Marketing digitale, marketing online, pubblicità su Internet … qualunque cosa tu chiami, commercializzare la tua azienda online è un grosso problema in questi giorni. Dopotutto, l’ utilizzo di Internet è raddoppiato negli ultimi dieci anni e questo cambiamento ha fortemente influenzato il modo in cui le persone acquistano prodotti e interagiscono con le aziende.

Allora, che cosa  è il marketing digitale? Il marketing digitale è come qualsiasi altro tipo di marketing: è un modo per connettersi e influenzare i tuoi potenziali clienti. La vera differenza è che ti connetti e influenza quei clienti  online .

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Che cosa  è Digital Marketing?

Fondamentalmente, il marketing digitale si riferisce a qualsiasi attività o risorsa di marketing online. L’email marketing, la pubblicità pay-per-click , il social media marketing e persino i blog sono tutti ottimi esempi di marketing digitale: aiutano a far conoscere le persone alla tua azienda e convincerle ad acquistare.

Ecco alcune delle risorse e strategie di marketing digitale più comuni che le aziende utilizzano per raggiungere le persone online:

Risorse di marketing digitale

Quasi tutto può essere una risorsa di marketing digitale. Deve semplicemente essere uno strumento di marketing che usi online. Detto questo, molte persone non si rendono conto di quante risorse di marketing digitale hanno a disposizione. Ecco alcuni esempi:

  • Il tuo sito web
  • Risorse di marca (loghi, icone, acronimi, ecc.)
  • Contenuto video (annunci video, demo di prodotti, ecc.)
  • Immagini (infografiche, scatti di prodotti, foto aziendali, ecc.)
  • Contenuti scritti (post di blog, eBook, descrizioni di prodotti, testimonianze, ecc.)
  • Prodotti o strumenti online (SaaS, calcolatrici, contenuti interattivi, ecc.)
  • Recensioni
  • Pagine dei social media

Come probabilmente puoi immaginare, questo elenco graffia solo la superficie. La maggior parte delle risorse di marketing digitale rientrerà in una di queste categorie, ma gli esperti di marketing sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per raggiungere i clienti online, quindi l’elenco continua a crescere!

Strategie di marketing digitale

Anche l’elenco delle strategie di marketing digitale è in continua evoluzione, ma ecco alcune delle strategie utilizzate dalla maggior parte delle aziende:

Pubblicità pay-per-click

La pubblicità pay-per-click (PPC) è in realtà un termine ampio che copre qualsiasi tipo di marketing digitale in cui si paga per ogni utente che fa clic su un annuncio. Ad esempio, Google AdWords è una forma di pubblicità PPC chiamata “pubblicità di ricerca a pagamento” (di cui parleremo tra un secondo). Gli annunci di Facebook sono un’altra forma di pubblicità PPC chiamata “pubblicità sui social media a pagamento” (di nuovo, ne parleremo tra poco).

Pubblicità di ricerca a pagamento

Google, Bing e Yahoo ti consentono tutti di pubblicare annunci di testo nelle loro pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP). La pubblicità di ricerca a pagamento è uno dei modi migliori per indirizzare i potenziali clienti che sono attivamente alla ricerca di un prodotto o servizio come il tuo.

Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

Se non vuoi pagare per presentarti nelle SERP, puoi anche utilizzare l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) per provare a classificare pagine o post di blog sul tuo sito in modo organico. Non è necessario pagare direttamente per ogni clic, ma ottenere una pagina in classifica di solito richiede un po ‘di tempo e fatica (per un confronto più approfondito di ricerca a pagamento e SEO, consulta questo articolo ).

Pubblicità sui social media a pagamento

La maggior parte delle piattaforme di social media come Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn, Pinterest e Snapchat ti consentiranno di pubblicare annunci sul loro sito. La pubblicità sui social media a pagamento è ottima per sensibilizzare il pubblico che potrebbe non essere consapevole dell’esistenza della tua azienda, prodotto o servizio.

Social media marketing

Come la SEO, il social media marketing è il modo organico e gratuito di utilizzare piattaforme di social media come Facebook o Twitter per commercializzare la tua attività. E, proprio come la SEO, la commercializzazione organica della tua attività sui social media richiede molto più tempo e fatica, ma a lungo termine può offrire risultati molto più economici.

