Cerca

Come avviare un Blog WordPress nel 2020 [La guida completa]

Tempo di lettura: 41 minuti
Come iniziare un blog

Stai cercando di creare un blog? Sappiamo che il pensiero di lanciare un blog può essere spaventoso, soprattutto se non sei un esperto di tecnologia. Ma la buona notizia è: avviare un blog è molto più facile di quanto pensi, indipendentemente dal tuo set di abilità.

Le piattaforme di blog come WordPress rendono semplicissimo per chiunque avviare un blog senza conoscere un’unica riga di codice. Dopo aver impostato il blog, è possibile creare contenuti in un editor di post molto simile a Microsoft Word. Puoi personalizzare il design, l’aspetto e il design del tuo blog con un’interfaccia drag and drop di facile utilizzo.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

In altre parole, l’avvio di un blog nel 2020 è MOLTO più semplice di quello iniziato 10 anni fa.

Quindi, vuoi fare un blog … ma perché ascoltarci?

A differenza di altri aspiranti esperti e falsi profeti, predichiamo solo ciò che pratichiamo.

Abbiamo creato diversi blog di grandi dimensioni nella nostra carriera, incluso questo. Avendo aiutato migliaia di utenti di WordPress a iniziare a scrivere sul blog, sappiamo esattamente cosa serve per creare un blog straordinario da zero.

Se sei un principiante assoluto o hai solo bisogno di un aggiornamento, in questa guida troverai tutto ciò di cui hai bisogno per far funzionare il tuo blog.

Abbiamo suddiviso questa guida in 12 diversi capitoli:

Sommario:

  • Capitolo 1: Perché iniziare un blog?
    • 1.1. Scegli la nicchia giusta per il tuo blog
    • 1.2. Disimparare le lezioni di scrittura convenzionali
  • Capitolo 2: Scelta di una piattaforma di blog
    • 2.1. Miglior resa dei conti delle piattaforme di blog
    • 2.2. Perché consigliamo WordPress.org per creare un blog?
  • Capitolo 3: Creazione di un blog – Guida tecnica (istruzioni dettagliate)
    • 3.1. Come scegliere un nome di dominio
    • 3.2. Come impostare il nome di dominio e l’hosting web
    • 3.3. Come installare WordPress sul tuo host web
    • 3.4. Come installare un tema WordPress
    • 3.5. Come installare un plugin per WordPress
  • Capitolo 4: Configurazione delle impostazioni del tuo blog WordPress
    • 4.1. Scegli la tua struttura Permalink
    • 4.2. Scegli Visibilità sui motori di ricerca
    • 4.3. Configura il personalizzatore di WordPress
    • 4.4. Crea un menu di navigazione
    • 4.5. Imposta widget barra laterale / piè di pagina
    • 4.6. Decidi di accettare i commenti
    • 4.7. Decidi se consentire i pingback / trackback
    • 4.8 Imposta il fuso orario desiderato
  • Capitolo 5: Plugin e tutorial essenziali per il tuo blog WordPress
    • 5.1. Come aggiungere un modulo di contatto con WPForms
    • 5.2. Come collegare il tuo blog a Google Analytics con MonsterInsights
    • 5.3. Come migliorare il tuo SEO con Yoast SEO
  • Capitolo 6: Lavorare con WordPress Editor per creare un blog
    • 6.1. Scrittura di contenuti – Editor classico vs. Gutenberg
    • 6.2. Decidere di scegliere un Page Builder
  • Capitolo 7: Creazione di pagine WordPress
    • 7.1. Pagine essenziali di cui avrai bisogno
    • 7.2. Come creare una pagina blog con l’editor classico
    • 7.3. Come creare una pagina blog con Gutenberg
  • Capitolo 8: Scrivere il tuo primo post sul blog
    • 8.1. Come creare un post con l’editor classico
    • 8.2. Come creare un post con Gutenberg
    • 8.3. Aggiunta di categorie e tag
  • Capitolo 9: Promuovi il tuo blog
    • 9.1. Crea contenuto pilastro
    • 9.2. Sbraccio email
    • 9.3. Marketing via email
    • 9.4. Social media
    • 9.5. Altri modi per promuovere il tuo blog
  • Capitolo 10: WordPress SEO: Guida introduttiva
    • 10.1. Ricerca per parole chiave
    • 10.2. SEO on-page
    • 10.3. Costruendo collegamenti
  • Capitolo 11: Monetizza il tuo blog
    • 11.1. Pubblicità
    • 11.2. Marketing di affiliazione
    • 11.3. freelance
    • 11.4. Vendita di prodotti
  • Capitolo 12: Risorse da imparare e padroneggiare WordPress
    • FAQs

In questa guida passo-passo, ti spiegheremo come avviare un blog da zero in meno di un’ora.

Se preferisci andare dritto all’inseguimento e tuffarti nel tutorial tecnico passo-passo , allora provaci.

Capitolo 1: Perché iniziare un blog?

capitolo 1 perché avviare un blog

Il blog ha fatto molta strada dal suo inizio. Inizialmente, veniva utilizzato dagli individui per condividere i loro pensieri e opinioni personali. Ora anche le aziende di tutto il mondo sfruttano i blog per espandere la loro portata e generare nuovi contatti.

Quando si tratta di blog, avere uno scopo è fondamentale o perderai la direzione e l’ispirazione col passare del tempo. Quando blog con uno scopo, i tuoi lettori si collegheranno con esso perché tale scopo traspare nella tua scrittura.

Ecco alcuni dei motivi per cui le persone blog:

Blog / Blog personali

Alcune persone blog per documentare tutto ciò che stanno succedendo, in modo da poter tenere traccia dei loro progressi. Ti aiuta a connetterti con le persone che la pensano nella comunità e a costruire relazioni durature con loro.

Guadagna Blogging

Molte persone iniziano un blog con un unico obiettivo: fare soldi online.

Il tuo blog può essere la tua fonte di reddito semi-passivo, il che significa che puoi guadagnare denaro anche quando non lo stai aggiornando attivamente. Alcuni dei modi in cui puoi monetizzare il tuo blog sono:

  • Pubblicità : Vendi spazi pubblicitari sul tuo blog e genera un flusso costante di entrate da esso.
  • Marketing di affiliazione : indirizza i prodotti al tuo pubblico e genera entrate quando acquistano utilizzando i tuoi link di riferimento.
  • Vendi prodotti : crea un prodotto che conosci il tuo pubblico e lo venderà sul tuo blog.

Stabilisci te stesso come un’autorità

In questa affollata era digitale, i blog possono aiutarti a dimostrare le tue competenze e a stabilirti come autorità. Per fare questo, dovrai tenere d’occhio le tendenze nella tua nicchia e costantemente blog su di esso.

Assicurati di offrire suggerimenti e raccomandazioni al tuo pubblico su base regolare in modo che si rendano conto che il tuo blog è una risorsa di riferimento quando si tratta di tutto ciò che riguarda la tua nicchia.

1.1. Scegli la nicchia giusta per il tuo blog

Quando si avvia un blog, è indispensabile rendersi conto che i blog non saranno sempre arcobaleni e unicorni. Il blog è una maratona, non uno sprint.

Per gestire un blog a lungo termine, devi essere persistente. E per essere persistente, devi considerare alcune cose diverse quando scegli un argomento per il tuo blog:

  • Passione : per i blog persistenti, dovrai scegliere un argomento di cui sei davvero appassionato. Non puoi scrivere continuamente su un argomento che non ti eccita.
  • Volume di traffico : solo perché ami un argomento non significa sempre che è il migliore per iniziare un blog. Se nessun altro vuole leggere un blog sull’argomento che stai per scegliere, dovrai riconsiderare l’argomento prima di saltare.
  • Scopo : considera lo scopo del tuo blog quando decidi un argomento. Ad esempio, se vuoi guadagnarti da vivere con la pubblicità, ma la nicchia è troppo ristretta con un volume di traffico basso, allora potresti voler espandere la tua nicchia o cambiare la tua strategia di monetizzazione.

1.2. Disimparare le lezioni di scrittura convenzionali

Il blog è un po ‘diverso dalla scrittura convenzionale. Se sei un aspirante blogger, potresti dover disimparare alcune cose che ti hanno insegnato nelle tue lezioni di inglese.

Ad esempio, quando stai bloggando o scrivendo per il Web, è consigliabile creare frasi brevi e paragrafi anche più brevi, in modo che i lettori possano consumare rapidamente il tuo articolo. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le persone hanno tempi di attenzione più brevi sul Web.

Un’altra differenza è che i redattori di stampa spesso raccomandano agli scrittori di scrivere in terza persona. Tuttavia, i blogger sono tenuti a scrivere in prima persona. Scrivendo con una voce in prima persona, stai parlando direttamente ai tuoi lettori proprio come faresti con i tuoi amici.

Oltre a parlare direttamente con i tuoi lettori, dovrai anche ottimizzare i post del tuo blog per i motori di ricerca. Ciò aiuterà i motori di ricerca a scoprire e indicizzare il tuo sito Web, in modo da poter attirare più traffico sui motori di ricerca, noto anche come traffico organico, sul tuo blog.

↑ Torna al sommario

Capitolo 2: Scelta di una piattaforma di blog

il capitolo 2 sceglie una piattaforma di blog

La piattaforma di blog che scegli può creare o distruggere il tuo blog.

Non tutte le piattaforme di blog sono uguali. È facile essere sopraffatti da tutte le diverse piattaforme di blog disponibili. Quindi, prima di saltare, vale la pena dedicare un momento per esaminare alcuni diversi fattori:

  • Lo scopo del tuo blog : quando scegli una piattaforma, è essenziale che tu controlli se si allinea ai tuoi obiettivi di blog.
  • Usabilità : ovviamente, dovrai scegliere una piattaforma facile da usare. Con una piattaforma intuitiva, puoi facilmente fare le cose con una curva di apprendimento minima.
  • Monetizzazione : controlla attentamente se la tua piattaforma di blog preferita ti consente di monetizzare il tuo blog con annunci pubblicitari. Ad esempio, alcune piattaforme, come WordPress.com gratuito, non ti consentono di monetizzare il tuo blog. Ciò significa che una tale piattaforma non è adatta a te se il tuo obiettivo è quello di fare soldi con il blog .

