Con i budget di marketing colpiti dalla tensione economica di COVID-19, sostenere il valore che la SEO può apportare a un’azienda in difficoltà è una nuova interpretazione di una vecchia battaglia. Questo popolare episodio di Whiteboard Friday di Kameron Jenkins copre cinque obiezioni comuni che sentirai al SEO e su come contrastarle con risposte intelligenti, ricercate e basate sui fatti – un’abilità importante da ripassare ora più che mai.

Fai clic sull’immagine della lavagna in alto per aprire una versione ad alta risoluzione in una nuova scheda!

ISCRIVITI ALLE NOSTRE MAILING LIST PER IMPARARE TRUCCHI MAI VISTI SUL MARKETING, SEO E GUADAGNO ONLINE!

Trascrizione video

Ciao a tutti. Benvenuti all’edizione di questa settimana di Whiteboard Friday. Mi chiamo Kameron Jenkins e oggi passeremo attraverso cinque obiezioni comuni al SEO e al modo di rispondere. Ora lo so, se stai guardando questo e sei un SEO, hai già affrontato alcune di queste obiezioni e probabilmente molte altre.

Questa non è una lista esaustiva. Sono sicuro che hai affrontato molte altre obiezioni, che tu stia parlando con un potenziale cliente, forse stai parlando con il tuo amico o il tuo familiare. Molte persone hanno fraintendimenti sul SEO e ciò li induce a obiettare a voler investire in esso. Quindi ho pensato di passare attraverso alcuni di quelli che sento di più e come tendo a rispondere in quelle situazioni. Spero che lo troverai utile.

1. “[Altro canale] genera più traffico / conversioni, quindi è meglio”.

Immergiamoci. L’obiezione numero uno che sento molte volte è questo altro canale, che sia PPC, social, qualunque cosa, porti più traffico o conversioni, quindi è meglio del SEO. Voglio rispondere in diversi modi a seconda. 

Il successo segue l’investimento

Quindi la cosa numero uno che direi di solito è che non dimenticare che il successo segue gli investimenti.

Quindi, se stai investendo molto tempo, denaro e talento nel tuo PPC o social e non stai davvero facendo molto con il biologico, stai semplicemente lasciando perdere, di solito significa che sì, l’altro canale sta andando per avere molto più successo. Quindi tienilo a mente. Non ha intrinsecamente successo o no. Riflette in qualche modo lo sforzo che stai facendo.

Ogni canale ha uno scopo diverso

Numero due, direi che ogni canale ha uno scopo diverso. Non ti aspetti che i social media favoriscano le conversioni per la maggior parte del tempo, perché per lo più il social è destinato al coinvolgimento. È per più in cima all’imbuto. È per un maggiore sviluppo del pubblico. SEO, molto del tempo che vive ai tuoi sforzi più alti e centrali. Può convertire, ma non sempre.

Quindi tienilo a mente. Ogni canale ha uno scopo diverso. 

Aiuta solo contro l’ultimo clic

L’ultima cosa che direi, un po ‘in contrasto con quello, è che assiste contro l’ultimo clic solo che so che è un dibattito quando si tratta di attribuzione. Ma tieni presente che quando la SEO e la ricerca organica non si convertono come ultimo clic prima della conversione, di solito assiste comunque nel processo. Quindi guarda le tue conversioni indirette e vedi come la SEO sta contribuendo.

2. “Il SEO è morto perché le SERP sono piene di pubblicità”.

L’obiezione numero due che di solito sento è che SEO è morto perché le SERP sono piene di pubblicità. A ciò risponderei con una domanda. 

Quali SERP stai guardando? 

Dipende davvero da cosa stai interrogando. Se stai solo guardando quelle canalizzazione in basso, il costo per clic elevato, le parole chiave in denaro, assolutamente quelle sono monetizzate.

Quelli saranno pesantemente monetizzati, perché quelli sono in fondo all’imbuto. Quindi, se lo guardi solo, potresti essere pessimista quando si tratta del tuo SEO. Potresti non pensare che la SEO abbia alcun tipo di valore, perché la ricerca organica, questi risultati organici sono molto bassi quando si guardano quei termini dell’imbuto in basso. Quindi penso che questi due lavori di ricerca siano davvero interessanti da guardare in tandem quando si tratta di una risposta a questa domanda.

