Cerca

8 Statistiche sulla Conversione eCommerce per il 2020

Spero che tu sia d’accordo con me sul fatto che la creazione e la gestione di un negozio di e-commerce sono due cose completamente diverse. 

Dopo aver azzerato il prodotto, ottenuto tutte le licenze con il nome della tua attività e creato un negozio di eCommerce, finalmente hai le notizie: c’è ancora molto da fare.

Un numero stimato di 2-3 miliardi di aziende di e- commerce esiste a livello globale (esclusa la Cina). E oltre l’85% di queste aziende di e-commerce guadagna meno di 1 milione di dollari .

Per determinare l’efficacia di un negozio di e-commerce, i tassi di conversione sono spesso considerati come KPI (Key Performance Index) di valore. 

Mentre si discute molto sull’efficacia dell’utilizzo delle statistiche del tasso di conversione come KPI, viene ancora ampiamente utilizzato in tutti i settori.

Ecco un elenco di tutto ciò che abbiamo trattato in questo articolo-

  1. Calcolo del tasso di conversione
  2. Che cos’è un buon tasso di conversione?
  3. Tassi di conversione per settore
  4. Tassi di conversione per Paese
  5. Tassi di conversione per canale
  6. Tassi di conversione per dispositivo
  7. Tassi di conversione per sistema operativo
  8. Tassi di conversione per pagamento

1- Calcolo del tasso di conversione

Qualsiasi azione che desideri venga eseguita dal visitatore al completamento viene chiamata conversione. Può essere la registrazione o il download di qualcosa, la compilazione di un modulo o un acquisto. 

In questo articolo, ci stiamo concentrando sulle statistiche di conversione e-commerce, cioè sulle transazioni.

I tassi di conversione sono definiti come rapporto tra le transazioni e il numero totale di sessioni . 

Ad esempio, supponiamo che tu abbia ricevuto 1000 sessioni in un determinato periodo e 70 persone abbiano effettuato la transazione, quindi il tuo tasso di conversione è (70/1000) x 100 = 7%.

Non è semplice?

Ma questo è un numero assoluto. Non sai se è buono o cattivo. 

Ecco che arriva il benchmarking. 

A seconda degli obiettivi che hai impostato per il tuo sito di eCommerce e dei KPI che hai scelto, puoi confrontare i tuoi dati con i dati standard, segmentati in base al settore, al dispositivo, al paese, ecc.

2- Che cos’è un buon tasso di conversione?

È possibile che si verifichi un numero di conversione costante, forse 1%, 3% o 5%. E ti starai chiedendo se è persino buono. Potresti anche aver sentito che un buon tasso di conversione è di circa il 2,6% . 

Ma. Non è così semplice.

Ciò che potrebbe essere vero per un settore potrebbe non essere vero per il tuo. All’interno del tuo settore troverai anche valori anomali. Ad esempio, se confronti il ​​tuo tasso di conversione con il gigante dell’e-commerce, Amazon, potresti concludere rapidamente che il tuo sito non si sta convertendo affatto. Ma questa non è la media del settore.

Numerosi fattori incidono sul tasso di conversione. E differisce in base al settore, al dispositivo, al canale e persino al Paese.

Discutiamo ciascuno per uno.

3- Tassi di conversione per settore

I tassi di conversione per settore sono una delle migliori metriche che indicano l’efficacia del tuo negozio di e-commerce.

IRP Commerce fornisce dati utili come vendite, traffico, conversione, ecc. In numerosi settori. 

Ecco i tassi di conversione in base a vari settori per gli anni 2019 e 2020. Osservando il grafico, possiamo vedere che dove “forniture dentali e mediche” ha un tasso di conversione enorme di oltre il 6%, alcuni settori come “carrozzina per bambini & I vivai ‘e’ Campeggio ‘hanno numeri scarsi allo 0,87% e allo 0,70%, rispettivamente. Puoi controllare il 

Elenco dettagliato qui .

fonte

4- Tassi di conversione per paese

Questo è un altro fattore che devi considerare durante la valutazione dell’efficacia della tua attività di e-commerce.

