Cerca

7 Tendenze killer sul Digital Advertising che ogni marketer dovrebbe conoscere nel 2020

Potrebbe piacerti o non apprezzare la pubblicità digitale, ma qualunque cosa tu pensi, la troverai comunque nella pagina web successiva che navighi.

Ricordi quel meraviglioso paio di sneaker che stavi guardando online la scorsa settimana? Sai  – quello che hai messo nel carrello ma poi hai deciso di ricevere in seguito? Se le pubblicità di quelle sneaker non ti seguono su tutti i siti Web, probabilmente hai appena ripulito i cookie web.

Con l’evoluzione delle tendenze pubblicitarie, noi esperti di marketing siamo diventati molto più intelligenti. Sappiamo che circa l’ 82% dei Millennials   partecipa regolarmente a festival, concerti, eventi e diversi tipi di attività all’aperto. La Gen Z, nel frattempo, potrebbe essere più attratta dai  vlogger di YouTube e dagli influenzatori dei social media su Twitter, Facebook e Instagram. 

Cosa significa tutto questo? Significa che sappiamo che il pubblico che vogliamo raggiungere potrebbe essere sparso su vari media e piattaforme e che alcuni di essi dovrebbero essere indirizzati direttamente.

L’anno scorso ci ha spinto verso trasformazioni pubblicitarie completamente nuove e nuove tendenze pubblicitarie che comportano grandi cambiamenti nell’esperienza del cliente e che saranno evidenti molto dopo il 2020.

Queste trasformazioni hanno portato a nuovi metodi pubblicitari, strumenti e, soprattutto, tattiche che possono ottenere un coinvolgimento degli utenti molto migliore, un ROI pubblicitario maggiore o persino attività di acquisto di media indipendenti.

Ecco le sette principali tendenze della pubblicità digitale che ogni operatore di marketing dovrebbe conoscere nel 2020.

 

1) Se sei un e-commerce, vai direttamente al consumatore

Per prima cosa, chiariamo: la pubblicità diretta al consumatore (DTC o D2C) è un approccio che si riferisce al pubblico che rinuncia direttamente agli intermediari (canali TV, emittenti, giornali, cartelloni pubblicitari) che si frappongono tra comunicazione del marchio e del cliente.

In precedenza, i marchi pensavano principalmente a come aumentare la consapevolezza generale del marchio tra le masse; oggi l’attenzione si sta spostando verso la comunicazione one-to-one. Ecco un video di 4 minuti che spiega direttamente al consumatore:

Forse puoi ricordare la campagna Coca-Cola in cui i clienti hanno ricevuto piccoli regali individuali in cambio di tappi di bottiglia raccolti registrati sul suo sito web. Questa è stata probabilmente la prima campagna di marketing DTC più memorabile implementata da una grande azienda negli anni ’90.

Completato da bonus di nuovi utenti, come invio di recensioni e premi per la registrazione di siti Web, questo programma altamente efficace funziona ancora come un orologio sul sito Web di Coca-Cola .

Altre società di grande fama che hanno utilizzato un approccio diretto al consumatore nell’ultimo decennio includono Warby Parker e Casper  (che si concentrano su canali mobili e digitali che aggirano la pubblicità tradizionale su TV, stampa e radio) e Dollar Shave Club . gg

fonte

Questo approccio rappresenta un’opportunità unica per i marchi di e-commerce di rappresentare meglio i propri prodotti, soprattutto in categorie di nicchia ristrette. Gli strumenti di pubblicità online, come la pubblicità programmatica e contestuale, consentono ai marchi anche con budget limitati di organizzare le proprie campagne e indirizzarle a determinati segmenti di pubblico al momento giusto.

Ad esempio, se i clienti di Gen Z possono essere indirizzati tramite social network e spot pubblicitari di YouTube, i Millennial saranno effettivamente coinvolti, tramite campagne di geotargeting , con annunci che compaiono quando l’utente accede alla particolare area (ad es. Concerto di musica, festa o negozio).

Tale approccio aiuta i marchi a coinvolgere personalmente gli utenti e creare un’esperienza utente significativa  , cosa che l’ 84% degli utenti desidera in questi giorni.

