Cerca

Come fare il Re-Branding del tuo Business in 5 passaggi

Tempo di lettura: 17 minuti

Uno degli aspetti più costosi e dispendiosi in termini di tempo di un marchio è la progettazione di un nuovo sito Web. Invece di provare a convertire un vecchio design in uno nuovo, creane uno rapidamente con Squarespace . Rende la progettazione di un sito professionale interno e senza competenze tecniche veloce, semplice e conveniente a soli $ 12 al mese. Prova oggi Squarespace .

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Visita Squarespace

Come funziona il rebranding

Il rebranding è quando un’azienda aggiorna la sua identità visiva e testuale, inclusi loghi e slogan, per aiutare a cambiare la percezione pubblica del proprio marchio. Per rinominare con successo, ricerca il tuo mercato e la concorrenza per capire ciò che il tuo pubblico desidera. Quindi, crea una strategia per costruire e implementare un nuovo marchio. Infine, aggiorna l’identità del tuo marchio, compresi tutti gli asset di marca, e presentala al pubblico.

Prima di iniziare il rebranding, è importante identificare il motivo preciso per cui stai sviluppando un nuovo marchio; questo ti aiuta a determinare la futura strategia del marchio e determinare se il rebranding ha successo. Successivamente, analizza il tuo mercato, imparando chi è il tuo pubblico di destinazione e quali sono le loro esigenze. Dopo aver raccolto queste informazioni, analizza i tuoi concorrenti: cosa fanno e cosa offrono e come si riflettono nei loro marchi.

Comprendendo il tuo mercato, puoi quindi iniziare a creare la tua nuova strategia di marca o il tuo piano di branding a lungo termine. A seconda dell’obiettivo del tuo marchio, questo può semplicemente includere un nuovo logo o può includere un’immagine del marchio completamente nuova con un nuovo messaggio e una dichiarazione di missione rivista. Annota esattamente cosa vuoi cambiare e quali sono le modifiche proposte, nonché quali sono le modifiche più importanti. Questo ti aiuta a dare la priorità alle attività di rebranding.

Con un nuovo set di strategie di marca, è tempo di ridisegnare e aggiornare l’identità del marchio. Qui è dove metti in azione la tua nuova strategia di marca. Per fare ciò, ridisegna tutti gli elementi del marchio relativi al tuo obiettivo di rebranding, inclusi, se pertinenti, il tuo logo, slogan, sito Web e canali di social media. Successivamente, pubblicizza il tuo rebranding usando comunicati stampa, campagne e-mail e annunci a pagamento. Infine, mantieni il tuo nuovo marchio e monitora i suoi effetti sul tuo mercato di riferimento.

Quando rinominare un’azienda

L’obiettivo finale di un marchio è quello di cambiare il modo in cui il pubblico considera un’azienda. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che si è evoluto e sta cercando di raggiungere un nuovo mercato, non è contento della percezione dei clienti, l’attuale marchio non serve al pubblico di riferimento o il suo marchio esistente è antiquato.

Ecco i cinque casi più comuni in cui un’azienda dovrebbe ripetere il marchio:

