Cerca

Come avviare un Blog in 12 semplici passaggi

Tempo di lettura: 19 minuti

Ho iniziato il mio primo blog per evitare di trovare un lavoro.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Sono completamente serio.

Stavo arrivando alla fine del mio corso di laurea in affari internazionali e l’idea di trovare un lavoro nel dipartimento di stato o nel giornalismo sembrava un’idea orribile.

Così ho imparato a creare un blog e ne ho sviluppato uno sugli affari internazionali con la speranza di riuscire a monetizzarlo e supportarmi.

Non ha funzionato come previsto. Hah.

Ma ha portato a una carriera nel marketing online e ora lavoro sui blog per evitare di avere un vero lavoro.

Sia che tu stia cercando di evitare del tutto un lavoro o che tu stia abbandonando il tuo attuale lavoro, avviare un blog è un percorso affidabile per sostenere te stesso e la tua famiglia. Ci vuole molto lavoro e un po ‘di tempo, ma a questo punto è un percorso ben percorso. Non è così folle come quando ho iniziato.

Ti guiderò attraverso i 12 passaggi per avviare un blog , che sono particolarmente utili per i principianti che non l’hanno mai fatto prima.

Ecco i collegamenti a ciascuna sezione su come avviare un blog se vuoi andare avanti in qualsiasi momento.

Come iniziare un blog

  1. Scegli una categoria su cui concentrarti
  2. Trova un nome di dominio
  3. Scegli un provider di hosting
  4. Punta il tuo nome di dominio
  5. Installa WordPress
  6. Scegli un tema WordPress
  7. Installa i plugin di WordPress
  8. Installa Google Analytics
  9. Imposta la tua lista e-mail
  10. Entra nel tuo blog posting groove
  11. Costruisci un pubblico
  12. Monetizza il tuo blog

Ora, immergiamoci nel processo passo-passo per l’avvio di un blog.

# 1 – Scegli una categoria su cui concentrarti

La decisione più importante da prendere quando si avvia un blog è di quale categoria si scriverà.

Perché scegliere una categoria? Perché non scrivere di tutto ciò che ti interessa?

Quando si tratta di costruire un pubblico, aumentare il traffico e monetizzare il tuo blog, otterrai molto più velocemente se ti attieni a una categoria specifica.

Pensala in questo modo: diciamo che inciampi su un mio blog. Trovi un post fantastico su come trasformare gli abbonati e-mail in entrate completamente passive. Lo adori e iscriviti alla mia mailing list. Quindi ti invio un’email su come organizzare il tuo armadio. Come reagiresti? Forse ti piacerebbe se anche tu amassi davvero l’organizzazione. Ma la maggior parte delle persone sarebbe spenta. Vogliono più contenuti sulle liste e-mail e guadagnare entrate passive.

Le categorie di salto possono essere davvero stonanti per qualsiasi pubblico. Google predilige anche i blog incentrati su un singolo argomento, che ti aiuteranno molto con la SEO.

Qualunque cosa tu faccia, scegli una categoria e attenersi ad essa. Se vuoi provare un’altra categoria, crea un nuovo blog.

Ecco alcune categorie popolari che fanno sempre bene:

  • Finanza personale
  • Fitness
  • Affari online
  • Investire
  • Produttività
  • Immobiliare
  • Opportunità di lavoro
  • Test di preparazione
  • freelance

La mia raccomandazione è di scegliere una delle categorie sopra e di nicchia ancora una volta. Un buon esempio è il finanziamento personale per le persone che guadagnano oltre $ 100.000 all’anno. O la forma fisica per le persone sopra i 60 anni è un’altra.

Le categorie diventano difficili quando sono focalizzate sul super consumatore e hanno un pubblico estremamente vasto. I blog di celebrità sono un ottimo esempio. C’è un sacco di concorrenza in questo spazio ma anche denaro molto limitato rispetto ad altre categorie di blog. È una combinazione brutale. Tutto il lavoro senza alcun vantaggio. I blog di ricette sono un altro esempio di una categoria brutale. Competizione di livello mondiale e pochissimi modi per monetizzare. Cerca di evitare categorie come queste.

