Cerca

Case study SEO: Il mio processo in 6 passaggi che ha generato 150.732 visite

Nota : il mio programma di allenamento premium,  il SEO Playbook, riaprirà presto. Scopri di più sulla formazione e guarda cosa dicono gli studenti attuali.

Vuoi imparare a classificare al primo posto per le parole chiave ad alto traffico in qualsiasi nicchia?

In questo caso di studio SEO , imparerai il processo ripetibile in 6 passaggi utilizzato da uno dei miei lettori per portare il suo cliente al primo posto in Google, superare i marchi di grandi nomi come Mashable e aumentare il traffico organico dell’11,065% in soli 6 mesi !

È stato in grado di farlo in un settore di nicchia senza spendere soldi in pubblicità a pagamento o costruzione di link .

Abbastanza bello, vero?

Va meglio.

Per un periodo di 18 mesi questa semplice strategia SEO è stata applicata a diversi post sul sito del suo cliente, generando 152.732 visite .

Ogni mese, il traffico organico offre centinaia di nuovi abbonati e-mail , commissioni di affiliazione e potenziali contatti commerciali.

La parte migliore?

È una strategia SEO semplice (e ripetibile) che qualsiasi azienda può utilizzare per indirizzare un traffico più qualificato dai motori di ricerca. 

Aumento del traffico organico in Google Analytics

Nota : questo è un case study SEO di 8.000 parole mostruoso, quindi ho incluso un sommario di seguito per permetterti di navigare facilmente tra le sezioni. 

Sommario


  • Panoramica e risultati

  • Passaggio n. 1: ricerca di parole chiave

  • Passaggio 2: creazione del contenuto

  • Passaggio n. 3: ottimizzazione sulla pagina

  • Passaggio n. 4: generazione di lead

  • Passaggio n. 5: promozione dei contenuti

  • Passaggio n. 6: creazione del collegamento

  • Key takeaway

Case study SEO: il processo passo-passo Michael Karp utilizzato per classificare n. 1 e generare 20.314 visualizzazioni di pagina organiche (con un singolo post)

Portalo via, Michael .

Il case study SEO di oggi presenta UAV Coach , un’azienda in rapida crescita nello spazio commerciale dei droni:

Schermata del sito Web del pullman UAV

Un piccolo sfondo.

Alan Perlman ha fondato UAV Coach per aiutare le persone a entrare nel settore e costruire un’attività attorno a qualcosa di cui è appassionato.

Per fare ciò, aveva bisogno di trovare un modo per generare traffico e lead ricorrenti.

Sono stato incaricato di aiutarmi con questo incarico.

Sapevo che dovevamo costruire una strategia SEO incentrata su contenuti sempreverdi che avrebbero contribuito a generare un’esposizione a lungo termine, posizionare il marchio come autorità nel settore, acquisire contatti e infine convertirli in clienti paganti.

Il primo post che ho creato (e il focus di questo case study SEO) per UAV Coach è stato chiamato ” How to Fly a Quadcopter – The Ultimate Guide “:

Guida quadricottero

È una guida approfondita di 4.400 parole per pilotare in sicurezza un quadricottero telecomandato.

L’articolo si colloca nella posizione n. 1 per la sua parola chiave target “come far volare un quadricoptero” , nonché per oltre 1.300 altre varianti di parole chiave secondarie:

Rapporto Posizioni ricerca organica in SEMrush

Rapporto Posizioni ricerca organica per la guida quadricoptero tramite SEMrush SEO Toolkit  (affiliato)

Classifiche delle parole chiave e volume di ricerca

Schermata delle classifiche delle parole chiave

Parola chiave: come pilotare un quadricoptero

Volume di ricerca mensile: 260

Schermata delle classifiche delle parole chiave: come far volare un drone

Parola chiave: come pilotare un drone

Volume di ricerca mensile: 3.600

Parola chiave: come far volare un quadricoptero in un cerchio

Volume di ricerca mensile: 50

Parola chiave : quadricoptero

Volume di ricerca mensile : 18.100

L’articolo ha inoltre ottenuto 29 snippet in primo piano :

Classifica degli articoli nei frammenti in primo piano

Risultati dello snippet in primo piano per la guida quadcopter tramite Ahrefs Site Explorer (affiliato)

Queste classifiche portano centinaia di visitatori al sito ogni giorno:

Schermata del traffico di Google Analytics

Nei primi 6 mesi, il post ha portato il 21,4% del traffico totale di UAV Coach …

Vantando un tempo medio folle sulla pagina di 05:22:

Analisi del tempo sulla pagina

Non solo la posta porta un sacco di nuovo traffico al sito Web ogni mese …

Il traffico CONVERTI.

La posta ha catturato 2.335 e-mail , rendendola una risorsa di prim’ordine per l’azienda.

Quanto tempo ci è voluto per raggiungere il primo posto in Google?

Ci sono voluti 3 mesi per raggiungere la prima pagina e 5 mesi per raggiungere il primo posto.

E, 6 mesi dopo la pubblicazione della guida, aveva generato 20.314 visualizzazioni di pagina organiche :

Schermata del traffico organico di Google Analytics

Inutile dire che Alan (proprietario) era abbastanza contento dei risultati:

Alan Perlman

UI / UX Designer

Mentre ho lavorato con centinaia di aziende sulle loro strategie di marketing e di vendita, è stato solo con Michael che ho visto una crescita così rapida nel traffico organico dei motori di ricerca. Raddoppiare i nostri risultati mese su mese non ci ha solo aiutato a far crescere la nostra lista e-mail e generare entrate attraverso i nostri partner affiliati. Ci ha aiutato a trasformare il nostro semplice blog di settore in un vero business fiorente.

La formula ripetibile in 6 passaggi utilizzata per classificare i contenuti in qualsiasi nicchia

Stai per apprendere il processo EXACT che utilizzo per creare contenuti killer, superare marchi globali come Mashable e fornire migliaia di visitatori mirati ai siti Web dei miei clienti.

Il processo funziona in QUALSIASI nicchia.

Ed è progettato per massimizzare il rapporto sforzo-ricompensa prendendo di mira parole chiave relativamente più facili da classificare.

(ovvero parole chiave non sfruttate).

Ecco un’istantanea dei passaggi che seguiremo in questo caso di studio:

1. Ricerca per parole chiave e analisi della concorrenza
2. Creazione di contenuti
3. SEO on-page
4. Creazione di elenchi
5. Promozione di contenuti
6. Creazione di link

Probabilmente stai pensando: “Ma Michael, è così semplice.”

E hai ragione: non è complicato, e questa è la sua bellezza!

Facciamo un salto in …

Step # 1: Ricerca di parole chiave e analisi della concorrenza

Mentre lo spazio dei droni è una nicchia relativamente nuova, la concorrenza è feroce. Le SERP sono piene di pubblicazioni di grandi marchi:

Ahrefs SEO Toolbar

Oltre a centinaia di blog concorrenti:

Blog concorrenti nella SERP

Dovevamo essere molto strategici su quali argomenti abbiamo preso di mira, soprattutto come blog più piccolo con autorità di dominio relativamente bassa (ne parleremo più avanti).

Il nostro primo passo è stato quello di eseguire ricerche di parole chiave e scoprire argomenti sempreverdi rivolti ai piloti principianti (il nostro personaggio principale al momento).

Nota del redattore:
se vuoi imparare il processo di ricerca di parole chiave passo-passo che utilizzo per ridimensionare il traffico organico per la mia attività e i miei clienti, dai un’occhiata al mio programma di formazione premium, The SEO Playbook .

Crea un elenco di opportunità per le parole chiave

Andate a Magia Strumento SEMRush Chiave e digitare alcune parole chiave di semi relative al vostro prodotto principale, il servizio o un argomento di contenuti:

Strumento magico per parole chiave SEMrush

Keyword Magic Tool semplifica il filtraggio dei dati utilizzando diversi punti di dati:

Ricerca di parole chiave basata su domande in SEMrush

Per velocità, ordinerò il volume dal più grande al più piccolo ed esporterò tutti i dati delle parole chiave:

Risultati della ricerca di parole chiave basati su domande

Successivamente, rivedi ogni parola chiave e tagga l’argomento sempre più rilevante:

Idee di contenuti sempreverdi

Ho deciso di concentrarmi sul termine ” come pilotare un quadricottero. 

Perché ho iniziato con questa parola chiave? 