Tuttavia, questo non è l’elenco completo dei vantaggi che i marchi di e-commerce ricevono da DTC. Con i nuovi dati utente raccolti direttamente nei loro CRM, sono in grado di:

  • Possedere i dati e risparmiare sui costi . I marchi raccolgono direttamente i dati dai clienti, il che significa che non devono acquistarli da fornitori di dati di terze parti. Tali dati rappresentano la risorsa più preziosa dell’azienda, soprattutto per quanto riguarda le restrizioni di rivendita dei dati CCPA e GDPR . 
  • Migliora il targeting pubblicitario . A differenza dei dati di terze parti, i dati di terze parti appartengono solo al tuo marchio, il che è un vantaggio competitivo per tutti coloro che creano campagne di marketing online altamente mirate.
  • Riapplica i dati per varie campagne . Con i dati degli utenti raccolti direttamente, gli inserzionisti e gli esperti di marketing possono riapplicare gli stessi dati per le campagne successive che lanciano. Nella pubblicità online, significa anche che i marchi possono lanciare campagne di retargeting per ottenere utenti che non si sono convertiti in precedenza per tornare ai loro negozi online.

Dive Deeper:
* In che modo le aziende B2B possono acquisire contatti con annunci programmatici
Segmentazione 101: Guida completa di uno stratega alla segmentazione del marketing
Retargeting 101: Perché è essenziale per qualsiasi canalizzazione di marketing

Strategie per DTC: personalizzazione e acquisto dei media

Un recente studio IDC FutureScape ha previsto che entro il 2022, il 35% delle organizzazioni che si sforzano di migliorare l’ esperienza complessiva dei clienti andrà oltre DTC nei modelli di “commercio ovunque”. Tale approccio li aiuterà a ricevere entrate migliori del 50% dalle pubblicità contestuali.

Poiché questa tendenza sta gradualmente diventando una nuova realtà di marketing, i team di marketing dovrebbero ora rivedere le loro tattiche di interazione con i clienti.

Invece di scegliere diverse strategie isolate per creare consapevolezza del marchio e interazione con i clienti, sviluppa un unico piano strategico coerente. Se manca una strategia di personalizzazione, assicurati di aver raccolto dati sufficienti per rendere il tuo prodotto, i contenuti del sito Web e le campagne pubblicitarie iper-personalizzati :immagine incollata 0 11

Le strategie di personalizzazione approfondita sono particolarmente utili per i marchi di e-commerce che si sforzano di stabilire una comunicazione individuale con i propri clienti.

Molti di coloro che applicano le strategie DTC optano anche per l’acquisto di supporti interni, vedendo in esso l’unico modo per raggiungere la proprietà totale dei dati e quindi un nuovo livello unico di pianificazione della campagna. Costruendo la propria piattaforma pubblicitaria, le aziende si liberano degli intermediari e lavorano come operatori tecnologici che pianificano, testano e realizzano le loro campagne in base ai loro obiettivi.

In effetti, oltre l’ 86% dei marchi dell’UE è passato a un modello interno lo scorso anno (Francia – 88%, Germania – 89%, Italia – 86% e oltre l’88% nel Regno Unito). NHL, Getty Images, Electrolux e Bayer hanno trasferito tutte le responsabilità di acquisto dei media dalle agenzie a quelle interne solo nell’ultimo anno. Bayer ha risparmiato almeno $ 10 milioni dopo essere passato agli acquisti di media interni. 

Secondo la IAB , il principale fattore che guida questo spostamento è la conformità al regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE che ha stabilito le responsabilità per le aziende che utilizzano i dati dei clienti. Il GDPR intende “rimodellare il modo in cui i dati degli utenti vengono raccolti ed elaborati [e] detta regole di condotta rigorose per le aziende che raccolgono informazioni dai consumatori”.

Come riporta Digiday , portando in casa gli acquisti dei media, le aziende si sforzano anche di ottenere un migliore posizionamento del marchio, maggiore velocità e controllo delle campagne pubblicitarie e risparmi sul budget:immagine incollata 0 14

Dive Deeper:
3 modi per personalizzare l’esperienza di viaggio del cliente
La guida in 4 passaggi del Marketer Email alla conformità GDPR

2) Esplora i mercati emergenti

Il mercato africano in rapida crescita ha attirato molti imprenditori negli ultimi due anni.