Uno dei miei tipi di categoria preferiti è B2B. Ciò include categorie come come fare marketing, costruire prodotti, risorse umane, servizio clienti, gestire un team o migliorare le tue capacità di vendita. Il volume in queste categorie è sempre inferiore alle categorie popolari che ho elencato sopra. Ma la qualità del traffico è sempre incredibile. Le aziende sono sempre disposte a spendere più dei consumatori per risolvere i loro problemi; hanno accesso a molti più soldi. Il rovescio della medaglia è che devi avere esperienza e abilità in queste aree prima di poter blog su di loro. Non sono altrettanto facili da irrompere.

Anche gli hobby possono andare bene, ma in genere sono più difficili da monetizzare. Detto questo, ho incontrato imprenditori che hanno costruito attività a sei e persino sette cifre in spazi per hobby come l’equitazione o l’apprendimento della chitarra. È fattibile. È solo più difficile perché le persone non sono disposte a spendere tanto per i loro hobby.

# 2 – Trova un nome di dominio

Domain.com

 Visita Domain.com

 Semplice e facile da usare
 Ottimi prezzi bassi
 Semplici trasferimenti di dominio

Prima di passare a come trovare e acquistare il dominio giusto, dovrei chiarire un’ipotesi che sto facendo in questo post: suppongo che stai iniziando il tuo blog su una piattaforma di blog che possiedi ed esegui – il tuo proprio sito Web.

Questo non è l’unico modo per avviare un blog, è possibile utilizzare un sito di blog come Medium, LinkedIn, Instagram o Facebook. Se vuoi fare soldi, devi costruire il tuo sito, che tratterò in questo post. Se stai pensando di lanciare il tuo blog su un sito di blog, dovresti fermarti qui e dai un’occhiata alle  migliori piattaforme di blog e siti di blog . Quel post spiega i pro ei contro di ogni piattaforma. Questo passaggio – scegliere da dove iniziare il tuo blog – è “ una cosa che i guru sbagliano sempre sul blog ” secondo Gary Vaynerchuk. Non mi sto definendo un guru, ma posso dire con orgoglio che sto andando bene.

OK, quindi tutti quelli che stanno ancora leggendo creeranno il proprio sito blog – iniziamo con una breve discussione su come funziona la tecnologia del sito Web. Ci sono alcune cose a cui dovrai iscriverti quando configuri il tuo blog, quindi è bello vedere come si connettono tutti prima di approfondire.

  • Innanzitutto, c’è il dominio. Questo è l’URL del sito Web. Pensalo come l’indirizzo per la tua attività. Dovrai acquistare il tuo dominio da un registrar di domini Questa è la società che utilizzerai per acquistare il tuo dominio e tenerlo per te. Non ospitano il tuo sito o altro: memorizzano semplicemente il tuo dominio e indirizzano il traffico web verso il tuo sito che sarà sul tuo host web. Usa Domain.com (sono i miei preferiti) e ottieni uno sconto del 25% con il codice coupon “QUICKSPROUT” .
  • Terzo, l’host web. Questa è la società che ospita il tuo sito. Il tuo sito sarà sui suoi server. Ecco il mio elenco aggiornato delle migliori società di web hosting in generale e mi immergo anche in specifiche società di hosting focalizzate su WordPress più in dettaglio di seguito. La risposta rapida è che per la maggior parte dei blogger la scelta migliore è BlueHost
  • In quarto luogo, lo strumento per creare il tuo sito. Oggigiorno sono pochissimi i siti creati manualmente utilizzando HTML e CSS non elaborati. Quasi tutti sono costruiti usando uno strumento. Lo strumento gestisce molto il sollevamento di carichi pesanti e semplifica notevolmente la costruzione di un sito, soprattutto se non si ha idea di come programmare. Ecco come configurerai il tuo sito e pubblicherai i tuoi post sul blog. Per i blog, questi strumenti sono chiamati sistemi di gestione dei contenuti (CMS) e l’unica vera opzione è WordPress . Dopo aver installato WordPress sul tuo host, sarai in grado di iniziare a costruire il tuo sito.

Per ricapitolare, acquisterai un dominio utilizzando un registrar di domini, installerai WordPress sul tuo host, quindi inizierai a costruire il tuo sito. Ti guiderò attraverso come fare ciascuna di queste cose passo dopo passo.

Ora, come acquistare un dominio per il tuo blog.

Per acquistare un dominio, devi prima trovarne uno. Questo dominio dovrebbe essere in qualche modo correlato alla categoria scelta e dovrebbe anche essere disponibile per l’acquisto.

Consiglio vivamente di continuare a cercare fino a quando non trovi un dominio disponibile. Sebbene sia possibile acquistare un dominio da qualcuno che lo possiede già, questa è un’opzione avanzata e può essere costosa velocemente .

