Cerca

9 tendenze sull’Influencer Marketing che non puoi ignorare nel 2020

Non molto tempo fa, era facile trascurare le tendenze del marketing degli influencer, ma ora che gli influenzatori sono un aspetto vitale della moderna macchina di marketing, sarebbe sciocco chiudere gli occhi. Nell’ultimo decennio, siamo passati da zero ad avere il 93% dei marketer che  usano il marketing degli influencer.

Nonostante questa crescita meteorica, il marketing degli influencer è stato carico di problemi: dai pretendenti con falsi follower alle discutibili alleanze che hanno fatto più male che bene (come il Tweet di seguito in cui l’influencer Scott Disick ha copiato e incollato le istruzioni per la pubblicazione), i marchi devono seguire attentamente quando cercano influenzatori per aiutarli a crescere:

ScottDisickTweet

In questo articolo, esploreremo le tendenze di marketing degli influencer chiave nel 2020, fornendo alle aziende le informazioni di cui hanno bisogno per sfruttare le partnership degli influencer nell’anno a venire.

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

9 Tendenze di marketing di Influencer che non puoi ignorare

Uno studio di mediakix prevede che la spesa pubblicitaria per il marketing degli influencer potrebbe raggiungere i $ 10 miliardi  entro il prossimo anno.

Con tali opportunità redditizie, non sorprende che così tante persone siano tentate dalla prospettiva di lasciare il loro lavoro diurno per diventare influenzatori :

Diamo un’occhiata alle nove tendenze di marketing di influencer vitali che ci aspettiamo nel 2020, così puoi essere pronto a cavalcare l’onda della crescita!

Dai un’occhiata: 42 tendenze del marketing digitale che non puoi ignorare nel 2020

Tendenza n. 1: gli influenzatori creeranno più contenuti audio e video

Nell’ultimo anno, c’è stato un enorme cambiamento nei tipi di contenuti creati dagli influenzatori. In precedenza, molti influenzatori si concentravano su post sponsorizzati, ma ora stiamo vedendo la scala che punta verso contenuti visivi e audio altamente coinvolgenti.

Nel 2020, puoi aspettarti di vedere molti più contenuti video e un aumento dei contenuti dei podcast da influencer.CLICCA PER TWEETQuesta notizia non dovrebbe essere una grande sorpresa se si considera che il marketing video si è affermato come regalità del marketing dei contenuti negli ultimi anni. Wyzowl riferisce che il 72% delle persone preferisce conoscere un prodotto o un servizio tramite contenuti video anziché testo.

I podcast , d’altra parte, possono sollevare alcune sopracciglia. Mentre il mezzo è in circolazione da un po ‘di tempo, sta solo iniziando a raggiungere le vertiginose altezze che molti hanno predetto per l’industria dei podcast nei primi giorni.

Considera queste statistiche da Musicoomph :

  • Ora ci sono 700.000 podcast attivi
  • Il 51% degli americani ha ascoltato un podcast
  • Il 69% degli ascoltatori viene a conoscenza di nuovi prodotti e servizi tramite annunci podcast

I consumatori desiderano tipi di contenuto più coinvolgenti e video e podcast sono in cima alla lista. I marchi lo sanno, il che apre le porte a partnership altamente gratificanti con influencer nel 2020.

La tua azienda può collaborare con influencer che utilizzano video o podcast in molti modi, ad esempio:

  • Contenuti generati dagli utenti come un video di una recensione del prodotto
  • Dimostrazioni video per spiegare prodotti tecnici complessi
  • Sessioni di domande e risposte
  • Interviste con i membri o il team tecnico di C-Suite
  • Pubblicità per prodotti, servizi, eventi o promozioni

Queste piattaforme attirano un pubblico vasto e mirato , consentendo ai marchi di raggiungere le masse attraverso un influencer di fiducia che le persone rispettano e trovano più riconoscibile di un marchio aziendale.

Contenuto relativo:

Tendenza n. 2: saluta gli influenzatori CGI

Una delle tendenze di marketing degli influencer più significative nel 2020 coinvolgerà influencer che non sono nemmeno umani. Per molti anni, mascotte, cartoni animati e personaggi dei film animati hanno dominato il pubblico.

Ora, poiché il marketing degli influencer è saldamente radicato negli affari moderni, i marchi stanno cercando di incorporare questa strategia al massimo effetto.

