Cerca

25 strategie comprovate per aumentare il traffico del tuo Blog del 1064%

 

Sei frustrato dal basso traffico del blog? Non preoccuparti, il traffico non è scienza missilistica e non è necessario reinventare la ruota. In questa guida, condivideremo 25 strategie comprovate (con 7 casi studio) per aumentare il traffico del tuo blog del 1064%.

Ci immergeremo nelle strategie sul traffico del blog e nei case study in un minuto, ma prima di farlo, esaminiamo brevemente le basi della generazione del traffico …

Una volta comprese queste semplici verità, non sarai più intimidito da enormi blog con tonnellate di traffico. Invece, sarai armato con il know-how per catturare quel traffico per te stesso.

(Sì, anche se sei solo una piccola startup o un imprenditore da solo.)

Gli unici 2 tipi di traffico blog

Innanzitutto, esistono solo due tipi di traffico: organico e a pagamento.

Il traffico organico è il traffico che si ottiene naturalmente senza “forzarlo”.

La più grande fonte di traffico organico è il traffico di ricerca : il traffico che ricevi quando una persona digita una domanda o una parola chiave in Google, il tuo post sul blog compare nei risultati e ci fa clic su di esso.

Tuttavia, il traffico organico può anche includere il traffico di riferimento (quando qualcuno fa clic su un collegamento al tuo blog da un altro sito Web) o traffico diretto (quando qualcuno digita il tuo URL direttamente nel browser o fa clic su un collegamento in un’e-mail).

Il traffico a pagamento è il traffico che “imponi” agli annunci pubblicitari.

Uno dei nostri tipi di pubblicità preferiti è la pubblicità su Facebook . Ma il traffico a pagamento può includere anche Google AdWords, banner pubblicitari, annunci Twitter e altro.

Perché ci sono questi due tipi di traffico, non hai mai veramente un “problema” di traffico.

Cioè, puoi sempre pagare per il traffico ogni volta che ne hai bisogno, specialmente all’inizio.

Tuttavia, il traffico organico è una parte importante di qualsiasi strategia di marketing di contenuti a lungo termine, quindi non trascurarlo (vedrai perché più avanti in questo articolo).

Le uniche 2 cose che devi classificare al primo posto su Google

Il traffico a pagamento è ovviamente il modo infallibile per ottenere traffico, qualunque cosa accada. Ma quanto è semplice ottenere traffico organico?

Il traffico di ricerca biologica non è quasi così complicato come si potrebbe pensare.

Per superare i concorrenti sulla pagina 1 di Google, tutto ciò che devi fare è mostrare a Google 2 cose:

  1. Che i tuoi contenuti siano i migliori.
  2. Che i tuoi contenuti siano i più pertinenti.

E ‘così semplice.

Per mostrare che i tuoi contenuti sono i migliori, rendili i migliori! Supera i tuoi concorrenti con articoli migliori e dimostra che i tuoi contenuti sono i migliori chiedendo ad altri blog di condividerli.

Per mostrare che i tuoi contenuti sono i più pertinenti, ottimizza i tuoi post per parole chiave pertinenti.

(Parleremo di ciascuno di questi due componenti nei casi studio di seguito).

OK, ora conosci i 2 tipi di traffico e le 2 cose di cui hai bisogno per ottenere traffico organico. Quindi, come si integrano queste diverse fonti di traffico per aumentare il traffico del blog, sia oggi che negli anni a venire?

Diamo un’occhiata a 7 casi di studio, a partire dal modo in cui guidiamo il traffico proprio qui su OptinMonster …

Caso di studio n. 1: come abbiamo portato il blog OptinMonster a 600k + visite mensili

La strategia del traffico blog che stiamo per condividere con te è semplice. Ma mentre è semplice, la maggior parte dei blogger non pensa di aumentare il proprio traffico in questo modo.

Questa strategia in 5 passaggi ha fatto crescere molto rapidamente il blog OptinMonster .

A proposito di traffico

Pronto a sentire come l’abbiamo fatto? Ecco il nostro esatto processo di traffico del blog in 5 passaggi …

1. Attenersi agli articoli del pilastro

Nella nostra scrittura, ci concentriamo sulla scrittura di un articolo del pilastro che copre tutto, piuttosto che scrivere un sacco di post di blog diversi tutti relativi allo stesso argomento. (Gli articoli del pilastro sono messaggi di massima qualità che guidano la maggior parte del nostro traffico.)

