Cerca

Che cos’è il CRO? La guida definitiva all’ottimizzazione del tasso di conversione

È importante notare, tuttavia, che CRO può essere difficile e richiede tempo in quanto richiede un sacco di analisi e test dei dati. Ecco perché molte aziende scelgono di utilizzare una piattaforma CRO all-in-one come Freshmarketer . Rende CRO facile e più efficace, aumentando rapidamente i tassi di conversione. Prova Freshmarketer oggi .

Visita Freshmarketer

Come funziona l’ottimizzazione del tasso di conversione

Una conversione è un’azione intrapresa da un visitatore del sito che spesso comporta l’invio di un qualche tipo di informazione, come la compilazione di un modulo o l’invio di un indirizzo e-mail. L’ottimizzazione del tasso di conversione è il processo di raccolta e analisi dei dati su ciò che le conversioni effettuano i visitatori sul tuo sito, la ricerca di aree da migliorare, la creazione di nuove varianti di pagine Web, il test A / B delle pagine e l’analisi dei dati per migliorare le conversioni e, in definitiva, il marketing globale sforzi.

Prima di avviare CRO, calcola il tuo tasso di conversione attuale. Per fare ciò, dividi le conversioni totali su ogni pagina per visualizzazioni di pagina totali. Quindi, determina quali elementi della tua pagina stanno ottenendo il maggior numero di conversioni raccogliendo i dati dei visitatori utilizzando uno strumento come Google Analytics. Rivedere le analisi, rilevando il punto di conversione che ha più margini di miglioramento. Qui è dove dovresti iniziare a migliorare il tuo tasso di conversione.

Dopo aver determinato quale area migliorare, considerare il problema che lo circonda. Ad esempio, un’elevata frequenza di rimbalzo indica che una pagina Web non ha fornito le informazioni che i visitatori si aspettavano e, pertanto, non si sono convertite. In questo caso, cerca di migliorare la pertinenza della pagina. Apporta una modifica alla tua landing page per assicurarti che offra ciò che i visitatori si aspettano, quindi testa la tua nuova versione rispetto alla vecchia, nota come test A / B , per vedere quale funziona meglio.

Prenditi almeno un mese per raccogliere i dati sulla tua nuova versione, quindi confrontali con quelli della tua vecchia versione per vedere quale produce un risultato migliore. Utilizzando l’esempio sopra, potresti scoprire che la tua nuova versione riduce la frequenza di rimbalzo ma non aumenta ancora le conversioni. In questo caso, dovresti concentrarti su altre aree di miglioramento come la modifica di elementi di conversione, come moduli e pulsanti, sulla pagina. Test riusciti alla fine produrranno conversioni più elevate.

Come eseguire l’ottimizzazione del tasso di conversione in 5 passaggi

Prima di iniziare l’ottimizzazione del tasso di conversione, calcola il tasso di conversione dividendo le conversioni totali per le visualizzazioni di pagina totali. Con questo come punto di riferimento, raccogliere e analizzare i dati dei visitatori della pagina, cercando un’area da migliorare. Aggiorna un elemento poco performante della tua pagina e A / B prova la nuova versione. Dopo aver raccolto dati sufficienti, analizzali per determinare se la modifica ha migliorato il tasso di conversione. Ripeti questo processo per aumentare continuamente le conversioni.

Ecco come ottimizzare e migliorare il tasso di conversione in cinque passaggi.

1. Calcola il tuo tasso di conversione attuale

Il tasso di conversione è la percentuale di visitatori del sito che intraprendono l’azione desiderata sulla tua pagina. Ad esempio, se il punto di conversione di un’azienda è la registrazione di un evento, allora è il rapporto tra molte persone registrate per l’evento e quante visitano il sito. Viene calcolato dividendo il numero di conversioni per visualizzazioni di pagina. Supponiamo che una pagina ottenga 1.000 visualizzazioni o visite a settimana e 51 di questi visitatori si iscrivano all’evento in media. Ciò equivale a un tasso di conversione del 5,1%.

Formula del tasso di conversione: tasso di conversione (%) = conversioni totali / visualizzazioni di pagina totali x 100

2. Raccogliere e analizzare i dati

Il primo passo per l’ottimizzazione del tasso di conversione è la raccolta e l’analisi dei dati relativi a visitatori e coinvolgimento della pagina. Per fare ciò, dovrai impostare l’analisi dei siti Web, come Google Analytics , che tiene traccia delle azioni dei visitatori sul tuo sito. Una volta che questo è stato impostato e una considerevole quantità di dati raccolti, sarà quindi valutare e analizzare i dati, cercando di scoprire quali elementi di conversione necessitano il maggior miglioramento.

