre dati concreti che aiutino a dimostrare al decisore che investire in SEO è stato un uso efficace del budget della tua azienda. La sfida per molti marketer e specialisti SEO è che questi dati possono essere difficili da trovare o possono richiedere mesi per accumularsi, motivo in più per essere trasparenti con il decisore per aiutarli a capire meglio di essere pazienti con i risultati.

Per combattere questa mentalità, dovresti raccogliere e documentare le metriche chiave che aiutano a dimostrare l’efficacia del tuo investimento SEO. Presenta dati che confrontano il posizionamento delle parole chiave e il traffico di ricerca organico prima del tuo investimento SEO con quello che ricevi ora. Se c’è un notevole aumento, questo può indicare che le tue campagne SEO stanno guadagnando trazione e questo può suscitare l’interesse dei tuoi decisori.

Diffidare, però. Il traffico di ricerca organico può spesso essere attribuito ad altre iniziative di marketing e un decisore potrebbe voler conoscere la correlazione diretta tra il proprio investimento SEO e un aumento del traffico. Per evitare semplicemente di usare il tuo intuito, dovresti fare un riferimento incrociato al tuo traffico organico con i dati di altre campagne di marketing. Questo può aiutarti a capire meglio da dove proviene il tuo traffico e quanto sono efficaci le tue campagne SEO.

Il traffico di ricerca e la crescita delle parole chiave possono fornire alcuni dati iniziali per far rotolare la palla, ma ciò che entusiasma davvero i responsabili delle decisioni è il modo in cui ciò sta effettivamente influenzando i profitti. Se il tuo posizionamento è più elevato con le parole chiave che è probabile che un lead qualificato cerchi, dovresti essere in grado di sostenere che non stai solo guidando più traffico e creando più opportunità di conversione, ma stai influenzando direttamente le vendite.

Un buon SEO può migliorare i tassi di conversione, un argomento forte per aumentare il budget.

Per sostenere queste affermazioni, analizza la generazione di lead e i tassi di conversione prima e dopo l’implementazione della tua strategia SEO. Maggiore è il numero di dati approfonditi che puoi fornire, più è probabile che siano forti le tue argomentazioni per aumentare il budget.

Se non disponi ancora di dati utilizzabili che provino le tue iniziative SEO, dovresti creare e documentare un piano chiaro per raccogliere queste informazioni. Collabora con i seguenti dipartimenti per sviluppare una strategia più forte e raccogliere supporto per le tue campagne SEO andando avanti.

Leadership: comunica con la tua leadership e i responsabili delle decisioni per comprendere meglio quali sono le loro aspettative e obiettivi quando investono in SEO. Con queste informazioni, puoi trovare le metriche più importanti su cui riferire e concentrarti meglio sulla presentazione di tali dati.

Marketing e vendite: collabora con i team di marketing e vendite per comprendere meglio quali parole chiave sono più importanti per loro e in che modo la SEO in crescita può essere correlata a un aumento delle vendite. Questi team sono spesso direttamente influenzati dalle prestazioni delle tue campagne SEO e probabilmente hanno idee su come la crescita del tuo budget SEO possa aiutare il business. I loro suggerimenti possono aiutarti ad alimentare il tuo caso.

IT – La creazione di buy-in dal dipartimento IT può essere uno degli aspetti più importanti da considerare quando si aumenta il budget SEO, poiché sono i più responsabili dell’implementazione tecnica. Il successo delle tue campagne può dipendere in gran parte dal loro rendimento. Dovresti assicurarti che abbiano le competenze e le risorse disponibili per far crescere efficacemente i tuoi sforzi SEO.

Fornitori di servizi SEO in outsourcing – Un’agenzia SEO generalmente impiega una varietà di esperti, ognuno con un’opinione diversa sul motivo per cui è necessario aumentare il budget. Chiedendo loro come è meglio presentare un caso per SEO, è possibile raccogliere ulteriori informazioni e risorse necessarie per presentare un caso migliore ai propri decisori.

