Cerca

Come creare un potente Marketing Funnel

Che tu lo sappia o no, hai una canalizzazione di marketing. Ci sono molte aziende che non hanno idea di cosa sia un imbuto di marketing o come misurarlo. In effetti, oltre il 68 percento delle aziende non lo sa.

Ma ne hanno ancora uno.

Se hai un prodotto straordinario o offri un servizio fenomenale, ma non stai generando lead o effettuando vendite, allora devi fare un tuffo nel mondo della canalizzazione di marketing. Se la tua attività sta andando bene e non hai esaminato la tua canalizzazione di marketing, questo post ti aiuterà a mantenere e persino a migliorare le vendite.

Questo potente strumento di marketing può aumentare drasticamente le vendite se si prende il tempo per strutturarlo. Con una canalizzazione correttamente costruita, sarai in grado di attrarre regolarmente nuovi lead, convertirli in acquirenti e aumentare le entrate della tua azienda. Indipendentemente dal fatto che il tuo negozio sia basato esclusivamente su Internet o che si tratti di un negozio tradizionale, queste linee guida sono per te.

Ma in primo luogo, cos’è una canalizzazione di marketing e come la usi? In questo post, ti guideremo attraverso semplici passaggi in modo che tu possa sfruttare la potenza della canalizzazione di marketing.

Che cos’è una canalizzazione di marketing?

Puoi pensare all’imbuto di marketing come al percorso dell’acquirente. È il percorso che i tuoi clienti intraprendono dal trovarti a diventare un cliente pagante. L’imbuto è solo una metafora visiva che viene utilizzata per semplificare il concetto.  

Un imbuto è un oggetto cilindrico che è più largo nella parte superiore e stretto nella parte inferiore. Imbuti fisici reali, viene utilizzato per incanalare e controllare i liquidi da una fonte all’altra, senza versare. Desideri utilizzare l’imbuto di marketing allo stesso modo, per incanalare i tuoi consumatori da semplici visitatori a clienti fedeli. Sebbene le variabili cambino da un’azienda all’altra, i principi e il processo fondamentali rimangono gli stessi.

Credito di immagine: SwitchVideo

Come funziona

Ci sono quattro fasi distinte in un imbuto di marketing. Indipendentemente dal tipo di attività in cui ti trovi, i tuoi potenziali clienti prendono tutti un percorso molto simile per diventare clienti paganti. Le quattro fasi sono sforzi di marketing appositamente progettati e mirati per il pubblico previsto. 

Supponiamo che tu abbia un nuovo visitatore del tuo sito web che ti ha trovato attraverso una ricerca su Google. Un nuovo visitatore è considerato un potenziale cliente. Trascorrono un breve periodo di tempo sul tuo sito controllando i tuoi post sul blog e forse i tuoi prodotti, e quindi decidono di iscriversi alla tua lista e-mail. Questo visitatore è ora diventato un lead e sei in grado di commercializzarli al di fuori del tuo sito utilizzando la posta elettronica o altri mezzi, sperando di farli tornare al tuo sito Web ed effettuare un acquisto.

Comprendere questo percorso può aiutarti a trovare buchi nella tua canalizzazione di marketing in cui potenziali clienti e lead lasciano la canalizzazione – dove escono e non si convertono mai – permettendoti di trovare modi per riparare questi buchi e aumentare le vendite.

Comprensione delle fasi dell’imbuto di marketing

Le quattro fasi sono costituite da consapevolezza, lead, prospettive e vendite. Diamo uno sguardo più approfondito ad ogni fase.

Credito di immagine: diario di soldi

Fase uno: consapevolezza

Questo è dove ti fai vedere. Creare consapevolezza significa far conoscere il tuo nome in modo che le persone siano consapevoli di te e di ciò che la tua attività offre. Quando le persone hanno un problema specifico e sei in grado di risolverlo, hai l’opportunità di renderti riconoscibile e memorabile. Questo è il primo passo cruciale nella creazione di un imbuto di marketing funzionale. 