Ad esempio, uno dei nostri articoli sui pilastri di OptinMonster è costituito da 30 idee per l’aggiornamento dei contenuti per ampliare l’ elenco di e-mail . Questo post è attualmente al primo posto in Google per “idee di aggiornamento dei contenuti” …

Blog di traffico-5

# 2 per “esempi di aggiornamento dei contenuti” …

Blog di traffico-6

e # 4 per “aggiornamento dei contenuti” …

Blog di traffico-7

Come puoi vedere questo post si classifica bene per diverse ricerche relative agli aggiornamenti dei contenuti perché ci siamo concentrati sulla creazione del miglior articolo possibile sull’argomento, in modo che gli utenti possano trovare tutto in una volta piuttosto che creare più articoli sugli aggiornamenti dei contenuti rendendo più difficile per gli utenti trovare tutte le informazioni di cui hanno bisogno.

2. Aggiorna il vecchio contenuto

Poiché i nostri articoli sui pilastri sono utili ai lettori e attirano molto traffico, ci assicuriamo di aggiornarli regolarmente.

Aggiungiamo ulteriori informazioni ai nostri contenuti per renderlo migliore e più pertinente.

A Google piacciono gli articoli freschi e nuovi. Ma piuttosto che scrivere un post nuovo di zecca, prendiamo semplicemente quel vecchio articolo del pilastro e lo rinfresciamo, il che rende facile per gli utenti trovare sempre i contenuti più utili.

In effetti, l’abbiamo fatto con il nostro post sull’aggiornamento dei contenuti proprio la scorsa settimana.

Blog di traffico-8

Ecco come ci piace aggiornare i vecchi contenuti:

  • Migliora il contenuto
  • Aggiungi più contenuti
  • Aggiungi più immagini / schermate
  • Rimuovi tutte le informazioni obsolete
  • Aggiungi ulteriori informazioni aggiornate
  • Aggiungi parole chiave LSI: si tratta di parole chiave correlate alla nostra parola chiave principale

Per trovare le parole chiave LSI da aggiungere al tuo post, digita semplicemente la parola chiave principale in Google, quindi scorri verso il basso fino alla fine della pagina …

Blog di traffico-2

Tutte queste ricerche correlate sono parole chiave LSI che puoi inserire nel tuo post.

Un altro ottimo strumento che puoi usare per trovare le parole chiave LSI è LSI Graph . Basta inserire la parola chiave principale e genererà un elenco di parole chiave correlate.

Blog di traffico-3

Dopo aver scritto una versione aggiornata del post di blog precedente, aggiorneremo manualmente il post precedente e inoltreremo la data di pubblicazione. In questo modo, non perdiamo il numero di condivisioni social e lo slancio associato rispetto alla versione precedente.

3. Contenuto del pilastro Crosslink

Google ha molto più facile indicizzare i tuoi contenuti e capire quali sono i contenuti più importanti quando colleghi i tuoi post.

Il crosslinking significa semplicemente che i tuoi nuovi post sul blog includono collegamenti a post di blog precedenti. Ci siamo concentrati sull’aggiunta del maggior numero possibile di collegamenti ai contenuti del nostro pilastro , in modo da rendere più facile il posizionamento nei motori di ricerca.

Inoltre, a differenza dei backlink, il crosslinking è interamente sotto il tuo controllo. È il frutto più basso che pende.

Blog di traffico-9

Il nostro co-fondatore, Syed Balkhi , rende un “gioco” quotidiano l’aggiunta di 10 collegamenti incrociati ogni giorno e ho iniziato a fare lo stesso. (Si ferma sempre alle 10, però, perché questo esercizio dovrebbe essere divertente, non come un lavoro ingrato.)

OK, ora che hai i tuoi collegamenti incrociati, è tempo di passare ai collegamenti a ritroso …

4. Genera backlink

I backlink (link su altri siti Web che puntano al tuo sito Web) sono un fattore di posizionamento SEO molto importante in Google. Questo perché Google esamina quanti backlink hai (e quanto autorevoli sono questi backlink) nel determinare l’importanza del tuo articolo.

I backlink sono più difficili da ottenere rispetto ai crosslink (ovviamente), ma sono oro assoluto per le tue classifiche di ricerca.

Fortunatamente, Syed ha un semplice processo per la creazione di link . Quando ha condiviso questa intuizione con BuzzSumo, ha guadagnato oltre 200 backlink organici con questa strategia!

Ecco come funziona:

Innanzitutto, traccia le menzioni del tuo marchio. Puoi impostare un avviso con Google ( c’è un tutorial in questo post ) oppure puoi utilizzare BuzzSumo per monitorare tutte le menzioni del tuo marchio. Quelli che non hanno link verranno evidenziati.

buzzsumo-no-link

Successivamente, invia un’email agli autori dei post e ringraziali per la menzione. Quindi chiedi loro se non gli dispiacerà il collegamento al tuo sito.