  • Quando il tuo marchio non è chiaro: non tutte le aziende hanno un marchio chiaro o qualcosa per cui sono conosciute. Senza un marchio chiaro, le aziende non si distinguono dalla concorrenza. Se ti manca questo tipo di differenziazione, potresti aver bisogno di un nuovo marchio. Ad esempio, nell’affollata industria automobilistica, Volvo si è definita una “casa automobilistica sicura”, mentre Toyota è nota per l’affidabilità.
  • Quando il tuo marchio è obsoleto: i tempi cambiano e anche i marchi. A volte, il marchio diventa antiquato o semplicemente irrilevante con l’introduzione di una nuova concorrenza. Gli elementi del marchio datati possono includere qualsiasi cosa, da un vecchio logo che ora sembra poco professionale a slogan e messaggi che non si collegano con il pubblico di destinazione o sono completamente offensivi.
  • L’attuale branding non rappresenta il business: i marchi non sempre servono efficacemente un business, il che significa che a volte c’è una disconnessione tra il modo in cui un’azienda vuole essere vista e il modo in cui viene effettivamente visualizzata. Ciò accade spesso quando un’impresa si evolve, ad esempio modificando l’offerta di prodotti o servizi o aggiornando la propria missione.
  • Quando il mercato si evolve: i mercati cambiano costantemente e ciò che ha portato al tuo successo potrebbe non essere sufficiente per mantenerlo di successo. Quando un mercato cambia, il marchio deve essere aggiornato per rimanere rilevante. Ad esempio, quando i caffè – in particolare Starbucks – sono diventati popolari negli anni ’90, McDonald’s ha risposto non solo offrendo una nuova linea di caffè e prodotti di tipo caffè, ma lo ha fatto con il marchio McCafe.
  • Quando vuoi raggiungere un nuovo mercato: man mano che le aziende evolvono, aumenta anche il loro pubblico. E mentre alcuni marchi potrebbero essere in grado di attenersi al loro marchio di lunga data quando si espandono in nuovi dati demografici, è probabile che debbano cambiare per fare appello a una diversa serie di esigenze, interessi e punti deboli del consumatore.

Prima di immergerti in un marchio, valuta attentamente se la tua attività è pronta o meno. Un marchio dovrebbe in definitiva allineare il modo in cui un’azienda vuole essere percepita dal suo pubblico con il modo in cui quel pubblico la percepisce effettivamente. Una disconnessione si verifica quando un marchio è debole, incompleto o mal progettato; per evitare questo, e le vendite perse che ne derivano, assicurati di identificare chiaramente un motivo per il rebranding.

Come rinominare un’azienda in 5 passaggi

Per eseguire il rebranding, identificare innanzitutto il motivo del rebranding e quindi condurre ricerche di mercato e competitive per vedere come posizionare al meglio il nuovo marchio per il massimo impatto con il pubblico di destinazione. Successivamente, sviluppa una strategia di marca, che è il tuo piano per creare la tua nuova identità di marca, inclusi elementi come loghi, slogan, siti Web e altre risorse. Infine, annuncia pubblicamente il tuo nuovo marchio.

Ecco come rinominare la tua attività in cinque passaggi:

1. Identifica il motivo per cui stai rinominando

Ci sono innumerevoli ragioni per rinnovare il marchio, ma la maggior parte rientra in cinque categorie: evoluzione del mercato, evoluzione del business, nuove prospettive di mercato, scarsa percezione nel mercato di riferimento e prestazioni scarse tra i concorrenti. Prenditi del tempo per considerare questi motivi comuni per il rebranding; se ritieni che uno di questi sia probabilmente vero per la tua attività, assicurati di eseguire il backup delle tue ipotesi con i dati di mercato e dei consumatori.

Ecco cinque motivi comuni per rinnovare il marchio:

  • Il tuo mercato si è evoluto
  • La tua attività si è evoluta
  • Stai cercando di entrare in un nuovo mercato
  • Il tuo marchio attuale non è adatto al tuo mercato di riferimento
  • Il tuo marchio attuale non è abbastanza forte da distinguersi dalla concorrenza

Il rebranding richiede un serio investimento di tempo e risorse, quindi è meglio capire la vera ragione del rebrand. Prenditi del tempo per considerare i motivi sopra indicati e assicurati di condividere i tuoi pensieri con le parti interessate dell’azienda per ottenere la loro visione.

2. Condurre ricerche di mercato e concorrenti

La ricerca di mercato è il processo attraverso il quale raccogli informazioni sul tuo mercato per capire come opera il tuo pubblico target, quali sono le sue esigenze e come puoi collegarti con loro. La ricerca sulla concorrenza studia specificamente le aziende concorrenti, compresi i loro marchi, per vedere come hanno avuto successo nel creare e distribuire un’identità di marchio efficace. È importante condurre entrambi i tipi di ricerca al fine di informare la tua strategia di rebranding.