Ad esempio, Transsion , un noto sviluppatore di smartphone dalla Cina, attualmente riserva la più grande quota del mercato dei dispositivi mobili in Africa e gestisce tre marchi di telefonia mobile a basso costo (Tecno, Infinix e Itel). 

Mentre oltre il 91% delle persone nel continente possiede smartphone, la percentuale di coloro che hanno accesso a Internet sta solo iniziando a crescere. 44 1

fonte

3) Seleziona le App e i formati giusti

La maggior parte della crescita della spesa pubblicitaria in Africa è generata dalle installazioni di app mobili e i giochi hanno la quota più significativa.

“Tra questi, i due più grandi app store a livello globale avevano 3,9 milioni di app nel primo trimestre del 2019: il più grande Google Play ha 2,1 milioni di app e il secondo più grande, l’Apple App Store, ne ha 1,8 milioni.”

Android è più popolare in Africa, ma se vuoi entrare in questo negozio, ricorda che le app di recente sviluppo dovranno competere con 2 milioni di app, il 60% delle quali  non è mai stato scaricato.

Il traffico mobile sembra essere il più prezioso nei mercati emergenti come l’Africa, ma a meno che non si preveda di sviluppare un’app freemium molto forte e competitiva con IAP (acquisti in-app), optare per la pubblicità nelle applicazioni esistenti. In questo modo, non dovrai sviluppare l’app e pubblicare gli annunci in uno solo di essi.

La pubblicità digitale programmatica consente di acquistare automaticamente il traffico mobile dai numerosi editori che monetizzano il loro inventario tramite RTB (in base alle impressioni).

Le piattaforme di acquisto algoritmiche consentono la selezione del pubblico che prevedi di indirizzare con i tuoi annunci: in base alla geografia, all’ora del giorno, al sistema operativo, all’età e a molte altre variabilità. Inoltre, è possibile colpire il pubblico con vari formati di pubblicità mobile di tendenza (come nativi, giocabili e premiati) al fine di personalizzare l’esperienza di ogni utente e aumentare i ricavi attraverso un maggiore coinvolgimento e fedeltà al marchio.

Dive Deeper:
Marketer’s Guide to App Store Marketing
11 Aziende che stanno facendo bene la pubblicità mobile
Annunci di ricerca Apple: in che modo gli editori di app possono arrivare in cima all’App Store

4) Toccare nella pubblicità mobile e in-game 

Ci sono molti esempi di come Freemium e giochi di successo commerciale abbiano fatto buon uso della pubblicità mobile.

Dai un’occhiata alle app più redditizie nello store iOS in un determinato giorno:

app di maggior incasso su iOS

 

I leader sono app gratuite come YouTube, Tinder e Candy Crush, e tutte fanno i loro guadagni con gli acquisti IAP o la pubblicità in-app.

La maggior parte delle principali app Android nel Google Play Store ( novembre 2019, in base alle entrate ) funzionano anche in questo modo:44

E solo il 5-10% degli utenti è disposto a pagare per l’applicazione o acquistare elementi aggiuntivi nel gioco per ottenere più funzionalità: 

Distribuzione di app gratuite e a pagamento

Pertanto, può essere una buona pratica optare per la pubblicità in-game interattiva o combinare entrambi i modi di monetizzazione delle app.

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

 

Scelta di una strategia pubblicitaria in-app / mobile

Se hai intenzione di fare pubblicità nei giochi, ricorda che il 71% dei giocatori  è effettivamente disposto a guardare annunci in-game in cambio di qualcosa di prezioso, come bonus in-game e oggetti gratuiti, perché è il modo in cui “pagano” per quello cose.

Ci sono molti esempi di come gli annunci video in-app possono essere integrati nel gameplay e migliorarlo.

Il primo scenario utilizza annunci video premiati che forniscono incentivi in-game per guardare spot pubblicitari. Nonostante l’opinione comune, può essere utilizzato allo stesso modo in modo efficace per giochi e altre app, come feed di notizie o streaming musicale.