2.1. Miglior resa dei conti delle piattaforme di blog

Ora che sai quali fattori devi considerare, diamo un’occhiata ad alcune delle migliori piattaforme di blog esistenti.

WordPress.org

wordpress.org

Senza dubbio, WordPress è la piattaforma di blog più popolare in circolazione. Inizialmente, WordPress è stato avviato come piattaforma di blogging, ma ora è diventato un sistema di gestione dei contenuti completo.

Con WordPress puoi costruire qualsiasi tipo di sito web che puoi immaginare, come un negozio di e-commerce, un forum, un social network di nicchia, ecc.

Ti consigliamo vivamente di iniziare con WordPress perché ti dà il pieno controllo sul tuo blog. Inoltre, consulta il nostro articolo sui migliori libri di WordPress inclusi i libri sulla creazione di un sito Web o blog con WordPress.

Prezzi : per creare un blog, dovrai acquistare un nome di dominio e un account di web hosting. Un nome di dominio costa circa $ 14,99 all’anno e l’hosting web costa circa $ 7,99 al mese. Abbiamo stipulato un accordo con Bluehost per gli utenti IsItWP, quindi devi pagare solo $ 2,65 al mese.

Ciò significa uno sconto del 60% sull’hosting di WordPress e un nome di dominio gratuito.

Wix

logo wix

Wix è una piattaforma gratuita per la creazione di siti Web che ti consente anche di creare un blog completamente nuovo da zero. Per creare un blog con Wix, dovrai integrare l’app Blog nel tuo sito Web Wix. Il piano Wix gratuito ti consente di utilizzare 500 MB di memoria e 1 GB di larghezza di banda.

Per rimuovere il marchio Wix e migliorare le funzionalità integrate, puoi acquistare un piano premium, a partire da $ 17 al mese.

WordPress.com

piattaforma di blog di wordpress.com

WordPress.com è una piattaforma di blog gratuita gestita dalle stesse persone di WordPress.org. Con WordPress.com, puoi creare un blog gratuito, senza acquistare un nome di dominio. Puoi aggiornare l’abbonamento per funzionalità avanzate, come un dominio personalizzato, monetizzazione, spazio di archiviazione aggiuntivo, ecc.

Assicurati di controllare le differenze tra WordPress.com e WordPress.org .

Prezzi : è possibile avviare un blog di base gratuitamente. Per $ 48 all’anno, è possibile collegare un nome di dominio personalizzato e rimuovere gli annunci WordPress.com. Per monetizzare il tuo blog, dovrai ottenere il piano Premium per $ 96 all’anno.

Blogger

Piattaforma di blog di Blogger.com

Blogger è una piattaforma di blog gratuita di Google. Blogger ti consente di aprire un blog e monetizzarlo con annunci senza dover spendere un centesimo. Sebbene sia dotato di tutte le funzionalità necessarie per gestire un blog, non puoi aggiungere funzionalità avanzate come un negozio online di e-commerce.

Prezzi : Blogger è una piattaforma di blogging gratuita al 100%.

2.2. Perché consigliamo WordPress.org per creare un blog?

Consigliamo di utilizzare la piattaforma WordPress.org self-hosted a tutti perché è una piattaforma di blogging davvero superiore. Lo usiamo su tutti i nostri siti Web, incluso questo!

wordpress

La differenza principale tra WordPress ospitato da solo e altre opzioni è che ti dà piena libertà e controllo sul tuo sito. È possibile personalizzare l’aspetto e la sensazione secondo necessità. Puoi monetizzare il tuo sito web come preferisci. Puoi persino aggiungere un negozio online al tuo blog.

Ultimo ma non meno importante, nessuno può cancellare il tuo blog solo perché non hai seguito i loro termini di servizio. Consulta questa guida per visualizzare l’elenco completo delle differenze tra WordPress.com e WordPress.org .

Inoltre, leggi questo articolo su come spostare un blog da blogger a WordPress .

Ora che abbiamo scelto la piattaforma, diamo un’occhiata a cosa è necessario per avviare un blog WordPress.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 1 – Perché iniziare un blog?

Capitolo 3: Creazione di un blog – Guida tecnica (istruzioni dettagliate)

capitolo 3 avvia una guida tecnica per blog

L’avvio di un blog non è scienza missilistica. Con il giusto set di strumenti, è facile far funzionare il tuo blog.

Indipendentemente dal tipo di blog che stai cercando di creare, devi avere alcune cose a portata di mano, come un nome di dominio, una piattaforma di blog e hosting web.

Dopo aver impostato il blog, dovrai personalizzarne l’aspetto, aggiungere funzionalità essenziali e altro.

In questo capitolo, spiegheremo:

  • Come scegliere un nome di dominio
  • Come impostare il nome di dominio e l’hosting web
  • Come installare WordPress sul tuo host
  • Come installare un tema WordPress per personalizzare l’aspetto del blog
  • Come installare un plugin WordPress per aggiungere funzionalità

3.1. Come scegliere un nome di dominio

La registrazione di un nome di dominio è facile ed economica, ma è importante scegliere il nome di dominio giusto per il tuo sito Web che sia facile da digitare e da ricordare.

Il tuo nome di dominio è l’indirizzo del tuo blog su Internet, come Google.com o IsItWP.com. È ciò che i tuoi clienti digitano nei loro browser per accedere al tuo sito web. Un nome di dominio normalmente costa circa $ 14,99 all’anno.

Diamo un’occhiata ad alcuni approcci diversi che puoi seguire per scegliere un nome di dominio per il tuo blog.

Scegli un nome di dominio personalizzabile

Sono finiti i giorni in cui puoi migliorare le classifiche di ricerca del tuo blog con un nome di dominio riempito di parole chiave. Anche se includere una parola chiave nel tuo nome di dominio può comunque avere un impatto positivo, il riempimento con parole chiave potrebbe influire negativamente sui tuoi sforzi SEO.

Quando si sceglie un nome di dominio, si consiglia di scegliere un nome di dominio personalizzabile, come ProBlogger.com o OptinMonster.com rispetto a uno con riempimento di parole chiave, come copywritingtweaks.com o killercopywriting.com.

Non solo sono più facili da ricordare, ma ti aiutano a ottenere un impatto SEO positivo a lungo termine.

Scegli l’estensione di dominio corretta

I domini .com sono così popolari che le persone hanno maggiori probabilità di digitare [yourblog] .com sul proprio browser per visitare il tuo sito. In effetti, se scegli un’estensione diversa, potresti voler fare un lavoro extra per far ricordare alle persone.

Naturalmente, ti consigliamo sempre di scegliere un nome di dominio .com per il tuo blog. Tuttavia, se .com non è disponibile, puoi scegliere tra .net o .org.

Utilizzare un generatore di nomi di dominio

Domain Name Generator di IsItWP

Scegliere un nome di dominio perfetto per il tuo blog può essere intimidatorio perché è molto probabile che il tuo primo nome di dominio scelto sia già stato preso. Ciò significa che dovrai fare il brainstorming delle idee per i nomi di dominio e verificarne la disponibilità una alla volta.

Un generatore di nomi di dominio ti aiuta a risparmiare tempo generando automaticamente tonnellate di idee per i nomi di dominio semplicemente inserendo una o due parole chiave.

Puoi scegliere il generatore di nomi di dominio IsItWP per trovare il nome di dominio perfetto.

3.2. Come impostare il nome di dominio e l’hosting web

Ora che hai trovato un nome di dominio, la prossima cosa che devi fare è registrarlo e configurare l’hosting web.

Se sei nuovo nello spazio web, di seguito è la definizione di un nome di dominio e l’ hosting web di WordPress .

Nome dominio : il tuo nome dominio è l’indirizzo del tuo blog su Internet, come Google.com o IsItWP.com. È ciò che i tuoi clienti digitano nei loro browser per accedere al tuo sito web. Un nome di dominio normalmente costa circa $ 14,99 all’anno, ma ti mostreremo come ottenerlo gratuitamente più avanti in questo articolo.

Web hosting : il tuo account di web hosting è il luogo in cui sono archiviati i contenuti e i file del tuo blog. Pensala come la casa del tuo sito web. Quando un visitatore tenta di accedere al tuo blog digitando il tuo indirizzo web (nome di dominio), verrà indirizzato ai file del sito Web memorizzati nel tuo server di web hosting. Il web hosting in genere costa $ 7,99 al mese.

Inoltre, dai un’occhiata a queste migliori aziende di blog hosting come riferimento.

Quando inizi il tuo blog per la prima volta, il costo combinato di un nome di dominio e di hosting può sembrare parecchio.

Ecco perché abbiamo stretto un accordo con Bluehost per offrire ai nostri utenti un nome di dominio gratuito, SSL gratuito e oltre il 60% di sconto sull’hosting di WordPress.

Fai clic qui per richiedere questa esclusiva offerta Bluehost »

Bluehost è una delle più grandi società di hosting al mondo. Sono stati coinvolti nella comunità di WordPress dal 2005 e sono un provider di hosting ufficialmente raccomandato da WordPress.org.

Nota: crediamo nella piena trasparenza. Se acquisti l’hosting utilizzando il nostro link di riferimento, riceverai una piccola commissione senza costi aggiuntivi per te. In realtà otterrai uno sconto sull’hosting + un dominio gratuito + SSL gratuito. Possiamo ottenere una commissione da qualsiasi società di hosting, ma raccomandiamo solo prodotti che crediamo veramente possano dare valore ai nostri lettori.

