Cerca

7 modi per adattare la tua strategia SEO in tempi incerti

Tra l’aspetto sanitario in corso del nuovo coronavirus e i devastanti effetti collaterali economici che sono già arrivati ​​con esso, è sicuro di dire che siamo in un territorio inesplorato.

La domanda che abbiamo sentito da molte persone e aziende è:

La SEO è ancora un buon investimento durante l’epidemia di COVID-19?

Forse hai visto un calo del traffico organico sul tuo sito web. Forse stai affrontando un budget più stretto o una pressione per aumentare rapidamente le entrate per compensare le perdite esistenti o potenziali. O forse stai destreggiandoti mentre cerchi di gestire le sfide di una rapida transizione da casa a casa – con i bambini sotto i piedi, creando un nuovo programma di lavoro o qualsiasi altra distrazione che non avresti avuto in ufficio.

Per quanto allettante possa essere accovacciarsi e vedere come vanno le cose, togliere il piede dal pedale dell’acceleratore delle tue campagne SEO e di marketing digitale potrebbe mettere la tua azienda in svantaggio sia adesso che quando il mondo alla fine si riprende.

In Single Grain, siamo stati in grado di aiutare i clienti attuali e potenziali, quindi abbiamo messo insieme questa lista di controllo su come adattare il tuo approccio SEO alle circostanze attuali.

Prenota la mia sessione di strategia SEO gratuita

Vai prima alla frutta a sospensione bassa

Investire in SEO non deve significare lanciare campagne completamente nuove o iniziare nuove iniziative da zero. Invece, stiamo avvisando i clienti di Single Grain di evitare di perdere lo slancio critico spostando la loro attenzione sulla ricerca di qualsiasi frutto a bassa quota che possono.

Di seguito sono riportate alcune opzioni che potrebbero essere appropriate per la tua azienda:

1) Split Test dei titoli e delle meta descrizioni per riguadagnare il traffico organico perduto

Indipendentemente dal fatto che il tuo traffico organico sia diminuito o meno, l’ottimizzazione dei meta tag può essere un modo semplice e veloce per attirare più visitatori sulla tua pagina, come puoi vedere nei seguenti esempi.

In questo test, siamo stati in grado di aggiungere più di 41.000 impressioni a un post di blog sul sito di Single Grain in un periodo di 15 giorni, semplicemente modificando il tag del titolo:

Screen Shot 2020 04 10 alle 12.51.51 PM

Qui, abbiamo aggiunto oltre 58.000 impressioni in soli 15 giorni con tag titolo e meta description migliorati:

Screen Shot 2020 04 10 alle 12.52.55 PM

Infine, lo scambio di metatag e tag di descrizione in un post su Amazon Ads ha migliorato i clic del 165% e il CTR del 55% in 15 giorni:

Screen Shot 2020 04 10 alle 12.54.04 PM

Meta tag e tag descrittivi sono un frutto così basso che molte aziende non si preoccupano nemmeno di aggiornarli. In una potenziale recessione in cui ogni cambiamento incrementale è importante, la loro perdita può essere il guadagno della tua azienda.

Altre risorse: che cos’è il test SEO A / B?

2) Aggiorna e riutilizza i tuoi contenuti

L’aggiornamento dei meta tag è un ottimo modo per ottenere il miglior valore possibile dai contenuti esistenti, ma non è l’unica strategia disponibile. I potenziali rallentamenti sono anche ottimi momenti per lavorare sull’aggiornamento o sul riutilizzo dei contenuti che hai già investito nella creazione.

Innanzitutto, esegui un’analisi del decadimento del contenuto

Cosa intendiamo per ” decadimento dei contenuti “?

Il decadimento del contenuto è, in poche parole, contenuto che è in calo nel traffico negli ultimi dodici mesi.

Ricorda che, a parità di tutti gli altri, Google dà la priorità ai nuovi contenuti.

Lo strumento di decadimento dei contenuti di ClickFlow può aiutarti a identificare le pagine del tuo sito che stanno perdendo traffico organico e sono in calo nelle classifiche. L’aggiornamento o l’ottimizzazione del contenuto di tali pagine può essere un ottimo modo per riconquistare il traffico, poiché la maggior parte delle pagine classificate di recente ha un’ottima possibilità di riconquistare le proprie posizioni con un piccolo sforzo da parte tua.

