Cerca

Come creare Landing Pages che convertono

Se sei stato nell’arena del marketing digitale per più di un giorno, hai sentito persone parlare di landing page come se fossero una delle parti più importanti del tuo sito web. Avviso spoiler: è perché lo sono.

Tuttavia, solo perché sono importanti non significa che la persona media capisca come usarli. Anche le brave persone di marketing non sempre capiscono come progettare pagine di destinazione che convertano i potenziali clienti in clienti.

Allora qual è il segreto? Non ce n’è uno. Ma v’è un processo che comprende diversi elementi che possono prendere le pagine di destinazione al livello successivo. In questo articolo condivideremo questo processo : le chiavi per progettare pagine di destinazione che si convertono dall’inizio alla fine.

Cos’è una pagina di destinazione?

È abbastanza semplice. Una landing page può essere definita come una pagina web autonoma creata appositamente per una campagna di marketing. A differenza di altre pagine del tuo sito, questa ha un unico scopo e obiettivo. In sostanza, è una pagina costruita separatamente dal tuo normale sito Web e utilizza l’offerta giusta e gli elementi persuasivi per indurre l’utente a eseguire un’azione specifica.

pagina di destinazione geico

Un ottimo esempio è questa landing page di Geico. Il suo semplice invito all’azione rimane sul marchio e offre al lettore solo una scelta: “Inizia un preventivo”. Il logo non è un collegamento ipertestuale, quindi l’utente non ha davvero punti di uscita. O seguono il semplice e accattivante CTA o lasciano la pagina.

La tua pagina di destinazione avrà solo alcuni elementi :

  • Un titolo che parla dell’offerta
  • Qualche linguaggio persuasivo che spiega il valore dell’offerta
  • E un modulo chiaro che consente all’utente di ottenere l’offerta

Non ci saranno collegamenti alla tua home page, al tuo blog o ad altri elementi di navigazione che di solito si trovano sulle tue altre pagine web. Tutte le immagini saranno pertinenti e, idealmente, mostreranno il tuo prodotto in azione. Questa pagina di destinazione di Moz è un altro ottimo esempio. Contiene un’immagine pertinente che mostra come sarà l’utilizzo del prodotto, un pulsante CTA che si distingue e una prova sociale in basso che incoraggia l’utente a proseguire.

pagina di destinazione di moz

Questo è tutto. Una pagina di destinazione è progettata per essere semplice e diretta, portando la persona che vi è arrivata a compiere un’azione specifica  in questo caso, fornire il proprio indirizzo e-mail in cambio dell’e-book di Moz. Ma le pagine di destinazione possono anche portare una persona a effettuare un acquisto o addirittura a chiamare la tua attività.

Immergiti più in profondità:

Come scegliere un generatore di pagine di destinazione

Come crei le landing page? Bene, puoi costruirli da zero, ma ciò può richiedere molto tempo e il costo del lavoro può davvero influire sul ROI. Perché pagare il personale di marketing quando ci sono molti buoni costruttori di pagine di destinazione là fuori? Ma allora come scegli quello che fa per te?

Bene, ci sono alcune cose che dovresti cercare in qualsiasi generatore di pagine di destinazione:

  • Modelli fantastici: i modelli dovrebbero essere facili da usare e modificare e visivamente accattivanti, quindi se un costruttore di pagine di destinazione non li ha, vai avanti. I modelli che richiedono troppe modifiche faranno perdere il tuo tempo come un binge Netflix.
  • Ottimizzato per dispositivi mobili: dovrebbe essere scontato nel mercato di oggi. A seconda di chi chiedi e della tua base di clienti, circa il 50% delle ricerche viene effettuato su dispositivi mobili . Una pagina di destinazione che non è ottimizzata per ogni dispositivo su cui viene visualizzata è piuttosto inutile.
  • Integrazioni: a cosa serve un vantaggio se non puoi farci niente? Il tuo generatore di landing page deve integrarsi con il software di lead nurturing e il tuo CRM. Il tuo obiettivo è convertire più lead e vendite dalla tua spesa pubblicitaria e se non ti aiuta a raggiungere questo obiettivo, è utile quanto un coltello da bistecca in un caffè vegano.
  • Utenti multipli: forse sei una piccola azienda, ma anche così, il tuo generatore di landing page deve darti la possibilità per più di una persona di lavorare su landing page contemporaneamente.
  • Capacità di test: test A / B i tuoi annunci, giusto? Sì, e testerai A / B anche le tue pagine di destinazione. Ne parleremo tra poco, ma se il tuo generatore di landing page non ha questa capacità come parte della sua piattaforma, vai avanti.