  1. La parola chiave principale aveva un volume di ricerca mensile solido (720)
  2. È un argomento che il nostro personaggio principale (piloti principianti) cercherebbe
  3. Era un argomento che potevo facilmente ricercare 
  4. Aveva un grande potenziale organico (cioè potrebbe classificare per un sacco di parole chiave secondarie)

Nota : il punto finale dell’elenco viene spesso trascurato.

Molte persone commettono l’errore di guardare solo il volume di ricerca associato alla loro parola chiave target principale.

E perdono MOLTO potenziale traffico.

Mentre “come pilotare un quadricoptero” riceve solo 720 ricerche mensili, l’articolo è classificato per 1.331 parole chiave diverse :

Schermata SEMrush che mostra il numero di parole chiave per le quali la guida si classifica

Il rapporto Pagine principali di SEMrush mostra il numero di parole chiave secondarie per le quali la guida è classificata.

Fai clic sul link Parole chiave e molte delle parole chiave secondarie avranno anche un volume di ricerca decente:

Parole chiave secondarie in SEMrush

In effetti, la parola chiave principale genera una piccola percentuale del traffico organico totale che va verso l’articolo ogni mese. 

Trova target di parole chiave secondarie

Collega la tua parola chiave target in SEMrush e scorri verso il basso fino al rapporto Parole chiave correlate:

Parole chiave correlate in SEMrush

Potrai vedere SEMRush calci indietro 962 relativi termini di ricerca !

Scorri l’elenco e posiziona un segno di spunta accanto a qualsiasi termine strettamente correlato all’argomento principale dei tuoi contenuti:

Utilizzo di SEMrush Export Manager

Rapporto sulle parole chiave correlate nel rapporto sulle parole chiave SEMrush . 

Dopo aver selezionato le parole chiave correlate, fai clic sul pulsante verde “Aggiungi a Export Manager” nella parte superiore del rapporto.

Fai clic sulla casella numerata ed esporta l’elenco delle parole chiave:

Responsabile delle esportazioni

Nel giro di pochi minuti hai compilato dozzine, forse centinaia di idee per parole chiave secondarie.

Bene, vero?

Hai appena iniziato 🙂

Google “Ricerche correlate a …”

Installa l’ estensione gratuita Chrome Everywhere di Words :

Schermata dell'estensione Chrome di Keyword Everywhere

Successivamente, esegui una rapida ricerca per la tua parola chiave target e scorri verso il basso fino alla sezione “Ricerche relative a …” .

Vedrai tutte le parole chiave della coda lunga insieme a volume di ricerca, CPC e dati sulla concorrenza delle parole chiave estratti da AdWords:

Ricerche di Google relative al rapporto

Suggerimento: prendi una delle parole chiave dall’area “Ricerche correlate a …”, inseriscila in Google e controlla i risultati “Ricerche relative a …” per quella parola chiave. Risciacqua e ripeti fino a quando non hai un elenco di parole chiave a coda lunga pertinenti da scegliere come target.

Google autosuggest

Inserisci la tua parola chiave in Google e osserva gli altri termini suggeriti da Google:

Risultati autosuggest di Google

Rispondi al pubblico

L’immissione manuale delle parole chiave in Google può essere noiosa e richiede molto tempo.

Risposta Il pubblico fornisce un modo semplice per ridimensionare rapidamente questa strategia di ricerca per parole chiave.

Lo strumento raccoglie informazioni da Google Suggest, ma ciò che lo rende unico è che fornisce una montagna di suggerimenti di parole chiave inserendo un singolo termine.

Come?

Prende la parola chiave seed e aggiunge ogni lettera dell’alfabeto dopo di essa per produrre centinaia di suggerimenti di parole chiave.

Ad esempio, quando si digita la parola chiave “quadricoptero” in Google, viene visualizzato un elenco di suggerimenti, come questo:

Ma quando inserisci la parola chiave più un’altra lettera, Google Suggest emetterà un diverso elenco di suggerimenti:

Rispondere al pubblico eliminerà questi dati e farà tutto il lavoro pesante in modo da non dover passare ore a inserire manualmente combinazioni di parole chiave come “quadricottero a”, “quadricottero b”, ecc.

Per usarlo, vai su Rispondi al pubblico e inserisci la parola chiave seed:

Rispondi al pubblico

Fai clic sul link ” Alfabetici “:

Ciò restituirà centinaia di potenziali nuove idee per le parole chiave:

Idee per le parole chiave alfabetiche in Answer The Public

Attiva l’estensione di Chrome Everywhere di Words per estrarre il volume di ricerca e i dati CPC:

Dati inseriti con l'estensione Parole chiave ovunque

Scansiona i risultati e aggiungi tutti i termini pertinenti al tuo set di parole chiave.

Le persone chiedono anche …

Inserisci la tua parola chiave target e scorri verso il basso fino alla casella “Le persone chiedono anche” :

Le persone chiedono anche la casella

Queste sono le domande esatte che il tuo pubblico target sta cercando risposte a online.

Questi argomenti possono fornire idee per nuove sezioni da aggiungere al contenuto informativo del blog o persino utilizzare come FAQ su più contenuti basati sulla conversione come pagine di prodotti e categorie.

Noterai che la casella Chiedi anche alle persone mostra solo una manciata di domande. Ma, se fai clic su una delle domande, l’elenco inizierà a espandersi:

Continua a fare clic finché non hai più di 20 domande nell’elenco. 

Nota dell’editore:

Utilizza l’ estensione gratuita di Scraper Chrome per ridimensionare questa forma di ricerca di parole chiave basata su domande.

Fare clic con il tasto destro su una delle domande nell’elenco e selezionare l’opzione “Raschia simile”:

Raschiare Simile

Questo aprirà una finestra con la domanda e la risposta su cui hai fatto clic:

Dato che vogliamo raschiare TUTTE le domande, è necessario spostarsi sul lato sinistro della finestra e rimuovere [1] dalla query x-path:

Modifica query X-path

Fare clic su Invio e l’estensione Scraper inserirà tutte le domande e risposte dall’elenco espanso “Anche le persone chiedono”:

Domande e risposte in Scraper

Copia i dati negli appunti e incollali in un foglio di calcolo. Rimuovi tutte le risposte e ti verrà lasciato un lungo elenco di argomenti basati su domande da indirizzare. Coprirò questo processo in modo più dettagliato qui .

Iniziando a vedere la trazione …

Noterai che molte delle parole chiave correlate e della coda lunga raccolte nei passaggi precedenti sono state scelte come target con sezioni dedicate nella guida:

Sezioni nella guida

Dopo alcuni mesi il post ha iniziato a classificarsi per molte di queste diverse parole chiave secondarie:

Classifica per parole chiave secondarie

Un paio di cose interessanti da notare qui:

  1. UAV Coach è stato in grado di classificare per centinaia di argomenti secondari diversi con un singolo articolo. (es: non hanno dovuto scrivere un post separato per “come ruotare un quadricottero” e un altro per “controlli quadricottero”)
  2. UAV Coach è stato in grado di ottenere un sacco di frammenti in primo piano utilizzando sezioni dedicate nell’articolo per fornire risposte dirette a query di ricerca molto specifiche. Ulteriori informazioni su come ottenere snippet in primo piano .

Ok:

ora che hai un solido elenco di idee per parole chiave primarie e secondarie, il prossimo passo è qualificare i termini che puoi realisticamente classificare nelle prime 5 posizioni nei prossimi 3-6 mesi .

Esistono due elementi principali a cui devi prestare attenzione:

  1. Dominio e autorità a livello di pagina
  2. SERP e tipi di contenuto
  3. Segnali su pagina / qualità

Effettuando un’analisi competitiva , puoi risparmiare molto tempo e sforzi che sarebbero stati sprecati cercando di classificare parole chiave impossibili.

Cominciamo esaminando l’autorità delle pagine concorrenti nelle SERP. 

Come analizzare la concorrenza (in 15 minuti o meno)

Innanzitutto, installa la barra degli strumenti SEO Ahrefs gratuita ed esegui una rapida ricerca della tua parola chiave principale.

Avvia l’estensione facendo clic sull’icona nella barra del browser (assicurati che sia di colore azzurro):

Ahrefs SEO Toolbar

Fai clic sull’icona a forma di ingranaggio per configurare quali metriche Ahrefs vengono inserite nelle SERP.

