Cerca

Abbiamo Analizzato 1,5 Milioni Di Tag Del Titolo Per Scoprire Qual È La Lunghezza Ideale Per Il SEO Nel 2019 (Suggerimento: Non Sono Più 80 Caratteri)

Vedo molti SEO avanzati scuotere la testa mentre vedono ancora un altro post sul blog sui tag del titolo.

Ma mantieni il tuo odio su Twitter finché non scorri un po ‘più in basso su questa pagina.

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Dopotutto, i tag del titolo sono probabilmente una delle cose migliori in cui investire il tuo tempo come ottimizzatore di ricerca in quanto sono chiaramente uno dei fattori più importanti quando si tratta di rendere i tuoi contenuti pertinenti per le parole chiave scelte e richiedono meno di 10 secondi per modificare ciascuno.

E come puoi vedere dallo screenshot del test del titolo a / b sopra, un tag del titolo ben realizzato può facilmente aumentare il tuo traffico di ricerca senza aumentare le tue classifiche.

Ed è per questo che, imparare a creare tag di titoli altamente cliccabili può portare il tuo gioco SEO a un livello superiore.

Quindi, in questo post, abbiamo esaminato 1,5 milioni di tag del titolo per vedere cosa hanno in comune le pagine di maggior successo e i risultati potrebbero sorprenderti.

Ma mettiamo le prime cose al primo posto tra i principianti.

Che Cos’è Un Tag ?

Un tag è un elemento HTML che determina il nome della tua pagina web.

Sembra così nel codice sorgente della tua pagina:


Come scrivere i migliori titoli per azioni, collegamenti e traffico
titolo>

Questa informazione è particolarmente preziosa per i browser; lo usano per titoli di schede, suggerimenti di URL, segnalibri e così via.

Ecco un esempio:

Viene anche utilizzato dai motori di ricerca come fonte principale di titoli dei risultati di ricerca:

Ah Risultato della ricerca del titolo

E lo stesso vale per i social media. A meno che tu non personalizzi i tuoi titoli specificamente per ciascuna piattaforma particolare (Facebook, Twitter), qualsiasi link che condividi mostrerà il tuo tag .

E così, abbastanza spesso, diventa il tuo titolo.

Dico “abbastanza spesso”, perché Google può modificare il titolo se è spam, incompleto o altrimenti non sufficientemente descrittivo per essere visualizzato nei risultati di ricerca.

Per aggiungere più chiarezza, ecco cosa dice Google :

“Se abbiamo rilevato che un determinato risultato ha uno dei problemi sopra indicati con il suo titolo, potremmo provare a generare un titolo migliorato da ancore, testo in-page o altre fonti.

Tuttavia, a volte anche le pagine con titoli ben definiti, concisi e descrittivi finiranno con titoli diversi nei nostri risultati di ricerca per indicare meglio la loro rilevanza per la query.

C’è una semplice ragione per questo: il tag del titolo come specificato da un webmaster si limita ad essere statico, risolto indipendentemente dalla query. “

Ed ecco come lo spiega Gary Illyes di Google:

“Non smetteremo mai di riscrivere i titoli. Abbiamo visto così tanti siti i cui titoli fanno davvero schifo. Molti siti non hanno titolo; molti siti hanno un titolo che dice “Pagina principale”.

In effetti, Google riscrive quasi sempre i titoli. Non potremmo fornire risultati utili ai nostri utenti se smettessimo di riscrivere i titoli. Gli esperimenti ci hanno mostrato che gli utenti preferivano titoli scritti. Quindi, continueremo a scrivere titoli. “

In altre parole, se vuoi godere di tutti i vantaggi di un solido titolo degno della SEO che guida un po ‘di traffico, dovresti rimanere all’interno delle linee guida , perché i titoli cattivi vengono riscritti.

Cosa NON È Un Tag

Un tag  non è il  tuo tag

 .

Esempio di tag H1 su Ah Post
tag

.

In HTML, indica l’intestazione. Pertanto, qualsiasi cosa tu utilizzi per l’intestazione del tuo articolo sulla tua pagina verrà mostrata agli utenti solo una volta atterrati sulla tua pagina.

Detto questo, i tag

, così come i contenuti, sono molto importanti per Google per classificare la tua pagina.

