Cerca

Case study SEO: Come ho incrementato il traffico organico verso un vecchio articolo del 146% in 30 giorni

Case study SEO: come ho incrementato il traffico organico verso un vecchio articolo del 146% in 30 giorni

Vuoi sapere come ho aumentato il traffico organico verso uno dei miei post del 146% in soli 30 giorni?

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

È un segreto SEO che viene trascurato anche dai professionisti SEO più esperti.

In questo articolo, condividerò l’esatto processo in 5 passaggi che ho usato per aumentare il traffico di ricerca per un vecchio articolo che stava perdendo traffico.

Non solo, questo post, originariamente pubblicato a metà 2017, si posizionava nella posizione 5 su Google per le mie parole chiave target. Esattamente un mese dopo, si colloca nella posizione n. 1.

Da allora, ho provato questa tecnica SEO straordinariamente efficace con alcuni dei miei altri post e ha funzionato come per magia.

E in questo post, ti mostrerò esattamente come puoi provare questa tecnica e assistere a risultati fenomenali.

Iniziamo.

Sommario

  • Ispirazione: ottimizzazione storica e rilancio dei contenuti
  • L’esperimento SEO che ha comportato un aumento del traffico di ricerca
  • Il processo in 5 passaggi per classifiche più alte
    • Passaggio 1: identifica il post che necessita di un aggiornamento
    • Passaggio 2: aggiorna i tuoi contenuti con nuove informazioni
    • Passaggio 3: ottimizza le parole chiave target
    • Passaggio 4: aggiungere nuovi elementi visivi
    • Passaggio 5: riavvia il post
  • Bonus Step: ruba i backlink dei tuoi concorrenti
  • Pensieri finali

Ispirazione: ottimizzazione storica e rilancio dei contenuti

Farei un’ingiustizia se non accreditassi i post che mi hanno ispirato a provare questa tecnica. Ci sono stati due post che hanno aperto la strada al mio esperimento SEO.

Il primo era un post di HubSpot intitolato ” La tattica del blog di cui nessuno parla: ottimizzare il passato “.

HubSpot - Post di ottimizzazione storica

Nel post, Pamela Vaughan di HubSpot rivela una strategia di blog chiamata “ottimizzazione storica”.

Ecco come lo definisce:

Ottimizzazione storica significa aggiornare e ottimizzare i tuoi “vecchi” contenuti del blog in modo che siano freschi, aggiornati e abbiano la capacità di generare ancora più conversioni e traffico di ricerca organico di quanto non faccia già.

In altre parole, l’ottimizzazione storica è il processo di rilancio di un vecchio articolo con informazioni nuove e aggiornate nel tentativo di aumentare il traffico di ricerca e le conversioni.

Utilizzando l’ottimizzazione storica, HubSpot è stato in grado di aumentare in media del 106% il numero di visualizzazioni mensili di ricerca organica di vecchi post.

Risultati del rilancio del contenuto HubSpot

Da allora, l’ottimizzazione storica è diventata parte integrante della strategia di blogging di HubSpot e hanno numerosi post sul blog, case study e persino un eBook dedicato al processo.

Il secondo post che mi ha incoraggiato a provare questa tecnica è stato il post di rilancio dei contenuti di Brian Dean chiamato ” Come ottenere il 260,7% di traffico organico in più in 14 giorni “.

Post di rilancio del contenuto di Backlinko

Per inciso, l’articolo storico di ottimizzazione di HubSpot ha ispirato Brian Dean a provare questa tecnica SEO su Backlinko. Entro 2 settimane dall’aggiornamento e dal riavvio di un vecchio post, il traffico organico dei motori di ricerca per quel post è aumentato del 260,7%.

Dopo aver appreso della crescita esponenziale del traffico raggiunta sia da HubSpot sia da Backlinko, sapevo che dovevo provare questa tecnica per vedere se funzionava.

