Cerca

Come avviare un Blog e guadagnare nel 2020 [Guida definitiva]

Come iniziare un blog [Guida definitiva]

Non sorprende che quasi l’1% degli adulti americani guadagni almeno una parte della propria vita tramite i blog. Il Bureau of Labor Statistics riporta che circa 2 milioni di persone traggono profitto dal blog ogni anno in America. Di questi, circa un quarto (452.000 persone) utilizzano i blog come fonte primaria di reddito.

Se vuoi diventare un blogger di successo , questa informazione è sia edificante che deprimente. È possibile fare soldi blog; molte persone lo stanno già facendo.

Ma come con altre professioni creative come attori e musicisti, le persone che non fanno abbastanza per lasciare il lavoro di giorno superano di gran lunga le celebrità famose guadagnando milioni di dollari.

Non mentirò e dirò che è facile guadagnarsi da vivere come blogger, ma è vero che chiunque può farlo, a condizione che tu abbia un argomento di cui sei appassionato e la dedizione a scriverne a lungo termine.Finora ho creato, gestito e venduto oltre 40 blog e sono pronto a darti la ricetta esatta che ti guiderà a creare un blog che ti farà guadagnare in diversi mesi.

1. Prima di iniziare il tuo blog – La tua mentalità

1.1 Essere guidati dalla passione, non dal denaro

È fondamentale disporre di un piano finanziario, ma non dovrebbe mai essere il principale motivatore del progetto. In effetti, molti proprietari di blog oggi stanno facendo soldi grazie al profondo, ammirevole amore che hanno provato per l’argomento della comunità.

Sentirai parlare dei successi durante la notte nel mondo dei blog, ma ciò che spesso significa che tutti su Internet hanno capito che il blog era lì durante la notte.

Molto probabilmente, quel blogger sta andando forte, scrivendo contenuti e lavorando per costruire un pubblico, per anni. Per un po ‘di tempo, il blogger probabilmente stava guadagnando poco o niente.

1.2 Siate pronti a liberare il culo

Non mentirò o non lo ricoprirò: gestire un blog è difficile.

Secondo me, è meglio colpire il terreno correndo da:

Ti invita a partecipare: hai più connessioni di quanto pensi. Basta guardare nel tuo profilo Facebook o chiedere educatamente ai tuoi amici di dare una mano. Offri un incentivo, se necessario.

Assumere qualcuno o chiedere volontari: se hai poco o niente denaro, posti come Craigslist ti consentono di inserire elenchi di concerti non pagati.

Rimanere attivi: far decollare il blog significa anche essere lì per rispondere alle domande e iniziare nuovi argomenti ogni giorno, soprattutto verso l’inizio. Quindi, per un’ora o due ogni giorno, controlla il tuo blog e rispondi alle domande dei membri, elimina lo spam e pubblica contenuti interessanti o fai domande che incoraggiano i tuoi membri a impegnarsi.

Ora diamo un’occhiata ufficialmente a come avviare un blog e fare soldi .

Altro sulla tua mentalità:

2. Come trovare la tua nicchia

Un blog con una chiara identità ha maggiori probabilità di avere successo rispetto a uno con un focus ampio. Un blog personale riguarda te mentre un blog professionale tratta l’argomento. Puoi e dovresti essere simpatico e condividere la tua storia, ma solo per quanto riguarda l’argomento in questione.

Prima di iniziare a fare qualsiasi altra cosa per iniziare il tuo blog, dovresti capire il tuo argomento. La tua nicchia influenzerà il nome di dominio che scegli, il design della tua pagina e il tuo programma di pubblicazione ideale per attirare il maggior numero di lettori nella tua zona.

2.1 Ricerca sul mercato

Scegliere il mercato giusto per un nuovo blog può essere complicato. Volete trovare un argomento abbastanza popolare per attirare l’interesse e guadagnare denaro, ma che non sia già stato saturo di blogger che esprimono le loro opinioni.

Trovare una nuova prospettiva su un argomento, qualcosa di cui le persone non stanno già scrivendo blog ti offre le migliori possibilità di farlo a lungo termine nel business, se è un campo in cui esiste un interesse e il motivo per cui non ci sono blogger sull’argomento non è che nessuno vuole leggerlo. L’unico modo per saperlo è ricercare il campo.

Tieni presente che dovresti scegliere una nicchia che conosci o di cui sei appassionato . Sarà divertente se riceverai domande dai tuoi lettori e non conoscerai la risposta e dovrai cercare su Google ogni giorno.

Inoltre, se è qualcosa che non sei appassionato, diventerai sempre meno coinvolto nel tuo blog, il che allontanerà le persone.

Per fortuna, la ricerca di una nicchia è diventata più semplice nel corso degli anni grazie alla grande quantità di comunità online disponibili.

Ecco quelli che consiglio di più:

Luoghi per ottenere idee di nicchia

Reddit : sfoglia le migliaia di subreddit e guarda per quanti anni sono esistiti, per quanti abbonati hanno e presta attenzione al loro livello di interazione. Quasi ogni argomento ha un seguito fedele, ma devi anche tenere presente la fattibilità finanziaria della tua nicchia prescelta.

Gruppi Facebook e Linkedin –  Quando decidi su una nicchia, controlla i gruppi Facebook e Linkedin associati su quella nicchia e vedi se ci sono discussioni attive e persone interessate a ottenere maggiori informazioni, per acquisire prodotti. La seconda cosa più brutta dopo essere entrati in una nicchia molto competitiva è entrare in una nicchia senza acquirenti.

Quora , Yahoo Answers e simili: cerca in questi siti Web domande nuove, di tendenza e di sempre. Quali domande continuano a spuntare costantemente? Perché? Cosa pensi di poter offrire ai tuoi membri se dovessi aprire un blog basato su detto argomento?

Tendenze di Google: imposta avvisi e-mail relativi all’argomento scelto sulle tendenze di Google. Puoi trasformare praticamente qualsiasi tendenza in un argomento del forum ponendo domande al riguardo. Questa è una miniera d’oro. Puoi utilizzare Google Alert per impostare avvisi per la tua nicchia .

Sfoglia blog simili: quali argomenti trattano? Cosa si perdono? Come vengono trattati quei membri lì? Puoi portare qualcosa di nuovo sul tavolo o almeno migliorare i loro metodi esistenti? Non dovresti provare a rispecchiare semplicemente un forum esistente a meno che tu non abbia molti soldi e tempo per superarlo. Altrimenti, sarà una battaglia persa dall’inizio.

Guida completa alla ricerca di parole chiave

Guida completa alla ricerca di parole chiave

Maggiore è l’interesse per un determinato argomento, minore è la percentuale della quota di mercato totale che devi acquisire per avere successo e più specializzata sarà la tua nicchia per fornire una nuova voce.

La migliore nicchia per un nuovo blog nel 2019 non è necessariamente quella con il più grande seguito o quella più unica; la migliore nicchia è quella che ti consente di essere una nuova voce per una comunità che sarà in grado di supportarti.

Non dovresti assumere quale tipo di attività esiste su un determinato argomento del blog prima di iniziare a fare le tue ricerche. Alcuni argomenti potrebbero sembrare immensamente popolari ma si rivelano relativamente rari una volta che hai fatto la tua ricerca, rendendoli perfetti potenziali nicchie per te.

Al contrario, potresti pensare di essere l’unico interessato a una determinata idea, solo per trovare la blogosfera già invasa da persone che scarabocchiano nella tua nicchia esoterica. Prendi appunti mentre fai le tue ricerche per uccidere due uccelli con una fava.

2.2 Perché tu?

Il blog stesso non è il prodotto che stai vendendo al consumatore. La pagina del blog è più simile a una vetrina . I prodotti in vendita sono le tue idee e competenze, come trasmesso attraverso i tuoi post.

Per attirare i lettori sul tuo blog, devi  dare loro un motivo per ascoltare ciò che, in particolare, hai da dire su un determinato argomento. Perché qualcuno dovrebbe voler leggere il tuo blog invece di quelli già stabiliti?

I migliori blogger hanno un alto livello di competenza sul loro argomento o portano una prospettiva unica al tavolo. Anche se una determinata nicchia ha un vasto pubblico potenziale e non molte voci concorrenti, non attirerai i lettori se non hai nulla di interessante da dire sull’argomento.

Prima di prendere la tua decisione finale su quale nicchia approfondire, poniti questa semplice domanda: perché io? Dovresti essere in grado di fornire una risposta di una frase che renderebbe qualcuno interessato a leggere quello che hai da dire.

2.3 Logistica

Se il tuo blog si adatta  naturalmente al tuo programma quotidiano e al tuo stile di vita, sarà più facile per te impegnarti a mantenerlo e avrai meno probabilità di sentirti sopraffatto o rinunciare a causa del burn-out. Assicurati che la ricerca, la scrittura e il marketing che dovrai svolgere nella nicchia prescelta siano realistici per la tua vita prima di decidere su un argomento. Se vuoi scrivere sulla scena musicale locale, dovrai fare un sacco di andare a molti spettacoli, forse non è la migliore idea se devi svegliarti presto ogni giorno per lavoro.

Se vuoi scrivere un blog finanziario , devi essere in grado di tenere il passo con le tendenze del mercato e fornire consigli tempestivi ai tuoi lettori che contano su di te per guidarli attraverso un panorama in rapida evoluzione.

