Cerca

8 suggerimenti e trucchi per l’Inbound Marketing che devi conoscere

Non ti piacerebbe aumentare organicamente il tuo traffico mese dopo mese senza pagare annunci o effettuare chiamate a freddo? Il marketing in entrata può essere la strada da percorrere.

Padroneggiando alcuni suggerimenti e trucchi di base per il marketing in entrata, sarai in grado di creare contenuti sempreverdi che attirano più clienti nel tempo.

In questo articolo tratteremo:

  • Che cos’è il marketing in entrata?
  • Qual è il migliore: marketing inbound vs outbound?
  • Quali sono alcuni ottimi esempi di marketing in entrata?
  • Quali sono i migliori consigli e trucchi per il marketing in entrata?

Alla fine di questo post, sarai pronto a dare il via alla tua campagna di marketing in entrata e alle stelle il tuo traffico organico.

Ma prima, cerchiamo di capire cosa significa “marketing in entrata”.

Che cos’è il marketing in entrata?

Qualche decennio fa, quando la vita era ancora in bianco e nero, le aziende operavano in modo leggermente diverso. Se un’azienda desiderava nuovi clienti, eliminavano gli annunci negli elenchi telefonici, interrompevano le cene con le chiamate fredde o facevano un salto a casa senza preavviso proprio mentre i tuoi figli andavano a fare un pisolino.

Poi è arrivata Internet e la vita è diventata colore.

Le aziende potrebbero ora utilizzare l’ email marketing , i banner pubblicitari, i messaggi di chat e tutti quegli altri strumenti di marketing online che abbiamo imparato a conoscere e ad amare.

Ma anche di più, le aziende sono state in grado di condividere grandi quantità di informazioni utili con i propri clienti. Potrebbero anche rimanere in contatto con i clienti in ogni fase del loro viaggio.

In breve, quando è arrivato Internet, le aziende erano più in grado di aggiungere valore alla vita dei loro clienti.

E questo è ciò che fa meglio il marketing in entrata.

Se ti sei mai trovato a cercare su Google la frase “cos’è il marketing in entrata”, non preoccuparti. Non sei assolutamente l’unico. In effetti, Google fa una domanda del genere.

Fortunatamente, la definizione è semplice:

Il marketing in entrata è il processo di attrazione e costruzione organica delle relazioni con le persone fornendo aiuto, istruzione e valore alla loro vita

Il marketing in entrata è il processo di attrazione e costruzione organica delle relazioni con le persone fornendo aiuto, istruzione e valore alla loro vita.

Ora, sappiamo che potresti pensare: ” Non è praticamente lo stesso del content marketing ?”

Chiudi, ma non del tutto. Ecco perché:

Quando si tratta di marketing inbound vs content marketing, i due sono molto simili. Ma non sono del tutto uguali.

Il content marketing si concentra sulla creazione e distribuzione di … beh … contenuto. E sì, l’obiettivo è aiutare, educare e potenziare l’utente. Ma il marketing in entrata va oltre.

Il marketing in entrata è una strategia che si basa ampiamente sul marketing dei contenuti per funzionare, ma richiede anche altri strumenti: SEO tecnico , chatbot, processo decisionale basato sui dati, generazione di lead , web design e così via.

Questi strumenti non hanno nulla a che fare con il contenuto e la sua distribuzione. Al contrario, aggiungono valore all’esperienza del cliente in qualche altro modo.

I chatbot sono un ottimo esempio. Una volta che un visitatore arriva sul tuo sito, i chatbot invitano il cliente a interagire con l’azienda e iniziare una relazione. Ti consentono di risolvere più facilmente i problemi di un cliente aprendo un’altra linea di comunicazione.

Di conseguenza, è più probabile che quel visitatore ritorni al tuo sito in futuro.

Presto vedremo alcuni esempi di aziende che sanno qualcosa o due sul marketing inbound di successo. Ma prima, parliamo della differenza tra un altro tipo di marketing: il marketing in uscita.

Qual è il migliore: marketing inbound vs outbound

Come abbiamo detto sopra, il mondo del marketing era notevolmente diverso prima di Internet. I canali di comunicazione semplicemente non consentivano conversazioni bidirezionali.

