ibdi.it

10 tendenze sul PPC (Pay-Per-Click) che non puoi ignorare nel 2020

Google ha rilasciato 18 aggiornamenti in Google Ads solo nell’ultimo trimestre del 2019, mentre Bing ha apportato quattro modifiche alla pubblicità Microsoft durante tutto l’anno.

Alcuni degli annunci più interessanti di Google Marketing Live 2019  –  una conferenza annuale per gli esperti di marketing per conoscere gli ultimi prodotti o le nuove funzionalità per il prossimo anno  – sono state campagne pubblicitarie intelligenti, annunci principali di YouTube e strumento di espansione del pubblico (simile a Lookalike di Facebook Pubblico).

Per quanto riguarda Microsoft, hanno testato i consigli basati sull’intelligenza artificiale nel loro editor pubblicitario. Questo aggiornamento può fornire suggerimenti come l’aggiunta di nuove parole chiave, l’impostazione di offerte mainline stimate e la correzione di gruppi di annunci senza pubblicità o parole chiave.

Che tu sia un inserzionista o un’agenzia, devi essere in cima alle più recenti funzionalità e tendenze per aiutarti a portare il tuo gioco PPC al livello successivo nel 2020 e oltre.

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

10 tendenze PPC che non puoi ignorare nel 2020

Trend n. 1: automazione PPC

Una delle maggiori tendenze della pubblicità pay-per-click (PPC) per il 2020 sarà l’automazione  : l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’apprendimento automatico (ML) per automatizzare le attività ad alta intensità di lavoro associate agli annunci Google e Bing.

Entro il 2021, si prevede che l’industria globale dell’automazione si espanderà abbastanza rapidamente e genererà da qualche parte nel quartiere $ 238 miliardi, con il segmento più grande rappresentato dall’automazione dei processi. Le dimensioni del mercato dell’automazione di processo aumenteranno dal 71,5% all’83,2% entro il 2021:

Sebbene l’automazione in PPC non sia esattamente nuova, inizierà a svolgere un ruolo molto più importante, ad esempio con il test degli annunci :

Le prove suggeriscono che l’automazione verrà utilizzata per ottimizzare le campagne PPC e sarà prontamente adottata dagli esperti PPC per:

  • Calcola la migliore strategia di offerta per obiettivi diversi
  • Imposta le offerte per ottenere il maggior numero possibile di conversioni a un CPA target prefissato
  • Migliora il CPC cercando aste di annunci che hanno maggiori probabilità di generare conversioni
  • Blocca gli annunci a basso rendimento e dai la priorità a quelli che generano i risultati migliori
  • Identificare i problemi di prestazioni all’interno di un account
  • Generare dinamicamente annunci in base al comportamento dell’utente e al contenuto del sito Web
  • Crea e ottimizza la copia dell’annuncio in base ai feed di dati utilizzando Google Scripts
  • Genera automaticamente rapporti sul rendimento degli annunci

Dive Deeper:

Trend n. 2: intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale sta cambiando il mondo in generale e il suo impatto economico dovrebbe raggiungere $ 15,7 trilioni entro il 2030. Quando si tratta di PPC, l’intelligenza artificiale consentirà ai marketer di creare campagne pubblicitarie più efficaci ed è particolarmente utile per:

  • Prevedi il CTR di annunci futuri
  • Calcola l’impatto degli annunci sui punteggi di qualità
  • Identificare la probabilità di conversione da un determinato cliente
  • Analizza le offerte che potrebbero ottenere il massimo traffico
  • Ottimizza parole chiave, annunci o campagne quando si verifica un determinato evento (ad esempio, quando il tuo CPC scende al di sotto di un importo specificato)

Man mano che l’IA impara di più sui comportamenti del tuo pubblico, può creare in modo più preciso annunci mirati per migliorare le prestazioni delle tue campagne PPC. E questo non influirà solo sugli annunci Google o Bing; L’intelligenza artificiale ha un impatto significativo anche su Amazon Ads.

