Cerca

10 suggerimenti su come ottenere risultati con l’Automazione dell’E-mail Marketing per l’E-Commerce

10 suggerimenti su come ottenere risultati con l'e-commerce automazione dell'e-mail marketing

Vuoi far crescere la tua attività di e-commerce senza spendere una fortuna in canali di marketing che difficilmente controlli?

In questo articolo, ti mostrerò come puoi aumentare le tue vendite di e-commerce usando un canale che, a differenza di molti altri, non è pagato per giocare.

Parleremo di automazione dell’email marketing per l’e-commerce.

Nota: tratteremo molti argomenti in questo articolo. Se hai fretta, considera di utilizzare il seguente sommario per passare alle sezioni che ti interessano di più.

 

Suggerimenti per campagne e-mail di e-commerce migliori

Quindi cosa puoi fare per assicurarti che le tue campagne spostino l’ago? Ecco un elenco di 10 suggerimenti per campagne e-mail di e-commerce migliori.

Mentre ci stiamo concentrando qui sui negozi online, non dimenticare di seguire anche queste migliori pratiche di email marketing .

1. Invia le tue e-mail al momento giusto.

I flussi di lavoro di automazione del marketing ti aiuteranno a inviare email attivate quando è più probabile che i tuoi lead si convertano.

Come confrontare i tassi di coinvolgimento della posta elettronica per le email attivate e altri tipi di messaggi. Dati tratti dal rapporto Benchmark e – mail marketing .

2. Personalizza le tue campagne e-mail.

Non limitarti a fare affidamento su campagne di posta elettronica generiche che non sono destinate a nessuno specifico. Assicurati che il contenuto e gli argomenti utilizzati nella comunicazione siano pertinenti per il pubblico di destinazione che stai tentando di convertire.

Email personalizzata da Grammarly

3. Rendi coinvolgenti i tuoi contenuti.

Scopri quale tipo di contenuto è più coinvolgente per i tuoi clienti. Queste e-mail contengono video? O forse è il contenuto generato dall’utente? Analizza i tuoi risultati e usa i dati a tuo favore.

Coinvolgere contenuti e-mail dalla Patagonia

4. Ottimizza sempre.

Il tuo istinto è importante, ma spesso siamo di parte e scegliamo cose con cui abbiamo più familiarità piuttosto che ciò che è meglio per noi. Lo stesso vale per le tue campagne e-mail: usa i dati per formulare test A / B e ottimizzare le tue campagne e vincere nel lungo gioco.

5. Chiedere aiuto ai clienti.

Quando ottimizzi la comunicazione via e-mail, non dimenticare l’elemento chiave di tutto ciò che stai facendo: i tuoi clienti.

Chiedi ai tuoi clienti il ​​loro feedback per saperne di più su ciò che stanno cercando.

Utilizza le e-mail di sondaggio per conoscerle meglio, superare i loro dubbi e migliorare le tue campagne e-mail.

E non mettere blocchi stradali che impediscono ai tuoi clienti di condividere la loro voce. Cambia l’indirizzo e-mail senza risposta in qualcosa di più umano.

Non renderlo una prodezza di marketing.

Inizia a preoccuparti di più delle opinioni dei tuoi clienti e, quando possibile, risolvi le cose in cui altri hanno riscontrato problemi.

6. Utilizzare la prova sociale per campagne di marketing più efficaci.

Una volta che hai seguito le migliori pratiche precedenti, non fermarti: trasforma i tuoi clienti in sostenitori del marchio. Le recensioni e le opinioni dei clienti sono il miglior marketing che tu abbia mai avuto. E quando finalmente accade, assicurati che il cliente sia apprezzato e che gli altri lo sappiano.

Mahabis con citazioni di clienti felici nelle loro campagne e-mail

7. Segmenta il tuo pubblico

Non tutti i clienti sono uguali, lo sappiamo tutti. Ma solo pochi marketer cambiano il modo in cui comunicano nelle loro campagne e-mail in base a chi sono i target.

Quindi, sii diverso e cerca di capire se i tuoi migliori clienti, spesi elevati, quelli con un valore medio degli ordini elevato o trendsetter devono essere trattati allo stesso modo.

Hanno tutti bisogno di un codice sconto per essere convinti di acquistare la tua nuova linea di prodotti? O forse è abbastanza che saranno i primi a prenderlo? Questi sono i tipi di domande a cui vorresti rispondere prima della tua prossima campagna e-mail.