Per iniziare il tuo blog WordPress, vai al sito Web di Bluehost e fai clic sul pulsante Inizia ora .

crea un blog su bluehost

Nella pagina successiva ti verrà chiesto di scegliere un piano. Da quando hai appena iniziato, puoi scegliere il piano di base che include anche un dominio gratuito e un certificato SSL gratuito . Puoi sempre aggiornare il tuo account man mano che il tuo sito cresce.

seleziona un piano bluehost per avviare un blog

Ora puoi scegliere un dominio esistente o acquistare un nuovo dominio gratuitamente. Ti consigliamo di ottenere un nuovo dominio poiché è gratuito.

acquisto dominio bluehost

Ti verrà ora richiesto di inserire le informazioni del tuo account. Per una facile registrazione, puoi accedere con Google con solo un paio di clic.

creazione dell'account bluehost

Dopo aver inserito i dettagli, scorrere verso il basso la pagina fino a trovare la casella delle informazioni sul pacchetto. È possibile selezionare il piano di base per 12, 24 o 36 mesi. Vedrai anche che sono selezionati alcuni componenti aggiuntivi che aumentano il prezzo totale. Puoi deselezionare questi componenti aggiuntivi perché non ti serviranno subito. Puoi sempre aggiungerli in un secondo momento, se necessario.

Nota: la scelta del piano di 36 mesi ti darà il miglior rapporto qualità-prezzo!

informazioni sul pacchetto bluehost

Dopo aver configurato il piano, scorrere ulteriormente la pagina per inserire i dettagli del pagamento. Devi accettare i loro Termini di servizio e quindi fare clic su Invia.

Questo è tutto!

Ti sei abbonato con successo a un piano di hosting. Ti verrà chiesto di creare una password per il tuo account. Successivamente, riceverai un’e-mail con i dettagli su come accedere al pannello di controllo dell’hosting Web (cPanel) dove puoi gestire qualsiasi cosa, dall’hosting dei file alle e-mail e al supporto.

3.3. Come installare WordPress sul tuo host web

Con Bluehost, non è necessario eseguire un processo di installazione di WordPress separato perché Bluehost ora lo fa per impostazione predefinita. Tutto quello che devi fare è scegliere il tuo tema WordPress, quindi specificare il nome e lo slogan per il tuo blog e sarai pronto per iniziare con WordPress.

Dopo esserti iscritto al tuo piano di hosting, ti verrà ora richiesto di scegliere un tema WordPress. Puoi scegliere qualsiasi cosa durante questo passaggio perché puoi sempre cambiare il tema in un secondo momento (ti mostreremo come farlo in un passaggio successivo di questo tutorial). La parte più importante è iniziare a costruire il tuo blog, quindi vai avanti e scegli qualsiasi tema che ti attiri solo per farti girare.

scegli un tema

Ti verrà quindi chiesto di scegliere il nome e lo slogan per il tuo blog.

creare un nuovo blog wordpress

Dopo aver specificato i dettagli, fare clic su Avanti . Bluehost ora installerà automaticamente WordPress per te. Una volta fatto, ti mostrerà una schermata come questa:

installazione di wordpress eseguita correttamente

Puoi accedere al tuo sito aggiungendo wp-admin al tuo URL. Ecco come dovrebbe apparire l’URL di accesso di WordPress:

http://example.com/wp-admin

Ora puoi accedere al tuo blog WordPress con le credenziali inviate al tuo indirizzo email.

login wordpress

3.4. Come installare un tema WordPress

Ora che hai effettuato l’accesso a WordPress, cambiare l’aspetto visivo del tuo blog è semplice. Tutto quello che devi fare è trovare il tema WordPress giusto e installarlo sul tuo blog WordPress.

Il tema predefinito di WordPress è buono, ma se vuoi un aspetto diverso per il tuo sito, puoi trovare un tema alternativo dalla directory dei temi ufficiale e installarlo sul tuo sito.

Ma prima di scegliere un tema gratuito casuale per il tuo blog, dai un’occhiata al nostro elenco dei principali temi WordPress e decidi quale sarebbe la scelta migliore.

Se scegli un tema premium, deve essere scaricato dal sito del fornitore del tema e caricato su WordPress.

Se decidi di utilizzare un tema WordPress gratuito dal repository ufficiale dei temi, puoi cercare e installarlo direttamente dalla dashboard di WordPress senza doverlo scaricare sul tuo computer.

Per installare un tema gratuito, vai su Aspetto »Temi nella dashboard di WordPress. Quindi fai clic sulla casella Aggiungi nuovo tema .

aggiungi nuovo tema

Vedrai alcuni temi in primo piano nella tua dashboard. Prima di installare un tema, è possibile visualizzarne l’anteprima facendo clic sulle miniature visualizzate.

Puoi anche filtrare i temi in base a layout, funzionalità e nicchie di blog facendo clic sul pulsante Filtro funzionalità .

filtro funzionalità tema

Nell’angolo a destra, digita il nome del tema nella barra di ricerca. Una volta trovato il tema giusto, passa con il mouse sulla sua immagine e fai clic sul pulsante Installa . Successivamente, devi fare clic su Attiva per modificare l’aspetto del tuo blog.

installazione del tema

3.5. Come installare un plugin per WordPress

Ora che hai installato un tema WordPress, probabilmente vorrai sapere come migliorare il tuo blog aggiungendo funzionalità come un modulo di contatto, una galleria fotografica, ecc.

Con WordPress puoi trovare migliaia di plug-in (app) gratuiti che ti consentono di aggiungere facilmente funzionalità aggiuntive al tuo blog senza dover toccare una singola riga di codice. Proprio come i temi di WordPress, puoi facilmente trovare e installare plug-in gratuiti dal repository di plugin di WordPress nella tua dashboard di WordPress.

Tutto quello che devi fare è visitare i  Plugin »Aggiungi nuova  pagina e utilizzare la casella di ricerca nell’angolo a destra per trovare un plugin. Una volta trovato il plug-in che stai cercando, fai clic sul pulsante  Installa ora  e quindi fai clic su  Attiva .

installa un plugin

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 2 – Scelta di una piattaforma di blog

Capitolo 4: Configurazione delle impostazioni del tuo blog WordPress

capitolo 4 configurazione delle impostazioni del blog

Ormai hai configurato il tuo blog di base.

Sai già come cambiare un tema WordPress e installare plugin. Fin qui tutto bene.

Prima di saltare e iniziare a pubblicare articoli sul tuo blog, dovrai modificare alcune impostazioni predefinite del blog e adattarle alle tue preferenze. Diamo un’occhiata…

4.1. Scegli la tua struttura Permalink

In WordPress, permalink è l’indirizzo web / URL del contenuto che pubblichi sul tuo sito. È ciò che le persone inseriscono nella barra degli indirizzi del browser per visitare le pagine Web del tuo sito.

La scelta sbagliata del permalink può danneggiare il traffico dei motori di ricerca e il traffico di riferimento, quindi è essenziale scegliere quello giusto durante la configurazione del sito.

La struttura di permalink predefinita nota come Plain contiene alcuni numeri casuali nel tuo URL, che non dice nulla sul tuo contenuto, quindi praticamente qualsiasi altra scelta è migliore. Scegli quello più adatto alle tue esigenze.

Per scegliere la struttura del permalink corretta, vai su Impostazioni »Permalink nella dashboard di WordPress.

impostazioni permalink di wordpress

Se non hai preferenze, puoi semplicemente scegliere l’ opzione Nome post dall’elenco.

4.2. Scegli Visibilità sui motori di ricerca

WordPress include un’opzione che ti consente di scoraggiare facilmente i motori di ricerca dall’indicizzazione del tuo sito con un solo clic. Per non parlare, non dovresti mai selezionare questa opzione se stai gestendo un sito Web o blog pubblicizzato.

visibilità dei motori di ricerca

Tuttavia, di seguito sono riportati alcuni casi d’uso in cui si desidera considerare di scoraggiare i motori di ricerca dall’indicizzazione del proprio sito.

  • Contenuti privati : potresti non voler indicizzare i tuoi contenuti privati ​​dietro un paywall come un sito di appartenenza, creato appositamente per i tuoi membri.
  • Sito di test / sviluppo / demo : per evitare duplicati di penalità per il contenuto del tuo sito di produzione, potresti voler deindicizzare il tuo sito di sviluppo dal motore di ricerca.
  • Contenuti dinamici : allo stesso modo, potresti voler scoraggiare il motore di ricerca dall’indicizzazione del tuo sito se crei contenuti dinamici che si aggiornano troppo frequentemente.

4.3. Configura il personalizzatore di WordPress

Vuoi aggiornare istantaneamente le impostazioni del tuo tema mentre visualizzi in anteprima l’aspetto del tuo sito?

Ora è possibile con WordPress Customizer. WordPress Customizer ti consente di visualizzare in anteprima l’aspetto del contenuto del tuo sito con un tema diverso, con impostazioni del tema diverse e altro ancora.

Ad esempio, puoi impostare facilmente il titolo del tuo sito, la tagline e Favicon.

Per modificare le impostazioni, non devi fare altro che accedere a Aspetto »Personalizza .

personalizzatore di wordpress

4.4. Crea un menu di navigazione

Il menu di navigazione fornisce un collegamento rapido ad alcune delle pagine più importanti del tuo sito. In WordPress, il menu di navigazione è una caratteristica del tema.

Il suo aspetto e la sua visualizzazione sono controllati dal tuo tema WordPress. Dopo aver creato alcune pagine importanti, puoi andare avanti e impostare un menu di navigazione.

Per aggiungere, modificare o gestire il menu di navigazione, vai su Aspetto »Menu. Quindi, fai clic su crea un nuovo menu .

creare menu in WordPress

Ti verrà ora richiesto di specificare il nome del menu .