Imposta il sito Web Analytics

Prima di poter iniziare a ottimizzare il tasso di conversione, è necessario iniziare raccogliendo dati sulla pagina Web. Esistono molti strumenti di analisi dei dati diversi, ma il più popolare ― e anche disponibile gratuitamente ― è Google Analytics. Se non hai già collegato il tuo sito Web a Google Analytics o un’altra piattaforma di analisi, inizia a farlo. Scopri come configurare Google Analytics in soli sette passaggi.

Raccogliere e valutare i dati del sito Web

Concedi al tuo sito tempo sufficiente per raccogliere i dati dei visitatori; la quantità di tempo dipenderà dal volume di traffico del tuo sito, ma la maggior parte vorrà concederlo da uno a tre mesi. Dopo aver raccolto i dati, guarda le metriche come il numero di visualizzazioni di pagina, il tempo sulla pagina e le conversioni. Scopri quale di questi ha bisogno del massimo miglioramento.

Ecco le cinque principali metriche di analisi da considerare:

  • Rilevanza delle parole chiave: se stai guidando i visitatori del sito attraverso la ricerca organica come Google, controlla che le tue parole chiave siano pertinenti ai prodotti e ai servizi che offri. Ad esempio, un’azienda che vende occhiali da sole di fascia alta non dovrebbe farsi valere come abbordabile. In tal modo, potrebbero apparire nei risultati di ricerca di occhiali da sole a prezzi accessibili, anche se una volta che un visitatore vede il prezzo di fascia alta, uscirà dalla pagina.
  • Impressioni: coloro che indirizzano il traffico attraverso annunci a pagamento dovrebbero considerare la percentuale di clic, che è il rapporto tra il numero di volte in cui il tuo annuncio è stato mostrato e il numero di volte in cui è stato cliccato. Se un annuncio ottiene un numero elevato di impressioni ma un numero ridotto di clic, ciò indica che la copia dell’annuncio o l’invito all’azione (CTA) non è efficace. Mostra che la messaggistica non è in sintonia con il suo pubblico o non viene mostrata al pubblico giusto.
  • Frequenza di rimbalzo: la frequenza di rimbalzo rappresenta la percentuale di visitatori della pagina che visitano solo una pagina e poi escono. Indica che la pagina non ha fornito loro ciò che stavano cercando o che si aspettavano. Mostra che esiste probabilmente una disconnessione tra ciò che è stato promesso al visitatore tramite un annuncio o un’altra fonte promozionale e ciò che la tua pagina fornisce.
  • Tempo sulla pagina: il tempo sulla pagina indica il tempo trascorso da un visitatore del sito su una pagina. Un breve periodo di tempo sulla pagina è simile a una frequenza di rimbalzo elevata, in cui la pagina non fornisce le informazioni che stavano cercando. Un lungo periodo di tempo sulla pagina senza conversione indica che i visitatori erano interessati, ma mancavano della motivazione per la conversione o non sapevano come convertire.
  • Numero di pagine visualizzate: il numero di visualizzazioni di pagina rivela il livello di interesse dei visitatori della pagina. Se le persone sono abbastanza motivate da fare clic su più pagine Web, sono probabilmente interessate. Tuttavia, senza che ciò comporti una conversione, mostra anche che o non hanno trovato le informazioni che stavano cercando o che il CTA non era abbastanza convincente.

Queste metriche sono disponibili nella maggior parte dei dashboard di analisi dei siti Web, come Google Analytics. Coloro che utilizzano annunci a pagamento avranno anche dati sul traffico specifici per gli annunci disponibili nella dashboard della pubblicità, come Google Ads Manager o Facebook Ads Manager . Esamina ciascuna di queste metriche e lavora per identificare quale ostacola maggiormente il tuo tasso di conversione.

3. Scegli una metrica per migliorare e creare una variazione

Dopo aver analizzato i dati dei visitatori del tuo sito, determina quale metrica sta registrando i risultati peggiori e concentrati su quello per l’ottimizzazione del tasso di conversione iniziale. Identifica quali caratteristiche / funzioni sono direttamente correlate a questa metrica, come design della pagina, messaggistica, grafica, offerta o CTA, quindi selezionane una da aggiornare. Crea una copia della pagina e apporta le modifiche alla copia in modo da poterle testare rispetto alla versione originale e determinare quale funziona meglio.