Nel 2020, uno dei modi migliori per i marchi di sfruttare il marketing degli influencer è quello di creare il proprio influencer. Saluta gli influencer CGI!CLICCA PER TWEETGrazie al potere di Computer Generated Imagery (CGI), queste stelle realistiche stanno già facendo ondate nel panorama marketing di oggi. Lil Miquela è un’influencer della CGI molto richiesta, con Diesel, UGG e Prada già nel suo portafoglio:

Lil Miquela, influencer CGI

Questo stile futuristico di influencer marketing non solo attira i giovani, esperti di tecnologia e assetati di gamification e realtà virtuale, ma dà anche ai marchi totale autonomia sul loro comportamento e linguaggio. Queste sono considerazioni vitali, specialmente quando pensi a come alcuni influencer hanno corteggiato le controversie in passato (ne parleremo più avanti!).

Dive Deeper:

Tendenza n. 3: i dipendenti saranno visti come influenzatori

La natura della forza lavoro moderna sta subendo drammatici cambiamenti. Sempre più persone si stanno unendo alla rivoluzione del libero professionista, imparando le competenze digitali e facendo il salto nel lavoro autonomo o nell’imprenditoria.

Un sottoprodotto interessante di questi sviluppi è che le aziende stanno ora incoraggiando i dipendenti a diventare influenzatori dei social media. Invece di rivolgersi a piattaforme di terze parti e ai marketer dei contratti, le organizzazioni vanno verso l’interno per coltivare il proprio talento.

Questo approccio alla costruzione di un programma di advocacy per i dipendenti ha diversi vantaggi per un’azienda:

  • È affidabile  – Ogni volta che un dipendente appoggia il proprio marchio, sembra essere più genuino di un’ovvia partnership sponsorizzata.
  • Transizione più semplice : i dipendenti dell’azienda saranno già parte integrante delle operazioni interne, inclusi contenuto, strategia, marketing e design. Renderli il volto di una campagna è una scelta naturale.
  • Maggiore controllo  : i marchi possono avere più voce in capitolo su come vengono eseguite le campagne quando utilizzano i propri dipendenti.
  • Rafforzare le relazioni interne  – La tua azienda può stringere legami con i dipendenti, aiutandoli a costruire il loro status e carriera mentre ti aiutano ad aumentare la consapevolezza del marchio.

Per capire come può funzionare questo programma di influenza interna, dai un’occhiata a  Macy’s Style Crew , dove 300 dei loro dipendenti sono diventati ambasciatori del marchio:

#macysstylecrew

Nel programma di influenza di Macy, qualsiasi dipendente che si unisce può ottenere prodotti di negozio gratuiti. Inoltre, ricevono anche una commissione sulle vendite relative ai loro post influencer!

Marc Mastronardi , EVP of Business Development presso Macy’s, spiega:

“È più facile sfruttare le risorse esistenti che creare qualcosa dal nulla”.

Tendenza n. 4: Twitch è lo spazio da guardare

Quando apprendi le ultime tendenze del marketing degli influencer, vengono in mente alcune piattaforme importanti, vale a dire Instagram, YouTube e Facebook. In effetti, il 93%  delle campagne di marketing di influencer sono su Instagram ora.

Sebbene non ci siano dubbi sul fatto che queste siano le piattaforme dominanti per gli influenzatori, non c’è alcuna garanzia che rimarranno ai vertici nel 2020, poiché un’altra piattaforma è in aumento …

Twitch è un servizio di streaming video in diretta e una consociata di Amazon. Tradizionalmente un paradiso per i giocatori, ha costantemente ampliato il suo raggio d’azione per soddisfare ogni tipo di attività e interesse, inclusi pittura, cucina e musica. La piattaforma è paragonabile a YouTube, tranne per il fatto che spinge l’elemento video live e incoraggia l’interazione con la comunità.

contrazione-logo

Uno degli influencer di maggior successo su Twitch è il fenomeno del gioco Tyler Bevins , meglio conosciuto dal moniker Ninja. Ha collaborato con diversi marchi e recentemente ha ottenuto sponsorizzazioni da Red Bull e UberEats.

In genere, influencer come Ninja giocano a un gioco per computer mentre lo trasmettono in streaming in diretta al loro pubblico su Twitch. UberEats gli ha offerto uno sconto dell’1% per ogni uccisione che ha ottenuto nel gioco Fortnite, un compito che doveva completare prima che la consegna arrivasse a casa sua:

ninja l'influenza

Ninja ha anche vinto uno sconto del 25% per i suoi fan alla fine, guidando stormi di persone a ordinare da UberEats. La campagna ha avuto un tale successo che UberEats ha concluso l’offerta perché aveva concesso il massimo importo di riscatti dopo un solo giorno.

