Cerca

Come creare una Newsletter che aggiunge valore al tuo Business

Hai ragione, avremmo dovuto scrivere questo post su come creare una newsletter anni fa. Le newsletter sono ciò che facciamo dopo tutto! (Tra le altre cose .)

Ma valeva la pena aspettare, te lo assicuro.

come creare una newsletter

Immergiti in questa guida completa in cui ti prendo per mano e ti mostro tutto ciò che devi sapere per creare una newsletter strabiliante che DEFINITAMENTE convertirà.

Che cos’è una newsletter

Una newsletter via email è un potente strumento di marketing con varie funzioni .

Sono regolarmente sviluppati e distribuiti da vari settori per mantenere i contatti con i clienti, informarli su nuovi prodotti o servizi e vendite e condividere notizie, nuovi contenuti e aggiornamenti .

bisogno di co newsletter

Le newsletter via e-mail sono estremamente efficaci per creare un marchio forte, aumentare le vendite e creare relazioni durature con i clienti.

Perché hai bisogno di newsletter per la tua azienda

Le newsletter sono lo strumento assoluto per la tua azienda. Sono il modo migliore per comunicare con il tuo pubblico e possono aiutarti ad aumentare la consapevolezza del marchio e generare più lead di quanto tu possa mai immaginare.

E non è solo quello. Con le newsletter puoi anche tenere traccia delle prospettive e segnare il loro livello di interesse , conquistando infine un posto eterno nel loro cuore.

Ma abbastanza con il discorso generico. Vediamo tutti i motivi che rendono le newsletter il tuo principale strumento di marketing.

Andiamo insieme

Ripeti dopo di me: la parte più importante della tua attività sono i tuoi clienti. Quindi la tua massima priorità è connetterti con loro. Ecco perché gli dei del marketing ci hanno dato newsletter via e-mail (tra le altre ragioni, cioè).

Le newsletter via e-mail sono qui per aiutare le persone a conoscere il tuo marchio , blog o servizi e coltivare la fiducia e la lealtà .

Pensa alle tue newsletter come un modo per fornire valore che farà scegliere ai tuoi abbonati perché a loro piace e guardare al tuo marchio.

Come one, come all

Vuoi attirare più persone sul tuo sito web? Certo che lo fai! E, siamo sinceri qui, questo non sta accadendo in modo organico.

Per fortuna, le newsletter via email sono ottime per incoraggiare gli abbonati a visitare il tuo sito web. Ciò accade aggiungendo collegamenti pertinenti su banner, testo, immagini e ovviamente il pulsante Call-to-Action (CTA).

Se scegli come target il pubblico giusto e presentandogli contenuti pertinenti e utili, fare clic sui tuoi collegamenti e accedere al tuo sito Web è una strada a senso unico.

La vendita è ciò che fai

E-commerce qualcuno? Questo è per te! Le newsletter sono la tua migliore opportunità per portare i tuoi prodotti e servizi alla ribalta e guidare gli abbonati a un punto vendita .

Con il giusto design, immagini attraenti e copie accuratamente scritte, puoi incuriosire i consumatori per vedere di più e andare al tuo e-store per effettuare un acquisto.

Un ottimo consiglio per incrementare le vendite attraverso le newsletter è fornire un incentivo come un codice sconto o una promozione.

Come nascono marchi forti

Sappiamo tutti quanto sia importante il marketing del marchio .

In effetti, è ciò che fa innamorare i tuoi clienti del tuo marchio . E lo vogliamo tutti, no?

Ok, prima devi definire la strategia del tuo marchio. Ciò significa scegliere il tono, i colori, i caratteri della tua azienda e le modalità di approccio ai consumatori.

Ma poi devi diffonderlo su tutta la tua newsletter e mantenerlo coerente. In questo modo aiuti gli abbonati a sapere cosa aspettarsi, come navigare e interagire con i tuoi contenuti.

Il branding tramite newsletter via email aiuta i tuoi abbonati a creare un quadro più ampio di chi sei e farti distinguere tra la folla.

Congratulazioni! Un vero amore è nato!

Statistiche: i numeri dietro le newsletter

statistiche su come creare un'immagine di newsletter

Ti ho appena rivelato i motivi principali per cui una newsletter e-mail è uno strumento indispensabile per il tuo stack di marketing. Ma forse sei il “tipo di numeri”.