Personalizzazione del profilo, contenuti gratuiti o ore di ascolto gratuite  : tutto può funzionare come incoraggiamento a guardare un video commerciale purché sia ​​prezioso per gli utenti.

Il secondo scenario utilizza un formato giocabile. Creato appositamente per la pubblicità in-game, offre al giocatore la possibilità di provare il gameplay di un’altra app pubblicizzata (in alcuni casi simile). Questo rende gli annunci riproducibili il formato più efficace quando si tratta di guidare installazioni e coinvolgimento:immagine incollata 0 10

5) Non competere con FAANG: impara nuove tendenze pubblicitarie

Quasi tutte (87%) le aziende pubblicizzano in qualche modo, che si tratti di un’organizzazione grande, piccola o media. La pubblicità digitale, in particolare, supera tutti i mezzi offline quando si tratta di budget pubblicitari o di spesa.

Le tendenze del settore pubblicitario sono piuttosto semplici: le aziende prevedono di investire $ 172 miliardi in pubblicità digitali nel 2021 e solo $ 104 miliardi in tipi tradizionali (offline): immagine incollata 0 13

Ciò significa che i giganti dei media, come Facebook e Google, rappresenteranno maggiori costi pubblicitari rispetto alla radio, ai giornali e alla televisione messi insieme.

Le industrie del marketing e della pubblicità digitale si sono sviluppate per anni e per tutto questo tempo sono state principalmente alimentate da FAANG (che sta per Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google  – sì, hanno il loro acronimo ora!).

Google, Facebook e Amazon insieme sono responsabili solo del 70% della spesa pubblicitaria digitale e di circa il 99% di questa crescita del mercato. Questo è un buon promemoria del dominio che questi attori hanno nella tecnologia pubblicitaria: insieme, coprono il 59% del settore pubblicitario complessivo .  

Le loro entrate nel 2019 hanno raggiunto ancora più alti e nel 2020 si prevede che genereranno $ 77 miliardi solo negli Stati Uniti:immagine incollata 0 16

In tali circostanze, nessuno dubita che tali società definiranno tendenze e standard pubblicitari online in futuro. Con questo in mente, i migliori esperti del settore temono che il mercato sarà soffocato da un monopolio. La Federal Trade Commission (FTC), ad esempio, sta attualmente studiando le pratiche dei giganti della tecnologia al fine di scoprire se ostacolano la concorrenza o hanno un controllo eccessivo sul settore della vendita al dettaglio online (ad esempio Amazon). 

Dive Deeper:  quale strategia di marketing di Amazon può insegnare ai proprietari di PMI

Trova la tua nicchia per la tua attività

Gli acquirenti, le agenzie e le piccole aziende indipendenti dei media devono rendersi conto che competere con FAANG è una cattiva idea. Il settore delle piccole imprese pubblicitarie deve avere una storia completamente diversa:immagine incollata 0 10

Pensa alle piccole aziende della tecnologia pubblicitaria come a una stanza piena di palloncini. Immagina una stanza piena di palloncini di ogni tipo: piccola, grande, luminosa, leggermente meno evidente, debolmente gonfiata e gonfiata al limite. Più grande e evidente è il palloncino, maggiore è la pressione che riceve dai palloncini vicini. Quindi, quando il palloncino diventa più grande, deve essere differenziato, ed è allora che un inserzionista, un editore o un marchio può decidere di aver bisogno della propria attività pubblicitaria.

La migliore strategia da abbracciare a questo punto sarebbe quella di scegliere una nicchia stretta e in crescita e posizionarsi come esperto di, ad esempio, video digitale, mobile, audio o CTV:immagine incollata 0 12

Dive Deeper: 54 reti pubblicitarie alternative per aprire nuovi canali di crescita nel 2020

Differenzia i nuovi affari con l’etichetta bianca

Le tendenze della pubblicità sui media digitali tengono conto delle esigenze dei piccoli player della tecnologia pubblicitaria. L’industria ha sviluppato un modello di costruzione aziendale in white label appositamente per loro, che è anche popolare tra le società IT, di vendita e all’ingrosso . 

Se hai intenzione di costruire qualcosa come la tua rete pubblicitaria specializzata in un determinato tipo di acquisto di supporti, nel 2020 il mercato può anche offrirti il ​​concetto di white label. 