8. Usa le parole potenti per rendere la tua copia ancora più efficace

Le campagne e-mail di e-commerce spesso si concentrano su splendide immagini e design accattivante. Ma non è tutto ciò che c’è da fare con successo nelle campagne e-mail.

La copia dell’email è altrettanto importante. Quindi presta attenzione ad esso.

Innanzitutto, inizia con l’oggetto. Oltre la metà di tutti i destinatari delle e-mail basa la propria decisione sull’apertura dell’e-mail su quel singolo fattore.

Quindi vai con il preheader, l’intestazione e i pulsanti di invito all’azione.

Tutti dovrebbero rafforzare il tuo messaggio e aiutarti a convertire i tuoi destinatari in acquirenti.

Coursera utilizza una copia convincente in tutto il loro messaggio

9. Obiettivo per tutti i dispositivi

È già stato detto troppe volte, ma lo dirò ancora una volta.

Durante la progettazione di campagne e-mail, landing page e campagne pubblicitarie, concentrati su tutti i dispositivi che i tuoi clienti potrebbero utilizzare per accedervi.

Se un singolo elemento di questa equazione non funziona, potresti sprecare il tuo budget di marketing e l’interesse dei tuoi clienti.

Presta attenzione alle immagini, alle dimensioni e al posizionamento dei pulsanti di invito all’azione, alla pagina del prodotto, al processo di checkout e a tutto ciò che i tuoi clienti potrebbero incontrare lungo la strada.

Vorrai che l’esperienza sia la più fluida e senza attriti possibile.

10. Prestare attenzione alla frequenza di invio

Di tanto in tanto, siamo tutti tentati di inviare una campagna di posta elettronica aggiuntiva. Lo facciamo pensando che ci sia poco danno e il risultato non può che essere positivo per l’azienda.

Mentre in molti casi ciò potrebbe essere vero, i dati del nostro studio sembrano raccontare una storia diversa.

Prima di decidere di aumentare la frequenza di invio, assicurati di analizzare attentamente i dati e prendere nota di quando stai apportando le modifiche.

Il motivo numero uno per cui gli abbonati rinunciano alle campagne e-mail è perché ricevono troppe e-mail in generale.

Allo stesso tempo, le entrate totali che otterrai dalla campagna potrebbero superare i costi di attrazione di nuovi clienti in sostituzione di quelli che cancellano l’iscrizione.

Qualunque cosa tu decida, assicurati che i tuoi obiettivi a lungo termine non vengano sacrificati dai tuoi piani a breve termine.

Come cambiano i tassi di coinvolgimento della posta elettronica con una frequenza di posta elettronica più elevata. Dati provenienti dal rapporto Benchmark di email marketing .

Perché utilizzare l’automazione dell’e-mail marketing e-commerce?

Potresti aver sentito che il ROI dell’email marketing è del 3.800%. Ma a volte è difficile stabilire una relazione se non sai esattamente quanto stai pagando per acquisire nuovi clienti.

Altre metriche come l’apertura media dell’e-mail e le percentuali di clic potrebbero essere più significative. Soprattutto se hai condotto campagne di marketing online utilizzando i social media o la pubblicità display.

tasso di apertura medio dei benchmark di email marketing
Estratto dal nostro rapporto sui benchmark di email marketing

Nel nostro rapporto sui benchmark di email marketing , ogni anno analizziamo i risultati di performance medi delle aziende in tutti i settori. Mentre scrivo, le percentuali di apertura e di clic medie globali sono rispettivamente del 23,67% e 3,83% .

In altre parole, ogni quarta persona a cui invii, dai o dai la tua e-mail, la aprirà.

Confrontalo con la tua portata organica su Facebook e saprai che questa è una cifra solida. E questo è un risultato medio, tenendo conto di tutti i diversi tipi di e-mail, settori e aziende che li hanno inviati.

Se guardi solo le email attivate , i risultati sono ancora più alti: hanno un tasso di apertura medio del 45,88% e una percentuale di clic del 10,38% . Più del doppio dei clic che ricevi con semplici newsletter.

Ciò che non è incluso nel rapporto sono i tassi di conversione e i ricavi delle vendite. E questo perché accadono oltre l’email – nel tuo negozio o sul tuo sito web.

