Cerca

8 fatti sconosciuti per i quali WordPress.com potrebbe non adattarsi ai Blogger seri

WordPress.com fa schifo

Congratulazioni! Hai deciso di aprire un blog e siamo felici di darti il ​​benvenuto nella vasta famiglia di milioni di blogger sparsi letteralmente in tutto il mondo. Prendere una decisione sull’avvio di un blog potrebbe essere stato facile, ma questo è il punto in cui inizierà il vero processo decisionale.

Dato che hai deciso di gestire un blog personale o aziendale, probabilmente conosci già tutti i diversi sistemi di gestione dei contenuti che potresti ottenere. Ci sono differenze tra tutti loro e potrebbe essere difficile prendere quella prima decisione – quale sistema di gestione dei contenuti scegliere. Questo è un argomento completamente nuovo; in questo articolo, assumeremo che tu abbia già scelto WordPress come tua scelta.

Secondo W3Techs.com , “WordPress è utilizzato dal 60,1% di tutti i siti Web di cui conosciamo il sistema di gestione dei contenuti. Questo è il 30,7% di tutti i siti Web. ” A causa di questi numeri, non è strano che WordPress sia stata la prima cosa che ti è venuta in mente quando hai avuto quell’ottima idea sul tuo blog di cibo, blog di viaggio o qualsiasi altro tipo di blog che potresti avere in mente.

Sono già sulla buona strada per creare un account WordPress.com

Aspetta, non correre! Solo perché WordPress.com è stato uno dei risultati della prima pagina su Google, ciò non significa che questa sia la scelta migliore per te.

Abbiamo già parlato delle differenze tra self-hosted e WordPress.com, quindi questa dovrebbe essere la tua prima tappa. Ci sono alcune differenze abbastanza significative e ti consigliamo vivamente di esaminarle tutte prima di prendere quella prima decisione importante. Ad essere onesti, non è poi così difficile passare da una piattaforma all’altra, ma accumulerai un sacco di lavoro inutile solo perché non volevi dedicare un’ora in più a studiare i sistemi di gestione dei contenuti in primo luogo.

Prima di mostrarti tutti i motivi per cui WordPress.com non è buono per i blogger seri, menzioniamo brevemente le cose buone.

  • È gratuito : puoi ottenere un account per principianti senza spendere un centesimo
  • È gestito – non devi preoccuparti dei tecnicismi; gli esperti di WordPress.com si assicurano che tutto funzioni sempre senza intoppi
  • Facile inizio : puoi avere il tuo blog pronto pochi secondi dopo la registrazione per l’account

Se questa è la prima volta che visiti un mondo di blog e tutto ciò che vuoi è di tanto in tanto scrivere sull’argomento di interesse, l’account WordPress.com potrebbe essere la scelta perfetta per te. Ma prima che il reparto marketing inizi a sorridere perché hanno appena ottenuto un nuovo cliente pagante, dovresti assolutamente pensare a tutti gli aspetti negativi di WordPress.com .

Ecco perché WordPress.com fa schifo per i blogger seri

Se hai mai intenzione di diventare un po ‘più serio sul blog, prendi in considerazione queste cose. Come avresti potuto immaginare, quell’account gestito gratuito che ti ha richiesto un minuto per la configurazione comporta degli svantaggi. Prima di sbattere la testa contro il tavolo solo perché hai fatto una scelta sbagliata, tienilo a mente.

1. Una selezione limitata di temi che puoi usare

WordPress è rinomato per il suo vasto numero di temi . Ci sono decine di migliaia di quelli gratuiti che puoi ottenere dal repository ufficiale e probabilmente ci sono ancora più temi premium che puoi ottenere su vari mercati per un ragionevole numero di quelli verdi. Ma tutti questi temi WordPress sono riservati per la versione self-hosted della piattaforma .

Temi WordPress

D’altra parte, WordPress.com ti consente di scegliere tra una piccola porzione di temi selezionati. A causa del fatto che gestiscono tutto per te, ragazzi e ragazze su WordPress.com hanno dovuto fare quella selezione. Se ti permettessero di installare tutto ciò che desideri, il tutto perderebbe senso. E mentre è un motivo valido per limitare il numero di temi, fa davvero schifo che non puoi ottenere un tema che davvero volevi.

Al momento della stesura di questo, c’erano solo 171 temi gratuiti che potresti ottenere sul tuo account gratuito. E se desideri utilizzare qualsiasi altro tema, questo è il primo punto in cui il tuo account gratuito diventa premium: dovrai pagare per temi aggiuntivi e aggiornare il tuo account.