Ciò significava che le aziende parlavano, spingevano e vendevano.

Quando arrivò il marketing inbound, le aziende iniziarono a fare le cose in modo completamente diverso: iniziarono ad ascoltare, guadagnare e insegnare.

Ora, quando si tratta del dibattito sul “marketing inbound vs outbound”, molte persone sono ingiustamente impegnate nel marketing outbound.

Quindi confrontiamo rapidamente i pro ei contro degli sforzi di marketing sia inbound che outbound. Quindi saremo più preparati a parlare di quale tipo di attività sarebbe adatta ogni strategia.

pro e contro del marketing inbound

Come puoi vedere, i pro superano decisamente i contro. Il marketing in entrata è in genere più economico, più efficace a lungo termine e si concentra sulla relazione piuttosto che sulla vendita.

Successivamente, abbiamo il marketing in uscita:

pro e contro del marketing in uscita

Il marketing in uscita presenta alcuni svantaggi principali e in genere si concentra maggiormente sulla vendita a breve termine rispetto alla relazione a lungo termine. Tuttavia, non è privo di vantaggi.

Con il marketing in uscita, le aziende con un budget più elevato hanno meno concorrenza , possono monitorare più facilmente i risultati e vedere profitti più immediati.

Quindi quale strategia è la migliore per la maggior parte delle aziende?

Alla fine della giornata, il marketing in entrata è una buona strategia per tutte le aziende, indipendentemente dalle dimensioni.

Ma il marketing in uscita ha ancora il suo posto. Dipende in gran parte dal tuo budget e dal tuo pubblico. Alcuni dati demografici sono semplicemente meno disponibili per le strategie di marketing in entrata.

Puoi immaginare un’organizzazione no profit che cerca di raggiungere regioni povere senza un accesso a Internet affidabile.

O forse un’azienda che vende a un pubblico di età superiore ai 65 anni, solo il 67% dei quali utilizza costantemente Internet . Pertanto, fare affidamento su suggerimenti di marketing in entrata potrebbe tralasciare un terzo del pubblico .

In situazioni come queste, il marketing in uscita potrebbe essere più appropriato. Nella maggior parte degli altri, tuttavia, un piano di marketing in entrata è la strada da percorrere.

Ora che sappiamo cos’è il marketing inbound e perché è una strategia universalmente valida, lasciamoci ispirare da alcuni fantastici esempi di marketing inbound!

Grandi esempi di marketing in entrata

Le seguenti tre società sono conosciute a livello internazionale per le loro fantastiche strategie di marketing . Sebbene nessuna di queste aziende faccia affidamento esclusivamente sul marketing inbound, è sicuramente in vantaggio rispetto alla concorrenza in termini di area:

1. Starbucks

Starbucks è un fantastico esempio di suggerimenti di marketing in entrata di successo da seguire.

Quando si tratta di ottenere nuovi clienti, non vanno in giro a bussare alle porte delle persone e raramente (se mai) vedi i loro annunci pubblicitari alla radio o alla televisione.

Inoltre, puoi immaginare di ricevere una chiamata fredda dal tuo manager Starbuck locale a cena?

Ancora una volta, questo non vuol dire che Starbucks non abbia alcun asso nella manica del marketing in uscita, ma la sua strategia di marketing in entrata pone gli standard per la concorrenza.

Ecco alcuni modi in cui Starbucks attira i clienti attraverso il marketing in entrata:

Notizie e storie: piuttosto che scrivere blog, infografiche o e-book , scrivono notizie educative da diffondere sui social media. Condividono sul loro marchio, sui nuovi prodotti e sui loro sforzi ambientali.

starbucks-inbound-marketing-notizie-e-storie-page

L’obiettivo di queste storie è insegnare alle persone il loro marchio. Sono più informativi, hanno un ambito più ristretto e l’obiettivo principale del contenuto è quello di coltivare le relazioni con i clienti esistenti piuttosto che attrarne di nuovi.