Nell’esperienza di Syed, la maggior parte degli autori dice “sì” … dopo tutto, sono stati loro a menzionarci in primo luogo! Si scopre che molte persone ti menzioneranno senza pensare di includere un link e di solito sono felici di obbligare.

5. Potenzia nuovi post

Come puoi vedere, la nostra strategia sul traffico finora si è concentrata principalmente sul traffico di ricerca organico.

Il bello del traffico organico è che praticamente non muore mai. Mettiti al lavoro oggi e i tuoi post ti porteranno tonnellate di traffico per molto tempo a venire. (Ovviamente, a condizione che siano di alta qualità e difficili da superare. In caso contrario, tornare al passaggio 2!)

D’altra parte, quando smetti di pagare per gli annunci, il traffico si interrompe.

Ecco perché amiamo il traffico organico. Ma– sfruttiamo anche il traffico a pagamento. Il traffico a pagamento è eccellente per migliorare i nuovi contenuti. Quando imponi il traffico ai tuoi nuovi post sul blog in un breve lasso di tempo, si crea uno slancio. Le persone iniziano a condividere il post sui social media, il che aiuta Google a vedere che il tuo nuovo post è importante.

Pertanto, sebbene non facciamo affidamento sulla pubblicità a pagamento, la utilizziamo a nostro vantaggio.

Non dimenticare il traffico diretto dalla tua lista e-mail.

Oltre agli annunci a pagamento, non dimenticare la fonte di traffico che (si spera) già possiedi, la tua lista e-mail!

Mentre indirizzare il traffico verso i tuoi post sul blog tramite la tua lista e-mail non porterà direttamente a nuovi lead, è un altro buon modo per aumentare il traffico verso i tuoi nuovi contenuti e aumentare lo slancio.

Inoltre, i contenuti del tuo blog sono davvero importanti per coltivare i tuoi contatti e trasformarli in clienti. Dimenticare di inviare regolarmente la tua lista con nuovi contenuti freschi è come dimenticare di annaffiare la tua pianta , morirà.

(Nota: Se non si è iniziato a costruire una mailing list ancora, è necessario per leggere la nostra guida definitiva per l’email marketing .)

OK, ora che conosci il nostro processo di traffico blog in 5 passaggi, vorremmo condividere altri 6 casi studio con te di altre aziende che hanno anche aumentato con successo il loro traffico blog.

Questi approcci evidenziano elementi importanti di cui avrai bisogno per qualsiasi strategia di marketing dei contenuti , quindi aggiungi questi suggerimenti al tuo arsenale di traffico blog quando segui i 5 passaggi descritti sopra.

Caso di studio n. 2: come SnackNation ha generato 41.992 pagine visualizzate usando la tecnica del grattacielo

Emil Shour, che gestisce il content marketing e SEO presso SnackNation , ha utilizzato questa tecnica per generare 41.992 visualizzazioni di pagina, una classifica n. 1 e $ 100.000 di entrate ricorrenti mensili . Brian Dean la chiama “tecnica del grattacielo” .

spuntino nazione

google-analytics-pagine visualizzate

Ecco cosa ha fatto …

6. Trova contenuti che sono già in classifica per la tua parola chiave

In primo luogo, Emil ha effettuato alcune ricerche sulle parole chiave con lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google .

Ha determinato che la query “idee per il programma benessere” è una parola chiave che i suoi clienti cercano ogni giorno e che ha anche un’offerta altamente suggerita.

suggerito-bid2

Questo è importante perché significa che molte persone utilizzano AdWords per questa parola chiave, il che significa che dietro questa parola chiave c’è un forte intento commerciale. (In altre parole, le persone alla ricerca di “idee per programmi benessere” di solito cercano di effettuare un acquisto.)

Successivamente, Emil ha cercato il contenuto che era già in classifica per quella parola chiave.

Scoprì che la maggior parte dei risultati a pagina 1 erano elenchi di diverse idee di programmi benessere, ma non erano molto dettagliati, mancavano di contenuto visivo ed erano piuttosto noiosi. Poteva fare di meglio.

Quindi ha fatto …

7. Rendi qualcosa di ancora migliore

Ora che Emil sapeva quale parola chiave voleva scegliere come target e conosceva i punti di forza e di debolezza della sua concorrenza per quella parola chiave, decise di creare qualcosa di meglio.

In primo luogo, ha scritto un post di elenco, ma si è assicurato che il suo post elencasse più idee sul programma benessere rispetto a qualsiasi altra guida. Mentre gli altri post includevano 5-100 idee, il post di Emil includeva 120.