Ecco cinque elementi sulla pagina che influiscono sulle conversioni:

  • Design e layout: una pagina ben progettata sarà semplice e diretta ma anche convincente. Tutte le informazioni, compresi i messaggi e il pulsante CTA, devono essere concise, facili da leggere e above the fold. Testa le varianti di progettazione e layout per vedere quale produce il maggior numero di conversioni.
  • Messaggi: il tuo messaggio dovrebbe risuonare con il tuo pubblico e dovrebbe includere informazioni su ciò che è la tua offerta e perché un utente vorrebbe l’offerta. Testare diverse versioni di titoli con varia verbosità, punti di vendita o punti critici aiuterà le aziende a determinare quale messaggistica si collega meglio con il loro pubblico.
  • Grafica: qualcosa di semplice come la grafica utilizzata nella pagina può influire sul numero di conversioni che una pagina ottiene. Proprio come potresti provare diversi messaggi per vedere cosa risuona, considera di provare diversi grafici.
  • Offerta: un’offerta, come una prova gratuita, l’iscrizione a un webinar o uno sconto, deve essere preziosa per l’utente. Prova diverse offerte, tra cui la verbosità e le immagini associate, per vedere quale ottiene il maggior numero di conversioni.
  • Pulsante CTA: come base, i pulsanti CTA devono distinguersi dal resto della pagina, dovrebbero essere above the fold ed essere dimensionati in modo appropriato per tutti i dispositivi. Una modifica piccola come l’aggiornamento del colore di un pulsante CTA può influenzare il numero di conversioni. Inoltre, considera il numero di campi che un utente deve completare per convertire. In genere, più campi sono richiesti, più basso è il tasso di conversione.

Mentre tutti questi elementi possono essere considerati durante l’aggiornamento di una pagina, non si applicano sempre alla metrica su cui ti concentri. Ad esempio, se il tempo medio dei visitatori sulla pagina è buono, ma il tasso di conversione è basso, lavora per migliorare la messaggistica o il CTA della tua pagina. Assicurati di considerare sia il valore della tua conversione (“Che cosa ne ricava il mio cliente?”) Sia la facilità di conversione (“Quanto lavoro richiede l’esecuzione dell’azione desiderata?”).

4. Pagine di test A / B

In CRO, il test A / B è un esperimento che esegue contemporaneamente due versioni di una pagina Web per determinare quale acquisisce più conversioni. Ogni pagina aggiornata deve essere testata rispetto alla versione originale e solo un elemento alla volta deve essere modificato per mostrare definitivamente il suo impatto sui tassi di conversione. Per eseguire il proprio test A / B, impostare uno strumento di test A / B, definire i parametri di test, quindi raccogliere e analizzare i dati.

Configurare ed eseguire il test A / B

Il modo più semplice per creare varianti della pagina di destinazione è utilizzare una piattaforma di ottimizzazione delle conversioni come Freshmarketer . Con questo strumento, le aziende possono monitorare e analizzare i dati sulle prestazioni su due pagine Web, mostrate fianco a fianco. Ciò rende l’ottimizzazione delle conversioni più semplice ed efficace, aiutando le aziende a prendere decisioni CRO con dati reali. Ricevi istruzioni dettagliate su come impostare il test A / B, altrimenti noto come test split .

Una volta impostato il test, concedi il tempo necessario per raccogliere i dati. Il tempo necessario per l’esecuzione del test dipenderà dal volume di traffico ricevuto dalla tua pagina. Ad esempio, un’azienda che ottiene 2.000 clic al mese dovrebbe attendere più a lungo di un’azienda che ottiene 2.000 clic alla settimana. In generale, maggiore è il tempo dedicato, più accurati saranno i risultati dei test. Se non sei sicuro di quanto tempo dovresti fornire i tuoi dati, prova il calcolatore gratuito della durata dei test A / B di Freshmarketer .

Analizza i dati e determina la versione migliore

Dopo aver raccolto dati sufficienti, rivedere, analizzare e confrontare i dati per ogni variazione. Guarda la metrica che ha incorniciato le modifiche e, in base ai risultati, determina quale versione ha contribuito a migliorare il tasso di conversione. Seleziona questa versione come impostazione predefinita andando avanti.