I domini di bassa qualità vanno di solito a qualche migliaio di dollari. Domini di alta qualità che sono due parole possono facilmente andare da $ 10.000 a $ 50.000. Sono stato anche in discussioni per acquistare domini per oltre $ 100.000 e quelli davvero caldi possono rompere sette cifre. Per non parlare di tutto il fastidio che deriva dal trovare la persona che possiede il dominio, negoziare con loro e trasferire il dominio se è possibile ottenere un accordo.

La tua scommessa migliore è continuare fino a quando non trovi un dominio che ti piace e puoi acquistare direttamente da un registrar di domini per circa $ 10.

Dominio

Entriamo in molti dettagli su quale registrar di domini usare qui . La risposta breve:  usa Domain.com. È fantastico, è il migliore, è quello che uso personalmente.

Dovresti usare il tuo nome personale come dominio?

Se questo è il tuo primo blog e non sei completamente sicuro di ciò che vuoi blog, ti consiglio di usare il tuo nome personale.

Il motivo è che la modifica del dominio in un secondo momento implica la necessità di ricominciare da capo. Ci sono molti errori nel blog che possono essere corretti in seguito; avere il dominio sbagliato non è uno di questi.

Diciamo che scegli un dominio come fitnessfordoctors.com. Quindi, dopo sei mesi, ti rendi conto che preferiresti fare blog di finanza personale per i medici. Dovresti ottenere un nuovo dominio e ricominciare da capo.

I domini personali sono molto più flessibili – dopo tutto è solo un nome. Quindi, se salti le categorie dopo alcuni mesi, non è un grosso problema. Elimina tutti i vecchi contenuti non pertinenti alla tua nuova direzione, inizia a pubblicare nuovi contenuti e sei a posto.

Detto questo, i domini personali hanno due svantaggi principali:

  1. Scalabilità – È molto più difficile reclutare altri scrittori o far crescere il tuo blog oltre la tua identità personale in seguito.
  2. Vendibilità: i blog personali, anche se generano denaro, sono molto più difficili da vendere. I potenziali acquirenti vogliono un sito che non dipende da una sola persona.

Questi sono problemi piuttosto avanzati da avere però. Quindi, se questo è il tuo primo blog, i vantaggi dell’utilizzo del tuo nome come dominio superano di gran lunga i costi che si presentano solo lungo la strada. Se hai bisogno di idee per i nomi di dominio dai un’occhiata a questo post sui migliori generatori di nomi di blog per alcune idee.

# 3 – Scegli un provider di hosting

Ogni sito ha bisogno di un provider di web hosting. Questa è la società che archivia il tuo sito sui suoi server e lo rende disponibile per chiunque visiti il ​​tuo sito.

Abbiamo esaminato tutti i principali host dei siti WordPress (di gran lunga lo strumento migliore per i blog) e abbiamo messo insieme i nostri consigli qui .

Mentre ci sono alcune altre scelte, si riduce davvero a due opzioni:

Miglior host WordPress per principianti = BlueHost

Per il tuo primo blog, vuoi un host che sia popolare, affidabile, facile da usare, affidabile e a prezzi ragionevoli. Non c’è bisogno di niente di speciale.

BlueHost soddisfa perfettamente questa esigenza. La parte migliore è che i suoi piani partono da $ 2,95 / mese (quando si utilizza il nostro link di sconto ). È un vero affare considerando quante recensioni positive ottiene.

Per la stragrande maggioranza delle persone che iniziano blog, BlueHost sarà la scommessa migliore per l’hosting del loro blog.

BlueHost

 Visita BlueHost

 Normalmente $ 7,99 / mese
 Dominio gratuito e certificato SSL
 Consigliato da WordPress
 30-giorni rimborso garantito
 Ottieni uno sconto del 63%

Miglior host WordPress per Advanced Blogger = WP Engine

Nei miei ultimi lavori, ho gestito blog con centinaia di migliaia o milioni di visitatori al mese. Avevano migliaia di post su di loro. Abbiamo sempre usato WP Engine per siti di quelle dimensioni.

WP Engine offre molte funzionalità di hosting extra per sicurezza e scalabilità. Per i siti di quelle dimensioni, è necessario eseguire molta più manutenzione per mantenere il sito in salute. WP Engine gestisce tutte queste cose per te. Anche il loro team di supporto è di classe mondiale. Fanno un ottimo lavoro.