Puoi potenziare la tua campagna Amazon Ads con l’aiuto dell’intelligenza artificiale per:

  • Automatizza le offerte (sia per le parole chiave a coda corta che a coda lunga)
  • Apporta modifiche all’offerta in base alle entrate previste per parola chiave per clic
  • Ottimizza le campagne pubblicitarie per le parole chiave a coda lunga
  • Fornire contemporaneamente informazioni diagnostiche dettagliate per le parole chiave attive

L’intelligenza artificiale è efficace anche nella creazione di ottimi report. Con strumenti come Adzooma (un partner di Google), puoi creare rapporti PPC in appena quattro passaggi. Tutto quello che devi fare è:

  • Collega il tuo account Google Ads
  • Fai clic sul pulsante “Crea rapporto” nella scheda Rapporti nell’angolo in alto
  • Aggiungi gli elementi desiderati nel rapporto insieme a testo, immagini o il tuo logo
  • Seleziona le metriche desiderate (ranking delle parole chiave, ACoS, ecc.), Nel formato desiderato (tabella, grafico a linee, ecc.)

Ecco! Il tuo report facile da digerire verrà ora generato, come in questo esempio:

Dive Deeper:

Trend n. 3: annunci video e PPC

Innanzitutto, diamo un’occhiata ad alcune statistiche video:

Ora, ecco come il video influenzerà PPC nel 2020:

  • Le aziende dovranno adattarsi agli annunci video verticali di Google.
  • Sempre più esperti di marketing inizieranno a collegarsi ai prodotti negli annunci video.
  • Gli esperti di marketing inizieranno a incorporare la realtà virtuale (VR) per fornire esperienze “reali” agli spettatori.
  • Le storie di Instagram nel video marketing continueranno a dominare.

Una delle funzionalità di annunci video più interessanti aggiunte da Google è Bumper Machine , che utilizza l’apprendimento automatico per creare annunci paraurti di 6 secondi da video più lunghi (90 secondi o meno) da visualizzare su YouTube:

La strategia video a imbuto completo consente agli esperti di marketing di gestire annunci paraurti di 6 secondi, annunci in-stream ignorabili e annunci in-stream non ignorabili.

Per massimizzare ulteriormente la copertura, puoi scegliere un mix di annunci TV e video online . I dati Nielsen TV in Reach Planner mostrano come le diverse distribuzioni di spesa in TV e YouTube possono influire sulla tua portata:

Dive Deeper:

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

Tendenza n. 4: Ciao ciao Pixel, Hello Data Hub

Costruita per un mondo di schermi singoli, la tecnologia pixel non è in grado di monitorare l’efficacia degli annunci sui dispositivi mobili. E poiché più del 70% del tempo su YouTube si verifica su dispositivi mobili, gli esperti di marketing hanno dovuto fare affidamento su pixel di terze parti per misurare l’efficacia delle loro campagne YouTube.

Tuttavia, Google ha annunciato che smetteranno di consentire il tracciamento dei pixel di terze parti su YouTube a partire dall’inizio del 2020 a causa di problemi di sicurezza . Questa limitazione del pixel di tracciamento è stata oggetto di discussioni del settore negli ultimi anni e, pertanto, Google ha iniziato a investire in Ads Data Hub.

Ads Data Hub fornirà ai marketer rapporti e misurazioni più completi per comprendere l’efficacia dei loro annunci sugli schermi:

Sebbene vi siano ancora alcune limitazioni nell’hub dati annunci, fornirà approfondimenti più specifici sull’evoluzione del comportamento dei consumatori e sulla loro risposta agli annunci.

Contenuto correlato: In che modo la scarsa sicurezza del sito Web influisce negativamente sulle classifiche SEO

Tendenza n. 5: offerte intelligenti

L’offerta intelligente è un sottoinsieme di strategie di offerta automatizzate che utilizza l’apprendimento automatico per ottimizzare i tuoi annunci per la conversione in base agli obiettivi impostati. Fondamentalmente, elimina le congetture dalle offerte per Google Ads.

Il sistema di intelligenza artificiale di Google si ottimizza automaticamente per le conversioni in ogni asta. Dici a Google qual è il tuo obiettivo pubblicitario e Smart Bidding scopre come farlo nel rispetto del tuo budget. Le offerte intelligenti funzionano per una serie di obiettivi PPC, tra cui:

  • CPA target : genera nuovi lead e clienti per il costo per acquisizione desiderato.
  • ROAS target : ottieni il miglior ritorno sull’investimento (ROI) sulla tua spesa.
  • Massimizza conversioni : aumenta il tasso di conversione.