Come creare consapevolezza

  • Google – Quando i tuoi futuri clienti hanno qualche necessità, che si tratti di web design, un nuovo parrucchiere, SaaS o un elettrodomestico da cucina, puoi scommettere che si rivolgeranno a Google per trovarlo. Circa il 90 percento delle ricerche online viene eseguito tramite Google e Google vede 3,5 miliardi di ricerche ogni giorno. Se non hai una presenza online, queste statistiche dovrebbero dirti che è tempo di creare un sito web.
  • Blog : la creazione di contenuti di valore per i tuoi lead è un modo eccellente per acquisire consapevolezza. Quando i tuoi clienti eseguono una ricerca su Internet per un problema che deve essere risolto, possono scoprire che sei una delle risorse principali in materia. Indipendentemente dal settore in cui ti trovi, i post di blog originali forniscono al cliente la conoscenza e dimostrano che puoi porre rimedio alla loro situazione.
  • SEO – All’interno del tuo sito web, copia e blogging, devi prestare attenzione all’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). L’uso delle tecniche SEO ti aiuterà a posizionarti più in alto nelle ricerche di Google e ti fornirà la crescita organica che stai cercando. I blog regolari migliorano la SEO: più parole hai, più è probabile che il motore di ricerca sia in grado di apprendere di cosa tratta il tuo sito e la qualità dei contenuti. Ma è importante che il tuo sito Web contenga informazioni utili utili ai tuoi clienti e che leggano naturalmente: non solo inserire parole chiave ovunque. Per saperne di più sulla SEO, dai un’occhiata al nostro blog SEO per principianti .
  • YouTube – Un incredibile 96 percento di americani di età compresa tra 18 e 24 anni utilizza YouTube secondo Statista . È la terza piattaforma più cercata dietro Google e Google Immagini ed è quasi il doppio di quella di Bing e Yahoo messe insieme. Si potrebbe anche dire che YouTube è secondo a Google per numero di ricerche. Tuttavia, questa piattaforma è sorprendentemente sottoutilizzata dalle imprese statunitensi.

  • Forum – Sei la principale risorsa per la tua materia, quindi comportati come tale. Per metterti in evidenza come fonte leader nel tuo settore, assicurati di frequentare forum come Reddit, gruppi di Facebook appropriati o Quora e approfondire le tue conoscenze e conoscenze. Si tratta di comunità online in cui le persone con interessi o problemi comuni si riuniscono per discutere e porre domande. Qui, puoi partecipare alle discussioni e condividere suggerimenti, promuovendo al contempo il tuo marchio e sensibilizzando la tua attività. Fai attenzione a non spam, tuttavia, questi siti hanno spesso regole di condotta rigorose che devi rispettare.
  • Social media – Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat, TikTok, LinkedIn – questi sono tutti percorsi di social media in cui puoi farti vedere e dove puoi raccogliere un seguito. Puoi scegliere più piattaforme di social media per la tua canalizzazione di marketing in base al tipo di attività che gestisci. La parte migliore di queste piattaforme è che puoi anche interagire con il tuo pubblico attraverso di esse.
  • Influencer – Quindi ora hai una presenza sui social media e devi favorire il riconoscimento del marchio. cosa fai? È qui che entrano in gioco gli influencer dei social media. Gli influencer dei social media sono persone che hanno già un folto gruppo di follower che si fidano di loro, quindi perché non sfruttarlo? Riproponendo il tuo marchio, un influencer può attirare l’attenzione necessaria. 
  • Pensa fuori dagli schemi – Ci sono modi illimitati per farsi notare. Ecco alcuni altri fantastici modi per sensibilizzare la tua azienda o il tuo marchio:
    • L’ospite crea un post sul blog sul sito di qualcun altro.
    • Sii un ospite su un podcast.
    • Crea una newsletter e-mail per gli ospiti
    • Presente a una conferenza.
    • Partecipa a un webinar.
    • Scrivi un ebook.

Seconda fase: lead

Questa è la fase in cui la consapevolezza che hai stabilito si trasforma in contatti. L’obiettivo qui è che i tuoi contenuti e la tua presenza abbiano le persone agganciate, in modo che quando sono pronti a risolvere il loro particolare problema, ora sei la prima persona o azienda a cui pensano.

In questa fase, i tuoi lead sono alla ricerca di informazioni più approfondite e specifiche, quindi è una buona idea avere contenuti che riflettano questi termini di ricerca più specifici. I tuoi lead stanno perfezionando le loro query di ricerca, l’apprendimento e forse anche lo shopping comparativo.

Il tuo lavoro a questo punto è di attirarli ulteriormente, comunicare il tuo valore e convincerli a seguirti. Ciò può comportare un qualche tipo di invito all’azione, come chiedere loro di iscriversi a una newsletter, blog o canale. Il tipo di invito all’azione dipende in gran parte dalla tua nicchia e dal tipo di piattaforma che stai utilizzando per acquisire consapevolezza.