Torna ai risultati della ricerca e dovresti vedere tutte le metriche a livello di dominio e di pagina mostrate sotto ogni risultato di ricerca:

Risultati SERP della barra degli strumenti Ahrefs

La barra degli strumenti Ahrefs mostra:

  • Classificazione URL Ahrefs
  • Valutazione del dominio Ahrefs
  • Classifica Ahrefs
  • Numero di backlink
  • Numero di domini di riferimento
  • Traffico di ricerca organico stimato
  • Numero di parole chiave classificate

Ognuna di queste metriche è utile per ottenere una vista di livello superiore del potenziale di traffico organico e difficoltà a classificare per un determinato termine di ricerca.

Fai clic su un link nella barra degli strumenti e verrai indirizzato a un rapporto per quell’URL all’interno dell’applicazione Ahrefs :

Valutazione delle metriche dei collegamenti

Nota del redattore:
Ahrefs ha studiato la correlazione dei fattori di backlink attraverso 2 milioni di ricerche di parole chiave e ha scoperto che le metriche dei collegamenti a livello di pagina avevano una maggiore correlazione con le classifiche di ricerca:

Studio di Ahrefs su domini e fattori di classificazione a livello di pagina

Come regola generale, stai cercando l’autorità di dominio e di pagina simile o inferiore a quella del tuo sito / pagina:

Ad esempio:

tutte le risorse concorrenti hanno una bassa classificazione degli URL e pochi domini di riferimento che puntano a loro:

Metriche dei collegamenti a livello di pagina e dominio nella SERP

Sembra una parola chiave promettente per cui classificarsi rapidamente.

Ma non hai ancora finito.

Ci sono un paio di altri elementi SERP da considerare nel processo di qualificazione delle parole chiave.

SERP e tipi di contenuto

Questo è uno dei passaggi più trascurati nel processo di qualificazione delle parole chiave.

Prima di decidere di scegliere come target qualsiasi parola chiave o argomento, determinare quali tipi di contenuto specifici vengono classificati nei risultati di ricerca.

Sono post sul blog? Video? Pagine di categoria? Pagine del prodotto? Pagine delle risorse governative?

In genere, ci sarà un solo tipo di contenuto che verrà visualizzato tra i primi 10 risultati. Fondamentalmente, questo è Google che ti dice cosa si aspettano gli utenti da una determinata query di ricerca.

Il nostro quadricottero è un semplice esempio:

Tipi di contenuto nelle SERP

Il modificatore “come fare” nella stringa di ricerca indica che si tratta di una ricerca informativa, quindi non sorprende che tutti i risultati siano post sul blog.

Ma non tutti i casi sono così chiari:

Nota del redattore:
stavo lavorando con una società SaaS che aveva una piattaforma di marketing di contenuti interattivi.

Il cliente stava cercando di classificare i termini relativi al prodotto come infografica interattiva. Quando ho iniziato a lavorare con l’azienda non sono riusciti a classificare la loro pagina di prodotto per il termine.

Inizialmente, questo sembrava un po ‘strano. La pagina aveva un alto indice di URL (autorità), contenuti di qualità e un buon numero di backlink di qualità.

Non è stato fino a quando non abbiamo analizzato i tipi di contenuto SERP che è diventato chiaro il motivo per cui stavano avendo un ranking così difficile:

Tutti gli asset in classifica erano post di blog in elenco di lunga durata.

(cioè stavano semplicemente cercando di classificare con il tipo di contenuto sbagliato).

Quindi, abbiamo creato un enorme post di elenco che ora si colloca al primo posto per il termine di ricerca target e indirizza molto traffico organico mirato al sito ogni mese:

Schermata di Google Analytics che mostra l'impatto del corretto targeting per tipo di contenuto

Nello stesso periodo di 12 mesi la pagina del prodotto ha portato a 366 visite organiche rispetto al post del blog con 9.565 visite organiche .

Concorso SEO on-page

Gli studi hanno dimostrato che la SEO on-page ha un impatto relativamente piccolo sulle classifiche al giorno d’oggi:

Backlink vs fattori di posizionamento sulla pagina

Mentre i backlink sembrano avere una correlazione molto più elevata, il SEO on-page non dovrebbe essere ignorato.

Pensaci: i

backlink possono richiedere mesi / anni (e molte risorse) per essere costruiti. Nel frattempo, gli elementi chiave sulla pagina possono essere analizzati e ottimizzati in pochi minuti. 

Nota del redattore:
se vuoi fare un tuffo nel modo migliore per ottimizzare il tuo SEO on-page, dai un’occhiata a questo enorme elenco di controllo SEO on-page in 19 passaggi . Viene inoltre fornito con un modello di Fogli Google che ti aiuterà ad automatizzare molte delle più noiose attività di analisi su pagina:

GIF di foglio di automazione a pagina

Preferisci il video?

Mi guardo alle spalle mentre ti passo attraverso il modello di automazione:

Mi piace sempre guardare il SEO on-page per ogni risultato di ricerca concorrente. In particolare, mi piace vedere come stanno usando le parole chiave a corrispondenza esatta in:

  • Tag del titolo
  • URL
  • Tag di intestazione
  • Meta descrizioni (per aiutare a migliorare il CTR)

Fortunatamente, la valutazione del dominio, la valutazione dell’URL e le metriche del collegamento erano dalla nostra parte. La competizione in quest’area era piuttosto debole.

Tuttavia:

quasi tutti gli articoli della prima pagina sono stati ottimizzati per la parola chiave target:

Esempi di ottimizzazione on-page nelle SERP

Noterai anche che alcuni degli articoli utilizzano i collegamenti di salto alle sezioni del post ottimizzate per le varianti delle parole chiave secondarie.

(vale a dire che tutti i concorrenti stavano facendo un ottimo lavoro ottimizzando il SEO on-page)

Se queste pagine avessero profili di backlink solidi e anche un’alta autorità di dominio / pagina, avrei perso molto tempo a creare, promuovere e costruire collegamenti a questo articolo con pochissimo ritorno.

Potrebbe sembrare piccolo, ma non saltare questo passaggio!

Controlla quanto sono ottimizzate le prime 10 pagine per la tua parola chiave target.

Qualità dei contenuti

Questo è il passaggio finale nella fase di qualificazione delle parole chiave.

In genere valuto la qualità dei contenuti osservando quanto segue:

  • Lunghezza del contenuto
  • Multimediale (immagini, video, infografiche, gif)
  • Parole chiave secondarie
  • UX (leggibilità)
  • Formato (elenco post, raccolta di esperti , intervista, case study, istruzioni, ecc.)
  • Quanto è aggiornato
  • Ottimizzazione dei social media

Nota del redattore:
se vuoi imparare l’esatto framework di stratificazione dei contenuti che uso per schiacciare i concorrenti nelle SERP, dai un’occhiata al Quick Wins Playbook nel mio nuovo corso di formazione SEO qui .

Ad esempio:

dopo aver esaminato alcune delle prime pagine in classifica, sapevo che c’era un’opportunità per schiacciarle in diverse aree.

L’articolo di alto rango all’epoca aveva contenuti molto sottili:

Esempio di scarsa qualità dei contenuti

L’intero articolo era di soli 303 parole (rispetto ai 4.000+ che ho scritto per UAV Coach).

La maggior parte degli altri post in classifica nella prima pagina erano anche brevi e offrivano informazioni a livello di superficie. Pochissimi post hanno utilizzato qualsiasi tipo di supporto multimediale – immagini o video – per integrare la scrittura.

Nota dell’editore: dai
un’occhiata a questa guida SEO per il copywriting per imparare a rendere i tuoi articoli più appiccicosi, migliorare il tempo sulla pagina e convertire più lettori.

Quindi, cosa ho imparato sulla mia parola chiave target?

  • Alto potenziale di traffico
  • Concorrenza relativamente debole
  • Opportunità di creare un pezzo dominante di contenuto sempreverde
  • Parola chiave perfetta per il nostro pubblico di destinazione

Avevo un grande elenco di parole chiave e una solida base per il resto della campagna SEO.

Nota : aggiungi i termini in uno strumento di tracciamento del ranking delle parole chiave per monitorare la posizione e la visibilità nel tempo.

È ora di creare contenuti EPIC! 