All’inizio di quest’anno, Google ha rilasciato alcuni nuovi controlli sulle offerte intelligenti , tra cui:

  • Impostazione di conversione a livello di campagna: in precedenza, gli inserzionisti potevano stabilire obiettivi di conversione a livello di account, ma ora possono impostare obiettivi di conversione pertinenti a livello di campagna. Ciò cambierà il modo in cui si verificano le offerte intelligenti.

  • Aggiustamenti di stagionalità: gli aggiustamenti di stagionalità daranno agli inserzionisti un maggiore controllo per eventi ad-hoc come promozioni singole. Ad esempio, se sai che il tuo tasso di conversione aumenterà nei prossimi giorni (forse a causa di un’imminente promozione), puoi programmare un aggiustamento appropriato per quel periodo.

Inoltre, Google sta per introdurre regole di valore nel nuovo anno. Le regole di valore consentiranno agli inserzionisti di differenziare i valori di conversione in base a caratteristiche quali posizione, dispositivo e pubblico.

Con sempre più consumatori che effettuano ricerche in modo imprevisto, tenere il passo con le ottimizzazioni della campagna è diventata una sfida per i professionisti del marketing. Le offerte intelligenti eliminano il dolore derivante dall’ottimizzazione manuale di ogni campagna pubblicitaria e aiutano gli inserzionisti a migliorare il rendimento degli annunci.

Dive Deeper: 6 tendenze di Google Ads che non puoi ignorare nel 2020

Tendenza n. 6: masthead di YouTube su schermi TV

La TV e Internet non sono più i media esclusivi: “La ricca esperienza audio e visiva di YouTube sugli schermi TV significa che il potenziale per generare l’impatto della canalizzazione superiore è più grande che mai.”

La TV è diventata lo schermo in più rapida crescita per YouTube con oltre 250 milioni di ore di visione al giorno  e gli annunci di YouTube sugli schermi televisivi generano un aumento del 10% in più rispetto agli annunci sulla TV lineare.

Con il masthead di YouTube  – un cartellone digitale posizionato sulla home page di YouTube per 24 ore  – sugli schermi TV, gli inserzionisti possono ora raggiungere un pubblico più vasto ovunque guardino:

Il Masthead si riprodurrà automaticamente dopo alcuni secondi su tutti i dispositivi compatibili in modo che, insieme al posizionamento dei feed domestici, gli inserzionisti diventino il cuore dell’esperienza dell’app YouTube sugli schermi TV.

Le cose principali da sapere su Masthead sugli schermi TV:

  • Non è possibile aggiungere un CTA a un annuncio Masthead sugli schermi TV.
  • È attualmente in fase beta. La versione completa dovrebbe essere lanciata all’inizio del 2020.
  • Il Masthead su schermi TV è disponibile solo su base CPM.

Il targeting e altre opzioni di pubblicazione di annunci per gli annunci Masthead sugli schermi TV sono gli stessi delle altre campagne Masthead prenotate su base CPM.

Contenuti correlati: la guida completa a YouTube SEO

Trend n. 7: Smart Segmentation e Google AdMob

Si prevede che le app mobili genereranno $ 581 miliardi di entrate nel 2020 (e fino a $ 935 miliardi entro il 2023!) Tramite download a pagamento e pubblicità in-app.

Lanciata nel 2019, la segmentazione intelligente può aiutare gli sviluppatori di app di giochi a generare entrate da giocatori non spesi. La segmentazione intelligente utilizza l’apprendimento automatico per segmentare gli utenti in base alla probabilità di spendere soldi all’interno di un’app.

Gli annunci verranno visualizzati solo per i giocatori che difficilmente effettueranno un acquisto in-app. Ciò contribuirà a proteggere l’esperienza utente dei tuoi acquirenti, aumentando al contempo le tue entrate tramite annunci pubblicitari. Gli utenti che in genere effettuano un acquisto non vedranno annunci:

Google AdMob (“pubblicità sui dispositivi mobili”) offre funzionalità di analisi e reportistica più intelligenti per sbloccare nuove informazioni che ti aiuteranno a migliorare la tua app. Gli approfondimenti di AdMob ti avvisano non appena il sistema rileva modifiche anomale alle tue metriche chiave come CPM o impressioni. Riceverai inoltre una notifica se le modifiche nella tua app influenzano l’esperienza dell’utente.

