Cerca

Brand Awareness: 6 suggerimenti per la creazione di una potente strategia dper il tuo Brand

Suggerimenti per aumentare la consapevolezza del marchio

Coca-Cola è il più grande esempio della storia di consapevolezza del marchio. Indipendentemente dal fatto che ti piaccia o meno, è probabile che tu sappia esattamente come appare il logo di Coca-Cola, come è modellata la sua bottiglia di vetro e che è la bevanda preferita di Babbo Natale . Quindi ha senso che i marketer siano incoraggiati a studiare la  Coca-Cola e ad usare quel ” logo iconico e senza tempo ” come ispirazione quando creano i propri progetti. La loro strategia di marca ha superato la prova del tempo. 

Detto questo, la Coca-Cola potrebbe non essere il miglior modello di riferimento del marchio. Per i principianti, la società esiste da 125 anni. E vale 190 miliardi di dollari. E secondo LinkedIn, ha più di 63.000 dipendenti.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Queste sono tre cose che tu e il tuo negozio online non avrete. Almeno non in questo trimestre.

Facciamo quindi un tuffo nel marchio e nello stile del negozio di e-commerce.

  • Innanzitutto, ci occuperemo di alcune cose chiave da tenere a mente mentre costruisci una strategia di marca.
  • Successivamente, vedremo come rendere il rumore una volta deciso cosa significhi il marchio per la tua attività.
  • Quindi concluderemo esaminando alcuni suggerimenti di consapevolezza del marchio attuabili che i negozi di e-commerce come i tuoi possono prendere per aumentare la promozione del marchio.

Per tutto il tempo, studieremo esempi di come le aziende – aziende come la tua, non aziende come la Coca-Cola – hanno dato vita alla consapevolezza del marchio.

Che cos’è la consapevolezza del marchio?

La consapevolezza del marchio è il processo attraverso il quale le aziende di ogni dimensione coltivano il riconoscimento dei loro prodotti e servizi. Le aziende coltivano la consapevolezza del marchio attraverso messaggistica, design, social media, pubblicità e altro ancora.

La consapevolezza del marchio è una parola in voga e ha ispirato innumerevoli libri, tra cui Sticky Branding , Brand Thinking , The Brand Gap e Archetypes in Branding , tra molti altri. E in effetti l’attuazione di strategie di branding e consapevolezza del marchio di successo è abbastanza complessa da giustificare più libri.

Ma se parliamo strettamente di Cos’è la consapevolezza del marchio , non pensiamo troppo: è  la consapevolezza di un marchio. Questo è tutto. Sapere che esiste un marchio e speriamo di avere qualche idea su cosa faccia quel marchio.

Ora, ciò non significa che la consapevolezza del marchio sia facile. Per quanto riguarda le definizioni di parole d’ordine, tuttavia, ce ne sono di più complicate.

La differenza tra consapevolezza del marchio e identità del marchio

Bene, quindi la consapevolezza del marchio è piuttosto semplice: la consapevolezza di un marchio. Cos’è quindi l’identità del marchio?

L’identità del marchio è ciò che la gente pensa quando pensa a un marchio. Quindi, se la consapevolezza del marchio fa rumore su un marchio, allora l’identità del marchio è il contenuto di quel rumore.

Una forte identità di marca suscita sentimenti ed emozioni su un marchio, portando a un’associazione tra il marchio e determinate caratteristiche .

Diamo un’occhiata a un paio di esempi.

Questa è una pubblicità di Apple di anni fa. Ora, chiaramente non possiamo tutti avere la potenza di fuoco del marketing di Apple! Ma ci sono alcune lezioni basilari sull’identità del marchio qui. Roba che non abbiamo bisogno di un budget di marketing di gajillion-dollaro per attuare. 

Apple stava cercando di coltivare un’identità di marca che era fresco . Non è un caso che “Mac Guy” sulla destra sia più giovane, abbia i capelli più lunghi e sia vestito con disinvoltura, la mano appoggiata comodamente nelle tasche. La sua controparte più anziana, nel frattempo, indossa un abito soffocante, si interrompe, e generalmente non è tutto fico.

Ecco un altro fantastico video di marketing del produttore di mobili scandinavo Hem. Qualcuno che vedrà questo video sarà esposto agli elementi principali dell’identità di Hem, ovvero che è elegante, comodo ed elegante.