Qual è il modello di business white label?

In questo modello di business, il fornitore di tecnologia pubblicitaria in white label semplicemente condivide la sua piattaforma con il nuovo proprietario che etichetta e promuove il prodotto con il proprio marchio, sulla base di un tipico metodo di pagamento SaaS.

Ad esempio, la linea di prodotti “365 Everyday Value” di Whole Foods Market sembra essere stata prodotta da WFM, quando in realtà sono solo l’acquirente (il rivenditore) e i prodotti sono stati realizzati da una terza parte.

Tali soluzioni possono essere rapidamente personalizzate e lanciate entro un mese. Tale piattaforma prefabbricata riduce in modo significativo i costi e rimuove i rischi del nuovo prodotto di tecnologia pubblicitaria andando di pari passo con i tuoi concorrenti.Come funziona la soluzione White Label 1

fonte

6) Aumenta i ricavi con l’ottimizzazione del percorso di approvvigionamento (SPO)

L’ottimizzazione del percorso di approvvigionamento (SPO) è una pratica in cui gli inserzionisti scelgono fonti di approvvigionamento personalizzate per percorsi più efficienti che portano a risultati migliori.

Anche se sei già un esperto di pubblicità programmatica , sai come nessun altro che le catene di approvvigionamento stanno diventando sempre più complicate e alcuni dei maggiori ostacoli sono le commissioni, la qualità e la trasparenza delle aste.

In quanto inserzionista che acquista spazio pubblicitario da numerose piattaforme lato fornitura (SSP), non hai la possibilità di gestire o controllare ciò che sta accadendo all’interno della catena  : quale costo o margine addebita ciascuna SSP e come viene addebitata tale commissione.

La stessa cosa vale per la qualità: chi sta acquistando l’inventario per te, se queste entità sono proprietari di inventario, venditori diretti o rivenditori, che tipo di wrapper per le offerte di intestazione stanno usando e come proteggono l’inventario dalle frodi.

Durante una sessione di media trading, puoi partecipare a più aste contemporaneamente. Ogni singola impressione su cui fai un’offerta può essere messa all’asta su più piattaforme e, di conseguenza, può raggiungerti attraverso tutti i percorsi possibili.

Tuttavia, non tutti questi percorsi saranno ottimali in termini di costi e sicurezza. È quasi impossibile ottenere questi dettagli su larga scala quando si lavora con così tanti partner contemporaneamente. Ma SPO è una di quelle tendenze del settore della pubblicità digitale che aiuta ad affrontare questi problemi.

Alla scoperta del percorso più breve per il miglior inventario

Oggi, le piattaforme lato domanda (DSP) basate sull’ottimizzazione del percorso di approvvigionamento possono determinare in modo efficace il percorso più breve e sicuro per l’impressione, garantendo che il suo costo sia ottimale.

DSP diversi utilizzano strategie diverse. Ad esempio, un DSP individua solo le offerte con la più alta probabilità di vincere per un inserzionista. Per questo, analizzano la miriade di parametri in tempo reale. Gli altri, nel frattempo, eliminano il numero di piattaforme lato fornitura che non soddisfano determinati criteri di qualità o utilizzano tattiche di asta aggressive.

Ecco un semplice grafico per illustrare l’ ottimizzazione del percorso di fornitura :immagine incollata 0 9

Garantire la domanda competitiva e un ambiente privo di frodi

I meccanismi SPO consentono una migliore gestione del percorso di approvvigionamento, gestione della qualità e cura dell’offerta al fine di rendere le catene efficienti e trasparenti.

Che cosa succede agli editori, allora?

A causa della duplicazione dell’asta, un sacco di inventario rimane fuori dal controllo dell’editore, il che consente che accadano cose come lo spoofing del dominio (frode pubblicitaria). La comprensione dei percorsi di fornitura aiuta gli editori a garantire un inventario unico e una domanda naturalmente competitiva per il loro inventario.

Alla fine, gli editori affidabili che hanno un inventario unico ricevono una quota significativamente migliore di portafoglio rispetto agli editori che usano tattiche manipolative.