Il successo immediato di questa campagna dimostra quanto possa essere potente una partnership di marketing influencer su Twitch, e siamo sicuri di vederne di più nel 2020 e oltre.

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

Tendenza n. 5: linee guida più rigorose per gli influenzatori

Il prossimo nella nostra lista è la prova che non tutte le tendenze di marketing degli influencer portano buone notizie per l’industria. Per quasi il tempo in cui gli influenzatori sono stati una caratteristica del marketing online, lo spazio è stato perseguitato da accuse di influenzatori che hanno deliberatamente fuorviato i consumatori o imbrogliare i marchi con statistiche inventate.

Quando Kim Kardashian ha promosso Diclegis  – un farmaco per trattare la malattia di mattina  ha deciso di non dire i suoi seguaci sui suoi effetti nocivi. Il contraccolpo fu biblico e in breve tempo venne coinvolta la Food and Drug Administration americana . Kardashian rimosse rapidamente la posta e passò al controllo dei danni con un nuovo post che descriveva in dettaglio i rischi intrinseci del farmaco:

kardashian instagram

Incidenti come questo hanno portato a richieste di maggiore trasparenza da parte degli influenzatori. Di conseguenza, la Federal Trade Commission ha anche emesso forti avvertimenti per gli influenzatori che non rivelano pubblicamente le loro conferme.

Secondo le attuali linee guida FTC , gli influenzatori devono usare hashtag come #sponsored o #ad per tutti i post associati:

FTC

Nel prossimo anno, con una maggiore attenzione alla privacy e al marketing incentrato sul cliente, è probabile che questa tendenza a politiche più restrittive sul marketing degli influencer continuerà. Tieni gli occhi aperti per assicurarti di non metterci dentro il piede.

Tendenza n. 6: i microinfluenzatori subentreranno agli influenzatori delle celebrità

Mentre Kim Kardashian guadagna fino a $ 500.000 per un singolo post su Instagram , la maggior parte delle aziende non è disposta a sborsare somme oscene per una campagna di influencer.

Gli influencer possono essere celebrità famose, ma non devono esserlo  – né lo status di celebrità è il fattore determinante. Poiché il marketing degli influencer è generalmente più autentico della pubblicità aziendale:

Il 63% dei consumatori si fida delle opinioni degli influenzatori sui prodotti molto più dei marchi stessi – o persino delle celebrità più importanti – quindi molti marchi stanno cercando di collaborare con influenzatori più affini.CLICCA PER TWEETL’Islanda, una popolare catena di supermercati britannici, è passata dalle pubblicità con celebrità di spicco a una campagna che presenta mamme della vita reale. In collaborazione con la community di YouTube Channel Mum, ora collabora con diversi vlogger per promuovere i suoi prodotti in modo più “autentico”.

E la ricerca mostra che il 35% delle mamme si fida dei video online  come quello qui sotto più degli annunci tradizionali:

È chiaro che i consumatori trovano più facilmente riconoscibili le “persone normali”, quindi siamo sicuri di vedere più micro-influencer che ottengono il favore delle star e delle celebrità globali. (Anche se i numeri variano, un micro influencer è in genere qualcuno che ha 2.000-50.000 follower su una specifica piattaforma di social media.)

In definitiva, essere famosi o avere milioni di follower non è un grande influencer. Invece, i marchi devono cercare persone che hanno un seguito di nicchia dedicato e il potere di convincere questi follower ad agire. Alla fine, questa combinazione probabilmente porterà a un ritorno sull’investimento (ROI) molto migliore di quanto non faccia mai un urlo di celebrità.

Tendenza n. 7: i marchi si allineeranno con gli influenzatori che condividono i loro valori

Proprio come gli influencer possono rapidamente diventare stelle, sono anche in grado di schiantarsi e bruciare. In passato, importanti influencer hanno perso seguaci in massa dopo aver mostrato cattivo gusto nei loro contenuti.

Per il giocatore svedese PewDiePie, una serie di video razzisti ha allontanato i suoi partner, mentre Logan Paul ha avuto un colpo dopo aver pubblicato un video delle sue reazioni “egocentriche e crudeli” a una vittima suicida in Giappone.

Come diceva Vox :

“Come è stato chiaro nella copertura delle notizie e nell’indignazione pubblica, i critici sono stati turbati dall’incapacità di Paul di considerare la sua responsabilità nei confronti del suo pubblico, di mostrare più dignità come produttore di video e di scegliere la sensibilità rispetto al sensazionalismo”.

