Cerca

Case Study (Caso studio) sul SEO per gli E-Commerce: Come abbiamo quadruplicato il traffico e raddoppiato le entrate

Che tu sia un manager di e-commerce o uno specialista SEO, hai investito molto tempo ed energie per elaborare l’approccio delle migliori pratiche per affrontare la ricerca organica per i negozi online.

Una strategia SEO per l’e-commerce

In questo caso di studio, ti mostrerò la mia agenzia The Search Initiative è stata in grado di raddoppiare le entrate creando una strategia personalizzata per uno dei nostri clienti e-commerce che opera all’interno di una piccola nicchia di mobili b2b.

Il mio obiettivo con questo caso di studio è presentarti una vasta gamma di nuove idee che ti aiuteranno a espandere e migliorare il tuo gioco SEO e-commerce e servire meglio i tuoi clienti.

Imparerai le strategie che abbiamo usato per migliorare la UX, la stabilità tecnica, l’ottimizzazione in loco, i contenuti e, naturalmente, i backlink.

L’approccio che descriverò in dettaglio ha visto il nostro cliente di e-commerce aumentare il suo traffico di un enorme 417% in 8 mesi .

Ha anche guadagnato loro $ 48k in entrate mensili aggiuntive coerenti. Ciò li ha portati da generare $ 43ka al mese a $ 91ka al mese, o un aumento del 112% delle entrate complessive .

Iniziato a lavorare con TSI Graph Explorer Raggruppamento di canali predefinito

Contenuti mostra ]

La sfida

Il nostro cliente è nel settore dell’arredamento e delle attrezzature b2b e offre i propri prodotti solo in sedi specifiche nel Regno Unito. Oltre a offrire i loro prodotti in vendita ai clienti, offrono anche i loro prodotti a noleggio.

Pianifica una chiamata-CTA

Il cliente è venuto da noi con solide basi. Avevano già un’attività di e-commerce, un sito Web solido e un marchio eccezionale. Tuttavia, durante la costituzione della loro azienda, SEO non era stata una priorità assoluta.

Creazione di EAT (competenza-autorità-fiducia) e-backlink di e-commerce

Se disponi di un sito di alta qualità e con un forte desiderio di stabilire il tuo marchio (come fa il nostro cliente), il tuo approccio deve essere particolarmente focalizzato sulla crescita sostenibile e a lungo termine. Devi creare contenuti di qualità che rappresentino bene il marchio e guadagnare backlink in modo naturale.

Inoltre, concentrati sulla segnalazione della fiducia nel negozio online e nel marchio dimostrando trasparenza e autorità.

Ci arriveremo più tardi.

Nonostante diverse modifiche dell’algoritmo di base durante la ricerca di Google durante il viaggio, questi obiettivi per i nostri clienti sono stati effettivamente raggiunti.

Ecco come l’abbiamo fatto …

Passaggio 1: Esperienza utente e-commerce

Per godere dei vantaggi di alcune vittorie veloci, concentrati prima sul frutto basso.

L’esperienza utente

Il cliente è venuto da noi con un marchio solido già stabilito e un sito Web dall’aspetto professionale, ma siamo stati in grado di identificare alcune piccole modifiche che hanno creato un’esperienza significativamente migliore per i potenziali clienti.

l'esperienza utente

Cambiamenti visivi

Ottimizza l’esperienza dei visitatori regolando il contrasto del colore (ecco un paio di ottimi strumenti per scegliere i colori del marchio e il contrasto del colore ), regola il posizionamento e la selezione delle immagini e aggiungi zoom e ridimensionamento delle immagini alle pagine dei prodotti per migliorare ulteriormente l’esperienza dell’utente e aumentare la probabilità di generare una conversione.

Ottimizzazione mobile

La maggior parte del traffico Internet proviene ora da dispositivi mobili, quindi l’ottimizzazione locale e mobile è ora cruciale per le piccole imprese.

Apporta queste piccole modifiche al tuo sito che fanno una grande differenza per chi visualizza sul cellulare:

  • Rendere selezionabili i numeri di telefono
  • Rendere selezionabili gli indirizzi e-mail.
  • Aumentare la dimensione del carattere a un minimo di 16 px per gli utenti di dispositivi mobili, come puoi vedere nello screenshot qui sotto.
Dimensione del carattere incerease dell'ottimizzazione per dispositivi mobili Queste piccole modifiche hanno contribuito ad aumentare significativamente le conversioni sui dispositivi mobili.