È buona norma avere un titolo molto simile al titolo

.

Questo per due motivi:

  • Se le persone fanno clic su un titolo e visualizzano un titolo diverso quando arrivano sulla pagina, potrebbero confonderle e potrebbero rimbalzare .
  • Google lo riconosce. Cerca di abbinare il tuo titolo al
    titolo e al contenuto. Se il titolo è contraddittorio o non sembra essere pertinente, effettuerà il downgrade del tuo sito .

“Una pagina web con un titolo fuorviante o un titolo che non ha nulla a che fare con il contenuto della pagina. Gli utenti che arrivano alla pagina in attesa di contenuti relativi al titolo si sentiranno ingannati o ingannati. (…) Qualsiasi pagina o sito Web che può ingannare o ingannare gli utenti deve essere valutato al più basso, indipendentemente dall’intenzione.

In questo documento , Google fornisce molti di questi esempi, oltre a una solida panoramica dei suoi criteri per il downgrade dei contenuti.

Tuttavia, il tuo H1 non deve corrispondere esattamente al tag del titolo.

Dovresti approfittare del fatto che non hai limiti di lunghezza come quelli con il tag del titolo per includere parole chiave più correlate e rendere più allettante spingere il tuo lettore a consumare il contenuto.

Un’altra cosa importante da menzionare è che  non è un tag  .

è l’acronimo di Open Graph di Facebook, il che significa che è possibile aggiungere markup HTML aggiuntivo per determinare la modalità di visualizzazione della pagina su Facebook.

Tag titolo, tag H1 e social
Nota come utilizziamo un titolo diverso per ciascuno.

Come puoi vedere nello screenshot qui sopra, c’è anche un tag da ottimizzare per Twitter. Se nessuno di questi viene utilizzato, verrà utilizzato il tuo .

È molto utile perché ti consente di essere versatile con i tuoi titoli e ottimizzare contemporaneamente per SEO e social media. Ma ne parleremo più avanti.

Ora, sullo studio …

Per Riassumere Questa Parte …

  • Il tag è il titolo HTML della tua pagina.
  • Il suo scopo è quello di essere utilizzato da software come browser o motori di ricerca
  • Google considera il tuo tag come un segnale SEO importante
  • È anche ciò che emerge nei risultati di ricerca.
    Pertanto, desideri che sia ottimizzato sia per il SEO che per i clic
  • Se Google pensa che il tuo titolo faccia schifo, lo sostituirà e poi sarai fregato
  • Fortunatamente, puoi creare titoli separati per piattaforme di social media

Il Nostro Studio: Abbiamo Esaminato 1,5 Milioni Di Tag Per Capire Cosa Funziona Meglio Nel SEO

Abbiamo preso 15.000 parole chiave a coda lunga con 1.000 – 12.000 ricerche al mese e ottenuto i primi 100 risultati organici per ciascuno.

Abbiamo eseguito la scansione di ciascun URL per ottenere il tag e i tag <h>, quindi abbiamo eseguito la scansione di un Google per ottenere il titolo Google effettivo.</h>

Alla fine abbiamo tratto alcune metriche come traffico, CPC, backlink, ecc. Da Ahrefs.

Ecco uno sguardo ai tag nel database: 

Titolo Tag Ah Database di ricerca

Come puoi vedere, Google ha ragione nel dire che c’è un mucchio di pagine con titoli inutili o nessun titolo.
Volevo evidenziarlo perché si riferisce a uno dei nostri prossimi punti.

1. Google Esegue Molte Modifiche

Come puoi vedere nella tabella qui sotto, un numero enorme di titoli viene modificato o troncato nei risultati di ricerca di Google .

% Dei risultati di ricerca Titoli non corrispondenti

Abbiamo confrontato stringhe minuscole e ignorato piccole differenze che possono essere assegnate alla codifica, come trattini e trattini. Tuttavia, abbiamo ancora finito per vedere circa il 50% delle cifre .

Ciò è comprensibile in quanto esiste una grande varietà nel modo in cui le persone scrivono titoli e, naturalmente, Google vuole mostrare risultati chiari e intuitivi.

Allo stesso modo, la maggior parte dei casi di “riscrittura” è semplicemente Google che fornisce più contesto o tronca titoli troppo lunghi.