Ecco un video di 2 minuti che spiega come funziona lo strumento Decadimento contenuto:

Se non stai usando ClickFlow, puoi condurre manualmente un’analisi simile con uno strumento di indicizzazione come Google Search Console per produrre un elenco delle tue pagine oltre a uno strumento di analisi come Google Analytics , Moz o Ahrefs  che ti consentirà di visualizzare le prestazioni storiche di ciascuna pagina.

Qualsiasi contenuto che sta vivendo tendenze al ribasso, in particolare qualsiasi contenuto utilizzato per inviare traffico al tuo sito o che è in qualche modo critico per la missione, rappresenta un possibile candidato per l’aggiornamento.

Puoi anche usare questa volta per pensare in modo più ampio alle opportunità di contenuto che hai sempre desiderato perseguire. Poiché i nuovi contenuti richiedono in genere almeno 3-6 mesi per iniziare a produrre un impatto, tutte le risorse che crei ora ti aiuteranno a sostenere questo periodo di incertezza e ti assicureranno che tu sia ben posizionato per uscire in futuro.

Altre risorse: cos’è il decadimento dei contenuti e come influenza il tuo SEO

Quindi aggiorna il tuo vecchio contenuto

Dopo aver identificato i candidati per l’aggiornamento dei contenuti nel passaggio precedente, quali passi specifici dovresti adottare per aggiornarli? Ecco alcuni elementi chiave da considerare:

  • Assicurarsi che tutte le statistiche o i punti dati inclusi siano aggiornati.
  • Cerca e sostituisci backlink morti.
  • Aggiorna vecchie immagini e schermate o aggiungi nuove e pertinenti per eseguire il backup del testo.
  • Aggiorna tutti i consigli che non sono più appropriati (ad esempio, la tattica SEO che hai suggerito nel 2012 che è stato deprecato).
  • Estendi la lunghezza dei tuoi contenuti a un totale di 1.000-2.000 parole.
  • Aggiungi esempi o casi di studio per illustrare i tuoi punti.
  • Ottimizza i tuoi contenuti per nuove parole chiave o segmenti di pubblico che hai identificato come priorità dalla pubblicazione, seguendo le migliori pratiche di ottimizzazione correnti.

A seconda del contenuto che hai prodotto in passato, potrebbero esistere opportunità per aggiornarlo in modo tempestivo alle preoccupazioni di oggi.

Ad esempio, un cliente di Single Grain ha pubblicato un post sul blog sull’etichetta delle riunioni online circa un anno fa. Ora, tutto ciò che devono fare è includere alcune sottili modifiche e aggiornamenti per rendere l’articolo rilevante per un nuovo pubblico di lettori che improvvisamente lavorano da casa a causa di COVID-19.

L’avvertenza qui non è quella di aggiornare tutti i contenuti passati per essere specifici di un singolo evento – il coronavirus di oggi o altro. Perché a un certo punto saremo dall’altra parte di questa pandemia, e l’ultima cosa che vuoi è un sito Web pieno di contenuti specifici di COVID-19.

Altre risorse: queste 75 aziende tecnologiche offrono strumenti gratuiti per supportare le aziende durante COVID-19

3) Organizza più cluster di pilastri

Se non stai già utilizzando il metodo Content Sprout di Single Grain , ora è il momento di provarlo, dal momento che riproporre vecchi contenuti in nuovi formati può consentire di creare risorse completamente nuove senza alcun (o molto) ulteriore investimento finanziario.

Un’opzione da considerare in particolare è l’utilizzo di alcuni dei tuoi contenuti da aggiornare in nuovi cluster di pilastri (noti anche come hub e raggi) ottimizzati per le parole chiave a priorità più elevata.