Ma c’è un grosso svantaggio: è più costoso. I piani più bassi partono da $ 30 / al mese. Questo è 7 volte il prezzo di altri host.

Motore WP

 Visita WP Engine

 Normalmente $ 30 / mese
 Prezzi mensili
 Dominio gratuito e certificato SSL
 30-giorni rimborso garantito
 Ricevi 4 mesi gratis o uno sconto del 20%

# 4 – Punta il nome del tuo dominio sul tuo host

Ora hai un dominio e un host per il tuo sito.

Il prossimo passo è indirizzare il tuo dominio verso l’host in modo che le persone finiscano sul tuo sito quando passano all’URL del tuo dominio.

Ogni host ha impostazioni leggermente diverse che dovrai configurare nel tuo registrar di domini. Hanno sicuramente un documento di supporto con i dettagli su cosa fare.

Ecco i dettagli per i nostri host consigliati:

In caso di problemi, contatta il team di supporto per il tuo host e ti guiderà attraverso i passaggi esatti.

# 5 – Installa WordPress

Avrai bisogno di un sistema di gestione dei contenuti (CMS) per costruire il tuo sito e gestire i tuoi post sul blog.

C’è solo un’opzione per questo: WordPress .

Seriamente, non è nemmeno una decisione. Usa WordPress.

Anni fa, c’erano alcuni concorrenti di WordPress come Joomla, Typepad o Blogger.

Nessuno li usa più.

Suonerà un po ‘male, ma ogni volta che sento qualcuno che usa uno di quei vecchi concorrenti di WordPress, rido e basta. È difficile prenderli sul serio.

WordPress alimenta il 30% di TUTTI i siti Web . È così popolare.

Usa WordPress per il tuo blog, fine della storia.

A causa della popolarità di WordPress, la maggior parte degli host web offre un’installazione con un clic per WordPress. È semplicissimo. Accedi al tuo host web, trova l’installazione di WordPress opton, fai clic su di esso, quindi segui le istruzioni. Questo è ciò che dovrai fare se ti sei registrato a BlueHost.

E se hai deciso di utilizzare WP Engine, viene preinstallato poiché WP Engine è una società di hosting specifica per WordPress.

# 6 – Scegli un tema WordPress per il tuo blog

WordPress è il fondamento del tuo sito. C’è un modo semplice per cambiare l’aspetto di WordPress senza dover codificare nulla da soli.

WordPress utilizza “temi”, piccoli pacchetti di codice che possono essere scambiati dentro e fuori. Ogni volta che cambi tema, cambierà anche il tuo sito. La parte migliore è che il contenuto del tuo post sul blog non cambierà. Ciò rende molto semplice evolvere il tuo sito nel tempo senza dover ricostruire l’intero sito da zero.

Per ora, dovrai scegliere il tuo primo tema WordPress.

Il numero di temi là fuori mi fa girare la testa. Ci sono un sacco.

Quando scelgo un tema per uno dei miei blog, vado direttamente a StudioPress . I temi sono un po ‘più costosi a $ 130. (La maggior parte dei temi costa $ 20-50.) A mio avviso, ne vale la pena il prezzo più alto. StudioPress è stato acquistato da WP Engine e WP Engine ora include tutti i temi di StudioPress come parte del suo pacchetto di hosting. È un bel omaggio se stai già pensando di ospitare il tuo sito con WP Engine.

Se desideri una più ampia selezione di temi WordPress a prezzi standard, Themeforest è il marketplace di temi WordPress più popolare . Troverai qualsiasi cosa tu voglia nella sua selezione.

Dopo aver acquistato il tema, accedi al tuo blog WordPress, vai alla sezione Tema che si trova in Aspetto nel menu della barra laterale di WordPress. Quindi seguire le istruzioni per aggiungere il tema. Dovrai caricare i file dei temi su WordPress e attivare il tema da WordPress. Puoi trovare l’opzione di caricamento andando su Temi> Aggiungi nuovo, un pulsante verso l’alto. Quindi vedrai questa opzione per caricare:

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Aggiungi temi WordPress

Sarai in grado di gestire tutti i temi che hai caricato sul tuo blog WordPress dalla sezione Temi:

Gestisci temi WordPress

# 7 – Installa i plugin di WordPress

Una delle parti migliori di WordPress è che è infinitamente personalizzabile. Dal momento che è open-source, puoi cambiarlo per fare quello che vuoi.