Passaggio 2: creazione del contenuto 

Il campo di gioco dei contenuti è diventato un oceano rosso . Gli articoli sono più lunghi, studiati meglio e formattati per l’esperienza dell’utente:

Conteggio parole degli articoli di punta

Oggi, i risultati di ricerca della prima pagina di Google hanno una lunghezza media di quasi 2000 parole.

Quando si creano contenuti, c’è una mentalità che tutti dovrebbero adottare:

“Voglio creare il miglior contenuto su questo argomento – punto”.

Nota dell’editore:
il contenuto deve fornire il valore cumulativo dei primi
10 risultati esistenti . Dovrebbe essere una risorsa definitiva in ogni senso della parola.

Michael approfondirà un po ‘di più qui sotto, ma se vuoi imparare il framework di Content Layering che uso per classificare i clienti per alcuni dei termini più competitivi online, dai un’occhiata al mio corso di formazione premium, The SEO Playbook . 

Avere un ottimo contenuto rende molto più semplice la promozione dei contenuti e la creazione di link.

Prenditi il ​​tempo per scrivere qualcosa che farà esplodere la concorrenza dall’acqua .

Mi ci sono voluti 3 giorni per ricercare e scrivere la guida quadricottero. Ho trattato ogni centimetro dell’argomento e l’articolo ora punta le scale a 4.774 parole:

Strumento Contatore di parole

Include collegamenti nel testo per una facile navigazione:

Nota : questa è una mossa intelligente per qualsiasi contenuto di lunga durata, perché Google spesso prenderà i collegamenti di salto di visualizzazione nella SERP:

I collegamenti Jump vengono visualizzati nei risultati SERP

Questo può aiutare il tuo post a distinguersi nelle SERPS e ad aumentare le percentuali di clic (ora un segnale di posizionamento comportamentale all’interno dell’algoritmo di Google ).

Ho anche incluso definizioni per i lettori, come come volare in sicurezza, una lista di controllo pre-volo, abilità per principianti, abilità per principianti, abilità avanzate e molto altro.

Ho guardato tutto quello che stavano facendo gli articoli migliori e l’ho fatto meglio.

Poi ho guardato tutto ciò che non stavano facendo e l’ho fatto anche io. Queste sono le cose che alla fine faranno risaltare i tuoi contenuti rispetto alla concorrenza.

Il risultato fu una guida di 4.774 parole che era chiaramente migliore di qualsiasi altra cosa là fuori.

Come regola generale, assicurati che i tuoi contenuti siano:

  • Più in profondità
  • Più aggiornato
  • Fornisce una migliore esperienza utente
  • processabile

Importante : prova a battere la concorrenza a tutti i livelli: lunghezza, informazioni attuali, design.

Questo è esattamente ciò che ha fatto Robbie per aumentare il suo traffico del 272% in 30 giorni .

Ok:

ora hai un ottimo contenuto. Il prossimo passo è ottimizzare il SEO on-page.

Passaggio 3: ottimizzazione sulla pagina

I fattori on-page sono gli elementi di una pagina web che influenzano il posizionamento dei motori di ricerca.

Ma ecco il punto:

come abbiamo visto prima, i fattori on-page vengono spesso oscurati da fattori off-site come il dominio e l’autorità a livello di pagina:

Backlink vs fattori di posizionamento sulla pagina

Mentre gli elementi on-page hanno un impatto relativamente piccolo rispetto alle metriche dei link, influenzano comunque le classifiche e hanno un grande impatto sull’esperienza dell’utente.

Indica a Google:

1. Qual è la tua pagina (pertinenza)
2. Quali parole chiave vuoi classificare (targeting)
3. Quanto prezioso è il tuo contenuto (qualità)

Il SEO in-page è veloce da implementare e sotto il tuo controllo diretto. Rispetto agli sforzi off-page come la costruzione di link che richiedono mesi o anni per essere eseguiti e vengono con molte variabili mobili (ad esempio: chi risponderà alla tua email di sensibilizzazione?).

Quindi, quali sono i più importanti fattori di posizionamento SEO sulla pagina?

Ecco cosa ha scoperto lo stesso studio Ahrefs:

Fattori di posizionamento sulla pagina

Hai pochissimo controllo sui primi due fattori:

  1. Parola chiave nel nome di dominio;
  2. Età della pagina

Quindi, vorrai focalizzare la maggior parte della tua attenzione sugli altri elementi elencati nel grafico. 

Nota del redattore:
tratteremo alcune delle principali ottimizzazioni on-page in questo caso di studio, ma se vuoi approfondire le immersioni, dai un’occhiata a questo checklist SEO on-page approfondito.

GIF di foglio di automazione a pagina

Ho anche fornito un modello per aiutarti a risolvere e automatizzare alcune delle più noiose ottimizzazioni on-page. 

Ok:

inizio del Let con le ottimizzazioni più veloci: posizionamento strategico di parole chiave primarie e secondarie.

1) Posizionamento della parola chiave target

Tag del titolo:  il tag del titolo è il più importante fattore SEO sulla pagina per quanto riguarda il posizionamento delle parole chiave. Cerca di ottenere una variante di parola chiave esatta o semantica vicino alla parte anteriore del tag del titolo.

Se stai usando WordPress, è facile inserire la tua parola chiave nel titolo SEO, nell’URL e nella meta descrizione.

Innanzitutto, installa il plugin WordPress SEO by Yoast .

Apri l’editor di pagine e scorri verso il basso fino alla casella “Yoast SEO”.

Modifica il titolo SEO / meta description e ottieni un’anteprima di come apparirà la tua SERP.

URL: assicurati di avere un URL breve e descrittivo.

Google ha dichiarato che le prime 3-5 parole nell’URL sono ponderate come un fattore di classificazione della ricerca. Se possibile, includi la parola chiave a corrispondenza esatta all’inizio dell’URL.

Oltre ad aiutare i motori di ricerca a comprendere i tuoi contenuti, gli URL descrittivi aumenteranno anche la probabilità che gli utenti facciano clic sui risultati della ricerca.

Dai un’occhiata a questo URL:

https://www.medicalnewstoday.com/articles/67291.php

A valore nominale, non hai idea se il contenuto ha qualcosa a che fare con ciò che stai cercando.

Ora guarda questo:

Esempio di URL descrittivo

È un URL descrittivo che ti dice esattamente cosa aspettarti sulla pagina: una guida su come far volare i quadricotteri. 

Nota del redattore:
ci sono un paio di cose da considerare qui:

1) Cosa succede se sto cercando di riavviare un asset esistente e l’URL non contiene la parola chiave?

Mantieni lo stesso URL. Nella mia esperienza, il rischio supera il premio quando si tratta di cambiare i percorsi URL al solo scopo di posizionare le parole chiave.

2) Cosa succede se la tua attuale struttura del permalink non accetta URL descrittivi come questo?

Non preoccuparti troppo di questo. Tieni l’URL il più breve e descrittivo possibile. 

Credo che sia un fattore di classifica molto piccolo. Quindi non è qualcosa che proverei davvero a forzare. E non è qualcosa che direi che vale anche la pena di ristrutturare il tuo sito solo per poter ottenere parole chiave nel tuo URL.

– John Mueller

Prime 100 parole : includi la tua parola chiave target (o una variante simile) da qualche parte nel primo paragrafo della tua copia del corpo:

Parole chiave utilizzate nelle prime 100 parole

Tag di intestazione: assicurati che il titolo del post del tuo blog sia racchiuso in un tag H1. Google vede il tag H1 come titolo del tuo post e aiuta i robot a capire rapidamente l’argomento del tuo post.

Cerca di includere varianti di parole chiave sematiche e secondarie nei tag H2 e H3 all’interno del post.

Inoltre, cospargeteli attraverso i collegamenti di navigazione nel testo:

Google non è in grado di leggere le immagini, quindi includi le parole chiave target nel testo alternativo dell’immagine in modo che Google possa capire di cosa si tratta.

Nota : NON inserire parole chiave nel testo alternativo. Invece, scrivi il testo alternativo in un modo che descriva accuratamente di cosa tratta l’immagine. Mantienilo naturale.

Ottimizza il testo alternativo dell'immagine

Infine, posiziona alcune volte le varianti delle parole chiave in tutto il contenuto del corpo.

2) Variazioni di parole chiave secondarie (LSI)

Le parole chiave LSI sono sinonimi utilizzati da Google per determinare la pertinenza della pagina (e talvolta la qualità).