Penso che questo sia stato pubblicato l’anno scorso da Varn Research e che dicesse che il 60% delle persone, quando vedono annunci nei risultati di ricerca, non riconoscono nemmeno che sono annunci . Questo è probabilmente più alto ora che Google lo ha cambiato dal verde al nero e si fonde un po ‘meglio con il resto. Ma poi questi dati di Jumpshot indicano che solo dal 2% al 3% circa di tutti i clic di ricerca passa a PPC.

Quindi come possono coesistere queste cose? Bene, possono coesistere perché la stragrande maggioranza delle ricerche non attiva pubblicità. Molte più ricerche sono informative e di navigazione più che commerciali. 

Le persone ricercano prima di acquistare

Quindi tieni a mente che le persone stanno facendo molte ricerche prima di acquistare.

Molte volte stanno cercando di saperne di più informazioni. Stanno cercando di confrontare. Tieni presente l’intero viaggio dell’acquirente, l’intero imbuto e concentrati su quello. Non concentrarti solo sul fondo dell’imbuto, perché ti scoraggerai quando si tratta di SEO se stai solo guardando lì. 

Meglio insieme

Inoltre, stanno solo meglio insieme. Ci sono molti studi che dimostrano che PPC e SEO sono più efficaci quando vengono entrambi mostrati insieme nei risultati di ricerca per una singola azienda.

Sto pensando a uno di Seer, lo hanno fatto proprio ora, che ha mostrato che il CTR è più alto per entrambi quando sono sulla pagina insieme. Quindi tienilo a mente. 

3. “Traffico di unità organiche, non proprio il tipo giusto.”

L’obiezione numero tre che sento molto è che il traffico organico spinge, ma non il giusto tipo di traffico. Le persone di solito significano alcune cose diverse quando lo dicono. 

Branded vs non-branded

Numero uno, potrebbero significare che il traffico organico spinge, ma di solito è comunque solo traffico marchiato.

Sono solo persone che ci conoscono già e stanno cercando il nome della nostra attività e ci stanno trovando. Questo potrebbe essere vero. Ma di nuovo, probabilmente è perché non stai investendo in SEO, non perché SEO non è prezioso. Direi anche che molte volte questo è abbastanza facilmente sfatato. Molte volte inavvertitamente le persone si classificano per termini non di marca per i quali non sapevano nemmeno di essere in classifica.

Quindi vai su Google Search Console, guarda le loro query senza marchio e vedi cosa genera impressioni e clic sul sito web. 

Anche gli assist sono importanti

Numero due, ancora una volta, solo per dirlo ancora una volta, anche gli assist sono importanti. Partecipano all’eventuale conversione o acquisto. Pertanto, anche se il traffico organico indirizza il traffico che non viene convertito come ultimo clic prima della conversione, in genere svolge comunque un ruolo.

Si può essere altamente qualificato

Numero tre, può essere altamente qualificato. Ancora una volta, questo è ciò che segue la cosa dell’investimento. Se in realtà stai prestando attenzione al tuo pubblico, conosci i modi in cui cercano, come cercano, quali termini cercano, che cosa è importante per il tuo marchio, puoi portare traffico davvero altamente qualificato che è più propenso a convertire se tu ‘ stai prestando attenzione ed essendo strategico con il tuo SEO.

4. “SEO richiede troppo tempo”

Passando al numero quattro, l’obiezione che sento è che la SEO richiede troppo tempo. È onestamente una delle obiezioni più comuni che senti riguardo al SEO. 

SEO non è un trucco di crescita

In risposta a ciò, direi che non è un trucco di crescita. Molte persone che sono davvero ansiose per il SEO e amano “perché non funziona in questo momento” stanno davvero cercando quei risultati immediati.

Vogliono una tattica che possano spargere sul loro sito web per un istante qualunque cosa vogliano. Di solito sono conversioni, entrate e crescita. Direi che non è un trucco per la crescita. Se lo stai guardando in questo modo, ti deluderà. 