2. La maggior parte dei plugin non ha creato l’elenco

Dopo aver scelto un design che rappresenterà il tuo blog, i plugin sono qualcosa di cui non sarai in grado di eseguire il tuo blog. WordPress è noto per migliaia di plugin gratuiti e premium che trasformeranno il tuo sito in qualsiasi cosa tu voglia. Qualunque cosa ti venga in mente, è molto probabile che troverai un plugin gratuito per questo.

Mentre la versione self-hosted ti permetterà di usarne una qualsiasi semplicemente installando il plugin, l’account gratuito su WordPress.com non lo farà.

C’è un elenco limitato di plugin inclusi che sarai in grado di utilizzare, e il gioco è fatto. Se ti piace qualcuno di loro, usali, ma se vuoi qualcosa di più complesso, dimenticalo o cerca nel tuo portafoglio per aggiornare l’account. Fa schifo vero?

3. Trattenete il designer che è in voi

Supponiamo che tu abbia risolto il fatto che non puoi scegliere tra un vasto numero di temi. Ne hai selezionato uno gratuito e ti stai divertendo. Quello è buono. Ma prima o poi, vorrai cambiare qualcosa al riguardo.

Forse vorrai cambiare il modo in cui l’intestazione è progettata, o forse vorresti modificarne completamente una sezione. Ecco un’altra limitazione che potrebbe rovinare la tua giornata. WordPress.com non ti consente di cambiare tutto quello che vuoi con un account gratuito.

Non fraintenderci; puoi comunque personalizzare il tuo tema, ma di solito significa cambiare un set predefinito di colori o la dimensione del carattere. Se decidi di essere creativo e utilizzare una tecnica che hai trovato online, dimenticatene. Non puoi andare oltre un punto specifico e le personalizzazioni del layout di pagina sono praticamente inesistenti.

4. Puoi andare senza codice personalizzato?

Non devi essere un programmatore per utilizzare la potenza di JavaScript sul tuo blog personale. Oggi Internet è pieno di fantastici tutorial che ti guideranno attraverso il processo di installazione di nuove funzionalità sul tuo sito WordPress. Puoi persino ottenere facilmente interi frammenti di codice che forniranno qualcosa di nuovo per il tuo blog. Ma, quando usi l’account WordPress.com gratuito, puoi dimenticartene del tutto.

Lettura consigliata: JavaScript [Cheat Sheet]

Ad esempio, supponiamo che tu decida di aggiungere un modulo di attivazione da un servizio di posta popolare come MailChimp . Quando si utilizza una versione di WordPress ospitata autonomamente, è sufficiente accedere all’account MailChimp e copiare il codice. Sì, hai indovinato – questo non funzionerà su WordPress.com poiché questo codice contiene JavaScript che non è supportato negli account WordPress.com gratuiti.

5. Il tuo blog è solo una piattaforma di marketing

Sapevi che dopo aver effettuato la registrazione per un account gratuito su WordPress.com, consenti ad Automattic di utilizzare il tuo blog a scopi di marketing? Sì, come indicano chiaramente i loro Termini di servizio , “Automattic si riserva il diritto di visualizzare annunci pubblicitari sul tuo blog a meno che tu non abbia acquistato un Upgrade senza pubblicità o un account di servizio VIP”.

Quindi, che ti piaccia o no, i visitatori del tuo blog saranno distratti dagli annunci pubblicati da Automattic. E no, non otterrai alcuna quota delle entrate.

Inoltre, non dimenticare di scorrere fino alla fine di un blog gratuito su WordPress.com o di dare un’occhiata alla barra degli strumenti: Automattic utilizzerà questi luoghi per visualizzare testo o collegamenti di attribuzione che non è possibile modificare o rimuovere. Non dipende da te. Sei semplicemente costretto a menzionare WordPress.com o l’autore del tema, ad esempio, direttamente sul tuo sito.

6. Qual è il tuo dominio?

Non appena inizi a guardare il tuo blog come serio, dovrai cambiare il tuo nome di dominio. Avere il tuo dominio yourblog.wordpress.com è completamente ok quando metti alla prova le tue abilità. Ma avere un dominio del genere ti impedirà di attirare visitatori seri. Il dominio gratuito che ottieni su WordPress.com non sembra che tu stia prendendo sul serio il tuo blog e potresti perdere visitatori a causa di ciò.