Così è iniziato il mio esperimento SEO …

L’esperimento SEO che ha comportato un aumento del traffico di ricerca

Ho provato questa tecnica SEO per la prima volta con questo articolo :

21 migliori film per imprenditori - Ottimizzazione dei contenuti

Al momento dell’ottimizzazione del post, era in posizione n. 5 per i termini delle parole chiave target, “film per imprenditori”. Stava ottenendo quasi 2.500 visitatori organici mensili, ma avevo notato una tendenza al ribasso nel suo traffico di ricerca negli ultimi 3 mesi.

Sapevo che poteva indirizzare un traffico più organico e avevo il potenziale per posizionarsi al primo posto con alcune modifiche.

Così ho deciso di aggiornare e riavviare l’articolo.

Esattamente un mese dopo, il post sul blog stava ottenendo il 146% di traffico organico in più (ovvero 5.956 visite contro 2.419 visite).

Rapporto sul traffico di Analytics - 99 segnali

Inoltre, l’articolo aveva scalato le classifiche di ricerca. Ora era al primo posto per parole chiave ad alto volume come “film per imprenditori” e “film per imprenditori”, superando concorrenti autorevoli come HubSpot, Imprenditore e Lifehack.

SERP di Google - Posizione n. 1

Quando ho visto il traffico e le classifiche aumentare questo post ricevuto, ero convinto che questa tecnica funzionasse davvero. Così ho deciso di aggiornare e rilanciare altri 5 articoli sul mio blog.

Ecco i risultati:

Giusto. L’ultimo post pubblicato qui ha visto un aumento del 693,44% del traffico di ricerca. Ma ne parleremo più avanti.

Esploriamo innanzitutto il processo in 5 passaggi che mi ha permesso di aumentare il mio traffico organico.

Il processo in 5 passaggi per classifiche più alte

Passaggio 1: identifica il post che necessita di un aggiornamento

Il primo, e forse il più importante, passo è identificare il post sul tuo blog che necessita di un aggiornamento.

Devi scegliere un post che ottenga già una discreta quantità di traffico organico e che sia già in classifica a pagina 1 per le tue parole chiave target.

Questo non vuol dire che i post che si trovano al di fuori della pagina 1 non meritano un aggiornamento. Lo fanno certamente. La mia guida per tenere traccia degli annunci di Facebook in Google Analytics , che ho aggiornato e riavviato, era sconfinata a pagina 2 di Google.

Una volta riavviato, il traffico organico verso la posta è salito alle stelle.

Dati di Google Analytics - Annunci FB

Detto questo, devi dare la priorità. Una volta terminata l’ottimizzazione dei tuoi post organici principali che stanno perdendo traffico, puoi passare agli altri post.

Quindi, come si identificano i post che stanno perdendo traffico organico?

Puoi farlo manualmente scavando nei tuoi dati di Google Analytics per vedere quali pagine hanno prestazioni inferiori.

Oppure potresti utilizzare Animalz Revive Tool , uno strumento gratuito che si sincronizza con i tuoi dati sul traffico di Google Analytics per mostrarti quali dei tuoi post hanno prestazioni inferiori.

Animalz Revive SEO Tool

Devi solo inserire il tuo indirizzo e-mail e entro poche ore Animalz condividerà un rapporto dettagliato che mostra tutte le pagine del tuo sito con il maggior calo di traffico.

Per iniziare, puoi scegliere uno di questi post e passare al punto 2.

Passaggio 2: aggiorna i tuoi contenuti con nuove informazioni

Dopo aver identificato il post che richiede un aggiornamento, il passaggio successivo è aggiornare il tuo articolo con nuove informazioni.

L’articolo “I migliori film per imprenditori” è stato originariamente pubblicato il 26 luglio 2017. All’epoca l’elenco comprendeva solo 14 film. Essendo il appassionato di film che sono, sapevo che avrei potuto aggiungere altro. Inoltre, ci sono state uscite dal 2018 e dal 2019 che potrebbero fare il taglio.