La nicchia che scegli avrà anche un impatto su come trarre profitto dal tuo blog . Se stai scrivendo in una nicchia più grande, il rapporto tra traffico fly-by e lettori ripetuti potrebbe essere più elevato. Otterrai molte visualizzazioni di pagina che potrebbero attirare gli inserzionisti, ma potrebbe essere più difficile vendere prodotti.

Al contrario, un blog in una piccola nicchia che ha un nucleo fedele di follower potrebbe non ottenere tanto traffico, ma il profitto per visitatore potrebbe essere più elevato perché quei visitatori acquistano prodotti e servizi, siano essi originali o venduti da un affiliazione.

Maggiori informazioni su come trovare la tua nicchia:

3. Materiale tecnico

Può essere allettante quando inizi il tuo blog a metterlo su un sito gratuito come blogger.com o wordpress.com . Dopotutto, è ancora un blog disponibile su Internet, quindi perché pagare di più di quello che devi impostare?

I servizi di blog gratuiti vanno bene se sei un hobbista, ma hanno grossi svantaggi che possono rendere la tua vita molto più dura come blogger professionista.

I siti gratuiti, in generale, non si posizionano bene nei motori di ricerca come i nomi di dominio a pagamento. Inoltre non ti danno il massimo controllo sul tuo design, rendendo la pagina non originale e meno professionale. Alcuni servizi gratuiti pubblicano anche i propri annunci sul tuo sito Web , limitando le tue possibilità di realizzare entrate pubblicitarie.

3.1 Nome dominio

Un nome di dominio è il tuo indirizzo su Internet. Un nuovo nome di dominio può essere richiesto attraverso una varietà di diversi servizi online. Registrare un nuovo nome di dominio non è costoso: farlo con GoDaddy  o NameCheap può costare fino a $ 10 all’anno e altri servizi offrono la registrazione del dominio nell’intervallo da $ 20 a $ 40. Alcuni nomi di dominio sono più costosi di altri.

Registra un dominio tramite NameCheap

Registra un dominio tramite NameCheap

Se possibile, il tuo nome di dominio dovrebbe corrispondere al nome del tuo blog. Non è necessario; una volta che possiedi il tuo nome di dominio, puoi mettere quello che vuoi su quel sito. Abbinare l’indirizzo web al nome del blog, tuttavia, ti darà più nome e riconoscimento del marchio e renderà più facile ai lettori trovarti.

Pensa ad alcune parole e frasi relative alla tua nicchia e alla tua prospettiva al riguardo. Dopo aver trovato una combinazione che ti piace, controlla se è disponibile tramite un servizio di registrazione online. In generale, i titoli a parola singola (in particolare quelli relativi a campi popolari) hanno maggiori probabilità di essere stati acquistati da un investitore del dominio e di costare denaro extra per ottenere.

Le combinazioni di due e tre parole hanno meno probabilità di essere già state usate. Con un po ‘di creatività, puoi trovare un nome di dominio aperto che si riferisce alla tua nicchia ed è più eccentrico e memorabile.

Invece di acquistare un nuovo nome di dominio, è possibile controllare i mercati dei domini come Godaddy Auctions e acquistare domini obsoleti che dispongono già di un certo potere SEO. Assicurati di fare la dovuta diligenza e il dominio che acquisisci non era coinvolto in tattiche losche.

Come guadagnare con domini invecchiati

Come guadagnare con domini invecchiati
Azione: ricerca potenziali nomi di dominio per il tuo blog e registrane uno usando NameCheap , GoDaddy , BlueHost o il tuo registrar di domini preferito.

3.2 Hosting

Una volta che il tuo blog ha un nome di dominio, ha un indirizzo, ma non ha ancora una home. I file associati al tuo sito dovranno essere ospitati su un server in modo che i tuoi spettatori possano accedervi.

Ci sono molti siti di hosting là fuori. Molti luoghi che registrano domini offrono anche servizi di hosting, il che è conveniente, anche se dovresti assicurarti che il sito abbia i servizi di cui hai bisogno prima di registrarti. Blue Host è un sito di hosting comune per i blogger di WordPress che stanno passando a un sito autosufficiente. 

La cosa più importante da considerare è quanto volume di traffico web puoi avere su un determinato sito di hosting. I limiti di larghezza di banda non importeranno quando avvierai il tuo blog per la prima volta, ma se speri di aumentare rapidamente il tuo traffico, non dovresti impostare un errore scegliendo un server che è troppo piccolo. Molti siti di hosting offrono diversi livelli di pacchetti a tariffe diverse a seconda delle esigenze del traffico e semplificano l’aggiornamento in linea.

Al primo avvio, l’opzione più economica è spesso un account di hosting condiviso. I prezzi possono iniziare a partire da $ 3- $ 5 al mese. I siti che offrono questa opzione includono iPage, eHost e In Motion Hosting. Cerca il sito di hosting prima di iscriverti. Sono affidabili o vedi utenti lamentarsi del loro servizio? Puoi anche consultare altri blogger e vedere quali siti di hosting utilizzano.

Un altro percorso che puoi percorrere è iniziare con un servizio di hosting gestito. Consulta il nostro articolo Come scegliere l’hosting WordPress meglio gestito.

Come scegliere il miglior hosting WordPress gestito

Come scegliere il miglior hosting WordPress gestito
Azione: Ottieni un account di hosting per il tuo blog su DigitalOcean ,  NameCheap , GoDaddy , Blue Host  , SiteGround o l’altra tua società di hosting preferita.

3.3 Costruttori di siti e CMS

Hai un nome di dominio e un host in cui possono vivere i file ad esso associati. Ora tutto ciò che devi fare è creare il tuo blog e trasferirlo sull’host, e se non sei una persona con una mentalità tecnica, questo può essere molto intimidatorio.

Un Content Management System (CMS) è un software che installi direttamente sul tuo host web (non sul tuo computer) che semplifica l’aggiunta delle funzionalità del sito necessarie come tag e categorie per pagine, funzioni di ricerca e archiviazione o forum e sezioni di commento.

Il vantaggio principale del software CMS è che ti consente di concentrarti sul contenuto. Non devi preoccuparti di correggere righe di codice o regolare manualmente le tue pagine quando decidi un nuovo layout, il che significa che hai più tempo per lavorare sulle cose importanti.

Esistono diversi programmi CMS specifici per blogger su Internet, molti dei quali è possibile utilizzare gratuitamente. WordPress è il più comune. So cosa stai pensando: WordPress non è uno di quei siti di blog gratuiti? Può essere (WordPress offre blog hosting gratuito), ma puoi anche scaricarlo come software e installarlo sul tuo dominio. Non è certamente l’unico prodotto sul mercato, comunque; prenditi il ​​tuo tempo e considera attentamente quali funzionalità ti serviranno idealmente. 

Blog Statistiche sull'utilizzo del software 2019

Blog Statistiche sull’utilizzo del software 2019
Azione:  scarica WordPress , installalo sul tuo blog e verifica se è il software di blogging giusto per te.

3.4 L’importanza di un tema WordPress

Il layout e il design del tuo blog daranno al tuo lettore la prima impressione di te. Sul lato pratico delle cose, vuoi assicurarti che sia facile da navigare e facile da leggere. I post importanti dovrebbero avere un posto di rilievo nella pagina e la combinazione di colori non dovrebbe interferire con la leggibilità della tua scrittura.

Un modello o un tema predefinito come quelli disponibili su WordPress può essere un buon punto di partenza quando si progetta il tuo blog, ma è necessario personalizzare almeno alcuni elementi per aiutarlo a distinguersi dalle migliaia di altri che utilizzano lo stesso layout.

Miglior tema WordPress 2017

10 consigli per scegliere il miglior tema WordPress

Le scelte di layout e colore hanno un ruolo in questo; se gestisci un blog di fotografia, dovresti scegliere un formato che enfatizzi le immagini, ad esempio. Prendi in considerazione funzionalità specializzate. Un blog finanziario potrebbe trovare utile installare un tracker live della borsa sulla loro prima pagina; un blogger sportivo potrebbe avere un ticker di punteggi e risultati delle partite.

I 10 migliori temi di WordPress secondo BuilthWith

I 10 migliori temi di WordPress secondo BuilthWith

Secondo BuilthWith , i temi WordPress più popolari sono Divi di Elegant Themes , Twenty Seventeen fornito con WordPress, Avada , Genesis FrameWork di StudioPress , Enfold, BeTheme ecc. Qui su Monetize.info, utilizziamo una versione piuttosto personalizzata del tema Shaifa .

Installa un tema gratuito dal repository di WordPress

Installa un tema gratuito dal repository di WordPress
Azione:  installa un tema gratuito dal repository di WordPress o un tema a pagamento e modificalo in base alle tue aspettative.

3.5 Plugin di WordPress

Se stai usando WordPress come CMS per il tuo blog, i plug-in ti consentono di aggiungere ogni sorta di funzionalità, come acquisizione e-mail, SEO (Search Engine Optimization), Google Analytics , modi per ottimizzare le tue immagini, aumentare la velocità di caricamento della pagina e altro ancora.

L’unico problema è che, come i temi, ce ne sono letteralmente migliaia tra cui scegliere. E se aggiungi troppi (o quelli mal costruiti) al tuo blog, può appesantire il tuo sito e farlo funzionare lentamente.

Questi sono i 10 plugin indispensabili da installare il primo giorno quando si avvia un blog.