Altre funzionalità che non sono necessarie ma che sono fantastiche da avere includono timer per il conto alla rovescia che indicano quando scade l’offerta e la possibilità di creare popup del sito web. Più facilmente puoi personalizzare la pagina di destinazione per soddisfare le tue esigenze specifiche, più fluida sarà la tua corsa.

Ci sono molti buoni costruttori di pagine di destinazione e ognuno di loro ti dirà che sono i migliori. La chiave è confrontare due cose per determinare quale è giusto per te: le caratteristiche sopra elencate e il prezzo.

Instapage è il generatore di pagine di destinazione con il punteggio più alto. Si integra direttamente con WordPress e viene fornito con oltre 200 modelli pronti all’uso. È davvero un builder drag-and-drop e rendere le pagine di destinazione mobili reattive richiede solo pochi istanti.

Instapage

Unbounce è molto simile nel reparto funzionalità a Instapage, con alcune piccole differenze. Entrambi si integrano bene in WordPress ed entrambi possono inviare informazioni di contatto a vari software CRM, inclusi MailChimp e Salesforce.

Unbounce

Quando si tratta di prezzo, questi due costruttori sono molto simili:

  • Instapage parte da $ 99 al mese. I piani di agenzia e team più robusti partono da $ 179 al mese e aumentano da lì.
  • Unbounce parte da $ 79 al mese per il piano base e il piano premium è $ 159 al mese. I piani a livello aziendale partono da $ 399 al mese.

È qui che entra in gioco un programma come Landingi :

LandingI

Ci sono meno modelli rispetto agli altri due programmi che ho citato e l’editor è un po ‘più difficile da usare, ma i piani costano $ 29 al mese, $ 49 al mese e $ 109 al mese. È un valido generatore di pagine di destinazione per chi ha un budget limitato, ma non avrà le capacità di fascia alta di altri costruttori.

Rimuovi elementi di navigazione

Potresti grattarti la testa e chiederti: perché rimuovere gli elementi di navigazione dalle tue pagine di destinazione? Non vuoi che gli utenti esplorino il tuo sito web? Beh no. In effetti, lasciare gli elementi di navigazione sulla tua pagina di destinazione ucciderà i tuoi tassi di conversione . Vediamo perché.

Una pagina di destinazione ha uno scopo, ovvero indurre l’utente a eseguire una singola azione : il motivo per cui hai creato sia la campagna che la pagina di destinazione stessa. Dando agli utenti altre scelte, riduci le probabilità che si convertano. Le persone si distraggono facilmente.

Nonostante la prova basata sui dati alla base di ciò, molti professionisti del marketing progettano le loro home page come una pagina di destinazione post clic. Dirigeranno persino i clic a un’altra pagina del loro sito Web che ha ancora intatti gli elementi di navigazione. Ciò include anche il piè di pagina delle pagine del tuo sito web, con tutti i link che portano al contatto, su di noi e altre pagine. Quando diciamo rimuovi tutti gli elementi di navigazione, intendiamo tutti con pochissime eccezioni.

Le uniche eccezioni dovrebbero essere il settore sanitario e altri siti YMYL (Your Money or Your Life) classificati da Google, dove la rimozione della sezione “Chi siamo” dal piè di pagina delle pagine di destinazione può rendere troppo anonima la tua attività. Ciò può causare sfiducia da parte non solo dell’utente, ma anche di Google.

Le ragioni per rimuovere il resto dei collegamenti di navigazione, tuttavia, possono essere suddivise in due semplici:

  • Ogni pagina del tuo sito web ha uno scopo diverso e tale scopo potrebbe non avere nulla a che fare con la campagna che stai conducendo.
  • Gli annunci PPC ti costano denaro. Se qualcuno fa clic fuori dalla tua pagina di destinazione utilizzando i tuoi elementi di navigazione, quel clic ti costa in realtà denaro.