Forse hai bisogno di qualcosa di più solido per farti andare avanti. Quindi, ecco alcune statistiche strabilianti per aiutarti a prendere una decisione più veloce.

Nel 2019, gli utenti di posta elettronica globali sono stati pari a 3,9 miliardi . Questa cifra è destinata a crescere fino a 4,3 utenti nel 2023.

Per ogni $ 1 speso per l’email marketing, puoi aspettarti un ritorno medio di $ 42 .

Secondo i dati, l’ 81% delle piccole e medie imprese fa ancora affidamento sull’e-mail come principale canale di acquisizione dei clienti e l’80% per la fidelizzazione.

L’80% dei professionisti ritiene che l’email marketing aumenti la fidelizzazione dei clienti.

Il 59% degli intervistati afferma che le e-mail di marketing influenzano le loro decisioni di acquisto.

Gli acquirenti spendono il 138% in più se commercializzati tramite e-mail, rispetto a coloro che non ricevono offerte e-mail.

Piattaforme di email marketing: trova quella giusta per te

Molto tempo fa, in una galassia molto lontana, le newsletter significavano mettere insieme alcune immagini e premere un pulsante “invia”.

E poi è arrivata l’email marketing. Che è molto più di questo.

Oggi le newsletter via e-mail significano personalizzazione estrema, segmentazione strategica e libertà di creare il tipo di automazione che susciterà una risposta specifica da un pubblico specifico.

Quindi, prima di iniziare a creare la tua prima campagna di email marketing, devi assicurarti di aver scelto la piattaforma giusta per le tue esigenze.

Mentre abbiamo discusso tutto in questo post qui, lasciatemi sottolineare alcune funzionalità che dovreste cercare quando scegliete la vostra piattaforma:

Trascina e rilascia l’editor

Odio codificare? Trascina selezione è ciò di cui hai bisogno.

Email newsletter templates

come creare una newsletter con esempio di modelli moosend

La creazione di una newsletter da zero richiede tempo. Ecco perché hai bisogno di una piattaforma che offra un’ampia selezione di modelli adatti alle esigenze del tuo settore. Proprio come l’editor di Moosend, che include modelli per eCommerce, blogger, viaggi, abbandono del carrello o occasioni speciali.

Personalizzazione della campagna

Se desideri conversioni pazze, le e-mail personalizzate sono un must per la tua strategia di marketing.

Segmentazione della campagna

Raggruppare le tue mailing list in base a determinati criteri ti aiuta a indirizzare meglio i tuoi iscritti.

Reattività mobile

come creare una newsletter per esempio moosend vista mobile

Il numero di persone che usano il cellulare per lo shopping o altre azioni è in continua crescita. Quindi vuoi avere una piattaforma che adatta automaticamente i tuoi progetti alle dimensioni degli schermi mobili.

Test A / B

È un fatto. Alcune newsletter funzionano meglio di altre. E meriti di sapere se vuoi migliorare le tue campagne e diventare un esperto di email marketing.

Analisi e-mail

Se vuoi che le tue iniziative di email marketing abbiano successo, allora valutare e ottimizzare le tue campagne è estremamente importante. E sì, è più facile di quanto sembri.

integrazioni

Gli strumenti online utilizzati dalla tua azienda sono i tuoi poteri. Quindi devi essere sicuro che possano essere sincronizzati con la tua piattaforma di email marketing per lavorare bene insieme e potenziare la tua strategia.

Prova gratuita

Non pensare nemmeno a pagare per una piattaforma che non hai ancora testato! Non importa quanto possano essere buoni i loro servizi, è possibile che non soddisfino le tue esigenze specifiche.

Supporto

È sicuro al 100% che avrai bisogno di supporto ad un certo punto. Veloce, sempre presente e felice di aiutarti. Leggi le recensioni e chiedi ad altri utenti di raccontarti le loro esperienze prima di scegliere la tua piattaforma.

Hai una strategia per le newsletter?

come creare una newsletter definendo la tua immagine di strategia

Vuoi imparare come creare una newsletter. Ma sai perché?

Dato il suo massiccio ritorno degli investimenti, non sorprende che sempre più esperti di marketing stiano implementando l’email marketing .

Ma questo non significa che l’email marketing sia la lampada di Aladdin.

