7 suggerimenti su come scrivere buoni contenuti per il tuo sito Web e blog nel 2022

Non sapere come scrivere buoni contenuti per il tuo sito web o blog può rivelarsi un grosso errore, per molte ragioni.

A breve esaminerò alcuni di questi motivi prima di raccontarti tutto sui metodi che devi conoscere per imparare a scrivere buoni contenuti nel 2022.

Motivo n. 1 per imparare a scrivere buoni contenuti:

SEO… Il buon vecchio traffico organico gratuito. I tuoi contenuti devono essere straordinari per superare la concorrenza. 300-500 articoli di parole non lo taglieranno più in questo giorno ed età. Oh, e non parleremo di contenuti copiati/incollati o altri rifiuti del genere che dovresti già sapere di non fare.

Motivo n. 2 per imparare a scrivere buoni contenuti:

Conversioni in aumento. Quasi tutti i siti web che troverai online hanno una cosa in comune: hanno tutti bisogno di conversioni. 

Non importa se si tratta di un sito Web di marketing di affiliazione, un blog personale, un sito Web aziendale o un sito Web di un’organizzazione senza scopo di lucro. Tutti devono aumentare le conversioni in un modo o nell’altro.

Esistono molti tipi di conversioni, ma la più popolare è:

  • Ottenere nuovi iscritti a una newsletter
  • Raccolta di contatti
  • Fare vendite

Puoi aumentare le tue conversioni in modo esponenziale, semplicemente avendo articoli migliori sul tuo sito. Ecco perché è importante che tutti coloro che pubblicano online imparino a scrivere buoni contenuti per il proprio sito web.

Ok, quindi ora che sai tutto questo, esaminiamo i suggerimenti effettivi:

Sommario:

  • 1. Ottimizza i tuoi contenuti per la SEO
  • 2. Scrivi grandi titoli di articoli
  • 3. Rendi i tuoi contenuti facili da leggere
  • 4. Ricerca prima di scrivere
  • 5. Conosci il tuo pubblico
  • 6. Aggiungi immagini, citazioni e video ai tuoi contenuti
  • 7. Modifica il tuo lavoro prima di pubblicarlo.
  • Conclusione: imparare a scrivere buoni contenuti

1. Ottimizza i tuoi contenuti per la SEO

Scrivi buoni contenuti per SEO

Anche se sai come scrivere un buon contenuto, potresti comunque commettere l’errore di non ottimizzarlo per la SEO.

Assicurati che il tuo articolo abbia:

  • La parola chiave principale aggiunta nel titolo e nel primo paragrafo
  • Parole chiave correlate in tutto il contenuto
  • Immagini con attributi alt con la tua parola chiave principale
  • Intestazioni con la parola chiave al loro interno (non esagerare però)
  • Collegamenti ad altri siti Web pertinenti
  • Minimo 800 parole

Quasi tutti sono abbastanza facili da implementare, soprattutto se utilizzi plug-in SEO sul tuo sito…

Tuttavia, la maggior parte degli scrittori avrà problemi con una sola cosa: il conteggio delle parole.

I tempi sono cambiati e non puoi più classificarti facilmente su Google (per parole chiave relativamente competitive) con articoli che contengono 300-500 parole.

Per anni, i marketer di contenuti hanno spinto lo stesso numero: minimo 500 parole per articolo. E sembra che il grande pubblico abbia visto quel numero 500 e sia corso con esso, scrivendo articoli che non siano né meno né più lunghi di 500 parole.

Al giorno d’oggi, se vuoi posizionarti in alto nei motori di ricerca per parole competitive, hai bisogno di più parole… molto più di 500.

Tempo fa, Backlinko ha pubblicato un articolo in cui analizzava quasi 12 milioni di risultati di ricerca su Google , per scoprire cosa hanno in comune tutte le pagine che si classificano nella top 10 di Google.

Una delle cose che hanno ricercato riguardava anche il tema del conteggio delle parole. 

Così hanno scoperto che tutte le pagine che compaiono nei primi 10 risultati di ricerca di Google hanno contenuti con un conteggio medio di parole di 1448 parole.

È impressionante, ma ha anche senso.

Quando quasi tutti online scrivono articoli brevi che raggiungono a malapena le 500 parole, Google non ha altra scelta che cercare articoli e guide più approfonditi.

Classificano questi articoli di conteggio delle parole più lunghi più in alto di quelli brevi, semplicemente perché vogliono fornire ai visitatori il miglior valore e le soluzioni per i termini che hanno cercato.

