Cerca

App Store SEO: come diagnosticare un calo del traffico e riconquistarlo

Per alcune organizzazioni, le app mobili possono essere un mezzo importante per acquisire nuovi contatti e clienti, quindi può essere allarmante quando noti che le visite delle tue app sono in calo.

Tuttavia, mentre ci sono contenuti su come ottimizzare la tua app, altrimenti noto come ASO (ottimizzazione App Store), ci sono poche informazioni là fuori sui passaggi necessari per diagnosticare un calo delle visite dell’app.

Sebbene ci siano sovrapposizioni con la ricerca tradizionale, ci sono fattori unici che svolgono un ruolo nella visibilità dell’app store.

Lo scopo di questo blog è quello di darti una solida base quando proviamo a indagare su un calo delle visite agli app store e quindi esamineremo alcune opportunità di fuoco rapido per riconquistare quel traffico.

Analizzeremo il motivo per cui il traffico delle tue app è diminuito, tra cui:

  1. Identificazione di potenziali fattori esterni
  2. Identificazione del tipo di parole chiave che sono state eliminate nelle visite
  3. Analisi delle metriche sul coinvolgimento degli utenti delle app

E analizzeremo alcuni modi per aiutarti a riconquistare il traffico, tra cui:

  1. Spiare i tuoi concorrenti
  2. Ottimizzare la tua scheda dello store
  3. Investire nella localizzazione

Scopri perché il traffico delle tue app è diminuito

Passaggio 1. Identificare potenziali fattori esterni

Alcuni settori / aziende avranno determinati periodi dell’anno in cui il traffico potrebbe diminuire a causa di fattori esterni, come la stagionalità.

Prima di iniziare a indagare su un calo del traffico ulteriormente:

  • Parla con il tuo punto di contatto e chiedi se la stagionalità influisce sulla loro attività o se ci sono tendenze generali del settore in gioco. Ad esempio, i siti di aggregatori come SkyScanner potrebbero vedere un calo delle visite alle app dopo il periodo intenso all’inizio dell’anno.
  • Identifica se le installazioni di app sono state effettivamente eliminate. In caso contrario, probabilmente non dovrai preoccuparti troppo di un calo del traffico e potrebbero essere gli algoritmi di Google e Apple ad allineare meglio l’intento dei termini di ricerca.

Passaggio 2. Identificare il tipo di parole chiave rilasciate nelle visite

Come per la ricerca tradizionale, l’identificazione del tipo di parole chiave (con marchio e senza marchio), nonché le singole parole chiave che hanno visto il calo maggiore delle visite all’app store, forniranno il contesto necessario e contribuiranno a definire la direzione della tua indagine. Per esempio:

Se i termini con marchio vedessero il maggior calo nelle visite, ciò potrebbe suggerire:

  1. C’è stata una diminuzione della quantità di spesa pubblicitaria che crea consapevolezza del marchio / prodotto
  2. I concorrenti fanno offerte secondo i termini del tuo marchio
  3. Il nome / marchio dell’app è cambiato e non è stato in grado di assorbire tutto il traffico con marchio precedente

Se i termini senza marchio hanno visto il calo maggiore nelle visite, ciò potrebbe suggerire:

  1. Hai apportato recenti modifiche all’ottimizzazione che hanno avuto un impatto negativo
  2. I segnali di coinvolgimento degli utenti, come arresti anomali delle app o recensioni delle app, sono peggiorati
  3. La concorrenza ha ottimizzato meglio la propria app e / o offre un’esperienza utente migliore (particolarmente rilevante se un’app riceve la maggior parte del suo traffico da un piccolo set di parole chiave)
  4. La tua app è stata colpita da un aggiornamento dell’algoritmo

Se sia i termini con marchio che quelli non con marchio vedessero il calo più grande nelle visite, ciò potrebbe suggerire:

  1. Hai violato le norme di Google sulla promozione della tua app .
  2. Ci sono fattori esterni in gioco

Per ottenere dati per la tua app Android

Per ottenere dati per la tua app Android, accedi al tuo account Google Play Console .