Passaggio 2: controllo tecnico 

Il fondamento di qualsiasi strategia SEO è l’ottimizzazione tecnica del sito Web e poiché avevamo a che fare con un sito di e-commerce con molte funzioni e pagine, c’erano molte opportunità per identificare e risolvere i problemi tecnici.

Sono i seguenti …

Gestione dell’indice di Google

Ciò includeva la rimozione di tutte le tracce del loro vecchio sito Web dall’indice di Google, la rimozione di duplicati nelle pagine delle categorie, la gestione dell’indice gonfiato , l’aggiunta della loro sitemap XML a robots.txt e la rimozione di meta parole chiave ormai defunte dal loro sito.

Il risultato di questi sforzi consente a Google di concentrarsi sulle pagine che si desidera che si concentrino sulla classifica … non sulle pagine estranee che non si desidera classificare.

Ad esempio, le pagine di accesso del client sono state indicizzate. In alcuni casi, questo tipo di indicizzazione non necessaria può far sì che pagine più preziose vengano espulse dai risultati della ricerca o saltate in una scansione di routine, diluendo così il tuo messaggio.

Pagine HTTP e parametri URL

Abbiamo anche trovato pagine HTTP e parametri URL nell’indice.

I parametri URL sono parametri il cui valore è impostato dinamicamente nell’URL di una pagina.

Ad esempio, potresti avere una barra di ricerca sul tuo sito Web in cui i clienti possono effettuare ricerche nel tuo catalogo.

Ogni volta che i clienti effettuano una ricerca interna, vengono creati nuovi parametri URL, che finiscono per gonfiare l’indice con un sacco di URL come: website.com/category/search?pink+scarf

Per chiarire all’algoritmo di ricerca di Google cosa fanno i diversi parametri URL, specificali in Google Search Console.

Esempio di parametri URL di Search Console

Pulizia delle strategie legacy

Successivamente, abbiamo esaminato tutti i problemi tecnici causati dalle strategie legacy e abbiamo iniziato a ripulirli.

Un esempio di un problema era che il sito includeva meta parole chiave nelle pagine, che sono state considerate defunte da quando Google ha confermato che queste parole chiave definite dall’utente non hanno alcun peso nel loro algoritmo.

Peggio ancora, i concorrenti potrebbero guardare le tue meta parole chiave e trovare un elenco perfetto di parole chiave e nicchie a cui ti rivolgi.

Abbiamo quindi esaminato come il CMS del cliente potrebbe causare problemi senza che nemmeno lo sappiano.

Gestire Magento 2

Il sito del nostro cliente è costruito sulla popolare piattaforma di e-commerce Magento 2, nota per non avere un file robots.txt e sitemap.xml configurato immediatamente.

Abbiamo creato noi stessi la sitemap utilizzando il crawler web di Screaming Frog, aggiunto a robots.txt, inviato a Google Search Console, aiutando così l’algoritmo di ricerca di Google a comprendere meglio il layout del sito del nostro cliente.

magento 2 illustra

Infine, abbiamo risolto un notevole problema a livello di sito. Il sito utilizzava tag canonici che avrebbero dovuto essere autoreferenziali, ma in realtà erano canonicalizzati in diverse pagine.

Questo non è ottimale perché confonde i bot del crawler web di Google, rendendolo un disastro quando si cerca di classificare. Abbiamo ripulito tutto, in modo che Google sapesse esattamente quali pagine dovrebbero essere classificate.

Passaggio 3: costruzione di link interni

Dopo aver effettuato un controllo tecnico, ottenuto alcune vittorie rapide e risolto alcuni problemi relativi all’esperienza utente, iniziare a pensare al miglioramento della struttura dei collegamenti interni.

Aggiunta di collegamenti interni al contenuto esistente

Rapidamente, abbiamo notato che mentre il client aveva un blog sul proprio dominio, c’erano pochissimi contenuti su di esso e gran parte era obsoleto. Inoltre, non c’erano molti collegamenti tra il loro blog, la loro categoria e le pagine dei prodotti … un’enorme opportunità per diffondere il link link e stabilire l’ attualità .