L’inclusione di LSI non solo può aiutare a migliorare la pertinenza, ma può anche aiutare a espandere il footprint delle parole chiave e il potenziale di traffico organico.

Ad esempio:

“Come pilotare un quadricottero in un cerchio” rispetto a “come pilotare un quadricottero”.

Esempi di parole chiave semantiche nei contenuti

Nota : questa sezione del post include anche varianti come orario, antiorario e ruota.

Anche se gli strumenti di ricerca per parole chiave non mostrano alcun volume di ricerca per le varianti, dovresti comunque inserirli nei contenuti per rilevanza e per assicurarti di non ottimizzare troppo le parole chiave a corrispondenza esatta.

Se scrivi contenuti di forma estesa, è probabile che includerai naturalmente parole chiave LSI nei tuoi contenuti.

Successivamente, assicurati di includere le parole chiave correlate per le quali desideri classificare.

Posizionali uno o due volte nel contenuto corporeo:

Sottotitoli:

Semantica in sottotitoli

E collegamenti di navigazione nel testo:

Parole chiave semantiche all'interno di collegamenti nel testo
3) Multi media

Il testo può fare solo così tanto.

Coinvolgere immagini, video, schermate e altri contenuti multimediali può aumentare il tempo sul sito, la profondità di scorrimento e la frequenza di rimbalzo: tre parametri comportamentali utilizzati da Google per misurare la qualità dei contenuti.

I media aumenteranno anche il valore percepito dei tuoi contenuti: ciò significa che più persone condivideranno o collegheranno ai tuoi contenuti.

Assicurati di includere immagini utili:

Esempio visivo

E video:

Esempio di risorsa video
4) Collegamenti esterni

Non collegarsi a risorse esterne (di qualità) è un errore comune nella pagina. Molte persone temono di farlo per evitare “perdite di autorità”, quando in realtà il collegamento a contenuti correlati è un segnale di pertinenza di Google.

Può segnalare a Google che i tuoi contenuti sono un hub di informazioni di qualità relative a un determinato argomento.

Nota : l’aggiunta di collegamenti a risorse esterne di qualità di argomenti specifici nel tuo articolo è anche un ottimo modo per migliorare l’esperienza dell’utente.

Durante l’ottimizzazione della guida quadcopter, ho notato che molti dei top ranking concorrenti non sono stati collega ad eventuali altre risorse.

Ho fatto il contrario 🙂

Esempio di collegamento esterno

Scorri i tuoi contenuti e trova alcuni luoghi per collegarti alla classifica degli articoli più pertinenti per la tua parola chiave.

Nota : raggiungi ciascuno dei siti a cui fai riferimento nel tuo articolo. Dal momento che hai dato loro un link, probabilmente ricambieranno almeno condividendo il tuo articolo con il loro pubblico.

5) Collegamenti interni

L’aggiunta di collegamenti interni è uno dei modi più semplici per incanalare il traffico e l’autorità su nuovi contenuti: 

Esempi di collegamenti interni

Nota dell’editore:
ecco un paio di modi rapidi per trovare opportunità di link interni di alto valore:

1) Traffico : vai su Comportamento> Contenuto del sito> Rapporto Tutte le pagine in Google Analytics:

Rapporto sulle pagine principali di Google Analytics

Questo rapporto mostrerà le singole pagine del tuo sito che hanno ricevuto più traffico in un determinato periodo di tempo. Aggiungi un link interno verso la parte superiore dell’asset per indirizzare parte del traffico verso il tuo nuovo contenuto.

2) Autorità : inserisci il tuo dominio in Ahrefs Site Explorer e vai al rapporto “Best by Links”:

Rapporto Ahrefs Best by Links

Ordina la colonna Domini di riferimento (RD) in ordine decrescente per trovare le pagine più autorevoli sul tuo sito. Effettua la scansione dell’elenco e cerca i contenuti correlati in cui avrebbe senso aggiungere un collegamento interno. Questo è un modo rapido per dare una spinta rapida all’autorità a livello di pagina. 

6) Velocità sito / carico

Hai mai cliccato su un risultato di ricerca e la pagina impiega un’eternità per caricarsi?

È uno dei modi più veloci per indurre i potenziali lettori a premere il pulsante Indietro e tornare alla SERP per leggere un risultato diverso.

In effetti, Google ha scoperto che il 53% degli utenti abbandonerà una pagina se il caricamento richiede più di 3 secondi.

Google monitora questo comportamento e lo utilizza come fattore di ranking dal 2010.

E, a luglio di quest’anno, Google ha annunciato che avrebbe finalmente iniziato a utilizzare la velocità della pagina mobile come fattore di ranking nei risultati di ricerca mobile:

Google Webmaster Central post

SEMrush ha condotto uno studio e ha scoperto che tre dei quattro principali fattori di classificazione sono direttamente correlati all’esperienza di un utente sul tuo sito:

Studio dei fattori di classificazione di SEMrush

Esperienza utente e classifiche a parte, la bassa velocità della pagina è un ENORME killer di conversione.

SOASTA ha riscontrato che un ritardo di un secondo nella risposta della pagina può ridurre le conversioni fino al 27%:

Studio della velocità di carico SOASTA

Per migliorare la velocità della pagina, utilizza lo strumento gratuito PageSpeed ​​Insights di Google per analizzare la tua pagina e identificare le aree da ottimizzare:

Strumento Google Page Speed ​​Insights

Ecco alcune semplici cose che dovresti fare per migliorare la velocità di caricamento della pagina:

1. Comprimi immagini: usa un plugin SEO come WPSmush o Shortpixel per comprimere automaticamente le immagini e ridurre le dimensioni dei file senza perdere la qualità.

2. Usa un CDN : usa uno strumento gratuito come Cloudflare per ospitare i tuoi contenuti su server distribuiti geograficamente in modo che le persone in qualsiasi parte del mondo possano accedere rapidamente ai tuoi contenuti:

CDN

Fonte )

3. Abilita la memorizzazione nella cache: usa un plug-in gratuito come W3 Total Cache per creare una versione statica dei tuoi contenuti che il browser web può caricare velocemente. Dai un’occhiata a questa guida per le istruzioni di installazione.

7) Formattazione e leggibilità

Quale contenuto preferiresti leggere?

Esempi di contenuti leggibili

Nessun problema, vero?

Il primo esempio spezza il testo con le migliori pratiche di formattazione come frasi più brevi, elenchi e dimensioni dei caratteri diverse per creare un contenuto più “scansionabile”.

Ogni capitolo della nostra guida quadricottero utilizza best practice simili per aumentare la leggibilità:

Esempio di buona formattazione del contenuto

Ok: una

volta che il SEO in-page è completamente ottimizzato, è tempo di spostare la tua attenzione verso la conversione di tutto il nuovo traffico organico in abbonati e-mail (lead). 

Passaggio n. 4: trasforma il traffico in abbonati e-mail

La creazione di un elenco e-mail dovrebbe essere la priorità n. 1.

Perché?

Perché il 98% dei visitatori lascerà il tuo sito senza convertirsi.

E il consumatore medio avrà 7 punti di contatto con il tuo marchio o prodotto prima di acquistare.

Costruire una mailing list è fondamentale se vuoi essere in grado di coinvolgere continuamente il tuo pubblico, stabilire una relazione e alla fine convertirli in clienti paganti.

Ecco la semplice formula in 3 passaggi UAV Coach utilizzata per raccogliere migliaia di abbonati e-mail:

1. C reate un magnete principale
2. Configurare gli strumenti di costruzione dell’elenco
3. Impostare la consegna automatica

1) Crea il tuo magnete al piombo

Un magnete principale è quando offri qualcosa di valore a un lettore in cambio del suo indirizzo e-mail.

Alcuni esempi comuni:

  • Ebook gratuiti
  • Prove gratuite
  • Liste di controllo
  • mappe mentali
  • infografica
  • Brevi video

In questo video, Robbie mostra come trasformare i vecchi contenuti in un magnete principale ad alta conversione in 13 secondi:

Ecco la versione PDF dell’articolo che abbiamo usato come magnete al piombo:

Magnete in piombo PDF

Niente di speciale, ma come vedrai di seguito, ha funzionato MOLTO bene!

2) Ottimizza il tuo sito Web per l’acquisizione di lead

Questo passaggio prevede l’inserimento strategico di moduli di attivazione in punti di contatto ad alta visibilità in tutto il sito.