Ecco i due tipi di ricerca che dovrebbero costituire la base del tuo rebranding:

Ricerca il tuo mercato

Conduci ricerche di mercato non solo per conoscere meglio i tuoi clienti esistenti, ma anche per conoscere il tuo pubblico di riferimento. Considera come un rebrand influenzerà i clienti esistenti; chiediti cosa vogliono veramente i clienti e cosa li motiva. Ove possibile, raccogliere dati su dati demografici, esigenze, punti critici e interessi del pubblico target per aiutare a informare la tua ricerca.

Ecco alcune domande da porre durante la ricerca nel tuo mercato:

  • In che modo il rebrand influirà sui clienti esistenti?
  • In che modo un marchio rinnovato raggiungerà e risuonerà con il tuo pubblico target?
  • Cosa vendi e perché i clienti acquistano da te?
  • Che dire della tua missione o messaggio risuona maggiormente con i clienti?
  • Quale lingua utilizza il tuo pubblico di destinazione per comunicare le sue esigenze e come puoi utilizzare quella stessa lingua nel tuo marchio?
  • Quali sono le abitudini di spesa dei tuoi acquirenti ideali?
  • Dove e quando i tuoi attuali clienti acquistano più frequentemente i tuoi prodotti?

Analizza la tua concorrenza

Quindi, condurre ricerche sui concorrenti . Puoi farlo cercando parole chiave di prodotti o di settore, oltre alla tua posizione su Google (come “abbellimento di miami”) e rivedendo i siti di aziende di alto livello. Puoi anche cercare negli elenchi di attività commerciali online come Google My Business e Yelp per trovare concorrenti per categoria. Quindi, rivedi i loro siti Web, i marchi e tutti i materiali disponibili per vedere cosa offrono e come si presentano al pubblico.

Ecco alcune domande da porre durante l’analisi della concorrenza:

  • Cosa offre la concorrenza e come si presentano?
  • Cosa fa bene la concorrenza?
  • Cosa fai meglio della concorrenza?
  • A chi si rivolge la concorrenza?
  • Come si marchiano i concorrenti?
  • Qual è la missione dichiarata della tua competizione?
  • Cosa dicono i clienti della concorrenza?

Comprendendo le offerte dei tuoi concorrenti, chi stanno prendendo di mira, qual è la loro missione e in che modo il loro marchio riflette questi elementi, puoi scoprire come la tua attività è diversa e dove potresti migliorare il tuo marchio. Tieni presente che non vuoi semplicemente imitare la concorrenza; usa ciò che fanno bene nel contesto del tuo marchio e della tua messaggistica, distinguendoti anche.

3. Sviluppare una nuova strategia di marca

Una strategia di marca è il tuo piano a lungo termine per costruire e mantenere un marchio di successo. È essenzialmente un piano di gioco per il tuo rebranding, che delinea il posizionamento del tuo marchio — o come desideri che i consumatori pensino al tuo marchio — così come tutti gli elementi che devono essere aggiornati per riflettere quel posizionamento, come verranno aggiornati e quando sarà reso pubblico.

Determinare il posizionamento del marchio

In breve, il posizionamento del marchio è come i consumatori pensano di un marchio. È una breve descrizione di come la tua azienda si adatta al suo mercato e alle menti dei consumatori. Per elaborare il posizionamento del tuo marchio, pensa alla proposta di valore unica della tua azienda e al modo in cui desideri che venga presentato ai consumatori. Assicurati di scegliere solo una cosa; è più facile marcare intorno a una cosa piuttosto che marcare su diverse.

Considera, ad esempio, le case automobilistiche giapponesi concorrenti Toyota e Subaru. Mentre entrambi offrono linee di prodotti simili, sono posizionati in modo molto diverso. Toyota è il marchio ultra affidabile (con annunci che vantano la longevità del veicolo), mentre Subaru è il marchio dallo spirito libero per gli appassionati di attività all’aperto. Invece di competere per l’affidabilità, Subaru utilizza la sua vasta gamma di veicoli a trazione integrale – qualcosa che favorisce le avventure all’aperto – come fattore di differenziazione.