Quindi, ha reso questo lungo elenco ancora migliore dividendo le idee in 7 sezioni diverse. Ciò ha reso più semplice per i lettori passare a una sezione specifica.

blog-post-categorie

Successivamente, Emil ha aggiunto immagini accattivanti e video utili per rendere i suoi contenuti più visivamente accattivanti.

blog-post-image

Alla fine, ha reso la sua copia casual, divertente e interessante.

ottimista-scrittura

Ora che l’epico post di Emil era in diretta, era tempo di promuoverlo.

8. Contatta le persone giuste

In primo luogo, Emil ha trovato blog che scrivevano sul benessere dei dipendenti e ha inviato loro un messaggio in cui chiedeva se avrebbero avuto imminenti rastrellamenti nelle opere perché ha alcuni fantastici contenuti originali che si adatterebbero perfettamente al loro sito.

pre-sensibilizzazione-mail

Queste e-mail hanno portato ad alcuni backlink contestuali di qualità.

contestuale-backlink1

Ha anche cercato blogger che hanno scritto sul benessere dei dipendenti, sulle risorse umane e su altri argomenti correlati, e ha trovato contenuti di alta qualità come questo.

qualità-contenuti-example

Ha inviato un’e-mail all’autore, offrendo il suo articolo come una grande aggiunta a un prossimo post sul blog sull’argomento.

Ciò ha comportato un altro grande backlink, sotto forma di un post roundup.

Roundup-backlink

Quindi, Emil ha inviato un’e-mail ai marchi che ha menzionato nel post, oltre a tutti gli esperti che hanno contribuito al post e quelle persone hanno condiviso il post sui social media.

Alla fine, ora che ha avuto un certo slancio su tutte le condivisioni social, Emil ha fatto delle ricerche per vedere chi si è collegato ai primi 50 risultati per la sua parola chiave.

Ha usato Ahrefs Site Explorer per trovare i backlink per ciascuno dei primi 50 articoli.

backlink-analisi-ricerca

Quindi, ha inviato un’e-mail a ognuna di quelle persone per far loro conoscere il suo articolo nuovo di zecca, superiore.

Ecco un esempio di un’email che ha inviato.

prima-e-mail

Queste e-mail hanno portato a backlink che hanno spinto la guida di Emil al numero 1 nei risultati di ricerca, soprattutto i suoi concorrenti!

numero uno rango

Tuttavia, Emil non si è fermato qui.

Ricorda, un ranking n. 1 su Google è eccezionale, ma non si tradurrà in entrate per la tua attività se non hai una solida strategia di generazione di lead .

Quindi, Emil ha sfruttato appieno la sua posizione n. 1 creando un aggiornamento dei contenuti utilizzando OptinMonster .

Il suo aggiornamento dei contenuti era semplicemente una versione PDF del post del blog. Ha usato in modo molto intelligente un optin in 2 passaggi (utilizzando MonsterLinks ), poiché è stato dimostrato che gli aggiornamenti dei contenuti + optin in 2 passaggi aumentano le conversioni fino al 785% .

Il suo invito all’azione all’interno del post del blog era simile al seguente:

pdf-version-cta

E quando fai clic su MonsterLink, viene visualizzato questo modulo di optin:

Blog di traffico-10

Desideri un’optin in 2 passaggi simile per il tuo blog? Inizia a utilizzare OptinMonster per convertire i visitatori del sito Web in abbonati e clienti.

Aggiungendo l’aggiornamento del contenuto, SnackNation è passato da 20 nuovi abbonati a settimana a 59 a settimana – questo è un aumento del 195% dei nuovi lead, che a sua volta ha portato a $ 100K di entrate ricorrenti mensili.

Key takeaway: vale la pena posizionarsi su Google , quindi sfruttare quella classifica con gli aggiornamenti dei contenuti .

Case study n. 3: come un blogger ha generato traffico di ricerca 342,35% con il guest blogging

Nel prossimo caso di studio, esamineremo qualcuno che ha utilizzato 31 post degli ospiti per aumentare il traffico dei motori di ricerca del 342% …

9. Blog degli ospiti per backlink di qualità

L’utilizzo di una campagna di guest blogging per la generazione di traffico blog può essere una buona strategia, ma è importante affrontarla con obiettivi chiari in mente.