Coniare nuovi termini per posizionarsi su Google: SEO è ancora una parte importante della loro strategia di marketing in entrata. In effetti, Starbucks si classifica organicamente per 1 milione di parole:

starbucks-organico-chiave-Panoramica

Mentre molte di queste ricerche provengono da utenti che cercano uno Starbucks in una determinata posizione, altri stanno cercando nomi di bevande di caffè creati appositamente da Starbucks:

starbucks-inbound-marketing-punta-coniando-new-termine-come-unicorn-frappuccino

Il frappuccino unicorno è qualcosa che un dipendente di Starbucks ha creato nel 2017.

Bene, la bevanda è diventata virale.

E anche se l’offerta è terminata più tardi quell’anno, le persone continuano ancora a cercare quella bevanda oggi.

I termini di coniatura nel proprio settore sono un’eccellente tecnica di marketing in entrata. Quando le persone lo cercano, è probabile che tu sia più in alto perché non esiste da nessun’altra parte!

App Gamified: l’app Starbucks è stata per un po ‘il leader in carica delle app di fidelizzazione dei clienti. Hanno trasformato l’acquisto di bevande in un gioco. Mentre la maggior parte dei bar offre carte da gioco per premiare i propri clienti, Starbucks ha sfruttato la propria app usando stelle d’oro:

starbucks-gamified-app-showing-oro-monete

Se acquisti una certa quantità di bevande o pasticcini, puoi guadagnare queste stelle e usarle per acquisti futuri.

Lo scopo di questa app non è quello di ottenere nuovi clienti. Dopotutto, l’unico modo in cui l’app funziona è se hai già effettuato un acquisto.

Al contrario, l’app rafforza il rapporto del marchio con i suoi clienti esistenti per attività ripetute, rendendo l’app Starbucks uno dei loro trucchi di marketing inbound più popolari.

Un localizzatore di negozi sulla loro pagina Facebook: per aiutare i clienti a trovarli più facilmente, Starbucks ha un localizzatore di negozi incorporato direttamente sulla loro pagina Facebook :

starbucks-store-locator-da-loro-facebook-page

Non lo gridano dai tetti, ma questa piccola funzione è lì per aiutare i loro clienti fedeli quando necessario.

2. Uber

Uber ha avuto molte controversie negli ultimi anni a causa delle condizioni dei suoi lavoratori. Ma anche prima che si trovassero nell’acqua calda, probabilmente sapevi del marchio.

E non proveniva da una chiamata fredda.

In particolare, Uber ha usato abilmente il marketing inbound per attirare nuovi clienti in due modi.

Hanno trasformato i dipendenti in ambasciatori del marchio: se hai mai preso un Uber, allora sai che una delle prime domande sul tuo tragitto giornaliero è “da quanto tempo lavori per Uber ”.

La maggior parte dei clienti è curiosa del lavoro perché è piuttosto unica. I dipendenti di Uber non sono solo incoraggiati a parlare della loro posizione, ma a trovare nuovi conducenti attraverso il Programma di referral dei driver di Uber.

uber-driver-rinvio programma

Anche se l’obiettivo di questo programma è trovare nuovi dipendenti, può anche servire a rafforzare il rapporto con Uber e i suoi clienti.

Sentire un guidatore di Uber parlare così positivamente del proprio ruolo da consigliarlo ad altri (cosa che raramente sperimenteresti in un taxi) fa sentire meglio i clienti sull’uso del servizio.

Inoltre, più tardi la sera, è più probabile che il cliente condivida la sua esperienza Uber positiva con chiunque incontrerà all’arrivo. Perché?

Perché hanno appena parlato con una persona reale di quanto sia fantastico.

Poiché i conducenti di Uber entrano in contatto con molte persone ogni giorno, questo marketing passaparola si diffonde rapidamente e costruisce la reputazione del marchio.

Hanno segmentato le loro campagne e-mail per posizione: le campagne e-mail sono uno dei cardini del marketing dei contenuti. Ma quando si tratta di marketing in entrata, le campagne e-mail fanno un ulteriore passo avanti. E Uber ci mostra come.

Uber personalizza e segmenta le sue e-mail in base alla posizione. In questo modo, non stai semplicemente ricevendo un’email generica da Uber.