Google Play Console fornisce una vasta gamma di dati sulle prestazioni della tua app Android , con approfondimenti particolarmente utili sulle metriche di coinvolgimento degli utenti che influenzano il ranking degli app store (ne parleremo più avanti).

Tuttavia, i dati specifici delle parole chiave saranno limitati. Google Play Console ti mostrerà le singole parole chiave che hanno generato il maggior numero di download per la tua app, ma la maggior parte delle visite alle parole chiave sarà probabilmente non classificata: parole chiave da metà a coda lunga che generano download, ma non generano abbastanza download per apparire isolate parole chiave. Queste parole chiave saranno classificate come “altro”.

Il grafico potrebbe essere simile al seguente. Ripeti la stessa procedura per i termini con marchio.

Sopra: grafico delle visite all’app Google Play Store senza marchio di un cliente. Il numero di visite è reale, ma le parole chiave che guidano le visite sono state modificate per mantenere l’anonimato.

Per ottenere dati per la tua app IOS

Per ottenere dati sulle prestazioni della tua app IOS, Apple ha App Store Connect . Come Google Play Console, sarai in grado di mettere le mani sulle metriche di coinvolgimento degli utenti che possono influenzare il posizionamento della tua app.

Tuttavia, i dati relativi alle parole chiave sono ancora più scarsi di Google Play Console. Sarai in grado di vedere solo il numero totale di impressioni che l’icona della tua app ha ricevuto sull’App Store. Se hai riscontrato un calo delle visite sia per la tua app Android che per IOS, puoi utilizzare i dati di Google Play Console come proxy per il rendimento delle parole chiave.

Se utilizzi uno strumento di tracciamento del ranking dell’app, come TheTool , puoi in qualche modo colmare le lacune nella conoscenza delle parole chiave che potenzialmente guidano le visite alla tua app.

Passaggio 3. Analizzare le metriche sul coinvolgimento degli utenti dell’app

Le metriche sul coinvolgimento degli utenti che supportano una buona esperienza utente hanno una forte influenza sul modo in cui la tua app si classifica e sia Apple che Google sono aperti al riguardo.

Google afferma che le metriche di coinvolgimento degli utenti come arresti anomali dell’app, tassi ANR (l’applicazione non risponde) e recensioni scadenti possono limitare le opportunità di esposizione su Google Play .

Mentre Apple non è così imminente come Google quando si tratta di fornire informazioni sulle metriche di coinvolgimento, affermano che le valutazioni e le recensioni delle app possono influenzare la visibilità dell’app store .

Alla fine, Apple vuole assicurarsi che le app IOS offrano una buona esperienza utente, quindi è probabile che utilizzino una serie di metriche aggiuntive sul coinvolgimento degli utenti per classificare un’app nell’App Store.

Come parte dell’indagine, dovresti esaminare in che modo le metriche di coinvolgimento degli utenti riportate di seguito potrebbero essere cambiate nel periodo in cui hai visto un calo delle visite alla tua app.

  • Valutazione dell’app
  • Numero di valutazioni (le valutazioni più recenti / nuove avranno un peso maggiore per Google)
  • Numero di download
  • Installazioni vs disinstallazioni
  • L’app si arresta in modo anomalo e l’applicazione non risponde

Sarai in grado di ottenere dati per le metriche di cui sopra in Google Play Console e App Store Connect, oppure potresti avere accesso a questi dati internamente.

Anche se la tua analisi non rivela intuizioni, metriche come la valutazione delle app influenzano la conversione e la posizione della tua app nella funzione SERP dell’app pack , quindi vale la pena dedicare tempo allo sviluppo di una strategia per migliorare queste metriche.