I collegamenti sono una potenziale distrazione. L’utente è arrivato sulla tua pagina di destinazione per un motivo. Le uniche opzioni di cui hanno bisogno sono eseguire l’azione desiderata o chiudere la pagina. Se hai fatto tutto bene, l’utente non sarà nemmeno tentato di prendere la seconda strada.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Scrivi un titolo spettacolare

Ora che abbiamo coperto ciò che devi rimuovere, vediamo cosa include una buona pagina di destinazione. Pensa agli annunci e ai titoli che vedi ogni giorno. Quali ti obbligano a fare clic su di essi? Il più delle volte hanno gli stessi elementi.

  • Sono specifici. Descrivono un singolo prodotto o servizio, non un marchio.
  • Sono brevi. Pensa in breve, dolce e al punto.
  • Offrono una soluzione. Il prodotto / servizio descritto è desiderabile per il pubblico di destinazione e poiché il titolo delineava bene il loro desiderio o bisogno, il potenziale cliente ha cliccato.

Se puoi affrontare uno dei punti deboli del tuo pubblico nel titolo, è ancora meglio. Fagli sapere come risolverai il problema con il tuo prodotto o servizio, come questa pagina di Square che dice semplicemente ” Inizia a vendere oggi “.

squareup 1

Eccone un altro fantastico di Contently: ” Crea contenuti che contano “. Questa potrebbe essere una vendita facile perché ogni marchio desidera contenuti che contano, ma includono la prova sociale che i marchi Fortune 500 lo utilizzano e forniscono una demo.

felicemente

Infine, ecco un altro grande titolo di Evernote: ” Ricorda tutto “. Viviamo tutti in un mondo frenetico in cui è facile dimenticare le cose e questo titolo significativo e questa semplice soluzione attirano l’attenzione del lettore.

Evernote

Il rovescio della medaglia, guarda questo terribile titolo dell’ufficio postale: ” Ancora pertinente: uno sguardo a come i millennial rispondono al direct mail “. Sembra più un articolo di giornale o il titolo di un post di un blog:

peggiori design di pagine di destinazione mai 6png

Assicurati che le parole che usi incoraggino un’azione positiva. Invece di “Smettila di sprecare denaro e di perdere le detrazioni fiscali”, Quickbooks ha utilizzato “Organizzati, risparmia tempo e trova risparmi fiscali”, che crea tassi di conversione maggiori attraverso parole che ispirano l’azione piuttosto che interromperla.

La chiave che crea il tuo titolo obbliga l’utente a rimanere sulla pagina e fare clic sul tuo invito all’azione. Questo è il suo unico scopo.

Immergiti più in profondità:

Presentazione del tuo titolo

Anche il modo in cui presenti il titolo è importante. Il bianco su uno sfondo scuro oi colori scuri su uno sfondo bianco aiutano il titolo a risaltare e attirare l’attenzione. Inoltre, presta attenzione alla psicologia del colore , non solo nel titolo, ma nella pagina di destinazione complessiva. Colori diversi promuovono reazioni emotive diverse da parte degli utenti e puoi usarlo a tuo vantaggio.

Psicologia del colore

Il rosso significa pericolo , forza, potere e passione e può “stimolare un rapido processo decisionale” in un utente. D’altra parte, il blu simboleggia fiducia, lealtà, sicurezza e verità, ed è quindi migliore per invogliare lo stesso utente a prendere una lezione di yoga o una vacanza in Messico. L’arancia, apprezzata dalle giovani generazioni, è associata a creatività, determinazione, incoraggiamento e stimolazione ed è adatta per la commercializzazione di giocattoli per bambini.