Invece, ricevi un’email dal gestore dell’account designato nella regione:

Uber-inbound-marketing-tip-to-use-personalizzata-mail-con-location

Quel tocco personalizzato può avere un impatto enorme sui clienti. Inoltre, vi è un maggiore incentivo a diffondere Uber tramite il passaparola perché offrono uno sconto a chiunque utilizzi i propri servizi su sua raccomandazione.

Inoltre, ricevi uno sconto per le persone di riferimento! Dai a qualcuno $ 15 di credito e quando lo usano, ricevi $ 15 di credito.

Tutto ciò che riguarda le loro e-mail va oltre lo scopo del marketing dei contenuti e funziona come un suggerimento di marketing in entrata di successo.

3. Google

Quando la maggior parte delle persone pensa a Google, pensa solo a un motore di ricerca utile. Raramente la persona media vede Google come una grande azienda con un dipartimento marketing, pettegolezzi al raffreddatore d’acqua e un fastidioso rappresentante delle risorse umane di nome Mike.

Ma Google è un’azienda. E nei loro affari, governano il marketing in entrata.

Attraverso i loro sforzi di marketing in entrata, Google è diventato noto e dipende da tutto il mondo. Come attraggono così tanti clienti?

Aggiornando costantemente il loro prodotto per aiutare i loro utenti.

In altre parole, la loro strategia di marketing in entrata era quella di diventare il migliore e rimanere il migliore.

Ed è esattamente quello che hanno fatto. Ecco come:

Tutto ciò che fanno è mirato in modo specifico al loro utente: gli algoritmi di Google raccolgono informazioni sulla cronologia delle ricerche per cercare di capire cosa stai digitando mentre la scrivi. Con poche lettere, Google ti offre le opzioni per compilare il resto:

google-ricerca-what-is-inbound-marketing

Tracciano anche la tua posizione in modo che possano darti risposte regionali migliori:

google-regionali-ricerca-risultati-per-caffè-vicino a me-

E ti offrono suggerimenti basati su ciò che anche altre persone hanno cercato:

google-legato-ricerca-inbound-marketing-tip

Inoltre non fanno pagare nulla ai loro utenti per queste funzionalità.

Inquietante come lo trovano alcune persone, Google ha investito molti per capire cosa tu (sì, in particolare tu ) nelle prime parole della tua ricerca.

Può sembrare sdolcinato, ma Google ha creato, mantenuto e migliorato un prodotto di cui le persone non sapevano nemmeno di non poter vivere.

In tal modo, attraggono organicamente le persone essendo un servizio veramente prezioso e gratuito.

Ma non si sono fermati qui.

Producono preziosi strumenti e risorse: come sapete, Google è molto più di un semplice motore di ricerca. Sviluppa anche un sacco di strumenti per aiutare le persone dal lato aziendale.

Hanno sviluppato strumenti come Google Analytics e Google Search Console (GSC) per aiutare le aziende a migliorare le proprie prestazioni sulla piattaforma di Google. Hanno Gmail con funzionalità come Google Documenti, Fogli e Finanza. E praticamente ogni altro strumento di cui chiunque potrebbe aver bisogno o che desideri:

tutto-di-Googles-prodotti-e-tools

Quindi non solo hanno creato il prodotto finale, ma hanno anche creato strumenti per aiutare tutti a padroneggiare quel prodotto e ad essere più efficienti nella vita di tutti i giorni.

Inoltre, hanno innumerevoli risorse scritte e tutorial video per guidare gli utenti attraverso tutti i problemi che possono incontrare. Se hai una domanda, hanno le tue risorse:

Google-supporto-per-inbound-marketing

E se non riesci a trovare quello che stai cercando, puoi sempre inviare un’e-mail, chiamare o chattare dal vivo con il loro team di supporto.

Tutte queste risorse utili, insieme all’apertura di un dialogo a due vie con i loro utenti, creano un’attrazione naturale per i nuovi clienti.

Anche se non possiamo sempre pensare a Google come a brillanti rivenditori, è esattamente quello che sono.

La sorprendente piattaforma di 5,6 miliardi di ricerche al giorno ne è una prova sufficiente.

