Cerca

Che cos’è il decadimento dei contenuti (Content Decay) e come influenza il tuo SEO

Vuoi aumentare il tuo traffico organico del 20-100%? Cerchi tecniche SEO che aumentino le tue classifiche e ti inviino traffico gratuito e qualificato? Prova la nostra potente suite di strumenti SEO, ClickFlow, con una prova gratuita di 21 giorni. Fai clic qui per saperne di più o per iniziare.

C’è un’esperienza semi-tragica che ogni blog online inevitabilmente sperimenterà ad un certo punto.

Ti è mai successo:

Hai lavorato instancabilmente per creare un post sul blog più efficace del settore. È pieno zeppo di case study, esempi, rich media e statistiche, ed è stato accuratamente scritto e modificato per essere sia divertente che fruibile. È un grande brivido vedere quel post di blog posizionarsi al primo posto nelle SERP  e poi è straziante vederlo improvvisamente iniziare a scendere in classifica .

Se cerchi quasi tutte le parole chiave, c’è una solida possibilità che il risultato di classifica numero uno di oggi non mantenga quella posizione dopo alcuni mesi.

Con oltre 4,4 milioni di post di blog pubblicati ogni giorno , è facile scoraggiarsi dal mantenere sempre una posizione di vertice nelle SERP , e può accadere se non si sta combattendo il decadimento dei contenuti .

Che cosa è esattamente il decadimento dei contenuti e quali sono le cause?

Il decadimento del contenuto è, in poche parole, contenuto che è in calo nel traffico negli ultimi dodici mesi.

In molti casi, questo può essere direttamente collegato a una classifica ridotta nelle SERP, che purtroppo avviene naturalmente nel tempo.

Esistono diversi motivi per cui si verifica il decadimento del contenuto, tra cui:

  • I marchi si concentrano in genere sull’andare avanti, non guardare indietro. Danno la priorità ai nuovi contenuti e, di conseguenza, smettono di promuovere i contenuti passati sui social media, nelle newsletter e-mail e nelle campagne pubblicitarie. Ciò comporta una perdita diretta del traffico in entrata.
  • Google dà la priorità ai contenuti più recenti. Google ama i contenuti pertinenti e aggiornati e aggiornati con le informazioni più recenti. Google monitora tre tipi di ricerche quando si tratta di “nuovi contenuti”: eventi che si verificano regolarmente, aggiornamenti frequenti, argomenti caldi ed eventi recenti. Se non stai pubblicando nuovi contenuti, ciò può comportare anche il peggioramento delle SERP nel tempo.
  • Nuovi concorrenti potrebbero emergere e impadronirsi del tuo primo posto SERP. Sfortunatamente, non è raro che i blog in competizione utilizzino il ” metodo skyscraper ” in cui un altro scrittore prende essenzialmente i tuoi contenuti più performanti, li aggiunge per renderli molto migliori e cerca di usurpare la tua classifica.

Contenuti correlati: cosa fare con i vecchi contenuti che non ricevono traffico

Come il decadimento dei contenuti influisce sul tuo SEO

Il decadimento dei contenuti ha naturalmente un impatto negativo sui tuoi sforzi SEO, il che a sua volta comporta una riduzione del traffico sul tuo sito.

Ciò può provocare una spirale discendente se non si prendono provvedimenti per correggerlo presto. Man mano che un numero inferiore di persone fa clic sul tuo articolo a causa della mancanza di visibilità, la classifica diminuirà sempre di più e ad un certo punto diventa più difficile classificarla di nuovo bene.

A parità di tutti gli altri, Google dà la priorità ai contenuti più freschi.

Questo è frustrante, perché dopo tutto il tempo e gli sforzi che dedichi alla creazione e all’ottimizzazione del tuo post sul blog, alla fine può avere un valore di rendimento decrescente. Se non ti sforzi di aggiornare i tuoi contenuti (cosa che ti mostreremo come fare in un minuto!), Il decadimento dei contenuti e il suo effetto negativo sulla tua strategia SEO sono quasi inevitabili.

