Cerca

Che cosa succederebbe se YouTube scomparisse dalla sera alla mattina?

Non apprezzi davvero qualcosa finché non ti viene tolto. Sono andato in campeggio recentemente, il mio primo di recente. Non c’era il Wi-Fi, la ricezione del cellulare, il riscaldamento e l’elettricità. A un certo livello, è stato rinfrescante. Ad un altro livello, era un po ‘terrificante. E lo stesso vale per tutti gli strumenti e servizi online che utilizziamo ogni giorno.

 

YouTube va giù

Non ti accorgi che manchi fino a quando non manchi. Ed è esattamente quello che è successo, anche se solo per un paio d’ore, con YouTube nell’ottobre 2018. Nel caso l’avessi perso, praticamente tutti nel mondo hanno perso l’accesso a YouTube quando l’Autorità per le telecomunicazioni del Pakistan ha tentato di bloccare l’accesso al sito di streaming video dopo è stato riferito che conteneva film anti-islamici.

Proprio come il famigerato Great Firewall of China, l’obiettivo era bloccare l’accesso a YouTube solo all’interno del paese del Pakistan. Ma per una ragione inspiegabilmente tecnica al di là della mia comprensione, questo blocco si è propagato a circa due terzi della popolazione di Internet in tutto il mondo.

 

WWJGD?

Il mondo collettivo online ha preso il panico, il che ha portato John Green di Vlogbrothers e DFTBA a porre la seguente domanda su Twitter:

Mentre il normale accesso ai normali video di YouTube è generalmente gratuito (ad eccezione dell’esclusivo contenuto YouTube Red), alcune persone pagano YouTube TV. E così, per contribuire a fare ammenda per quello che è successo (anche se non è tecnicamente colpa loro), YouTube ha offerto un credito di una settimana agli abbonati alla TV di YouTube, insieme a scuse ufficiali.

Ma YouTube TV non è davvero la grande preoccupazione qui. È YouTube stesso. E ‘stato davvero solo per un paio d’ore, ma l’isteria di massa è esplosa rapidamente sui social media. Cosa faremmo se YouTube fosse andato giù per sempre? Che tipo di impatto avrebbe questo sulle nostre vite digitali (e analogiche)?

 

YouTube e il business online

La mia risposta a John Green si è allineata con così tante altre persone che hanno risposto a John Green. Per quanto pensiamo che YouTube sia l’ideale e il finale di tutti i video online, in particolare per i contenuti generati dagli utenti, non è sempre stato così. C’era una volta, Google Video era un concorrente di YouTube, come lo erano Viddler, Dailymotion e Vimeo.

Così, un sacco di persone hanno detto che Vimeo sarebbe tornato improvvisamente fresco. Può essere.

Ci sono innumerevoli ragioni per le quali Google è diventata così importante, dalla sua facilità di monetizzazione al suo incredibile motore di ricerca. Nonostante le sue carenze, di cui molte sono, YouTube è una fonte di forza innegabile.

Ma tu hai opzioni. C’è Vimeo, come detto, così come i video di Facebook e IGTV di Instagram. Sono tutti un po ‘diversi da YouTube, ovviamente.

 

È tutto rotto

Le conseguenze immediate di un atto di scomparsa di YouTube sarebbero comunque molto profonde. Ho così tanti post sul blog con video di YouTube incorporati, sia miei sia di altri autori. Se YouTube fosse andato giù, avrei avuto un sacco di rotture di embed … che è esattamente quello che è successo con Google Video spento per sempre. E ci sono molti YouTubers che improvvisamente perderebbero praticamente l’intero pubblico.

Potresti conoscere questo ragazzo o quella ragazza da YouTube, quindi potresti cercarli su Twitter o Facebook per vedere dove erano diretti, ma non puoi ricordare tutti i tuoi abbonamenti ai canali YouTube. Quei canali perderebbero necessariamente molto del loro pubblico, a prescindere da dove siano finiti.

E tutto torna ad un punto centrale. Non dovresti mai costruire la tua attività su Internet in affitto. Mentre è possibile fare un buon vivere online senza il tuo sito web, in genere non è una buona idea, perché costruire su altre piattaforme significa che potrebbe scomparire tutto in uno scatto letterale.

Tutto dovrebbe ricondursi a qualcosa che possiedi: il tuo sito web. Sì, vai là fuori e cresci su Twitter, i tuoi sottotitoli su YouTube e i tuoi Mi piace su Facebook. È così che raggiungi un nuovo pubblico. Ma dovresti sempre affrontare queste strategie con la mentalità che ognuna di quelle piattaforme potrebbe svanire durante la notte. Compreso YouTube.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close