Il nostro piano era quello di creare più contenuti di blog di alta qualità e di ampliarne l’ambito, permettendoci di costruire più collegamenti interni alle pagine pertinenti di prodotti e categorie.

Abbiamo elaborato una strategia di contenuto che prevedeva la produzione di un numero consistente di nuovi contenuti ogni mese e ripercorrevamo tutti i vecchi post del blog, aggiornandoli con collegamenti pertinenti alle pagine dei prodotti e delle categorie.

puzzle di costruzione di link interni

Passeremo al piano di contenuti in modo più dettagliato in seguito, ma per ora, esaminiamo davvero il collegamento interno.

E-commerce Topical Clustering

Crea “cluster di attualità”, che possono essere pensati come gruppi di pagine che parlano di diversi elementi dello stesso argomento chiave.

Ad esempio, “polvere proteica” potrebbe essere il cluster topico. Sarebbe composto da un articolo chiave che speri di classificare per la parola chiave “polvere proteica”, così come molti altri articoli che parlano di argomenti secondari di “polvere proteica”.

Pianifica una chiamata-CTA

Alcuni esempi potrebbero essere “Come preparare i pancake dalla polvere proteica” o “La polvere proteica può aiutarti a perdere peso?” o “10 effetti collaterali delle proteine ​​sintetiche”. Dovresti quindi creare un pezzo di contenuto per ciascuno di questi argomenti secondari e avere ciascun collegamento all’articolo di base usando un testo di ancoraggio vicino a “polvere proteica”.

Usando questa tecnica, sei in grado di passare il valore dagli articoli più piccoli al pezzo principale e hai maggiori possibilità di classificare il pezzo principale per “polvere proteica” in Ricerca Google.

Da questi articoli fondamentali, siamo stati quindi in grado di collegarci alle pagine delle categorie e dei prodotti, aumentando anche la loro autorità percepita.

Cluster topici prima e dopo

Passaggio 4: strategia dei contenuti

Prima di poter implementare una solida strategia di costruzione di backlink esterni, è necessario creare una base di contenuti da utilizzare per supportare la tua sensibilizzazione.

Suggerisco di fornire ai vostri autori le seguenti linee guida per la creazione di contenuti.

Meetup della STI 03

Contenuto sempreverde, algoritmicamente ottimizzato

Concentrati sui contenuti sempreverdi, preferibilmente creando risorse collegabili come infografiche, presentazioni o documenti contenenti approfondimenti del settore.

Un esempio di argomento sempreverde sarebbe “perché le sedie ergonomiche fanno bene alla schiena”. Al contrario, “le migliori sedie nel 2020” non sarebbero sempreverdi, poiché alla fine dell’anno perderà la sua rilevanza.

Nella stessa linea di pensiero, evitare di utilizzare le date nel titolo della pagina, nelle intestazioni o nell’URL.

La qualità e la profondità dei contenuti è assolutamente essenziale da analizzare al giorno d’oggi. Ogni query (parola chiave) deve avere una risposta completa.

Guarda la classifica delle persone a pagina 1. Chiediti:

  • Quante parole hanno scritto? Trova la media e aggiungi il 20% in più.
  • Quali argomenti secondari hanno trattato? Discutendo di “Come perdere il grasso della pancia”, vedrai che è necessario parlare di “evitare i grassi trans”. Fai lo stesso.
  • Che tipo di layout stanno andando? Stanno presentando nelle tabelle? Fai lo stesso.

E non dimenticare, scrivi in ​​modo facile da leggere e senza errori grammaticali.

E-A-T and E-commerce Content

Crea contenuti che fanno riferimento ai tuoi prodotti e servizi in modo da poter incanalare gli utenti verso le tue landing page principali.

Questo è utile per entrambe le conversioni e per le tue classifiche.

strategia di contenuto e-commerce

Google sta diventando sempre più sofisticato, dando sempre più importanza all’importanza del tuo sito Web che mostra competenza, autorità e fiducia (EAT).

Creando contenuti che dimostrano di avere una profonda conoscenza dei prodotti che vendi, stai migliorando le tue possibilità di posizionamento più elevato per le parole chiave pertinenti.

Contenuto e-commerce e intenzioni dell’utente

Garantire che il contenuto corrisponda alle intenzioni dell’utente nell’intera canalizzazione di conversione è un ottimo modo per sensibilizzare il tuo marchio e aiutare con l’acquisizione e la visibilità dei link.