Dai un’occhiata a questo esempio che dimostra che Google dà la priorità alla recency. Puoi vedere che i primi tre risultati sono dell’anno scorso:

Schermata 2020 03 02 alle 1.55.40

La tua classifica cadrà man mano che si verifica il decadimento dei contenuti, indipendentemente da dove ti trovi nelle SERP e anche se il tuo marchio si posiziona costantemente bene nei motori di ricerca.

Tieni presente che anche una caduta dal secondo punto al nono può essere devastante per potenziali clic e conversioni sul tuo sito. Ciò è particolarmente vero se si considera che il  57% dei marketer B2B  ha nominato SEO come il più potente generatore di lead e il 72% ha definito il content marketing come la tattica SEO più efficace.

Contenuti correlati: 4 modi per segnalare a Google che sei un creatore di contenuti esperti

Come individuare il decadimento dei contenuti sul tuo sito

Esistono alcuni strumenti e strategie che è possibile utilizzare per individuare il decadimento dei contenuti sul sito Web.

Decadimento dei contenuti di ClickFlow

Decadimento dei contenuti è una funzionalità progettata specificamente per identificare il decadimento dei contenuti nel nostro strumento di sperimentazione SEO ClickFlow ( informativa completa: questo è il nostro strumento ). Si collega al tuo account Google Search Console e trova e contrassegna automaticamente i post in calo nel traffico nell’ultimo anno:

Decadimento del contenuto - ClickFlow

Con questo strumento, sei in grado di vedere esattamente come il traffico è fluttuato per ogni post interessato dal decadimento. Per ogni pagina, ti mostra i tre mesi prima e tre mesi dopo che è stato rilevato un decadimento in modo da poter scoprire qualsiasi modello.

Sapere esattamente quali post hanno ottenuto meno click-through ti aiuterà ad aumentare le tue opportunità CTR organiche.

Anche se ovviamente siamo di parte nei confronti del nostro strumento, ci sono altri strumenti che puoi usare, sebbene possano avere degli aspetti negativi.

statistiche di Google

Utilizza Google Analytics per guardare attentamente i post del tuo blog e tenere d’occhio i cambiamenti nel traffico complessivo che li raggiunge. Se si verifica un costante calo del traffico (come mostrato nell’immagine seguente), si verifica un decadimento del contenuto:

Schermata 2020 03 02 alle 2.00.40

L’aspetto negativo di questo approccio è che è un approccio molto manuale e può richiedere molto tempo su base regolare. Devi tenere traccia di ogni post anno su anno, e non è sempre facile o efficiente.

SEMRush

Un altro approccio consiste nell’utilizzare uno strumento di rilevamento della posizione, come quello disponibile tramite SEMrush . Questo ti avviserà quando una qualsiasi delle tue pagine monitorate aumenta o diminuisce il posizionamento nelle SERP. Questo può essere utile per rilevare le modifiche SEO che potrebbero provocare o essere causate dalla decadenza del contenuto.

Screen Shot 2020 03 02 alle 2.04.28 AM

Non racconta la storia completa, ma è utile per segnalare il decadimento in modo da poterlo affrontare rapidamente.

Prova il nostro strumento GRATUITO , Decadimento dei contenuti , per verificare se stai perdendo traffico a causa di pagine in calo (in modo da poter aggiornare quei post e riconquistare quel succo SEO!). Fai clic qui per iniziare a utilizzare Content Decay.

Come far crescere il tuo traffico SEO correggendo il decadimento dei contenuti

Se stai iniziando a chiederti se il content marketing valga la pena anche quando tieni conto del decadimento dei contenuti, non preoccuparti, lo è assolutamente!

Ci sono molti casi studio che dimostrano questo fatto, incluso questo che descrive in dettaglio come il marchio Capgemini ha utilizzato il content marketing per attrarre:

  • più di un milione di nuovi visitatori del loro sito
  • e 1,8 milioni di condivisioni del loro contenuto

Sebbene i post del blog non possano essere solo scritti, ottimizzati e pubblicati nel mondo con la massima finalità, qui ci sono alcune grandi novità: con la giusta strategia, puoi aggiornare i tuoi post e riottimizzarli in modo che possano ottenere che ” nuova “prospettiva, superare la concorrenza e ottenere i risultati che stavano offrendo in precedenza.

Come minimo, consigliamo di aggiornare (ed espandersi) le pagine che hanno mostrato un decadimento del contenuto.