  1. Yoast SEO – Uno dei migliori plugin che ti aiuterà a rendere i tuoi post SEO friendly. Più persone riescono a trovare i tuoi contenuti, migliore sarà il tuo blog. Yoast ti aiuta a ottimizzare i titoli dei post del blog, le descrizioni, la lunghezza dei contenuti e altri elementi in tutto il tuo blog in modo che tu possa essere trovato più facilmente dai motori di ricerca.
  2. OptinMonster .  Se stai creando un elenco e-mail di lettori, OptinMonster ha una suite di strumenti che ti aiutano a convertire più lettori in abbonati e-mail
  3. WPForms  o Modulo di contatto 7 . Vorrai che i tuoi lettori possano contattarti facilmente. WPForms ti consente di trascinare e rilasciare i moduli di contatto sulle pagine in modo da poterlo fare facilmente.
  4. Sumo .  Condivisioni social, acquisizioni e-mail e altro. Praticamente un gioco da ragazzi se vuoi costruire e far crescere il tuo blog.
  5. MonsterInsights .  Questo è probabilmente il miglior plug-in di Google Analytics per WordPress . Collega MonsterInsights al tuo account Google Analytics (puoi farlo  creare un account Google Analytics gratuito qui ) per scoprire chi arriva sul tuo sito, per quanto tempo restano in giro e quali sono i tuoi post di blog più popolari.
  6. BackupBuddy .  Ancora una volta, a volte le cose vanno male. È sempre intelligente avere un backup di tutto il tuo duro lavoro.
  7. W3 cache totale .  I siti Web più veloci si posizionano meglio su Google e offrono ai tuoi lettori un’esperienza migliore. W3 Total Cache riduce le dimensioni dei file in modo che il tuo blog si carichi più velocemente per tutti.
  8. MaxCDN . A proposito di velocità, MaxCDN rende più veloci anche il caricamento di immagini e altri elementi statici del tuo blog.
  9. MemberPress . Se vuoi creare una gated community attorno al contenuto del tuo blog, non c’è niente di più facile che usare MemberPress. È possibile creare un abbonamento, limitare i contenuti e impostare le opzioni di pagamento.
  10. Inserisci intestazioni e piè di pagina .  A volte per modificare il tema dovrai aggiungere frammenti di codice all’intestazione o al piè di pagina. Questo plugin ti consente di aggiungere facilmente piccoli frammenti di codice.
Azione: installare plug-in dal repository di WordPress in base alle proprie esigenze. Non essere troppo eccitato e installa solo quelli necessari in modo da non ottenere alla fine un sito Web lento.

3.6 Logo e altri elementi grafici

Un ottimo modo per chiarire il tuo marchio è progettare un logo che rifletta sia la tua nicchia che la tua personalità. Puoi farlo tu stesso se sei artistico, ma per molte persone, vale la pena l’investimento finanziario assumere un libero professionista per progettare il logo per te . Il logo rappresenterà il tuo marchio nella mente della maggior parte dei lettori e l’investimento iniziale che fai assumendo un designer sarà ripagato molte volte dalla spinta al riconoscimento del tuo marchio.

Anche se questo è molto importante con il tuo logo, può essere vero anche per altri aspetti del design del tuo blog. Se desideri immagini personalizzate o un formato di layout unico ma non hai il design o lo sfondo di codifica per renderle con competenza da solo, non aver paura di cercare un libero professionista che completi il ​​lavoro per te .

Nell’articolo in basso controlla i migliori 10 siti web freelance in cui puoi esternalizzare il tuo progetto di design. Un sito ben progettato avrà maggiori probabilità di attrarre visitatori e alla fine varrà l’investimento finanziario iniziale.

I 10 migliori siti Web in outsourcing da assumere e assumere

I 10 migliori siti Web in outsourcing da assumere e assumere

3.7 Deve avere pagine

Ok, quindi ora hai un blog vuoto in corsa. Prima di creare contenuti e lanciare ci sono diverse pagine che devi creare:

  • Chi siamo . Racconta al tuo pubblico di te, della tua esperienza e del tuo viaggio. È un ottimo modo per connettersi con i tuoi lettori.
  • Contatto . Dai ai tuoi lettori un modo per metterti in contatto con te. Qui è necessario aggiungere un modulo di contatto ed elencare l’indirizzo e-mail, il numero di telefono se lo si desidera e i profili dei social media.
  • Disclaimer . Se hai intenzione di fare soldi con il tuo blog, devi divulgarlo ai tuoi membri.
  • Sulla privacy . Informa i tuoi visitatori quali dati li memorizzi e come intendi utilizzarli.
  • Termini e condizioni . Stai lontano dai guai scrivendo una pagina di termini e condizioni.
  • Scrivi per noi / collaboratori. Se prevedi di accettare i post degli ospiti sul tuo blog, imposta una pagina dedicata con tutti i dettagli necessari.
  • Pubblicità . Quando avrai una solida base di lettori, potresti vendere spazi pubblicitari, menzioni, articoli sponsorizzati ecc. Elenca tutte le tue condizioni su una pagina dedicata in modo che gli inserzionisti possano trovare e ordinare da te.

4. Come rendere sicuro il tuo blog

Poiché WordPress sta alimentando oltre il 30% del totale dei siti Web oggi, lo rende un bersaglio sicuro per hacker e script kiddie. (quelli che usano programmi creati da altri per fare danni). Questo perché quando un hacker identifica una vulnerabilità ha milioni di siti Web a sua disposizione per attaccare.

Ecco alcuni motivi per cui gli hacker attaccano il tuo blog:

  1. Ruba le informazioni dei tuoi membri (contatti, membri, dettagli di pagamento ecc.)
  2. Inserisci codice dannoso (virus) per infettare i tuoi visitatori
  3. Inserisci backlink o pagine generate per aumentare le classifiche SEO
  4. Viene assunto da un concorrente per danneggiare il tuo marchio e le classifiche SEO
  5. Invio di SPAM utilizzando il tuo account di hosting (potresti inserire il tuo IP nella lista nera)
  6. Invio di attacchi DDOS tramite botnet (milioni di siti Web e computer infetti)

Ora che ho mostrato che il tuo blog è un possibile obiettivo, sono sicuro che hai capito che devi impedire che ciò accada e proteggere il tuo blog WordPress. Abbiamo un articolo che descrive i modi più importanti per proteggere il tuo sito WordPress .

Modi per proteggere il tuo sito WordPress

Modi per proteggere il tuo sito WordPress

Oltre a utilizzare una password complessa e non accedere al pannello di amministrazione da hotspot Wi-Fi non sicuri, è necessario rinominare il percorso della directory di amministrazione, installare un plug-in come Wordfence che abilita la protezione dagli attacchi di forza bruta (script che provano milioni di password fino a quando non trova il quello corretto).

Inoltre, installa un certificato SSL perché oltre alla sicurezza migliorerà anche il tuo posizionamento SEO.

Altro sulla sicurezza di WordPress:

5. Come eseguire la pianificazione e l’impostazione degli obiettivi

Quando qualcuno si prepara ad avviare una piccola impresa, viene spesso consigliato di elaborare un piano aziendale prima ancora di trovare finanziamenti o cercare un luogo. A causa delle quantità di denaro coinvolte, gli investitori vogliono sapere che il proprietario ha riflettuto su ogni aspetto della propria attività – e, soprattutto, ha pianificato come farà soldi e crescere – prima di essere disposti a sostenere il concetto.

Mentre non è necessario affrettarsi per gli investitori quando si avvia un blog, un po ‘di pianificazione orientata agli obiettivi è ancora il modo migliore per rendere il tuo blog un’impresa redditizia anziché solo un hobby e una perdita di tempo.

Ricorda che i successi durante la notte sono molto rari, non solo nei blog ma in ogni ambito della vita. Il lavoro svolto all’inizio del processo potrebbe non iniziare a generare rendimenti fino a quando non sono trascorsi almeno un anno. Se non sei pronto per giocare a un gioco lungo, probabilmente ti arrendi troppo presto e non vedrai mai il tuo blog raggiungere il suo pieno potenziale.

Non dovrai investire molto denaro nell’avvio di un blog, ma dovrai impegnare il tuo tempo in modo abbastanza coerente da essere considerato affidabile dai tuoi lettori. Programma te stesso almeno un’ora per lavorare sul tuo blog ogni giorno. Impegnati tanto quanto ti sposteresti nel tuo luogo di lavoro. Se non tratti il ​​tuo blog come se fosse importante, non puoi aspettarti che i lettori si sentano diversi.

5.1 Stabilire obiettivi realistici

A tutti piacerebbe fare un reddito a sei cifre da casa parlando di una delle tue passioni. Questo non è un obiettivo non realistico a lungo termine. Il problema è che molte persone pensano di iniziare un blog e in pochi mesi riescono a ritirarsi. Quando non raggiungono subito l’apice del successo, si scoraggiano e si arrendono.

Stabilire obiettivi realistici non significa che non puoi sognare in grande. Significa invece spezzare quei grandi sogni e capire quali passi a breve termine puoi fare per raggiungere il successo a lungo termine.

Prima di tutto, dovresti determinare quali sono i tuoi obiettivi a lungo termine. Dove si inserisce il blog nel tuo futuro ideale? È qualcosa che alla fine speri di utilizzare come fonte primaria di reddito o la vedi semplicemente come una parte di un tutto più grande? La quantità di sforzo che dovrai fare per costruire un blog in un lavoro a tempo pieno è molto diversa da quella che sarà richiesta solo per guadagnare un po ‘di soldi in contanti.