Se dai un’occhiata alla pagina delle FAQ di Hem , noterai che si descrivono esattamente come ti aspetteresti in base a quel video:

Creiamo design originali insieme alla nostra vasta rete di designer e produttori e, vendendo i nostri prodotti direttamente online, li rendiamo accessibili e accessibili. Innoviamo anche sulle soluzioni di assemblaggio per rendere le cose ancora più facili per te.

Fondamentalmente quel video è la versione cinematografica della loro pagina FAQ. Per inciso, le pagine di video e FAQ sono ottimi modi per costruire un’identità di marca – ne parleremo presto.

Come si misura la consapevolezza del marchio e l’identità del marchio?

Senza sondaggi completi di ricerche di mercato – e non c’è nessuno che abbia tempo per sondaggi completi di ricerche di mercato – può essere difficile misurare l’efficacia della nostra consapevolezza del marchio e le attività di identità del marchio. Dopotutto, non puoi aprire Google Analytics e controllare un rapporto sulla consapevolezza del marchio.

Tuttavia, ci sono cose perfettamente misurabili che puoi guardare per valutare come vanno le tue attività di branding.

Le visualizzazioni di pagina e le impressioni, ad esempio, potrebbero essere il risultato diretto di una strategia di marca, soprattutto se tali visualizzazioni e impressioni provengono da canali utilizzati per il branding.

Puoi anche utilizzare strumenti come Mention e TweetDeck per misurare la quantità di rumore che il tuo marchio sta facendo sui social. Google Alert, nel frattempo, ti consente di misurare le chiacchiere sul tuo marchio sul Web.

Non tutte le impressioni sulle pagine, le condivisioni social o le citazioni sui blog possono essere attribuite alla consapevolezza del marchio. Ma tutti questi numeri dovrebbero spostarsi verso nord man mano che i tuoi sforzi di branding guadagnano forza.

Puoi anche prestare particolare attenzione a quali messaggi di branding stanno spostando l’ago. Se alcuni messaggi risuonano meglio di altri, puoi lasciare che modellino il tuo marketing.

Ad esempio, supponiamo che tu voglia essere conosciuto come un business divertente. Ma ecco, i tuoi annunci di Facebook sulla qualità dei prodotti si stanno convertendo meglio degli annunci divertenti. Potresti nuotare a monte e raddoppiare la divertente messaggistica – oppure potresti puntare sulla qualità del prodotto come punto di vendita perché, ehi, sembra funzionare.

Un’altra cosa da tenere a mente è che le conversioni – le vendite – possono svolgere un ruolo importante nella consapevolezza del marchio e nelle attività di identità del marchio. Per prima cosa, le conversioni – come il traffico e le menzioni – aumenteranno con una strategia di marchio ben eseguita. È fantastico, ovviamente. Ma una vendita non segna il punto finale della popolarità del tuo marchio. È più simile al punto medio. Perché una vendita offre nuove opportunità per aumentare ulteriormente la consapevolezza del marchio.

Una vendita ti dà la possibilità di inviare un’e-mail di follow-up con codici di sconto o di informare il cliente sul tuo programma di referral o di farli iscrivere alla tua newsletter. In breve, una vendita consolida il posto di qualcuno all’interno dell’ecosistema del tuo marchio. E più persone riuscirai a trovare saldamente in quell’ecosistema, maggiori saranno le tue possibilità di aumentare la consapevolezza del tuo marchio.

Quindi la consapevolezza del marchio è misurabile e le vendite sono importanti. Fatto. Ma come lo facciamo ? Ecco alcuni passi che anche i non-Coca-Cola del mondo possono fare.

6 suggerimenti per creare una forte consapevolezza del marchio

1. Identifica ciò che ti rende diverso

La consapevolezza del marchio è consapevolezza di qualcosa. Qual è il tuo qualcosa?

Il primo passo per costruire un’identità di marca è identificare un tratto (o tratti) che ti distingue dalla concorrenza: il tuo USP . Quindi studia la tua competizione. Come definiscono i loro marchi? E altrettanto importante, come non definiscono i loro marchi? Cerca caratteristiche che puoi definire tue.

La biancheria intima negativa fa un ottimo lavoro. Basta guardare la loro pagina “Informazioni”, che dice “Quando ci siamo resi conto che la maggior parte delle aziende di lingerie erano gestite da uomini (non esattamente esperti di reggiseni, giusto?), Abbiamo deciso che le cose dovevano cambiare”.

Quindi hanno identificato un problema con il mercato – che la biancheria intima femminile era dominata dagli uomini – e hanno reso la soluzione a tale problema parte del loro marchio.