Crea il tuo messaggio di marca

La messaggistica di marca è ciò che comunica la posizione del tuo marchio al tuo mercato. Ciò include qualsiasi cosa, dal nome della tua attività e slogan alla copia del sito web. In breve, è tutto ciò che dice al tuo pubblico qual è il tuo marchio, che cosa rappresenta e come offre la missione della tua azienda. Per raggiungere i tuoi obiettivi di rebranding, determina quali messaggi devi modificare o creare e concentrati solo su quegli elementi. Inoltre, assicurati che tutti i messaggi siano coerenti.

Un ottimo esempio di messaggistica di marca efficace, coerente e coerente viene da RedBull. Il suo slogan, “Ti dà le ali”, trasmette un senso di incredibile successo, alimentato da RedBull. La società ha mantenuto un servizio di messaggistica coerente nel corso degli anni collegando i suoi slogan a vari tipi di risultati incredibili, inclusi sport estremi e acrobazie da record.

Determina le esigenze e la sequenza temporale del rebranding

Ora che hai la posizione del tuo marchio e la messaggistica in atto, delinea gli elementi aggiuntivi del marchio che dovrai aggiornare. Ciò può includere il tuo logo, design del sito Web, account di social media, pubblicità stampata, annunci digitali, packaging, divise dei dipendenti o qualsiasi altra cosa con il tuo marchio. Inizia con gli elementi chiave che verranno probabilmente implementati sui prodotti, come il tuo logo, quindi passa agli elementi del marchio che saranno condivisi con il pubblico meno frequentemente, come gli slogan.

Ecco nove elementi principali di una nuova identità di marca:

  • Nome dell’azienda : in alcuni casi, le aziende cambiano il loro nome come parte di un marchio. Questo è in genere quando un’azienda si è espansa e il suo nome non rappresenta più ciò che offrono o dove lo offrono.
  • Logo: un logo è la prima cosa che le persone vedono e sebbene i loghi dovrebbero essere generalmente semplici, possono ancora dire molto su un’azienda. Man mano che un’azienda cresce o si evolve, potrebbe voler aggiornare il suo logo per inviare un nuovo messaggio al suo mercato.
  • Slogan: quando un’azienda o un mercato cambiano, anche uno slogan dovrebbe cambiare. Ciò aiuterà le aziende a comunicare e connettersi meglio con il loro pubblico di destinazione.
  • Materiale di marketing: tutti i materiali di marketing utilizzati da un’azienda devono essere aggiornati a seguito di un rebranding, da brochure e cataloghi a biglietti da visita. Ciò garantisce una presenza coerente del marchio.
  • Imballaggio: un’azienda che vende prodotti dovrebbe anche aggiornare l’imballaggio per riflettere la sua nuova immagine di marca. Questo va oltre la sostituzione del tuo vecchio logo con uno nuovo. Include anche tipi di imballaggi, colori e dimensioni delle etichette, caratteri e qualsiasi altra cosa coinvolta nella progettazione di pacchetti di prodotti.
  • Segnaletica: le aziende di mattoni e malta dovranno aggiornare la propria segnaletica dopo un nuovo marchio in modo che il suo nuovo segno utilizzi il suo nuovo nome, logo e combinazione di colori. Senza questa modifica, i clienti saranno probabilmente confusi.
  • Sito Web: ogni azienda deve aggiornare il proprio sito Web dopo un nuovo marchio in modo che il sito si allinei con il nuovo marchio anziché con il vecchio. Le aziende che effettuano un rebranding leggero potrebbero essere in grado di aggiornare il proprio sito esistente, mentre quelle che conducono un rebrand totale dovranno probabilmente creare un nuovo sito.
  • Social media: le aziende in fase di rebrand dovrebbero aggiornare tutti i loro account sui social media con nuovi elementi del marchio dai media (ad esempio, foto del profilo e foto di copertina) alla messaggistica del marchio. Ciò include l’aggiornamento di tutti gli account, come Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, Pinterest e LinkedIn.
  • Pubblicità: il modo in cui un’azienda pubblicizza cambierà il post-rebrand. Le aziende dovrebbero scegliere di fare pubblicità su piattaforme che raggiungono il loro pubblico con annunci che rafforzano non solo gli elementi visivi del tuo nuovo marchio, ma anche i suoi messaggi.