Ottimizzazione del tasso di conversione (CRO)

L’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO) è l’arte e la scienza per migliorare la tua esperienza utente online. Il più delle volte, le aziende utilizzano CRO per ottenere più conversioni (lead, chat, chiamate, vendite, ecc.) Dal traffico del loro sito Web esistente.

Content Marketing

Content marketing è un altro termine di marketing digitale abbastanza ampio. Il marketing di contenuto copre qualsiasi sforzo di marketing digitale che utilizza risorse di contenuto (post di blog, infografiche, e-book, video, ecc.) Per aumentare la consapevolezza del marchio o favorire clic, lead o vendite.

Pubblicità nativa

Hai mai raggiunto la fine di un articolo e vedere un elenco di articoli suggeriti? Questa è pubblicità nativa. La maggior parte della pubblicità nativa rientra nel marketing dei contenuti perché utilizza i contenuti per attirare i clic (“non crederai mai a cosa succederà dopo!”). Spesso, la pubblicità nativa può essere un po ‘difficile da individuare, dal momento che di solito è mescolata con consigli sui contenuti non pagati … ma questo è un po’ il punto.

Marketing via email

L’email marketing è la forma più antica di marketing online ed è ancora forte. La maggior parte degli esperti di marketing digitale utilizza l’email marketing per pubblicizzare offerte speciali, evidenziare contenuti (spesso nell’ambito del marketing dei contenuti) o promuovere un evento.

Marketing di affiliazione

Il marketing di affiliazione essenzialmente sta pagando qualcun altro (una persona o un’azienda) per promuovere i tuoi prodotti e servizi sul loro sito web.

Come puoi vedere dall’elenco sopra, ci sono molti modi diversi per commercializzare la tua attività online, motivo per cui molte aziende assumono un’agenzia per gestire i loro sforzi di marketing digitale o pagare per un team di marketing interno e software di automazione del marketing per soddisfare le loro esigenze di marketing (per un confronto approfondito di queste opzioni, consulta questo articolo ).

Il marketing digitale funziona?

Il marketing digitale è un’ottima opzione per qualsiasi azienda. In Disruptive, abbiamo utilizzato il marketing digitale per aiutare tutti i tipi di aziende a crescere, dai negozi di mamme e pop alle università riconosciute a livello internazionale e oltre. Questa è la bellezza della pubblicità online. Se sai a chi vuoi rivolgerti, puoi utilizzare il marketing digitale per indirizzare chiunque, ovunque.

Tuttavia, detto ciò, alcuni tipi di aziende trarranno maggiori benefici da alcuni tipi di pubblicità digitale. Per una rapida panoramica, diamo un’occhiata a quali strategie tendono a funzionare meglio per le aziende business-to-consumer (B2C) e le aziende business-to-business (B2B):

Aziende B2C

In generale, le aziende B2C hanno prezzi molto più bassi rispetto alle loro controparti B2B. Dopotutto, può essere un po ‘difficile vendere un trapano da $ 150.000 (credetemi, esistono) a una mamma preoccupata. Ma un paio di pantaloni da bambino da $ 10? È una vendita abbastanza semplice.

La buona notizia è che, poiché le aziende B2C non stanno cercando di vendere prodotti o servizi incredibilmente costosi, non hanno bisogno di grandi team di vendita o complicate canalizzazioni di marketing. Tutto quello che devono fare è mettere i loro prodotti o servizi di fronte al pubblico giusto con la giusta messaggistica e il resto dovrebbe prendersi cura di se stesso.

Di conseguenza, l’obiettivo principale della maggior parte delle aziende B2C è quello di coinvolgere le persone nella loro canalizzazione di marketing. Ad esempio, se riesci a ottenere quella mamma infastidita sul sito Web di abbigliamento dei tuoi figli e offrirle un affare emozionante, ci sono buone probabilità che comprerà oggi. Non è necessario creare un sacco di consapevolezza del marchio o fiducia prima di poter chiudere una vendita.

Tenendo presente ciò, le aziende B2C ottengono spesso ottimi risultati da canali di marketing ad alta canalizzazione come il social media marketing o la pubblicità sociale a pagamento. Questi canali fanno un ottimo lavoro nel portare la tua attività davanti a potenziali clienti che altrimenti non potrebbero sapere che tu esisti.

Ora, l’integrazione con altre strategie di marketing digitale come la ricerca a pagamento o SEO è sempre una buona idea, ma se devi scegliere un canale per iniziare, la pubblicità sociale a pagamento o il social media marketing sono ottime opzioni per B2C.