Esistono molti tipi di moduli diversi da utilizzare per questo:

E altro ancora …

Nota del redattore:
se stai cercando uno strumento di costruzione di elenchi solido che ti permetta di impostare rapidamente, testare e integrare tutti questi tipi di moduli con il tuo software di email marketing, ti consiglio i seguenti strumenti:

Thrive Leads : il mio strumento preferito per la creazione di elenchi. Ho usato il plugin WordPress per raccogliere migliaia di abbonati e-mail negli ultimi 3 anni. Dai un’occhiata alla mia recensione completa qui .

Sumo : un altro ottimo strumento per la creazione di elenchi. Uso la versione gratuita per acquisire i miei primi 4.635 abbonati e-mail . 

ConvertKit : questo è lo strumento che utilizzo per gestire tutte le sequenze e le automazioni di email marketing per la mia attività. 

Informativa completa: sono un affiliato per ciascuno degli strumenti sopra menzionati. Promuovo solo prodotti che uso personalmente per gestire le mie attività. Se acquisti un abbonamento tramite uno dei miei link, riceverò una commissione senza costi aggiuntivi per te. Questo è uno dei modi in cui finisco per gestire questo blog. 

Per l’articolo su quadricoptero abbiamo scelto due tattiche:

1. Popup
2. Casella di piombo In

primo luogo, abbiamo usato l’ app Sumo List Builder per creare questo modulo pop-up:

Come puoi vedere, la nostra proposta di valore è quella di unirsi alla comunità e ricevere un PDF gratuito della guida.

Si apre 12 secondi dopo l’arrivo di un visitatore e non viene mostrato allo stesso visitatore più di una volta ogni 24 ore:

Targeting per generatore di elenchi

converte al 5,12% :

Tassi di conversione del generatore di elenchi

Abbiamo quindi utilizzato l’app Sumo Leads per creare un leadbox che consegna il PDF all’interno del contenuto.

Quando i lettori fanno clic sul pulsante:

Viene visualizzata una finestra di opt-in:

Si converte il 20-50% delle persone cliccando sul pulsante:

Tassi di conversione delle app principali

3) Fornire automaticamente magnete principale a nuovi abbonati

Ho buone notizie e cattive notizie.

La buona notizia:

qualcuno ha inserito il proprio indirizzo e-mail per accedere al magnete principale.

Le cattive notizie:

non sono ancora nella tua mailing list.

Hai ancora due cose da fare dopo che un lettore ha premuto il pulsante “Iscriviti”:

1. Fagli confermare il loro indirizzo e-mail (doppio opt-in)
2. Fornisci il magnete principale

Fortunatamente, puoi automatizzare l’intero processo.

Ecco come funziona: l’

abbonato inserisce la posta elettronica e viene reindirizzato a una pagina di conferma personalizzata come questa:

Esempio di pagina di conferma e-mail

L’obiettivo di questa pagina è assicurarsi che le persone stiano facendo clic sul collegamento nell’e-mail di conferma che si invia loro:

Email di conferma

Email di conferma inviata tramite ConvertKit dopo che qualcuno si è unito alla lista d’attesa di SEO Playbook. 

Ciò garantirà la doppia attivazione.

Una volta che il lettore fa clic sul collegamento di conferma, viene reindirizzato a una pagina in cui è possibile visualizzare o scaricare il magnete principale:

Pagina di destinazione creata con il plug-in WordPress di Thrive Content Builder . 

Passaggio n. 5: promozione dei contenuti

A seconda del livello di competizione, possono essere necessari mesi per raggiungere la prima pagina.

Nelle fasi iniziali, è importante dedicare tempo alla promozione dei contenuti per generare traffico iniziale, coinvolgimento e (potenzialmente) collegamenti.

Ecco quattro UAV tattiche utilizzabili per promuovere la guida quadricottero:

  1. quora
  2. Forum di marketing
  3. Social media automation
  4. Scoop.it

Guidiamo un po ‘di traffico …

1) Le mie domande su Quora

Quora è un enorme sito Web di domande e risposte e uno dei più visitati del pianeta.

È anche una delle nostre principali fonti di traffico di riferimento:

Quora referral traffic in Google Analytics

I thread di Quora possono rimanere attivi per mesi o addirittura anni, generando un flusso passivo di traffico organico verso i tuoi contenuti.

Ecco come indirizzare il traffico da Quora: per

prima cosa, vai a Quora e crea un account. Compila il profilo – headshot, descrizione, interessi, ecc:

Compilazione del profilo Quora

Fai una ricerca nella barra in alto per un argomento relativo alla tua nicchia. Verrà visualizzato un elenco di thread che contengono la tua parola chiave:

Cercando all'interno di Quora

Fai clic su tutti i thread in cui i tuoi contenuti potrebbero aiutarti a rispondere a una domanda.

Scrivi una risposta approfondita con un link al tuo contenuto alla fine. Incornicialo come una risorsa in grado di rispondere pienamente alla loro domanda.

Ecco una delle risposte di Alan Quora che ha ricevuto oltre 4.800 visualizzazioni e inviato molto traffico di riferimento mirato alla guida quadricottero:

Rispondere a una domanda in Quora

Le risposte approfondite sono più affidabili e in genere funzionano meglio della pubblicazione del tuo link.

Continua a partecipare alle discussioni e a rispondere alle domande per diversi termini di ricerca e indirizzerai un traffico costante verso il tuo articolo!

Profilo di Alan Perlman con 55 risposte

La prima settimana dopo la pubblicazione, abbiamo trascorso 1-2 ore al giorno a promuovere la guida nei relativi thread di Quora. E continuiamo a cercare nuovi thread per promuoverlo ogni settimana.

Nota del redattore : i grandi siti di domande e risposte come Quora hanno discussioni che si posizionano nelle prime 3 posizioni per milioni di parole chiave ad alto traffico:

Le prime 3 classifiche per parole chiave

Puoi spostare le classifiche e riportare carichi di traffico di riferimento mirato sul tuo sito.

Ecco come farlo:

vai su SEMrush , inserisci quora.com nella casella di ricerca, quindi vai al SEO Toolkit >> Ricerca organica >> Rapporto posizioni :

Analizzare Quora all'interno di SEMrush

Vedrai che Quora si posiziona per oltre 29 milioni di parole chiave diverse!

Ma: la

maggior parte di queste parole chiave non sono pertinenti o non si posizionano nelle prime 5 posizioni.

Per assicurarti di scegliere come target conversazioni che sono (1) pertinenti e (2) hanno un potenziale di traffico, imposta i seguenti filtri:

Ciò ha restituito 364 diversi thread Quora relativi all’argomento drone che si trovano attualmente nelle prime 5 posizioni di ricerca:

Discussioni diverse da scegliere come target in Quora

Inizia con le discussioni più pertinenti e ad alto traffico e procedi in fondo all’elenco. 

2) Sfrutta il marketing del forum

Proprio come Quora, i forum sono pieni di persone che discutono di argomenti diversi.

Sono i luoghi perfetti per promuovere i tuoi contenuti.

Usa queste stringhe di ricerca per trovare forum nella tua nicchia:

“Parola chiave” + “forum”
“Parola chiave” + “powered by vBulletin”

Questo dovrebbe far apparire un elenco di forum tra cui scegliere

Obiettivi del forum nelle SERP

Vai a un forum pertinente e utilizza le seguenti statistiche per valutare l’attività (e il potenziale di traffico):

  • discussioni
  • messaggi
  • Visualizzazioni
  • risposte
Esempi di thread del forum impegnati

Maggiore coinvolgimento = grande potenziale di traffico.

Crea un account e modifica la tua firma:

Esempio di commento nel forum

Scrivi una descrizione convincente sulla tua pagina che attiri il clic.

Successivamente, passa attraverso i thread del forum e rispondi alle domande correlate (simili a Quora).

Tranne questa volta, non è necessario collegarsi direttamente al tuo articolo perché è nella tua firma:

Esempio di firma del forum

Man mano che diventi un membro attivo, inizierai a posizionarti come autorità. 

3) Configurare l’automazione dei social media

Abbiamo configurato Buffer per condividere la guida due volte nella prima settimana su ciascuno dei nostri principali canali di social media – Facebook e Twitter – e una volta alla settimana per un mese dopo.