Alla fine del 2019, Google ha lanciato nuove funzionalità in AdMob .

  • Scheda di coinvolgimento dell’utente: fornisce informazioni dettagliate sulle metriche dell’utente come sessione / utente, esposizione / sessione dell’annuncio e durata media della sessione:

  • Rapporto sugli annunci premiati : questa funzione ti aiuterà a capire come gli utenti interagiscono con gli annunci premiati:

  • API AdMob: Google sta testando una nuova API AdMob  che consente agli inserzionisti di recuperare i rapporti dei publisher a livello di codice.
  • Rapporti di confronto facili: gli inserzionisti ora possono confrontare due metriche all’interno dello stesso grafico, in modo da poter facilmente correlare le tendenze nei loro dati:

Inoltre, ora puoi esaminare gli acquisti e gli abbonamenti in-app nel rapporto sulle entrate, cosa che prima non era possibile.

Contenuto relativo:

Prenota la mia consulenza di marketing gratuita

Tendenza n. 8: Ricerca vocale per campagne PPC

Devi pensare alla creazione di campagne incentrate sulla ricerca vocale perché:

Le aziende che non riescono a creare campagne PPC per la ricerca vocale perderanno l’opportunità di essere presenti nei risultati della ricerca vocale.

Ecco tre modi principali in cui la ricerca vocale influisce su PPC:

  • Mobile-first: sebbene la ricerca vocale sia disponibile su molti dispositivi, viene utilizzata principalmente sui dispositivi mobili.
  • Linguaggio naturale: le persone usano uno stile più naturale e colloquiale quando usano la ricerca vocale. Ciò significa che le parole chiave a coda corta potrebbero non rivelarsi molto utili.
  • Orientamento alle domande: la maggior parte delle ricerche vocali inizia con parole chiave orientate alle domande.

Diamo un’occhiata a come puoi ottimizzare le tue campagne PPC per la ricerca vocale:

  • Valuta i termini di ricerca correnti: per ottimizzare al meglio la ricerca vocale, osserva i termini di ricerca specifici che le persone hanno già utilizzato per visualizzare il tuo annuncio. Per trovare il rapporto, vai su Google Ads, fai clic su “Parole chiave” nella scheda Termini di ricerca (nel menu a sinistra) e cerca le ricerche che iniziano con :
    • Ok, Google
    • Ehi Siri
    • Alexa
    • Dove devo …

  • Concentrati su parole chiave a coda lunga e frasi di domande: le ricerche vocali sono più lunghe e più conversazionali delle ricerche di testo. La maggior parte delle ricerche vocali inizia con domande come “cosa”, “dove”, “come”, ecc. Strumenti come Rispondi al pubblico  possono aiutarti a trovare parole chiave a coda lunga e frasi di domande.
  • Aggiungi o rimuovi parole chiave a corrispondenza inversa: se sei un rivenditore online, non vorrai visualizzare i tuoi annunci per ricerche locali come “un ristorante vicino a me” o “un negozio di scarpe a Manhattan”. Inoltre, rivedi le parole chiave a corrispondenza inversa esistenti.
  • Sapere dove si trova il ricercatore nel ciclo di acquisto: in genere, le persone che usano i termini “chi” o “cosa” sono nella fase di consapevolezza, mentre le persone che usano “quando” o “dove” sono vicine alla fase di conversione. Per PPC, fare offerte su parole chiave “quando” e “dove” può rivelarsi utile.

Ora che hai fatto ricerche sugli attuali termini di ricerca, parole chiave a coda lunga e frasi di domande, puoi creare un elenco di parole chiave da incorporare in una nuova campagna o per ottimizzare la tua campagna esistente.

Per quanto riguarda le piattaforme, concentrati su Google e Bing. Google è il motore di ricerca predefinito per i prodotti Google e Apple, mentre Bing è il motore di ricerca predefinito per Alexa.