Ci sono anche altri elementi che entrano nei titoli, come il carattere che usi : “Non sottovalutare il potere di scegliere il giusto design del carattere e il suo profondo impatto psicologico che ha sui tuoi visitatori. I designer esperti lo capiscono e scelgono i loro caratteri con molta attenzione e deliberatamente. “

Come i colori, anche la tipografia del tuo sito di atterraggio ha un effetto emotivo / psicologico sul lettore:

Psicologia dietro il carattere tipografico

Anche la punteggiatura e la grammatica sono importanti, poiché un piccolo errore può alterare l’intero significato delle tue parole (e salvare la vita delle persone!):

picdump giornaliero 550640 09

Ciò solleva anche la necessità di correggere le bozze. Chiedi a persone che non fanno parte del tuo reparto marketing di esaminare i tuoi titoli e di copiarli, alla ricerca di errori. Questo può farti risparmiare un po ‘di potenziale imbarazzo e il costo di ricreare quelle pagine.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Sottotitoli persuasivi

Ogni titolo dovrebbe avere un sottotitolo persuasivo. Questi devono avere lo stesso messaggio positivo del tuo titolo, ma possono essere più lunghi. Dovrebbero anche essere in formato più di una frase in modo da poter offrire informazioni aggiuntive.

Fondamentalmente, il sottotitolo è progettato per fare due semplici cose:

  • Espandi sul titolo principale
  • Offri maggiori dettagli o più incentivi affinché l’utente intraprenda un’azione

Usiamo l’esempio di Quickbooks sopra. Dopo “Organizzati, risparmia tempo e trova risparmi fiscali”, il sottotitolo della pagina di destinazione è il seguente: “I clienti trovano in media $ 3.534  di risparmi fiscali all’anno”. Questa frase si espande nell’ultima metà del titolo e offre qualcosa di valore all’utente.

Nota che il titolo e il sottotitolo sono sempre above the fold (la prima cosa che l’utente vede) ed entrambi aiutano a giustificare il clic dell’utente sul tuo CTA, come questa pagina Medium :

medio

Sottotitoli persuasivi e ben scritti ispirano gli utenti a continuare a scorrere fino alle altre parti della pagina di destinazione, il luogo in cui agiscono.

Immergiti più in profondità: 

Prova sociale

Uno degli altri elementi essenziali di una pagina di destinazione è la prova sociale, progettata per dimostrare attraverso la testimonianza che le affermazioni nel titolo e nel sottotitolo sono vere. La prova sociale può essere costituita da uno o più dei seguenti elementi:

  • Testimonianze dei clienti: citazioni dirette dei clienti sulla loro esperienza con il tuo prodotto o servizio.
  • Premi del settore: riconoscimenti e riconoscimenti da varie fonti, tra cui aziende locali, il tuo settore e premi aziendali generali.
  • Recensioni e valutazioni dei clienti: possono provenire da varie fonti dalle recensioni di Google e Yelp al tuo sito web.
  • Loghi di aziende con cui hai lavorato: questi dovrebbero includere marchi e aziende che il tuo pubblico riconoscerà.
  • Contatori di download o clienti: il numero di volte in cui qualcuno ha scaricato la tua offerta o il numero di clienti che hai. Dovrebbe essere un contatore attivo, che misura i cambiamenti man mano che si verificano.

La prova sociale può anche essere inclusa in altro testo e invece di essere messa a parte in un’area speciale della tua pagina. “I clienti trovano in media $ 3.534  di risparmi fiscali all’anno” offre una prova sociale nel sottotitolo e poiché Quickbooks è ben noto e utilizzato da molte aziende, hanno una certa fiducia incorporata.

Questo è il significato della prova sociale: far sapere ai tuoi contatti che possono fidarsi di te per soddisfare le loro esigenze e mantenere le promesse che hai fatto.

Immagini pertinenti

La parte superiore della tua pagina di destinazione è spesso chiamata sezione eroe, ed è qui che il potenziale lead vede il tuo prodotto soddisfare le sue esigenze o desideri. Le foto pertinenti dovrebbero essere foto di eroi. Devono essere pertinenti e mostrare il tuo prodotto o servizio in azione.

Un ottimo esempio è la fatturazione PayPal. Facendo clic sull’annuncio si accede a una pagina in cui si vede una fattura su un dispositivo mobile e su un tablet. Questa foto da sola supporta il testo sulla pagina mostrando che puoi creare e inviare fatture nella loro app o sul tuo tablet (o smartphone o laptop, presumibilmente).

Schermata 2019 05 31 alle 10.22.58

La foto non è solo pertinente, ma mostra il prodotto offerto nell’annuncio in azione.