Ecco come farlo:

Innanzitutto, registrati su Buffer e inserisci il tuo account:

Immagine dell'app Buffer

Fai clic all’interno di “Cosa vuoi condividere?” scatola. Scrivi un tweet (o un altro tipo di post social) e includi un link al tuo articolo alla fine:

Pianificazione del contenuto nel buffer

Fai clic sulla freccia accanto a “Aggiungi alla coda” e “Pianifica post”:

Pianificazione del contenuto nel buffer

Crea un altro post, modifica il testo e programmalo di nuovo per qualche tempo quella settimana.

Risciacquare e ripetere una volta alla settimana per un mese dopo.

Ciò dovrebbe aiutarti a ottenere un flusso costante di traffico e segnali sociali sulla pagina.

Nota : se disponi di una guida per moduli lunghi con più sezioni, capitoli o suggerimenti, promuovi ognuno di essi come post di social media autonomo per ottenere più miglia dai tuoi contenuti.

Ad esempio:

Ahrefs lo fa molto con i suoi articoli:

Ogni suggerimento è condiviso come un post separato, ma indirizza comunque gli utenti allo stesso post. Questo aiuta a evitare l’affaticamento del messaggio.

Abbiamo usato questa stessa strategia con la guida quadricottero promuovendo ciascuno dei 17 capitoli come post social separato. 

4) Invia contenuti alle pagine di Scoop.it

Scoop.it è una piattaforma di curation dei contenuti. Le persone creano le proprie pagine per raccogliere i migliori contenuti che trovano su un determinato argomento / settore.

La maggior parte delle pagine ha una funzione “Suggerisci”:

Suggerimenti di contenuti in Scoop.it

Puoi suggerire un contenuto al proprietario e, se a loro piace, lo condivideranno sulla loro pagina.

Queste pagine sono visitate regolarmente da centinaia di appassionati del settore che desiderano rimanere aggiornati con le informazioni più recenti (e condividerle con l’integrazione dei social media integrata nella piattaforma).

Ecco come abbiamo promosso la guida su Scoop.it:

crea un account ed esegui una ricerca nella barra in alto per un termine relativo ai tuoi contenuti:

Pagine di Quadcopter Scoop.it

Il risultato predefinito è un elenco di “Scoop” o post specifici, ma si desidera “Argomenti”:

verrà visualizzato un elenco di pagine correlate all’argomento / parola chiave principale. Passa il mouse sopra i risultati per vedere il numero di visualizzazioni.

Fai clic su quelli che sembrano pertinenti e cerca la casella dei suggerimenti:

Se non è presente, l’host ha deciso di non accettare suggerimenti. Passa a un’altra pagina.

Se è lì, copia e incolla il tuo URL nella casella e premi “Suggerisci”.

Adatta l’immagine alle dimensioni che desideri (mi piace andare a schermo intero):

Questo è tutto! Il proprietario della pagina esaminerà il tuo post e deciderà se includerlo o meno.

Risciacqua la ripetizione dell’annuncio fino a raggiungere il limite giornaliero di suggerimenti (7).

Scoop.it è un modo semplice e veloce per creare collegamenti e ottenere l’esposizione iniziale per i tuoi contenuti.

A proposito di link …

La parte finale di questo caso di studio analizzerà il modo in cui abbiamo creato backlink per la guida dei quadricotteri, il che ci ha aiutato a portarlo al primo posto in Google.

Passaggio n. 6: costruisci backlink ( 4 tattiche utilizzabili )

Uno studio su 1 milione di risultati SERP ha rilevato che il numero di domini collegati a una pagina correlata con classifiche elevate è più di qualsiasi altro fattore:

Grafico che mostra l'impatto dei backlink sulle classifiche

Anche Google lo ha confermato .

Sapevamo che se volevamo raggiungere la posizione n. 1 dovevamo costruire backlink di qualità per la guida.

Quindi, ci siamo concentrati su questo per 90 giorni dopo che la guida è stata pubblicata:

Metriche dei collegamenti in Ahrefs Site Explorer

Rapporto generale SERP Ahrefs che mostra le metriche dei collegamenti per i primi 10 articoli in classifica. 

Abbiamo creato quasi collegamenti da quasi 100 domini di riferimento unici e stabilito un punteggio di 34 URL.

Entrambe queste metriche sono più alte di qualsiasi altro risultato nella SERP ed è il motivo principale per cui la guida si posiziona al primo posto.

Ecco quattro strategie che abbiamo usato per creare rapidamente collegamenti:

1. Profili di collegamento della concorrenza con ingegneria inversa
2. Divari di collegamento della concorrenza identificati
3. Riassunti settimanali lanciati
4. Pagine di risorse / collegamenti lanciati

Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuno …

1) Profili di collegamento della concorrenza con ingegneria inversa

Abbiamo deciso di trovare tutti i siti che si collegano a contenuti concorrenti (inferiori) e di presentare loro i nostri contenuti.

L’idea qui era che se un sito si fosse collegato a un contenuto correlato in passato, sarebbero anche più propensi al nostro contenuto.

Nota : abbiamo seguito molti dei passaggi elencati nella vasta guida all’analisi del backlink della concorrenza di Robbie . Invece di ripetere tutto qui, ti consiglio di dare un’occhiata per istruzioni più approfondite.

Innanzitutto, inserisci la tua parola chiave principale in Ahrefs Keyword Explorer e scorri verso il basso fino al rapporto di panoramica SERP:

Cerca risultati con un minimo di 20 domini di riferimento.

Fai clic sul numero di Backlink e ti porterà a questo rapporto:

Backlink dei concorrenti di mining in Ahrefs

Imposta i seguenti filtri:

  • One link per domain
  • Dofollow
  • Lingua (inglese nel nostro caso)

Questo ti darà un solido elenco di target di sensibilizzazione.

Ripeti il ​​processo per tutti i risultati con un minimo di 20 domini di riferimento e aggiungi tutti i backlink a un elenco principale. 

Nota del redattore : ridimensionare questa strategia estraendo i risultati SERP per le variazioni delle parole chiave secondarie. 

Ecco un paio di modi rapidi per trovare altri concorrenti da estrarre per opportunità di collegamento:

1) Rapporto sulle parole chiave principali SERP:

vai alla parte destra del rapporto di panoramica SERP e vedrai la colonna Parole chiave principali:

Rapporto di panoramica SERP

Mostra la parola chiave che porta la maggior parte del traffico verso un URL. Spesso, ci sono molte diverse varianti di parole chiave secondarie qui che restituiranno nuovi target di collegamento della concorrenza.

Ripeti la procedura descritta sopra e aggiungi all’elenco dei backlink principali.

2) Rapporto Stessi termini:

inserisci la tua parola chiave principale nell’Explorer parole chiave Ahrefs e vai al rapporto “Stessi termini”:

Avere gli stessi termini riporta in Ahrefs

Fai clic su “Visualizza tutto” e verrai indirizzato a un elenco che contiene tutti i termini della query (in qualsiasi ordine):

Rapporto sulle parole chiave in Ahrefs

Fai clic sul menu a discesa SERP per visualizzare i primi 10 risultati per quella parola chiave:

Nota : sebbene questi articoli possano essere indirizzati a un argomento diverso, li considero comunque buoni target di link secondari. Vale a dire che chiunque colleghi a un articolo su “quanto in alto puoi pilotare un drone” potrebbe anche essere interessato a leggere (e possibilmente a collegarsi a) una guida completa ai quadricotteri volanti.

Usa le due tattiche mostrate sopra per costruire un elenco di oltre 20 articoli da estrarre per i potenziali clienti dei link.

Scarica il modello di monitoraggio e gli script di divulgazione di seguito e avvia la tua campagna per la creazione di link:

2) Lacune identificate per i concorrenti

Abbiamo utilizzato lo strumento Ahrefs Link Intersect per trovare tutti questi siti Web collegati a uno o più dei nostri concorrenti.

L’idea:

se un sito Web è collegato a più concorrenti, ci sono buone probabilità che anche loro prenderebbero in considerazione il collegamento con noi.

Ecco come funziona:

prendi fino a 10 domini / URL concorrenti dalla scheda Prospetti nel modello di monitoraggio (mostrato sopra) e incollali nello strumento Link Intersect.

Aggiungi il tuo dominio / URL nella sezione “Ma non collega a (facoltativo)” :

Ahrefs Link Intersect Tool

Trova le lacune del backlink della concorrenza con lo strumento Ahrefs Link Intersect .