Come puoi vedere nello screenshot, il nostro tema supporta 2 diverse posizioni di menu: Menu principale e Menu Collegamenti sociali. Tieni presente che le posizioni dei menu e i loro nomi variano da tema a tema.

Quindi, selezionare le pagine che si desidera aggiungere al menu, quindi fare clic su Aggiungi al menu .

struttura del menu di posizione

È possibile riposizionare il menu con il trascinamento della selezione. È quindi possibile scegliere la posizione del menu e fare clic sul pulsante Salva menu .

4.5. Imposta widget barra laterale / piè di pagina

I widget di WordPress sono semplici elementi mobili che ti consentono di personalizzare facilmente il tuo sito web. Puoi utilizzare i widget per fare una varietà di cose, come la visualizzazione di post recenti, commenti popolari, casella di iscrizione e-mail, ecc.

Puoi aggiungere widget alle aree del tuo sito Web pronte per i widget. Di solito, questo significa la barra laterale del tuo blog, ma molti temi supportano l’aggiunta di widget a piè di pagina e altre sezioni della homepage.

Per aggiungere widget alle aree pronte per i widget, come barra laterale e piè di pagina, seguire i passaggi seguenti.

Passa a Aspetto »Widget .

widget di wordpress

Nel riquadro di sinistra, puoi trovare un elenco di widget disponibili. Puoi trovare alcune caselle diverse sul lato destro, che sono aree pronte per i widget supportate dal tuo tema.

Nel nostro esempio, il nostro widget supporta 3 diverse aree pronte per il widget: barra laterale, piè di pagina 1 e piè di pagina 2.

Per aggiungere un widget, è sufficiente trascinarlo in qualsiasi area pronta per il widget.

4.6. Decidi di accettare i commenti

I commenti sono la linfa vitale di qualsiasi blog o pubblicazione online. I blog non sono monologhi. Sono progettati per conversare in due modi con i tuoi lettori attraverso i commenti.

Con i commenti sul blog, puoi incoraggiare i tuoi lettori a interagire con te e altri lettori. Ma devi sempre moderare i tuoi commenti prima che vengano pubblicati. In questo modo puoi assicurarti che vengano pubblicati solo commenti legittimi.

Per impostazione predefinita, WordPress consente agli utenti di commentare il tuo blog. Se non desideri accettare commenti, puoi andare su Impostazioni »Discussione , quindi deselezionare la casella accanto a Consenti alle persone di pubblicare commenti su nuovi articoli .

Consenti commenti

4.7. Decidi se consentire i pingback / trackback

Proprio come i commenti, per impostazione predefinita, WordPress consente pingback e trackback. Pingback e trackback consentono ad altri blog di avvisarti ogni volta che si collegano a te.

Poiché la maggior parte dei pingback e trackback sono spam, è nel tuo interesse disabilitarli sul tuo sito. Per fare ciò, puoi deselezionare la casella, Consenti notifiche di collegamento da altri blog andando in Impostazioni »Discussioni .

4.8 Imposta il fuso orario desiderato

Il fuso orario predefinito di WordPress è UTC +0. Dopo aver installato WordPress sul tuo sito, potresti voler cambiare il fuso orario secondo le tue preferenze. Ciò semplifica la pianificazione anticipata dei post.

Per modificare il fuso orario, vai su Impostazioni »Generale e quindi scegli una città o un fuso orario UTC.

fuso orario

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 3 – Creazione di un blog – Guida tecnica (Step by Step)

Capitolo 5: Plugin e tutorial essenziali per il tuo blog WordPress

capitolo 5 plugin ed esercitazioni essenziali

Avere il giusto set di plugin nella tua cassetta degli attrezzi è necessario per espandere le funzionalità principali del tuo blog WordPress.

Ogni blog è unico in termini di pubblico, contenuto, design e funzionalità. Tuttavia, ci sono alcuni plugin comuni che quasi tutti i blog dovranno installare. Dal momento che è abbastanza facile essere sopraffatti da tutti i diversi plugin disponibili per WordPress che fanno quasi la stessa cosa, di seguito abbiamo selezionato i migliori.

Usiamo questi plugin sui nostri siti e raccomandiamo anche ai nostri utenti di installarli. Per tua comodità, insieme al nome dei plugin, abbiamo anche spiegato il loro utilizzo e fornito collegamenti alle versioni pro e gratuite.

  • Crea moduli di contatto con WPForms – Pro | Gratuito
  • Collega il tuo sito a Google Analytics utilizzando MonsterInsights – Pro | Gratuito
  • Migliora il tuo SEO con Yoast SEO – Pro | Gratuito
  • Aggiungi un ulteriore livello di sicurezza con Sucuri
  • Effettua un backup regolare con Updraft Plus – Pro | Gratuito
  • Migliora le prestazioni di WordPress con W3 Total Cache
  • Prevenire i commenti spam con Akismet – Pro | Gratuito
  • Fai crescere i tuoi abbonati e le tue vendite con OptinMonster

Poiché una spiegazione dettagliata su TUTTI i plug-in sarebbe travolgente, spiegheremo come aggiungere solo 3 delle funzionalità più essenziali al tuo blog usando i plug-in sopra elencati.

  1. Come aggiungere un modulo di contatto con WPForms
  2. Come collegare il tuo blog a Google Analytics con MonsterInsights
  3. Come migliorare il tuo SEO con Yoast SEO

5.1. Come aggiungere un modulo di contatto con WPForms

Indipendentemente dall’argomento del tuo blog, è necessario includere un modulo di contatto sul tuo blog. L’aggiunta di un modulo di contatto al tuo blog consente ai tuoi visitatori di contattarti facilmente.

WPForms  è il miglior plugin per moduli di contatto per i principianti di WordPress. Ti consente di creare un modulo di contatto con un generatore di trascinamento della selezione e di pubblicarlo facilmente ovunque sul tuo sito.

Alcuni altri vantaggi dell’utilizzo di WPForms sono:

  • Crea qualsiasi tipo di modulo online senza problemi come moduli di contatto, moduli di donazione, moduli di registrazione, moduli di iscrizione e altro ancora …
  • Tutti i moduli creati con WPForms risponderanno al 100%, il che significa che funziona su dispositivi mobili, tablet e desktop.
  • Integra perfettamente il tuo modulo con i tuoi strumenti di email marketing preferiti o app Web di terze parti.
  • E altro ancora …

Leggi la  recensione completa di WPForms .

Per creare un modulo sul tuo blog, prima di tutto, dovrai installare WPForms andando su Plugin »Aggiungi nuovo . Cerca il plug-in WPForms e, quando viene visualizzato, fai clic su Installa ora , quindi su Attiva .

installa wpforms

Verrai quindi indirizzato alla bellissima pagina di benvenuto di WPForms. Puoi fare clic sul pulsante Crea il tuo primo modulo o fare clic su WPForms »Aggiungi nuovo per creare il tuo primo modulo.

crea il tuo primo modulo

Successivamente, ti verrà richiesto di scegliere un modello. È possibile selezionare uno dei modelli premade o iniziare con un modulo vuoto. Se lo desideri, puoi assegnare un nome personalizzato al tuo primo modulo di contatto.

scegli un modello di modulo

WPForms semplifica la creazione di un modulo con trascinamento della selezione. Fai clic sui campi del modulo appropriati nel riquadro di sinistra per aggiungerli al modulo. Puoi anche riorganizzarli facilmente e persino rimuovere facilmente tutti i campi non necessari. Dopo aver apportato le modifiche necessarie, fare clic su Salva .

crea un modulo semplice

Quindi, vai alla tua dashboard e fai clic su WPForms »Tutti i moduli . Ora vedrai tutti i moduli che hai creato. Proprio accanto al nome del modulo verrà visualizzato il codice funzione del modulo. Copia questo shortcode.

WPForms

Ora vai al post o alla pagina in cui desideri aggiungere il modulo e fai clic sul segno “+” nell’angolo in alto a sinistra dell’editor Gutenberg.

Utilizzando il campo di ricerca cercare shortcode . Selezionalo quando trovato. Avrai quanto segue sullo schermo.

Ora incolla il codice funzione che hai copiato in precedenza e incollalo nel campo specificato e premi il pulsante Pubblica sulla destra.

Questo è tutto! Hai pubblicato correttamente un modulo di contatto.

Vuoi creare un modulo di contatto in modo semplice? Quindi, inizia subito con WPForms .

Vuoi iniziare invece con la versione gratuita? Prova WPForms Lite .

5.2. Come collegare il tuo blog a Google Analytics con MonsterInsights

Se vuoi aumentare il traffico del tuo blog, devi capire come le persone trovano il tuo blog e cosa fanno una volta che sono sul tuo blog.

Il modo più semplice per tracciare l’interazione dell’utente sul tuo sito è utilizzare Google Analytics. Google Analytics è la migliore soluzione di monitoraggio per i siti Web ed è gratuita.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Il plugin MonsterInsights  ti semplifica la configurazione di Google Analytics sul tuo blog WordPress. Inoltre, ti consente di sfruttare tutto il potenziale del monitoraggio di Google Analytics, come il monitoraggio dei download di file, il monitoraggio degli annunci, il monitoraggio degli invii dei moduli, il monitoraggio delle transazioni e-commerce, ecc. Senza dover toccare una singola riga di codice.

Leggi la  recensione completa di MonsterInsights .

Per configurare Google Analytics sul tuo blog, vai su Plugin »Aggiungi nuovo . Cerca MonsterInsights e, quando viene visualizzato il plug-in, fai clic su Installa ora , quindi attiva .

installa monsterinsights

Vai su Insights »Impostazioni per autenticare il tuo blog con Google Analytics. Fai clic su Autentica con il tuo account Google .

fai clic su autentica con il tuo account google

Nella schermata successiva, seleziona il tuo account Google.

scegli un account google per analisi

Successivamente, consenti a MonsterInsights di gestire il tuo account.

consentire a monsterinsights di gestire le analisi

Infine, seleziona il profilo del sito Web corretto per il tuo blog e fai clic su Completa autenticazione .

autenticare monsterinsights

Dopo l’autenticazione, puoi facilmente scoprire come sta andando il tuo sito web visitando Insights »Rapporti .

wordpress google analytics con monsterinsights

Inizia oggi stesso con MonsterInsights per configurare facilmente Google Analytics sul tuo sito.