Quindi hanno inserito questo USP nella strategia del loro marchio:

identità aziendale“A differenza di gran parte del mondo della lingerie” è una dichiarazione piuttosto forte che questo marchio è diverso.

La biancheria intima negativa incorpora il messaggio “Non crediamo che abbiate bisogno di decorazioni, abbellimenti o spingere verso l’alto” anche in altri aspetti della consapevolezza del loro marchio.

Guarda il loro nome: negativo . Il negativo suggerisce di togliere qualcosa, che qualcosa è stato rimosso. Anche il design è decisamente negativo, con parti di lettere mancanti:

Logo negativo - Cancella strategia del marchioQuesto è un ottimo esempio di un marchio che trova un problema con il mercato e trasforma la sua soluzione in una strategia di marchio.

2. Essere coerenti con il marchio

Le possibilità di interagire con potenziali clienti sono preziose. Se la strategia del tuo marchio è diversa su canali diversi, le persone non saranno in grado di decodificare in cosa consiste il tuo marchio.

La consapevolezza del marchio richiede una messaggistica coerente. E creare un messaggio coerente richiede di mantenere i tuoi canali armonizzati. Ciò significa che il tuo sito Web, sicuramente, ma anche Instagram, Facebook, Twitter, e-mail e altro.

Ad esempio, se costruisci un’identità su quanto il tuo prodotto sia divertente da usare, allora la spensieratezza dovrebbe riportare su tutti i canali. In questo modo, il tuo marchio è ottimizzato per entrambi questi scenari:

  • Qualcuno si imbatte nella messaggistica su uno dei tuoi canali – qualsiasi canale – e vede che il tuo marchio è divertente.
  • Attraverso una combinazione di strategia e fortuna, qualcuno è esposto alla tua messaggistica su più canali. E poiché la messaggistica del marchio su questi canali è sincronizzata, si combinano per creare una campagna quasi gocciolante che rafforza il tuo marchio.

Il negozio di occhiali da sole Sunday Somewhere fa un ottimo lavoro nel mantenere la messaggistica del proprio marchio coerente su tutti i canali. Quel messaggio? Divertiamoci.

Per cominciare, la homepage ti dà il benvenuto con lo slogan “Potremmo ballare per sempre” sovrapposto a un festival – Ruota panoramica e mongolfiera inclusi. Dove mi iscrivo?

Domenica - Brand Awareness MarketingTroverai anche persone che bighellonano sulle amache …

Campagna di sensibilizzazione del marchio di domenica… e rilassante a bordo piscina:

Consapevolezza del marchio di domenicaBene, quindi questo è ciò che riguarda la consapevolezza del marchio per Sunday Somewhere – almeno sul sito Web. E gli altri canali? Bene, è più o meno lo stesso.

Su Instagram vedrai più piscine, qualcuno che sta esplorando (da qui la mappa) e persino un campo da basket galleggiante in Tailandia. Si, per favore.

Account Instagram di domenicaL’atmosfera è la stessa su Facebook: cosa dice “Rilassiamoci … e magari anche una festa” meglio di una pina colada sul mare?

Account Facebook di domenicaInfine, se ti iscrivi alla newsletter di Sunday Somewhere, verrai nuovamente invitato a sognare ad occhi aperti su sole, convertibili e vivere la vita al massimo:

Email con marchio Sunday

Il risultato? Non importa dove qualcuno si imbatta in Sunday Somewhere, saranno accolti con lo stesso messaggio. E se Sunday Somewhere riesce a raggiungere più volte la stessa persona, la coerenza del loro marchio assicura che il loro messaggio venga amplificato.

3. Mostra la positività nella strategia del tuo marchio

La consapevolezza del marchio significa cose diverse per marchi diversi. Per alcuni, si basa sul rispetto dell’ambiente. Per altri, la consapevolezza del marchio sono cocktail diurni e scene maestose sull’acqua (vedi sopra).

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Una cosa che non vedrai con le strategie di successo del marchio? Negatività.

C’è così tanta negatività nel mondo, specialmente online (sei mai stato su Twitter?). L’ultima cosa che i consumatori desiderano è la negatività mentre fanno shopping.

Ciò non significa che la strategia del tuo marchio debba contenere poesie, citazioni di ispirazione e un sacco di emoji a cuore . Ciò significa, tuttavia, che la strategia del tuo marchio non dovrebbe abbattere le persone. Le persone vogliono sentirsi bene.