Nota : seleziona “Qualsiasi obiettivo di seguito” dal menu a discesa “Mostrami chi si sta collegando a …” nella parte superiore della tabella.

Fai clic su “Mostra opportunità di collegamento” .

Il rapporto mostrerà tutti i siti Web che collegano a uno o più concorrenti, ma non al tuo dominio / pagina.

Per impostazione predefinita, i domini sono ordinati in base al numero di intersezioni di collegamenti (dal più alto al più basso), ma è possibile ordinare i risultati in base alla valutazione del dominio per far emergere rapidamente i domini più autorevoli che si collegano a più domini / URL concorrenti:

Rapporto che mostra il numero di incroci di collegamento in Ahrefs

Fai clic sul collegamento sotto ciascuno degli URL per visualizzare gli URL e il testo di ancoraggio:

Effettua la scansione dell’elenco e aggiungi eventuali prospetti di collegamento pertinenti e di alta qualità alla scheda appropriata nel modello di monitoraggio dei collegamenti della concorrenza :

Modella gli script nella tua campagna di sensibilizzazione. 

3) Roundup settimanali di lancio

Le raccolte settimanali sono articoli che raccolgono i migliori contenuti di quella settimana in un singolo post.

L’editore trascorre la settimana leggendo e cercando articoli fantastici a cui collegarsi nel post.

È una vittoria. Fornisci un’ottima risorsa per il loro pubblico e in cambio ottieni un link di qualità:

Esempio di ottenere un collegamento in una carrellata settimanale

Tutto quello che devi fare è trovare blog che pubblichino rastrellamenti settimanali (o mensili) e li proponga.

Ecco come farlo: in

primo luogo, utilizzare queste stringhe di ricerca per trovare roundup nella tua nicchia:

“Parola chiave” + “roundup settimanale”
“Keyword” + “roundup link”
“Keyword” + “roundup link settimanale”
“Keyword” + “best articoli della settimana “

Fai clic su” Strumenti di ricerca “→” Sempre “→” Mese passato “:

Esempio di operatori di ricerca utilizzati per trovare riepiloghi settimanali

Ciò restituirà roundup aggiornati attivamente:

Dopo aver trovato alcune raccolte, vai al sito e trova le informazioni di contatto dell’editore.

Invia loro un’e-mail come questa:

Salve [NOME], mi

chiamo [IL TUO NOME] e faccio parte del team di [SITO WEB].

Sto scrivendo per dare un possibile suggerimento sull’articolo per la tua prossima carrellata settimanale [ARGOMENTO].

Ieri ho incontrato la tua carrellata e ne ho ricavato un sacco di valore. Bel lavoro!

Di recente abbiamo pubblicato una guida approfondita a [ARGOMENTO]. Porta le persone attraverso 18 capitoli di formazione passo-passo, nella speranza che, quando applicheranno ogni passo, saranno sulla buona strada per [RISULTATO].

Ecco il link alla guida: [URL]

Ad ogni modo, ho pensato che ti sarebbe piaciuto prenderlo in considerazione per il tuo prossimo roundup.

Continuate così!

Cheers,
[IL NOME]

Se all’editore piacciono i tuoi contenuti, questi verranno mostrati nella prossima carrellata:

Esempio di presentazione di una raccolta di collegamenti

Questo ci ha procurato ottimi collegamenti contestuali su siti di alta autorità.

4) Pagine delle risorse di pitch

Questa è la strategia in cui abbiamo ottenuto la maggior parte dei nostri collegamenti iniziali.

(Ed è anche il modo in cui ho creato uno dei migliori collegamenti che penso che costruirò mai.)

Le pagine delle risorse e dei collegamenti sono simili alle raccolte, in quanto si collegano a molti contenuti utili.

Molti siti li pubblicano per esporre il proprio pubblico a contenuti correlati che non offrono sul proprio sito Web.

Ancora una volta, questi editori cercano tutti una cosa:

contenuti di valore.

Tutto quello che devi fare è raggiungere e presentare i tuoi contenuti.

Ecco come farlo:

Innanzitutto, esegui una ricerca su Google per queste stringhe:

“Parola chiave” + “risorse”
“Parola chiave” + “collegamenti”
“Parola chiave” + “intitle: risorse”
“Parola chiave” + “intitle: collegamenti”
“Parola chiave” + “inurl: risorse”
“Parola chiave” + “inurl: collegamenti”
“Parola chiave” + “intitle: pagina delle risorse”
“Parola chiave” + “intitle: pagina dei collegamenti”

Cerca operatori per trovare pagine di risorse

A differenza delle raccolte settimanali, non è necessario filtrare i risultati in base alla data. Dal momento che queste pagine sono sempreverdi, non importa quando sono state pubblicate.

Quindi, accedi a ciascun sito Web e trova le informazioni di contatto. Quindi inviare a ciascun proprietario di un sito Web un’e-mail come questa:


Ciao [Nome],

stavo controllando [NOME SITO] proprio ora e ho trovato la tua eccellente pagina di risorse [ARGOMENTO].

Faccio parte del team di [SITE NAME] e abbiamo appena pubblicato una guida approfondita che aiuta le persone [BENEFIT].

Ecco il link: [URL]

Volevo chiederti se non ti dispiacerebbe includerci nella tua pagina delle risorse: [URL DELLA LORO PAGINA]

La miglioreremo continuamente per fornire alle persone le informazioni più aggiornate come l’industria si evolve.

In entrambi i casi, a mantenere il grande lavoro 🙂

Cheers,
[IL NOME]

Questa strategia ci ha fornito molti ottimi collegamenti su siti altamente rilevanti nella nostra nicchia.

Esempio di un collegamento alla pagina delle risorse

E su alcuni siti di alta autorità, incluso un collegamento DA 96 del MIT!

(Non potevo crederci.)

Con i nostri forti segnali sulla pagina e questi collegamenti che arrivano direttamente alla pagina, Google ci ha spinto alla prima pagina per la nostra parola chiave target.

Siamo rimasti nelle posizioni 4-10 per alcuni mesi, ma sono sicuro che ti starai chiedendo come abbiamo raggiunto la posizione n. 1.

Analizziamolo:

Come l’allenatore UAV ha raggiunto la posizione n. 1 in Google

La guida quadricoptero alla fine saltò su enormi siti come Mashable e atterrò nella posizione n. 1.

Le campagne iniziali di promozione dei contenuti e di costruzione dei link hanno spinto l’articolo nella prima pagina per la sua parola chiave principale, insieme a centinaia di parole chiave aggiuntive a coda lunga.

Questo ha portato alla guida alcune grandi menzioni e collegamenti naturali:

Caso di studio: guadagnare collegamenti passivi

I forti segnali on-page hanno schiacciato anche tutte le altre risorse concorrenti.

Questo articolo meritava di essere al primo posto.

Era il più approfondito e aggiornato, aveva il miglior mix multimediale (schermate, immagini e video) ed era altamente ottimizzato per la parola chiave target.

Col passare del tempo e i backlink sono stati sottoposti a scansione da parte di Google, la pagina ha iniziato ad aumentare di autorità e gradualmente ha scalato le SERP.

Ora si posiziona nella posizione n. 1 per 205 parole chiave diverse :

Rapporto sulle parole chiave organiche in Ahrefs . 

Insieme a 29 posizionamenti di frammenti in primo piano:

Immagine che mostra il numero di classifiche dei frammenti in primo piano

Questo dimostra quanto Google si fida della pagina, la vede come una delle risorse migliori e vuole che le persone la leggano.

Una chiave da asporto da questo caso di studio SEO

Questa è una strategia SEO scalabile che puoi utilizzare per classificare in QUALSIASI nicchia.

Abbiamo ripetuto questo processo per molte altre parole chiave importanti con risultati simili:


Esempio di classifica n. 1 per drone con videocamera

Case study SEO: classifica per drone economico


E ora il sito si colloca nelle prime 3 posizioni per oltre 3.000 parole chiave !

Grafico che mostra il numero delle prime 3 classifiche per UAV Coach

Ora:

probabilmente non sarai al primo posto per ogni articolo che pubblichi.

Tuttavia, seguendo i passaggi indicati in questo case study SEO, sarai in grado di trovare (e classificare) rapidamente più parole chiave target sulla prima pagina di Google.

Hai domande? Cerchi un consiglio? Lasciami rispondere nei commenti qui sotto 🙂

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close