Una semplice tattica potrebbe essere quella di assicurarti di rispondere a recensioni e recensioni negative con domande. In effetti, gli utenti aumentano la valutazione di +0,7 stelle in media dopo aver ricevuto una risposta .

Apple offre alcuni suggerimenti su come richiedere valutazioni e recensioni per l’app IOS.

Aiuta a riconquistare il traffico delle tue app

Passaggio 1. Spiare i tuoi concorrenti

Scopri chi è in classifica

Quando cerco di identificare le opportunità per migliorare la visibilità dell’app store, mi piace sempre confrontare le prime 5 app concorrenti in classifica per alcune parole chiave prioritarie senza marchio.

Tutto quello che devi fare è cercare queste parole chiave in Google Play e nell’App Store e prendere i fattori di posizionamento disponibili pubblicamente da ogni elenco di app. Dovresti avere qualcosa di simile al seguente.

Marca Titolo Lunghezza del personaggio Valutazione Numero di recensioni Numero di installazioni Lunghezza del carattere della descrizione
CONCORRENTE 1 [Titolo del concorrente] 50 4.8 2.848 50.000 3.953
CONCORRENTE 2 [Titolo del concorrente] 28 4.0 3.080 500.000+ 2.441
CONCORRENTE 3 [Titolo del concorrente] 16 4.0 2566 100.000 + 2.059
IL TUO MARCHIO [Titolo del tuo marchio] 37 4.3 2.367 100.000 + 3.951
CONCORRENTE 4 [Titolo del concorrente] 7 4.1 1.140 100.000 + 1.142
CONCORRENTE 5 [Titolo del concorrente] 24 4.5 567 50.000 2.647

     Sopra: tabella anonima dei concorrenti di Google Play di un cliente

Da questo, potresti ottenere alcune indicazioni sul motivo per cui un’app si posiziona sopra di te. Ad esempio, vediamo che “Concorrente 1” non solo ha la migliore valutazione delle app, ma ha il titolo e la descrizione più lunghi. Forse hanno ottimizzato meglio il titolo e la descrizione?

Possiamo anche vedere che i concorrenti che si posizionano sopra di noi hanno generalmente un numero maggiore di recensioni e installazioni totali, che si allinea alle dichiarazioni di Google e Apple sull’importanza delle metriche sul coinvolgimento degli utenti.

Con le informazioni di confronto di cui sopra, puoi scavare un po ‘più a fondo, il che ci porta piacevolmente alla sezione successiva.

Ottimizza i campi di testo della tua app

Le parole chiave aggiunte ai campi di testo possono avere un impatto significativo sulla rilevabilità dell’app store.

Come parte dell’analisi, dovresti esaminare in che modo l’ottimizzazione delle parole chiave differisce dalla concorrenza e identificare eventuali opportunità.

Per Google Play, l’aggiunta di parole chiave ai campi di testo sottostanti può influenzare le classifiche:

  • Parole chiave nel titolo dell’app (50 caratteri)
  • Parole chiave nella descrizione dell’app (4.000 caratteri)
  • Parole chiave in breve descrizione (80 caratteri)
  • Parole chiave nell’URL
  • Parole chiave nel nome della tua app

Quando si tratta dell’App Store, l’aggiunta di parole chiave ai campi di testo sottostanti può influenzare le classifiche:

  • Parole chiave nel titolo dell’app (30 caratteri)
  • Utilizzo del campo parole chiave da 100 caratteri (un campo dedicato da 100 caratteri per posizionare le parole chiave per le quali si desidera classificare)
  • Parole chiave nel nome della tua app

Per capire meglio come resistono le tue tattiche di ottimizzazione, ti consiglio di confrontare i campi di testo della tua app con quelli della concorrenza.

Ad esempio, se voglio conoscere la frequenza delle parole chiave menzionate nelle descrizioni delle loro app su Google Play (le parole chiave nel campo della descrizione sono un fattore di classificazione) di quanto creerei una tabella come quella qui sotto.