Dive Deeper:
* In che modo le aziende B2B possono acquisire contatti con annunci programmatici
42 Tendenze del marketing digitale che non puoi ignorare nel 2020
10 Tendenze PPC che non puoi ignorare nel 2020

7) Salvaguardare i budget con ads.txt, ads.cert e app-ads.txt

Il moderno panorama della pubblicità digitale è afflitto da click robot, truffatori e spoof di domini che fanno pagare agli inserzionisti impressioni di bassa qualità come se fossero serviti al New York Times o Forbes .

Secondo il Rapporto sulla trasparenza della società di cibersicurezza CHEQ lo scorso anno, gli inserzionisti e gli esperti di marketing hanno speso $ 23 miliardi a livello globale per impressioni false. Tutti soffrono di questa situazione, sia dal lato degli acquisti che da quello delle vendite: miliardi di dollari fluttuano lontano dal mercato e i principali venditori e scambi perdono la loro reputazione.

Come salvaguardare Mobile e OTT

App-ads.txt, ads.cert e ads.txt sono gli standard appositamente sviluppati dall’Interactive Advertising Bureau (IAB) per promuovere un’efficace monetizzazione dell’inventario e prevenire frodi pubblicitarie a livello programmatico.

Queste iniziative sono state lanciate gradualmente, una per una, nel corso degli anni. A marzo 2019, il mondo ha visto il rilascio dell’attesissimo app-ads.txt , lo standard più recente che protegge l’inventario mobile e OTT, proprio come ads.txt ha fatto per il desktop per tutto questo tempo.

Ecco una rapida occhiata a come funziona app-ads.txt :immagine incollata 0 15

Se sei un marketer che acquista inventario mobile, desktop o OTT (over-the-top, che è contenuto che viene distribuito su Internet), assicurati che la piattaforma programmatica sul lato della domanda che stai utilizzando supporti e implementi attivamente implementazione degli standard.

Chiedi al tuo fornitore se stanno applicando tali meccanismi per l’autenticazione dell’inventario. In tal caso, ciò significa che sarà molto più semplice ispezionare la catena e verificare se i partecipanti sono effettivamente idonei a rivendere questo o quell’inventario.

Gli standard di sicurezza diventano obbligatori

Tieni presente che la maggior parte delle piattaforme programmatiche progressive ha già implementato tale autorizzazione per i venditori e il loro inventario.

In molti modi, ciò è accaduto grazie all’iniziativa di Google, poiché è stato il primo ad accettare e rendere obbligatoria l’autorizzazione su DoubleClick (una società acquisita da Google nel 2007 che ha sviluppato e fornito servizi di pubblicazione di annunci su Internet).

Nel lungo periodo, tale “certificazione” obbligatoria è diventata qualcosa che ha restituito fiducia ai rapporti tra acquirenti e venditori di DoubleClick, poiché lo spazio per le frodi pubblicitarie è stato ridotto quasi a zero.immagine incollata 0 8

fonte

E il resto del mondo? Tecnicamente, l’implementazione di questi standard avviene dalla parte degli editori. Non è né troppo complicato né richiede tempo; tuttavia, ci vuole del tempo prima che ogni editore venga modificato.

Per i proprietari di piattaforme, è importante spiegare agli editori collegati: non appena verranno eliminati i cattivi attori, i budget degli annunci verranno ridistribuiti a favore del loro inventario legittimo autorizzato.

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

 

Avvolgendo

Quest’anno, molti di noi si troveranno a lavorare con strumenti completamente nuovi per la gestione delle campagne pubblicitarie e l’ottimizzazione del media trading. La maggior parte delle trasformazioni nel marketing online e nella pubblicità digitale sembrerà ancora abbastanza familiare, poiché derivano dal 2019, che è stato ricco di innovazioni.

Le tendenze della pubblicità digitale, come la comunicazione diretta con il cliente, apriranno le porte alla proprietà dei dati, alle campagne pubblicitarie altamente personalizzate e alla comunicazione cliente-marchio molto migliore. Gli standard SPO e IAB, a loro volta, consentiranno un commercio mediatico sicuro, protetto e più trasparente.

Infine, quelle aziende che iniziano la propria attività quest’anno si evolveranno facilmente e rapidamente, dal momento che l’etichetta bianca offrirà loro molti vantaggi competitivi.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close