7. Spazio limitato

L’account gratuito ti dà il diritto di utilizzare fino a 3 GB di spazio. Anche se questo è più che sufficiente per i principianti, prima o poi ti renderai conto che 3 GB semplicemente non sono sufficienti per ospitare un blog . Post e immagini inizieranno ad accumularsi e potresti raggiungere rapidamente il limite.

Ad esempio, cosa succede se sei un fotografo che vuole caricare alcune nuove immagini al giorno o debole dove ogni immagine è di circa 5 MB? Lascia che affondi.

Inoltre, tieni presente che mentre riesci a caricare immagini, documenti, fogli di calcolo e presentazioni PowerPoint, non puoi caricare file video o audio se non aggiorni l’account. Volevi ospitare un podcast sul tuo sito gratuito? Hai forse intenzione di ospitare i tuoi video?

Ad esempio, se ospiti il ​​tuo sito con Bluehost , oltre ad avere un’intera soluzione di hosting WordPress, otterrai 50 GB di spazio per un minimo di $ 2,95 al mese e sarai in grado di caricare tutto ciò che desideri.

8. Nessun denaro per te

Se hai pensato di guadagnare inserendo link di affiliazione sul tuo blog, non sei fortunato perché WordPress.com non lo consente. Mentre ci sono alcune eccezioni a questa regola, la maggior parte degli utenti semplicemente non riesce a utilizzare i link di affiliazione.

fare soldi blogging teaser

Nel caso in cui pensi di poterne fare a meno, tieni presente che WordPress.com si riserva il diritto di rimuovere il link o persino bloccare l’intero blog per esso. E la parte più triste è che molti principianti potrebbero anche non esserne consapevoli!

WordPress.com è gratuito? Perché? Sembra troppo bello per essere vero

Se sei pronto ad accettare tutte le limitazioni che l’account gratuito detiene, quindi Sì, WordPress.com è gratuito. Ma come puoi immaginare, lavorare con un account gratuito è davvero difficile. Con così tante limitazioni, solo i principianti completi e le persone che non intendono prendere sul serio i loro blog possono ottenere qualcosa con il piano gratuito. Anche in quel caso, dovrai chiudere gli occhi su diversi aspetti del tuo blog.

Ma non appena decidi di allontanarti di un passo da questa area limitata, WordPress.com smette di essere gratuito. Lascia che ti mostriamo alcuni esempi in cui WordPress.com inizia a consumare i tuoi soldi.

  1. Dominio univoco : per un dominio personalizzato, dovrai passare a un piano premium
  2. Spazio extra : se desideri più di 3 GB e la possibilità di caricare tutti i tipi di file, dovrai scegliere un piano premium (dovrai pagare $ 25 al mese per un business plan se vuoi essere in grado di caricare tutti i tipi di file )
  3. Nessuna pubblicità : per rimuovere le pubblicità è necessario un piano premium. E dovrai comunque avere dei link di contributo di cui abbiamo parlato
  4. Tema premium – $ 39 + per un singolo tema premium
  5. Temi e plugin di terze parti : dovrai iscriverti al piano aziendale che costa $ 25 al mese

Questi sono solo alcuni esempi in cui WordPress.com smette di essere gratuito. Dai un’occhiata al listino prezzi per vedere maggiori dettagli sui loro piani.

Cosa dovrei fare?

Se hai pensato di aprire l’account gratuito su WordPress.com, supponiamo che questo articolo ti abbia fatto riflettere due volte. Cosa fare adesso; dovresti andare con esso o dovresti investire più tempo nell’avvio di un WordPress autonomo subito?

Bene, il dilemma può finire nei prossimi secondi.

Se tutto ciò che vuoi è esprimere i tuoi sentimenti su un argomento specifico o se sei uno studente che cerca di saperne di più sul blog, WordPress.com è un’ottima scelta. Otterrai tutto gratis e sarà più che sufficiente per raggiungere il tuo obiettivo.

Ma finché solo una parte di te considera il blog più seriamente, scegli subito una versione di WordPress ospitata da solo . Sì, è sicuramente più difficile mantenere tutto da solo, e ci sono anche dei costi nascosti, ma potrai gestire un blog da solo, senza alcuna limitazione. E se inizi con la migliore compagnia di hosting WordPress , puoi mettere un sorriso sul tuo viso.

Una volta iniziato, non dimenticare di fermarti e saperne di più su WordPress.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close