Cerca

Come aumentare le conversioni con la Featured Image del tuo articolo

Mentre il web sta diventando più visivo e interattivo, distinguersi ed essere ricordato sta diventando ancora più duro. I contenuti visivi possono sicuramente aumentare il coinvolgimento e la memorabilità del marchio, ma solo se crei un’efficace strategia di marketing visivo.

Innanzitutto, devi iniziare a prestare maggiore attenzione all’immagine in primo piano del tuo articolo perché è ciò che appare in molti luoghi, con un forte impatto sulla visibilità dei tuoi contenuti. Ecco alcuni esempi:

  • Indipendentemente da qualsiasi plug-in che stai utilizzando, l’immagine in primo piano di un articolo è in genere ciò che viene visualizzato in “Post correlati” o “Consigliato per te”, che è la chiave per approfondire l’utente nel tuo sito.
  • Un’immagine in primo piano è ciò che Facebook e Twitter usano per generare uno snippet di articoli (a meno che non si stia utilizzando un markup specifico per istruire diversamente).
  • Un’immagine in primo piano può essere visualizzata nelle SERP di Google come parte di uno snippet in primo piano o come anteprima della pagina. (Maggiori informazioni qui sotto.)
  • Qualsiasi altro strumento che stai utilizzando di solito si basa su un’immagine in primo piano per generare frammenti di contenuto. Ad esempio, utilizzo Alter per aiutarmi a coinvolgere i miei lettori e approfondirli nel mio sito:

alterare le anteprime

Chiaramente, l’immagine in evidenza del tuo articolo può influire sul tuo traffico e coinvolgimento, quindi devi davvero concentrarti sulla creazione di una risorsa visiva unica e ben ottimizzata per ciascuno dei tuoi contenuti.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Ecco quattro modi per aumentare le conversioni con l’immagine in primo piano di ogni articolo:

1) Usa Schema.org per aiutare le immagini a comparire nelle SERP di Google

Da un paio d’anni Google mostra le miniature delle immagini nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca mobili:

risultati della ricerca visiva

Le SERP “visive” hanno subito alcuni aggiornamenti. Il primo è stato a luglio 2018 e il secondo è accaduto a marzo 2019 . In entrambi i casi, Google ha aumentato drasticamente il numero di miniature delle immagini nei risultati di ricerca mobile.

Questi aggiornamenti possono significare solo una cosa: Google è soddisfatto dell’efficienza dei risultati di ricerca visivamente migliorati, quindi è meglio iniziare a prenderli sul serio.

Google non fornisce linee guida che garantiscano che l’immagine identificata arrivi ai risultati di ricerca mobile, ma ci sono alcuni consigli che possono aiutarti:

Quando si tratta di pagine basate su schemi e contenuti (post di blog, articoli di notizie, tutorial, ecc.), Ci sono solo alcuni tipi che includono immagini:

  • Schema dell’articolo : ecco la guida completa . Gli schemi di articoli possono essere utilizzati per quasi tutti i tipi di pagine basate sul contenuto e aiutano Google a individuare l’immagine in primo piano dell’articolo.
  • Ricetta : se sei un food blogger, l’utilizzo di uno schema di ricette ti consente di specificare la miniatura dell’immagine da mostrare nelle SERP desktop e mobili. Ci sono plugin di WordPress per aiutarti a implementarlo.
  • HowTo schema : per esercitazioni dettagliate, utilizzare questo markup strutturato per creare uno snippet di ricerca più dettagliato e visivo. Un plug-in Yoast ampiamente utilizzato ha lo schema HowTo integrato, quindi puoi implementare facilmente il markup se il plug-in è già installato.
  • Caroselli : il markup del carosello può essere utilizzato per qualsiasi tipo di listino. Google fornisce molti esempi ed esempi di codice. Ecco un esempio di un elenco con un carosello visivamente migliorato:

esempio di carosello

Dive Deeper:

2) Assicurati che le immagini impostino le giuste aspettative

Ora che le pagine dei risultati di ricerca di Google stanno diventando più visive, l’utilizzo dell’immagine in evidenza corretta diventa una questione di potenziamento o perdita di conversioni.

Il fatto è che un’immagine può impostare una certa aspettativa e il tuo contenuto corrispondente a tale aspettativa è un fattore determinante se l’utente rimane (per convertire) o se ne va senza lasciare traccia.

intento di download

Uno dei modi migliori per garantire che i contenuti e l’immagine in primo piano corrispondano alle aspettative degli utenti della ricerca è quello di ottimizzare entrambi per gli scopi di ricerca .

L’uso di strumenti di analisi semantica come Text Optimizer può aiutarti a comprendere e ad abbinare le aspettative dei tuoi target di ricerca. Utilizza l’analisi semantica per generare concetti correlati da includere nei tuoi contenuti al fine di renderli più completi e quindi abbinare ciò che i ricercatori stanno cercando.