In generale, i cluster di pilastri sono costruiti attorno a un asset di contenuto centrale di alto valore. Intorno sono contenuti più piccoli – in genere ottimizzati per le parole chiave a coda lunga correlate – che rimandano al pilastro centrale per supportarlo con il link juice:

Schermata 2020 04 14T142127.898

Per creare un cluster pilastro, procedere come segue:

  • Identifica almeno una parola chiave ad alta priorità e 6-8 parole chiave a coda lunga correlate che desideri classificare.
  • Rivedi l’ audit dei contenuti (o eseguine uno nuovo) per identificare i contenuti correlati che potresti essere in grado di utilizzare nel tuo cluster. Fai attenzione a non cannibalizzare i contenuti che sono già in classifica per altre parole chiave.
  • Esamina i primi 10 risultati di Google per ogni parola chiave nel cluster del pilastro per avere un’idea dei tipi di contenuti che sono attualmente in classifica per ciascuno. Cosa sembra esserci l’ intento dietro ogni query?
  • Prepara un piano per l’aggiornamento di ogni pezzo, in base alla quantità di contenuti esistenti che potrai inserire nel pilastro o nelle risorse del cluster.
  • Aggiorna i tuoi contenuti e collega ogni nuovo asset del cluster al pilastro centrale.

Cerca almeno 3.000 parole di contenuti di alto valore per il tuo pilastro centrale, nonché 1.000-2.000 parole per ogni risorsa del cluster. Sebbene questo approccio richieda più tempo del semplice aggiornamento di singoli pezzi, abbiamo visto degli aumenti di traffico organici durante la distribuzione con i clienti Single Grain.

Altre risorse:
5 passaggi per lo sviluppo di contenuti di successo del pilastro
9 modi per riutilizzare il vecchio contenuto del blog
Marketing multicanale: utilizzo del metodo Content Sprout per superare il sovraccarico di informazioni

4) Controlla il tuo tono

Questo non è un suggerimento SEO o contenuto specifico, ma è ancora una considerazione importante per i marchi in questo momento. Indipendentemente dal tipo di contenuto che stai producendo, controlla il tono. Prendi la temperatura della stanza.

Ora non è il momento di inviare messaggi COVID-19 alla messaggistica intelligente. Potrebbe non essere nemmeno il momento di mantenere una presenza frizzante del marchio (se è così che hai definito il tuo tono in passato). Pensa alle persone a cui stai inviando i contenuti e al tipo di emozioni che probabilmente provano in questo momento e fai del tuo meglio per assicurarti che qualsiasi contenuto che crei non venga letto come insensibile.

Come osserva Ross Simmonds in un post sul suo blog :

“Questo non è il Super Bowl. Allo stesso modo in cui non apposti un logo su un elemento grafico per commemorare il Giorno della Memoria o il Giorno della Memoria, non provi a sfruttare le emozioni durante una pandemia. “

Presta particolare attenzione non solo ai nuovi contenuti o promozioni che stai creando ora, ma anche a tutti i messaggi che hai impostato per inviare come parte di un autorisponditore. Quella riga ironica che hai scritto mesi fa potrebbe leggere in modo molto diverso rispetto ai destinatari oggi.

Prenota la mia sessione di strategia SEO gratuita

Strategie più avanzate

Ora che abbiamo delineato quattro idee di frutta basse per la tua strategia SEO in periodi di incertezza, ecco altri tre suggerimenti avanzati.

5) Tieni d’occhio i tuoi concorrenti

Dopo aver affrontato i tuoi frutti a bassa quota, puoi diventare un po ‘più strategico con le tue iniziative SEO. La prima cosa che dovresti fare è monitorare i tuoi concorrenti al fine di identificare le lacune nei contenuti che puoi sfruttare.

Le fortune sono fatte in recessioni – ed è vero sia per il SEO che per gli investimenti. Questo perché, poiché alcune aziende limitano i loro budget di marketing e riducono le spese, si aprono nuove opportunità per altre aziende per colmare il vuoto. Ma funziona solo se stai tenendo d’occhio i tuoi concorrenti.

Per iniziare, riunisci la tua lista di concorrenti. Potrebbe trattarsi di qualsiasi azienda con cui competi già direttamente o di coloro che raggiungono il pubblico o segmenti di mercato in cui potresti pianificare di spostarti in futuro.

Stabilisci una misurazione di base delle loro attività di contenuto (se non ne hai già una) in modo da poter identificare eventuali cali che si verificano durante questo periodo, come ad esempio:

  • Qualcuno dei tuoi concorrenti pubblica post sul blog meno frequentemente?
  • Stanno spingendo meno video o aggiornamenti social?
  • Hanno cancellato i prossimi webinar o altri eventi?