Ecco alcune idee rapide e attuabili per guidare i tuoi aggiornamenti che, in molti casi, sono sufficienti per riconquistare il traffico SEO:

  • Espandi il conteggio delle parole e aggiungi più profondità ed esempi
  • Sostituisci statistiche e riferimenti obsoleti che “datano” il post
  • Promuovi nuovamente questo contenuto aggiornato nella tua lista e-mail e sui social
  • Aggiungi collegamenti interni da altri post a queste pagine

Ora diamo uno sguardo più approfondito a come è possibile correggere il decadimento dei contenuti e recuperare quel succo SEO:

Espandi post di blog precedenti

L’aggiornamento dei contenuti è una strategia comune di marketing dei contenuti .

Quando aggiorni vecchi contenuti, hai la possibilità di espandere il conteggio delle parole e aggiungere più profondità ed esempi ad esso. Questo non solo rende il tuo post più prezioso nel complesso, ma attiva anche quel “nuovo” fattore che Google ama così tanto. Questo può aiutarti a recuperare alcuni punti SEO.

Dai un’occhiata a tutti i post meno recenti che hanno subito un recente calo del traffico. Una buona pratica è leggere e considerare cos’altro si desidera aggiungere naturalmente. Molti dei nostri vecchi contenuti sono ancora buoni, ma solo molto brevi (500-800 parole). Questi sono esempi pratici che possono utilizzare una semplice espansione.

Puoi anche esaminare le domande poste dagli utenti nella sezione commenti del post del blog o sulle tue condivisioni social per avere un’idea di quali informazioni aggiuntive potrebbero essere utili.

Nota: quando aggiorni vecchi post, assicurati di mantenere lo stesso URL originale. Mentre a Google piacciono i nuovi aggiornamenti, usare parte di quel “succo SEO” che hai già ottenuto è una potente combinazione.

Dive Deeper: come sviluppare una strategia di marketing dei contenuti ad alte prestazioni

Aggiorna i post precedenti con informazioni nuove e pertinenti

A volte, la soluzione migliore è quella di dare un’occhiata ai post più vecchi e vedere se le informazioni in essi contenute non sono più pertinenti.

Forse tutti i tuoi studi sono obsoleti (oltre i tre anni) o forse ci sono stati cambiamenti nel settore che hanno reso il tuo post obsoleto o addirittura errato. Forse da allora è uscita una nuova tecnica o tecnologia o un aggiornamento ufficiale di Google.

Se sono passati un paio d’anni da quando hai scritto il post, è probabile che le informazioni che devono essere aggiornate siano abbastanza ovvie (“Di ‘, hai sentito parlare di questa nuova cosa chiamata Facebook ??”). Inoltre, assicurati di rimuovere o aggiornare qualsiasi riferimento all’anno corrente (che, tre o quattro anni dopo, non è più attuale).

Per aiutarti a capire come rinnovare davvero un post di blog più vecchio, puoi utilizzare il metodo skyscraper , che, in poche parole, prevede:

  • Trovare  contenuti meritevoli di collegamento
  • Creare  qualcosa di meglio
  • Condividere  ciò che hai scritto

Ciò significa rivedere i contenuti con il rendimento più elevato per la parola chiave per cui hai ottimizzato e vedere cosa si classifica nella prima pagina delle SERP.

Dai un’occhiata a ciò di cui discutono e prendi nota di tutti i contenuti aggiuntivi che mancano che potresti aggiungere al tuo post. Non vuoi mai e poi mai plagiare, ma ottenere un po ‘di ispirazione in modo da poter andare oltre ciò che offrono è una solida strategia.

Pensa al marketing di Facebook, ad esempio. Due anni fa, ho scritto un post sul blog su “Nuovi” annunci su tela di Facebook :

Screen Shot 2020 03 02 alle 2.27.07 AM

Entro sei mesi, era obsoleto. Le tele ora sono chiamate “Esperienze istantanee” e sono arrivate con un lungo elenco di nuove funzionalità che non erano disponibili da pochi mesi. Il post precedente era irrilevante ed era un ottimo esempio di candidato all’aggiornamento.