Se non ben pianificato, è destinato a fallire.

Quindi, prima di creare una newsletter devi sapere cosa, quando e perché lo stai facendo.

L’obiettivo di una specifica campagna di newsletter può essere:

  • Stabilisci solide relazioni con i tuoi clienti
  • Aumentare il coinvolgimento dei clienti
  • Massimizza il ROI
  • Upsell / Cross-sell
  • Spargi la voce e costruisci il tuo marchio
  • Fai crescere i tuoi social media segui
  • Aumenta la lealtà

Quindi come inizi?
Diamo un’occhiata ai passaggi che devi seguire:

Chi sta ascoltando?

Chi vuoi attirare con la tua newsletter? Stai promuovendo una nuova linea di abbigliamento sportivo per i Millennials? O forse passeggini per future mamme? In ogni caso, devi sapere come affrontare il gruppo specifico di persone, il che significa usare la lingua, le immagini e gli incentivi giusti.

È il momento giusto, signore?

Quante newsletter dovresti inviare? E quando è il momento migliore per farlo ? Mentre ci sono molti studi e post che spiegano le migliori pratiche, il metodo più sicuro è sempre quello di sperimentare, se vuoi davvero prendere il polso dei tuoi abbonati!
Anche il test A / B è super utile e consiglio vivamente di applicarlo spesso alle tue tattiche.

Cosa c’è nella borsa?

Anche se pensi di aver trovato il modo perfetto per comunicare il tuo messaggio, ripensaci prima di inviarlo.

Dovresti optare per un layout ricco di design pieno di immagini? Dovresti usare solo testo e collegamenti? O forse l’ email marketing video è ciò che il tuo pubblico desidera ardentemente?

Mentre in alcuni settori le newsletter pesanti di progettazione possono funzionare in modo sorprendente, in altre devi solo semplificare se vuoi coinvolgere i tuoi lettori. Inoltre, non devi mai dimenticare il tuo pubblico e ciò che è più simile a loro.

La domanda da porsi qui non è ciò che sembra migliore ma ciò che funzionerà meglio per far agire i tuoi abbonati.

La newsletter più preziosa al mondo

Ogni newsletter è il risultato di un duro lavoro e devozione per il tuo marchio e i tuoi obiettivi. Quindi vuoi che sia ricevuto con amore e anticipazione. Non finire nella cartella cestino prima ancora di leggere l’oggetto.

In realtà, questa è la paura di ogni marketer. E, TBH, non tutti possono essere orgogliosi del loro enorme numero di apritori.

Questo è dove entri però. Perché sai come aggiungere valore alla tua newsletter.

Ma, davvero, come aggiungi valore alla tua newsletter?

Il quando

Decidere di creare una newsletter frequente non è qualcosa da prendere alla leggera. Devi essere determinato a rimanere in contatto con i tuoi abbonati e leale. Assicurati di inviare le tue newsletter a una frequenza fissa in modo che i tuoi abbonati sappiano cosa aspettarsi da te. È un ottimo punto di partenza per una relazione duratura e fruttuosa.

Non sei sicuro di quante e-mail sono troppe? Mentre i test sono sempre altamente consigliati per trovare ciò che funziona per il tuo marchio, le aziende di solito vedono i più alti tassi di apertura quando inviano 2 e-mail al mese.

Il cosa

Ok, le newsletter via email sono un ottimo strumento di marketing che può guidare le conversioni oltre la tua immaginazione. Ma cosa ci metterai davvero?

Oh bene. Nulla di cui preoccuparsi. Solo i tuoi contenuti migliori che qualcosa di utile per la vita dei tuoi iscritti.

Ti ho mai confessato il mio amore profondo e incondizionato per il buon appetito ?

newsleter buon appetito

È una newsletter che riesce sempre a colpire a casa. Le ricette che offrono sono sempre così tempestive.

Sì, è inverno e HO BISOGNO di alcune ricette di zuppe divine per rendere i miei giorni feriali meno infelici.

E poi hai altre ricette per accompagnare il tuo articolo da star, impreziosito da poche parole e immagini attraenti.

Sono un tale clicker per queste newsletter.

La morale della storia?

Che si tratti di un post di blog super interessante o di un’offerta di vendita irresistibile, assicurati di rendere la tua newsletter abbastanza preziosa per essere letta dai tuoi lettori.