Quando Bamidele Onibalusi è entrato nella sua campagna di blog per gli ospiti, aveva i seguenti obiettivi:

  1. Pubblica 31 post degli ospiti sui blog di autorità del settore
  2. Ottieni backlink naturali e di qualità da quei blog
  3. Trascorrere non più di 1 settimana scrivendo e inviando i messaggi

È importante notare che Bamidele non si aspettava di ricevere gran parte del traffico direttamente da questi post degli ospiti. Il suo obiettivo principale era quello di ottenere più a ritroso in modo che i suoi propri messaggi avrebbero rango in Google. Quindi, sperava di ottenere traffico del motore di ricerca a lungo termine di conseguenza.

Ora, so cosa potresti pensare … Matt Cutts non ha detto che non dovresti guest blog come un modo per ottenere collegamenti?

Bene, sì, ma Matt stava parlando di spammer – persone che scrivono post per ospiti di bassa qualità al solo scopo di ottenere facili backlink. Quindi, a meno che tu non sia uno spammer, non devi preoccuparti. Basta scrivere post di qualità o assumere un buon ghostwriter per scrivere post di qualità per te.

Detto questo, diamo un’occhiata ai risultati di Bamidele. Come puoi vedere dallo screenshot qui sotto, il suo traffico organico settimanale per un anno prima della campagna di blog degli ospiti non ha mai raggiunto le 3.000 visite.

settimanale-organico-search-engine-traffico-un-anno-prima

Tuttavia, un anno dopo la campagna, il traffico organico era cresciuto da qualche parte a circa 2.500-5.000 visite settimanali.

settimanale-organico-search-engine-traffico-un-anno-dopo

Bamidele riferisce che il sito ha registrato una media di 139 visitatori dei motori di ricerca al giorno un anno prima della campagna e una media di 477 visitatori dei motori di ricerca al giorno un anno dopo la campagna. Riferisce anche che non sono state utilizzate altre tattiche SEO, solo questa campagna di blog ospite da solo.

Quindi questo è un aumento del 342% nel traffico dei motori di ricerca che richiede una settimana per scrivere 31 post degli ospiti.

Ora, potresti non avere il tempo di dedicare un’intera settimana solo per scrivere post degli ospiti. Se lo fai, bene. In caso contrario, assumere qualcuno per farlo per te e raccogliere i frutti per molto tempo a venire.

Key takeaway: durante il blog degli ospiti, aumenta il traffico dei motori di ricerca scrivendo contenuti di qualità per i blog di autorità nella tua nicchia.

Caso di studio n. 4: come Canva ha aumentato il traffico sui blog del 226% concentrandosi sulle persone

Tenendo presente i motori di ricerca, è sempre meglio concentrarsi prima sulle persone . Se lo fai, Google ti ricompenserà.

Bene, questo è esattamente ciò che Canva ha fatto nel prossimo caso di studio …

Blog di traffico-11

10. Studia la competizione

Nel tentativo di aumentare il traffico dei blog, Canva sapeva di dover migliorare la qualità dei propri contenuti. Ma prima, dovevano scoprire quale fosse effettivamente il miglior contenuto del loro argomento.

Quindi, hanno studiato la loro competizione. Usando BuzzSumo per trovare i post più popolari nel loro settore, hanno trovato gli argomenti più popolari e il tipo di contenuto che ha funzionato meglio.

Vale a dire, nello spazio di progettazione, hanno scoperto che vi è una maggiore richiesta di modelli, icone e combinazioni di colori gratuiti rispetto alle informazioni su come crearli. Hanno anche scoperto che il miglior contenuto variava tra le 2.000 e le 2.500 parole e che i casi studio hanno funzionato bene.

concorrente-qualità-lista di controllo

Questa informazione era importante perché prima si concentravano sulla scrittura di tutorial, che non era quello che il mercato voleva davvero.

11. Dai ai tuoi lettori ciò che vogliono veramente

Successivamente, Canva ha intervistato i propri lettori per scoprire di cosa volessero leggere.

Piuttosto che un sondaggio tradizionale, hanno usato la loro e – mail di benvenuto per chiedere ai nuovi abbonati la loro più grande sfida.

Molte persone hanno risposto e le risposte le hanno aiutate a rendere il loro contenuto veramente utile .

12. Modifica i titoli

Quando si è trattato di creare effettivamente il contenuto, Canva ha seguito le migliori pratiche per scrivere i titoli con la più alta conversione possibile.

Tuttavia, a volte mancava ancora il segno.

Ad esempio, un post che hanno scritto era originariamente intitolato “Why Steve Jobs Took Long Walks e Why You Should Too”. Questo non ha funzionato molto bene.

Quindi, hanno deciso di cambiare il titolo e ripubblicare l’articolo. Il nuovo titolo, “Perché tutti da Beethoven, Goethe, Dickens, Darwin a Steve Jobs hanno fatto lunghe passeggiate e perché dovresti farlo “, ha fatto molto meglio … in effetti, ha ricevuto più di 70.000 azioni dal momento che il titolo cambia!