Terza fase: prospettive

Chiamata anche fase di considerazione, questo è quando i tuoi potenziali clienti stanno iniziando a considerare seriamente le loro opzioni. I tuoi contatti stanno diventando sempre più seri nella scelta di una soluzione al loro problema. Hanno svolto la ricerca e sanno cosa devono fare, ma cosa li induce a scegliere te invece della concorrenza?

Se non hai concorrenza, hai un punto di vendita unico e questa è una buona ragione per festeggiare. Tuttavia, è probabile che tu abbia almeno uno o più concorrenti. Quindi ora devi convincere i tuoi potenziali clienti di essere la scelta giusta. Tieni presente che in questa fase li stai istruendo sulle loro opzioni, non spingendo le vendite su di loro. 

  • Continua a produrre contenuti di qualità : puoi continuare a creare e mostrare il tuo valore producendo contenuti aggiuntivi. Ad esempio, se sei un commercialista, puoi produrre contenuti su come scegliere un commercialista. Ancora una volta, non stai spingendo le vendite, stai fornendo valore.
  • Testimonianze e valutazioni – Va bene mostrare quanto sono belle le tue valutazioni mettendole in mostra sul tuo sito web. Mostra le testimonianze in modo che non vi siano dubbi sul fatto che i tuoi clienti siano soddisfatti dei tuoi prodotti o servizi.
  • Crea un sistema di nutrimento – Un sistema di nutrimento è una serie di e-mail che guidano delicatamente i tuoi potenziali clienti a diventare clienti paganti. Ancora una volta, queste e-mail non stanno spingendo le vendite, ma piuttosto stanno mostrando valore. Ad esempio, se vendi capispalla, queste e-mail potrebbero contenere un annuncio di una nuova funzione o tessuto, evidenziare le differenze tra attrezzatura per la stagione fredda e attrezzatura per la pioggia o rispondere a una domanda comune. In un sistema di allevamento, puoi anche offrire qualcosa come una consulenza gratuita se si adatta alla nicchia dell’azienda.

Quarta fase: vendite

Hai fatto tutto il possibile per dimostrare quanto sia preziosa la tua attività e le tue prospettive sono sul punto di prendere una decisione. Questo è quando hanno bisogno di quella spinta in più per premere quel pulsante di acquisto e convertirli in clienti paganti. Esistono diversi modi per farlo, a seconda della tua nicchia.

  • Offerte di prova gratuite – Alcune aziende, in particolare le società SaaS, offriranno una prova gratuita o altamente scontata da sette a dieci giorni senza obbligo di impegno. Ciò offre ai tuoi clienti la possibilità di verificare le tue funzionalità e trovare davvero il valore nel servizio che stai offrendo.
  • Sconti : puoi offrire sconti o codici promozionali per gli acquirenti principianti. Ciò è particolarmente utile per i negozi di eCommerce.
  • Urgenza : far sapere ai potenziali clienti quando un prodotto molto ricercato sta esaurendo le scorte o se lo spazio disponibile in un programma offerto è limitato, potrebbe convincere i potenziali clienti ad acquistare.

Assicurati che il processo di pagamento sia il più fluido possibile. I checkout Clunky possono allontanare le persone e ridurre le vendite.

Dopo la vendita

Il tuo lavoro non si ferma una volta che il cliente ha effettuato un acquisto. Se un nuovo cliente ha acquistato felicemente il tuo servizio, è qui che li accolga con favore. Offri formazione, se necessario, nonché risorse per garantire il successo con i tuoi servizi. Se hai un negozio di eCommerce, assicurati che siano soddisfatti del loro acquisto e chiedi una recensione. Se il tuo cliente è felice e fiducioso nel suo acquisto, puoi anche chiedere segnalazioni. Molto probabilmente, se avessero avuto un’esperienza eccellente con te, parleranno di te ai loro amici e colleghi. E questo è il tipo di marketing gratuito che desideri davvero.

Collegare le perdite

Non catturerai tutte le persone che accedono al tuo sito. È normale perdere le persone durante i processi di canalizzazione e nutrimento. Se stai riscontrando una quantità eccessiva di perdite, ti consigliamo di tornare indietro attraverso le fasi e rivalutare. Va bene sperimentare piattaforme diverse fino a trovare quello che funziona meglio per te.

Per uno sguardo più approfondito alle canalizzazioni di marketing, consulta la nostra guida definitiva .

Open

info@ibdi.it

Close