Se possiedi una piccola impresa o una linea di prodotti, un blog potrebbe essere più il tuo modo di comunicare con i tuoi clienti di quanto non sia la tua principale fonte di reddito – una parte integrante dell’intero pacchetto, ma non il tuo principale flusso di reddito. Se speri di fare del blog il tuo lavoro a tempo pieno, dovresti trattarlo come un lavoro part-time fin dall’inizio; se è inteso come un progetto secondario, puoi impiegare più tempo a farlo crescere.

Una volta che hai pensato ai tuoi obiettivi a lungo termine, fai qualche ricerca su altri blog nella tua nicchia. Inizia guardando quelli di maggior successo e più popolari. Quante visualizzazioni di pagina e commenti ottengono la maggior parte di essi?

Quanto spesso pubblicano? Quanti follower hanno su Facebook e Twitter e quanto tempo ci sono voluti per arrivare a questo punto? Se il blog principale nella tua nicchia ha 3.000 follower, impostare un obiettivo di 5.000 follower nei tuoi primi sei mesi molto probabilmente ti farà solo fallire. Impostare traguardi più piccoli. Se vuoi 1.000 abbonati, devi prima ottenere 100 abbonati. Quindi puoi andare per 500, e così via, dandoti parametri di successo da raggiungere lungo la strada.

5.2 Gioca al tuo pubblico

Immagina il tuo lettore ideale. Pensa a come trascorrono il loro tempo. Sono single o hanno una famiglia? Dove vivono? Quali sono i loro valori? Adattare il tuo marchio al tuo pubblico può aiutarti a concentrarti meglio sui tuoi primi post e aiutarti a stabilire la tua identità più rapidamente.

Ovviamente, non dovresti andare troppo lontano. Non fingere di essere una persona nuova solo per attirare più lettori. Non stai cambiando la tua personalità, ma solo identificando quali aspetti saranno più interessanti per il tuo lettore di destinazione. Consideralo in questo modo: quando sei al lavoro, probabilmente ti vesti in modo diverso, hai un portamento diverso e usi un vocabolario diverso rispetto a quando esci con i tuoi amici al bar o guardi la TV con i bambini a casa.

Pensa alla tua immagine ideale. Vuoi essere un confidente amichevole? Un esperto esperto? Ripensa al “perché io?” domanda a cui hai risposto nel capitolo 1. Se il motivo per cui hai scelto la tua nicchia è che hai studiato quell’argomento e hai molte conoscenze da condividere, il tuo marchio potrebbe mirare a educare i tuoi lettori.

Quel marchio non funzionerà se sei un novizio relativo nell’area tematica; forse invece il tuo marchio sta imparando come diventare uno chef migliore, o trovando le migliori attrazioni della tua città e portando il lettore con te per le tue scoperte.

Se hai problemi a pensare a quello che vuoi che sia il tuo marchio, un brainstorming vecchio stile potrebbe fare al caso tuo. Tira fuori un foglio di carta bianco e una penna. Scrivi “Voglio che il mio blog sia …” grande nella parte superiore del foglio, quindi annota qualsiasi parola ti venga in mente. Collega queste parole insieme in concetti e frasi, riordinandoli e collegandoli fino a quando ti senti come se fossi arrivato al cuore di ciò che stai cercando di rappresentare.

Probabilmente hai sentito il termine “pitch dell’ascensore”, una descrizione del tuo prodotto o idea che potrebbe essere trasmessa nel tempo necessario per salire su un ascensore, circa trenta secondi se vuoi inserire un numero. Prima di iniziare a bloggare, dovresti essere in grado di dare un tono ascensore del tuo marchio e argomento. Una volta che puoi farlo, dovresti avere un concetto abbastanza chiaro del tuo marchio per rimanere coerente nei tuoi primi post.

5.3 Pianificazione dei tuoi post

Ci sono due livelli da considerare qui e dovresti delineare un piano per entrambi prima di iniziare a scrivere i tuoi contenuti. C’è la pianificazione settimana per settimana di quando vuoi che i tuoi post vengano pubblicati, e c’è la pianificazione mensile e annuale di punti o eventi che vuoi colpire.

Molti blogger pubblicano messaggi quando lo spirito li colpisce. Potrebbero avere quattro posti in tre giorni e poi un intervallo di due settimane fino al successivo. Va bene se sei un hobbista o se il blog non è il tuo flusso di reddito principale, ma per rendere redditizio il tuo blog, è meglio tenere un programma regolare da cui i tuoi lettori possono fare affidamento. Esattamente quando pubblichi dipenderà dalla tua nicchia.

I blog di notizie potrebbero dover essere aggiornati quotidianamente per sentirsi aggiornati. Per argomenti meno sensibili al tempo, è possibile scegliere determinati giorni della settimana. Come sempre, considera il tuo pubblico di destinazione. Un blog aziendale potrebbe voler pubblicare un post nelle caselle di posta degli iscritti ogni mattina del giorno della settimana; le e-mail inviate durante il fine settimana avrebbero meno probabilità di essere visualizzate.

Un blog sulla vita notturna in città potrebbe voler pubblicare un grosso post giovedì quando gli abbonati stanno pianificando il fine settimana. Qualunque sia la tua nicchia, un programma settimanale informa i tuoi lettori quando dovrebbero aspettarsi di avere tue notizie e costruirà in modo più efficace una solida base di abbonati.

La pianificazione annuale sarà più utile per gestire i tuoi contenuti e identificare l’interesse dei tempi per la tua nicchia sarà più alto. Alcune di queste cose saranno universali – qualsiasi blogger che vende prodotti dovrebbe prendere nota della stagione dello shopping natalizio nel proprio calendario annuale – ma molte saranno più individuali per la tua nicchia

Un blog di giardinaggio potrebbe voler programmare un nuovo rilascio del prodotto in modo che corrisponda alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, quando molti lettori pianificheranno i loro giardini. Un blog per genitori potrebbe avere contenuti speciali per il ritorno alla stagione scolastica. Scrivendo tutto, puoi vedere più chiaramente quali punti dell’anno vuoi costruire e dove potresti avere più difficoltà a trovare contenuti, permettendoti di pianificare di conseguenza.

5.4 Collaborazione

La collaborazione con un altro blogger può essere un modo semplice per mantenere il sito senza intoppi, diffondendo allo stesso tempo la pressione e il carico di lavoro necessari per mantenerlo. Permette a ciascuno di voi di prendersi del tempo libero quando è necessario e può anche aiutare ad aggiungere più prospettive al contenuto del blog, ampliandone il fascino. Assicurati solo di scegliere attentamente i tuoi partner che collaborano.

Dovrebbe essere qualcuno con cui vai d’accordo, ma anche qualcuno su cui puoi contare per fare la loro giusta parte del lavoro. Alla fine, l’obiettivo è che questa sia una proficua impresa commerciale e dovresti assicurarti fin dall’inizio che tutti i soggetti coinvolti siano sulla stessa pagina e si impegnino per quella causa. Anche se la persona è un familiare o un caro amico, è una buona idea scrivere e firmare un accordo insieme solo per assicurarsi che le aspettative siano chiare.

6. Come creare contenuti di qualità

Probabilmente hai già sentito prima che “il contenuto è re”, ed è vero. Il contenuto di qualità è ciò che costruirà il tuo seguito e offrirà opportunità di profitto ed espansione.

6.1 Come scrivere post di qualità

Vuoi che i post sul tuo blog forniscano valore al tuo lettore e siano interessanti da leggere. Dovrebbe anche essere professionale e privo di errori di distrazione. I lettori solitamente perdoneranno l’errore di battitura o il disaccordo verbale, ma sarà più difficile convincere il lettore a fidarsi di te se hai costantemente problemi con la meccanica inglese.

Il correttore ortografico e grammaticale sull’elaboratore di testi rileverà la maggior parte degli errori; anche se sei sicuro delle tue capacità di scrittura, eseguilo su ogni post prima che salga per eliminare errori di battitura e errori stupidi. Se sai, l’ortografia e la grammatica sono difficili per te, ottieni una copia di The Elements of Style di William Strunk e EB White. Dagli una lettura, quindi tienilo alla scrivania in cui lavorerai, per consultarlo quando necessario.

La lunghezza ideale di un tipico post sul blog è di circa 900-1500 parole. Dovrebbe avere un titolo che induca il lettore a fare clic su di esso (anche se fai attenzione ai titoli in stile “click bait” che sono intenzionalmente fuorvianti). Il contenuto dovrebbe avere un flusso logico, con le idee principali chiaramente evidenziate in elenchi puntati o paragrafi separati.

Quando avvii il tuo blog per la prima volta, tutti i post che pubblichi dovrebbero essere direttamente correlati alla tua nicchia. Vuoi trasmettere il tuo marchio fin dall’inizio, così i lettori sanno cosa aspettarsi da te. Vuoi anche dimostrare la tua conoscenza del campo in cui stai scrivendo, per stabilire la tua esperienza con l’argomento e mostrare ai lettori perché dovrebbero preoccuparsi delle tue opinioni.

I tuoi primi 10-15 post dovrebbero essere direttamente correlati alla tua nicchia. Alcuni blogger di grande successo a volte vanno fuori tema, ma questo dovrebbe attendere fino a quando non avrai stabilito la tua identità.