Gran parte di questo tipo di modifica dipende dalla query .

Ah Titolo tag modificato da Google

Quando ho rivisto manualmente i titoli originali e modificati, sembra che Google utilizzi un algoritmo molto semplice .

La maggior parte delle modifiche rientra in una delle seguenti categorie:

  • Google aggiunge una fonte, ad esempio il titolo – The Economist .
  • Google tronca il titolo lungo.
  • Nel caso di nessun titolo, utilizza il tag , ovvero il titolo effettivo.
  • Riordina il titolo / marchio, ad esempio Biznews :: titolo -> titolo – Biznews o Biznews: titolo
No, Google utilizzato

È interessante notare che non abbiamo trovato alcuna correlazione tra la modifica o il riordino di Google nel titolo e nel ranking di ricerca. Non sembra essere un segnale negativo. La modifica è semplicemente qualcosa che fa Google.

La maggior parte della correlazione nella tabella sopra proviene in realtà da titoli troncati.

% Del titolo troncato rispetto al ranking di Google

Sembra che, nei ranghi più alti, ci siano meno titoli che devono essere troncati nel complesso . Possiamo solo ipotizzare il perché, poiché le correlazioni non rappresentano la causa.

La lunghezza potrebbe non essere il segnale stesso , ma piuttosto la presenza di titoli di spam con molte parole chiave o titoli di immondizia mal formattati, come questo qui:

24 calorie: melone – alimenti a basso contenuto calorico: 50 alimenti a basso contenuto calorico che racchiudono sapore – Shape Magazine | Alimenti sani e con poche calorie | Insalata di melone, melone

Suppongo che, ad esempio, non avere affatto il titolo sarebbe anche un segnale negativo in quanto indica una pagina di scarsa qualità, ma non abbiamo trovato alcuna correlazione qui.

% Nessun titolo rispetto a Google Rank

In questi casi, Google utilizza semplicemente il tag che funge da titolo per il titolo.

L’unico link che abbiamo trovato è stato che le pagine senza tag ottengono molto meno traffico organico . Abbiamo scoperto che questo vale anche per i titoli troncati.

Apparentemente, se aggiungi pagine senza tag chiari nel mix, Google avrà difficoltà a determinare il titolo e i titoli generati dal computer ottengono meno clic.

Conclusione

Molte informazioni qui presentate sono più interessanti che utili. Ma, se hai intenzione di scrivere titoli, può essere utile sapere come viene visualizzato nei risultati di ricerca.

Ovviamente, i titoli sono ciò che le persone leggono e fanno clic. Un titolo troncato non fornisce l’intero contesto e i dati confermano che ottengono molto meno traffico organico (clic) rispetto alla media.

Infine, l’idea che Google riscriva i titoli è sopravvalutata. La maggior parte dei titoli non è realmente riscritta, compresi alcuni titoli senza senso, ma piuttosto migliorata nel modo algoritmico più primitivo.

Questa è l’aggiunta di un marchio, la pulizia di parti duplicate, il riordino o il troncamento.

2. Qual È La Lunghezza Ottimale?

OK, quindi una cosa è chiara: non vuoi che il tuo titolo venga troncato .

Il titolo dei risultati di ricerca di Google è un po ‘come l’oggetto di una email. Gli argomenti di merda non si aprono ed è lo stesso con i titoli scritti male.

Anche se il tuo titolo è stato scritto dallo stesso reincarnato David Ogilvy, se è troppo lungo perché Google venga visualizzato nei risultati di ricerca, nessuno potrà leggerlo.

Non esiste un intervallo di caratteri specificato ma Google consente che la lunghezza sia di 600 pixel. Sono circa 80 caratteri , a seconda della scelta dei personaggi, poiché alcuni occupano più spazio.

Esempio di lunghezza tag titolo

Nel nostro set di dati, il titolo dei risultati di ricerca di Google più lungo è lungo 82 caratteri. Il titolo non troncato più lungo è lungo 78 caratteri.

Tieni presente che Google potrebbe estenderlo aggiungendo il tuo marchio, il che significa che taglierà una parte del testo leggibile. Quindi, ti consiglio di concentrare la parte più significativa del titolo nei primi 50 caratteri circa.