Ad esempio, se ti sei concentrato sul tasso di conversione e hai deciso di aggiornare il testo su un pulsante CTA, quindi esamina i clic sul CTA nelle versioni originale e nuova della pagina. Se i clic sono aumentati, la modifica ha avuto esito positivo. Se erano uguali o inferiori, ripristina il CTA originale e prova un altro test.

cos'è cro

Risultati dei test A / B per CRO

5. Ripetere il processo CRO

L’ottimizzazione del tasso di conversione dovrebbe essere ripetuta per aumentare continuamente le conversioni. Dopo aver selezionato una variazione con un tasso di conversione più elevato, ricominciare il processo CRO. Analizza la pagina in base a una nuova metrica, crea una nuova variante da testare, imposta un test A / B ed esamina i dati risultanti. Infine, implementa le modifiche riuscite sul tuo sito live o elimina i test non riusciti e ricomincia.

cos'è il cro, Shane Griffiths“Inizia cercando barriere che ostacolano l’azione di conversione. La barriera più comune è la fiducia. Il tuo sito web deve guadagnare la fiducia dei tuoi visitatori. Per superare questa barriera, utilizzare la prova sociale aggiungendo recensioni e commenti dei clienti, acquisire credibilità aggiungendo premi, certificazioni, affiliazioni del settore per dimostrare che si è qualificati e affidabili e aggiungere sicurezza offrendo una garanzia di qualità come una politica di restituzione o una garanzia di rimborso. “

—Shane Griffiths, Web designer, Clarity SEO SEO

6 migliori strumenti CRO

I migliori strumenti CRO sono quelli che consentono alle aziende di aumentare il proprio tasso di conversione in modo facile e conveniente con poco sforzo. Questi includono dati completi e piattaforme di test come Freshmarketer , costruttori di pagine di destinazione come Leadpages e test di velocità di siti Web come Google PageSpeed ​​Insights.

Ecco i sei migliori strumenti CRO:

  • Google Analytics : Google Analytics fornisce dati gratuiti sui visitatori, tra cui il numero di visite al sito Web, visualizzazioni di pagina, frequenza di rimbalzo, posizione dei visitatori e altro ancora. È disponibile gratuitamente ed è lo standard globale nell’analisi dei siti Web.
  • Mixpanel : Mixpanel è un altro strumento di analisi che viene generalmente utilizzato insieme a Google Analytics. Suddivide i dati, rendendoli più digeribili e di facile comprensione, consentendo agli utenti di ottenere informazioni di qualità da dati altrimenti complessi.
  • PageSpeed ​​Insights di Google : questo è uno strumento gratuito di Google che testa e classifica i siti Web in base alla velocità di caricamento. Il motivo per cui la velocità è importante perché se la tua pagina si carica troppo lentamente, molti utenti usciranno prima di vederla.
  • Leadpages : Leadpages è un generatore di landing page che consente alle aziende di creare landing page altamente efficaci con elementi di conversione ottimizzati, come moduli e pulsanti. I piani partono da $ 25 al mese. Ulteriori informazioni su Leadpages .
  • Freshmarketer : Freshmarketer è una piattaforma CRO all-in-one che offre alle aziende un modo semplice per ottimizzare i tassi di conversione con strumenti specifici CRO, tra cui funzionalità di analisi dei dati, mappe di calore dinamiche e moduli di test A / B. Ulteriori informazioni su Freshmarketer .
  • Lucky Orange : Lucky Orange è uno strumento di canalizzazione di conversione che offre alle aziende la possibilità di tracciare i visitatori del sito e il loro viaggio attraverso la canalizzazione di vendita. Registra automaticamente i viaggi dei visitatori del sito dalla prima visita fino all’acquisto finale, crea mappe di calore per mostrare dove fanno clic e fornisce dati analitici su elementi specifici della pagina come l’analisi dei moduli. Puoi provare Lucky Orange con una prova gratuita di sette giorni.

Gli strumenti CRO sono estremamente utili per le aziende che desiderano migliorare i tassi di conversione in modo più strategico. Non solo semplificano la modifica degli elementi della pagina, ma rendono anche più efficiente il processo di analisi CRO. L’uso di strumenti come Leadpages per creare pagine di destinazione migliori, Freshmarketer per una suite CRO all-in-one e Google Page Speed ​​Insights aiuterà a rimuovere alcune delle congetture coinvolte nel test e nell’ottimizzazione delle pagine.

Vantaggi dell’ottimizzazione del tasso di conversione

Il vantaggio principale dell’ottimizzazione del tasso di conversione di successo è l’aumento delle conversioni dei visitatori, come l’invio di ordini, l’iscrizione a una newsletter o la richiesta di preventivi. Ci sono molti vantaggi oltre a questo, come ottenere una migliore comprensione dei tuoi clienti, che aiuta a migliorare gli sforzi di marketing complessivi, a ridurre i costi per lead e persino a migliorare l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).