Vuoi iniziare invece con la versione gratuita? Prova MonsterInsights Lite .

5.3. Come migliorare il tuo SEO con Yoast SEO

Vuoi attirare un pubblico mirato sul tuo blog? Il modo migliore per attirare visitatori mirati è indirizzare più traffico sui motori di ricerca, noto anche come traffico organico, migliorando la SEO del tuo sito web.

Secondo OptinMonster, la SEO è la pratica di aumentare il traffico del tuo sito Web facendo in modo che le tue pagine Web si posizionino più in alto nei risultati dei motori di ricerca. I visitatori che arrivano al tuo sito tramite i motori di ricerca vengono definiti traffico organico.

La SEO può diventare tecnica e complicata, ma grazie ai plugin SEO gratuiti e alle guide SEO di WordPress , è diventata abbastanza facile, anche per i principianti.

Mentre puoi trovare tonnellate di plugin SEO diversi , usiamo e raccomandiamo Yoast SEO . È il plugin SEO più popolare sul mercato.

Con Yoast SEO, puoi facilmente aggiungere meta tag e titoli ai post / pagine del tuo blog WordPress. Ti costringe anche a scegliere una parola chiave attiva per i post e le pagine del tuo blog per assicurarti di utilizzare la parola chiave in modo appropriato su quella pagina.

Dalla dashboard di WordPress, vai su Plugin »Aggiungi nuovo . Cerca Yoast nella barra di ricerca che puoi trovare nell’angolo in alto a destra. Il plug-in Yoast SEO apparirà sulla tua pagina. Fai clic su Installa, quindi su Attiva .

hai installato seo

Nella dashboard di WordPress, ora puoi trovare il menu SEO nella barra delle applicazioni a sinistra. Basta cliccarci sopra. Se il plug-in rileva errori SEO, puoi risolverli seguendo i suggerimenti forniti.

La configurazione di Yoast SEO è facile utilizzando la procedura guidata di configurazione. Fai semplicemente clic sulla procedura guidata di configurazione per iniziare.

la procedura guidata per la configurazione di seo

Nel primo passaggio, ti verrà chiesto se desideri configurare tu stesso Yoast SEO o assumere un esperto per farlo per te. Seleziona CONFIGURA SEO GIOVANI per farlo da solo.

configura seo

Nel passaggio successivo ti verrà chiesto se il tuo sito è pronto per essere indicizzato. È possibile scegliere l’opzione A. Quindi, fare clic su Avanti .

indicizzazione seo

È necessario scegliere il tipo di sito Web nel passaggio successivo. Per te è un blog. Quindi, fare clic su Avanti .

tipo di sito seo

Per la scheda grafica della conoscenza di Google, ti verrà chiesto se il blog è gestito da una persona o un marchio. Se si seleziona Persona, è necessario specificare il nome della persona. Se viene selezionata la Società, dovrai aggiungere anche il logo. Quindi, fare clic su Avanti .

sei una compagnia o una persona

Ora puoi inserire l’URL del tuo profilo di social media nel relativo campo. Quindi, fare clic su Avanti .

hai profili social seo

Nel passaggio di visibilità del motore di ricerca, non è necessario modificare le impostazioni predefinite perché sono impostate per indicizzare i tuoi post e le tue pagine. Basta fare clic su Avanti .

visibilità del motore di ricerca seo

Gli archivi degli autori potrebbero creare problemi di contenuto duplicati per i motori di ricerca. Per impedirlo, puoi disabilitarlo se il tuo blog non ha più autori.

hai più autori

Successivamente, ti verrà richiesto di connettere il tuo sito Web a Google Search Console, uno strumento gratuito che ti offre approfondimenti dettagliati su come il contenuto del tuo blog viene percepito da Google.

sei su seo google search console

Successivamente, puoi impostare un titolo per il tuo blog, quindi fare clic su Avanti .

hai le impostazioni del titolo seo

Ora puoi uscire dalla procedura guidata di configurazione perché gli altri passaggi sono stati creati a scopi promozionali come l’iscrizione alla newsletter di Yoast.

Inizia subito con Yoast SEO per migliorare la SEO del tuo blog.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 4 – Configurazione delle impostazioni del blog

Capitolo 6: Lavorare con WordPress Editor per creare un blog

capitolo 6 lavorare con i redattori di wp

WordPress si vanta di essere la migliore piattaforma di pubblicazione esistente, in termini di popolarità e flessibilità. Ovviamente, con un’enorme quota di mercato del 60%, WordPress batte i pantaloni per tutta la concorrenza.

Tuttavia, il principale svantaggio è che gli editor di post e pagine non sono eleganti come le altre piattaforme di blog. L’editor di WordPress legacy, ora noto come Editor classico, ha un’interfaccia in stile elaboratore di testi. Consente agli utenti di inserire testo in modalità Testo o Visual. Dal momento che faceva parte di WordPress da oltre un decennio, gli utenti esistenti sono abituati a questa interfaccia.

Tuttavia, gli editor di altre piattaforme di pubblicazione, come Medium o Ghost, sono molto più intuitivi di quelli di WordPress.

Correlati: Come migrare da Medium a WordPress (nessun tempo morto!)

Per rendere più semplice e divertente l’aggiunta di ricchi contenuti a WordPress, con la versione 5.0, WordPress viene fornito con un editor nuovo di zecca, noto come Gutenberg.

In questo capitolo, diamo un’occhiata alle differenze tra Gutenberg e Classic Editor.

6.1. Scrittura di contenuti – Editor classico vs. Gutenberg

Per impostazione predefinita, WordPress viene fornito con l’editor Gutenberg, che consente di visualizzare immediatamente l’anteprima dell’articolo direttamente all’interno dell’editor. Editor classico, d’altra parte, consente agli utenti di inserire testo in modalità Testo o Visual.

editor classico

Con l’Editor classico, gli utenti non possono visualizzare immediatamente l’anteprima della pagina finita durante la scrittura del contenuto. Modificare e spostare diversi elementi può anche essere una seccatura. Gli utenti dovranno alternare le modalità Testo e Visual. Possono anche creare problemi di spaziatura e dimensionamento. È qui che entra in gioco l’editor di Gutenberg.

L’editor Gutenberg ti consente di vedere come appare una pagina finita mentre sei nell’editor. In questo modo è possibile regolare il dimensionamento e la spaziatura in tempo reale senza dover passare al pannello di anteprima. L’intera esperienza di modifica è stata ricostruita per contenuti multimediali.

editor di gutenberg

Gutenberg separa tutti gli elementi del tuo contenuto in singole unità chiamate blocchi. A differenza dell’Editor classico, Blocks in Gutenberg ti aiuta a personalizzare facilmente lo stile e l’aspetto dei tuoi contenuti multimediali senza la necessità di utilizzare un codice personalizzato.

6.2. Decidere di scegliere un Page Builder

Senza dubbio, Gutenberg è progettato per offrire un’esperienza di scrittura e modifica senza pari su WordPress. Il suo obiettivo è rendere l’aggiunta di ricchi contenuti a WordPress più semplice e divertente. Tuttavia, non significa sostituire i plug-in del generatore di pagine per WordPress.

Gli editor di WordPress integrati includono tutti gli strumenti essenziali per creare una pagina di base sul tuo sito. Tuttavia, se desideri creare una pagina accattivante, potresti utilizzare un generatore di pagine sul tuo sito.

Non solo ti aiuta a creare un layout personalizzato per la tua pagina web, ma puoi anche creare una pagina straordinaria senza cambiare i tuoi temi WordPress esistenti.

Ti consigliamo di utilizzare Beaver Builder per creare una pagina personalizzata. Puoi anche dare un’occhiata ai migliori generatori di pagine per WordPress .

Speriamo che tu abbia un’idea di base sugli editor di WordPress. Nei prossimi 2 capitoli, spiegheremo come creare pagine e post di WordPress.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 5 – Plugin ed esercitazioni WordPress essenziali

Capitolo 7: Creazione di pagine WordPress

il capitolo 7 crea una pagina su wordpress

In WordPress, puoi pubblicare contenuti come post o pagina. Quando si desidera pubblicare un normale articolo di blog, si scrive un post e quando si desidera pubblicare una pagina Web autonoma, ad esempio Informazioni, Pagine di contatto, si scrive una pagina.

Un’altra differenza è che i post consentono di organizzare il contenuto utilizzando categorie e tag, mentre le pagine consentono di applicare modelli personalizzati e riordinarli in base alle proprie esigenze.

7.1. Pagine essenziali di cui avrai bisogno

Homepage

La tua homepage è probabilmente la prima pagina che i tuoi visitatori vedono sul tuo blog. Per accogliere calorosamente i tuoi visitatori per la prima volta, potresti voler personalizzare la tua home page. Dai un’occhiata a un esempio della homepage di IsItWP per ispirazione.

Per impostazione predefinita, WordPress imposta la pagina del tuo blog come pagina iniziale. Tuttavia, puoi creare una pagina e sceglierla come pagina iniziale. Prima di immergerti e creare una home page, di seguito sono alcune cose da considerare.

  • Modello incorporato : controlla se il tuo tema supporta un modello di homepage. In tal caso, è possibile utilizzarlo anziché creare una nuova homepage a meno che non si desideri una diversa.
  • Layout a larghezza intera : se desideri impostare una home page da solo, potresti scegliere un layout a larghezza intera / senza barra laterale per la pagina. In questo modo puoi evitare gli elementi della barra laterale dalla tua home page e creare facilmente una pagina altamente personalizzata.
  • Scegli un generatore di pagine : puoi trovare decine di diversi creatori di pagine che ti aiutano a creare una pagina personalizzata straordinaria da solo.