Il come

I tuoi clienti potrebbero non avere tempo per TUTTE le tue newsletter, ma sicuramente avranno tempo per ALCUNE delle tue newsletter. Tutto quello che devi fare è dare loro un maggiore controllo su ciò che ricevono. Quindi coinvolgeteli.

Come? Aggiungendo nella tua newsletter un link al tuo centro preferenze.

Ecco un esempio dalla newsletter goop . (no, non lo giuro per l’olio di cocco)

goop gestisce l'esempio delle preferenze

Viene visualizzato nella parte inferiore dell’email, proprio prima del  pulsante di annullamento  dell’iscrizione. E quando fai clic su di esso, ti porta in questa bella pagina minimale in cui puoi definire ciò che desideri ricevere. (adoro il titolo, a proposito)

pagina del centro di preferenze goop

Mentre la tipica  opzione di annullamento  dell’iscrizione limita la tua capacità di comunicare con i tuoi abbonati, dando loro il potere di controllare ciò che ricevono crea maggiori opportunità di rimanere in contatto.

L’OMS

Sì, è il tuo marchio, i tuoi obiettivi, i tuoi profitti. Ma tutto dipende dai tuoi clienti. E dovrebbero essere il tuo punto focale.

Quando crei una newsletter devi assicurarti di aver compreso appieno le loro esigenze. E poi trova un modo per mostrarti cura. Ehi, tieni presente che non tutti i clienti hanno le stesse esigenze. È qui che entra in gioco la segmentazione. Ma ne parleremo più avanti.

Il si

Ho notizie per te. Non sei il solo a inviare newsletter. Le caselle di posta degli abbonati vengono invase ogni giorno da dozzine di e-mail, offerte, titoli intelligenti ed emoji. E Dio sa quanti di loro effettivamente aprono.

Oh aspetta. Secondo Hubspot, il tasso di apertura medio complessivo in tutti i settori è del 32%.

Quindi sì, devi fare del tuo meglio per differenziarti dalla concorrenza .

Il punto principale è non provare a vendere. Questo non è lo scopo della newsletter. Voglio dire, ok, è uno degli scopi, certo, ma non devi continuare a ricordarlo ai tuoi abbonati.

L’obiettivo principale della tua newsletter è quello di informare e costruire una forte relazione tra te e ogni tuo lettore.

Allo stesso tempo, non devi dimenticare di parlare anche di te. La grafica giusta è la chiave qui, così come il tuo logo in un luogo evidente e le tue informazioni di contatto in modo che le persone possano facilmente entrare in contatto con te.

Segmentazione dell’elenco e-mail: la scienza del raggruppamento

Gli abbonati sono stanchi dell’email marketing generico. Vogliono marchi che li capiscano e newsletter che li interessino davvero. Altrimenti, premono il pulsante di annullamento dell’iscrizione e non tornano mai più.

Ma come diavolo puoi inviare e-mail pertinenti se non sei il dottor Clairevoyant?

Bene … Si chiama segmentazione . E gli esperti di marketing che lo utilizzano nelle loro campagne registrano un aumento del 760% delle entrate .

La segmentazione dell’elenco ti consente di indirizzare i tuoi iscritti in base alle loro esigenze e preferenze personali . Inoltre, ti consente di promuovere i tuoi prodotti o servizi in modo altamente personalizzato.

Quindi se, quando crei campagne e-mail, non stai raggruppando le tue liste e-mail in vari segmenti e adattando il contenuto in base alle esigenze di questi gruppi, allora, amico mio, stai perdendo delle entrate serie.

Purtroppo però, non sei l’unico. Secondo un recente rapporto, solo il 5% delle aziende personalizza ampiamente.

Volentieri, questo significa che c’è molto spazio nel settore della segmentazione per i marketer intelligenti come te.

Esistono molti modi diversi per segmentare le tue mailing list e la giusta segmentazione dipende sicuramente dal tuo settore.

esempio di segmentazione dell'email

fonte

Ti chiedi da dove cominciare?