6.2 Contenuto principale

L’esperto di blogging Yaro Starak parla di qualcosa chiamato “articolo pilastro” nelle sue colonne di consigli. Chris Garret lo chiama “contenuto di punta”, mentre Brian Clark lo chiama “contenuto fondamentale”. Tutti questi esperti descrivono la stessa cosa fondamentale: gli articoli che danno al tuo lettore una chiara concezione della tua nicchia e delle tue opinioni al riguardo.

Articoli Blog sulla pietra angolare

Articoli Blog sulla pietra angolare

Gli articoli sul contenuto principale dovrebbero essere piuttosto lunghi: circa 1200-3000 parole, a seconda del formato. Questi post non dovrebbero dipendere dal tempo ; un lettore che vede il post tra un anno dovrebbe ancora trovarlo rilevante. Questi post hanno maggiori probabilità di ricevere backlink da altri siti Web e idealmente continueranno ad attirare nuovi lettori molto tempo dopo la loro pubblicazione iniziale.

Quindi non vengono seppelliti nei tuoi archivi, è una buona idea elencare questi post in un’area separata, che si tratti di un menu a discesa o di collegamenti in una barra laterale: questo consente ai nuovi lettori di accedere facilmente ai contenuti più utili. Puoi anche fare riferimento a questi articoli nei post futuri per aiutare i nuovi lettori a trovarli e a leggerli.

Maggiore è il numero di post di contenuti principali che includi nel tuo blog, meglio è. Cinque è un buon minimo e dovresti includerne almeno tre nei primi dieci post. L’obiettivo finale di qualsiasi buon post di contenuti di base è insegnare ai tuoi lettori qualcosa, che si tratti di un’abilità legata alla tua nicchia, una spiegazione di un concetto o un pezzo di opinione che li aiuterà a vedere la tua nicchia in un modo nuovo.

Se non sei sicuro del tipo di articolo da scrivere, alcune opzioni di contenuto di base sono elencate di seguito e potrebbero aiutarti a darti un’idea di dove iniziare.

  • Le pagine del glossario sono elenchi di termini relativi alla tua nicchia che definisci per il lettore con parole tue. Le pagine del glossario sono spesso uno strumento utile se la tua nicchia è correlata a tecnologia, finanza, legge o qualsiasi altro campo che ha una terminologia molto specifica o esoterica. Sono anche un ottimo formato per ottenere backlink perché altri blog potrebbero fare riferimento alla tua pagina se non hanno pagine di glossario proprie.
  • Gli articoli dettagliati illustrano al tuo lettore come eseguire un’attività o realizzare un prodotto, spesso con immagini in passaggi chiave. I post di ricette sui blog di cucina rientrano in questa categoria e sono probabilmente l’esempio più familiare, ma questo stile di articolo si applica a quasi tutte le nicchie. Pensa a qualcosa nel tuo settore che sai come fare e che i tuoi lettori potrebbero non fare: la cosa chiave qui è condividere la tua conoscenza di qualcosa con cui hai esperienza.
  • Gli articoli dell’elenco  sono contenuti fondamentali eccellenti perché le persone adorano leggerli e condividerli e possono essere utili per stimolare una conversazione nella sezione dei commenti. Possono assumere alcune forme. Gli elenchi di consigli forniscono ai lettori suggerimenti su come svolgere le attività (“4 modi per dormire meglio” o “5 cose da fare prima di ottenere un mutuo”). Gli elenchi classificati sono ideali per la cultura pop o blog basati sui prodotti, che possono anche essere collegati a prodotti venduti da un’affiliata per aumentare la redditività dell’articolo. Gli elenchi informativi condividono le conoscenze con il lettore (“film horror più sottovalutati” o “benefici a sorpresa del tè verde”) e possono essere utili in qualsiasi nicchia.
  • Opere di opinione ed editoriali  sono spesso visti nei blog di commenti politici e sociali e possono essere particolarmente utili per suscitare polemiche nella sezione commenti. Questi brani dovrebbero iniziare con una chiara tesi, che si tratti di una teoria, un’opinione o un argomento. Esegui il backup dell’argomento con argomenti ben presentati e assicurati che il pensiero sia unico: ricorda, vuoi aggiungere nuovo valore al tuo settore, non riproporre le stesse idee presentate altrove. Inoltre, assicurati che la tua opinione rafforzi il tuo marchio affermato.

6.3 Trovare la tua voce

Molte persone commettono l’errore di voler presentare un’immagine perfetta di se stessi ai propri lettori. Mentre vuoi presentarti come qualcuno di cui il lettore può fidarsi, vuoi anche mostrare loro che sei una persona reale. Ci sono migliaia di blog là fuori su ogni argomento immaginabile, e in definitiva la tua personalità e opinioni sono ciò che renderà il tuo blog quello che i lettori vogliono leggere.

Sii disposto a condividere i tuoi fallimenti, sfide e lotte. Ti renderà più riconoscibile e alla fine il lettore si fiderà di più di te se sa che sei il tipo di persona che può ammettere i tuoi errori.

Un buon post sul blog dovrebbe avere il tono di una conversazione tra amici. Se non sei sicuro di come farlo, ci sono un paio di trucchi che potresti provare. Prova a immaginare di parlare con una persona della tua vita, come un fratello o un amico, quando scrivi i tuoi post. Come spiegheresti concetti nel tuo campo in modo che tua sorella possa capirli? Usa la stessa lingua quando scrivi che userai ad alta voce in una conversazione amichevole.

Soprattutto se non sei uno scrittore esperto, termini come “voce” e “tono” a volte possono essere difficili da avvolgere la testa. Che cosa significa un “tono amichevole”? Immagina di nuovo di parlare allo stesso amico dell’argomento che stai trattando nel tuo post, ma invece di andare direttamente alla tastiera, registrati mentre rispondi ad alta voce alla domanda. Ascolta la registrazione.

Trascrivi le frasi a cui sei particolarmente affezionato, quindi compila intorno a quelle righe cercando di abbinare quel tono. Una volta che hai scritto il post, leggilo di nuovo ad alta voce, quindi torna indietro e cambia i luoghi che ti sembrano scomodi o troppo formali. Man mano che ti senti più a tuo agio con il processo di scrittura, sarai in grado di ottenere quel tono di conversazione direttamente sulla pagina.

6.4 Coerenza e fiducia

Una delle cose più importanti è costruire la fiducia del lettore. Assicurati che i tuoi contenuti siano sempre reali e originali. Se prendi l’abitudine di pappagallo o addirittura di copiare qualcun altro, il tuo blog non aggiunge alcun nuovo valore alla vita del tuo lettore. Le tue opinioni dovrebbero essere tue e dovresti essere pronto a sostenerle. Se i tuoi lettori si sentono affidabili, saranno più propensi a darti i loro fedeli lettori.

Puoi anche essere affidabile per il tuo lettore pubblicando un programma regolare e non perdere i messaggi quando puoi aiutarlo. Alcuni blogger pubblicano quotidianamente; altri pubblicano in determinati giorni della settimana. Due volte a settimana è una buona frequenza quando hai appena iniziato. Stai postando abbastanza spesso da dare alle persone un motivo per continuare a tornare, ma hai ancora tempo per gli altri aspetti del tuo blog, come trovare inserzionisti e comunicare con i tuoi lettori, senza farti sentire sopraffatto.

7.Come far crescere il tuo blog

Avere un pubblico affermato è il modo migliore per attirare l’attenzione degli inserzionisti. Maggiore è il tuo pubblico, maggiore sarà la probabilità di ottenere clic sugli annunci o di vendere prodotti che tu o i tuoi affiliati avete in vendita sul loro sito.

Le dimensioni esatte del tuo pubblico target dipenderanno molto dalla tua nicchia. I blog in nicchie più specializzate tenderanno ad avere un seguito più piccolo ma più dedicato rispetto a quelli in campi che generano molto interesse popolare.

In verità, mentre la nicchia che hai scelto può aiutarti a indovinare come potrebbe essere il tuo pubblico di riferimento, non conoscerai davvero i tuoi lettori fino a quando non li avrai.

La maggior parte delle interfacce di blog ti fornirà statistiche abbastanza dettagliate su quanto spesso le tue pagine vengono visualizzate e quante di queste visualizzazioni di pagina sono “uniche” (ovvero le visite di un altro ospite) o quante sono le visite ripetute. Controlla periodicamente queste statistiche.

  • Quale stile del post sembra ottenere il maggior numero di visualizzazioni?
  • Ai tuoi lettori piacciono i post ricchi di immagini o di testo?
  • Quanto durano i tuoi post più visti?

L’uso di queste informazioni può aiutarti a perfezionare i contenuti futuri, adattandolo alle esigenze del tuo pubblico. Maggiore è il valore che il tuo lettore ottiene dai tuoi post, maggiore sarà la probabilità che si colleghino a loro e li condividano con altre persone, e maggiori sono le possibilità che hai di aumentare la tua base di iscritti.

7.1 Discuti con i tuoi lettori

Abbiamo parlato di un tono colloquiale nel capitolo 5, e questo è certamente importante, ma è altrettanto cruciale coinvolgere i tuoi lettori in una conversazione reale. Rispondi sempre a tutti i commenti lasciati sui post del tuo blog, in modo che i tuoi lettori sappiano che stai ascoltando e interessato a ciò che hanno da dire.

Puoi anche coinvolgerli in conversazioni su altri formati di social media. Imposta le pagine Twitter e Facebook per il tuo blog che sono separate da qualsiasi account di social media personale che hai. Assicurati di essere attivo su quegli account come nella pagina del tuo blog e, proprio come con i commenti sul blog, assicurati di rispondere a eventuali tweet o commenti di Facebook dai tuoi follower proprio come faresti sul blog.