Il tasso medio di conversione e-commerce è compreso tra l’ 1 e il 4%, a livello globale , con una sostanziale disparità tra i paesi. Ad esempio, Olanda e Germania hanno entrambi un tasso di conversione dell’1,4%, ma l’Italia ha solo l’1,2%.

Sebbene non vi siano ragioni generali che possano giustificare questa disparità, ogni paese può avere le sue ragioni. 

I mercati maturi in cui i marchi affermati hanno una presenza online avranno sicuramente tassi di conversione più elevati poiché anche una parte considerevole delle vendite offline sta avvenendo online. Ad esempio, Stati Uniti e Regno Unito hanno tassi di conversione rispettivamente dell’1,4% e dell’1,8%.

fonte

5- Tassi di conversione per canale

I tassi di conversione differiscono in base alla fonte di traffico. Se un visitatore arriva sul tuo negozio tramite un annuncio Google, è probabile che stesse già cercando il prodotto da acquistare. Qui, l’intenzione di acquisto è il fattore di differenziazione. E lo stesso è confermato dai dati seguenti.

Il rapporto B2C Dot Com, pubblicato da Episerver, evidenzia le metriche del sito B2C Commercio 2018-2019, rispondendo alle principali domande commerciali, inclusi i tassi di conversione per fonte di traffico.

6- Tassi di conversione per dispositivo

Un altro fattore importante che può influire sul tasso di conversione è il dispositivo. Numerosi studi condotti in vari settori hanno confermato che le dimensioni dello schermo incidono notevolmente sui tassi di conversione. 

Il Rapporto trimestrale e-commerce , 2019 pubblicato da Monetate fornisce dati regolari sui tassi di conversione segmentati per dispositivo, media, ecc. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Guardando i dati, possiamo dire che il 

  • i tassi di conversione dal desktop sono del 4,2%,
  • I telefoni cellulari sono dell’1,9%
  • Altri dispositivi sono 0,1% e 
  • Per tablet sono 3,7%

Quindi, la conversione avviene meglio su dispositivi a grande schermo come desktop e tablet. Possiamo dire che smartphone e cellulari sono buoni dispositivi di navigazione, ma quando si tratta di acquisti, il grande schermo vince la gara.

fonte

I numeri sono simili secondo un altro studio negli Stati Uniti pubblicato da Statista, per il secondo trimestre del 2019.

fonte

7- Tassi di conversione per sistema operativo

Lo studio di Monetate si estende ulteriormente ai tassi di conversione di riferimento in base al sistema operativo. È stato riscontrato che il tasso di conversione su iOS è leggermente superiore a quello di Android e, tra Windows e Mac, Windows porta con una differenza marginale.

fonte

8- Tassi di conversione a pagamento

Il pagamento è l’ultimo ma uno dei più grossi singhiozzi nella chiusura di un affare. Anche se potresti avere un prodotto vincente, ma se l’utente non si fida del tuo gateway di pagamento, potrebbe non scorrere la sua carta per paura di una violazione della sicurezza. Paypal afferma che i negozi di eCommerce abilitati per Paypal hanno transazioni Paypal superiori del 70% rispetto alle transazioni non Paypal.

fonte

Conclusione

I tassi di conversione isolati sono numeri assoluti che difficilmente hanno alcun senso se non confrontati con i parametri di riferimento. Queste cifre di riferimento ti aiuteranno sicuramente a capire le prestazioni della tua attività di eCommerce sui KPI e sugli obiettivi scelti.

Dopo aver preso in considerazione tutti i fattori sopra menzionati, se pensi ancora che i tassi di conversione siano in ritardo, allora dovresti assolutamente ottimizzare il tuo sito per le conversioni.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close