I plugin di WordPress sono piccoli lotti di software che puoi installare in WordPress per ottenere funzionalità extra. Ecco come aggiungere un sacco di funzionalità extra al tuo sito senza dover codificare nulla da soli.

Fai attenzione qui e cerca di non esagerare.

Alcuni blogger installeranno dozzine o addirittura centinaia di plugin sul loro blog. Ciò può causare un sacco di problemi in seguito. I plug-in non solo possono causare conflitti imprevisti tra loro, ma diventano una responsabilità per la sicurezza poiché è improbabile che ogni proprietario del plug-in manterrà il plug-in nel tempo. Diventano anche un enorme mal di testa da gestire. Quando hai tanti plugin, non sei mai sicuro di quale plugin stia causando un problema particolare.

Mi piace mantenere i miei plugin limitati a 5-10 plugin incredibili. Ecco alcuni dei miei preferiti:

  • Akismet : necessario per ogni blog, filtra automaticamente una tonnellata di commenti spam che è un problema per ogni blogger. Questo è uno dei pochi plugin che pago felicemente per l’aggiornamento.
  • Yoast SEO: il plug-in SEO più raccomandato, gestisce automaticamente una serie di attività SEO e semplifica notevolmente le attività SEO on-page.
  • Modulo di contatto 7 – Il modulo di contatto più popolare là fuori. Imposta una pagina di contatto sul tuo sito e quindi utilizza questo plugin per creare un modulo di contatto che ti invierà un’email ogni volta che qualcuno compila il modulo. Super facile.
  • TinyMCE Advanced – Un sacco di miglioramenti all’editor di WordPress che rende la scrittura in WordPress molto più semplice. In questi giorni, di solito salto questo. Scrivo tutti i miei post in Google Documenti e poi li formatto in WordPress usando il suo editor HTML predefinito.
  • WP Super Cache – Un buon plugin per velocizzare il tuo sito.
  • MailChimp per WordPress – Ulteriori informazioni qui sotto. È il modo più semplice per connettere il tuo sito WordPress a un account MailChimp, creare un modulo di iscrizione e-mail e iniziare a raccogliere abbonati e-mail.
  • Post popolari di WordPress – Il modo più semplice per aggiungere un elenco dei tuoi post più popolari alla barra laterale del tuo blog. L’elenco si aggiornerà automaticamente.

C’è un plugin per qualsiasi cosa tu possa voler fare con il tuo sito WordPress. Usa la pagina dei plugin all’interno del tuo blog WordPress per cercare tutto ciò di cui hai bisogno.

Plugin WordPress

Quando hai trovato un plug-in che desideri, installalo e attivalo da WordPress.

# 8 – Installa Google Analytics

Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi dei siti Web di Google. Anche se è gratuito, è ancora il miglior strumento di analisi in circolazione.

Analytics è solo una parola di fantasia per i dati dei siti Web.

Sì, l’analisi può diventare piuttosto complicata e travolgente.

Ecco perché per ora ignoreremo la maggior parte di ciò che è presente in Google Analytics.

Tutto quello che devi fare è creare un account Google Analytics e installarlo sul tuo blog. Ci sono due ragioni per questo.

Innanzitutto, Google Analytics memorizza i tuoi dati nel tempo. Quando sarai pronto per immergerti più tardi, sarai grato di aver raccolto dati sin dall’inizio.

In secondo luogo, è esaltante vedere le persone visitare il tuo sito all’inizio. Ricordo la prima volta che Google Analytics ha registrato un visitatore sul mio primo blog. Ho pensato che fosse un errore. “Qualcuno ha visitato il mio sito? Veramente? Perché dovrebbero farlo? Loro chi sono? A loro è piaciuto?

statistiche di Google

Vedere quei primi visitatori entrare ti darà una spinta motivazionale enorme. Anche se controlli Google Analytics solo per vedere il tuo traffico totale, vale la pena il tempo necessario per la configurazione.

È anche abbastanza facile da configurare.

Vai su Google Analytics e configura il tuo account . Una volta creato il tuo account, avrai un codice di monitoraggio JavaScript unico per il tuo sito. Quando copi e incolli quel frammento di codice nel tuo sito, Google Analytics inizierà a raccogliere dati per te.

# 9 – Imposta la tua lista e-mail

Prima o poi sentirai una statistica come questa:

“L’email marketing ha il ROI 22 volte maggiore rispetto a qualsiasi altro canale di marketing!”