Tuttavia, ciò non significa che una bella foto non funzionerà altrettanto bene. Se guardi Airbnb Seattle, la foto è di una casa confortevole in cui chiunque sarebbe felice di soggiornare. È rilevante per il servizio che offrono, ma non sminuisce lo scopo generale della pagina di destinazione: portarti a prenota un soggiorno a Seattle.

Schermata 2019 05 31 alle 10.28.34

Approfondisci: SEO trascurato: ottimizzazione di immagini e video per la ricerca

Metodi di contatto

Quando si tratta di aggiungere metodi di contatto sulla tua pagina di destinazione, la semplicità fa il trucco: il modulo di contatto stesso, e-mail (a cui il modulo di contatto porta più spesso), testo o numero di telefono.

Sì, puoi ottimizzare le tue pagine di destinazione per il tipo di contatto che desideri venga avviato dal lead, inclusa una buona telefonata vecchio stile. Search Engine Journal offre un’ottima guida per l’ottimizzazione delle telefonate, incluse queste opzioni:

  • Clicca per chiamare
  • Widget di richiamata
  • Cancella CTA
  • Personalizzato per dispositivi mobili
  • Strumenti di mappa termica per determinare il miglior posizionamento

Ovviamente, il metodo di contatto che utilizzi dipenderà dalla tua offerta e dall’azione che desideri che l’utente intraprenda. La migliore pratica è fornire un solo metodo di contatto per pagina di destinazione. I test ti aiuteranno a determinare quale metodo di contatto produce i risultati migliori ed è abbastanza facile da fare con il giusto generatore di pagine di destinazione.

Offri una garanzia

In genere, offrire al tuo lead una garanzia su ciò che gli fornirai può comportare tassi di conversione molto più elevati. Il ragionamento è lo stesso di quello della “teoria della segnalazione”, che è una teoria psicologica che le garanzie sono un segnale che i clienti possono fidarsi dell’azienda che fornisce la garanzia. Nella mente del cliente, la garanzia è quasi vista come un diritto a qualcosa.

Ciò significa che, come nell’esempio di PayPal sopra, i potenziali clienti agiranno in base all’offerta per rivendicare il loro “diritto” di creare fatture gratuitamente e pagheranno solo quando vengono pagati. Tieni presente che in questo esempio, la parola “garanzia” non è presente nell’istruzione “Paga solo quando vieni pagato”, ma è una garanzia implicita.

Ciò dimostra che, sebbene dovrebbe essere allegata una garanzia alla tua offerta, non deve essere implicita con quella particolare lingua.

Un potente invito all’azione

Un potente e semplice invito all’azione può fare la differenza nei tassi di conversione.

Guarda questa pagina di Hootsuite . Ci sono un paio di semplici inviti all’azione, ma sono molto potenti. Il primo è nel titolo e nella casella in alto a destra della pagina, “Offerta speciale – Ottieni 60 giorni gratis”.da Hootsuite 1024x631

Questo, combinato con il titolo forte e il sottotitolo persuasivo, motiva i lead a fare clic sul pulsante CTA verde “Inizia”. È molto chiaro che, almeno inizialmente, non costerà nulla ai lead. In genere, la tua chiamata all’azione presenterà all’utente anche un senso di urgenza. Quello di Hootsuite sopra potrebbe essere migliorato semplicemente aggiungendo le parole “Per un tempo limitato”.

Come facevano a sapere che questo invito all’azione, e non un altro, sarebbe stato il più efficace? Provandolo.

Approfondisci: come creare inviti all’azione nel contenuto con una conversione migliore (CTA)

Prova A / B la tua pagina di destinazione

La risposta è che devi testare le tue pagine di destinazione . È abbastanza facile da fare. Nel tuo generatore di landing page, crea diverse righe finali e inviti all’azione e vedi quali funzionano meglio. Assicurarsi che il test A / B sta testando un elemento, anche se  un unico risultato che si vuole da potenziali contatti quando fanno clic sul tuo annuncio. Se provi più di un elemento, non sarai sicuro di quale elemento abbia fatto la differenza in conversioni migliori.