Questa sembra essere una cosa piuttosto nuova in quanto Google ha recentemente cambiato i caratteri che usano sui tag del titolo per i risultati del desktop che li ha fatti perdere alcuni caratteri.

Mordy Oberstein@MordyOberstein

Just an FYI:

Looks like Google has dropped the character count of the avg. title by 4 -5 characters. https://www.rankranger.com/google-serp-features #SERP #SEO

View image on Twitter
73 people are talking about this

Quindi, in sostanza, puoi scrivere titoli fino a circa 80 caratteri, ma molte volte verranno utilizzati solo i primi 50 e finirai con un titolo troncato. Quindi, se vuoi ottimizzare le cose, un tag del titolo di 50 caratteri sembra essere la strada da percorrere nel 2019.

E i dati sembrano confermare questo presupposto in modo chiaro, le pagine che seguono questa regola sembrano classificarsi in media più in alto come mostrato dal grafico seguente:

Misurato dal numero di caratteri.

I valori mediani erano praticamente identici alle medie, anche dopo che abbiamo eliminato tutti i risultati della homepage e ci siamo concentrati solo sulle pagine interne.

L’ho visto più volte in studi precedenti; forti correlazioni per URL più brevi, titoli, testi di ancoraggio e così via.

Penso che un modo per interpretarlo sia che ci siano più titoli spammy e pieni di parole chiave nei ranghi inferiori. È anche molto probabile che Google preferisca titoli semplici .

In realtà,  afferma esplicitamente così :

Google consiglia titoli di pagine descrittivi e concisi

Il traffico organico si correla positivamente anche con titoli più brevi. È comprensibile perché le persone sono pigre, quindi quando fanno una ricerca cercano la risposta più diretta.

Google è semplicemente più intuitivo per visualizzare titoli più brevi.

Ma ecco la parte difficile: i titoli PIÙ LUNGHI sono in correlazione con più condivisioni sociali come si trova nel nostro studio sui titoli .

Lunghezza media del titolo

Quindi, ti consigliamo di utilizzare tag OG e schede Twitter a tuo vantaggio.

Conclusione

Questo è chiaro. Vuoi che la lunghezza del tuo titolo sia puntuale e pertinente. Dovrebbe essere compreso nell’intervallo di 50 caratteri da ottimizzare sia per le regole di riscrittura di Google sia per le nuove dimensioni dei caratteri.

È divertente perché ora che Google utilizza essenzialmente parte del tuo “credito di lunghezza del tag del titolo” per aggiungere il tuo marchio alla fine, i marchi più brevi ottengono più lunghezza del tag del titolo rispetto a quelli più lunghi. Accidenti a te, Moz!

3. Corrispondenza Delle Parole Chiave

Nel nostro precedente studio sui fattori di ranking , abbiamo trovato una relativamente correlazione olid tra il rank di Google e le parole chiave nel titolo .

Questa volta, l’abbiamo fatto in modo leggermente diverso.

Abbiamo usato il metodo SequenceMatcher dal modulo difflib di Python, un algoritmo di matching di somiglianza, costruito attorno alla teoria CS standard per confrontare le sequenze.

Quindi, questo ci dà qualcosa che è più vicino a quello che Google sta probabilmente usando per abbinare parole chiave simili tra loro.

Ecco il risultato:

: Parola chiave Somiglianza rispetto a Google Rank
Nota: la somiglianza è misurata su una scala da 0 a 1. Qualsiasi cosa sopra 0.6 indica che le sequenze sono una corrispondenza ravvicinata.

Questo risultato è un risultato molto più forte di quello che abbiamo ottenuto semplicemente abbinando la parola chiave con il contenuto nel tag .

Ciò dimostra che questo metodo probabilmente è più vicino a ciò che Google sta facendo e conferma che sono abbastanza bravi a comprendere sinonimi e pertinenza.

Ciò è particolarmente vero se una parola chiave ha più varianti, non vorrei esimermi dal tentativo di includerle tutte nel titolo, è molto probabile che Google lo capisca se la tua parola chiave principale è qui.

Conclusione

Con le parole chiave a coda lunga, abbiamo trovato più difficile correlare la corrispondenza esatta nel titolo. Tuttavia, la somiglianza mostra una chiara conclusione.