Tecnicamente , questo è vero.

La risposta da e-mail dominerà sempre qualsiasi altro canale in cui si tenta di spingere una campagna. Ma devi acquisire quelle e-mail nella prima: sono già state filtrate per le persone più ricettive. In altre parole, l’email per sua natura è più reattiva, quindi le statistiche del ROI di confronto sono un po ‘stupide. Stanno affermando l’ovvio.

È un po ‘come andare in un campo di fragole, raccogliere le migliori fragole in tutto il campo, metterle in un cestino regalo, quindi dichiarare che le fragole del cestino regalo sono 12 volte più deliziose delle normali fragole. Ovviamente sono più deliziosi: hai già scelto i migliori!

Ecco come funzionano gli elenchi di email. Sono un cesto regalo delle migliori fragole.

Ogni motore di marketing che ho creato per le aziende ha fatto affidamento principalmente sulle e-mail.

Pensa alla tua lista e-mail come un raggio laser gigante su cui puoi concentrarti su qualsiasi offerta tu voglia. Consulenza di vendita? Fai la tua lista. Pubblicare un nuovo post sul blog? Fai la tua lista. Un podcast ti ha appena intervistato? Fai la tua lista.

Di tutti i canali di marketing che sono venuti e passati nel corso degli anni, nulla è paragonabile alla potenza di un elenco di posta elettronica di alta qualità.

Anche se non sei sicuro di cosa inviare i tuoi abbonati e-mail, va bene!

Utilizzando Constant Contact o altri servizi di email marketing , puoi iniziare a raccogliere e-mail sul tuo blog in modo che l’elenco sia pronto per te non appena ne hai bisogno. Ci vuole tempo per costruire un elenco di dimensioni decenti in modo che il tuo sé futuro sarà estremamente grato se lo configuri ora.

Anche un opt-in super-base nella barra laterale del tuo blog è sufficiente per iniziare.

Non preoccuparti nemmeno di inviare e-mail, a meno che tu non voglia. La cosa principale è che stai raccogliendo abbonati e-mail dall’inizio. Gli elenchi di e-mail possono essere una miniera d’oro una volta che hai qualche migliaio di abbonati e il denaro arriva davvero una volta che hai 10.000 abbonati e oltre.

 Generatore di e-mail con trascinamento della selezione
 Oltre 100 modelli ottimizzati per dispositivi mobili
 Semplici strumenti di automazione
 Ottieni una prova gratuita di 60 giorni

# 10 – Entra nel tuo groove di blog

Scrivere post sul blog non è uno sprint, è una maratona. Più come un viaggio di zaino in spalla di più giorni.

I migliori blogger stabiliscono un ritmo di scrittura costante che possono mantenere per alcuni anni. Esatto, anni.

Ecco alcune regole pratiche per la frequenza di pubblicazione:

  • Come minimo, trova un modo per pubblicare una volta alla settimana. Anche questo deve essere un post sostanziale: almeno 2000 parole. Ti consiglio di iniziare qui.
  • I blogger seri pubblicheranno 2-3 volte alla settimana.
  • I siti più grandi raggiungono rapidamente i 5-7 post alla settimana. Ciò richiede più autori.
  • I battitori pesanti che spingono le cose al limite faranno 25-50 post alla settimana. Non è uno scherzo, questo è per le grandi aziende che utilizzano il content marketing come principale canale di acquisizione clienti. HubSpot è un classico esempio di questo.

Quando guardo questo grafico della frequenza di pubblicazione dei blog dal sondaggio di Orbit Media su oltre 1.000 blogger , non mi sorprende che il 21% dei blogger sia poco frequente o meno di un mese. (Diventiamo reali, meno di un mese non è abbastanza regolare perché la maggior parte dei lettori sappia quando pubblicherai un nuovo blog.) Se pubblichi settimanalmente, stai già postando più regolarmente del 57% di altri blog – questo ti dà un enorme vantaggio.

So che scrivere non è facile. Dopo aver scritto post sul blog a tempo pieno per tre mesi, voglio sempre buttare il mio MacBook fuori dalla finestra. È un duro lavoro per tutti noi. Questo è il motivo per cui consiglio un post a settimana. Questo ti dà ancora la maggior parte della settimana per concentrarti su altri aspetti del tuo sito, dandoti anche una pausa dallo scrivere post sul blog in ogni momento.