Poiché non disponiamo di questi dati e ogni azienda ha la sua definizione di conversione, ciò che posso suggerire è che inizi a misurarli da solo.

Come tenere traccia delle entrate derivanti dalle campagne di e-mail marketing e-commerce

Il modo più semplice per misurare le entrate generate dall’e-mail marketing è l’aggiunta di parametri UTM alle campagne e-mail, la definizione di obiettivi nello strumento di analisi (ad esempio Google Analytics) e la visualizzazione dei tassi di conversione e delle entrate generate laggiù.

Sebbene sia il modo più semplice per misurare il ROI dell’email marketing, non è il più preciso.

Questo perché quando si impostano gli obiettivi è necessario assegnare personalmente il valore della conversione degli obiettivi.

Se vendi solo più prodotti e hanno URL diversi, non è un grosso problema. È possibile impostare diversi obiettivi e assegnare loro un valore specifico.

Il problema si presenta solo se qualcuno decide di acquistare più articoli dello stesso prodotto in una sessione. Questo perché Google Analytics lo considererebbe come una conversione a singolo obiettivo.

In questo modo le tue campagne di email marketing potrebbero non ricevere credito sufficiente.

Le tue entrate da questo canale sarebbero solo approssimative.

Allo stesso tempo, misurare in questo modo è meglio che non misurare affatto i ricavi delle vendite.

Il secondo modo leggermente più avanzato per tenere traccia delle entrate delle tue campagne e-mail in Google Analytics è utilizzare il plug-in di e-commerce avanzato .

Questo plugin ti consente di tracciare le interazioni degli utenti con i prodotti sul tuo sito web di e-commerce.

Se visualizzano un prodotto, fai clic su di esso, controlla i dettagli del prodotto, lo aggiunge al carrello, avvia la procedura di pagamento, completa la transazione o la abbandona: avrai tutte queste informazioni nella dashboard di Google Analytics.

Ancora più importante, otterrai informazioni accurate su quanto i tuoi clienti spenderanno per le loro transazioni, perché il valore di ogni singola transazione verrà automaticamente inviato a GA.

E se colleghi il tuo negozio di e-commerce a GetResponse , sarai in grado di utilizzare tali informazioni per creare segmenti di clienti e inviare campagne di email marketing mirate.

Che si tratti di e-mail di abbandono del carrello, campagne di upselling del prodotto o consigli sul prodotto.

Ma ne parleremo più avanti :).

Come utilizzare l’automazione dell’email marketing durante il ciclo di vita del cliente

Uno dei principali vantaggi dell’e-mail è che funziona perfettamente durante l’intero ciclo di vita del cliente.

Non importa se stai cercando di:

  • acquisire nuovi contatti,
  • converti i tuoi contatti in clienti paganti,
  • o fidelizzare i clienti esistenti,

… l’e-mail ti aiuterà a far crescere la tua attività di e-commerce.

Diamo un’occhiata esattamente a come funziona la posta elettronica per ciascuna di queste fasi della canalizzazione.

Acquisizione di nuovi clienti con l’email marketing

Nessuna impresa può esistere senza un’efficace strategia di acquisizione dei clienti.

Questo è particolarmente vero per le aziende di e-commerce. Normalmente non stai cercando di servire solo una manciata di clienti, anche se sono molto redditizi, ma invece stai facendo tutto il possibile per attirare quante più persone possibile nel tuo negozio online.

Quindi come si inserisce l’e-mail nell’equazione?

Prima di tutto, grazie ai moduli di iscrizione e-mail e alle landing page puoi chiedere ai visitatori del tuo negozio di rimanere in contatto.

Se ti forniscono un indirizzo e-mail, puoi inviare loro newsletter e continuare a inviare loro aggiornamenti sulle tue offerte o promozioni speciali come le vendite flash.

Ciò è particolarmente importante se i tuoi potenziali clienti non sono pronti per effettuare un acquisto al primo contatto con il tuo marchio.

Ecco cosa dice Nicole Johnson, proprietaria di The Baby Sleep Site :

L’email marketing è molto importante per la nostra strategia di acquisizione dei clienti. I nostri clienti hanno bisogno di tempo per conoscere la nostra filosofia e ciò di cui tratta la nostra azienda, quindi l’email marketing ci consente di costruire relazioni.