Metodologia + tempo = crescita

Ma dirò che SEO è più metodologia che tattica. È qualcosa che dovrebbe essere radicato e incorporato in tutto ciò che fai in modo che nel tempo, quando viene inserito in tutto ciò che stai facendo, otterrai una crescita sostenuta.

Ecco come rispondo a quello. 

5. “Non puoi misurare il ROI.”

Numero cinque, l’ultimo e probabilmente uno dei più frustranti, sono sicuro che questo non è esclusivo del SEO. So che il social lo ascolta molto. Non puoi misurare il ROI, quindi non voglio investire in esso, perché non ho la prova che sto ottenendo un ritorno su questo investimento. Quindi le persone tendono a significare, penso, due cose quando dicono questo.

A) Previsione del ROI

Numero uno, vogliono davvero essere in grado di prevedere il ROI prima ancora di immergersi. Vogliono essere sicuri che se investo in questo, otterrò X in cambio, con cui penso che ci siano molti problemi intrinsecamente, ma ci sono alcuni modi in cui puoi avvicinarti a valutare ciò che otterrai per i tuoi sforzi. Quindi ciò che vorrei fare in questa situazione è utilizzare i dati del tuo sito Web per creare una curva della percentuale di clic in modo da conoscere la percentuale di clic nelle varie posizioni di ranking.

Conoscendolo e combinandolo con il volume di ricerca di una parola chiave o una frase che desideri seguire, puoi moltiplicare i due e dire semplicemente “Ehi, ecco il traffico previsto che otterremo se mi lascerai lavorare per migliorare la nostra posizione di rango da 9 a 2 o 1 “o qualunque cosa sia. Quindi ci sono modi per stimare e avvicinarsi.

Molte volte, quando migliorerai, ti stai concentrando sul miglioramento di un termine, probabilmente otterrai molto più traffico di quello che stai stimando perché tendi a finire in classifica per molte più parole chiave di coda più lunghe che porta un sacco di volume di ricerca aggiuntivo. Quindi probabilmente sottovaluterai anche quando lo fai. Ma è un modo per prevedere il ROI. 

B) ROI di misurazione

Numero due qui, misurare il ROI è molte volte ciò che la gente vuole fare.

Vogliono essere in grado di dimostrare che ciò che stanno facendo è vantaggioso in termini di entrate. Quindi un modo per farlo è quello di ottenere il valore della vita del cliente, moltiplicarlo per il tasso di chiusura in modo da poter avere un valore obiettivo. Ora, se attivi le conversioni e imposti i tuoi obiettivi in ​​Google Analytics, cosa che penso dovresti fare, ciò presuppone che non sei un sito di e-commerce.

C’è un tracciamento diverso per questo, ma si applica un tipo simile di metodologia. Se applichi queste cose, puoi avere un valore obiettivo. In questo modo, quando le persone si convertono sul tuo sito, inizi a raccogliere il valore effettivo in dollari, il valore in dollari stimato che qualunque canale stia producendo. Quindi puoi andare al rapporto sorgente / mezzo e vedere Google organico e vedere quante conversioni sta producendo e quanto valore.

Lo stesso vale per il rapporto sulle conversioni indirette. Puoi vedere anche quanto valore c’è dentro. Penso che sia davvero utile solo essere in grado di mostrare alle persone come “Guarda, sta generando entrate. Il mio SEO che ti sta facendo ottenere traffico di ricerca organico sta generando valore e dollari e centesimi reali per te”. Quindi quelle sono alcune delle obiezioni più comuni che sento.

Voglio sapere quali sono anche quelli che senti. Quindi inseriscili nei commenti. Fammi sapere le obiezioni che ascolti spesso e includi come stai lottando per rispondere o trovare la risposta giusta alle persone o qualcosa che hai trovato funziona come risposta. Condividilo con noi. Ci piacerebbe molto sapere. Miglioriamo la SEO e qualcosa che le persone capiscono molto meglio. Questo è tutto per il Whiteboard Friday di questa settimana.