Beardbrand fa un ottimo lavoro. Beardbrand, come ci si potrebbe aspettare, offre prodotti per la barba. Per pulirli, tagliarli e generalmente farli apparire al meglio.

Come ogni ragazzo ti dirà, ci sono molte cose negative da dire sulle barbe. Richiedono manutenzione giornaliera. Gli strumenti per quella manutenzione sono costosi. Ciò che sembrava buono stamattina potrebbe sembrare squallido stasera.

Ma Beardbrand è abile nel prendere qualcosa che potrebbe facilmente essere considerato fastidioso e dargli un giro mezzo bicchiere.

Guarda la newsletter, ad esempio. Le newsletter, come abbiamo discusso, possono essere di grande aiuto, quindi assicurati di includerle nella strategia del tuo marchio. E Beardbrand non solo ha iscrizioni a newsletter facili da trovare sparse su tutto il suo sito, ma l’ invito all’azione  su tale iscrizione è assolutamente positivo:  continua a crescere!

Strategia di branding di BeardbrandAnche le descrizioni dei prodotti sono positive. Ad esempio, il testo su uno dei loro pennelli è scritto per gli “amanti dei pennelli”:

Beardbrand CommunityNel frattempo, l’account Instagram ha la stessa semplice, affermativa descrizione di tre parole:

Marchio Instagram di BeardbrandE la conclusione della pagina “Ethos del prodotto” è più che cieca possibile:

Messaggistica per il marchio di BeardbrandStudiare il branding di tue marche preferite, e vedrete che la messaggistica è positivo, o al molto almeno, non è negativo.

4. Avere una pagina “La nostra storia”

Il bios che scrivi per i tuoi account Instagram, Facebook e Twitter potrebbe essere limitato quando si tratta di consapevolezza del marchio. Semplicemente non c’è molto spazio per far trasparire la strategia del tuo marchio.

Se vuoi sviluppare ulteriormente la tua strategia di marca, considera di eseguire una pagina “La nostra storia”. (Potresti anche chiamare questa pagina “Informazioni”, “Informazioni su di noi” o qualcosa del genere.)

Molti dei tuoi sforzi di sensibilizzazione sul marchio porteranno in un modo o nell’altro al tuo sito Web e la pagina Chi siamo è uno dei punti focali del tuo sito Web. O almeno dovrebbe essere.

Spiega perché il tuo negozio è diverso, perché le persone dovrebbero sentirsi bene nello shopping con te.

Sugarfina , un negozio di caramelle online e al dettaglio, ha una fantastica pagina Informazioni. Ha un sacco di cose davvero interessanti – in realtà, che ne dici di dare un’occhiata.

Sugarfina Creative Brand StrategySugarfina Brand StoryThe Ultimate Brand Boutique - SugarfinaConsapevolezza del marchio Candy artigianaleSugarfina merita anche uno shoutout per questo livello popup, che appare per gli acquirenti che sono all’estero. Cosa dice “Benvenuti nel nostro negozio di caramelle amichevole e divertente!” meglio di un grande saluto di ehi zucchero ?

Sugarfina Email Brand Strategy5. Usa il tuo nome, logo e URL per rafforzare l’identità del marchio

Ricordi in precedenza quando abbiamo parlato di come il tuo sito Web, i canali dei social media e la newsletter dovrebbero recapitare lo stesso messaggio? Lo stesso vale per l’URL, il logo e il nome commerciale così importante .

Prima di tutto: non vuoi un nome che sia già un handle di Instagram per qualcun altro o che abbia già un URL. È difficile generare abbastanza consapevolezza del marchio che le persone cercano il tuo marchio. Quindi, quando lo fanno, dobbiamo assicurarci che vedano i tuoi contenuti, non qualcosa da un handle di Twitter che non ha pubblicato per tre anni.

Senza dubbio, il logo, il nome dell’azienda e l’URL sono enormi opportunità di consapevolezza del marchio.

La compagnia di giocattoli GoldieBlox potrebbe tenere un corso su questo. Per cominciare, il nome: GoldieBlox. Questa è una svolta affascinante di “Riccioli d’oro”, il personaggio principale della storia dei bambini Riccioli d’oro e I tre orsi. (Per coloro che non conoscono, l’amabile Goldilocks è una ragazza.)

Questo dice già qualcosa sull’azienda: GoldieBlox – che ovviamente possiede goldieblox.com – è specializzato in giocattoli progettati per “ispirare la prossima generazione di ingegnere donne”.