Non è sufficiente che un influencer abbia un seguito se non è adatto al tuo marchio. Un marchio adatto alle famiglie non dovrebbe entrare in una partnership con un giocatore spigoloso e tatuato solo perché è il sapore del mese.

Nel 2020, i marchi devono riflettere attentamente su chi collaborano, poiché gli influenzatori che scelgono devono essere ambasciatori del marchio rispettabili e rispettabili per la loro azienda. Inoltre, devono condividere i valori del marchio in modo da connettersi veramente con il tuo pubblico.

Tendenza n. 8: le piattaforme Influencer diventeranno più importanti

Sappiamo tutti che i canali di social media popolari come Facebook e Instagram si stanno rapidamente ostruendo con la concorrenza. È difficile che qualsiasi marchio si distingua e il furore attorno ai nascondigli di Instagram suggerisce che i micro-influenzatori avranno un momento più difficile nel 2020.

Andando avanti, dovremmo vedere un passaggio verso le piattaforme di influencer mentre più aziende sperimentano partnership di influencer in tutti i settori.

“Una piattaforma di marketing di Influencer è una soluzione software progettata per aiutare i marchi con le loro campagne di marketing di Influencer … [e] fungere da supporto per semplificare la vita sia delle agenzie che dei marchi quando gestiscono e lavorano con influencer.”

La diversità di queste piattaforme è sempre in crescita, con molte piattaforme che vanno oltre la semplice scoperta per offrire strumenti di analisi e marketing dei contenuti. Il bello di questo è che più marchi cercheranno di gestire internamente le campagne di marketing degli influencer, usando piattaforme per gestire le cose invece di consegnare le redini alle agenzie.

Ecco alcune delle migliori piattaforme di marketing di influencer :

  • Upfluence
  • AspireIQ (precedentemente Revfluence)
  • CreatorIQ
  • Posta in affitto
  • SocialBakers
  • Influente
  • Linqia

Dive Deeper: come l’intelligenza artificiale sta trasformando il marketing degli influencer

Trend #9: Artificial Intelligence (AI) Will Change Influencer Marketing

Non c’è dubbio che il marketing degli influencer sarà influenzato dall’intelligenza artificiale nel 2020. Con ogni anno, l’ IA sta rendendo il processo di ricerca degli influencer giusti per collaborare con facilità e velocità . Questa tecnologia sta aiutando a identificare chi ha un coinvolgimento migliore, meno follower falsi e maggiori probabilità di generare un ritorno sull’investimento (ROI) positivo.

L’intelligenza artificiale sta trasformando il marketing degli influencer nei seguenti modi:

  • Riconoscimento di immagini con ANN (reti neurali artificiali )
  • Determinazione delle prestazioni dell’influencer con NLP (Natural Language Processing)
  • Prevedere incentivi con ANN
  • Determinare l’influenza di un influencer
  • Post di segnalazione che non seguono le linee guida per la divulgazione
  • Eliminazione di falsi impegni e spambots

image7

Nestlé Pure Life , una consociata di Nestlé, “ha voluto sensibilizzare il proprio marchio toccando la nazione con storie di pura saggezza di madri, nonne e bisnonne di tutti i giorni”, quindi si sono rivolti alla piattaforma di marketing influenzatore AI basata su Linqia per aiutarli trovare influencer appropriati.

Gli influenzatori scelti dall’algoritmo di Linqia li hanno aiutati a raggiungere questi risultati:

  • I contenuti originali degli influenzatori Linqia hanno generato 22 milioni di potenziali impressioni.
  • 50.179 persone hanno visitato la pagina Facebook di Nestlé Pure Life per condividere le loro storie di saggezza.
  • Nestlé Pure Life ha ricevuto oltre 7.500 sponsorizzazioni sociali a seguito del programma.

Avvolgendo

Dalle piattaforme di influencer alla creazione di personaggi CGI, dallo stare sul lato destro dell’FTC alla scoperta di micro-influencer, da più contenuti video e podcast all’intelligenza artificiale, questi sono i principali trend di marketing degli influencer da tenere d’occhio nel 2020.

In definitiva, per ottenere il massimo dal marketing degli influencer, devi ricordare che è più importante allinearsi con qualcuno che condivide i valori del tuo marchio e può davvero influenzare la loro base di fan piuttosto che cercare una stella globale con un enorme numero di follower su Instagram.

Forse questo sarà l’anno in cui la tua attività verrà finalmente coinvolta con gli influenzatori! Assicurati di essere al passo con gli ultimi sviluppi e cerca modi per sfruttare la tecnologia, le piattaforme o i tipi di contenuto più recenti per massimizzare il ROI.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close