Collaborando con i tuoi colleghi e connettendoti con professionisti esterni, puoi assicurarti che gli interessi e gli obiettivi della tua attività siano ben presentati nella tua discussione. Ai decisori piace vedere di aver fatto la dovuta diligenza e di aver analizzato ogni aspetto della strategia prima di chiedere più soldi.

Offri una varietà di soluzioni e opzioni di budget

Raramente esiste una soluzione corretta per ogni azienda in tutte le situazioni e la SEO non è diversa. Quando decidi quale budget potrebbe soddisfare al meglio le tue esigenze SEO, dovresti rivolgerti ai tuoi decisori con uno scenario valido, migliore e nel migliore dei casi. Ciò consente al team di decidere in definitiva quale sia l’approccio migliore per l’azienda e può aiutarli a destreggiarsi tra i desideri e le esigenze di altri dipartimenti durante la finalizzazione di un budget.

Il seguente potrebbe essere un esempio di un direttore marketing che riunisce tutte le ricerche e fa in modo che la sua società SaaS di medie dimensioni cresca il proprio budget SEO. Ricorda, più ricerche e dati puoi fornire, più è probabile che il tuo argomento sia.

Buono – “Se continuiamo a spendere al nostro ritmo attuale per la SEO, possiamo aspettarci una crescita simile per il prossimo anno. I dati suggeriscono che stiamo aumentando le classifiche per le seguenti parole chiave e possiamo attribuire questo principalmente al nostro budget SEO. Il responsabile delle vendite ha affermato che ha bisogno di vedere più lead per raggiungere i nostri attuali obiettivi di vendita e con la nostra attuale opzione di spesa, potremmo venire a corto di risorse. “

Meglio: “Aumentando moderatamente il nostro budget SEO, dovremmo avere l’opportunità di espanderci in altre parole chiave e continuare a sfruttare il successo che abbiamo visto con le nostre parole chiave attuali. Possiamo aspettarci che il nostro traffico organico cresca del 5-10% dopo circa 6 mesi. Al nostro attuale tasso di generazione di lead, ciò potrebbe dare al nostro team di vendita un aumento dell’1-3% nei lead, che può migliorare notevolmente le possibilità di raggiungere gli obiettivi della nostra azienda. Abbiamo parlato con il dipartimento IT e non avrebbero bisogno di risorse aggiuntive per implementare questo cambiamento, ma il team di vendita potrebbe aver bisogno di un dipendente aggiuntivo. “

Il migliore – “Pensiamo di poter davvero fare una corsa a casa e aumentare i nostri profitti se investiamo molto nel content marketing per aumentare i nostri sforzi SEO. I nostri dati attuali suggeriscono che raddoppiando il nostro budget, potremmo vedere un aumento del 40-50% del traffico e le nostre vendite potrebbero salire alle stelle. Con questo piano avremmo bisogno di assumere da tre a cinque dipendenti in più, altrimenti dovremmo prendere in considerazione la possibilità di contrattare con un’azienda esterna per migliorare i nostri sforzi SEO . Abbiamo realizzato diversi scenari per raggiungere questo obiettivo e possiamo tranquillamente aspettarci non solo di raggiungere gli obiettivi di fatturato di quest’anno, ma di continuare a raggiungerli e superarli per i prossimi 18-24 mesi “.

Le situazioni e i numeri sottintesi sono ovviamente arbitrari, ma dovresti prendere questi concetti e applicarli alle tue strategie e obiettivi di business per trovare le migliori soluzioni per te e il tuo team.

Presentare una richiesta per far crescere il tuo budget SEO può essere una sfida difficile, ma istruendo i tuoi decisori e fornendo una varietà di opzioni di budget e proposte di valore a beneficio della tua attività, puoi strutturare correttamente la tua discussione come uno scenario vantaggioso per l’intero azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close