Inoltre, l’e-mail può integrare le altre campagne di acquisizione dei clienti, utilizzando diversi canali di marketing digitale.

Maura Hughes, responsabile dell’e-commerce di Only in Your State , spiega ulteriormente questo concetto:

L’email marketing è una parte fondamentale dell’acquisizione dei nostri clienti. È la parte della fase di considerazione e consapevolezza del nostro percorso del cliente. Indirizziamo il traffico verso le nostre pagine attraverso il social media marketing e la ricerca e poi da lì, implementiamo moduli web e serie di benvenuto per aiutare a convertire i potenziali clienti in acquirenti.

Esistono diversi motivi per cui i potenziali clienti potrebbero essere interessati a unirsi alla tua lista di posta elettronica. Per esempio:

  • Per ottenere un codice sconto (ad es. 10% di sconto sul primo acquisto)
  • Per ottenere una consegna gratuita
  • Essere tra i primi a ricevere le ultime offerte
  • Per ottenere offerte esclusive
  • Per ottenere aggiornamenti quando un prodotto specifico è in vendita o nuovamente disponibile
guida gratuita modulo di iscrizione e-mail sito di sonno del bambino
Un modulo di iscrizione che offre un download gratuito da The Baby Sleep Site

E un altro esempio, questa volta da Applecrumby e Fish.

modulo d'iscrizione per applecrumby e fish

Nota come la loro offerta è la prima a fornire prodotti più sicuri per il tuo bambino. Le informazioni sui risparmi sul tuo primo ordine arrivano solo in secondo luogo.

Quando ti vengono in mente idee su cosa potresti offrire ai tuoi clienti in cambio, assicurati di abbinare l’incentivo al personaggio dell’acquirente dei tuoi clienti.

Il tuo omaggio o magnete al piombo dovrebbe riflettere chi stai cercando di conquistare.

Ad esempio, probabilmente non è la migliore idea suggerire di aderire a un programma di fidelizzazione a potenziali clienti che effettueranno un acquisto unico.

Allo stesso tempo, se vendi qualcosa di esclusivo, offrire uno sconto del 10% può rendere il tuo marchio un po ‘più economico.

Se sei interessato a saperne di più sull’utilizzo della posta elettronica per l’acquisizione dei clienti, ecco un articolo che ti mostra come creare un elenco di e-mail e-commerce , concentrandoti su SEO, PPC e un’efficace progettazione della pagina di destinazione.

Conversione

Con la prima fase fuori mano, diamo un’occhiata a come l’email marketing può aiutarti a migliorare le tue conversioni e-commerce.

Per lo meno, è possibile eseguire campagne promozionali o scoppiare le vendite durante le festività al dettaglio come il Black Friday o il Cyber ​​Monday.

Ma funzionerà solo per le persone che sono pronte per l’acquisto.

venerdì nero newsletter e-mail a sette
Una newsletter di vendita del Black Friday di Sevenly

Come già menzionato Nicole Johnson di The Baby Sleep Site, non tutti i potenziali clienti sono pronti ad acquistare da te immediatamente. È allora che potresti voler eseguire quelle che i marketer chiamano campagne di promozione del lead.

In breve, vengono utilizzate campagne di gocciolamento di piombo o e-mail per trasformare i potenziali clienti in acquirenti inviando una serie di messaggi a intervalli di tempo specifici.

Un’e-mail alla volta, il loro scopo è rafforzare il rapporto tra il potenziale cliente e il marchio offrendo un valore aggiunto.

Nicole continua spiegando il loro approccio in modo più dettagliato:

Usiamo l’email marketing per convertire i contatti in acquirenti inviando loro una serie di e-mail di contenuti gratuiti e e-mail che descrivono come possiamo aiutare e cosa è coinvolto nel nostro processo.

Allo stesso modo, Solo nel tuo stato utilizza serie di e-mail di benvenuto per convertire i potenziali clienti in clienti. E l’automazione della posta elettronica è solo una delle tattiche che usano per ottenere in media tassi di apertura unici del 50,55%. Puoi leggere di più al riguardo nel nostro caso di studio .

Nota che puoi iniziare il tuo processo di cura dei lead in qualsiasi momento scelto , non solo dopo l’iscrizione.

