Cerca

Come Adobe fa Marketing: Un Case Study

Adobe è una società di svariati miliardi di dollari: nel 2018 i loro ricavi annuali hanno raggiunto un record di $ 9,03 miliardi (24% su base annua) e la loro capitalizzazione di mercato è di $ 134,5 miliardi – che è cresciuta in modo significativo grazie ai migliori prodotti. Tuttavia, non è possibile scartare il marketing intelligente quando si valuta il loro successo.

Per quelli di voi che sono troppo giovani per ricordare, ecco una breve storia del modello di business di Adobe. Adobe è una società di software che crea prodotti software multimediali e creativi. Vendevano software pronto all’uso ed era costoso – Photoshop, ad esempio, ti avrebbe restituito qualche centinaio di dollari.

Nel 2013, Adobe è passato a un modello SaaS, che offre soluzioni basate su cloud a una tariffa mensile. Ciò ha consentito agli utenti che non potevano permettersi di sborsare i soldi in anticipo affinché i prodotti potessero utilizzarli a un prezzo inferiore per tutto il tempo necessario. E ha funzionato: in soli 2,5 anni, Adobe ha avuto quattro milioni di nuovi abbonati:

Abbonati Adobe

In che modo hanno raggiunto tale crescita? Combinando la loro comprovata conoscenza di grande design e UX con alcune acquisizioni intelligenti che li hanno aiutati a trasformare i loro utenti da semplici consumatori a partecipanti attivi in ​​una fiorente comunità di creativi e leader aziendali.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Un’analisi della tattica di marketing generale di Adobe

Design, esperienza utente (UX) e acquisizioni probabilmente non sono le prime cose a cui pensi quando discuti dei canali di marketing. Tuttavia, Adobe li utilizza per creare un forte marchio e comunità, che li ha aiutati a crescere nel tempo.

Bel design

Il design di Adobe è pulito, minimalista e stupendo. Per un’azienda il cui prodotto di punta è il software di progettazione, svolgono un ottimo lavoro nel portare un aspetto coerente e esteticamente gradevole in tutte le loro risorse. Dai un’occhiata alla loro homepage :

Adobe homepage

Il design è ordinato e accattivante e comunica in modo chiaro di cosa tratta il marchio: immagini straordinarie.

Buona esperienza utente

UX è molto importante dal punto di vista del marketing. Un efficace imbuto di marketing  si basa su una buona esperienza del cliente end-to-end e Adobe lo inchioda.

L’immagine seguente proviene dalla pagina principale del prodotto Creative Cloud . La prima cosa che vedi è un messaggio chiaro e conciso sul loro prodotto e un CTA per avviare una prova gratuita. I vantaggi e i prezzi sono tutti elencati più in basso nella pagina, ma l’offerta di prova è in primo piano. Se arrivo a quella pagina e so già cos’è Creative Cloud, farò subito clic su quell’offerta.

immagine incollata 0 55

Se non so cosa sia Creative Cloud e perché ne abbia bisogno nella mia vita, lo scorrimento verso il basso della pagina mi dice tutto ciò che devo sapere, come ciò che è incluso nel piano:

Caratteristiche di Adobe

Quanto costa:

Prezzi di Adobe

E le prime sei FAQ.

In altre parole, non devo cercare in giro per queste informazioni del passaggio successivo o persino fare clic su una pagina delle funzioni separata per sapere di cosa ho bisogno per prendere una decisione di acquisto.

Quando ero alle elementari, ho visto Adobe Photoshop e ho pensato: devo avere questo! E penso che all’epoca fossero circa duecento dollari. Non ne avevo bisogno in quel momento, ma volevo solo comprarlo perché sembrava così bello e avevano sempre delle belle pubblicità sulle riviste di computer che stavo leggendo. Il loro marketing è sempre stato efficace.

Acquisizioni di prodotti intelligenti

Parliamo molto della crescita guidata dai prodotti  qui intorno, ed è una strategia su cui Adobe è andato avanti all-in. Fondamentalmente, la crescita guidata dal prodotto sta costruendo o acquisendo un prodotto e utilizzandolo come strumento di marketing per la tua azienda.

Ricorderete che nel 2005 Adobe ha acquisito Macromedia, aggiungendo al suo portafoglio un sacco di strumenti come Dreamweaver e Flash. Con l’acquisizione, la società è stata in grado di assorbire il suo più grande concorrente. Le acquisizioni non sono una nuova strategia per Adobe, ma i tipi di prodotti che acquistano si sono evoluti nel tempo.