Una volta che hai un elenco di questi elementi in ordine di priorità, crea un quadro approssimativo di quando hai bisogno che ognuno di essi sia aggiornato e distribuito. Inoltre, prendi nota di chi dovrebbe essere coinvolto nel rebranding e, se applicabile, quale sarà il costo (come il costo della progettazione del logo in outsourcing ). Infine, aggiungi note al tuo profilo sui dettagli del marchio che desideri condividere con i collaboratori di rebranding, come i colori e i caratteri del marchio. È anche possibile aggiungere schizzi, come desiderato.

4. Aggiorna l’identità del tuo marchio

Con una chiara strategia del marchio, la prossima cosa da fare è riprogettare e aggiornare l’identità del marchio in modo che corrisponda alla posizione e alla messaggistica del marchio stabilite. Utilizzando la struttura del passaggio 3 come guida, collabora con i membri del team interno e, se necessario, con i progettisti esterni per aiutarti ad aggiornare gli elementi del tuo marchio. Assicurati di attenersi alla cronologia il più vicino possibile e di distribuire nuovi elementi del marchio solo quando sono completamente pronti.

Man mano che finalizzi gli elementi del marchio, assicurati che siano archiviati in un luogo centralizzato per l’accesso da parte di tutti i membri del team che potrebbero averne bisogno. Inoltre, se si stanno creando file grafici, assicurarsi che siano in formati che possono essere utilizzati da tutti i dipendenti interessati.

5. Pubblicizza e mantieni il tuo nuovo marchio

Dopo aver aggiornato l’identità del tuo marchio, è tempo di presentare il tuo nuovo marchio al mondo. Ciò è fondamentale in quanto consente di controllare in che modo i potenziali clienti apprendono del nuovo marchio e garantisce che i clienti esistenti non ne siano sorpresi. Per pubblicizzare il tuo nuovo marchio, condividilo con il pubblico ottenendo la copertura stampa o ospitando un evento. Inoltre, parlane con i tuoi attuali clienti usando l’email marketing o i social media.

Ecco cinque modi per pubblicizzare il tuo nuovo marchio:

  • Ottieni copertura stampa: crea e distribuisci un comunicato stampa per ottenere visibilità nei punti di informazione locali e nazionali. Il modo migliore per sbarcare la stampa è utilizzare un servizio di distribuzione di comunicati stampa che invia il tuo comunicato stampa ai punti vendita che servono il tuo pubblico di destinazione. Ulteriori informazioni su come scrivere un comunicato stampa .
  • Ospitare un evento: per le aziende di mattoni, un modo divertente per introdurre un nuovo marchio è ospitando un evento. Ciò è particolarmente utile per le aziende dell’ospitalità come i ristoranti che ottengono un restyling durante il processo di rebranding e vogliono mostrare sia i loro interni di nuova concezione che le offerte di menu freschi.
  • Email marketing: avvisa la tua base di clienti esistente utilizzando l’email marketing. È un modo semplice per raggiungere e presentare il tuo nuovo marchio ai tuoi clienti, oltre a permetterti di spiegare perché sei stato rinominato e cosa significa per loro il rebranding.
  • Usa i social media: annuncia il tuo rebranding sui social network. Questa può essere una buona opportunità per raggiungere i clienti esistenti, ma spiega anche ai nuovi visitatori perché l’aspetto e il contenuto del tuo profilo stanno cambiando.
  • Prova il co-marketing: collabora con un’altra società per pubblicizzare il tuo nuovo marchio. Ad esempio, un’azienda di tè rinominata potrebbe collaborare con un hotel locale e offrire loro prodotti scontati. Fornendo loro tè a prezzi accessibili per i loro ospiti, l’azienda del tè non solo crea una nuova collaborazione redditizia, ma espone il suo tè rinominato a un nuovo pubblico.