Ho anche notato che gli altri articoli che erano classificati nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP) per i miei termini di parole chiave target avevano solo 10-15 film presenti nei loro elenchi. Quindi sapevo che avrei potuto far risaltare il mio articolo includendo più consigli sui film per gli imprenditori e, eventualmente, superando la mia concorrenza nei risultati di ricerca.

Quindi ho aggiunto altri 7 film all’elenco, completando l’elenco con 21 film.

Ho anche migliorato la struttura dei collegamenti interni aggiungendo collegamenti ad altre risorse rilevanti per gli imprenditori sul mio blog in punti strategici all’interno dell’articolo.

99signals Case Study SEO: link interni

Mi sono anche assicurato che l’articolo fosse ottimizzato per le parole chiave, il che mi porta al mio prossimo passo.

Passaggio 3: ottimizza le parole chiave target

Il prossimo passo è ottimizzare le parole chiave target.

Mi rivolgevo principalmente alle parole chiave “film per imprenditori” e “film per imprenditori”, entrambi con un volume di ricerca globale mensile di 7.300.

Dati di parole chiave SEMrush - Film per imprenditori

Come accennato in precedenza, ero al 5 ° posto per queste parole chiave, quindi sapevo che c’erano margini di miglioramento.

Esistono due elementi cruciali da tenere a mente durante l’ottimizzazione delle parole chiave sul tuo sito:

  1. Frequenza delle parole chiave
  2. Parole chiave LSI

Frequenza delle parole chiave

La frequenza delle parole chiave è il numero di volte in cui le parole chiave target vengono visualizzate nel tuo post.

Ti suggerirei di usare le parole chiave target con parsimonia nei tuoi contenuti. C’è stato un tempo in cui era pratica comune in SEO riempire le parole chiave ovunque nei tuoi contenuti. Google ha posto fine a questa pratica del cappello nero quando ha lanciato l’ aggiornamento dell’algoritmo Panda  nel 2011.

Se in questi giorni ti concedi il ripieno di parole chiave, il tuo sito sarà penalizzato da Google e le tue classifiche di ricerca saranno profondamente influenzate.

Quindi non esagerare con le parole chiave target. Ripeti non più di 2-3 volte nei tuoi contenuti.

Utilizza invece varianti di parole chiave diverse delle parole chiave seed in posizioni strategiche. E usali solo quando sei sicuro che aggiungeranno più profondità e sfumature ai tuoi contenuti.

Il che mi porta al prossimo punto …

Parole chiave LSI

Le parole chiave Latent Semantic Indexing (LSI) sono “sinonimi e termini strettamente correlati” che Google utilizza per determinare la pertinenza e la qualità dei tuoi contenuti. In altre parole, le parole chiave LSI sono frasi strettamente correlate alla parola chiave seed.

Spiegazione delle parole chiave LSI - 99 segnali

Quando si tratta di parole chiave LSI, la comunità SEO è divisa. Alcuni credono che l’aggiunta di parole chiave LSI aiuti Google a capire meglio i tuoi contenuti, mentre altri credono che sia una perdita di tempo.

Nella mia esperienza, ho visto che l’aggiunta di parole chiave LSI aiuta a migliorare le classifiche. E sicuramente ha aiutato in questo caso.

Quando pubblichi articoli di lunga durata, è probabile che utilizzerai naturalmente le parole chiave LSI nei tuoi contenuti.

Detto questo, non fa male ricercare in anticipo le parole chiave LSI ed esaminare metriche di parole chiave diverse per tutte le varianti di parole chiave che verranno eventualmente utilizzate nei tuoi contenuti.

Ho usato lo Strumento magico parole chiave di SEMrush e le ricerche correlate di Google per questa attività, ma puoi trovare parole chiave LSI con qualsiasi strumento di ricerca di parole chiave che stai attualmente utilizzando.

La prima iterazione del mio post è stata a corto di parole chiave LSI. Così ho deciso di cospargere alcune frasi correlate qua e là.