Ti senti ispirato? Diamo un’occhiata a come è possibile utilizzare alcuni suggerimenti e trucchi per il marketing in entrata per attirare organicamente i clienti!

I migliori consigli e trucchi per il marketing in entrata

Gli esempi di marketing in entrata che abbiamo visto sopra sono fantastici, ma le stesse strategie potrebbero non essere adatte a tutti.

Tuttavia, abbiamo compilato un elenco di 8 suggerimenti e trucchi per il marketing in entrata adatti a ogni azienda.

Con queste strategie, sarai in grado di aumentare naturalmente il tuo traffico alimentando una relazione reciprocamente vantaggiosa con i tuoi clienti.

1. Creare una strategia di contenuto

Come già accennato, il content marketing e il marketing in entrata non sono esattamente la stessa cosa. Ma il marketing in entrata ha più successo quando è in atto un piano di creazione e distribuzione di contenuti.

Prima ancora di iniziare a immergerti nel marketing inbound, hai bisogno di una strategia di contenuto ben definita . Ponetevi le seguenti domande:

  • A quali tipi di contenuti risponde il mio pubblico? Blog, infografiche, ebook, white paper, video?
  • Quali piattaforme funzionano meglio per attirare i clienti? YouTube, Facebook, Twitter, Google?
  • Quanti contenuti sono in grado di produrre costantemente ogni settimana?

Queste domande dovrebbero aiutarti a creare una strategia di content marketing per attirare traffico sul tuo sito. Quando questo funziona senza intoppi, puoi concentrarti su tutte le strategie di marketing in entrata che non fanno parte dei tuoi contenuti come SEO tecnico, e-mail segmentate o mirate, assistenza clienti e successo, e così via.

Ancora una volta, il marketing dei contenuti è spesso confuso con il marketing in entrata perché, sebbene diversi, hanno entrambi maggiore successo quando lavorano insieme.

2. Traccia i tuoi risultati

Il marketing in entrata funziona meglio quando si prendono decisioni basate sui dati piuttosto che con il fegato.

Dovresti avere il tuo sito collegato a Google Analytics e Google Search Console per tenere traccia del comportamento dei tuoi clienti e delle prestazioni SEO del tuo sito :

Google-Analytics-casa-per-inbound-marketing-tracking

In alternativa, puoi sempre utilizzare uno strumento come MonsterInsights  per impostare rapporti e averli comodamente nella dashboard di WordPress:

MonsterInsights-per-inbound-marketing Report-in-

I dati sono il modo migliore per capire cosa ha attratto i clienti per te in primo luogo. Ciò significa che è anche il modo migliore per imparare ad attirare i clienti in futuro.

Cosa dovresti cercare? Bene, questo cambierà a seconda della tua attività, ma i soliti sospetti sono:

  • Contenuti con le migliori prestazioni per il motore di ricerca che preferisci
  • Canali che indirizzano la maggior parte del traffico verso il tuo sito
  • Contenuti con tempo sulla pagina superiore alla media e basse frequenze di rimbalzo
  • Contenuto che converte i visitatori in clienti
  • Feedback dei vostri clienti (sia positivi che negativi)

Tutte queste metriche ti aiuteranno ad affinare la tua strategia di marketing in entrata e a servire meglio i tuoi clienti.

3. Padroneggia il tuo SEO tecnico

Il SEO tecnico è una delle parti più importanti del marketing inbound. Devi analizzare il rendimento del tuo sito sul motore di ricerca che stai utilizzando per indirizzare il traffico (molto probabilmente Google).

Dovresti eseguire un audit del sito almeno una volta al mese per assicurarti che il tuo sito funzioni correttamente e non abbia problemi in sospeso.

Come probabilmente saprai, ci sono oltre 200 aspetti del tuo sito Web che possono influenzare le sue classifiche.

Oggi è troppo da trattare qui.

Invece, ti consigliamo di utilizzare uno strumento come Google Search Console o il controllo del sito di SEMrush.

Google Search Console ti fornirà una panoramica di eventuali problemi con il tuo sito. Ti dirà anche come risolverli:

google-search-console-problema-rilevata

E, di nuovo, è totalmente gratuito.