Ecco perché aziende come Happy Bunch utilizzano la posta elettronica per aumentare i tassi di conversione:

Joanne Ho, CEO e fondatrice di Happy Bunch Malaysia & Singapore:

L’email marketing svolge un ruolo fondamentale nella nostra esperienza del cliente e nella nostra strategia di acquisizione. Lo usiamo per costruire relazioni con i nostri utenti e convertire i potenziali clienti in acquirenti. Abbiamo anche una campagna automatizzata di abbandono del carrello per integrare i nostri sforzi di remarketing sui nostri canali di social media.

Di seguito puoi vedere un esempio di e-mail di abbandono del carrello che ha un obiettivo simile alla tua tipica campagna di formazione di lead.

carrello abbandono email gigante americano
Esempio di e-mail di abbandono del carrello di American Giant

Questo è un singolo messaggio di una serie di quattro e-mail inviata da American Giant, un rivenditore online con sede negli Stati Uniti, tutti incentrati su un aspetto diverso che rende speciale la loro offerta.

Se non completi l’acquisto e acquisti questa particolare felpa, probabilmente riceverai:

  • una e-mail in cui si dice che la felpa con cappuccio “il tuo nuovo preferito” è ancora disponibile
  • una e-mail che ti informa sulla loro “garanzia a vita”, che consente di restituire il prodotto in qualsiasi momento, gratuitamente, in quanto “costruiti per durare una vita”
  • un messaggio che spiega la storia dietro il loro “Classic Full Zip” e come è stata nominata “La più grande felpa con cappuccio di sempre” dalla rivista Slate
  • un’ultima e-mail che ripete il fatto che è ancora possibile completare l’acquisto e restituire il prodotto gratuitamente, in qualsiasi momento.

Molto spesso, il nutrimento al piombo viene utilizzato per:

  1. campagne di onboarding dei clienti – per trasformare i potenziali clienti acquisiti in clienti paganti
  2. campagne top of mind – per diventare la prima scelta per coloro che non sono pronti ad acquistare ma interessati all’offerta
  3. campagne di reimpegno o di riconquista – per riconquistare quei contatti che hanno manifestato l’intenzione o che in precedenza hanno acquistato qualcosa da te

In uno dei nostri webinar recenti Introduzione alla comunicazione e-commerce , abbiamo esaminato il modo in cui un’azienda chiamata Casper utilizzava il lead nurturing (esempio di seguito) per il loro programma di onboarding. Puoi consultare il riepilogo e la registrazione se vuoi saperne di più su ciò che fanno per convincere i loro potenziali clienti ad acquistare materassi online.

casper invia immagini onboarding
Esempio di utilizzo del lead nurturing per un programma di onboarding di Casper

Se sei interessato a pubblicare campagne di formazione sui lead – o qualsiasi altra campagna volta a convertire i tuoi lead – vale la pena considerare l’utilizzo dell’automazione del marketing per questo processo.

Ecco perché.

L’automazione del marketing semplifica l’invio dei contenuti giusti, alle persone giuste e al momento giusto.

Perché è importante? Perché il tuo pubblico ha maggiori probabilità di agire sulla tua offerta quando ottengono contenuti pertinenti.

Puoi leggere ulteriori informazioni al riguardo e vedere quanto è facile eseguire campagne di sensibilizzazione dei lead utilizzando i modelli di automazione nel nostro recente articolo – 5 flussi di lavoro di automazione del marketing per razzo alle tue conversioni e-commerce .

Ritenzione

Holly Sutton ha recentemente scritto un ottimo articolo sul perché le e-mail di conservazione sono importanti quanto le e-mail di vendita . E non potrei essere più d’accordo.

Per acquisire un nuovo cliente, spesso devi accontentarti di un margine di profitto minimo. Offrendo una consegna gratuita o uno sconto del 10%, spesso stai coprendo a malapena tutti i costi che hai dovuto sostenere fino a quel momento.

Lo fai attraverso vendite ripetute che portano ad un alto valore di vita del cliente ( CLV ) e speri di riavere quei soldi nel lungo periodo.

Le campagne e-mail sono ottime per questo. Questo perché ci sono molti modi in cui puoi usarli per stimolare il coinvolgimento dei clienti fidelizzare il marchio .

Anche nel tuo elenco di email di opt-out, benvenuto e reimpegno puoi convincere i tuoi contatti ad agire.