Dopo aver impostato una pagina per la home page, puoi andare su Impostazioni »Lettura .

impostazioni della homepage in wordpress

Quindi seleziona la pagina statica come pagina iniziale e quindi scegli la pagina iniziale e i post preferiti.

Informazioni sulla pagina

Creare una pagina about è un ottimo modo per creare una connessione emotiva con il tuo pubblico. Nella tua pagina about, puoi spiegare come hai iniziato, perché e quali valori rappresenta il tuo blog.

È essenziale che tu capisca le motivazioni e le paure del tuo pubblico prima di creare una pagina di informazioni. In questo modo, puoi creare una storia avvincente di te stesso a cui il tuo pubblico può facilmente relazionarsi. Dovrai anche capire i giusti legami emotivi per collegare il tuo blog ai problemi dei tuoi lettori.

Se stai cercando ispirazione, dai un’occhiata alla pagina delle informazioni su SyedBalkhi.com.

Informazioni sull'esempio di pagina - Syed Balkhi

Nella pagina about, Syed rivela le lotte che ha incontrato durante il suo viaggio come imprenditore. Dal momento che il blog è rivolto ad aspiranti imprenditori e esperti di marketing, i lettori possono facilmente stabilire una connessione con la loro vita quotidiana.

Pagina di contatto

La tua pagina di contatto svolge un ruolo importante nel trasformare i visitatori del tuo sito Web in clienti. Se desideri incoraggiare il tuo pubblico a connettersi con te, assicurati di aggiungere un modulo di contatto alla tua pagina dei contatti.

Rispetto alla visualizzazione di un indirizzo e-mail, la presenza di un modulo di contatto nella pagina dei contatti facilita la connessione del pubblico con te. In questo modo, il tuo pubblico può contattarti senza uscire dal tuo sito.

Puoi usare WPForms per creare un modulo di contatto sul tuo sito, che è uno dei migliori plugin per la creazione di moduli per WordPress.

7.2. Come creare una pagina blog con l’editor classico

Per creare una nuova pagina, vai su Pagine »Aggiungi nuovo .

Nuova pagina in WordPress

Ora puoi specificare il titolo per la tua nuova pagina e aggiungere del contenuto nell’area di testo.

La sezione Attributi di pagina ti consente di scegliere una pagina principale. Puoi anche nidificare le pagine in base alle tue esigenze.

Alcuni temi di WordPress forniscono modelli di pagina personalizzati. La scelta di un modello consente di aggiungere facilmente variazioni strutturali alle pagine Web.

Dopo aver aggiunto il contenuto, visualizza l’anteprima della pagina e fai clic su Pubblica . Hai pubblicato con successo una nuova pagina.

7.3. Come creare una pagina blog con Gutenberg

Ora diamo un’occhiata a come creare una pagina usando l’editor Gutenberg.

La prima cosa che devi fare è installare e attivare il plugin Gutenberg . Questo sostituirà l’Editor classico con Gutenberg.

Per creare una pagina, vai su Pagine »Aggiungi nuovo . Ti verrà richiesto di aggiungere un titolo per il post. È quindi possibile iniziare a scrivere contenuti, proprio come l’editor classico.

Gutenberg ti consente di aggiungere facilmente qualsiasi blocco di contenuti che desideri come testo, immagini, gallerie, immagini di eroi, pulsanti, ecc. Per aggiungere un blocco, tutto ciò che devi fare è fare clic sullo strumento Inseritore (+).

blocchi nell'editor gutenberg

Per trovare la sezione Attributi pagina , fai clic sul pulsante a forma di ingranaggio nell’angolo in alto a destra, quindi fai clic sulla scheda Documento. In Attributi di pagina, puoi scegliere una pagina principale e nidificare le pagine in base alle tue esigenze.

attributi di pagina gutenberg

Nella scheda Documento, è possibile modificare il modello di pagina per aggiungere una variazione strutturale alle pagine.

Per personalizzare qualsiasi blocco, è possibile accedere alla scheda Blocco e modificare le configurazioni del blocco selezionato.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 6 – Lavorare con WordPress Editor

Capitolo 8: Scrivere il tuo primo post sul blog

capitolo 8 creazione di un post sul blog

Ora che hai creato pagine WordPress statiche e riempito la barra laterale e il piè di pagina con le informazioni appropriate, è tempo di iniziare a pubblicare il tuo primo post sul blog.

A questo punto, potresti aver già capito lo scopo e la nicchia del tuo blog. In caso contrario, puoi tornare al Capitolo 1 per impararlo.

8.1. Come creare un post con l’editor classico

Per creare il tuo primo post sul blog, vai all’editor dei post facendo clic su  Post »Aggiungi nuovo .

Dovrai aggiungere un titolo al tuo post e iniziare a scrivere contenuti nel tuo editor di post. Per caricare immagini sul tuo blog, tutto ciò che devi fare è trascinare le immagini nell’editor di testo dal tuo computer. In alternativa, è possibile utilizzare il   pulsante Aggiungi media per caricare immagini e video.

aggiungi media

8.2. Come creare un post con Gutenberg

La prima cosa che devi fare è installare e attivare il plugin Gutenberg.

Per creare un post, vai su Post »Aggiungi nuovo . Ti verrà richiesto di aggiungere un titolo per il post. È quindi possibile iniziare a scrivere contenuti, proprio come l’editor classico.

Gutenberg ti consente di aggiungere facilmente qualsiasi blocco di contenuti che desideri come testo, immagini, gallerie, immagini di eroi, pulsanti, ecc. Per aggiungere un blocco, tutto ciò che devi fare è fare clic sullo strumento Inseritore (+).

8.3. Aggiunta di categorie e tag

Il contenuto del tuo blog WordPress è organizzato per categorie e tag.

Le categorie sono sostanzialmente un ampio raggruppamento dei post del tuo blog. Pensalo come argomenti generali che tratti o un sommario per il tuo blog. Poiché sono gerarchici, puoi avere tante sottocategorie per ognuna.

I tag hanno lo scopo di descrivere dettagli specifici del tuo post. Possono essere utilizzati per micro-categorizzare i tuoi contenuti e non sono gerarchici.

Ecco come aggiungere categorie e tag con l’Editor classico:

Nella schermata dell’editor dei post, scorri verso il basso fino alla casella meta categorie sul lato destro. Puoi fare clic su Aggiungi nuova categoria o semplicemente scegliere tra le categorie esistenti.

categorie e tag - editor classico

Allo stesso modo, utilizzando la meta-casella Tag, è possibile creare nuovi tag o scegliere tra i tag esistenti.

Con Gutenberg, per aggiungere una categoria e aggiungere tag al tuo post sul blog, puoi fare clic sull’icona a forma di ingranaggio nell’angolo in alto a destra dell’editor. Nella scheda Documento, è possibile aggiungere categorie e tag al post del blog. Puoi anche cambiare l’immagine in primo piano, estratto e persino modificare le opzioni Stato e Visibilità.

categorie e tag- gutenberg

Per personalizzare qualsiasi blocco, è possibile accedere alla scheda Blocco e modificare le configurazioni del blocco selezionato.

Puoi fare clic sui 3 punti per cambiare la visualizzazione del tuo editor. Puoi anche passare all’editor di codice, se lo desideri.

Infine, puoi fare clic sul pulsante Pubblica nell’angolo a destra.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 7 – Creazione di pagine WordPress

Capitolo 9: Promuovi il tuo blog

il capitolo 9 promuove il tuo blog

Un blog senza lettori e coinvolgimento è un blog morto. Non ha alcun valore mantenere un blog se nessuno vuole consumare i tuoi contenuti.

Solo perché hai pubblicato ottimi contenuti sul tuo blog, non sempre significa che potrebbe portare un sacco di traffico. In effetti, dovrai attirare il giusto segmento di lettori che adoreranno il tipo di contenuto che pubblichi. Altrimenti, non resteranno in giro, il che non sarà redditizio per te a lungo termine.

In questo capitolo, spiegheremo alcuni modi diversi per promuovere il tuo blog.

  • Crea contenuto del pilastro
  • Sbraccio email
  • Marketing via email
  • Social media
  • Altri modi

9.1. Crea contenuto pilastro

Prima di immergerti e iniziare a promuovere il tuo blog, è essenziale per te pubblicare alcuni contenuti del pilastro sul tuo sito. In effetti, nessuno vuole attenersi a un sito che non fornisce valore. Ciò significa che se stai indirizzando il traffico verso un blog che non ha solide basi, come i contenuti dei pilastri, perdi alcuni dei tuoi beni più preziosi: tempo, denaro e altre risorse.

Il contenuto del pilastro è la pietra angolare del tuo blog. Di solito, è una serie di post sul blog che rappresentano il tuo miglior lavoro, ma possono anche essere infografiche, video o qualsiasi altro tipo di contenuto.

Il principale vantaggio del contenuto dei pilastri è che porta in un impeto di nuovi visitatori e backlink. Dal momento che fornisce una sorta di valore, il tuo pubblico ha maggiori probabilità di attenersi al tuo blog e promuoverlo. Soprattutto, continua ad attirare più traffico – molto dopo che sono stati inizialmente pubblicati.

Non sei sicuro di quale tipo di post sul blog dovresti scrivere?

Non ti preoccupare! Spiegheremo alcuni diversi tipi di post di blog che hanno dimostrato di funzionare.