13. Rendi i tuoi post definitivi

Canva ha preso un’altra decisione guidata dalla ricerca di utilizzare più esempi e casi di studio nei loro articoli.

Per loro, questo significava un passaggio dagli articoli basati su tutorial e una maggiore enfasi su come un designer professionista avrebbe implementato un particolare principio di web design .

Questo spostamento ha dimostrato la loro credibilità e autorità nello spazio di progettazione. Puoi fare lo stesso, indipendentemente dal settore in cui ti trovi. Rendi definitivi i tuoi post includendo esempi concreti e casi studio (come quello che stiamo facendo in questo articolo).

14. Aggiungi più immagini e contenuti multimediali

Infine, Canva ha capito che i contenuti visivi vengono condivisi di più. In effetti, gli articoli con immagini ottengono il 94% di visualizzazioni in più rispetto a quelli senza.

Canva sapeva già che le immagini erano importanti. Ma durante gli studi contenuti più popolari del loro concorrente, sono stati sorpresi di vedere come molte immagini hanno incluso. Quindi, hanno deciso di aumentare sistematicamente il numero di immagini nei loro post per vedere l’effetto.

Abbastanza sicuro, più immagini hanno usato, più il loro traffico è aumentato!

Hanno eseguito l’intero esperimento sui contenuti per 60 giorni e il risultato finale è stato un aumento del traffico del 226% .

aumentare-a-traffico

Come bonus aggiuntivo, anche il loro traffico dai social è aumentato di quasi il 500% , anche se durante quel periodo avevano praticamente ignorato la loro strategia di crescita dei social media!

Key takeaway: apporta modifiche strategiche alla tua strategia di marketing dei contenuti in base a ciò che le persone vogliono davvero, non a quello che pensi che vogliano.

Caso di studio n. 5: come AdEspresso ha aumentato il traffico organico del 203,5% utilizzando l’ottimizzazione delle parole chiave

In questo prossimo caso di studio, vedrai come AdEspresso ha ottimizzato le parole chiave dei loro post sul blog, con un aumento del 203,5% del traffico di blog organico …

adespresso

15. Ricerca per parole chiave

Quando AdEspresso ha iniziato a lavorare per aumentare il traffico organico, ha iniziato con la ricerca di parole chiave.

Hanno usato Moz , ma puoi facilmente trovare idee per parole chiave pertinenti utilizzando il planner parole chiave gratuito di Google .

Poiché l’argomento di AdEspresso è la pubblicità su Facebook – che è un argomento popolare – l’elenco di parole chiave iniziale era piuttosto gigantesco. Per restringerlo, hanno esaminato in verde le parole chiave che pensavano potessero facilmente trasformare in argomenti di post di blog. Hanno anche evidenziato in giallo le parole chiave che ritenevano utili per il testo di ancoraggio del backlink.

parola chiave-list

16. Includi le parole chiave nell’URL del post

Successivamente, il team di AdEspresso ha semplicemente sceso l’elenco e ha iniziato a trasformare le idee per le parole chiave in argomenti di post di blog.

Ad esempio, una delle loro parole chiave era “annunci di Facebook sui dispositivi mobili”. Dal momento che AdEspresso aiuta a creare e analizzare campagne pubblicitarie su Facebook per dispositivi mobili, hanno creato un post sul blog chiamato “5 suggerimenti per far oscillare gli annunci Facebook su dispositivi mobili”.

Ai fini SEO, si sono assicurati di includere la parola chiave nell’URL del post del blog.

mobile-annunci-url

17. Includi parole chiave nel corpo della posta

Successivamente, AdEspresso si è assicurato di includere la propria parola chiave nella copia del corpo del post sul blog stesso.

Includi la tua parola chiave frequentemente, ma naturalmente. Non inserire la tua parola chiave nel post inserendola in luoghi in cui non ha senso … ma se ha senso inserire una parola chiave, fallo.

Ad esempio, una delle loro parole chiave era “post suggerito da Facebook”. Ora, avrebbero potuto scrivere “Quando si mette insieme un post suggerito su Facebook dovresti …” tuttavia, ciò non include la parola chiave esatta. Quindi, invece, hanno adattato la loro copia del corpo per leggere “Un post suggerito da Facebook dovrebbe includere …”.

In questo modo, stai includendo intenzionalmente la tua parola chiave, ma in modo naturale.

18. Attenersi a un programma di pubblicazione

Come dimostra la ricerca, più spesso pubblichi, migliore sarà l’acquisizione dei tuoi clienti.