Alcuni dei modi più popolari per segmentare le tue mailing list sono:

  • demografia
  • Nuovi abbonati
  • Interessi
  • Attività / Inattività
  • Fidanzamento
  • Preferenze
  • Posizione
  • Carrello abbandonato
  • Cronologia degli acquisti
  • Compleanno

Quello che vedono è quello che ottieni

Imparare a creare una newsletter non è scienza missilistica. Non con tutti gli editor senza codifica là fuori. Chiunque può trascinare e rilasciare, giusto?

Devi solo farlo bene.

Utilizzando gli elementi giusti nella tua newsletter puoi essere certo che è progettato per il successo:

Intestazione prima

Le prime impressioni sono molto importanti. Ecco perché hai bisogno di un’intestazione. Un grande, per essere precisi.

Parleremo della copia della tua newsletter tra poco, ma per ora tieni presente che un buon titolo richiede tempo e ispirazione. Non prenderlo alla leggera, altrimenti i tuoi lettori probabilmente non scenderanno mai più in basso. Ooops.

Quanto vale un’immagine?

Le immagini sono più efficaci di quanto tu possa immaginare. Viviamo in un mondo altamente visivo, dove il cliché di un’immagine vale più di mille parole  è più vero che mai.

In effetti, uno studio recente mostra che gli elementi visivi aumentano la volontà di una persona di leggere un contenuto dell’80 percento .

Caratteri e colori sono i tuoi alleati

Colori e caratteri sono una parte vitale della tua strategia di email marketing. Trasportano significato, evocano emozioni e alla fine comunicano il tuo marchio.

Come regola generale, non dovresti mai usare più di 3 caratteri diversi e, ovviamente, dovresti scegliere caratteri che siano facilmente leggibili.

Inoltre, dovresti assicurarti che i colori che scegli, insieme alla corrispondenza del tuo marchio e stile, non disturbino il lettore. È sempre meglio attenersi ai colori che hai già scelto per il tuo sito web.

Per me, Kate Spade è la regina dei caratteri e dei colori. Adoro il pallet coerente del marchio e i caratteri che usano sono così moderni e amichevoli.

Per dirla bene

Al centro, a sinistra oa destra, è la tua chiamata. Ma per favore, allinea la dannata cosa!

Vedi quanto è grande questa newsletter di Bobbi Brown ? Tutto ben posizionato, questo è il tuo paradiso OCD.

Sperimentare l’allineamento non è male se si adatta al design generale della newsletter. Potrebbe persino aiutare le tue immagini a risaltare. Ma se non hai buone ragioni per farlo, fai solo quello che devi.

Link preziosi

Immagini e pulsanti sono il rifugio sicuro dei tuoi link. Sono anche le tue maggiori possibilità di far visitare il tuo sito Web o blog ai lettori.

Se devi includere collegamenti nella tua copia, assicurati di usare caratteri in grassetto o evidenzia le parole. Devi assicurarti che il lettore sappia dove fare clic altrimenti potresti perdere un cliente.

Solo per essere al sicuro, anche se ti consiglio di aggiungere collegamenti nei pulsanti copia, immagini e CTA. Uno di loro deve fare il trucco.

Video al tuo servizio

L’email marketing video è forte. Il tè lo sa meglio .

Tutto quello che posso fare è inserire alcuni numeri per farti credere che l’aggiunta di un video nella tua prossima newsletter sia qualcosa che dovresti prendere in considerazione.

Secondo uno studio recente, l’aggiunta di video alla tua e-mail può aumentare la percentuale di clic del 300% .

Inoltre, l’ 85% dei consumatori desidera vedere più contenuti video dei marchi.

Questa è la carità: email di benvenuto sull’acqua . L’immagine con il pulsante Riproduci ti porta alla loro pagina dove puoi imparare la storia dell’organizzazione e collegarti con essa.

È un ottimo strumento per questo tipo di newsletter e molto interessante se me lo chiedi. O i numeri.

Scrivendolo nel modo giusto

Ora la mia parte preferita: copia!

Ci sono così tante cose che puoi fare e ottenere con le parole.

E in una newsletter, ci sono così tante cose che hanno bisogno delle tue parole.

Quindi presta attenzione.

Linea tematica

Il 69% dei destinatari di e- mail segnala l’e-mail come spam in base esclusivamente alla riga dell’oggetto. Ti ho spaventato abbastanza adesso?

Argomenti arguti e accattivanti che attirano l’attenzione possono aumentare il coinvolgimento e salvare le e-mail dal terrore della cartella spam che tutti noi potremmo affrontare se non abbastanza attenti.