Suggerimento bonus: utilizza le estensioni di chiamata nelle tue campagne PPC per consentire agli utenti di chiamare direttamente la tua attività tramite la ricerca vocale.

 

Trend n. 9: annunci di realtà virtuale

Man mano che più persone trascorrono del tempo nei mondi di realtà virtuale (VR), si aprono un nuovo regno di opportunità per gli inserzionisti.

Ecco quattro modi principali in cui la realtà virtuale può trasformare gli annunci PPC:

  • La tecnologia VR utilizza la tecnologia eye-tracking per attivare un annuncio. Quando l’utente lo guarda per un paio di istanti, l’annuncio inizierà.
  • La realtà virtuale fornirà informazioni su quali parti degli spettatori dello schermo stanno guardando e le parti con cui hanno scelto di interagire.
  • Poiché la maggior parte dei Millennial e dei Gen Zer utilizzano la realtà virtuale, prendere di mira quella fascia d’età sarà facile nei prossimi anni.
  • I video a 360 gradi  aiuteranno i consumatori a saperne di più e interagire con i prodotti.

L’idea alla base degli annunci di realtà virtuale è consentire agli utenti di provare il prodotto prima di acquistarlo.

New Balance ha lanciato un display e video 360 per consentire agli utenti di esplorare la loro nuova scarpa da corsa per aiutare a educare i consumatori sul prodotto prima di effettuare un acquisto:

Tendenza n. 10: piattaforme PPC alternative

Per quanto riguarda PPC, Google e Facebook hanno dominato l’industria con il 37,2% e il 19,6% del mercato della pubblicità digitale, rispettivamente. Ma ora le persone trascorrono più tempo su piattaforme di nicchia.

Ad esempio, sempre più professionisti interagiscono su LinkedIn mentre gli acquirenti passano più tempo a navigare e fare acquisti su Amazon. Ecco perché è importante prendere in considerazione piattaforme PPC alternative nel 2020.

Esistono molte piattaforme PPC alternative che puoi utilizzare per diversificare la spesa pubblicitaria, come ad esempio:

  • Quora:  Quora ha oltre 300 milioni di utenti attivi mensili . Gli inserzionisti possono scegliere come target i contenuti (targeting contestuale) o gli utenti in base ai loro comportamenti e alle loro attività sulla piattaforma, il che rende facile influenzare le persone durante la fase di valutazione del viaggio dell’acquirente.
  • AdRoll : AdRoll è specializzato nel retargeting e nella pubblicità display multi-dispositivo. Consente alle aziende di pubblicare annunci su più canali da un unico posto e aiuta le aziende a generare vendite per $ 246 miliardi ogni anno.
  • LinkedIn:  se sei un’azienda B2B, LinkedIn è la migliore piattaforma su cui fare pubblicità. Con opzioni di targeting come titolo professionale, azienda, industria, istruzione, anzianità, interessi e connessioni aziendali, puoi raggiungere fino a 630 milioni di utenti .
  • Amazon : Amazon riceve oltre 197 milioni di persone ogni mese . Se sei un rivenditore di e-commerce, la pubblicità su Amazon ha perfettamente senso. Non è necessario essere un venditore su Amazon per pubblicizzare i tuoi prodotti. Puoi reindirizzare i tuoi clienti al tuo sito Web con un CTA.
  • Bing: Bing alimenta il 36,2% delle query desktop e 11,2 miliardi di ricerche mensili (e, secondo Microsoft, ti collega con 49,4 milioni di utenti che Google non riesce a raggiungere).

Dive Deeper:

Avvolgendo

Come inserzionista, devi sfruttare queste tendenze PPC per ottenere il massimo dalle tue campagne pubblicitarie Pay-per-Click. L’automazione e l’intelligenza artificiale cambieranno il modo in cui le aziende creano ed eseguono annunci e ci sarà un aumento degli annunci video (inclusi annunci video a 360 gradi per la realtà virtuale) su tutti i dispositivi.

Gli esperti di marketing che ottimizzano i loro annunci per la ricerca vocale vedranno risultati migliori dalle loro campagne PPC nel 2020. Inoltre, le alternative di Google e Facebook come Quora, LinkedIn, Adroll e Amazon ti aiuteranno a generare un ROI migliore nel 2020.

Exit mobile version