Ciò significa che, con le parole chiave a coda corta , è più facile inserire la parola chiave esatta all’interno del titolo , ma con parole chiave a coda più lunga , non mi preoccuperei di abbinare esattamente la parola chiave esattamente se non è naturale. Piuttosto, trova il titolo di linguaggio naturale più vicino che si sente bene anche dal punto di vista della leggibilità, rispettando la lunghezza massima del titolo.

Ricorda, i computer non sono così intelligenti come gli umani, quindi mantieni le cose semplici e scrivi i tuoi titoli rilevanti per la parola chiave, in modo che un alunno di 5 ° grado troverebbe facile da leggere.

4. Somiglianza Di Titolo E Titolo

La prossima cosa che abbiamo visto è stata la somiglianza tra il tag e il tag principale della parte leggibile del contenuto, ovvero il contenuto principale (MC).

Ma, prima di arrivare a questi risultati, vorrei mostrarti questo grafico della somiglianza tra H1 e la parola chiave query.

I risultati sono molto simili:

: Somiglianza delle parole chiave rispetto al ranking di Google

Nel documento sulle linee guida sulla qualità della ricerca , Google spiega come valuta le “pagine di bassa qualità”. Tra le altre categorie, le “pagine ingannevoli” sono considerate di bassa qualità .

Tale pagina Web è definita come:

“Una pagina web con un titolo fuorviante o un titolo che non ha nulla a che fare con il contenuto della pagina. Gli utenti che arrivano alla pagina in attesa di contenuti relativi al titolo si sentiranno ingannati o ingannati.

Qualsiasi pagina o sito Web che possa ingannare o ingannare gli utenti dovrebbe essere valutato al più basso, indipendentemente dall’intenzione. “

Questa è una spiegazione precisa del perché non vuoi che il tuo titolo si discosti troppo dal titolo del contenuto principale.

Ecco un esempio dal documento:

Ed eccone un altro:

Scopo ingannevole ed esempio di contenuto ingannevole
In che modo Google valuta titoli e contenuti contraddittori.

Ecco la cosa interessante. Sia il tag che il tag <h> principale sono ben correlati con la parola chiave.</h>

Ma, quando abbiamo confrontato la somiglianza tra il e il tag principale , ecco cosa abbiamo ottenuto:

E somiglianza rispetto a Google Rank

Si noti che nei test di somiglianza e , tutti i ranghi hanno ottenuto un punteggio principalmente superiore a 0,6, il che significa che le sequenze sono corrispondenze vicine. Ma la correlazione è negativa .

Riassumiamolo di nuovo:

  • I ranghi più alti hanno il loro più simile alla parola chiave rispetto ai ranghi inferiori.
  • I ranghi più alti hanno il tag principale più simile alla parola chiave rispetto ai ranghi inferiori.
  • I gradi più alti hanno il loro e i principali molto simili, ma meno dei ranghi inferiori.

Ciò significa che i principali editori comprendono che devono mantenere i loro tag del titolo estremamente brevi ma non devono seguire quella regola per i loro tag H1. 

Quindi scrivono un H1 che è fortemente ispirato dalla copia dei loro tag del titolo, ma sfrutta la lunghezza extra consentita per iniettare più parole chiave correlate e modificatori di parole chiave mentre gira anche lucidando il copywriting per renderlo più emozionante e condivisibile.

Ecco la stessa analisi ma guardando H1 che corrisponde esattamente al tag del titolo. Come puoi vedere, la tendenza è ancora più chiara.

E sono gli stessi rispetto a Google Rank

Conclusione

Vuoi che il tuo titolo e il tuo titolo principale siano pertinenti all’argomento per cui vuoi classificarlo. Ciò significa che entrambi dovrebbero contenere una variante della parola chiave .

Quando si tratta della relazione tra il titolo e il contenuto principale, Google chiarisce: “Il titolo della pagina dovrebbe descrivere il contenuto”, citando il documento sulla qualità della ricerca.

Assicurati che il titolo e il titolo descrivano oggettivamente il contenuto. Assicurati che siano anche simili , quindi quando l’utente apre la pagina troverà quello che stava cercando.

Sulla base dei punteggi di somiglianza elevata, dovresti mantenere il tuo molto simile al titolo

 . Tuttavia, averli completamente identici sembra essere un segnale negativo.