Pubblicare regolarmente e rispondere ai commenti aiuta a cementare quella visione dei lettori nei tuoi confronti come qualcuno su cui fare affidamento  e che vogliono trascorrere il loro tempo a leggere. I visitatori occasionali possono essere utili, ma coltivare una base di lettori fedeli è il modo migliore per aumentare il numero di abbonamenti e di visualizzazione delle pagine e, in definitiva, il modo migliore per aumentare i profitti.

I contenuti interattivi possono anche aiutare a coinvolgere i tuoi lettori. Il modo più semplice per farlo è pubblicare sondaggi o sondaggi occasionalmente come parte dei tuoi post. Se gestisci un blog di moda e pubblichi post sulle celebrità meglio vestite sul tappeto rosso in uno spettacolo di premi, puoi chiedere ai lettori chi pensavano fosse il più vestito dopo aver pubblicato le tue opinioni.

Questi possono essere modi divertenti per iniziare la conversazione e includere i lettori nel tuo processo. Se hai la possibilità di fare un’intervista con qualcuno nel tuo campo, potresti invitare i lettori a pubblicare domande. Omaggi e concorsi sono anche un ottimo modo per coinvolgere i tuoi lettori e costruire la lealtà in una comunità .

7.2 Entice abbonati

Quando si tratta di gruppi di lettori, i tuoi abbonati sono molto più importanti dei tuoi follower di Twitter o dei tuoi Mi piace di Facebook. Questo è il tuo gruppo principale di lettori che ti sentirà direttamente quando crei un post o invii un’esplosione di e-mail e le persone che hanno maggiori probabilità di spendere i loro soldi per i tuoi prodotti e il gruppo che puoi contare sulle visualizzazioni dei post più recenti. Soprattutto quando inizi per la prima volta, la crescita della tua lista di iscritti dovrebbe essere una delle tue priorità.

Come convertire i visitatori in futuri acquirenti

Come convertire i visitatori in futuri acquirenti

Un modo semplice per aumentare i tuoi abbonati è offrire un incentivo alle persone che si iscrivono. I professionisti dei blog chiamano questo “migliorare il tuo valore” agli occhi di un potenziale abbonato; i cinici chiamerebbero questo “popolo di corruzione”. Qualunque cosa tu lo chiami, è un modo provato ed efficace per aumentare gli abbonamenti. La chiave è offrire un incentivo che dia valore reale agli abbonati senza tagliare il margine di profitto.

Un white paper o una risorsa esclusivi può costituire un ottimo incentivo per l’iscrizione perché è qualcosa che devi solo crearne uno che dia ancora valore ai lettori a lungo termine. Se vendi prodotti o servizi sul tuo sito, potresti offrire uno sconto agli abbonati, sia come coupon una tantum o con un “tasso di abbonamento” inferiore. Gli sconti possono aumentare sia la fidelizzazione dei clienti che i tuoi profitti. Qualcuno che non avrebbe mai guardato il tuo negozio prima potrebbe farlo se avesse un coupon.

Fai in modo che le persone possano iscriversi al tuo sito. Gli inviti agli abbonamenti popup sono la tendenza attuale. Alcuni lettori li troveranno fastidiosi e alcuni software di blocco degli annunci impediranno loro di aprirsi, ma possono anche essere efficaci nel far sapere ai lettori che hai una mailing list. Se preferisci inserire un link sul tuo sito, assicurati che sia facile da trovare e chiaramente visibile alla maggior parte dei visitatori, non nasconderlo in un menu o nella parte inferiore della pagina. Un nuovo visitatore non dovrebbe cercare un modo per ottenere aggiornamenti quando pubblichi.

10 migliori plugin per la mailing list di WordPress per ottenere più abbonati

10 migliori plugin per la mailing list di WordPress per ottenere più abbonati

8. Come fare networking e community

Anche se scrivi in ​​una nicchia relativamente limitata, è probabile che ci saranno almeno altri blogger che scrivono sul tuo argomento. In senso lato, questa è la comunità della tua nicchia. Più l’argomento è popolare, più ampia sarà la comunità e le sub-comunità più piccole esisteranno all’interno della principale. In un certo senso, puoi immaginare la blogosfera come una scuola superiore, dove le persone parlano principalmente con le persone della loro cricca – e proprio come al liceo, tutti i ragazzi fighi tendono a frequentare insieme.

Esistono tre modi in cui puoi affrontare l’esistenza della comunità. Puoi ignorarli e non preoccuparti di ciò che gli altri stanno scrivendo. Puoi avere un interesse passivo, seguendoli per tenere il passo con quello che stanno dicendo ma non interagendo con il loro sito.

Non devi limitarti a interagire con i blogger nel tuo campo. Diventa un lettore attivo e seguace di tutti i blog che ti piacciono, anche se non sono necessariamente correlati al tuo. Per lo meno, altri lettori che trovano perspicaci i tuoi commenti potrebbero consultare il tuo blog e trovarlo interessante.

Fare amicizia con altri blogger e proprietari di siti Web può aiutarti a generare più traffico diffondendo il tuo nome in più luoghi. Più un post di un blog è collegato e visitato, più verrà visualizzato nelle ricerche di Google, che a sua volta ti porterà ancora più traffico.

Ricorda che ogni volta che pubblichi un commento sul blog di qualcun altro, il commento dovrebbe essere principalmente su di loro e molto minimamente (o per niente) su di te. Link al tuo blog solo se è legittimamente rilevante per l’argomento del post. Spamare le sezioni dei commenti delle persone con annunci pubblicitari per il tuo blog non ti farà diventare amico e non ti farà conquistare tanti lettori a lungo termine come se diventassi noto per aver lasciato commenti spiritosi, perspicaci o utili.

Potresti sentirti anonimo quando interagisci con persone su Internet, ma dovresti anche ricordare che è un luogo in cui la reputazione è tutto e le informazioni possono diffondersi molto, molto rapidamente. Ricorda che tutto ciò che fai online relativo al tuo blog è un riflesso del tuo marchio. Un vivace dibattito in una sezione di commenti può attirare l’attenzione di potenziali lettori, ma essere sempre rispettoso degli altri blogger, anche quando non sei d’accordo.

8.1 Network faccia a faccia

Una delle cose bizzarre del blog come professione è che anche se i tuoi post raggiungono 10.000 persone ogni giorno, è possibile che non interagirai mai fisicamente con nessuno di loro. La partecipazione a eventi e conferenze in rete può ricordare che ci sono volti e persone dietro ogni post e commento.

Ci sono seminari e workshop rivolti ai blogger. Questi possono sicuramente essere utili in quanto puoi incontrare altri blogger e imparare dalle loro esperienze, ma non sono anche il posto migliore dove incontrare i tuoi follower. La partecipazione a eventi o conferenze legati alla tua nicchia può offrire eccellenti opportunità di networking sia con altri blogger che con i tuoi potenziali lettori. Se pubblichi un blog sui film, partecipa a un fumetto locale.

Per i blogger nei settori tecnologici, le fiere possono essere un ottimo posto per vedere le ultime innovazioni e incontrare altri appassionati. Puoi praticamente garantire che alcuni degli altri partecipanti saranno blogger nel tuo campo e, anche nel caso in cui tu non abbia alcuna connessione di rete, imparerai qualcosa dall’evento da condividere con i tuoi lettori.

9. Come pubblicizzare il tuo blog

Non è necessario un ingente budget pubblicitario per aumentare il traffico del tuo blog fino a 10.000 visualizzazioni al mese e per essere riconosciuto nella tua nicchia. Come puoi attirare ancora più persone sulla tua pagina?

9.1 SEO

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization. L’idea di SEO è che usando le parole chiave nel corso dei tuoi post, ottieni classifiche più alte negli elenchi dei risultati quando gli utenti cercano quei termini, il che significa che otterrai più visitatori sul tuo sito.

10 guide SEO gratuite più complete

10 guide SEO gratuite più complete

Se stai scrivendo buoni contenuti che sono fortemente correlati al tuo argomento di nicchia, i tuoi post saranno naturalmente molto densi di parole chiave senza che tu faccia alcuno sforzo particolare. Un’enfasi eccessiva sulla densità delle parole chiave può rendere i tuoi post ripetitivi o compromessi. Mettere troppe parole chiave nei tuoi post ti fa anche sembrare uno spammer (chiamato “riempimento di parole chiave”) e fa in modo che gli spider dei motori di ricerca ti ignorino se ne sei colpevole.

I luoghi più importanti per enfatizzare le parole chiave nei tuoi post sono nell’intestazione della pagina e nel tag del titolo. Quando dai un nome alle tue pagine, rendile un motore di ricerca in modo amichevole, dando loro nomi che esprimano chiaramente di cosa tratta la pagina piuttosto che un sistema di classificazione interno. Mantieni il contenuto stesso focalizzato sull’idea e non preoccuparti troppo di ottenere termini  inseriti in esso – se si tratta di un argomento per la tua nicchia, verrà naturalmente visualizzato nei risultati di ricerca.

Un modo migliore per ottimizzare il posizionamento nei motori di ricerca è quello di ricollegarti ai tuoi articoli precedenti. Maggiore è il numero di collegamenti che una pagina ha ad esso, maggiore è la probabilità che venga visualizzata più in alto nell’elenco dei risultati della ricerca. Proprio come con le parole chiave, non esagerare. Fai riferimento ai post precedenti quando è logico farlo, non solo per il bene del SEO.