Il rebranding di un’impresa non è uno sforzo “unico”, ma uno sforzo continuo e coerente per mantenerlo e rafforzarlo. Affinché il rebranding abbia successo, ogni area di un’azienda deve acquistare il rebranding e fare la propria parte per promuoverlo sia internamente che esternamente. Coloro che sono centrali nello sforzo di rebranding dovrebbero mettersi a disposizione degli altri dipendenti se hanno domande; questo aiuta a garantire che la messaggistica del nuovo marchio rimanga coerente.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

7 esempi di rebranding riuscito

Uno dei modi migliori per imparare a fare il rebranding è guardare esempi di altre aziende che sono state rinominate con successo. Per aiutare, abbiamo raccolto sette degli sforzi di rebranding di maggior successo e di alto profilo negli ultimi anni, insieme a una spiegazione di cosa comportava il rebranding.

Ecco sette esempi importanti di rebranding:

1. Uber

Logo di Uber

Il logo di Uber dopo il rebranding

Uber, il colosso della corsa in coppia, ha deciso di rinnovare il marchio dopo le dimissioni del suo CEO, Travis Kalanick, che ha fatto notizia per molestie sessuali. È stato rinominato per cambiare l’opinione del pubblico sull’azienda e mentre gli elementi di rebranding rivolti al pubblico erano minimi – la società ha lasciato cadere il logo in maiuscolo a favore di una versione più amichevole – ha anche aggiornato le sue offerte principali, inclusa l’aggiunta della verifica del driver per aiutare i ciclisti si sentono più sicuri.

2. Burberry

Post-marchio post campagna pubblicitaria Burberry

Post-marchio post campagna pubblicitaria Burberry

Burberry, un marchio di moda di lusso britannico noto per i suoi trench da $ 2.000, è diventato così sinonimo di gangster nel Regno Unito che il marchio è stato effettivamente bandito da alcuni pub. Naturalmente, ciò ha comportato una perdita di quote di mercato poiché molti consumatori non volevano essere associati a un marchio “criminale”. Burberry ha risposto riposizionando il suo marchio come decisamente più elegante e moderno, supportato da diverse campagne pubblicitarie di fascia alta con modelli sexy e glamour.

3. Harley Davidson

Harley Davidson rebranding

Harley Davidson rebranding

All’inizio del 2010, Harley Davidson stava lottando per rimanere a galla; la sua base di consumatori della fine del XX secolo non era più nel mercato delle motociclette. Ciò che la società doveva fare era aggiornare la sua immagine per attirare un pubblico più ampio, comprese le generazioni più giovani e un mercato più “bianco”. Come parte del suo marchio del 2016, ha creato nuove motociclette più moderne e più facili da guidare a fianco di messaggi chiari ed energici.

4. Volvo

Campagna di rebranding di lusso Volvo

Campagna di rebranding di lusso Volvo

Volvo è una casa automobilistica che si è sempre appoggiata alla sua praticità svedese, ma ha anche gareggiato nel mercato del lusso di fascia alta. Essendo oscurato da altri marchi di lusso europei come Mercedes e BMW, aveva bisogno di un nuovo marchio per distinguersi. Per fare ciò, nel 2010 si è rinominato marchio di lusso sinonimo di sicurezza. Gli annunci pubblicitari ruotavano attorno alle caratteristiche di sicurezza di Volvo, insieme al design elegante, all’appeal sexy e all’ingegneria di prim’ordine.