Parola chiave CONCORRENTE 1 CONCORRENTE 2 CONCORRENTE 3 IL TUO MARCHIO CONCORRENTE 4 CONCORRENTE 5
lavoro 32 9 5 40 3 2
ricerca di lavoro 12 4 10 9 10 8
occupazione 2 0 0 5 0 3
tracciamento del lavoro 2 0 0 4 0 0
app per l’impiego 7 2 0 4 2 1
ricerca di lavoro 4 1 1 5 0 0
tracker di lavoro 3 0 0 1 0 0
reclutatore 2 0 0 1 0 0

     Sopra: tabella anonima dei concorrenti di Google Play di un cliente

Dalla tabella sopra, posso vedere che il concorrente di classifica numero 1 (concorrente 1) ha più menzioni di “ricerca di lavoro” e “app per l’impiego” di me.

Mentre ci sono molti fattori che determinano la posizione in base alla quale un’app si posiziona, potrei dedurre che devo aumentare la frequenza di tali parole chiave nella descrizione dell’app Google Play per migliorare il posizionamento.

Fai attenzione però: scrivere descrizioni e titoli innaturali, pieni di parole chiave avrà probabilmente un effetto negativo.

Ricorda, oltre ad essere ottimizzati per le macchine, i campi di testo come il titolo e la descrizione della tua app devono essere considerati un “annuncio” convincente della tua app per gli utenti.

Ripeterei questo processo per altri campi di testo per scoprire altri approfondimenti sulle parole chiave.

Passaggio 2. Ottimizza la tua scheda dello store

La scheda del tuo negozio nella home della tua app su Google Play. È qui che gli utenti possono conoscere la tua app, leggere recensioni e altro. E sorprendentemente, non tutte le app sfruttano appieno lo sviluppo di un’esperienza immersiva nella lista dei negozi.

Sebbene Google non sembri dichiarare direttamente che l’utilizzo completo della maggior parte delle funzionalità delle schede dello store influisce direttamente sulla rilevabilità delle tue app, è lecito ipotizzare che ci possa essere qualche considerazione sul posizionamento dietro questo.

Per lo meno, investire nella scheda del tuo negozio potrebbe migliorare la conversione e puoi persino eseguire test A / B per misurare l’impatto delle tue modifiche.

Puoi migliorare l’esperienza utente e i contenuti complessivi presenti nell’elenco del negozio aggiungendo trailer video della tua app, risorse creative di qualità, icona delle tue app (vorrai far risaltare la tua icona tra un mare di altre icone di app) e altro .

Puoi leggere la guida alle migliori pratiche di Google sulla creazione di un avvincente elenco del Google Play Store per saperne di più.

Passaggio 3. Investire nella localizzazione

Il proverbio dice “pensa globale, agisci localmente” e questo è certamente vero per le app.

Precedenti studi hanno rivelato che il 72,4% dei consumatori globali preferiva usare la propria lingua madre quando faceva acquisti online e che il 56,2% dei consumatori affermava che la capacità di ottenere informazioni nella propria lingua è più importante del prezzo .

Ha un senso logico. Meglio puoi personalizzare il tuo prodotto per il tuo pubblico, migliori saranno i risultati, quindi fai il possibile e localizza le tue schede di Google Play e App Store.

Google ha una comoda lista di controllo per la localizzazione su Google Play e Apple ha una risorsa completa per l’ internazionalizzazione della tua app sull’App Store .

Incartare

Un calo delle visite di qualsiasi tipo provoca allarme e panico. Spero che questo blog ti offra un buon punto di partenza se hai mai bisogno di indagare sul motivo per cui il traffico di una app è calato, oltre a fornire alcune opportunità di fuoco rapido per riconquistarlo.

Se sei interessato a leggere ulteriori informazioni su ASO, ti consiglio di leggere le guide su ASO di Radar e TheTool , nonché i suggerimenti per la scoperta della ricerca di app da parte di Google e Apple stessi.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close