Questo strumento ti aiuta anche a ricercare come tutti questi concetti sottostanti si relazionano tra loro e come menzionarli nel contesto più efficiente:

analisi textoptimizer

Quando si tratta di ottimizzazione delle immagini in primo piano, utilizzare uno strumento come Ottimizzatore testo per trovare:

  • Il contenuto dell’immagine in primo piano
  • Elementi SEO dell’immagine in primo piano (parole da utilizzare nel nome del file, testo alternativo, contesto immediato, frammento di articolo)

Nota: è anche importante tenere d’occhio le prestazioni del tuo sito poiché le immagini possono influire sulla velocità del sito, che è un fattore di classificazione.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Dive Deeper:

3) Riutilizzare l’immagine sui social media

Indubbiamente, le immagini possono aumentare il coinvolgimento dei social media. Per esempio:

  • L’uso delle immagini può aumentare la quantità di retweet fino al 150% .
  • Gli studi di eye-tracking mostrano che i lettori di Internet prestano maggiore attenzione alle immagini che al testo.
  • Gli studi di Buzzsumo mostrano che i post di Facebook con immagini mostrano un coinvolgimento 2,3 volte maggiore rispetto a quelli senza immagini.
  • Jeff Bullas ha scoperto che i post di Facebook con immagini ottengono un aumento del 37% del coinvolgimento.

Post FB con immagini

È probabile che usi già molte immagini nelle campagne sui social media (e probabilmente pensi di continuare a farlo), ma sai come ottenere risultati ancora migliori con le tue immagini sui social media? Riutilizzare costantemente le immagini in evidenza sui social media per aumentare la riconoscibilità del marchio.

Vedete, nella nostra era di marketing multicanale in cui i marchi dovrebbero essere ovunque allo stesso tempo, costruire la riconoscibilità è difficile. Gli utenti Web navigano semplicemente da un collegamento all’altro e da una piattaforma all’altra senza ricordare da dove sono appena passati.

Quindi la chiave per farli mettere in pausa sulla tua pagina per leggere di più e convertire è farli ricordare di te. Per ottenere ciò:

  • Crea uno stile di marca coerente per tutte le immagini in primo piano del tuo sito (aggiungi il tuo logo, usa palette di colori riconoscibili per la marca, usa un carattere coerente).
  • Usa le stesse immagini su più canali (le persone vedranno la tua immagine in primo piano nei risultati di ricerca, poi la prenderanno nota sulla tua pagina, poi la individueranno su Twitter  finalmente si ricorderanno di te).

La coerenza è la chiave.

Sfortunatamente, più canali utilizzano dimensioni dell’immagine diverse, quindi è necessario adattare l’immagine per ciascun canale.

Snappa è uno strumento interessante che semplifica il riutilizzo delle immagini in primo piano. Tengo lì tutte le mie immagini e ogni volta che ho bisogno della stessa immagine in un formato diverso, faccio semplicemente clic sul pulsante “Ridimensiona” per creare immediatamente una nuova versione:

strappare

Ad esempio, passare da questa immagine in primo piano a un’immagine di Instagram Story-friendly mi ha richiesto un secondo:

ridimensionamento a scatto

Dive Deeper: 

4) Riutilizzare l’immagine nei contenuti di retargeting in loco e all’esterno

Prendendo ulteriormente questo concetto di coerenza, immagina quanto più riconoscimento sarai in grado di creare se inizi a riutilizzare la stessa immagine in:

  • Campagne di remarketing di Facebook  Ecco una guida dettagliata su come raggiungere i tuoi visitatori precedenti con il pixel di remarketing di Facebook . 
  • Campagne di re-targeting sul sito : supponiamo che un utente sia arrivato al tuo articolo dai risultati di ricerca e ne abbia letto la metà, ma per qualche motivo non è riuscito ad aderire. Quando tornano al tuo sito (possibilmente facendo clic sul tuo annuncio di Facebook), puoi riutilizzare l’immagine in primo piano offrendo loro un annuncio personalizzato.

Finteza  può aiutarti a impostare queste campagne personalizzate in loco in base al comportamento passato dei tuoi lettori. Diciamo che è il risultato della ricerca che ha guidato una certa visita:

ri-targeting

Quindi puoi utilizzare Finteza per creare una campagna per offrire loro annunci con i seguenti banner:

banner di retargeting

Dive Deeper:

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Asporto

  • Man mano che le pagine dei risultati del motore di ricerca di Google stanno diventando più visive, le immagini che usi nei tuoi contenuti sono diventate cruciali per la tua visibilità sul web. Le immagini che compaiono nelle SERP di Google influiscono sulla percentuale di clic e impostano le aspettative, quindi assicurati che l’immagine in evidenza risalti e crei la giusta impressione.
  • Utilizza i markup dello schema pertinenti per aiutare Google a scegliere l’immagine giusta da visualizzare per il tuo frammento di ricerca.
  • Scegli (o crea) un’immagine che rappresenti al meglio i tuoi contenuti e inviti a fare clic (ad esempio, evita di creare immagini “adescamento di link”, poiché le persone rimarranno deluse quando atterrano sulla tua pagina e probabilmente se ne andranno per sempre).
  • Assicurati che la tua immagine corrisponda all’intento di ricerca. Questo è il modo migliore per garantire un elevato click-through e coinvolgimento in-page.
  • Riutilizzare l’immagine in primo piano dell’articolo sui social media. Strumenti come Snappa ti consentono di ridimensionare rapidamente qualsiasi immagine per soddisfare i requisiti (o le migliori pratiche) di qualsiasi piattaforma di social media.
  • Riutilizzare l’immagine in primo piano dell’articolo in campagne di re-marketing sia sul proprio sito che su Facebook per coinvolgere nuovamente quei visitatori che non sono riusciti a convertire (o optare) la prima volta che hanno visitato la tua pagina.

In bocca al lupo!