5. Lego

Legoland

Legoland

Lego stava perdendo popolarità nel 21 ° secolo per i giocattoli moderni basati sulla tecnologia, quindi si rinominò per rimanere aggiornato in un mercato saturo di elettronica. Tuttavia, ha adottato un approccio unico al rebranding; ha cercato di attirare i bambini dando loro un divertimento esperienziale ancora più pratico rispetto agli stessi Lego. Ciò prese la forma dei film Lego, ormai celebri, Legoland e di un amato parco di divertimenti.

6. Southwest Airlines

Re-branding della Southwest Airlines

Compagnie aeree del Sud-ovest

Southwest Airlines, precedentemente posizionata come compagnia aerea a basso costo, ha lavorato per riposizionarsi nei primi anni 2000 come compagnia aerea divertente e amichevole che sostiene i prezzi bassi con servizi extra. Ha cercato le giovani generazioni e le giovani famiglie come clienti offrendo servizi che questo valore demografico, come bagagli registrati gratuiti e biglietti rimborsabili. La società ha anche lanciato annunci divertenti e giovanili, nonché festival regolari nelle città di tutto il paese.

7. Olio di irving

Logo Irving dopo il rebrand

Logo Irving dopo il rebrand

Le stazioni di servizio tradizionalmente competono in base alla posizione, in modo familiare e al prezzo, e mentre Irving Oil era uno dei tanti nel mix, voleva distinguersi. Per differenziarsi, è stato rinominato intorno al 2010 per posizionarsi come la stazione di servizio pulita e moderna. Ha raggiunto questo obiettivo aggiornando le pompe di benzina e offrendo migliori servizi in negozio come panetterie, bar e servizi igienici puliti. Ha anche aggiornato il suo logo e lasciato cadere “olio” dal suo nome.

5 consigli per un successo del rebrand

Il rebranding può essere un processo difficile che comprende molte fasi e strategie diverse e ogni azienda avrà il proprio approccio per raggiungere i propri obiettivi unici. Per avere maggiori informazioni su come rinominare un’azienda, abbiamo chiesto ai professionisti i loro consigli.

Ecco cinque suggerimenti dei professionisti per un rebrand di successo:


Darren Easton

1. Ricorda che il rebranding è un investimento

Darren Easton, Vicepresidente e direttore creativo, The Cyphers Agency

Un buon rebranding richiede un investimento molto significativo: in primo luogo, nel processo di ricerca e sviluppo; e in secondo luogo, nell’implementazione non solo di un nuovo logo, colori e slogan, ma anche di tutte le comunicazioni e i contenuti, che devono offrire la tua nuova voce. Questo investimento rende il rebranding piuttosto rischioso. Quindi, se le vendite sono semplicemente piatte e vedi il rebranding come una soluzione rapida o se non hai le risorse per farlo nel modo giusto, dovresti resistere alla tentazione.


Jenni Lachner

2. Stabilire una connessione significativa con i propri clienti

Jenni Lachner, Content Marketing Manager, Portent, Inc.

Indipendentemente dal motivo alla base di un rebrand (una fusione o acquisizione, un cambiamento o espansione nei servizi, o anche solo per differenziare la tua azienda dalla concorrenza), la chiave del successo è creare e mantenere una connessione significativa con i tuoi clienti. E mentre un marchio non porta automaticamente nuovi affari, usarlo per stabilire coerenza, affidabilità e fiducia con il tuo pubblico costruirà una reputazione che vende.


Andrew Taylor

3. Avere un obiettivo chiaro per il rebranding

Andrew Taylor, direttore, Net Lawman

Durante il rebranding, è importante ricordare che ci sono elementi (fattori) essenziali che devono essere soddisfatti affinché il marchio abbia una possibilità in un mercato sovraffollato. Ogni tentativo di creare un marchio deve avere una propria strategia per promuovere i suoi prodotti. L’essenza di un marchio è il suo valore che deve essere riconosciuto dai consumatori stessi. Quindi qualsiasi tentativo di rebranding dovrebbe avere un obiettivo ben definito da raggiungere.


