Bitcoin Dominance cos’è?

Che cos'è la dominanza di Bitcoin?

Sommario

  • Bitcoin Dominance: una breve definizione
  • Dominio di BTC nel corso degli anni
  • I lati negativi del dominio di Bitcoin
Nel mondo delle criptovalute, c’è una metrica che molti trader di criptovalute tengono d’occhio: il dominio di Bitcoin . CoinMarketCap lo segue da anni e occupa un posto d’onore nella parte superiore della nostra homepage. 

Ma qual è il significato del dominio di Bitcoin? Può dirci qualcosa sulle prestazioni delle altcoin? E che dire di coloro che sostengono che questa metrica non riflette accuratamente il mercato delle criptovalute? Qui spiegheremo come funziona il dominio di BTC.

 

Bitcoin Dominance: una breve definizione

Il calcolo della dominance BTC è semplice. 

Immaginiamo che la capitalizzazione di mercato totale di tutte le criptovalute sia attualmente di $ 100 miliardi. Se la capitalizzazione di mercato di Bitcoin rappresentasse $ 60 miliardi di questo, il dominio di Bitcoin sarebbe del 60%. Vedere? Non potrebbe essere più facile.

Dominio di BTC nel corso degli anni

Come ci si aspetterebbe, Bitcoin ha avuto pochi sfidanti nel 2013. All’epoca, aveva un dominio sul mercato del 94%. I token ERC-20 non esistevano allora, Ethereum era solo un frutto dell’immaginazione di Vitalik Buterin e nemmeno le stablecoin come Tether ( USDT ) erano una cosa.

Tutto questo ha iniziato a cambiare nel 2017, quando è iniziata la prima stagione di altcoin. Nel febbraio di quell’anno, il dominio di BTC era dell’85,4% ( ETH aveva una quota del 5,7% della capitalizzazione di mercato delle criptovalute, mentre l’ XRP di Ripple era dell’1,1%).

Ma nel corso di quattro brevi mesi, la quota di mercato di Bitcoin è crollata drasticamente poiché un’ondata di offerte iniziali di monete ( ICO ) ha notevolmente aumentato la capitalizzazione di mercato del settore. A giugno, il dominio di BTC era sceso solo al 40%, con la liquidità invece trasferita ai token ERC-20 . I dati di CoinMarketCap mostrano che, nello stesso periodo, la capitalizzazione di mercato totale in USD è aumentata da $ 20 miliardi a $ 114 miliardi, con un aumento del 470%.

Durante questo periodo, gli appassionati di Ethereum hanno iniziato a parlare del cosiddetto “Flippening”, quando la capitalizzazione di mercato di Ethereum sarebbe “balzata” più in alto di quella di Bitcoin, cosa che non è mai successa.

I prezzi dei bitcoin sono crollati dopo la prima corsa al rialzo nel 2017 e nel gennaio 2018 il dominio di Bitcoin si è fermato al minimo storico del 32,8% quando è iniziato un mercato ribassista. Sfortunatamente, anche la stagione alternativa era ufficialmente finita, con molti investitori per la prima volta che perdevano ingenti somme di denaro mentre i progetti ICO si schiantavano e bruciavano.

Ernst & Young ha tracciato i dati delle ICO lanciate nel 2017 e li ha valutati un anno dopo. Ha trovato:

  • L’86% delle ICO è sceso al di sotto del prezzo di quotazione;
  • Il 30% di queste altcoin aveva perso sostanzialmente tutto il proprio valore;
  • Solo il 29% delle ICO aveva effettivamente un prototipo o un prodotto funzionante.

Queste statistiche deludenti hanno fatto sì che paesi come gli Stati Uniti non considerassero le ICO e le autorità di regolamentazione hanno avviato azioni legali contro diversi progetti blockchain che hanno completato una vendita di token. Gli organi governativi hanno anche avvertito gli investitori di aspettarsi volatilità nelle risorse digitali, emettendo consigli sugli investimenti che equivalevano a dire che le persone dovrebbero attenersi al mercato azionario.

Dopo lo scoppio della bolla rialzista, il dominio di Bitcoin è tornato in una certa misura, raggiungendo massimi del 70% a settembre 2019. Tuttavia, è improbabile che vedremo BTC superare mai più questo livello. 

Il mondo delle criptovalute è ora più ricco e diversificato di quanto non fosse nei primi anni 2010. Ci sono stati vari hard fork di Bitcoin, incluso Bitcoin Cash ( BCH ). Le nuove tendenze del mercato delle criptovalute come la DeFi hanno spostato la liquidità su Ethereum e ora che l’hype sull’ICO è diminuito, abbiamo iniziato a vedere alcune risorse digitali con casi d’uso convincenti sviluppare un seguito fedele.

 

I lati negativi del dominio di Bitcoin

Concludiamo con un disclaimer: alcuni analisti consigliano di prendere il dominio di Bitcoin con le pinze.

Alcuni sostengono che questa metrica non tiene conto del BTC che è stato perso per sempre, a causa di hack o persone che perdono distrattamente le proprie chiavi private. Altri avvertono che non tiene conto della profonda liquidità di Bitcoin. Un altcoin potrebbe avere una valutazione di $ 2 miliardi, mangiando il dominio di BTC, ma questo potrebbe essere gonfiato artificialmente.

Tuttavia, il dominio di BTC può aiutarti a orientarti dolcemente su quanto del tuo capitale dovresti allocare agli altcoin. È solo importante non mettere tutte le uova nello stesso paniere e fare affidamento anche su altre forme di analisi.