5. Copia Del Titolo

Un altro paio di cose che ho raccolto dal documento sulla qualità della ricerca di Google: ci sono anche linee guida sulle pagine di valutazione con titoli “scioccanti o esagerati” come di bassa qualità.

Ecco un altro frammento:

“Le pagine con titoli esagerati o scioccanti che non descrivono bene il MC dovrebbero essere classificate come basse. (…) Titoli esagerati o scioccanti possono indurre gli utenti a fare clic sulle pagine nei risultati di ricerca. Se le pagine non sono all’altezza del titolo o delle immagini esagerate o scioccanti, l’esperienza lascia gli utenti sorpresi e confusi.

Ed ecco un paio di esempi:

Notare come il costo di un clic gioca un ruolo.
Esempio di titolo di pagina fuorviante ed esagerato

Nel nostro studio dei titoli , abbiamo scoperto che l’uso di alcune “parole di potere” è correlato anche con quote sociali più alte (o più basse).

Come puoi vedere, la scelta delle parole può influire anche sul tuo SEO, anche se in modo diverso rispetto all’ottenimento di clic e condivisioni social.

Questo è confrontato con il contenuto ed è difficile da misurare.

Apparentemente, anche l’algoritmo di Google non fa un lavoro perfetto se hanno bisogno di assumere rater umani per valutare manualmente i risultati.

Semplicemente non possiamo cercare in modo affidabile relazioni tra classifiche e le parole usate nel titolo: 1,5 milioni è un set di dati troppo piccolo per trovare qualcosa di significativo.

Parole che dominano i titoli più condivisi
Argomenti che dominano l’attenzione, attirano clic e condivisioni nel 2019

Potremmo guardare al traffico organico, e lo abbiamo fatto … ma ancora una volta ci sono più fattori che svolgono un ruolo e abbiamo già fatto un enorme studio sui titoli che fornisce risultati affidabili.

Dato che ciò che ho ottenuto da questa analisi non è troppo lontano da quello che abbiamo trovato nel nostro studio dei titoli, ti indicherò semplicemente perché è molto più elaborato in termini di consigli di copywriting.

Conclusione

Anche se sei tra i primi 10, vuoi che gli utenti facciano clic sul tuo risultato. E la maggior parte delle volte, leggeranno solo il titolo, rendendolo il fattore decisivo.

Lo stesso consiglio di copywriting si applica qui, anche se è un po ‘più sfumato quando si tratta di SEO.

Se hai intenzione di utilizzare alcuni titoli aggressivi, assicurati che i tuoi contenuti vengano pubblicati . Se fai fatica a salire di livello, prova a ridurre leggermente il titolo, soprattutto se il CPC è alto.

Considera la parola chiave e mettiti anche tu nella posizione dell’utente. Chiediti: “Che cosa si aspettano di ottenere dalla query e quale sarebbe il modo migliore per far riflettere il tuo titolo?”

6. Argomenti Del Titolo E SEO

Come ho detto prima, non possiamo fare uno studio di correlazione su argomenti relativi al titolo che interessano la SEO, per i motivi spiegati. Tuttavia, ce n’erano alcuni che si distinguevano o sono una scelta ovvia.

Come puoi vedere, Google contrassegna i titoli con parole come “scioccante” che implicano un’esagerazione. Ho dato un’occhiata al nostro studio dei titoli e ho avuto alcune idee.

Parola Trump nei titoli

Abbiamo trovato la parola “briscola” fortemente correlata socialmente con i clic e la condivisione. È il caso del SEO?

Ecco cosa abbiamo ottenuto:

Parola Trump nel Vs Google Rank

La parola “briscola” è costantemente meno presente tra i ranghi più alti. Per qualsiasi ragione.

Questo è interessante perché gli stessi fattori che aumentano le tue possibilità di rendere virali i tuoi contenuti potrebbero effettivamente danneggiare il tuo SEO, soprattutto se vai troppo lontano.

Successivamente, abbiamo esaminato il ” fattore di freschezza “, qualcosa di cui ho scoperto di essere spesso parlato dai SEO.

Ecco come affermare l’anno in corso nel tag del titolo è correlato ai gradi di ricerca:

Chiaramente, avere l’anno in corso nel titolo è correlato con le classifiche alte.