Aziende B2B

Al contrario, la ricerca a pagamento è un’ottima opzione per le aziende B2B . La maggior parte delle aziende B2B ha un pubblico di nicchia molto specifico che può essere difficile da raggiungere utilizzando i social media. Tuttavia, se vendi punte da 150.000 $ e qualcuno cerca un “produttore di punte per punte diamantate”, vuoi essere il primo risultato che vedono. Sì, potresti pagare di più per il tuo clic rispetto a quanto faresti con la pubblicità sociale a pagamento, ma con un prezzo di $ 150.000, i soldi sono ben spesi.

Inoltre, la maggior parte delle aziende B2B ha un ciclo di vendita molto più lungo e coinvolto rispetto alle aziende B2C. Se vendi un trapano da $ 150.000, la maggior parte delle persone probabilmente non viene sul tuo sito, ti chiama e dice “Ne voglio uno”. Di conseguenza, strategie a lungo termine come il content marketing o l’email marketing sono spesso necessarie per concludere un affare.

Naturalmente, la giusta combinazione di tattiche di marketing digitale varierà da un settore all’altro e da un settore all’altro, ma il semplice confronto tra B2C e B2B dovrebbe aiutarti a capire come diverse strategie possono essere migliori per determinate aziende. Non tutte le strategie sono giuste per ogni azienda, ma con un po ‘di tentativi ed errori, dovresti essere in grado di identificare l’approccio più redditizio per la tua azienda.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Come posso iniziare?

La buona notizia è che iniziare con il marketing digitale è abbastanza facile. La maggior parte delle piattaforme pubblicitarie online semplifica l’iscrizione e la creazione della tua prima campagna ( dopo tutto è come fanno soldi). Ecco alcuni link alle guide per principianti per diverse strategie di marketing digitale:

Il nucleo di ogni campagna di marketing digitale di successo, tuttavia, non è una guida. Indipendentemente dalle strategie che scegli di utilizzare, ecco 4 domande a cui devi rispondere prima di iniziare con il marketing digitale:

1. Quanto devi fare?

Per capire cosa devi spendere per il marketing digitale, devi prima chiarire quali sono i tuoi obiettivi. Il modo in cui approcci il marketing digitale può variare leggermente a seconda che il tuo obiettivo finale sia generare clic, conversioni o lead, vendite, entrate o un certo ritorno sull’investimento (ROI).

Quando si arriva a questo, l’obiettivo finale di qualsiasi sforzo di marketing dovrebbe essere il ROI. Dopotutto, se la tua spesa per il marketing digitale non sta generando entrate redditizie per la tua attività, perché fai marketing online?

I clic e persino le conversioni sono fantastici, ma la tua azienda non guadagna da clic (in realtà, in realtà  spendi  soldi per clic) o conversioni. Si fa i soldi dalle vendite .

Con questo in mente, la prima cosa che devi determinare prima di decidere quale dovrebbe essere il tuo budget di marketing digitale è decidere quante entrate vuoi guidare. Una volta che lo sai, puoi utilizzare tali informazioni per determinare la quantità di pubblicità necessaria per raggiungere tale obiettivo di entrate.

2. A chi stai commercializzando?

Una volta che sai quanti soldi vuoi fare dal marketing digitale, devi identificare a  chi stai commercializzando. Questo è fondamentale, perché diversi acquirenti richiedono diverse tattiche di marketing. E, cosa ancora più importante, le diverse persone acquirente si trasformano in diversi tipi di acquirenti.

Così indovinate un po? Se non capisci i tuoi acquirenti, non puoi creare un’efficace strategia di marketing digitale!

Se hai un team di vendita, parlare con le vendite  può essere uno dei modi più veloci per ottenere una persona acquirente decente insieme. Dopo tutto, sono quelli che parlano di più con i tuoi clienti, giusto?

Tuttavia, anche parlare con il tuo team di vendita e fare una piccola ricerca non è abbastanza per arrivare al livello di dettaglio che devi mettere insieme un piano di marketing digitale efficace. Per farlo, devi telefonare e chiamare i tuoi clienti reali.

Chiedi come ti hanno trovato, perché si sono convertiti e cosa li ha convinti a pagarti. Queste informazioni ti forniranno moltissime informazioni sul tuo processo di marketing e di vendita che puoi utilizzare sia per migliorare le prestazioni della tua pubblicità sia per scegliere il tuo budget di marketing.