Ecco alcune best practice per elevare le linee tematiche:

Urgenza

Nessuno vuole perdere una grande offerta. Inietti un po ‘di urgenza nell’oggetto per far sì che i tuoi abbonati e-mail agiscano immediatamente.

Per esempio:

“Non perdere questa offerta selvaggia”

“Ultima possibilità di prenotare un posto” 

“Vuoi davvero lasciar andare questa gonna?” 

Titolo

Un titolo potente fa molto, amico mio. Mentre hai vinto la scommessa a tasso aperto, ora devi attirare l’attenzione dei tuoi iscritti per continuare a leggere.

Quindi dai loro una buona ragione per stare con te.

Un buon titolo ha uno dei seguenti ingredienti:

  • Curiosità
  • Breve e dolce
  • Emozione
  • Umorismo

Assicurati di concentrarti sul tuo settore e di evidenziare i principali vantaggi per il tuo abbonato. Un’altra buona pratica per il titolo è incorporare l’azione usando i verbi.

CTA

Mi dispiace essere quello che ti dice ma un semplice “clicca qui” non lo farà. Devi scegliere le parole giuste che indurranno il tuo lettore a fare clic su quel pulsante con tutto il cuore.

I verbi funzionano alla grande per i pulsanti. Scegli un verbo di comando forte che permetta ai tuoi lettori di sapere esattamente cosa c’è per loro se fanno clic. CTA come “Scarica il nostro ebook” o “Inizia lo shopping” sono diretti e informativi e ti rendono un marchio affidabile.

Inoltre, puoi includere parole che evocano emozioni come entusiasmo o FOMO (paura di perdere).

Ottimizzazione mobile

Ultimo ma non meno importante, non è sufficiente sapere come creare una newsletter.

Devi renderlo perfetto per i dispositivi mobili.

Questo è un passaggio molto importante nella creazione di newsletter poiché il 49% di tutte le e-mail è aperto su dispositivi mobili.

Questo è enorme. E maggiore è il tuo impegno nel regolare la tua newsletter per dispositivi mobili, più è probabile che vengano visualizzati e cliccati nella tua newsletter.

Inoltre, il 70% dei consumatori elimina immediatamente le e-mail che non vengono visualizzate correttamente sui dispositivi mobili.

La strada per la creazione di una newsletter responsive altamente mobile è lunga. Ma non preoccuparti: ci sono alcune regole da tenere a mente che ti aiuteranno a fare un ottimo inizio:

Mantienilo semplice

Mentre per i progetti desktop puoi impazzire nelle tue newsletter, per i dispositivi mobili è meglio rimanere al minimo. Mantieni le tue immagini e altri elementi di design semplici e non sovrascrivere la tua newsletter perché potrebbe annoiare il tuo lettore e impedire loro di accedere al tuo CTA.

Usa modelli reattivi

Non sei sicuro di come far funzionare il tuo design mobile? I template reattivi sono ciò di cui hai bisogno!

I modelli di e-mail reattivi, come quelli offerti da Moosend , sono progettati con un approccio mobile-first, al fine di adattarsi automaticamente allo schermo su cui vengono visualizzati.

In questo modo la tua newsletter è perfetta su qualsiasi dispositivo.

Fai contare ogni parola

Se qualcuno apre la tua newsletter sul cellulare, molto probabilmente non dedicherà lo stesso tempo alla lettura.

Quindi è meglio evitare lunghi paragrafi e conservare prima le informazioni più importanti in modo che non debbano scorrere verso il basso per vedere di cosa tratta questa email. Perché probabilmente non lo faranno.

Pronto, via, via

Accidenti, abbiamo raggiunto la fine!

Ora posso incoronarti “Newsletter Champion”.

(oh, dai, sporgiti in avanti!)

È il tuo momento di brillare. Scegli una piattaforma di email marketing adatta a te e vai là fuori per mostrare alle persone che sai come creare una newsletter. E stupisci alcuni (o molti) abbonati.

Oh, e non dimenticare di prendere la tua lista di controllo gratuita per la creazione di newsletter. Puoi stamparlo e tenerlo accanto a te ogni volta che crei un’altra newsletter per le tue campagne.

Saluti!

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close