Se non hai utilizzato Google Search Console in passato, assicurati di leggere il nostro articolo su come iniziare e padroneggiare GSC . Quella risorsa dovrebbe coprire tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare sul tuo SEO tecnico.

Un altro ottimo strumento è SEMrush , che consente di eseguire un controllo approfondito del sito:

SEMRush-site-audit-tool

Anche questo troverà problemi con le prestazioni SEO del tuo sito e ti mostrerà passo-passo come risolverli:

SEMRush-site-audit-seo-best-practice

Sebbene la SEO sia in genere qualcosa di integrato nel content marketing, la SEO tecnica rientra nel regno del marketing inbound. Invece di creare e distribuire contenuti, il tuo gioco SEO tecnico aiuterà il tuo sito (e tutto il contenuto su di esso) a posizionarsi più in alto.

Una volta che sei costantemente in classifica a causa del tuo SEO tecnico migliorato, puoi aspettarti di vedere più clienti che ti trovano organicamente.

4. Segmenta il tuo pubblico

Le campagne e-mail sono un ottimo modo per rimanere in contatto con i clienti. Ma perché non segmentare il tuo pubblico per rendere queste e-mail più personali?

Come abbiamo visto da Uber, puoi segmentare la tua lista e-mail per posizione. Tuttavia, ci sono molti altri modi in cui puoi segmentare il tuo pubblico con la posta elettronica . Puoi segmentare il tuo pubblico per:

  • demografia
  • Cronologia degli acquisti
  • Attività Web
  • Percentuale di clic
  • Tariffe aperte

E altro ancora. In effetti, abbiamo trovato 50 modi per segmentare la tua lista e-mail per ottenere conversioni più elevate.

Personalizzando le tue e-mail per un pubblico mirato, sei in grado di connetterti con loro a un livello più profondo. Ciò significa aumentare le probabilità di trasformare gli acquirenti occasionali in clienti fedeli che ritornano costantemente per ottenere di più!

Promemoria: puoi anche segmentare il tuo pubblico quando usi i social media . Tuttavia, questo è generalmente più efficace quando si eseguono annunci su piattaforme social, quindi non si applica direttamente alle strategie di marketing in entrata.

5. Controlla il tuo web design

Un’area che viene spesso trascurata dai commercianti online è il modo in cui il layout del loro sito Web influisce sulla loro attività.

Le aspettative degli utenti sono molto alte quando si tratta di Internet. Tutto dovrebbe essere chiaramente strutturato, apparire visivamente accattivante ed essere intuitivo da navigare.

Puoi avere le migliori strategie di marketing in entrata, contenuto o in uscita sul pianeta, ma se non stai inviando traffico a un sito che sembra bello ed è facile da usare, puoi dire addio a tutti quei contatti.

Guarda il tuo sito web in modo obiettivo, chiedi ad amici, familiari e colleghi di darti un feedback o vai a Reddit per un consiglio (brutale) onesto.

Non è necessario ricevere tutti i feedback che ricevi.

Ma a volte un secondo paio di occhi può aiutare a identificare i problemi con il design del tuo sito che non hai mai nemmeno notato.

Avere un sito web ben progettato è come pulire la casa prima che la compagnia venga a cena: una volta che i tuoi ospiti sono dentro, vuoi metterli a loro agio e incoraggiarli a rimanere.

6. Sali di livello il tuo gioco sui social media

Avere un ottimo piano di social media è molto più che distribuire i tuoi contenuti.

Si tratta di interagire con i tuoi utenti.

I social media offrono alle aziende un’opportunità unica non solo di imparare come i loro clienti amano consumare contenuti, ma anche come amano comunicare il loro amore o le loro frustrazioni con i marchi.

Accedendo ai social media, apri le linee di comunicazione bidirezionale per consentire ai tuoi utenti di fornire un feedback diretto , porre domande o fornire recensioni brillanti .

Quelle recensioni, a proposito, possono anche servire da testimonianze killer. Solo un altro sottoprodotto felice di questo consiglio di marketing in entrata!