Prendilo? Il nome di questa azienda che cerca di ispirare le donne ingegnere combina una delle ragazze più famose di sempre con una parola che fa pensare alle persone di costruire.

Il logo rafforza ulteriormente questo messaggio:

Logo GoldieBloxGli account Twitter ( @goldieblox ), Instagram ( goldieblox ) e Facebook ( @GoldieBlox ) sono tutti facili da trovare: condividono il nome esatto dell’azienda. E, naturalmente, una volta trovati, il contenuto visualizzato corrisponde perfettamente all’etica aziendale:

Account Facebook GoldieBloxconsapevolezza del marchioShopify ha alcuni strumenti per iniziare con un nome, tra cui Business Name Generator e Logo Generator .

6. Conosci il tuo pubblico

Questo è molto importante come se non sapessi chi sia il tuo pubblico , non puoi sapere come costruire la consapevolezza del marchio che gira le teste giuste. Definisci il tuo pubblico di destinazione prima di creare il tuo marchio in modo da attirare le persone giuste e non avere una discrepanza tra la tua azienda e il tuo cliente.

Puoi anche fare un ulteriore passo avanti e parlare con i tuoi clienti durante il tuo rebrand. Invita i tuoi più grandi clienti nel tuo ufficio e chiedi loro cosa gli piace del tuo logo, slogan e altri importanti identificatori del tuo marchio. Assicurati che queste cose rimangano dopo il marchio, in modo che i clienti possano ancora identificarsi con il tuo marchio. Queste caratteristiche comuni assicureranno che la consapevolezza del marchio sia senza soluzione di continuità.

A volte al tuo pubblico piace il vecchio te e non vuole cambiare. Prendi ad esempio il marchio di Squarespace . Il loro logo non è cambiato molto, anche se il loro sito web e la styleguide sono cambiati dopo il loro rebranding. L’illustrazione e il testo sono quasi gli stessi, il che significa che il loro pubblico è immediatamente consapevole del proprio marchio.

Rebrand di Squarespace tramite Envato

In alternativa, Mastercard ha identificato che il proprio pubblico conosceva il proprio logo abbastanza bene da escludere il marchio dal logo durante il loro rebrand. Questa è stata una mossa coraggiosa che è stata un momento decisivo per l’azienda, in quanto avrebbe potuto causare un drastico calo dei lead se avessero sbagliato. Fortunatamente Mastercard ha fatto le sue ricerche e la consapevolezza del marchio dell’azienda è cresciuta durante il suo marchio.

Mastercard Rebrand via Envato

conclusioni 

C’è un motivo per cui le persone parlano di “costruire” un marchio invece di “fare” un marchio. Una corretta strategia di marca richiede tempo, pazienza e molto lavoro per essere eseguita. Ma sarai in grado di generare consapevolezza del marchio nel tempo seguendo i suggerimenti che abbiamo esaminato. Quindi ricorda:

Identifica ciò che ti rende diverso

Affronti la concorrenza sul prezzo, sulla visibilità della ricerca, sullo spazio pubblicitario e così via. Quindi, se possibile, non andare testa a testa sulla consapevolezza del marchio. Trova invece qualcosa che renda unica la tua attività e rendila la pietra angolare della strategia del tuo marchio.

Sii coerente con il branding tra i canali

È importante sfruttare tutte le possibilità che hai per aumentare la popolarità del tuo marchio. Quindi assicurati che, indipendentemente da dove raggiungi quel pubblico – social, newsletter, sito Web, ecc. – il tuo messaggio sia coerente. In questo modo, ogni volta che si impegnano con te, rafforzerà ciò di cui ti occupi.

Sii positivo

Ci sono così tante ragioni che le persone potrebbero non comprare da te. Non lasciare che la negatività sia una di queste. Aggiungi positività alla strategia del tuo marchio per aumentare le possibilità che le persone si sentano bene con te, i tuoi prodotti e il tuo negozio.

Avere una pagina “La nostra storia”

La pagina La nostra storia è il principale settore immobiliare per la consapevolezza del marchio. C’è più spazio e più flessibilità di quelle piccole porzioni di spazio che hai sui social media.

Usa il tuo logo, nome commerciale e URL per rafforzare l’identità del tuo marchio

Puoi rafforzare la consapevolezza del marchio ogni volta che qualcuno menziona il tuo marchio, dai pugni al tuo URL o vedi il tuo logo. Questi fanno tutti parte del tuo marchio, quindi approfittane!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Hai bisogno d'aiuto?!  Contattaci qui

Close