Per The Baby Sleep Site, Nicole Johnson utilizza ancora un’altra tattica:

Usiamo le e-mail di abbandono del carrello per saperne di più sul modo in cui i nostri lettori pensano al momento dell’acquisto. Inviamo automaticamente un’e-mail per chiedere loro un feedback sul sito Web e il motivo per cui hanno abbandonato il carrello.

Senza dubbio, le e-mail di sondaggio possono fare miracoli.

sondaggio email marketing ecommerce timberland
Esempio di e-mail di sondaggio da Timberland

Maura Hughes di Only In Your State afferma questo su come usano le e-mail per fidelizzare i clienti:

Utilizziamo campagne di recupero per attirare clienti che non hanno acquistato o non interagiscono più con il marchio, abbiamo una campagna di abbandono del carrello automatizzata e offriamo campagne di fidelizzazione che offrono sconti per nuovi prodotti ai clienti esistenti.

Utilizziamo inoltre una campagna di follow-up post-acquisto per rafforzare la fidelizzazione dei clienti, aumentare le recensioni dei prodotti e offrire i prodotti più venduti.

Come puoi vedere, ci sono diversi modi per utilizzare le e-mail per conservare i tuoi clienti e-commerce.

Una cosa da tenere a mente: iniziare a pensare alla fidelizzazione dei clienti il ​​più presto possibile. Il modo in cui comunichi all’inizio del percorso del cliente è importante tanto quanto lo fai nelle fasi successive, quando diventano inattive.

Le campagne di recupero sono un ottimo modo per favorire la fidelizzazione. Allo stesso tempo, un messaggio ben progettato contenente le informazioni di spedizione potrebbe essere quello che colpisce l’accordo giusto con il tuo pubblico.

5 campagne email e-commerce indispensabili

Abbiamo appena discusso di come l’email marketing può essere utilizzato dai marchi di e-commerce per facilitare il viaggio dei loro clienti.

Ora diamo un’occhiata alle migliori campagne e-mail di e-commerce: quelle che possono aiutarti a costruire relazioni più forti e quelle che mirano a vendere più prodotti.

5 ecommerce newsletter ideas

  • Email di benvenuto

Qualcuno ha visitato il tuo negozio, si è interessato alla tua offerta e si è registrato alla newsletter: ora è il momento di deliziarli con il tuo messaggio di benvenuto.

L’e-mail di benvenuto potrebbe essere l’e-mail più importante che tu abbia mai inviato. Non sorprende che le tariffe medie aperte per le email di benvenuto siano spesso superiori all’80% .

Ma quale obiettivo serve un’e-mail di benvenuto?

Ce ne sono molti, ma il più importante è rafforzare il tuo marchio e indurre le persone a fare clic sul tuo sito web.

Che si tratti di saperne di più sull’offerta, riscattare il codice sconto o vedere le ultime tendenze: il tuo messaggio di benvenuto dovrebbe deliziare i tuoi nuovi contatti e convertirli in clienti paganti il ​​più rapidamente possibile.

Di seguito è riportato un esempio di e-mail di benvenuto di Adidas. Nota come ti fa sentire parte di una comunità e ti riporta sul sito per acquistare i tuoi nuovi vestiti preferiti.

Posta di benvenuto di Adidas
  • Campagna di onboarding

Subito dopo l’e-mail di benvenuto arriva il momento delle e-mail di onboarding.

L’obiettivo di una serie di email onboarding è di familiarizzare i tuoi nuovi destinatari con il marchio e l’intera gamma di prodotti e servizi che offri.

Non deve essere lungo. Potrebbe trattarsi di una breve serie di email da due a tre. Assicurati solo che nella tua comunicazione e-mail discuti gli elementi più importanti della tua offerta.

Questi potrebbero essere i tipi di categorie che vendi, i tuoi prodotti più votati o i termini di resi e consegna gratuiti.

Per la tua ispirazione, ecco una newsletter di Huckberry, un marchio di e-commerce che esegue il backup dei suoi prodotti con contenuti di ispirazione.

onboarding della campagna di newsletter huckberry
  • Campagna di vendita Flash

Alla fine della giornata, le tue campagne e-mail di e-commerce dovrebbero essere progettate per generare entrate di vendita, sia a lungo che a breve termine.