3. Quanto valgono i tuoi clienti?

In genere, le persone considerano gli acquirenti come un buon modo per elaborare un’efficace strategia di marketing. Le persone acquirente sono ottime per questo, ma sono anche una parte importante della messa a punto di un piano di marketing digitale efficace.

Ad esempio, immagina di fare pubblicità per un’azienda SaaS chiamata SaaS-A-Frass che ha la seguente struttura dei prezzi:

Esempio di persona dell'acquirente AdWords |  Pubblicità dirompente

In questa situazione, probabilmente stai prendendo di mira 3 diversi acquirenti:

  1. Piccola impresa “Steve”
  2. Attività di mercato medio “Mandy”
  3. Azienda “Edward”

Piccola impresa “Steve” ha esigenze aziendali molto più piccole e più semplici di Edward o Mandy, quindi probabilmente sceglierà il pacchetto Starter. Mandy probabilmente vorrà il pacchetto Professional ed Edward avrà probabilmente bisogno del pacchetto Enterprise.

Supponendo che Steve, Mandy ed Edward restino in giro per una media di 14 mesi, 4 anni e 9 anni, rispettivamente ( durata media di un cliente SaaS ) e acquistino 5, 20 e 100 licenze (di nuovo, rispettivamente), ecco il valore della durata di ognuna di queste persone ([licenze / mese] x [# di licenze] x [durata tipica del cliente in mesi]):

Valore a vita

  1. Steve:  $ 1,750
  2. Mandy:  $ 72.000
  3. Edward:  $ 1.590.000

Questi numeri sembrano davvero eccitanti, ma non tutti quei soldi sono profitti.

Una normale azienda SaaS paga circa il  22% per l’adempimento , il 9% alle vendite e ha un  overhead del 40% , lasciando loro circa il 29% del valore della vita di ogni cliente con cui giocare. Ciò significa semplicemente andare in pareggio, SaaS-A-Frass deve spendere meno di quanto segue per acquisire un cliente da Facebook:

Costo massimo di acquisizione

  1. Steve:  $ 507,50
  2. Mandy: $ 20,880
  3. Edward: $ 461.100

Se SaaS-A-Frass riesce a mantenere i loro costi di acquisizione al di sotto di questa soglia, faranno soldi. Se acquistare ciascuno di questi clienti costa di più, perderanno denaro.

Scopri perché gli acquirenti sono così importanti per il budget?

Naturalmente, è improbabile che il mercato sia saturo di Edwards, quindi SaaS-A-Frass avrà bisogno di un mix di queste offerte per raggiungere i propri obiettivi di guadagno. Quel mix determinerà il loro budget di Facebook.

Quindi, se SaaS-A-Frass è disposto a spendere $ 0,18 per il marketing per produrre $ 1,00 in valore a vita (per un margine di profitto totale dell’11%), SaaS-A-Frass’s può permettersi di pagare quanto segue per ciascun acquirente:

Costo di acquisizione del cliente

  1. Steve:  $ 315
  2. Mandy:  $ 12.960
  3. Edward: $ 286.200

Se SaaS-A-Frass non è in grado di produrre clienti paganti da un determinato acquirente a un prezzo al di sotto di questa soglia, probabilmente non dovrebbero commercializzare tale acquirente.

Tuttavia, se gli sforzi di marketing digitale di SaaS-A-Frass stanno attualmente producendo acquirenti da ogni persona in questi CAC (o anche un CAC al di sotto di queste soglie), SaaS-A-Frass può utilizzare tali informazioni per calcolare il budget di marketing.

4. Quanto devi spendere per raggiungere i tuoi obiettivi?

A questo punto, le cose sono piuttosto semplici. Prendi semplicemente il tuo CAC, il valore medio dell’ordine d’acquisto e il numero medio di acquisti (se hai un modello di abbonamento, puoi semplicemente utilizzare la durata media di ogni persona acquirente qui) e collegarli a questo calcolatore!

[id calculoid = ”19629 ″ show_title =” 0 ″ show_description = ”0 ″]

Il valore predefinito per questo calcolatore mostra il budget mensile e il ROI per SaaS-A-Frass, supponendo che SaaS-A-Frass voglia produrre $ 2.425.500 in nuove entrate dal marketing digitale ogni mese e hanno deciso che per farlo, hanno bisogno del loro sforzi di marketing per produrre 100 vendite al mese (90 Steves, 9 Mandys e 1 Edward).