Innanzitutto, ho inserito le mie parole chiave target nello strumento Magia delle parole chiave di SEMrush :

Strumento magico per parole chiave - Variazioni di parole chiave

Ho trovato quasi 300 varianti per le mie parole chiave target, ma in base al contesto del mio post, queste erano le parole chiave che ho finito per usare:

  • “Film che ogni imprenditore dovrebbe guardare”
  • “Migliori film biografici”
  • “I migliori film per imprenditori”
  • “Film ispiratori per imprenditori”
  • “I migliori film di avvio”

Successivamente, ho fornito una ricerca su Google e ho trovato queste ricerche correlate proprio nella parte inferiore della pagina 1:

SERP di Google - Ricerche correlate

Dato che avevo già ricevuto alcune convalide da SEMrush in precedenza, ho finito per usare un paio di volte i termini della parola “film ispiratori per gli imprenditori” nei miei contenuti.

Nota sul sito: se desideri esplorare le funzionalità chiave di SEMrush, accedi gratuitamente al piano GURU di SEMrush per 30 giorni facendo clic qui (per un valore di $ 199,95)

Passaggio 4: aggiungere nuovi elementi visivi

L’aggiunta di elementi visivi ai tuoi contenuti è fondamentale per aumentare il coinvolgimento e migliorare l’esperienza dell’utente sul tuo sito.

Se utilizzate in modo strategico, immagini e video possono integrare i tuoi contenuti e fornire un’interruzione visiva dal testo.

Le metriche di coinvolgimento per l’articolo che stavo aggiornando erano già abbastanza buone, ma sapevo che c’era un grande cambiamento che potevo fare, cioè cambiare la grafica principale del blog o l’immagine in primo piano per il post.

Quando ho pubblicato questo articolo per la prima volta nel 2017, stavo progettando personalmente la grafica del blog usando strumenti di progettazione online come Canva e Venngage . Da allora, il mio blog ha subito un’importante revisione del design e esternalizzo gran parte del mio lavoro di progettazione a Design Pickle .

Come nel caso della maggior parte delle altre immagini in primo piano sul mio blog, ho affidato al mio designer dedicato a Design Pickle di reinventare l’immagine in primo piano di questo articolo.

Blog Graphic - Prima e dopoCome puoi vedere, c’è una notevole differenza in termini di qualità di questi design. Chiaramente, quest’ultimo è stato progettato da un designer professionista con anni di esperienza.

Ora non sto suggerendo di assumere un designer dedicato per il tuo blog (anche se ciò può aiutare). Quello che sto suggerendo è che aggiungi immagini uniche, schermate e persino video per elaborare alcuni dei tuoi punti.

Con alcuni dei miei altri post in cui l’argomento è un po ‘più complesso, ho usato grafica e schermate esplicative ovunque pertinente, come in questo post qui:

Aggiunta di elementi visivi - Riavvio del contenuto

Assicurati quindi che l’articolo aggiornato contenga elementi visivi nuovi e migliorati per aumentare il coinvolgimento degli utenti e il tempo di permanenza sul tuo sito.

Passaggio 5: riavvia il post

Una volta che il tuo post aggiornato è pronto, è il momento di riavviarlo.

Ecco un passaggio importante: è necessario modificare la data “pubblicata” del tuo articolo. Questa piccola modifica non solo assicurerà che il tuo post aggiornato sia nella parte superiore del feed del tuo blog, ma la data “pubblicata” verrà evidenziata anche nelle pagine dei risultati di ricerca.

SERP di Google - Data di pubblicazione

Nessuno vuole atterrare su un articolo obsoleto. Dato che hai aggiornato il tuo articolo con informazioni nuove e aggiornate, è logico che stai cambiando la data “pubblicata”.

Quasi tutti i principali blog e pubblicazioni seguono questa pratica. In realtà, fa parte della strategia di base di Ahrefs.