Mentre i tipi di campagne precedentemente menzionati si stanno concentrando sui risultati a lungo termine, non dovresti dimenticare le campagne rapide e limitate nel tempo.

Le campagne di vendita Flash sono progettate per fare proprio questo. Crea un senso di urgenza, fai agire rapidamente i tuoi clienti e genera entrate rapidamente.

Come puoi raggiungere questo obiettivo? Realizza una campagna flash di vendita esplosiva che dura 24 ore o per tutto il fine settimana.

Invia un paio di promemoria a un segmento di clienti selezionato: coloro che si sono occupati dell’email, fanno clic sul sito, ma non hanno effettuato l’ordine. O quelli che non hanno nemmeno aperto la prima email.

Assicurati solo che l’offerta sia valsa la pena. Non vuoi creare un falso senso di urgenza quando non c’è valore reale per i destinatari.

Trucchi economici finiranno per costarti soldi a lungo termine. Pertanto, quando ti concentri sui risultati a breve termine, assicurati che l’immagine del tuo marchio rimanga intatta.

  • Email di abbandono del carrello

Ho già menzionato le e-mail di abbandono del carrello, ma è un messaggio così importante che non puoi ignorarlo.

Perché?

Perché le e-mail di abbandono del carrello possono avere un forte impatto sui risultati delle vendite.

Vengono inviati meno frequentemente, ma sono rivolti a persone che sono * così vicine * all’acquisto da te.

Tutto ciò di cui hanno bisogno è ricevere un promemoria, forse un incentivo aggiuntivo o essere rassicurati sul fatto che possono fidarsi del tuo sito Web e trarranno valore da questo affare.

E poiché molti clienti prevedono di ricevere campagne di abbandono del carrello, ottengono spesso tassi di apertura medi del 40-50% e CTR superiori al 15% .

Ecco un altro esempio di come potrebbe apparire la tua campagna di recupero:

e-mail di abbandono del carrello da timberland
  • Email di raccomandazione sul prodotto

Ci sono solo due opzioni: i tuoi destinatari e-mail hanno o non hanno già acquistato da te.

In uno di questi scenari, è possibile inviare e-mail di consigli sui prodotti e provare a convincerli ad agire.

Se non hanno ancora acquistato nulla da te, scegli i prodotti più votati.

Hai le informazioni sulla fonte del lead o su cosa sono interessati?

Sì – Bene, quindi usalo per inviare e-mail personalizzate.

No – Va bene, basta andare con i prodotti più votati, ma assicurati di testarlo in futuro.

Se hanno già acquistato da te prima, la situazione è più semplice. Consiglio loro solo i migliori prodotti, in base al loro comportamento. Utilizza un algoritmo automatizzato o le tue conoscenze per offrire loro tutto ciò che si adatta meglio alla loro situazione.

Le e-mail di raccomandazioni sui prodotti sono rilevanti ed è anche questo che le rende vincenti.

Ecco un esempio di e-mail di raccomandazione sul prodotto che mi è stata inviata al momento giusto. Quando è stato? In questo caso, poco dopo ho preso il primo impegno e ho acquistato il mio primo prodotto da quel marchio.

raccomandazione email libri amazon

Vuoi vedere altri esempi di newsletter e-commerce? Ecco un elenco di oltre 30 e-mail automatiche che potresti utilizzare per la tua attività.

Ottieni di più dalle tue campagne e-mail

Vuoi ottenere un ROI più elevato dalle tue campagne di email marketing? Quindi devi capire le metriche chiave e cosa puoi fare per influenzarle. In questa guida, ti forniamo 20 idee che ti aiuteranno a ottimizzare le tue campagne e-mail per aperture, clic e coinvolgimento dell’elenco più elevati.

Guida per il download

Come farai crescere la tua attività di e-commerce?

Ora che hai visto come l’e-mail può aiutare la tua attività di e-commerce, è tempo di rispondere a questa semplice domanda:

Qual è il primo passo che farai?

Se dovessi scegliere una campagna da lanciare per il mio negozio online, sarebbe sicuramente una delle seguenti: e-mail di benvenuto, follow-up post-acquisto o e-mail di abbandono del carrello.

Ma anche se non hai ancora un prodotto da vendere, puoi usare l’e-mail per introdurne uno nuovo.

Quindi continua, collega il tuo negozio online con GetResponse e lancia oggi la tua prima campagna di email marketing.

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close