Lo stesso si può dire per i titoli, i sottotitoli e persino il formato delle tue pagine. Mentre alcuni di questi possono essere facilmente eliminati nelle fasi di sviluppo e seguendo i passaggi in questo articolo, potrebbero esserci diversi progetti che riescono a superare quel processo. Il modo migliore per determinare cosa funziona è testarli per determinare dove si ottiene la migliore risposta.

pagina di destinazione moz 1

Ad esempio, nella pagina di destinazione di Moz che abbiamo visto in precedenza, il logo è un collegamento ipertestuale. Un semplice test A / B includerebbe l’esecuzione di una pagina senza il logo con collegamento ipertestuale per vedere se tale modifica ha comportato tassi di conversione più elevati.

O nell’esempio di Square. Potrebbero testare due titoli e formati di pagina diversi. Potrebbero iniziare con questo, che sembra abbastanza semplice, e il titolo va bene, ma un po ‘morbido e vago:

Piazza

Utilizzando la stessa immagine, potrebbero testare questa pagina di destinazione con un titolo e un invito all’azione diversi e un sottotitolo:

SquareUp

In questo caso, il titolo è molto più forte e dà più un senso di urgenza. L’esecuzione di queste due pagine di destinazione nella stessa campagna alla ricerca dello stesso risultato dirà loro molto su ciò che guida la conversione.

Ci sono anche altre cose che potrebbero essere testate. Cambiare il colore del pulsante di invito all’azione per farlo apparire, usare un’immagine diversa e persino giocare con le scelte di colore sono tutte opzioni che informano le campagne future.

In realtà è bene avere alcune pagine che falliscono perché informano le tue future decisioni di marketing su cosa non fare e cosa non funziona per il tuo pubblico di destinazione. Il test A / B consiste essenzialmente nella raccolta di informazioni in modo che tu possa prendere decisioni basate sui dati in futuro piuttosto che semplicemente indovinare o pubblicare pagine di destinazione che ti piacciono o che ti sembrano giuste. Quei sentimenti non sempre coincidono con i risultati.

La chiave è non fermarsi qui. Il test A / B dovrebbe essere costante, perfezionando i tuoi annunci fino a quando non hai veramente ottenuto un design della pagina di destinazione che converte.

Immergiti più in profondità: 

Come funziona

Come funziona tutto questo insieme? Diamo un’occhiata a come funziona una pagina di destinazione ben progettata e progettata per convertire da annuncio ad azione.

  • I clic di piombo sul tuo annuncio  diciamo che è questo annuncio GEICO Google nella pagina dei risultati della ricerca:

Schermata 2019 06 07 alle 8.22.33

  • Il titolo sulla pagina di destinazione soddisfa la promessa dell’annuncio e identifica chi sei. Si noti che in questo caso il titolo serve anche come invito all’azione su una pagina di destinazione molto semplice ma efficace.

Schermata 2019 06 07 alle 8.23.05

  • Il sottotitolo si espande sul titolo e offre un altro incentivo a fare clic.
  • Le foto sono pertinenti e mostrano il prodotto in azione: persone felici che guidano in una decappottabile, rilassate ea proprio agio perché sanno di essere protette da una buona assicurazione auto.
  • Un modulo ottimizzato è facile da compilare e inviare per i potenziali clienti. In questo caso, l’utente inserisce semplicemente un codice postale.
  • L’invito all’azione (ne parleremo tra poco), “Richiedi un preventivo”, dà loro un senso di urgenza o è semplice da seguire.

Il processo si divide in quei semplici passaggi. Ma ci sono alcuni altri elementi che dobbiamo coprire rapidamente.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Conclusione

Le pagine di destinazione hanno un unico obiettivo: mantenere la promessa del tuo annuncio per il tuo utente e convincerlo a convertirsi in un lead o in una vendita. Questo è tutto.

Questo è il motivo per cui il tuo generatore di landing page deve soddisfare le tue esigenze. Questo è il motivo per cui è necessario rimuovere i collegamenti di navigazione da quelle pagine e iniziare con un titolo spettacolare e un sottotitolo persuasivo. Tutto il resto, dalle prove sociali alle foto pertinenti alle garanzie, supporta quei titoli e sottotitoli e porta gli utenti al tuo potente invito all’azione. Il senso di urgenza che hai creato li costringe a fare clic sulla tua offerta.

Infine, devi testare A / B le tue landing page per vedere quale design, quale formato, quale titolo e quale invito all’azione ti daranno i migliori risultati dalla tua campagna.

Open

info@ibdi.it

Close