Nella loro mente, contenuti più lunghi significano maggiore autorità e qualità e il 99% delle volte è corretto.

Certo, ci sono siti web che si classificano nelle prime 3 posizioni con solo 300 o 500 parole, ma non è la norma e non è una cosa facile da realizzare, specialmente nelle nicchie competitive.

Quindi la linea di fondo è che se ti interessa SEO e traffico organico (e dovresti), allora dovresti fare del tuo meglio e aumentare il conteggio delle parole su tutti i tuoi articoli.

Quindi sì, prova a scrivere un buon contenuto che abbia un minimo di 800-1400 parole , se puoi, ti aiuterà a lungo termine.

2. Scrivi grandi titoli di articoli

Crea titoli migliori

Se sei il titolo fa schifo, questo è tutto. Game Over.

Un visitatore lascerà il tuo sito in circa 3-5 secondi  se non attiri la sua attenzione dal primo secondo in cui atterra sul tuo sito.

Quindi potresti avere articoli con 10.000 parole , senza un titolo straordinario e un paragrafo di apertura, nessuno lo esaminerebbe.

C’è un motivo per cui i titoli dei clickbait funzionano , che si tratti di video di YouTube o articoli regolari su siti come BuzzFeed e persino di marketing online.

Attirano la tua attenzione e accendono la tua curiosità dal momento in cui leggi quel titolo nella tua testa, quindi devi cliccarci sopra, per soddisfare quel nostro dannato cervello.

Aggiungi i numeri all’inizio del titolo, quindi, ad esempio, ho scritto un post sul blog sulle migliori alternative di Google AdSense.

Avrei potuto semplicemente lasciarlo così, ma invece ho aggiunto “22” davanti e ora un visitatore saprà immediatamente che dovrebbe aspettarsi di trovare 22 alternative di Google AdSense , dando loro così un senso di sicurezza che se a loro non piacciono uno o due di loro hanno ancora 18 o 20 soluzioni rimaste.

Se parli di quanti soldi hai guadagnato o di quanto hai speso per qualcosa, a volte è anche utile aggiungere quella somma nel titolo.

Ad esempio, invece di: Guadagno vendendo piccoli cappelli per gatti, potresti trasformarlo in Come ho guadagnato $ 90.000 vendendo cappelli per gatti. 

So quale cliccherei… e penso che il tuo sarebbe lo stesso.

Non dimenticare di aggiungere la tua parola chiave principale nel titolo e nel primo paragrafo. Questo è ancora molto importante in termini di SEO on-page se vuoi dare al tuo articolo appena scritto la possibilità di classificarsi in Google.

3. Rendi i tuoi contenuti facili da leggere

rendere i tuoi contenuti facili da leggere

Questo non è così difficile da fare, ma richiede un po’ di pratica per impararlo.

Fondamentalmente, non vuoi avere grandi blocchi di paragrafi senza spazi, immagini o qualsiasi altro divisore in mezzo.

Vedi come scrivo tutti questi articoli? Con brevi frasi e paragrafi e poi vado a una nuova riga? Questo perché rende più facile per i visitatori scorrere e vedere tutti i punti a cui tengono in pochi secondi.

Quindi, se decidono che il contenuto è buono per loro, si fermeranno e leggeranno tutto. È anche migliore per gli occhi e il formato generale del blog.

Sono stati eseguiti molti test su come un utente interagisce con una pagina Web e la maggior parte di essi è giunta alla stessa conclusione, le persone passano semplicemente oltre tutte le BS e cercano prima le cose importanti.

Devi avere un testo SCANNABILE… in tutti i tuoi articoli.

Ciò significa fondamentalmente che dovresti incorporare:

  • Elenco puntato
  • Liste numerate
  • Frasi in grassetto
  • Paragrafi brevi (di solito un’idea per paragrafo è la migliore)
  • Utilizza correttamente i diversi sottotitoli (h1, h2, h3, ecc.)
  • Evidenzia parole chiave e cose importanti
  • A volte è anche meglio iniziare un articolo con la conclusione

I visitatori del sito web sono impegnati, hanno diverse cose di cui preoccuparsi nella loro vita, quindi devono essere in grado di scansionare i tuoi contenuti e decidere se vale la pena leggerli per qualche minuto o meno.

4. Ricerca prima di scrivere

ricerca

Hai un’idea per un nuovo post sul blog, fantastico. Ma prima di iniziare a digitare una singola parola, dovresti prima fare qualche ricerca.