Adobe attualmente possiede diversi siti Web e prodotti, ma tre su cui voglio concentrarmi sono CMO.com , Behance  e Adobe Sign :

  • CMO.com è un sito Web mirato a – avete indovinato – CMO. Sviluppato originariamente da Omniture, Adobe lo ha acquistato per raggiungere i Chief Marketing Officer con leadership di pensiero, approfondimenti e, naturalmente, prodotti Adobe.

Adobe - CMO

  • Behance è un sito portfolio per i creativi. Adobe lo ha acquisito per aggiungere un elemento di community a Creative Cloud, rendendolo un enorme hub per i creativi e offrendo loro strumenti e servizi Adobe per migliorare e condividere il loro lavoro.

Adobe - Behance

  • Adobe Sign ( precedentemente EchoSign ) è uno dei leader delle firme elettroniche basate sul web. Integrandolo nei servizi documentali dell’azienda, Adobe era in grado di risolvere uno dei punti deboli dei PDF all’epoca: il fatto che non si potevano firmare elettronicamente. Questa è stata una vittoria per i consumatori e per l’azienda, che è stata quindi in grado di offrire integrazioni con altre piattaforme come Dropbox e Salesforce.

Adobe Sign

Case study di marketing correlati:

Il gioco SEO di Adobe by the Numbers

Adobe su Ahrefs

Se dai un’occhiata ad Adobe.com  su Ahrefs , alcune cose saltano fuori:

  • Il loro grado Ahrefs è 13, il che significa che possiedono il 13 ° sito web più grande del mondo.
  • Hanno 2 milioni di domini di riferimento, ovvero 2 milioni di backlink unici.
  • Si classificano per quasi 10 milioni di parole chiave organiche .
  • Il loro valore del traffico è di $ 48 milioni (quindi se acquistassi questo traffico su Google, pagheresti $ 48 milioni al mese per avere il livello di traffico che hanno attualmente).

Dal punto di vista della salute organica, quello che mi piace anche guardare è come il loro traffico sta andando nel tempo. Dai un’occhiata al grafico del traffico organico qui sotto: è sostanzialmente piatto:

Traffico organico Adobe

E se osservi il numero di parole chiave organiche per le quali classificano, anche questo è piuttosto piatto:

Parole chiave organiche di Adobe

Quando sei un sito Web grande come Adobe, non ti aspetti davvero che il tuo traffico vada molto più in là, non crescerai molto di più. Inoltre, Google ha apportato molte modifiche all’algoritmo quest’anno, il che ha fatto sì che tutti prendessero un colpo dal punto di vista del traffico. Il valore del traffico di Adobe è diminuito un po ‘nel tempo, ma se fossi in loro non sarei troppo preoccupato solo perché sono così enormi.

Ora diamo un’occhiata alle loro prime pagine per vedere cosa stanno facendo da una prospettiva SEO. Come puoi vedere di seguito, molte delle cose che classificano sono legate al marchio:

Prime pagine di Adobe

Questa è un’altra cosa importante quando si tratta di SEO: se riesci a creare più query sul marchio, diventerai più potente. Ne parliamo molto sul  podcast della Marketing School .

Ecco alcune metriche su un paio di altre proprietà di Adobe:

  • CMO.com si classifica per 3,8 milioni di parole chiave, nonostante abbia un pubblico così limitato.
  • Behance ha un ranking Ahrefs di 107, il che significa che è appena fuori dai primi 100 siti in tutto il mondo.

Fondamentalmente, Internet è un pozzo nero di spazzatura, giusto?

immagine incollata 0 46

Quindi, alla fine della giornata, sono i marchi che offrono ottimi prodotti e servizi che saliranno ai vertici perché stanno giocando a lungo termine. E Adobe, ovviamente, è in gioco da molto tempo. Hanno il riconoscimento del marchio, quindi ottengono tutti i link e le menzioni.

Ecco un’altra semplice lezione quando si tratta di SEO: se costruisci prodotti straordinari, le persone si collegheranno a loro.CLICCA PER TWEET

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Dive Deeper:

Adobe Content Marketing Strategy

Adobe offre una vasta gamma di contenuti che si rivolge a entrambi i loro importanti dati demografici: creativi e leader aziendali. CMO.com colpisce quest’ultimo, ma i loro contenuti creativi attingono a una forte comunità di persone che usano effettivamente i loro strumenti di progettazione ogni giorno.