Ecco i principali vantaggi dell’ottimizzazione del tasso di conversione:

  • Migliore comprensione dei clienti: analizzando i dati e testando le modifiche su un sito Web o una pagina di destinazione, le aziende imparano molto sui propri clienti, incluso quale messaggistica risuona di più e quale design è più efficace nel catturare i lead. Queste informazioni possono quindi essere applicate a molti altri canali e campagne di marketing.
  • Aumenta i clienti: mentre i punti di conversione variano da un’azienda all’altra, più conversioni generalmente significano più clienti. Anche se il tuo punto di conversione non è una vendita, l’introduzione di nuovi clienti nella tua canalizzazione di vendita significherà probabilmente più vendite lungo la strada.
  • Riduzione del costo per lead: l’ aumento del tasso di conversione ridurrà anche il costo per lead man mano che si acquisiscono più lead tramite lo stesso punto di conversione. Ciò rende la spesa complessiva per il marketing ancora maggiore, aumentando il potenziale di vendita senza aumentare le spese generali.
  • Migliora la SEO: i motori di ricerca come Google osservano diversi fattori nel determinare come classificare i siti, uno dei quali è il valore percepito di un sito. Tale valore è determinato, in parte, dalla quantità di coinvolgimento dei visitatori. Un CRO efficace può migliorare il posizionamento di un sito, quindi, aumentando il coinvolgimento dei visitatori.

L’ottimizzazione del tasso di conversione è molto più di un semplice aumento dei tassi di conversione. Aiuta anche le aziende a creare campagne di marketing più strategiche, aumentare la probabilità di essere trovati nella ricerca e ottenere un vantaggio sulla concorrenza. Per questi motivi, CRO è un elemento importante e utile nel marketing per tutte le piccole imprese, ma soprattutto quelle che dipendono dalle conversioni basate sul sito.

Domande frequenti (FAQ)

Che cos’è un buon tasso di conversione?

I tassi di conversione variano in base al settore, ma il tasso di conversione medio è compreso tra il 2% e il 2,5%. Le prime pagine con il 25% di rendimento vedono tassi di conversione superiori al 5% e il 10% più alto mostra tassi di conversione del 10% o più. Ciò dimostra che c’è sempre spazio per l’ottimizzazione del tasso di conversione. Nessuno ottiene un tasso di conversione del 100%.

Qual è la differenza tra SEO e CRO?

L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e l’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO) sono entrambe strategie di ottimizzazione digitale, ma a livelli diversi e con obiettivi diversi. SEO lavora per aumentare il traffico organico attraverso un miglior posizionamento nei motori di ricerca, mentre CRO lavora per aumentare le conversioni attraverso un sito Web. In breve, SEO attira le persone su un sito Web e CRO attira le persone a convertire o diventare lead o clienti su un sito Web.

Come posso creare e ottimizzare le landing page?

Le pagine di destinazione sono un tipo di singola pagina Web utilizzata per promuovere un prodotto, servizio o offerta specifici. Il modo più semplice per crearne uno è con un builder di landing page, come Leadpages o Unbounce . Con i costruttori di pagine di destinazione puoi scegliere e personalizzare un modello, quindi creare facilmente varianti da testare durante il processo CRO. Ricevi istruzioni dettagliate su come creare una landing page .

Bottom Line: Cos’è CRO?

L’ottimizzazione del tasso di conversione è il processo che aumenta il numero di visitatori che eseguono una determinata azione sul tuo sito, come scaricare un e-book, programmare una demo o effettuare un acquisto. Implica un ciclo continuo di raccolta e analisi dei dati dei visitatori del sito, creazione di varianti di pagina, test A / B e implementazione di modifiche riuscite. Le aziende che si concentrano su conversioni basate su sito Web dovrebbero impegnarsi regolarmente in CRO.

Una delle maggiori sfide che le aziende devono affrontare con CRO, tuttavia, è l’analisi logica dei dati per apportare modifiche informate e significative che migliorano i tassi di conversione. Per evitare di perdere tempo e denaro per gli scatti al buio, prova a utilizzare una piattaforma CRO come Freshmarketer . Elimina le congetture da CRO e migliora i tassi di conversione a un prezzo accessibile. Prova Freshmarketer oggi .