  • Tutorial e guide pratiche: spiega come eseguire un’attività noiosa passo dopo passo, in uno stile facile da seguire. Questa guida particolare che stai leggendo in questo momento è un perfetto esempio di tutorial.
  • Liste : i post delle liste sono sempre tra i contenuti più condivisi su Internet perché sono facili da digerire.
  • Ultime notizie di settore : tieni d’occhio le ultime notizie di settore e blog su di esso. Puoi anche spiegare cosa significa ogni tendenza per un lettore medio e come possono abbracciare i cambiamenti nel tuo settore.
  • Argomenti controversi : parlare di controversie può portare alcuni lettori al tuo blog, ma fai attenzione! Le controversie possono essere molto emotive. Sii consapevole della lingua che usi e cerca di non essere intenzionalmente malizioso quando esprimi i tuoi pensieri.

Cerchi altre idee per post sul blog? Leggi  73 tipi di post di blog che hanno dimostrato di funzionare .

Tieni presente che il blog è un processo costante. Solo perché hai creato una serie di post, non significa che hai finito con i contenuti. Ricorda, il blog è una maratona, non uno sprint.

Il successo del tuo blog sta nel fatto che sei persistente in termini di produzione di contenuti di qualità. Ora, non è necessario produrre un post sul blog ogni giorno. Avere un programma di pubblicazione e attenersi ad esso.

9.2. Sbraccio email

Dopo aver gettato solide basi per il tuo blog creando una serie di contenuti di base, è il momento di intensificare e iniziare a promuovere il tuo blog.

La divulgazione tramite e-mail ti aiuta a promuovere il tuo blog in diversi modi: puoi indirizzare traffico e backlink, ottenere menzioni sulla stampa, offrire post degli ospiti su blog popolari e altro ancora.

Senza dubbio, la diffusione delle e-mail è il modo più semplice per sviluppare una connessione personale con influencer nella tua nicchia. Ecco come fare la divulgazione della posta elettronica, nel modo giusto.

Passaggio 1 : capire il tuo scopo.

Ad esempio, puoi avviare una campagna di sensibilizzazione per offrire articoli degli ospiti su blog popolari. Oppure, se vuoi creare backlink, potresti voler lanciare influencer e far loro sapere che hai prodotto contenuti preziosi sul tuo blog a cui vale la pena collegarli.

Passaggio 2 : trova gli indirizzi email in base al tuo scopo.

Se stai cercando un post per gli ospiti, crea un elenco di indirizzi email dei blogger più famosi.

Passaggio 3 : utilizzare uno strumento di sensibilizzazione via email, come OutreachPlus per creare una campagna di sensibilizzazione.

outreachplus

OutreachPlus ti aiuta a personalizzare la tua campagna, per una migliore consegna, risposta e coinvolgimento. Semplifica il tuo sforzo di sensibilizzazione e ti aiuta a produrre i migliori risultati.

Con le giuste strategie, la diffusione delle e-mail può essere molto efficace nella creazione di backlink e nel traffico.

9.3. Marketing via email

Sapevi che il 95% dei tuoi visitatori non tornerà mai sul tuo sito? Ciò significa che se non stai costruendo una connessione con i tuoi visitatori per la prima volta e facendoli visitare ripetutamente, se ne andranno per sempre.

La creazione di una newsletter e-mail è il modo migliore per stabilire una connessione con il pubblico e incoraggiarli a tornare al tuo sito.

Per creare una newsletter via e-mail, puoi scegliere un software di email marketing come Constant Contact o MailChimp . Occasionalmente puoi inviare loro utili e-mail per costruire una relazione duratura. Di tanto in tanto, puoi promuovere i tuoi post di blog recenti nella tua newsletter e incoraggiare i tuoi abbonati a visitare il tuo sito.

9.4. Social media

I social media sono una delle fonti di traffico più affidabili per il tuo blog. Se fai fatica a decifrare il codice per indirizzare il traffico social sul tuo blog, di seguito sono riportati alcuni suggerimenti che potrebbero aiutarti.

Imposta le basi

Crea un profilo per il tuo blog su vari siti di social network. Puoi mostrare quei profili sul tuo blog e incoraggiare i tuoi utenti a connettersi con te. Inoltre, installa un plug-in di condivisione social come Conti condivisi e semplifica la condivisione dei contenuti sui social media da parte dei tuoi utenti.

Concentrati su una o due piattaforme di social media

Concentrarsi su ogni social network là fuori può diffondersi troppo magro. Se hai un budget e risorse limitati, è nel tuo interesse concentrarti inizialmente solo su una o due piattaforme social.

Se stai cercando ispirazione per guidare il traffico sui social media, puoi scoprire come aumentare il traffico di Facebook del 332% .

Ottimizza i tuoi contenuti

Se hai mai condiviso un post sul blog sui social media, potresti aver notato che il social network estrae automaticamente l’immagine, il titolo e la descrizione dei tuoi contenuti. Queste informazioni forniscono uno schema di base sul contenuto che stai condividendo, che invita gli altri utenti a fare clic su di esso.

Se non riesci a trovare una bellissima anteprima del tuo post mentre lo condividi sui social media, è probabile che il tuo tema non supporti i tag OG (Open Graph). I tag OG aiutano i social network a estrarre le informazioni giuste dal tuo link. Se riscontri lo stesso problema con i link che condividi, allora potresti voler controllare come risolvere il problema con l’anteprima errata di Facebook .

9.5. Altri modi per promuovere il tuo blog

Di seguito sono riportati altri due modi per promuovere il tuo blog.

Commenti sul blog: commenta attivamente i blog popolari nella tua nicchia e partecipa alle conversazioni. Quando gli utenti fanno clic sul tuo nome, verranno indirizzati al tuo blog (a condizione che il blog su cui hai commentato consenta il backlink dal nome di un commentatore).

Ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) : SEO ti consente di aumentare il traffico del tuo sito Web facendo salire i post dei tuoi blog nei motori di ricerca. Con le tattiche SEO in loco e fuori sede, puoi indirizzare un traffico organico più mirato al tuo sito. Puoi trovare ulteriori informazioni al riguardo nel prossimo capitolo.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 8 – Scrivere il tuo primo post sul blog

Capitolo 10: WordPress SEO: Guida introduttiva

capitolo 10 wordpress seo

Vuoi indirizzare il traffico mirato al tuo sito dai motori di ricerca? L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) può essere complicata a causa dei mutevoli algoritmi di ricerca.

Tuttavia, con la giusta strategia, puoi aumentare il tuo traffico organico nonostante le costanti modifiche dell’algoritmo. Seguendo le migliori tattiche SEO, permetti ai motori di ricerca di scansionare e indicizzare facilmente il tuo sito web.

In questo capitolo, discuteremo di quanto segue:

  • Ricerca per parole chiave
  • SEO on-page
  • Costruendo collegamenti

10.1. Ricerca per parole chiave

La ricerca di parole chiave è uno degli aspetti più importanti della SEO. La ricerca per parole chiave ti aiuta a capire ciò che il tuo pubblico sta cercando su Google.

Idealmente, dovrai trovare ogni possibile combinazione di parole chiave che il tuo pubblico potenziale utilizza su Google per trovare i tuoi contenuti.

Di seguito sono riportati alcuni strumenti di ricerca per parole chiave che potresti trovare utili.

  • Google Keyword Planner : il planner parole chiave è uno strumento gratuito che ti aiuta a trovare le parole chiave giuste per le tue campagne AdWords. Puoi utilizzare lo stesso strumento per il brainstorming delle tue idee di contenuto.
  • Ricerca Google : Ricerca Google ti aiuta a trovare molte parole chiave correlate per il tuo blog. Puoi trovare le parole chiave correlate nella parte inferiore della pagina dei risultati di ricerca.
  • SEMRush : SEMRush è uno strumento a pagamento che ti aiuta a trovare un elenco di potenziali parole chiave per il tuo blog. Ti aiuta a scoprire cosa funziona per la tua concorrenza, quali visitatori del sito nel tuo settore stanno cercando e su quali parole chiave dovresti concentrarti.

Una volta che hai un elenco di potenziali parole chiave, è tempo di creare un calendario editoriale per semplificare il processo di creazione dei contenuti.

10.2. SEO on-page

Al fine di posizionarsi più in alto su Google e posizionare le tue pagine web in cima ai risultati di ricerca, dovrai ottimizzare le tue pagine web per il motore di ricerca.

Con WordPress, è facile ottimizzare il tuo sito Web per i motori di ricerca. Ecco come farlo.

Installa un plugin SEO

Un plug-in SEO ti aiuta a rendere amichevole il tuo motore di ricerca del tuo sito web. Ti consigliamo di installare il plugin Yoast sul tuo sito. Al momento dell’installazione del plug-in, troverai un meta box su ogni editor di post e pagine per aggiungere titolo SEO, descrizione e focus keyword.

Yoast SEO ti obbliga a scegliere una parola chiave focus quando pubblichi contenuti, quindi ti assicura di utilizzarlo correttamente su quella pagina.

Aggiungi alt tag per immagini

I tag alt aiutano a descrivere cosa c’è nell’immagine. Google attribuisce un valore relativamente alto al testo alternativo per identificare ciò che è nell’immagine e l’argomento del testo circostante.

Collegamento interno

Aggiungi 2-3 link interni a ogni singolo post.

I collegamenti interni consentono agli utenti di navigare ad altre pagine. Mantiene i tuoi visitatori più a lungo sul tuo sito e, cosa più importante, aumenta la quantità di link che migliora il tuo SEO.

10.3. Costruendo collegamenti

La costruzione di link è un fattore importante nel modo in cui Google classifica le pagine Web. Puoi migliorare il posizionamento del tuo blog aumentando il numero di link di alta qualità che rimandano alle tue pagine.

Esistono molti modi diversi per creare legalmente backlink al tuo sito. Diamo un’occhiata ad alcuni di essi di seguito.

Crea contenuto pilastro :

Ne abbiamo già parlato, ma lo stiamo ripetendo. Prima di immergerti e provare a creare backlink, assicurati di aver già pubblicato una manciata di contenuti a cui vale la pena collegarli. Alcuni esempi di contenuto dei pilastri sono guide pratiche, elenchi e case study.