Un plugin che ti aiuterà con tutto ciò che riguarda SEO OnSite è Yoast Seo e lo consigliamo nella sezione 2 di questo articolo.

I link svolgono ancora un ruolo importante nel SEO e dovresti dedicare tempo ad acquisire backlink di qualità . Una delle tattiche consiste nell’utilizzare uno strumento di pubblicazione degli ospiti come Outreach.Buzz e trovare siti in cui è possibile pubblicare i messaggi degli ospiti.

Come Guest Blogging può dare impulso al SEO

Come Guest Blogging può dare impulso al SEO

9.2 Social media

Facebook , Twitter , Instagram o Pinterest sono sicuramente dei buoni punti di partenza. Non limitare il tuo marketing a chiedere ad amici e parenti di apprezzare il tuo blog. Gli annunci di Facebook sono molto economici e possono essere indirizzati a lettori o gruppi ideali. Segui altri blogger nella tua nicchia su Twitter.

Potresti ottenere un seguito, e anche se non, potrebbero avere cose interessanti da dire. È un consiglio che merita di essere ripetuto: partecipare alla conversazione nella tua comunità è uno dei modi migliori per far sapere alle persone che esisti.

Guide sui social media che consigliamo:

Guida al marketing delle pagine Facebook

Guida al marketing delle pagine Facebook
Guida di marketing di Twitter

Guida di marketing di Twitter
Guida al marketing di Instagram

Guida al marketing di Instagram
Linkedin Pulse Traffic

Linkedin Pulse Traffic
Come creare un canale YouTube autorevole

Come creare un canale YouTube autorevole
I 12 migliori strumenti di automazione dei social media

I 12 migliori strumenti di automazione dei social media

9.3 Diffondere le persone dalla tua nicchia.

Ho avuto molto successo nel promuovere il mio blog sensibilizzando i membri della mia nicchia. Crea un elenco di persone attive e inviale tramite e-mail. Crea un bel messaggio che spieghi di cosa tratta il tuo blog, quali sono i tuoi piani e invitali a registrarsi e diventare lettori attivi.

Se hai bisogno di aiuto su come sensibilizzare le persone alla tua nicchia, consulta il nostro articolo sulla Guida alla creazione di esperti Roundup .

9.4 Collaborare con le piccole imprese

Ho già menzionato l’ottenimento di entrate pubblicitarie dirette dalle piccole imprese, ma puoi anche creare relazioni più simbiotiche con le piccole imprese per aiutare entrambi ad espandere i vostri marchi. Scrivere recensioni dei loro prodotti che vengono poi condivise sul loro sito porterà più link e traffico a te allo stesso tempo, aiutandoli a vendere i loro prodotti.

Ricorda che la maggior parte dei proprietari di piccole imprese sono proprio come te: stanno cercando di ottenere la massima esposizione possibile senza dover spendere un sacco di soldi extra.

9.5 Eventi sponsor o host

Se gestisci un blog sulla bicicletta, potresti diventare uno sponsor per una gara ciclistica locale. Se gestisci un blog sulla cultura pop, potresti ospitare una festa per la visione di Oscar in un bar o ristorante locale e vivere Tweet o chattare con i tuoi follower.

Tendiamo a non pensare agli eventi di persona come utili per un blogger perché il nostro pubblico di destinazione è online e può provenire da qualsiasi angolo del globo, ma non dimenticare che la tua area è piena di potenziali lettori, anche se la tua nicchia non è specificamente dedicato alla tua città.

Se non puoi permetterti di sponsorizzare o ospitare un evento locale o il tuo pubblico è internazionale, puoi creare una raccolta di esperti con i blogger nella tua nicchia. Proprio come quelli che abbiamo fatto qui su Monetize.info:

Seo Experts Roundup 2017

Seo Experts Roundup 2017
Suggerimenti per il marketing sui social media

Suggerimenti per il marketing sui social media

9.6 Aggiungi il tuo blog nella tua firma e-mail

Non dimenticare di aggiungere il tuo blog nella tua firma e-mail in modo che le persone con cui interagisci scopriranno il tuo blog. Assicurati solo di non scrivere qualcosa di troppo palese come Leggi il mio blog o qualcosa di simile poiché la maggior parte degli amministratori di blog non consente la promozione del forum – a loro non piace perdere i loro membri a un concorrente.

Firma e-mail Promuovi blog

Firma e-mail Promuovi blog

9.7 Essere caritatevoli

È bello restituirlo, e dal punto di vista del branding, è una grande spinta alla reputazione e un’opportunità per ottenere visibilità mentre si fa qualcosa di buono. Beneficenza non deve significare dare soldi a qualcuno, anzi, le migliori opportunità consistono nel donare il tuo tempo o lo spazio del tuo blog a una causa.

Un blogger di fitness potrebbe chiedere ai lettori di sponsorizzarli in una passeggiata contro il cancro, ad esempio, mentre un blogger finanziario potrebbe organizzare una serie di seminari gratuiti per le persone in una biblioteca locale o un centro comunitario per aiutarli a mantenere meglio la loro salute finanziaria. Restituire ai tuoi lettori e alla community può stabilire il tuo nome e il tuo marchio nella mente di nuovi potenziali fan.

10. Come fare soldi dal tuo blog

La maggior parte delle persone che hanno deciso di voler scrivere un blog per fare soldi, piuttosto che quelli che iniziano come hobbisti e si trasformano in aziende, lo fanno immaginando che faranno tutti i loro soldi attraverso la pubblicità. Basta scrivere alcuni post, lanciare alcuni banner pubblicitari lì e hai una mucca da soldi. Giusto?

Quanto traffico dovresti avere prima di monetizzare il tuo blog

Quanto traffico dovresti avere prima di monetizzare il tuo blog

Bene, non proprio. La cosa principale di cui hai bisogno per guadagnare soldi dalla pubblicità è un sacco di traffico e per un blog alle prime armi con solo una manciata di visualizzazioni di pagina al giorno, non troverai troppe persone che vogliono pagarti soldi per spazio su il tuo sito. Una buona regola empirica è ottenere almeno 10.000 visualizzazioni di pagina al mese (ovvero tra 300 e 400 visualizzazioni al giorno) prima di uscire alla ricerca di inserzionisti.

Le reti pubblicitarie più grandi e le aziende potrebbero desiderare che i siti mostrino 20.000 o anche 100.000 visualizzazioni al mese prima che siano interessati a proteggere lo spazio pubblicitario. Mentre i numeri esatti che gli inserzionisti stanno cercando dipenderanno dalla tua nicchia, 10.000 visualizzazioni al mese sono un buon obiettivo di base da stabilire se desideri che la pubblicità diventi uno dei tuoi flussi di entrate.

10.1 Google AdSense

La più grande rete pubblicitaria per blog e altri siti Web attualmente su Internet è Google AdSense. È quello a cui si rivolgono molti nuovi blogger perché ha una politica di accettazione aperta nei confronti di diverse nicchie e livelli di traffico. Un blog più lento farà meno soldi di un sito ad alto traffico, ovviamente, e ci sono alcuni formati di annunci che sono disponibili solo per le persone con un numero maggiore di visualizzazioni.

AdSense è facile da usare rispetto alla maggior parte delle reti pubblicitarie. Il rovescio della medaglia di questa facilità, ovviamente, è che Google prende una parte del denaro dell’inserzionista come commissione per la fornitura del servizio di pubblicità, circa il 32% di ciò che l’inserzionista paga per clic va direttamente a Google.

L’importo esatto che puoi ottenere utilizzando Google AdSense varia in base alle dimensioni e allo stile dell’annuncio che utilizzi, alla nicchia in cui si trova il tuo blog e alla quantità di traffico che ricevi.

Dal momento che stanno lavorando su commissione, hanno un ottimo incentivo a scegliere lo stile e i contenuti che ti faranno guadagnare di più, ma alla fine spetta a Google che pubblicizza sul tuo sito e utilizzando quale formato. Controlli le dimensioni e il posizionamento dell’annuncio, ma è tutto.

Perché è così facile da usare (e genera molte entrate nelle giuste circostanze) Google AdSense è spesso la strada da percorrere se hai circa 10.000 visualizzazioni di pagina al mese e stai appena iniziando a lavorare con la pubblicità come flusso di entrate.

10.2 Altre reti pubblicitarie

Esistono moltissime diverse reti pubblicitarie disponibili per i blogger, la maggior parte delle quali richiederà un traffico minimo superiore rispetto a Google AdSense. Alcuni sono altamente selettivi (Revcontent è noto per essere difficile da unire e respinge il 98% dei candidati). Ci sono alcuni che non richiedono un numero di traffico minimo da utilizzare, rendendoli più utili per i nuovi blogger.

Tra questi ci sono BidVertiser, Clicksor e BlogAds. Fai delle ricerche prima di registrarti con una nuova rete pubblicitaria. Dai un’occhiata ai siti che lo usano per vedere come si presenta sulle loro pagine e se puoi parlare con altri blogger della loro esperienza con il sito, è ancora meglio.

Tieni presente che le reti pubblicitarie più esclusive hanno accesso limitato per un motivo. È probabile che i loro inserzionisti paghino più denaro in cambio di una garanzia di un pubblico più elevato. Con l’aumentare del traffico, considerare reti pubblicitarie più grandi potrebbe essere un buon modo per aumentare i profitti.