7. Apri le tue linee di comunicazione con i chatbot

Un altro modo per costruire e coltivare una relazione con potenziali clienti che ti hanno trovato è attraverso i chatbot:

optinmonster-live chat di funzionalità

Con l’ aggiunta di un chatbot al tuo sito web , si può rispondere meglio alle domande degli utenti e più rapidamente li guida verso contenuti di valore. Col tempo, dovresti essere in grado di raccogliere metriche sulle domande più frequenti e produrre contenuti su tali argomenti.

Inoltre, una volta che sai quali domande o problemi hanno in genere i tuoi utenti, puoi iniziare ad automatizzare i chatbot per essere più efficiente nella risoluzione dei problemi.

L’obiettivo con questo suggerimento per il marketing in entrata è quello di creare un contatto più personalizzato nel percorso del tuo utente, in modo da poterli aiutare lungo il percorso.

Nota: un altro modo in cui i chatbot aiutano la tua strategia di marketing in entrata? Possono aumentare il tempo sul tuo sito Web che è un buon segnale SEO per i motori di ricerca.

8. Creare pagine di destinazione mirate o popup di acquisizione lead

Molte aziende di e-commerce conoscono il valore delle landing page e dei popup . Sono modi eccellenti per convertire il traffico in clienti.

Tuttavia, un suggerimento per il marketing in entrata è la creazione di landing page e popup rivolti al visitatore. In questo modo, l’esperienza del cliente è personalizzata come può essere.

Per fare questo, semplicemente non esiste uno strumento migliore di OptinMonster .

Optinmonster-homepage

Con OptinMonster, puoi creare landing page e popup in pochi minuti. Quindi, sei in grado di impostare regole di visualizzazione per mostrare quelle landing page o popup solo ai visitatori che soddisfano determinati criteri.

Quindi, ad esempio, potresti andare nella dashboard della tua campagna e fare clic su “Visualizza regole”:

go-to-display-rules-in-your-optinmonster-cruscotto

Quindi puoi aggiungere una regola per avere una landing page specifica per le persone nella tua regione impostando una regola per la posizione del visitatore è [location] :

Display-regola-per-inbound-marketing-by-location

Non dimenticare di fare clic su Convalida. ?

Oppure potresti indirizzare il traffico proveniente da Facebook (o qualsiasi piattaforma di social media ) impostando una regola per l’URL del referrer contenente [piattaforma di social media] :

Display-regola-per-referaaly-url-source-inbound-marketing-tip

Fondamentalmente, con OptinMonster, puoi assicurarti di indirizzare segmenti del tuo pubblico con una comunicazione personalizzata.

Non solo, puoi dividere A / B test delle tue campagne per assicurarti che il tuo messaggio sia il più efficiente possibile.

Per fare ciò, dovresti semplicemente scegliere la campagna che desideri dividere test, creare una campagna alternativa e OptinMonster mostrerà entrambe le campagne in modo casuale ai visitatori.

Quindi avrai un rapporto per mostrare il rendimento di ciascuna versione della tua campagna e prendere decisioni più intelligenti basate sui dati.

Nota: per un’esercitazione completa, consulta la nostra documentazione su come creare un split test A / B per le tue campagne.

Ancora una volta, il nucleo della tua strategia di marketing inbound è di attrarre clienti verso di te e costruire una forte relazione con loro. Adattando pagine specifiche del tuo sito ai tuoi clienti, stai dimostrando di valorizzare il loro percorso unico.

Pensieri finali

Il marketing in entrata è una delle migliori strategie che la tua azienda può utilizzare per attrarre e costruire clienti fedeli. Invece di urlare per il freddo traffico, devi semplicemente coinvolgere ed educare le persone che ti hanno trovato.

Con i suggerimenti e i trucchi per il marketing in entrata condivisi sopra, dovresti essere sulla buona strada per creare una strategia di marketing in entrata per aumentare il tuo traffico organico, incoraggiare attività ripetute e produrre tonnellate di clienti felici nella comunità del tuo marchio!

Se ti è piaciuto questo articolo, sentiti libero di condividerlo con altri che lo riterrebbero prezioso. Oppure, perché non contattarci direttamente tramite Facebook o Twitter ?

Cerchi tutorial video, suggerimenti e strumenti? Iscriviti al nostro canale YouTube .

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close