Behance è stato un gioco intelligente, perché è principalmente contenuto generato dagli utenti . Fondamentalmente continua a funzionare. E il blog di Adobe è davvero molto buono. Ti insegnano come fare cose straordinarie con effetti e ti danno molti consigli:

Adobe blog

La comunità del design è rabbiosa. Lavoravo in quella comunità (designer e sviluppatori) e adorano queste cose. Lo mangiano e condividono sempre cose. Collaborano tra loro. Pertanto, dare loro non solo il contenuto, ma la possibilità di condividere e connettersi ha molto senso per Adobe come marchio.

Adobe organizza anche alcune conferenze:

Queste conferenze offrono ai creativi e ai professionisti del marketing digitale l’opportunità di fare rete e apprendere e presentano artisti famosi, influencer e top marketer e dirigenti. E questa è anche una forma efficace di content marketing.

Dive Deeper:

Adobe’s Conversion Rate Optimization (CRO)

La canalizzazione di conversione di Adobe è facile da navigare e davvero efficace per spostare gli utenti attraverso il percorso di acquisto. La loro struttura dei prezzi (individui, imprese, studenti e insegnanti) e ciò che è incluso in ogni livello è semplice e ben strutturato:

immagine incollata 0 50

Per aumentare le conversioni, Adobe utilizza anche post di blog per la promozione incrociata di prodotti in modo intelligente. All’inizio di molti post, hanno persino un call-out “Prodotti Adobe in questo articolo”, con molti link sparsi in tutto il post:

Adobe blog posts

E un forte CTA alla fine:

Adobe blog CTA

L’unica cosa che penso che manchi Adobe, dal punto di vista della conversione, è una funzione di chat sulla home page (ce l’hanno altrove) ed esce dai pop-up per le persone che visitano ma non si iscrivono per una prova gratuita o acquistano un piano – qualcosa di simile a quello che abbiamo sulla crescita ovunque :

Crescita Ovunque esce pop-up

Dive Deeper:

Come Adobe spende i loro soldi

Usando Adbeat , puoi dare un’occhiata a come e ciò che un’azienda spende per la pubblicità digitale.

Di seguito una panoramica della spesa pubblicitaria di Adobe. Puoi vedere nel grafico che la loro spesa nel tempo diminuisce e scorre, probabilmente con nuove versioni di prodotti o promozioni speciali. Ad esempio, puoi vedere che hanno aumentato le loro spese nell’aprile di quest’anno:

immagine incollata 0 51

Più utile che guardare la spesa complessiva di Adobe è vedere esattamente come  stanno spendendo i loro soldi:

  • Il 9% della loro spesa va in video
  • Il 42% della loro spesa è diretta
  • Il 49% della loro spesa è programmatica

Questo ti dà un buon senso di come Adobe fa le cose. Se scavi un po ‘più in profondità nei grafici, puoi vedere su quali siti pubblicizzano, in quali regioni pubblicizzano di più e i loro annunci più performanti:

immagine incollata 0 45

Quando guardi per quanto tempo sono stati pubblicati gli annunci, puoi iniziare a capire quali hanno funzionato e quali no. Ad esempio, con l’annuncio sopra, puoi vedere che ha funzionato per un bel po ‘(da marzo ad agosto 2019) e che hanno aumentato la spesa nel tempo. Questo ti dice che probabilmente erano contenti del ROI. Altri annunci pubblicati per un breve periodo di tempo probabilmente non hanno funzionato così bene (o erano legati a un evento specifico o a una promozione limitata).

Anche se Adobe è una grande azienda, puoi vedere che stanno costantemente testando le cose e prestando attenzione ai dettagli. Se i loro annunci stanno andando nella direzione sbagliata, reindirizzano quei soldi a quelli che stanno andando nella direzione giusta.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente adesso!

Dive Deeper:

Pensieri finali

Dopo aver dato un’occhiata a come Adobe fa marketing, darei loro un punteggio complessivo di 92 su 100 (sostanzialmente una A su tutta la linea):

Punteggio complessivo di Adobe

Quando sbirciate dietro il sipario di una grande azienda di successo come Adobe che si è reinventata più volte, è possibile imparare molto su come commercializzare i propri prodotti e servizi. Puoi anche utilizzare questi metodi per esplorare ciò che fanno i tuoi concorrenti in modo da assicurarti che la tua attività lo stia facendo meglio.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close