10.3 Inserzionisti diretti

Le reti pubblicitarie vengono eseguite secondo un modello di profitto intermedio. Fanno il lavoro di trovare inserzionisti e organizzare i pagamenti e, in cambio, prendono una percentuale del denaro per se stessi.

Comunicare direttamente con un inserzionista significa che puoi conservare tutti i soldi, ma significa anche che devi trattare direttamente con le aziende e negoziare tariffe e condizioni.

Gli inserzionisti diretti sono in genere un’aggiunta in fase avanzata ai flussi di reddito di un blogger perché la maggior parte degli inserzionisti diretti vorrà vedere numeri di traffico più elevati rispetto alle reti pubblicitarie prima di impegnarsi. Richiede inoltre di essere un po ‘più esperto di business rispetto alla registrazione per una rete pubblicitaria.

Mentre gli annunci diretti tendono ad essere utilizzati da blog affermati, non escludere l’idea se si presenta una potenziale opportunità.

10.4 Reddito affiliato

Il reddito della filiale è quando guadagni una commissione promuovendo i prodotti di qualcun altro sul tuo sito. È simile alla pubblicità in quanto è un flusso di reddito passivo e non è necessario produrre beni o servizi, ma a differenza della pubblicità, si ottiene il reddito solo se la propria affiliata effettua una vendita.

Sebbene i siti Web ad alto traffico abbiano maggiori probabilità di guadagnare denaro attraverso un programma di affiliazione, le entrate degli affiliati possono essere più redditizie per un blog in quanto sta creando traffico rispetto alle entrate pubblicitarie perché non si basa strettamente sui numeri di visualizzazione del sito.

Strategie di business di Amazon per imprenditori dubbiosi

Strategie di business di Amazon per imprenditori dubbiosi

Il programma di affiliazione di Amazon è il più noto ed è probabilmente il miglior punto di partenza. È facile iscriversi e il sito ha una così vasta gamma di prodotti in vendita che è molto probabile che tu trovi qualcosa che riguarda la tua nicchia. Anche se puoi trattare i link di affiliazione come la pubblicità e renderli un elemento passivo della tua pagina, è più probabile che i prodotti di affiliazione vendano se li rivedi o li promuovi con un post reale.

Anche se non riesci a controllare chi pubblicizza sul tuo sito attraverso una rete pubblicitaria, puoi controllare quali prodotti promuovi attraverso un programma di affiliazione. Dovresti solo approvare i prodotti che ritieni possano essere utili ai tuoi lettori se vuoi mantenere la loro fiducia e lealtà. Dovresti anche assicurarti che il prodotto si connetta logicamente alla tua nicchia scelta.

10.5 Siti di appartenenza

Una sezione a pagamento del tuo sito può essere un modo eccellente per fornire più valore ai tuoi lettori mentre espandi i tuoi flussi di reddito e può essere utile per un blog in una nicchia più piccola, i cui lettori sono della piccola varietà dedicata. L’avvertenza a questo è che vuoi assicurarti che un sito di abbonamento a pagamento stia davvero fornendo un significativo aumento di valore rispetto ai tuoi contenuti gratuiti, o rischierai di lasciare i tuoi lettori più dedicati sentiti derubati.

Esistono molti tipi di siti per soli membri. Forum e directory sono formati popolari. Sebbene il sito di un solo membro non richieda la realizzazione di alcun prodotto fisico, richiederà anche una codifica più complessa rispetto alla tipica pagina del blog. A meno che tu non abbia un background in programmazione o sviluppo, potresti dover assumere qualcuno per aiutarti a configurarlo. Assicurati di pianificare abbastanza tempo e denaro per esternalizzare questi progetti quando stai valutando se provarli o meno.

10.6 Ebooks

Gli eBook di maggior successo provengono da blogger il cui marchio si basa sull’esperienza. Puoi rilasciare l’eBook in formato PDF direttamente dal tuo sito o tramite un rivenditore come Amazon per quasi nessun investimento finanziario. È un investimento di tempo per rilasciare un eBook.

Vuoi assicurarti che contenga nuovo materiale che non sia solo una rielaborazione delle informazioni che i lettori possono ottenere gratuitamente sul tuo blog. Un argomento eBook efficace potrebbe essere un’analisi approfondita di una tendenza nel tuo campo o una soluzione pratica completa di un problema comune.

Le entrate di un eBook tendono a raggiungere i livelli più alti poco dopo il suo rilascio iniziale. Fare riferimento al libro nei tuoi post futuri o eseguire una promozione potrebbe causare picchi nelle vendite, ma se stai commercializzando il libro, proprio la maggior parte dei tuoi abbonati lo comprerà subito, se lo vogliono. I picchi successivi nelle vendite tendono a provenire da nuovi lettori che sono venuti da te dal rilascio iniziale.

10.7 Corsi online

I corsi online possono assumere molte forme per un blogger. Il modo più semplice per fare un corso è quello di scriverlo come una serie di documenti PDF che il tuo lettore acquista e studia da solo, proprio come un eBook, ma con esercizi e risorse extra progettati specificamente per educare il lettore.

La registrazione di contenuti multimediali per accompagnare il corso può renderlo più personale e dare al corso più valore. Che tu lo faccia come un file audio o un video, le persone che acquistano la lezione trarranno beneficio dal sentirti spiegare i concetti ad alta voce. Il video può essere particolarmente utile per nicchie fisiche o visive, come fitness o design, dove dimostrare il concetto può essere più semplice che spiegarlo.

Lo stile del corso più dispendioso in termini di tempo è quello di incontrare gli studenti in tempo reale attraverso una chat room o un portale di formazione online. I corsi in tempo reale possono essere il formato migliore per concetti più avanzati, in cui i lettori potrebbero avere molte domande a cui è difficile rispondere in un libro, o per corsi in stile laboratorio, progettati per aiutare i lettori a imparare l’uno dall’altro come da te. Lo svantaggio di questo stile di classe è che richiede che le persone siano disponibili in un momento specifico per partecipare, il che può limitare l’interesse e la frequenza.

10.8 Workshop e seminari

Le possibilità di monetizzare il tuo blog sono davvero infinite, e mentre alcune tecniche si sono dimostrate efficaci per altre, nessun elenco di flussi di reddito può essere veramente completo. Non escludere qualcosa solo perché non vedi nessun altro parlarne, ma se stai cercando modi per espandere i tuoi profitti dai tuoi blog, considera una delle seguenti opzioni.

10.9 Vendita di post sponsorizzati

Le aziende sono interessate a pubblicare annunci pubblicitari sul tuo blog soprattutto se hai abbastanza traffico e metriche SEO accattivanti. Non c’è un prezzo fisso su quanto dovresti chiedere di aggiungere un post sponsorizzato, tuttavia tieni presente che non puoi posizionarne troppi senza colpire i tuoi lettori. Ti suggerisco di avere almeno 4-5 post non promozionali per ogni post sponsorizzato che aggiungi al tuo blog.

Aggiungi il tuo blog a Outreach.Buzz

Aggiungi il tuo blog a Outreach.Buzz

Esistono diversi mercati in cui è possibile elencare il tuo blog per pubblicare articoli sponsorizzati, ma raccomando Outreach.Buzz come Google è amichevole e non rischi di essere penalizzato.

11 Come vendere il tuo blog

Se hai deciso di vendere il tuo blog ci sono diversi posti in cui puoi farlo. Oltre ai soliti mercati, ti consiglio di contattare prima le aziende o i concorrenti della tua nicchia, soprattutto se la tua nicchia non è così popolare come il marketing digitale o il forex. Questo perché queste aziende conoscono il valore del tuo blog e come monetizzarlo correttamente, quindi di solito pagheranno di più.

Dove vendere il tuo blog

  • Flippa.com – Questo è uno dei mercati più frequentati che copre l’acquisto e la vendita: siti Web, domini e app mobili. Se controlli le aste puoi avere una buona immagine su quanto può essere venduta la tua community.
  • DigitalPoint Marketplace – Un altro mercato abbastanza popolare per i siti Web ma con meno offerte rispetto a Flippa. Ho scoperto che la qualità dei siti Web in vendita elencati su DP è generalmente inferiore a quella di Flippa.
  • Flipping Enterprises – FE International offre servizi completi di pianificazione delle uscite, nonché l’accesso diretto a una rete consolidata di investitori internazionali prequalificati per guidare la domanda verso la tua attività e massimizzare il valore per la tua azienda. Thomas Smale ha partecipato alla nostra carrellata di esperti SEO .
  • TopGold Forum Marketplace – Luogo non così frequentato ma puoi comunque elencare il tuo sito Web lì e ottenere offerte.
  • Siti Web eBay in vendita – Su eBay, puoi vendere qualsiasi cosa, compresi i siti Web.
Come valutare e vendere il tuo blog

Come valutare e vendere il tuo blog

Consulta anche il nostro articolo su come vendere il tuo blog . Ci sono molti consigli che ti aiuteranno a vendere il tuo blog.

12. Conclusioni

Ok, ora hai tutto il necessario per avviare un blog nel 2020 . Ho dettagliato ogni passo lungo la corsa.

Come ho già detto, ho creato oltre 40 blog fino ad ora e sono felice di rispondere e aiutarti ad avere successo.

Hai un blog o vuoi crearne uno?

Fammi sapere nel modulo commenti qui sotto.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close