È perché agli utenti piace e fa clic più su di esso che invia un segnale positivo a Google o è solo Google che associa i tuoi contenuti a date più recenti? Difficile da dire ma alla fine, quando puoi, hai l’anno in corso nel tag del titolo.

Abbiamo quindi esaminato un sacco di altre cose, come l’uso di un punto esclamativo o lettere maiuscole, cose tipicamente utilizzate nei clickbait, l’uso di numeri e post di elenchi, ecc. Senza risultati conclusivi.

Conclusione

Penso che la parola “2019” o “fattore di freschezza” mostri il legame più forte . Potrebbe anche essere che il contenuto sia effettivamente nuovo e quindi più probabile che contenga una tale parola chiave.

In entrambi i casi, se hai un motivo oggettivo per usare le parole di potere nei tuoi titoli, fallo, perché sono anche in correlazione positiva con le condivisioni e i clic sui social.

Per i risultati della parola “briscola”, è possibile che ai media piaccia usare titoli scioccanti ed esagerati di “Briscola” perché funziona, ma non riesce a fornire il contenuto.

Tuttavia, vorrei fare attenzione a usare gli argomenti polarizzanti nel tuo titolo solo per incentivare i clic e usarli solo per i social media (tag).

Come Scrivere Tag Titolo Che Ti Danno Classifiche E Clic?

Vorrei dire che i tag sono una di quelle vittorie dello 0,1% nel SEO, ma sono più importanti di questo perché il loro contenuto è ciò che fa sì che le persone facciano clic sul risultato.

Vale la pena prenderlo sul serio.

Quindi scriviamo insieme il tag del titolo per questo post sul blog in modo da poterti mostrare come facciamo le cose qui su Authority Hacker.

1. Inserisci La Tua Parola Chiave Principale

La prima cosa che facciamo quando scriviamo i tag del titolo qui su Authority Hacker è scrivere la nostra parola chiave principale nel campo del tag del titolo solo per avere un’idea di quanti personaggi ne sono già stati divorati Molte volte per parole chiave a coda lunga, questo sarà la maggior parte del tag del titolo.

2. Inserisci La Parola Chiave Nell’esploratore Di Parole Chiave Di Ahref E Cerca Interessanti Modificatori Da Aggiungere

Il prossimo passo è collegare la tua parola chiave principale al tuo strumento di ricerca delle parole chiave preferito e cercare variazioni pertinenti della coda lunga con il volume di ricerca.

Nel caso di questo post, ho evidenziato 4 che sono potenzialmente interessanti di seguito:

Ovviamente, vuoi controllare la concorrenza delle varianti della coda lunga per vedere se hai un tiro in classifica per loro e analizzarli come se stessi facendo una ricerca di parole chiave seed .

Scegli i migliori modificatori che hanno senso con il tuo contenuto reale (altrimenti, non ti classificherai comunque) e gettali nella casella del tag del titolo per avere un’idea di quanti personaggi hai bisogno. Ricorda, la parte più importante del tuo titolo dovrebbe essere all’interno dei primi 50 caratteri perché Google lo troncerà a volte.

3. Scrivi Un Tag Del Titolo Che Sia Leggibile, Descriva Il Tuo Contenuto E Abbia Senso Usando La Maggior Parte Dei Modificatori In Cui Puoi Inserirti.

Questa parte può essere complicata. Adattare tutti i modificatori e le parole chiave principali con un senso all’interno di 50 caratteri significa che a volte dovrai fare sacrifici, quindi dai un’occhiata finale alle tue parole chiave in Esplora parole chiave se devi prendere decisioni difficili.

Ecco con cosa sono atterrato per questo post:

Non dimenticare di mettere in maiuscolo le parole con 3 o più caratteri per attirare più attenzione nella SERP.

Ho quindi reso dinamico l’anno nel mio tag utilizzando il tag %% currentyear %% offerto dalla maggior parte dei plug-in SEO e questa è la mia copia finale:

Non ti preoccupare, il tag del titolo avrà 50 caratteri alla fine, è solo che il tag è piuttosto lungo che fa casino con il contatore dei personaggi.

