Cerca

5 cose che odio sul Vlogging

C’è un malinteso comune che molte persone hanno. Presumono che se dovessi essere così fortunato da fare ciò che ami per vivere, in realtà ne ami ogni minuto. Questo semplicemente non è il caso. La verità è che i tempi migliori sono ciò che ne vale la pena. A volte, devi solo sopportare ciò che odi, così puoi continuare a fare ciò che ami. E questo è il tipo di relazione che ho con il mio vlog su YouTube.

HAI BISOGNO D'AIUTO?

CONTATTACI COMPILANDO IL FORM SOTTO:


Ho tenuto il passo con un vlog settimanale su YouTube dalla fine del 2016. È stata un’esperienza formativa eccezionale per me, anche se ho un canale YouTube da anni, e mi diverto davvero a mettere insieme quei video ogni settimana per tutti da guardare (e mi piace, condividi e commenta). Ma non amo ogni minuto di esso. Ecco cosa non mi piace tanto.

 

1. Gli algoritmi

Si, lo so. Se vivi da Google, puoi solo aspettarti di morire da Google. Questo è vero quando si tratta di eseguire AdSense sul tuo blog, proprio come è vero, basandosi sul traffico di ricerca per uno qualsiasi dei tuoi siti web. Ed è vero anche su YouTube, così come è vero su quasi tutti gli altri social media in questi giorni.

Siamo tutti in balia dell’algoritmo, al quale siamo tutti implicitamente d’accordo quando decidiamo di pubblicare i nostri contenuti sulla terra in affitto. Questo arriva solo con il territorio. E YouTube è il secondo motore di ricerca su Internet; solo Google è più grande.

Se sei il tipo di persona a cui piace ottenere gomito in profondità nel nocciolo della SEO, allora forse ti piacciono gli algoritmi. Io, voglio solo concentrarmi sul contenuto.

2. La pressione della pianificazione

Indipendentemente dal tipo di strategia di contenuti che desideri seguire su YouTube, la coerenza è di fondamentale importanza. Infatti, è stato ipotizzato che YouTube preferisca fortemente i canali con video giornalieri quasi giornalieri, se non addirittura reali, e darà a questi video un trattamento preferenziale nell’algoritmo.

Non so voi, ma non sarei in grado di tenere il passo con un vlog quotidiano. Anche con il vlog settimanale, che pubblico generalmente il lunedì mattina, scopro che ci sono state diverse settimane in cui non volevo farlo o la “scadenza” mi è venuta incontro molto più rapidamente di quanto avessi previsto. Questa pressione autoinflitta di pubblicare puntualmente ogni settimana può essere paralizzante e travolgente.

Ma saltare una settimana qua o là può facilmente portare a una discesa sdrucciolevole dove smetto di caricare del tutto. E io non voglio farlo.

 

3. La testa parlante

Alcuni YouTubers decidono di avviare un vlog perché a loro piace sentirsi parlare. Lascia che ti faccia entrare in un piccolo segreto; In realtà non mi piace molto parlare davanti alla telecamera. Voglio dire, lo sto facendo da anni in altri contesti, ma il vlog settimanale lo ha portato a un altro spazio. Anche così, i segmenti della “testa parlante” sono fondamentali per qualsiasi vlog, perché è così che il pubblico può connettersi con te come persona.

E realisticamente, se avessi troppi vlog in cui non vedi mai la mia brutta tazza, potresti legittimamente chiamarli anche un vlog? Forse dovrei semplicemente creare altri tipi di video.

4. Il costo della videocamera Gear

Anche se può essere vero che puoi iniziare con il vlogging usando solo $ 200 in marcia, probabilmente non è il setup che vuoi eseguire nel lungo periodo. In effetti, la tentazione di eseguire l’aggiornamento può insinuarsi molto rapidamente, perché si desidera avere una migliore illuminazione, un’immagine migliore, un audio migliore e tutto il resto. E tutto ciò costa denaro.

Anche se dovessi adottare un approccio più semplice con un buon point-and-shoot, la Sony RX100 VI vende per circa $ 1.200. Si tratta di un sacco di soldi per “solo un point-and-shoot”, ma è lo standard de facto per i vlogger. Anche la più economica Canon G7 X vende per circa $ 600. Se si utilizza la rotta mirrorless o DSLR, quando si effettua il conteggio della fotocamera, degli obiettivi, dei microfoni e di tutto il resto, si possono facilmente spendere centinaia se non addirittura migliaia di dollari.

E non sarà mai abbastanza buono, perché vorresti sempre la cosa migliore. Suppongo che questo si applichi alla vita in generale tanto quanto riguarda in particolare il vlog.

 

5. Il lato economico

Può o non può sorprendervi sapere che in realtà non sono così interessato al lato economico delle cose. Voglio solo concentrarmi principalmente sulla creazione di contenuti fantastici e sul coinvolgimento di un grande pubblico. Sfortunatamente, questo non è il modo in cui funziona Internet.

Perché in realtà, è il lato commerciale delle cose che ha creato più angoscia per me mentre inseguo quei numeri. Dopo essere stato scaricato dal Programma partner di YouTube, ero molto più motivato a rientrare. Non guadagno molto su YouTube, ma quei pochi dollari ogni mese sono stati una misura monetaria del mio successo e impegno. Vorrei che fosse più facile o più semplice, quindi non avrei dovuto preoccuparmi troppo.

Ma continuerò a creare indipendentemente. Alla fine della giornata, mi piace ancora il vlogging. E tu? Hai un vlog? Perché o perché no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *