Cerca

25 Statistiche di Facebook che ti aiuteranno a scuotere la tua strategia sui Social Media

Oggi inizierò con un fatto divertente: il 53% degli adulti statunitensi che usano Facebook non è consapevole di come o perché i contenuti che vedono finiscono nei loro feed . Non sanno come funziona l’algoritmo di Facebook. (Secondo uno studio di Pew Research .)

Ad essere onesti, anche alcuni di noi che hanno lavorato nel marketing dei social media per un certo numero di anni non hanno ancora padroneggiato gli algoritmi in continua evoluzione di artisti del calibro di Facebook, Instagram e Pinterest.

Ma ecco alcune buone notizie per te: non devi capire l’algoritmo di Facebook per rendere il tuo marchio un successo sulla piattaforma. Devi solo capire un po ‘meglio la piattaforma e come la gente la usa.

Oggi condivido 25 statistiche di Facebook che ti aiuteranno a scuotere la tua strategia di marketing, incluso il motivo per cui dovresti assolutamente prestare attenzione ai video su Facebook, perché Messenger è letteralmente di gran moda in questo momento e perché potrebbe essere semplicemente un grande tempo di iniziare ad immergere le dita dei piedi nel mondo di Facebook Ads.

Sei seduto comodamente? In tal caso, inizierò …

1 – Facebook è il 2 ° sito web più popolare al mondo, con 4.487.200.000 visite al mese.

Arriva al secondo posto dietro a Google, che accumula oltre 15 miliardi di visite al mese, secondo We Are Social . E nel caso ti stavi chiedendo, il tempo medio per visita è di 10 minuti e 57 secondi. Una persona trascorrerà, in media, circa 10-11 minuti sul sito o sull’app dopo averlo aperto.

We Are Social 1

2 – Il 74% di tutti gli utenti di Facebook negli Stati Uniti visita la piattaforma ogni giorno.

Solo il 64% degli utenti di Instagram si comporta allo stesso modo, seguito dal 61% degli utenti di Snapchat. YouTube e Twitter sono ancora molto più bassi di così: il 51% e il 42% degli utenti visitano le piattaforme ogni giorno rispettivamente. (Fonte: Pew Research .)

Pew Research 1

Pubblicare contenuti regolarmente, anche quotidianamente, è un ottimo modo per coinvolgere il pubblico. Non deve essere nemmeno tutto il tuo contenuto. In effetti, quando si tratta di social media marketing (in particolare Facebook), si consiglia di condividere i contenuti di altri.

Per Instagram, potrebbe trattarsi di contenuti generati dagli utenti, come un negozio di abbigliamento che utilizza immagini di clienti che modellano i vestiti (con il permesso, ovviamente).

Su Facebook, potrebbe essere un collegamento a un altro sito Web con alcune informazioni interessanti e pertinenti che hai trovato o che condividi un video o realizzato dal tuo marchio. Potrebbe anche essere una parte dello stato o dei post di Facebook di qualcun altro.

I contenuti regolari non devono essere difficili, specialmente quando inizi a pianificare e pianificare le cose in anticipo.

3 – Le generazioni più anziane stanno subentrando su Facebook!

Va bene, quindi non stanno esattamente prendendo il sopravvento, ma quelli nati prima del 1945, comunemente indicati come “Silent Generation” sono uno dei gruppi di utenti in più rapida crescita sulla piattaforma sociale, secondo un altro studio Pew Research .

Con la proprietà di smartphone e tablet in aumento tra Silent Generation e “Boomers” (quelli nati tra il 1946 e il 1964), ha senso che più di quella particolare età demografica farebbe il salto anche sui social media – ma stiamo parlando piuttosto un aumento rispetto ad altri gruppi di età.

Nel 2012, solo il 21% di quelli della Silent Generation aveva un account Facebook, ma è salito al 37% nel 2019 e si dice che continui a salire.

Per alcuni paragoni, la percentuale di Millennial e Gen X’ers ​​con account Facebook ha oscillato. I millennial, ad esempio, sono partiti all’82% nel 2012, sono scesi all’80% nel 2015, per poi salire all’84% nel 2019.

Non sottovalutare le generazioni più anziane sui social media; si stanno tuffando proprio dentro!

Pew Research 2

4 – Più uomini che donne usano Facebook nel 2020.

Il 56% degli utenti di Facebook era di sesso maschile, come calcolato da Statista nel gennaio 2020, lasciando il restante 44% alle donne. Puoi facilmente scoprire quanti dei tuoi fan sono maschi e femmine immergendosi nel mondo dell’analisi di Facebook. Non c’è modo più rapido per saperne di più sulle persone a cui stai distribuendo contenuti.

Statista 1

5 – Oltre 140 milioni di aziende utilizzano già Facebook per la crescita e il marketing.

E la maggior parte di loro utilizza molto di più della semplice funzione di pagina aziendale della piattaforma. Molti proprietari di aziende e marchi non sono consapevoli di quante funzioni Facebook ha da offrire, ma ognuna di esse può darti una visione completamente nuova della mente del tuo pubblico.

Prendi i sondaggi di Facebook, ad esempio: puoi utilizzare i sondaggi per porre domande al tuo pubblico e ottenere una risposta semplice senza dover scorrere un sacco di commenti per elaborarlo.

Sondaggio 1

Puoi anche utilizzare i sondaggi di Facebook come un modo per EDUCARE il tuo pubblico in modo coinvolgente e interattivo simile a un quiz. Perché non porre una domanda ai tuoi follower di Facebook, aspettare di vedere la risposta e poi dire loro se avevano ragione o torto?

Sondaggio 2

Puoi aggiungere contenuti multimediali al sondaggio per renderlo più luminoso e accattivante: foto, ecc. E ci sono un sacco di idee per sondaggi che potresti mettere insieme. Potresti chiedere quale post del blog dovrebbe venire dopo, o con cosa stanno lottando con cui puoi aiutare, o anche cosa mangiare stasera. Questa è la loro bellezza: sono così versatili!

Facebook ha così tante caratteristiche sottovalutate come i sondaggi – e molte aziende / marchi / aziende non le usano abbastanza. Forse è giunto il momento di guardarli più da vicino e cosa possono offrire a te / al tuo pubblico?

Facebook for Business 1

6 – Il 56% dei consumatori non seguirà / differirà una pagina a causa del servizio clienti scadente.

Un rapporto Social di Sprout ha mostrato che i consumatori erano piuttosto brutali quando si trattava di seguire le abitudini dei social media. Non solo il 56% dei consumatori smetterebbe di seguire un marchio su Facebook o altre piattaforme a causa del servizio clienti scadente, ma il 51% di essi smetterebbe di seguire un marchio perché il contenuto che pubblica è irrilevante.

Molte cose possono convincere un follower a controllare quel pulsante non seguito, in realtà, inclusa la condivisione di troppi annunci pubblicitari o post promozionali, parlare di questioni sociali, chat politiche e persino usare influencer sui social media per vendere prodotti (solo il 14% per questi ultimi comunque, per fortuna!).

Sprout Social 1

Una delle statistiche che abbiamo sicuramente consigliamo di prestare attenzione è questo: il 29% dei consumatori sarebbe attivamente Smetti o diverse, un brand sui social media, se i messaggi e menzioni sono stati ignorati. Ora è più importante che mai INGEGNERE con il tuo pubblico, offrendo risposte a commenti, risposte a messaggi istantanei e molto altro ancora.

7 – I valori del tuo marchio sono estremamente importanti.

Tanto che, in effetti, le persone che leggono i valori positivi di un marchio su Facebook e altre forme di social media hanno maggiori probabilità di acquistare qualsiasi cosa, iscriversi o pubblicamente (sui social media) raccomandano l’azienda / il marchio a un amico, collega o familiare.

Facebook for Business ha mostrato che il comportamento è leggermente cambiato tra i Gen Z’ers nordamericani (quelli di età compresa tra 18 e 24 anni) e i Millennial (quelli di età compresa tra 25 e 38 anni).

I Gen Z’er avevano una probabilità 1,4 volte maggiore di “condividere la soddisfazione con il marchio” dopo aver appreso dei valori positivi di un marchio, che possono equivalere a un commento brillante o ad un aggiornamento dello stato, o persino a una fantastica recensione. I millennial avevano solo 1,2 volte più probabilità di farlo.

Valori del marchio Facebook

Il 61% dei Gen Z’er si aspetta attivamente che i marchi contribuiscano in qualche modo alla società, che si tratti di collaborare con organizzazioni di beneficenza, gestire un marchio inclusivo, diventare più eco-compatibili o aiutare di nuovo chi è nel bisogno, secondo Facebook .

Valori del marchio Facebook 2

8 – Oltre la metà di tutti i consumatori studiati boicotterebbe un’azienda i cui valori non erano allineati con i propri.

Sprout Social ha rivelato questo fatto sul comportamento dei consumatori e sull’interazione con le pagine dei marchi, ed è uno di quelli che dovrai riflettere con molta attenzione prima di prendere una posizione particolare – pubblicamente – sui social media.

Devi anche accettare che pubblicare i tuoi valori e le tue opinioni, specialmente su argomenti importanti, potrebbe portare a un declino del tuo pubblico.

Sarebbe un mondo meravigliosamente perfetto se tutti avessimo le stesse opinioni e opinioni, ma purtroppo non lo facciamo. Non possiamo piacere a tutti, come si suol dire, e dovrete accettare che il 55% delle persone farà felicemente clic su quel pulsante non seguito se non è d’accordo con ciò che supporta il vostro / a marchio.

9 – Non tutto ciò che tocca a Facebook diventa oro …

Potrebbe sorprenderti apprendere che ci sono una serie di avventure fallite sulla scia di Facebook, con vari progetti collaterali e prodotti che sono stati progettati per innovare … ma in realtà bocciato.

Facebook Deals, ad esempio, è stato commercializzato come servizio coupon, offrendo offerte e sconti ai suoi membri in modo simile a Groupon e altri siti coupon. Inizialmente lanciato nella primavera del 2011, non passò molto tempo prima che la funzionalità fosse completamente chiusa: quattro mesi.

Facebook Gifts è stata un’altra impresa che è durata per circa il tempo, una funzionalità progettata per consentire agli utenti di scambiarsi regali, come caramelle. Durò a malapena un anno, prima apertura nel settembre del 2012 prima della chiusura nell’agosto del 2013.

Nel 2011 si è persino tentato di creare una valuta virtuale: i crediti di Facebook. Quando tutti giocavano a FarmVille e pubblicavano post sul sito di social network, i crediti di Facebook avevano lo scopo di rendere più facile l’acquisto di extra in-app. Purtroppo, non ha avuto riscontri positivi ed è rimasto attivo solo fino al 2013.

Se non altro, dovresti concederti una pausa se la tua strategia sui social media non sta andando esattamente come vuoi tu – o qualsiasi altra cosa nella vita, per quella materia. Anche Mark Zuckerberg “fallisce” di tanto in tanto.

Fonte: TechWorld

10 – Facebook è il canale n. 1 per la distribuzione di contenuti per i marketer dei contenuti …

… secondo il rapporto HubSpot State of Marketing del 2020 , seguito da vicino dal sito Web al secondo posto, da Instagram al terzo posto e da YouTube al quarto.

Rapporto marketing HubSpot 1

Lo stesso studio HubSpot ha anche mostrato che Facebook è arrivata prima quando si tratta di investimenti aziendali nel marketing dei social media, con Instagram, Twitter e YouTube al secondo, terzo e quarto posto rispettivamente.

Cosa significa questo? Significa che le persone – aziende e marchi, in particolare – usano regolarmente Facebook come il loro canale numero uno per ottenere informazioni o contenuti per le masse. Saltare sul carro non è sempre bello, ma in questo caso, ti consigliamo vivamente di farlo.

Padroneggiare una strategia sociale di Facebook può essere un duro lavoro, ma quando si tiene conto del successo che altri marchi e aziende hanno avuto sulla piattaforma, così come dove aziende e marchi stanno scegliendo di investire il loro tempo, denaro e risorse, va bene vale la pena imparare le corde.

Rapporto marketing HubSpot 2

E mentre siamo in tema di successo, Facebook offre il massimo ritorno sugli investimenti sui social media – da un colpo solo!

Rapporto marketing HubSpot 3

11 – I prezzi degli annunci di Facebook sono diminuiti del 6% nel 2019.

Non è un grande declino, no, ma ha senso fare un giro con gli annunci di Facebook mentre i prezzi sono bassi. Il rapporto Sprout Social ha avanzato la teoria secondo cui il 2020 sarebbe stato un grande anno per le persone che volessero ottenere il miglior profitto dai loro dollari di marketing, e ha persino suggerito che anche i costi sarebbero aumentati in futuro.

Fonte: guadagni di Facebook

12 – Le impressioni degli annunci su Facebook sono aumentate del 37% nel 2019.

Non pensare nemmeno per un momento che un calo dei costi degli annunci significhi anche un calo delle impressioni. Sta accadendo esattamente il contrario … le impressioni degli annunci sono aumentate del 37% (secondo Sprout Social ), il che rende il calo dei prezzi un bonus ancora più grande.

Potrebbe essere il momento di guardare finalmente un po ‘più da vicino gli annunci di Facebook, giusto?

13 – Un terzo di tutti gli utenti di Facebook giornalieri condivide o visualizza storie di Facebook su base giornaliera.

Questo è un terzo di 1,56 miliardi di utenti giornalieri di Facebook, secondo Techcrunch , pari a circa 500 milioni di utenti PLUS, o condividono le loro storie di Facebook o guardano storie condivise da altri account – amici, familiari e colleghi; marchi e aziende che seguono; e influenzatori / blogger / ecc.

14 – Facebook è il secondo canale di video marketing più popolare

.

Nonostante Snapchat cresca ad un ritmo sorprendente, e anche TikTok, Facebook è ancora uno dei canali più popolari per pubblicare e condividere contenuti video. L’unica piattaforma che la batte è YouTube, come probabilmente ti aspetteresti.

Social Media Examiner 1

Lo stesso rapporto di Social Media Examiner ha effettivamente portato alla luce alcune informazioni piuttosto interessanti sul video marketing come Facebook, Instagram e YouTube, inclusa la lunghezza del video più popolare … e potrebbe sorprendervi.

Ci viene detto di allungare il contenuto scritto e di incorporare più informazioni al suo interno, ma sembra il contrario quando si lavora con video per promuovere il proprio marchio online.

Lo studio HubSpot ha mostrato che i video più brevi erano più popolari di quelli più lunghi tra i marketer: da 1 a 3 minuti sono i più popolari, seguiti da vicino dai video di meno di 60 secondi di lunghezza. Stiamo entrando in un’era di micro-video, sembrerebbe.

Social Media Examiner 2

15 – Un video su cinque su Facebook è una trasmissione in diretta.

Facebook in realtà ha alcuni consigli piuttosto ingegnosi quando si tratta di capire usando le varie opzioni video, anche raccomandando di guardare i contenuti video in tre modi:

  • Brevi video per “in viaggio”
  • Video di media lunghezza per una visione “inclinata in avanti” o interattiva
  • Video “lean back” più lunghi e completamente immersivi

I brevi video saranno perfetti per le persone che potranno “fare uno spuntino” durante l’ora di pranzo, con i pezzi più lunghi che si adattano meglio ai fine settimana, quando le persone hanno più tempo a disposizione (o almeno così si crede).

Sicuramente non dovresti mirare a che ogni singolo pezzo di contenuto video sia un racconto di lunghezza titanica. Lascia che ti riporti al mio punto precedente, circa 0-3 minuti in cui i video sono molto popolari tra i marketer👆🏻

Facebook for Business 3

16 – I post dei video su Facebook ottengono più coinvolgimento rispetto ad altri tipi di post.

Uno studio di Hootsuite e We Are Social ha mostrato che il tasso medio di coinvolgimento di un post video su Facebook era del 7,12%. I post basati su foto sono arrivati ​​al secondo posto, al 5,48%, e i post sui link alle pagine al terzo posto, al 3,99%. I semplici aggiornamenti sullo stato di Facebook hanno ottenuto la fine dell’accordo, generando solo un tasso di coinvolgimento di poco inferiore al 2,5%.

We Are Social 2

Avrai più coinvolgimento se interagisci con i tuoi fan su Facebook usando post video e post basati su foto o immagini; ecco a cosa puntano tutte le prove.

Ha senso anche quando ci pensi: i media, come video e foto, sono spesso commoventi / colorati / accattivanti / una combinazione di tutti e tre. Quasi richiedono attenzione dal passaggio dei browser. È così che spesso ci ritroviamo bloccati in un vortice di Facebook di video di cani divertenti fino alle 4 del mattino. (O sono solo io?)

Video e foto attirano il tuo pubblico distinguendosi da loro. Sono invitati a guardare più a lungo, dare un’occhiata più da vicino, fare clic su un collegamento, lasciare un mi piace o inviare un commento sotto il post.

L’impegno medio del 7,12% sui post dei video di Facebook NON deve essere sniffato.

17 – L’utilizzo di video live è in aumento da qualche tempo … e continuerà a crescere.

Uno studio di eMarketer ha mostrato che le visualizzazioni dei video live sui social media hanno iniziato a salire prima della pandemia di Covid-19, ma durante questo sono aumentate a un ritmo impressionante (prevedibile).

Tuttavia, gli esperti ritengono che questo uso continuerà ad aumentare una volta che la vita tornerà alla “normalità”; da 136,4 milioni di americani a guardare video in diretta nel 2020, a 154,7 milioni di persone nel 2023.

eMarketer 1

Facebook e altre piattaforme social stanno iniziando a dare la priorità alle opzioni video, in particolare alle opzioni video live, un segno sicuro di ciò che verrà in futuro.

18 – Le mattine non sono grandi per l’impegno di Facebook.

Secondo Sprout Social , riceverai il coinvolgimento MINIMO sui tuoi post la mattina, fino alle 8, e anche la sera, dopo le 17:00 circa.

Sebbene ci siano molti periodi “consigliati” per pubblicare post sui social media, in particolare Facebook, è importante personalizzare la tua strategia di marketing sui social media per adattarla in modo specifico al TUO pubblico.

Inoltre, solo perché non otterrai molto coinvolgimento e interazione in quei momenti non significa che non dovresti pubblicare contenuti su di loro. La maggior parte dei post sui social media ha una durata; per Facebook, quella durata è di circa sei ore, ma la maggior parte dei post otterrà la maggior parte del loro impegno nelle prime due o tre ore.

19 – I post divertenti sono i tipi di post più coinvolgenti.

Questo in realtà passa attraverso il social media board e non solo con Facebook, mostrato dal rapporto di marketing sociale di Sprout . Il 67% degli studi sui consumatori si impegnerebbe attivamente con un post divertente, come “gradire” il post o aggiungere un commento. Il 55% dei consumatori condividerebbe anche post divertenti sui social media.

I post di grande ispirazione sono arrivati ​​al secondo posto, con il 57% dei consumatori a dire che avrebbero gradito o commentato un post se li avesse ispirati, mentre i post di istruzione o insegnamento sono arrivati ​​terzi, con il 46% dei consumatori.

Sprout Social 2

Il 20 – 45% dei 16-24 anni su Facebook lo utilizza principalmente per trovare contenuti divertenti o divertenti.

Il rapporto sui social media del Global Web Index ha scoperto alcune informazioni molto interessanti sul modo in cui gli utenti di diverse fasce di età usano Facebook.

Per i 25-34 anni, il motivo principale per usarlo è stato quindi rimanere aggiornati con le notizie e gli eventi attuali (il 40% degli utenti in quell’età demografica ha affermato che era una delle loro principali motivazioni), trovando contenuti divertenti in arrivo in un secondo vicino (39%).

Global Web Index 1

21 – Oltre 100 miliardi di messaggi vengono condivisi ogni giorno su Facebook.

E secondo Facebook , le aziende condividono più di 20 miliardi di messaggi su base mensile con altre aziende e consumatori.

Messenger non è più qualcosa che usiamo per rimanere in contatto con le nostre mamme e compagni. Invece, si è trasformato in qualcosa di molto più grande di quello; in un modo per aziende e marchi di offrire ai propri clienti un tocco personale.

Viene utilizzato non solo per prenotare appuntamenti, ma anche per fare vendite, generare nuovi contatti, offrire sconti e offerte speciali, rimanere in contatto con clienti e conoscenti a lungo termine e molto altro ancora.

Torniamo a quel tocco personale per un momento, però; Il 91% dei consumatori ha maggiori probabilità di acquistare da un marchio che non solo ha offerto loro suggerimenti specifici e pertinenti, ma ha anche effettivamente ricordato chi sono.

Potrebbe essere che le ricompense per la lealtà possano essere affrontate nel ritorno?

22 – Il 45% degli acquirenti invia messaggi a marchi o aziende su Facebook per ulteriori informazioni su prodotti o prezzi.

In realtà, lo studio di Facebook for Business ha rivelato alcune grandi informazioni sul modo in cui i consumatori utilizzano i social media, più specificamente, sul modo in cui stanno iniziando a utilizzare i servizi di messaggistica per contattare marchi e aziende.

Ad esempio, durante il periodo festivo 2018-2019, oltre i due terzi di tutti i consumatori di tutto il mondo hanno inviato un messaggio a un marchio o un’azienda.

Il 35% dei consumatori ha dichiarato di aver inviato un messaggio a un marchio perché sapeva che avrebbe avuto risposte immediate online, con il 33% ha convenuto che era un modo semplice per fare acquisti. Non solo, il 31% dei consumatori riteneva di aver ricevuto dall’azienda un servizio più personalizzato e one-to-one quando erano in contatto tramite messenger.

In 25 statistiche e fatti di marketing sui social media ti abbiamo anche detto che :

Il 53% dei consumatori era più propenso ad acquistare qualcosa quando poteva contattare l’azienda personalmente e direttamente, ad esempio con Facebook Messenger.

Facebook for Business 2

Renderti disponibile per il tuo pubblico, che sia personalmente o attraverso un sistema in stile chat-bot, è importante ai giorni nostri. Le persone non vogliono inviare un’e-mail e attendere 24-48 ore per una risposta. Vogliono una risposta ADESSO, e hanno maggiori probabilità di ottenerlo contattando la pagina social di un marchio.

23 – Il 74% dei consumatori britannici invia messaggi a un’azienda per effettuare una prenotazione di acquisto.

E quel numero è abbastanza simile anche negli Stati Uniti: 75%. In India, la cifra sale di nuovo un po ‘più in alto, all’82%. Il Brasile è in testa alla classifica, con l’85%. (Fonte: Facebook .)

Cosa ti dice questo?

Ti dice che le persone stanno facendo del loro meglio per inviare messaggi a una persona su Facebook o un altro servizio di messaggistica per spendere soldi: comprare qualcosa, prenotare una stanza d’albergo, prenotare un appuntamento per capelli e pagare il deposito, ecc. Non vogliono prenotare più online, né vogliono restare in giro al telefono per ore.

La messaggistica è diversa; i consumatori possono inviare messaggi mentre sono in viaggio, intrattenere una conversazione con un’azienda durante il viaggio o mentre oziano nella vasca, o anche mentre fanno cena per una famiglia affamata di sera.

In un caso di studio di Facebook for Business, Sephora ha visto un aumento del 60% delle prenotazioni in negozio come risultato diretto dell’implementazione di un servizio di prenotazione basato su messenger.

Usiamo tutti i servizi di messaggistica per un motivo per un altro. Ha perfettamente senso che il marketing, le vendite e la generazione di lead si avvicinino ad un certo punto.

Facebook for Business 4

24-77% dei consumatori passerebbe a comprare un prodotto da un marchio dopo averlo seguito sui social media.

In effetti, i consumatori farebbero di tutto per acquistare quel particolare marchio su un altro marchio dello stesso articolo, e non è tutto ciò che fanno una volta che fanno clic sul pulsante Segui.

Secondo Sprout Social , l’87% dei consumatori continua a visitare il sito Web del marchio o l’applicazione del telefono dopo averli seguiti sui social media e il 78% di loro parlerebbe addirittura di quel marchio con amici, familiari, colleghi, ecc.

Sprout Social 3

25 – La pagina con il maggior pubblico su Facebook è gustosa.

E siamo onesti, con quei deliziosi piatti, non c’è da meravigliarsi perché. Con oltre 98 milioni di fan, batte il secondo posto solo di poco, detenuto da Vin Diesel, secondo Social Bakers .

La condivisione di contenuti pubblicati da pagine molto popolari, come Tasty, è un ottimo modo per incoraggiare un maggiore coinvolgimento del pubblico. Quel contenuto è GIÀ popolare, quindi condividendolo, potresti guadagnare da quella popolarità. Il tuo post condiviso riceverà Mi piace e commenti.

Quindi, cosa abbiamo imparato da queste statistiche di Facebook?

Più di 1,62 milioni di persone sono attive su Facebook su base giornaliera e il sito si vanta di avere quasi 2,5 miliardi di utenti complessivi.

Ha avuto alcuni dossi lungo la strada, con iniziative fallite e cattiva stampa, ma è una piattaforma che sicuramente non mostra segni di andare presto da nessuna parte. In realtà, è vero il contrario: Facebook sta crescendo, sia in termini di numero di utenti, diversità dei suoi utenti e numero di funzionalità che ha da offrire.

Ora è il momento perfetto per iniziare a implementare il marketing di Facebook nella strategia del tuo blog usando queste funzionalità, e se questi fatti e cifre ci hanno mostrato qualcosa, è che il marketing video su Facebook e attraverso le piattaforme sociali è sicuramente qualcosa a cui dovresti pensare 2020 e oltre.

Se sei interessato a cosa puoi fare per modificare la tua strategia di marketing di Facebook o mettere in atto una strategia per la prima volta, perché non dare un’occhiata a:

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close