Potresti non vedere subito queste modifiche, quindi ripeti periodicamente le tue misurazioni.

Quando vedi che iniziano a verificarsi dei cali di attività, ci sono diverse azioni che puoi intraprendere. Ad esempio, potresti utilizzare strumenti di analisi web, come BuzzSumo SEMrush SpyFu Ahrefs , per identificare parole chiave specifiche per le quali il tuo concorrente ti sta superando e creare contenuti ottimizzati per loro nel tentativo di superarli.

Puoi anche determinare se ci sono segmenti di pubblico che il tuo concorrente sta raggiungendo in modo più efficace di te. Se esistono, la creazione di contenuti indirizzati direttamente a loro può consentire di sottrarre utenti che preferiscono impegnarsi più regolarmente.

Diventa creativo e pensa al futuro. Se prevedi di utilizzare questi tempi incerti per iniziare a rivolgersi a un nuovo pubblico, qualsiasi investimento che fai mentre i tuoi futuri concorrenti hanno rallentato ti lascerà in una posizione molto più forte mesi o anni lungo la strada.

Altre risorse:
Come scoprire la strategia dei contenuti dei tuoi concorrenti
10 Strumenti per monitorare la crescita dei tuoi concorrenti e incidere sulle loro strategie
7 modi in cui Influencer + Social Marketing può aiutare durante COVID-19

6) Affronta i tuoi progetti tecnici

Se sei come la maggior parte delle aziende con cui lavoriamo, hai una lunga lista di progetti SEO tecnici seduti sul back burner. Ora è il momento di affrontarli, da soli o collaborando con un esperto di marketing come Single Grain.

Ciò potrebbe significare fare cose come:

  • Ottenendo finalmente una rete CDN (rete di distribuzione dei contenuti) per migliorare la velocità di consegna dei contenuti.
  • Affrontare le modifiche di progettazione che migliorano la SEO e l’esperienza dell’utente .
  • Pulizia delle notifiche nel tuo account Google Search Console.
  • Rielaborare la struttura di navigazione per mostrare i contenuti che hai creato di recente.
  • Identificare i collegamenti in uscita non funzionanti e sostituirli con nuove alternative.

Affrontare questi problemi sottostanti non solo ti aiuterà a stabilizzare o addirittura a migliorare le tue prestazioni SEO durante questi periodi senza precedenti, ma ti impedirà anche di dover sperimentare due distinti cali di traffico organico – uno ora e uno quando il tuo deficit tecnico ti raggiunge .

E, nei casi peggiori, mettere in ordine la tua sede tecnica renderà il tuo sito un’acquisizione più preziosa, nel caso in cui la vendita di tutto o parte della tua attività diventasse necessaria in futuro.

Altre risorse:
Come utilizzare i test UX per migliorare il valore della vita dei clienti (CLV)
Come progettare la UX di un sito Web o un’app per aumentare le conversioni
7 errori nell’interfaccia utente e UX che costano il coinvolgimento dell’utente

7) Cerca i concorrenti che puoi acquisire

Ho usato questa strategia un po ‘durante la Grande Recessione del 2008 , e ogni segno che vedo suggerisce che avrà un impatto altrettanto significativo nei prossimi anni come lo era allora.

I marketer digitali hanno acquistato siti Web concorrenti o del settore per le loro classifiche consolidate e collegano il succo per anni. Ma durante una recessione, questi siti vengono messi in vendita quando le aziende decidono di chiudere o sono costrette a chiudere le porte.

Trovare queste opportunità potrebbe significare lavorare con i broker commerciali, guardare le notizie per gli annunci di chiusura o persino raggiungere direttamente i siti che hai identificato come buone prospettive di acquisizione per il tuo marchio.

Dopo averli acquisiti, 301 reindirizzare il loro URL sul tuo dominio o tenerli come entità separate per spingere i collegamenti al tuo sito principale può essere appropriato, a seconda delle tue esigenze e circostanze.

Pensieri finali

Prendere decisioni come queste può essere una sfida nel migliore dei casi. In tempi incerti, avere un esperto SEO o un partner di marketing digitale dalla tua parte può significare la differenza tra venire avanti e rimanere indietro.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close