Nel nostro esempio, un nuovo Steve paga $ 125 / mese per una media di 14 mesi, un nuovo Mandy paga $ 1.500 / mese per una media di 48 mesi e un nuovo Edward paga $ 15.000 / mese per 108 mesi.

Inserendo tutto ciò nel calcolatore, SaaS-A-Frass dovrà preventivare $ 348.300 / mese per raggiungere i suoi nuovi obiettivi di guadagno a vita.

Vedere? Ti ho detto che questa parte è facile! Per rendere le cose ancora migliori, puoi utilizzare questa calcolatrice per calcolare il tuo budget di marketing digitale complessivo  oppure puoi scegliere una strategia specifica e usarla per capire se una determinata strategia ha o meno senso per la tua attività. Ad esempio, se hai bisogno di un CAC di $ 75, ma il costo per clic medio su AdWords è di $ 25, AdWords potrebbe non essere il canale di marketing digitale giusto per te.

Ora, come puoi immaginare, questo approccio non è una stima perfetta di ciò che servirà per raggiungere i tuoi obiettivi di entrate. Questo calcolatore è preciso solo quanto le informazioni che puoi fornirgli. Ma è molto meglio che scegliere il tuo mensile a caso e sperare che il marketing digitale produca i risultati di cui hai bisogno.

In che modo il marketing digitale è diverso sui dispositivi mobili?

Come probabilmente puoi immaginare, il marketing digitale su dispositivi mobili è molto diverso dal marketing digitale su desktop. Al giorno d’oggi, queste differenze sono particolarmente importanti perché gli smartphone sono ora il dispositivo principale utilizzato dalle persone per interagire con Internet.

Con il 60% dell’attività su Internet che si svolge su dispositivi mobili , il passaggio dal desktop al mobile ha avuto un profondo effetto sul marketing digitale.

L’anno scorso, Google AdWords si è sbarazzato degli annunci della barra laterale nelle pagine dei risultati per creare un’esperienza coerente tra dispositivi mobili e desktop. Facebook Ads mostra ancora annunci della barra laterale sul desktop, ma mostra solo annunci In-Stream su dispositivi mobili . I post di blog più brevi superano i post di blog più lunghi sui dispositivi mobili … e l’elenco delle differenze potrebbe continuare all’infinito.

Ad essere onesti, nel mondo del marketing digitale di oggi, è una buona idea presumere che le persone incontreranno il tuo marketing su dispositivi mobili e quindi adatteranno la tua strategia per il desktop secondo necessità.

Oltre a ottimizzare i tuoi annunci per dispositivi mobili, è anche importante pensare all’esperienza del tuo sito e della pagina di destinazione. Certo, il tuo sito web potrebbe apparire bello sul desktop, ma se è impossibile navigare su dispositivi mobili, finirai per alienare una percentuale significativa del tuo traffico web. Come minimo, dovresti avere un sito Web mobile-responsive , ma idealmente la tua esperienza mobile dovrebbe essere specificamente progettata per facilitare un’esperienza mobile senza sforzo (non solo una versione adattata della tua esperienza desktop).

Che la maggior parte degli inserzionisti se ne accorga o meno, il marketing digitale è oggi principalmente un’esperienza mobile. La buona notizia è che, se sei relativamente nuovo nel marketing digitale, non devi preoccuparti di reinventare la ruota. Puoi iniziare presentando interessanti annunci per dispositivi mobili e adattarti, se necessario, al desktop.

Conclusione

Il marketing digitale è il marketing del futuro. Oltre a tutti i vantaggi che abbiamo discusso in questo articolo, puoi tenere traccia dei risultati delle tue attività di marketing digitale con incredibile precisione, il che significa che è facile vedere quali strategie stanno producendo risultati redditizi e quali richiedono un po ‘di lavoro.

Per inciso, se questo articolo ti ha convinto che hai bisogno del marketing digitale (o hai bisogno del tuo gioco di marketing digitale), ma desideri un aiuto per identificare l’approccio giusto, fammelo sapere qui o nei commenti! Adoro aiutare le aziende a crescere con il marketing digitale.

Mi sono perso qualcosa in questo articolo? Hai altre domande sul marketing digitale? Fatemi sapere nei commenti!