4. Scrivi I Tuoi Tag Social Per La Condivisibilità E Fai Clic Sulla Percentuale Di Clic

I titoli dei social seguono diversi fattori di successo, quindi non vuoi che il tuo titolo di Google e i tuoi titoli dei social media combattano tra loro.

Come abbiamo dimostrato, i titoli più lunghi hanno prestazioni migliori sui social media, mentre quelli più brevi hanno prestazioni migliori su Google. I titoli di Google richiedono una parola chiave, i titoli dei social media no . E così via…

Uno degli angoli che hanno dimostrato di essere in correlazione con quote e traffico più elevati è l’angolo del “Nuovo studio”, quindi ho deciso di usarlo per questo articolo mentre stavamo realizzando uno studio su oltre 1,5 milioni di tag del titolo.

Sono anche 68 i personaggi che sono esattamente in linea con ciò che è stato dimostrato per ottenere più risultati secondo l’ articolo dei nostri titoli . Ti mostriamo anche come utilizzare gli annunci a pagamento per ottimizzare i titoli dei social alla fine di quel post, quindi ti consiglio di dare un’occhiata;).

Grafico della lunghezza media del titolo

5. Scrivi Un Tag H1 Che Riconcili Il Tuo Tag Titolo SEO E I Titoli Dei Social Media

L’ultima cosa che vuoi è essere classificato come ingannevole da Google e clickbait dal tuo traffico social.

Quindi ora, il nostro compito è quello di scrivere un H1 che colma il divario tra il nostro tag title ricco di parole chiave e il titolo social degno di clic in modo che tutti si sentano come atterrati nel posto giusto ed siano entusiasti di consumare i tuoi contenuti.

Nota inoltre che la presenza di parole chiave e modificatori è importante nel tuo H1, quindi è necessario renderla sia ricca che allettante. Ma in cambio, non hai limiti di lunghezza.

Evita il riempimento di parole chiave

Immagino che se stai ancora leggendo, ce l’abbiamo fatta, quindi non ho bisogno di farlo. Ma .. Se non lo faccio, immagino che non leggerai così lontano.

Ma credo che tu abbia già visto il titolo … comunque, ecco cosa mi è venuto in mente:

6. Test A / B Dei Tag Del Titolo Per Massimizzare I Risultati

I tag del titolo di test A / B erano qualcosa che era disponibile solo per siti enormi con budget enormi. Ma non più. Abbiamo provato a abrankings.com e sono sorprendentemente affidabili.

Ovviamente, il test del tag del titolo NON è facile e sempre affidabile perché le tue classifiche si sposteranno continuamente, indipendentemente da ciò che fai.

Quindi i test “vincenti” non sono sempre dovuti alla variazione del titolo, ma anche alle fluttuazioni di quanto Google spinga i tuoi contenuti.

Ti consigliamo di scorrere ciclicamente i modificatori che hai trovato in ahrefs nella tua copia per vedere quali generano il traffico più complessivo e la migliore percentuale di clic.

Potremmo fare presto un tutorial su questo, ma questo post sta già diventando un po ‘lungo :).

Per Concludere …

In SEO, si desidera visualizzare ogni contenuto come una versione distinta del prodotto.

Un prodotto richiede ricerche di mercato, un budget, un obiettivo chiaro e obiettivi prestazionali e ha anche bisogno di una strategia di distribuzione.

Scrivere un titolo solido fa parte della costruzione e del rilascio di un prodotto funzionante che è il tuo contenuto.

Pertanto, si desidera trattarlo come tale.

Quello che voglio dire è che i tag del titolo sono un dettaglio importante e scriverli dovrebbe essere un gioco da ragazzi fintanto che sai cosa stai cercando di ottenere e a chi è destinato il tuo articolo.

Se hai fatto la tua ricerca, sai quale parola chiave stai prendendo di mira, chi è la tua concorrenza, quali sono le tue risorse (cioè il UVP del tuo articolo), quale dolore i tuoi lettori stanno cercando di risolvere e cosa gli viene in mente.

Un titolo solido rifletterà tutto ciò.

1 comment on Abbiamo Analizzato 1,5 Milioni Di Tag Del Titolo Per Scoprire Qual È La Lunghezza Ideale Per Il SEO Nel 2019 (Suggerimento: Non Sono Più 80 Caratteri)

Lascia il tuo prezioso commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

[email protected]

Close