Il primo passo è scoprire la tua parola chiave principale  e le parole chiave correlate di cui dovrai scrivere nei tuoi contenuti. Quindi lo fai utilizzando strumenti come Semrush , Ubersuggest, Ahrefs o qualsiasi altro strumento per le parole chiave che ti piace.

Cerca ciò che altri hanno scritto sull’argomento… e miglioralo.

usa buzzsumo per creare contenuti migliori

Usa strumenti come Buzzsumo per scoprire rapidamente cosa hanno scritto gli altri sul tuo argomento e vedere quali di questi articoli vengono condivisi di più sui social network.

Se alcuni contenuti vengono condivisi molto online, significa che hanno fatto un ottimo lavoro e che dovresti provare a capire come l’hanno fatto e cosa potresti aggiungere per creare tu stesso contenuti ancora migliori.

Vuoi essere originale e avere la tua voce ma anche aggiungere cose che altri hanno dimenticato o semplicemente non sapevano nei tuoi contenuti.

5. Conosci il tuo pubblico

conosci il tuo pubblico

Questo è un po’ simile al suggerimento della ricerca, ma è un po’ diverso, ed ecco perché.

Il pubblico di ogni blog è diverso, ciò che alcuni lettori potrebbero trovare interessante su altri blog e siti Web correlati alla tua nicchia, non li renderà particolarmente interessati anche alla tua.

Sono sul tuo sito per un motivo.

Scopri a cosa sono più interessati i tuoi visitatori e prova a scrivere buoni contenuti specifici per loro.

Se hai un blog che parla di Toyota Camry , non andare ora e scrivi contenuti sulla BMW M4 , perché il tuo pubblico non sarà interessato a questo.

Tratta tutti i tuoi articoli come una linea di comunicazione diretta tra te e i tuoi lettori. Poni domande , incoraggiali a lasciare feedback e commenti e rendilo coinvolgente e unico .

Attieniti all’argomento e alle cose ad esso correlate e cerca di fornire quanto più valore possibile al tuo pubblico .

Correlati: vendita soft vs vendita hard

6. Aggiungi immagini, citazioni e video ai tuoi contenuti

creare contenuti migliori

Scrivere ottimi contenuti è buono e tutto, ma devi anche aggiungere alcune immagini e video per rendere il tuo articolo più coinvolgente e accattivante per i tuoi visitatori.

Le immagini sono utili , soprattutto se fungono da divisori tra paragrafi o titoli più lunghi. Puoi anche guidare il tuo punto più velocemente mostrandolo in un’immagine o in un video.

In caso di dubbio… usa i meme.

aggiungi meme ai tuoi contenuti

I meme sono incredibili e in questi giorni anche le aziende Fortune 500 usano i meme come strumento di marketing. Dai siti di notizie alle aziende manifatturiere ai fast food, abbiamo visto meme dappertutto.

7. Modifica il tuo lavoro prima di pubblicarlo.

come creare contenuti migliori: modifica i tuoi contenuti

Ok, quindi hai imparato a scrivere buoni contenuti e ora che l’hai fatto, sei pronto per premere il pulsante “Pubblica” .

Non così in fretta…

Assicurati di rivedere e modificare i tuoi contenuti prima di renderli disponibili per tutti gli altri. Molto spesso, farai errori, anche se stai scrivendo i tuoi contenuti nella tua lingua madre, a volte possono essere commessi errori.

Ecco perché è meglio rileggere tutto prima di pubblicare i nuovi contenuti.

Usa strumenti come Grammarly, per aiutarti a correggere tutti i tuoi errori grammaticali, errori di scrittura , corregge l’intero contenuto e fornisce suggerimenti utili per il tuo articolo, e può anche controllare e vedere se il tuo articolo sta plagiando qualcun altro funziona.

Conclusione: imparare a scrivere buoni contenuti

Imparare a scrivere buoni contenuti è fondamentale se vuoi avere successo online . Sono sicuro che hai già sentito questa frase:

Il contenuto è RE

Ed è vero, i tuoi contenuti contano molto e possono avere un impatto su molte cose: il tuo pubblico , il tuo SEO e traffico organico, le tue conversioni , le tue campagne di marketing a pagamento , ecc.

Spero che questi 7 suggerimenti ti aiutino, e se ho dimenticato qualcosa o conosci anche alcuni ottimi suggerimenti, fammi sapere lasciando un commento in basso.