Un post davvero eccezionale dovrebbe richiedere due giorni per essere completato. Il primo giorno è dedicato alla ricerca e alla definizione, insieme a tutta la scrittura che puoi completare. Il secondo giorno è per finire la scrittura, la correzione di bozze e la pubblicazione del post in WordPress.

Inoltre, promuovi la qualità il più forte possibile. La chiave per costruire un sito e il traffico nel tempo è scrivere post che sono più preziosi di quello che altre persone hanno già pubblicato nella tua categoria.

# 11 – Costruisci un pubblico

C’è un articolo super famoso nelle cerchie dei blog: 1,000 True Fans .

Fondamentalmente, ottenere 1.000 veri fan significa che puoi supportarti completamente. Puoi lasciare il tuo lavoro, lavorare ovunque tu voglia ed avere il controllo completo della tua vita. Tutto da raggiungere un obiettivo molto ragionevole di 1.000 veri fan.

Con i blog, costruirai il tuo pubblico di 1.000 veri fan lentamente e costantemente.

Finché lo mantieni, ci arriverai. In genere, ci vogliono alcuni anni.

Ecco su cosa concentrarci per arrivarci più velocemente:

  • Pubblica sempre almeno una volta alla settimana. Non saltare mai una settimana.
  • Se puoi, inizia a pubblicare 2–3 volte a settimana.
  • Su ogni post, promuovi la qualità il più forte possibile. Google l’argomento e guarda cosa hanno fatto gli altri, quindi chiediti come puoi scrivere qualcosa di ancora migliore.
  • Scrivi cose che non sono già state scritte a morte. Trova una nuova opinione o prospettiva sui tuoi argomenti che altre persone non hanno già trattato.
  • Trova la tua voce e sii autentico in modo che le persone possano conoscerti. Ciò crea connessioni più veloci con il tuo pubblico. Un trucco rapido per questo è far finta di scrivere i tuoi post a un amico intimo.
  • Per spingere ancora di più, diventa attivo in altre community online. Pubblica su gruppi di Facebook, subreddits, su Twitter, fai interviste podcast, ottieni impegni vocali quando puoi – qualsiasi cosa. Sii utile quanto puoi essere in queste comunità.
  • Per tutti i tuoi contenuti, chiediti costantemente: “Come posso renderlo il più prezioso possibile?”

Man mano che il pubblico del tuo blog matura, vorrai cambiare le tue strategie di traffico man mano che cresci .

# 12 – Monetizza il tuo blog

Esistono davvero solo due modi per monetizzare un blog serio.

Sì, solo due.

I blogger provano moltissime idee diverse, forse circa una dozzina.

Di queste dozzine, solo due lavorano su larga scala.

Allora cosa sono?

Affiliati e infoprodotti.

Dai un’occhiata a questo elenco di 21 blogger che fanno soldi .

Dall’intero elenco, tutti tranne tre o quattro ricavano la maggior parte delle entrate da prodotti informatici, affiliati o una combinazione dei due.

Come funzionano gli infoprodotti

Potrei scrivere un libro su questo. Per ora, lo terremo semplice. Ecco il modello:

  1. Fai in modo che le persone visitino il tuo sito.
  2. Sul tuo sito, dai loro un motivo per iscriversi alla tua lista e-mail.
  3. Una volta che sono abbonati e-mail, eseguili attraverso una canalizzazione di avvio. Queste sono canalizzazioni di posta elettronica appositamente progettate per vendere prodotti. Di solito, questi sono corsi che includono un sacco di lezioni video.
  4. A seconda del volume e del mercato target, convertirai circa lo 0,5% in 1% dei nuovi abbonati e-mail in un cliente al prezzo di $ 500– $ 2.000 per il tuo corso. A volume, questo si aggiunge velocemente.

Ora sembra troppo bello per essere vero. Mentre ci sono alcune catture, è per lo più vero. Quali sono le catture?

Per prima cosa, devi essere estremamente bravo nella copia a risposta diretta.

In secondo luogo, aiuta ad essere nella categoria giusta. Le persone vogliono denaro, status e relazioni.

Come funzionano i programmi di affiliazione

È piuttosto semplice: si crea il più vasto pubblico possibile. Quindi, attraverso i tuoi contenuti, consigli i prodotti che sono utili a quel pubblico. Quando il tuo pubblico fa clic sul link di tale raccomandazione, ottiene un codice di monitoraggio speciale. Se finiscono con l’acquisto, si ottiene una riduzione della vendita.