Valuta di cambiare le parole chiave

A volte, l’aggiornamento dei post precedenti significa che dovrai dare un’occhiata anche alla ottimizzazione del post per le nuove parole chiave.

Le parole chiave possono aumentare o diminuire di popolarità, quindi una parola chiave di tendenza iniziale potrebbe non avere più lo stesso tipo di traffico originariamente. Ciò è particolarmente comune con le parole chiave di tendenza, ma può accadere con qualsiasi termine.

Puoi utilizzare uno strumento come SEMrush per tenere traccia della popolarità di una parola chiave nel tempo:

Schermata 2020 03 02 alle 2.32.05

Se ritieni che la parola chiave sia il problema stesso, scopri come sono state le sue prestazioni negli ultimi dodici mesi e cerca altri termini potenziali che potrebbero funzionare meglio invece o in aggiunta al termine precedentemente scelto.

Un altro strumento è il nuovo strumento di argomenti esplosive di Brian Dean e Josh Howarth che “perquisisce Internet per trovare tendenze esplosive prima che decollino”:

Argomenti che esplodono

Dive Deeper: SEO per siti di e-commerce (principiante e intermedio)

Scrivi nuovi contenuti per parole chiave ad alte prestazioni

I tuoi contenuti precedenti sono completamente obsoleti o non sono più pertinenti per determinate parole chiave a rendimento elevato?

Forse diversi anni fa, ad esempio, hai scritto un post sul blog su come l’olio di cocco non fosse così sano da cucinare, prendendo di mira la parola chiave ” olio di cocco “. Anni fa le informazioni dicevano che l’olio di cocco non faceva bene, ma ora è stato dimostrato che lo è (purché sia organico, extra vergine, non raffinato e spremuto a freddo).

Quindi potresti voler eliminare questo post, sostituirlo con “comprovati benefici per la salute dell’olio di cocco” e comunque ottimizzare per la stessa parola chiave.

Ci sono molti angoli che puoi assumere per una singola parola chiave, specialmente quando si tratta di parole chiave a coda corta. Sfruttalo e sostituisci i vecchi contenuti con quelli più recenti che hanno la capacità di funzionare meglio e di essere più pertinenti in modo da non perdere ricerche ad alto potenziale.

Dive Deeper: la ricerca delle parole chiave SEO è diventata facile nel 2020

Ottieni più collegamenti ai contenuti principali

Mentre aggiorni i tuoi post, può essere utile concentrarti sulle campagne di link building progettate per dare loro un ulteriore impulso.

Se stai scrivendo post ospiti per altri siti, prova a dare la priorità ai link di guida verso uno dei post aggiornati di recente che richiedono un ulteriore impulso nel SEO. Un portafoglio di collegamenti diversificato contenente collegamenti da siti ad alta autorità può aiutarti a recuperare parte del tuo potere SEO, sia per il singolo post sia per il tuo sito in generale.

Oltre alle campagne di creazione di collegamenti, non dimenticare di aggiungere collegamenti interni dai tuoi altri post a questi post appena aggiornati. Ciò non solo creerà un’esperienza utente migliore per il lettore, ma aiuterà Google a comprendere meglio la struttura dei contenuti del tuo sito. E tutto ciò fornirà più succo SEO.

Assicurati di condividere regolarmente questi post sui social media e anche sulla tua lista e-mail. Questo può aiutare a indirizzare il traffico verso il tuo sito, che è buono da solo, ma aumenta anche la visibilità del tuo post. E quando molte più persone vedono grandi contenuti, li condivideranno o addirittura lo collegheranno ai loro contenuti.

Dive Deeper: la guida definitiva per creare link con contenuti per SEO

La fine del decadimento dei contenuti!

Il decadimento dei contenuti è esattamente frustrante come sembra. L’ultima cosa che vuoi per quel capolavoro di un post sul blog che ti ci sono voluti cento anni per crearlo è vederne il traffico scivolare continuamente verso il basso.

Si prevede un certo decadimento dei contenuti, ma ciò non significa che devi accettarlo. Fortunatamente, con gli strumenti e le strategie giuste, puoi essere pronto ad agire nel momento in cui lo fa, o anche preventivamente. Ciò manterrà i tuoi contenuti in regola, portando tutti quei risultati SEO che hai imparato a conoscere e ad amare!

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close