Crea infografiche condivisibili :

Puoi assumere un graphic designer o crearlo da solo utilizzando uno strumento di creazione infografica come Canva , Piktochart o Visme . Dopo averlo creato, rendilo condivisibile fornendo un codice di incorporamento che gli utenti possano facilmente utilizzare.

Contatta i probabili linker :

Crea un elenco di blog che potrebbero fornire un link al tuo blog. Ad esempio, puoi trovare blog che pubblicano un riepilogo settimanale sulla tua nicchia e chiedere loro di includere il tuo articolo nel loro prossimo post.

Pubblica interviste :

Crea un elenco di influencer e pubblica un’intervista con una domanda. È probabile che aggiungano probabilmente un link all’intervista che hai pubblicato.

Blog degli ospiti :

Pubblica articoli per ospiti di alta qualità su siti rinomati nella tua nicchia. Sebbene sia una strategia efficace per ottenere collegamenti, tieni presente che Google ha represso la questione sui marketer che abusano di questa tattica con articoli e link di bassa qualità.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 9 – Promuovi il tuo blog

Capitolo 11: Monetizza il tuo blog

il capitolo 11 monetizza il tuo blog

Vuoi lasciare il tuo lavoro da 9 a 5? Ti chiedi come aprire un blog e fare soldi? Allora non sei solo!

Mentre la monetizzazione del blog non è uno schema rapido e ricco, con le giuste strategie, è totalmente possibile realizzare un reddito solido.

In questo capitolo, spiegheremo 4 diversi metodi per fare soldi con il blog.

  1. Pubblicità
  2. Marketing di affiliazione
  3. freelance
  4. Vendita di prodotti

11.1. Pubblicità

La pubblicità è probabilmente il modo più semplice per fare soldi con i blog.

Puoi iniziare visualizzando annunci pubblicitari di Google AdSense , che è una rete pubblicitaria di Google. La cosa migliore è che non è necessario disporre di un volume di traffico enorme per aderire al programma.

In alternativa, puoi vendere annunci diretti sul tuo sito. È efficace per il tuo blog se attira una base di traffico significativa. Dal momento che non dipende da alcuna rete pubblicitaria, puoi mantenere tutti i profitti delle entrate pubblicitarie.

Per monetizzare il tuo sito con qualsiasi tipo di pubblicità, ti consigliamo di utilizzare il plug-in AdSanity. Semplifica la gestione degli annunci ti aiuta a generare più entrate pubblicitarie con il minimo sforzo.

11.2. Marketing di affiliazione

Il marketing di affiliazione ti aiuta a generare entrate dal tuo blog quando qualcuno acquista un prodotto tramite i tuoi referral. Fondamentalmente, scegli un prodotto che ti piace, inserisci un link di affiliazione a quel prodotto e ogni volta che qualcuno lo acquista facendo clic sul tuo link, puoi guadagnare commissioni.

Se ritieni che gli annunci siano noiosi, il marketing di affiliazione è il modo migliore per guadagnare entrate solide dal tuo blog. Puoi persino usarlo insieme alla pubblicità e ad altri metodi di monetizzazione.

Utilizziamo e raccomandiamo ThirstyAffiliates per la gestione e il cloaking dei link di affiliazione.

11.3. freelance

Offrire le tue abilità e competenze sul tuo blog come libero professionista è il modo migliore per guadagnarti da vivere, sei il tuo blog. Non solo sarai in grado di mostrare il tuo portfolio sul blog, ma anche di attrarre il giusto segmento di clienti paganti.

Assicurati di creare una pagina Assumimi sul tuo blog e promuovila ampiamente.

11.4. Vendita di prodotti

Se stai cercando di ottenere un flusso costante di entrate passive, allora potresti prendere in considerazione la vendita di prodotti dal tuo blog. Con le giuste strategie, è totalmente possibile ottenere un reddito a tempo pieno dal tuo blog vendendo prodotti.

Di seguito sono riportate alcune idee:

Vendi eBook : la creazione di un prodotto può essere un’attività noiosa e intimidatoria. Se hai già pubblicato alcuni grandi contenuti del pilastro, puoi facilmente riutilizzarli in un eBook e venderlo al tuo pubblico.

Integra un negozio eCommerce : integra un negozio eCommerce nel tuo blog esistente con un plug-in eCommerce come WooCommerce. Se vendi prodotti che rispecchiano il tipo di contenuto che amano sul tuo blog, puoi trasferire le tue basi di utenti esistenti per vendere i tuoi prodotti e-commerce.

↑ Torna al sommario

«Precedente: Capitolo 10 – WordPress SEO: Guida introduttiva

Capitolo 12: Risorse da imparare e padroneggiare WordPress

capitolo 12 risorse wordpress

La community di WordPress è enorme, quindi puoi trovare tonnellate di diverse risorse sul Web che ti aiuteranno a imparare e padroneggiare WordPress.

Alcune delle migliori e gratuite risorse di WordPress che puoi trovare sul web sono:

  • IsItWP : su IsItWP pubblichiamo regolarmente tutorial di WordPress, raccolte di temi e plugin di WordPress, recensioni, offerte di WordPress e molto altro.
  • WPBeginner : WPBeginner è la più grande risorsa WordPress gratuita sul web per i principianti di WordPress. Pubblicano regolarmente utili tutorial, video, codici promozionali per i prodotti WordPress e molto altro.
  • Blog WPForms : se vuoi leggere tutorial che ti aiutano a far crescere la tua attività utilizzando la piattaforma WordPress, devi seguire il blog WPForms. Puoi anche trovare suggerimenti e pratiche consigliate per creare qualsiasi tipo di modulo WordPress online.
  • Blog di MonsterInsights : il blog di MonsterInsights è un’eccellente risorsa che puoi seguire per avere un’idea delle migliori pratiche e raccomandazioni di Google Analytics.

FAQs

Avendo aiutato migliaia di utenti ad aprire un blog, abbiamo scoperto che le persone fanno sempre lo stesso tipo di domande. Ecco perché abbiamo compilato un elenco di domande frequenti, in modo da poter facilmente avviare il tuo blog.

In che modo un blog differisce da un sito Web?
Un blog è solo un tipo di sito Web che pubblica articoli in ordine cronologico inverso. Gli articoli di blog vengono generalmente pubblicati utilizzando una piattaforma di blog come WordPress, quindi chiunque non sia in grado di programmare può iniziare facilmente un blog. Una volta impostato il blog, puoi facilmente iniziare a creare contenuti nel tuo editor di post e pubblicarlo con un clic di un pulsante.

Ulteriori informazioni: come creare un sito Web .

Posso creare un blog senza WordPress?

Sì! Esistono decine di piattaforme di blog come Blogger, WordPress.com e TypePad. Ma ti consigliamo sempre di aprire un blog su WordPress con hosting autonomo perché ti dà la piena libertà di creare un blog come desideri senza restrizioni.

Qual è la differenza tra WordPress.com e WordPress.org (WordPress self-hosted)?

WordPress.com è una piattaforma di blogging gratuita che ti consente di avviare facilmente un blog, ma presenta molte restrizioni come la disponibilità limitata dei temi e lo spazio di archiviazione limitato. Inoltre, la piattaforma gratuita non ti consente di monetizzare il tuo sito web.

WordPress.org, noto anche come WordPress self-hosted, richiede di possedere un nome di dominio e un account di hosting per eseguire un blog. Con una piattaforma self-hosted, avrai il pieno controllo del tuo blog, potrai monetizzare il tuo blog come desideri, ottenere temi e opzioni di personalizzazione illimitati e godere di uno spazio di archiviazione illimitato a seconda del provider di hosting.

Quanto costa iniziare un blog?

Per aprire un blog su WordPress con hosting autonomo, dovrai acquistare un nome di dominio per $ 14,99 all’anno e un account di hosting, che costa circa $ 7,99 al mese. Complessivamente, l’avvio di un blog avrà un costo di $ 110,87 all’anno.

Puoi trovare migliaia di temi e plugin gratuiti per il tuo blog. Tuttavia, se preferisci temi e plugin premium, il costo di funzionamento del tuo blog potrebbe aumentare.

Posso iniziare un blog in modo anonimo?

Se vuoi pubblicare un blog ma rimanere anonimo, devi assicurarti di proteggere il tuo dominio con la privacy di WHOIS attivata. Per i blog anonimi, le persone usano spesso uno pseudonimo / soprannome per scrivere. Puoi persino creare un’e-mail unica solo per scrivere il tuo blog.

Di cosa dovrei iniziare un blog?

Mentre puoi iniziare un blog su qualsiasi argomento, è consigliabile iniziare un blog su un argomento di cui sei davvero appassionato. Oppure puoi persino avviare un blog personale, documentare la tua vita quotidiana dei dati e contattare persone con idee simili sul Web.

Posso eseguire un blog con più autori?

Sì. WordPress include 5 ruoli utente predefiniti che ti aiuteranno a gestire e controllare le autorizzazioni per ciascun autore sul tuo blog.

Posso aggiungere una vetrina eCommerce al mio blog?

Sì! L’aggiunta di una vetrina e-commerce ti consente di iniziare facilmente a vendere prodotti fisici o digitali direttamente dal tuo blog. Basta installare un plug-in come WooCommerce e integrare una vetrina di eCommerce nel tuo blog in modo da poter iniziare a vendere i tuoi prodotti.

Come posso saperne di più sulle terminologie di WordPress?

Fai riferimento a questi termini del Glossario di WordPress per principianti ogni volta che sei perplesso da strani termini o abbreviazioni di WordPress.

Posso iniziare un blog in più lingue?

Con WordPress, puoi facilmente avviare un blog multilingue con un plug-in multilingue come Polylang. Potresti anche voler scegliere un tema WordPress che supporti il ​​plug-in multilingue che desideri utilizzare.

Speriamo che questa guida ti abbia aiutato a creare un blog WordPress. Buon blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close