Tuttavia, come una piccola startup, AdEspresso ha deciso un programma di pubblicazione due volte a settimana. Questo era l’importo massimo che potevano gestire, ma la cosa principale è che erano coerenti : ogni martedì e giovedì pubblicavano un nuovo post.

Key takeaway: pianifica strategicamente ogni contenuto tenendo presente i motori di ricerca e pubblicalo in modo coerente.

Case Study # 6: In che modo Panda esperto ha aumentato il traffico del sito Web del 2200% in 1 anno

Il prossimo caso di studio dimostra che dovresti imparare continuamente se vuoi vedere risultati più grandi …

19. Investi nella tua educazione

Quando Luke Summerfield è stato assunto per aiutare a sviluppare la strategia di content marketing di Savvy Panda , la prima cosa che ha fatto è stato investire nella sua istruzione.

Ha ottenuto la certificazione Hubspot VAR Inbound Marketing, la certificazione Google AdWords e Google Analytics, la certificazione Hootsuite e completato circa 3-4 altri programmi educativi relativi al marketing.

Con questa nuova ricchezza di conoscenza e mentalità strategica, ha deciso di aumentare il traffico del loro sito web.

20. Crea un blog + contenuti premium

La loro strategia di generazione del traffico è iniziata con il loro blog. Ciò si è rivelato essere la chiave della crescita del loro sito Web e del business complessivo di quell’anno.

Oltre al loro blog, volevano fornire grandi risorse ai visitatori del loro sito web. Quindi, hanno creato una sezione di download premium: una semplice pagina piena di diversi magneti al piombo . I magneti principali includevano e-book didattici, webinar, liste di controllo e white paper.

Questi contenuti premium non solo hanno fornito ai visitatori incentivi irresistibili per l’adesione alla loro lista di e-mail, ma hanno anche aggiunto molto valore al loro sito Web.

21. Segui le migliori pratiche SEO

Mentre distribuivano il loro blog e i loro contenuti premium, Luke si assicurava che seguissero anche le migliori pratiche SEO .

Hanno ottimizzato i loro post sul blog, hanno iniziato a creare collegamenti di qualità e gli ospiti hanno pubblicato su altri siti Web noti del settore.

Risorsa consigliata: per assicurarti di ottimizzare correttamente i post del tuo blog, consulta la nostra checklist SEO in-page .

22. Sii più attivo nelle comunità

Infine, il team Savvy Panda è diventato più attivo nelle loro comunità (Joomla e Inbound Marketing).

Si unirono ai gruppi di lavoro di Joomla, scrissero per la rivista della comunità Joomla, organizzarono gruppi di utenti Joomla e entrarono nel team di marketing di Joomla. Hanno anche iniziato a partecipare attivamente ai webinar e alle tavole rotonde di HubSpot e hanno creato un gruppo di utenti di Marketing in entrata per i locali. Hanno anche partecipato a eventi di persona, sia come relatore che come partecipante.

La partecipazione a questi eventi e comunità ha permesso loro di creare reti e promuovere il proprio sito Web, oltre a continuare ad accrescere le proprie conoscenze con l’istruzione superiore.

Il risultato? Bene, ecco un’istantanea del loro traffico prima e dopo l’implementazione della nuova strategia di content marketing …

amplificare-in-sito-traffico-savvy-panda

Come puoi vedere, hanno già ricevuto pochissime visite. In effetti, la maggior parte delle loro visite proveniva dal traffico diretto (cioè le persone che già lo sapevano). Tuttavia, l’anno successivo è una storia diversa … sono passati dal 27,05% del traffico di ricerca al 69,86% del traffico di ricerca!

Ma quel traffico si è convertito in lead? Sì, l’ha fatto!

Prima della nuova strategia, stavano ottenendo circa 20 nuovi lead qualificati per le vendite al mese. Un anno dopo, stavano portando 100 nuovi contatti qualificati per le vendite al mese (che era più di quanto il loro personale di vendita potesse tenere il passo)!

building-contatti-savvy-panda

Key takeaway: prenditi il ​​tempo per studiare il marketing digitale se vuoi davvero avere successo. Abbiamo una guida gratuita per principianti qui (nessuna optin richiesta) , che è essenzialmente un intero mini-corso su come generare lead e vendite online.

Case study n. 7: come i media Tresnic hanno aumentato il traffico del sito Web dell’1,064% con 50 post in 25 giorni

In questo ultimo caso di studio, vedremo come è possibile aumentare sostanzialmente il traffico del tuo blog semplicemente diventando prolifici .