Tim Soulo

@timsoulo

I absolutely love how @ahrefs new Content Explorer tool exposes how much our team works on updating/republishing our old content VS publishing new stuff 😇 💪

Do you know any other blogs that are so committed to keeping their content fresh & awesome? 🙂

View image on Twitter
See Tim Soulo’s other Tweets

Assicurati di aggiungere una nota alla fine dell’articolo in modo che i tuoi lettori sappiano che è un post aggiornato.

Articolo aggiornato - Nota dell'editore

Per cambiare la tua data “pubblicata” su WordPress, vai alla sezione “Pubblica” del tuo post, fai clic su modifica, cambia la data oggi e fai clic su “Aggiorna”.

Modifica della data di pubblicazione di WordPress

Questo è tutto. Sei pronto.

Una volta terminato l’aggiornamento e il riavvio dell’articolo, è possibile tornare al passaggio 1 e ripetere di nuovo l’intero processo per altri post di blog con prestazioni inferiori alle SERP.

Bonus Step: ruba i backlink dei tuoi concorrenti

A volte un buon contenuto non ha bisogno di backlink autorevoli per classificare. Con questo articolo specifico, questo è stato certamente il caso in cui sono stato in grado di posizionarmi sulla pagina 1 di Google senza cercare attivamente di creare backlink. Tutti i collegamenti che attualmente indicano questo articolo sono stati generati in modo naturale.

Forse Matt Cutts aveva sempre ragione …

Matt Cutts su Natural Link Building

Ma non sono sempre stato così fortunato.

Nella maggior parte dei casi, ho dovuto creare backlink autorevoli per iniziare a classificare a pagina 1 per le mie parole chiave target. In tali casi, faccio quasi sempre affidamento su una combinazione di ricerca della concorrenza e sensibilizzazione dei blogger.

Ecco come dovresti procedere:

  • Dai un’occhiata a tutte le pagine di ranking più elevato per le tue parole chiave target. Puoi ottenere questi dati usando SEMrush o Ahrefs
  • Pubblica contenuti migliori della concorrenza come spiegato nel passaggio n. 2. Aggiungi qualcosa di unico come evidenziato nel passaggio 4.
  • Esegui una campagna di sensibilizzazione tramite link inviando e-mail personalizzate a ciascuna pubblicazione / blogger collegata a uno dei tuoi concorrenti. Metti in evidenza alcune cose uniche nei tuoi contenuti e spiega perché i tuoi post sono più approfonditi di quelli della concorrenza. Puoi utilizzare uno di questi strumenti di sensibilizzazione per questa specifica attività.

Non tutti i blogger e le pubblicazioni risponderanno alla tua email. Va bene. Se i tuoi contenuti sono informativi e approfonditi e hai fornito motivi convincenti nella tua e-mail sul motivo per cui dovrebbero collegarsi ai tuoi contenuti, presto raggiungerai il successo nelle tue attività di creazione di link.

La costruzione di link è probabilmente uno degli aspetti più impegnativi della SEO. Ma non è impossibile. Ci vuole tempo, abilità e sforzo per padroneggiare questa tecnica, ma una volta visti i risultati, capirai perché è una delle abilità SEO più ricercate.

Ecco alcune risorse sul mio blog che possono aiutarti con l’analisi della concorrenza e la creazione di link:

  • Come ottenere backlink di alta qualità (25 tecniche collaudate)
  • Come eseguire l’analisi della concorrenza con SEMrush [una guida dettagliata]
  • Come ottenere backlink di alta qualità con infografica

Pensieri finali

Ora che conosci il processo in 5 passaggi per aumentare il traffico organico, è tempo di dare un’occhiata a questa tecnica SEO.

Ma ricorda: l’aggiornamento dei contenuti non dovrebbe mai essere un sostituto per la pubblicazione di nuovi contenuti. Assicurati di aderire a un calendario dei contenuti e pubblica nuovi articoli in modo tempestivo per coinvolgere i tuoi lettori.

Se hai domande su questa tecnica o su uno dei passaggi descritti sopra, lascia un commento qui sotto e sarò felice di rispondere a tutte le tue domande.

Lascia il tuo prezioso commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

[email protected]

Close