Dato che disponevamo già di un sito Web pieno di contenuti incentrati sulla conversione nella parte inferiore della canalizzazione, dovevamo espanderci verso l’alto. Per gestire le parole chiave incentrate sul confronto, abbiamo aiutato a fornire agli utenti le risposte alle domande più ricercate sui prodotti.

Invece di avere solo pagine di prodotti in polvere proteica, avremmo imbuto pezzi che parlano di “Pro e contro di Protein Powder vs Natural Foods”.

Illustrazione di imbuto di marketing

Tuttavia, questo non era ancora il più alto livello di intento dell’utente che potevamo scegliere come target.

Abbiamo iniziato a creare contenuti per i clienti che non sapevano ancora di aver bisogno dei prodotti e dei servizi dei nostri clienti e, in tal modo, siamo stati in grado di posizionarli come marchio per aiutare l’utente durante la fase di ricerca della ricerca del potenziale cliente.

Un esempio di questo potrebbe essere “5 modi per mantenere un corpo estivo durante tutto l’anno”.

Passaggio 5: ottimizzazione sulla pagina

Successivamente, concentrati sull’analisi dettagliata e sull’ottimizzazione delle singole pagine.

Pagina per pagina di prodotto e categoria Pagina analisi

Qui, abbiamo analizzato ciascuna pagina singolarmente, confrontando quante parole chiave a corrispondenza esatta e parziale erano presenti nella pagina rispetto alle prime 10 pagine di ranking per quella parola chiave in Google.

Per questo, abbiamo usato Surfer SEO .

Abbiamo anche usato lo strumento per vedere quanti backlink comuni avevano i concorrenti nel loro dominio, quante parole chiave avevano nei titoli delle pagine e nei tag H1 e se corrispondevano esattamente o parzialmente.

Abbiamo anche esaminato altre metriche chiave come la velocità di caricamento della pagina rispetto alle pagine di ranking più elevate, il numero di parole nel contenuto e il numero di immagini.

SEOsurfer chiar noleggio uk

Passaggio 6: strategia di costruzione dei collegamenti e-commerce

Spammy Backlink Disavow

Il nostro cliente è venuto da noi con un profilo di backlink esistente abbastanza sottosviluppato, il che significa che non era necessario dedicare troppo tempo alla rimozione di link indesiderati al sito.

I siti di e-commerce possono naturalmente raccogliere molti link come questo nel tempo; perché hanno così tante pagine all’interno dell’indice a cui collegarsi.

Pianifica una chiamata-CTA

Abbiamo rapidamente rinnegato alcuni dei backlink di qualità più bassa utilizzando lo strumento di disconoscimento di Google e quindi rivolto la nostra attenzione ai concorrenti dei nostri clienti.

E-Commerce Competitor Analysis

Usa Ahrefs (o il tuo strumento di backlink preferito) per rivedere i profili di backlink dei tuoi 3 principali concorrenti, che offriranno prodotti simili allo stesso mercato di riferimento.

I siti Web di e-commerce hanno spesso forti concorrenti di marca. Puoi facilmente verificare dove questi marchi ottengono i loro link ed emulare le loro strategie di link per la costruzione del marchio.

Come i tuoi primi obiettivi, cerca i publisher che si collegano ai tuoi concorrenti e hanno valutazioni di dominio elevate e traffico mensile.

Ecco una solida guida su come controllare i domini per i posizionamenti dei collegamenti .

Seguendo questa strategia, abbiamo rapidamente trovato risultati.

Ahref Classifica 01 Ahref Classifica 02 Ahref Classifica 03 Ahref Classifica 04 Ahref Classifica 05

Un profilo di backlink naturale

Era essenziale far crescere il profilo del backlink del tuo dominio in modo naturale, specialmente se disponi di pochi backlink esistenti, come nel caso del nostro cliente.

Con una cronologia precedente, esiste un rischio considerevolmente più elevato di penalizzazione da parte di Google se il tuo approccio non è attento.

Con questo in mente, abbiamo trascorso due mesi a costruire backlink con testi di ancoraggio con marchio sicuro da domini di media qualità (traffico medio medio, traffico medio, ecc.).

e-commerce profilo backlink

Nel terzo mese, una volta stabiliti questi backlink, abbiamo iniziato ad evolvere l’approccio e lentamente abbiamo iniziato a guadagnare backlink con testo di ancoraggio mirato da domini sempre più potenti.