(Non preoccuparti, non devi essere sempre prolifico, perché questo è un aumento del traffico che durerà davvero.)

blogging-case-study-results

23. Blog in modo aggressivo

Tresnic Media ha iniziato un esperimento di blog con una semplice domanda …

Per quanto tempo la tua azienda deve essere blogging prima di iniziare a vedere un ROI?

Erano davvero curiosi di sapere. Si diceva che 50 post sul blog fossero il numero magico. Quindi, hanno deciso di mettere quel numero alla prova.

Ora, avrebbero potuto decidere di scrivere un post sul blog a settimana per un anno o una volta al giorno per due mesi. Tuttavia, hanno deciso di diventare aggressivi: avrebbero pubblicato 50 post sul blog in soli 25 giorni.

Sono 2 nuovi articoli al giorno, ogni giorno, per 5 settimane consecutive.

Sembra un po ‘travolgente, vero? Ma ci sono dei vantaggi nel “blog sulla maratona” come questo, anche per un periodo di tempo limitato …

Poiché stavano pubblicando così frequentemente durante le 5 settimane, Google stava eseguendo la scansione del sito a un ritmo più frequente. Ciò significava che i nuovi post sul blog si posizionavano molto più rapidamente.

Ma la parte migliore? Il loro traffico sui motori di ricerca dalle parole chiave a coda lunga ha continuato a crescere, anche dopo la fine del periodo di blogging aggressivo!

(Nota: questo è stato strettamente dovuto al SEO on-page : non hanno cercato di creare backlink o di fare altro che l’ottimizzazione minima nuda, perché erano così concentrati sull’avanzamento del contenuto.)

24. Crea discussioni

Naturalmente, Tresnic Media sapeva che semplicemente scrivere il contenuto non avrebbe tagliato la senape. Dovrebbero anche promuovere quel contenuto se avesse successo.

Quindi, una volta che un articolo è stato pubblicato sul sito, lo condividevano tramite Facebook, Twitter e Google Plus. Lo hanno anche salvato su Delicious e StumbleUpon. E a seconda dell’argomento del post, verrà anche condiviso in diversi gruppi di LinkedIn pertinenti, con una descrizione teaser e una domanda al pubblico sulla propria esperienza.

Immediatamente, hanno visto un aumento del traffico a causa della condivisione sociale. La chiave qui è che hanno creato discussioni nelle giuste comunità online . Maggiore è il numero di commenti su una particolare discussione, maggiore è il numero di bulbi oculari sul contenuto, che ha spinto più traffico, creando più commenti e così via.

Era un mini effetto virale.

25. Scrivi un post virale

Ora che il loro traffico è cresciuto in modo significativo (alla fine del periodo di 5 settimane), Tresnic Media ha registrato un aumento del traffico del 438% . Il loro blog era pronto per il suo primo vero picco.

E indovina quando è arrivato? Nel post sul blog numero 50 “numero magico”!

Ma, credimi, non è stato un caso …

Per il loro cinquantesimo e ultimo post sul blog durante il periodo di blogging aggressivo, hanno scritto un articolo di sintesi che analizza tutti i dettagli di questo caso specifico.

Alla gente piaceva il case study, e così l’articolo ha guadagnato popolarità molto rapidamente e l’effetto virale è decollato. Solo su LinkedIn, ci sono stati oltre 100 commenti combinati in 3 o 4 discussioni diverse sull’articolo.

(Ricorda: hanno preparato questo caso di successo prima ancora di scriverlo promuovendo discussioni all’interno di queste comunità durante l’intero periodo di 5 settimane.)

Una volta che questo post “magico” del blog ha iniziato a diventare virale, ha anche iniziato a costruire più backlink perché le persone ne parlavano sui loro blog. Circa un mese dopo, il loro traffico era aumentato dal 438% all’1,064%!

Key takeaway: la frequenza di blog può creare slancio nei risultati di ricerca e nelle comunità sociali, innescando la pompa per il successo virale.

Conclusione

Questo è tutto! Abbiamo trattato 7 casi di studio e 25 strategie di traffico blog comprovate.

Se c’è solo una cosa che spero ti porti via da questo intero articolo, è questa:

Crea prima i migliori contenuti per l’utente (tenendo presente i motori di ricerca) e avrai traffico. Trasforma quel traffico in lead e clienti e otterrai entrate.

Adesso tocca a te. Innanzitutto, segui i 5 passaggi del Case Study # 1 per gettare le basi per tonnellate di traffico. Quindi, segui i restanti suggerimenti per correre davvero con esso. Se sei interessato a più statistiche, controlla il nostro ultimo elenco di statistiche sui blog !

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close