Paige Arnof-Fenn

4. Fornisci ciò che è importante per i tuoi clienti

Paige Arnof-Fenn, fondatore e CEO, Mavens & Moguls

Nella mia esperienza, non ci sono davvero trucchi o scorciatoie per il successo, e si applicano ancora i classici principi di branding: scopri chi è il tuo pubblico di destinazione e ciò che è importante per loro, scegli non più di due o tre messaggi chiave che vuoi comunicare e rafforzare quei messaggi chiave in tutto ciò che fai.


Garret Seevers

5. Assicurati che il tuo marchio rappresenti la tua missione

Garret Seevers, vicepresidente marketing, Azuga

Tutti gli elementi visibili del tuo marchio sono fondamentali per creare l’identità della tua attività. Ci dovrà essere una strategia dietro ogni decisione che viene presa. Identifica il tuo pubblico, il messaggio che vuoi trasmettere e crea un piano. Se hai l’opportunità di rinnovare il marchio, è importante ricordare che deve essere una buona rappresentazione di chi sei e qual è la tua missione.


Domande frequenti (FAQ)

Quanto costa rinominare un’azienda?

Il rebranding può essere costoso per molte aziende e può costare da poche centinaia di dollari a oltre $ 100.000 a seconda dell’ambito del marchio. Una piccola impresa che desidera aggiornare la propria identità di marca dovrà sostenere costi di base come la progettazione del logo, l’aggiornamento di tutti i materiali di marketing, la segnaletica e il sito Web. Una società più grande spenderà molto di più in quanto deve distribuire nuovi materiali di branding su tutti i prodotti e le attività.

Come posso rinominare il mio sito Web?

Parte del rebranding di un’azienda è l’aggiornamento e il rebranding di un sito Web per riflettere il nuovo marchio. Ciò può essere fatto aggiornando il sito Web esistente, ad esempio modificando il logo, lo slogan, i messaggi, i caratteri e la combinazione di colori o creando un nuovo sito Web. Questo può essere creato facilmente usando un site builder come Squarespace o usando un CMS come WordPress . Ulteriori informazioni su come creare un sito Web per piccole imprese .

Che cos’è un’immagine di marca?

In breve, un’immagine di marca è il modo in cui il pubblico percepisce la tua azienda. Ciò può essere influenzato dall’identità del marchio, dall’affermazione della missione, dai prodotti e servizi forniti e dal servizio clienti. Ulteriori informazioni sull’immagine del marchio e sulle statistiche del marchio .

Qual è la differenza tra l’immagine del marchio e l’identità del marchio?

L’immagine del marchio è il modo in cui le persone vedono un marchio, mentre l’identità del marchio è il modo in cui un marchio si presenta al pubblico. Idealmente, l’identità e l’immagine di un marchio si allineano, sebbene non sia sempre così; in caso contrario, è spesso un’indicazione che un’azienda deve prendere in considerazione il rebranding.

Bottom Line: Come rinominare

Il rebranding comporta l’aggiornamento delle risorse visive e di testo di un’azienda. Questo aggiornamento aiuta a creare un’immagine di marchio positiva che aumenta l’interesse e le vendite dei consumatori. Per rebranding, condurre ricerche di mercato e fissare il tuo obiettivo di branding. Quindi sviluppare una strategia di marca, creare una nuova identità di marca e introdurre il nuovo marchio. Infine, lavora per mantenere il nuovo marchio.

Ogni azienda che rebranding deve aggiornare il proprio sito Web per riflettere il suo nuovo marchio, ma questo può essere un processo laborioso e scrupoloso. L’aggiornamento di un vecchio sito si rivela spesso difficile e inefficace, quindi chi cerca di creare un nuovo sito in modo rapido e semplice dovrebbe provare un costruttore di siti, come Squarespace . Non è solo facile, ma è conveniente con piani a partire da $ 12 al mese. Prova oggi Squarespace .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close