Traffico di riferimento

Ottenere collegamenti da siti che attirano il traffico da soli può effettivamente aumentare il traffico del tuo sito web.

Sì, in realtà è una cosa.

Confrontando le cifre del traffico di riferimento da prima e dopo l’attività, vediamo che c’è stato un aumento del 625% delle entrate provenienti da fonti di riferimento (sulla base dei dati dei clienti).

Mirando ai siti Web rilevanti del settore con il loro traffico esistente, siamo riusciti sia a migliorare il profilo di backlink dei nostri clienti in un aspetto naturale sia a fornire una spinta positiva a un altro canale.

Diffusione infografica

Un’altra strategia che abbiamo usato e che vede ancora grandi risultati è la creazione di infografiche.

Scegli un argomento popolare e fai valere la risorsa.

Per trovare ciò che renderebbe adatta un’infografica adatta, abbiamo esaminato le strategie che avevano funzionato per i nostri concorrenti – un approccio che sarà sempre praticabile finché esiste la SEO.

Ho scritto di questo l’anno scorso come parte delle mie strategie di costruzione di link a cappello bianco scalabili .

Citazioni locali

Abbiamo anche fatto una spinta per ottenere backlink e citazioni da editori locali.

Pianifica una chiamata-CTA

Ciò aiuta gli utenti e l’algoritmo di ricerca di Google a comprendere la posizione dell’azienda, particolarmente importante in quanto il nostro cliente opera in un intervallo geografico limitato.

Risultati back-linking

Per riassumere, vincere in SEO in questi giorni richiede di abbinare e quindi battere il profilo di backlink di ogni concorrente.

Da quando abbiamo collaborato con The Search Initiative , il nostro cliente ha visto una crescita enorme nel numero di domini di riferimento e backlink che puntano al loro sito Web – da poche centinaia a oltre 1.400.

prima

VS

DR41


Risultati della campagna

Spero che tu ti sieda. Questi risultati sono gustosi.

parole

Le parole chiave di alto valore targetizzate per il loro potenziale di guadagno sono aumentate di 1467 posizioni secondo l’agenzia Analytics, il nostro principale strumento di monitoraggio quotidiano.

campione analitico di agenzia 1

E secondo i dati Ahrefs , le parole chiave complessive tra le prime 100 sono aumentate da 391 a 2.494 , con un aumento del 637,8%.

grafico dei risultati delle parole chiave organiche 1

Traffico e entrate organici

La nostra strategia di contenuti ha favorito direttamente il traffico del blog. Il blog ora acquisisce il 222% in più di nuovi utenti e il 74% in più di utenti di ritorno rispetto al passato , il che ovviamente ha aperto un nuovo pool di potenziali clienti.

sessioni di entrate organiche luglio grafico organico dell'utente di ritorno grafico del tasso di aqcuisition

E in termini di traffico in tutto il dominio, abbiamo visto un miglioramento molto piacevole. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (prima che il cliente iniziasse a lavorare con The Search Initiative ), il traffico organico ha registrato un aumento del 417,29% nelle sessioni e un aumento del 452,49% negli utenti.

grafico di riepilogo del sito organico

 

grafico di acquisizione raggruppamento canali predefinito

* In base ai dati interni del cliente, questi aumenti del traffico hanno influito direttamente sull’aumento delle entrate di $ 48.000 in più negli ordini mensili.

Tutto ciò è stato raggiunto in soli 6 mesi.

Ciò li ha portati da generare $ 43ka al mese a $ 91ka al mese, o un aumento complessivo del 112%.

Conclusione

Attraverso questo test, spero di aver illustrato il punto su quanto sia incredibilmente importante costruire contenuti e backlink a un ritmo controllato, in modo naturale.

Il giusto contenuto consente al tuo marchio di e-commerce di mostrare competenza e comunicare l’autorità all’interno della tua nicchia, il che aumenta le tue possibilità di classifica per tonnellate di parole chiave pertinenti, sia nella parte inferiore che superiore della canalizzazione.

Abbiamo anche toccato l’importanza di combinare SEO tecnico, considerazioni sull’esperienza utente e collegamenti interni per ottenere il massimo da tutte le pagine del tuo sito di e-commerce.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close