Il principale svantaggio è che solo una piccola percentuale di persone potrà mai fare clic e una percentuale ancora inferiore di persone acquisterà. Quindi aiuta davvero ad avere una grande quantità di traffico al fine di fare abbastanza soldi dal tuo blog.

Monetizzare un blog per principianti

Quelle sono davvero solo le due opzioni? C’è qualcos’altro per i principianti?

Si C’è.

Mentre i prodotti e gli affiliati sono i modi principali per fare soldi seri, è necessario anche un traffico serio per farli funzionare. Almeno se vuoi che funzionino abbastanza bene da fare sei cifre all’anno …

E per ottenere così tanto traffico, avrai bisogno di molto tempo sul tuo blog. Per quanto mi piaccia il blog, far decollare un nuovo blog non fa subito piovere banconote da un dollaro.

C’è un modo per guadagnare molti soldi velocemente. Inoltre cambierà la tua vita.

Invece di provare a trasformare il tuo blog in una macchina per fare soldi completamente passiva, vai nella direzione opposta. Abbandona passivo e diventa attivo.

Inizia a freelance e consulenza.

Per guadagnare velocemente, questa è di gran lunga la migliore opzione. È anche il più semplice da fare.

Quando ho lavorato presso Ti insegnerò ad essere ricco, i nostri programmi di libero professionista hanno insegnato a migliaia di persone come iniziare a lavorare come freelance. Ciò che mi ha sempre lasciato senza fiato è stato come cambiano la vita quei primi pochi concerti freelance.

Ho attraversato quel cambiamento esatto da solo. Anni fa, ho aperto il mio blog personale larslofgren.com e alcuni clienti freelance lo facevano. Non dimenticherò mai quel primo pagamento da $ 100 inviato tramite PayPal. L’importo sembra così piccolo ora, ma il vero impatto è stato sapere che ho prodotto personalmente quel reddito da solo.

Indovina quanto traffico ha quel mio blog personale? Solo poche migliaia di visitatori al mese, distribuiti su circa 20 post di blog.

Chiunque può creare un blog di quelle dimensioni e utilizzarlo per la generazione di lead freelance. È sufficiente costruire una base di clienti che ti paghi da $ 3.000 a $ 5.000 al mese. È abbastanza per lasciare il tuo lavoro. Questo sta cambiando la vita.

Ed è un obiettivo molto più facile da raggiungere rispetto a una macchina di marketing per affiliati o infoprodotti. Hai sempre la possibilità di costruire quella roba in seguito comunque.

Che dire di tutti quegli altri metodi di monetizzazione?

Molti di loro sono una perdita di tempo. L’impatto sulle entrate è marginale, è una distrazione completa. Alcuni vale la pena fare per marketing e branding. Il resto dovrebbe essere ignorato del tutto. Ecco l’elenco che i blogger provano sempre ad un certo punto:

  • Libri – Ottimo per il marketing. Aggiunge un sacco di credibilità al tuo marchio. Ma non sentirai affatto l’impatto sulle entrate.
  • Eventi : detesto gli eventi con ogni fibra del mio essere. Tutto il rischio è a carico frontale, tutti i contratti vengono bloccati in anticipo, sono un dolore da vendere e non sai nemmeno se guadagnerai soldi fino a poco prima dell’evento. Anche se fai soldi, i margini sono terribili. Per me, queste sono distrazioni complete e un enorme costo opportunità per l’azienda.
  • Banner pubblicitari (Google Ads, formalmente Adsense, per esempio) – L’ultima volta che hanno fatto soldi decenti è stato intorno al 2003. Al giorno d’oggi, non sono nemmeno sicuro che sia possibile ottenere banner pubblicitari per coprire la bolletta dell’hosting. Sto scherzando solo parzialmente.
  • Parlando – Fatto nel modo giusto, parlare occasionalmente può essere un grande costruttore di marchi. E mentre sembra incredibile ricevere $ 20.000 pagati per concerto, non è altrettanto sorprendente una volta che impari che molti oratori non vengono mai pagati, ci vogliono mesi di lavoro per creare un discorso che comanda quel tipo di tassa, hai davvero bisogno di una New York Times Bestseller per addebitare commissioni reali e dopo il primo anno ti ammalerai così tanto delle camere d’albergo che non vorrai più viaggiare. Fare concerti quando si presentano buone opportunità; non costruire un business su di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close