Cerca

10 statistiche sulle piccole imprese che ogni futuro imprenditore dovrebbe conoscere nel 2020

Molte persone sognano di avviare un’attività in proprio, sulla base delle proprie idee e dei propri sogni. Tentano di liberarsi dalle regole sul posto di lavoro, dalla politica e da tutto il caos interno che può limitare la loro crescita. 

Non sorprende che le stesse persone desiderino avere il pieno controllo del proprio tempo e dei propri obiettivi. Iniziare un’attività in proprio all’inizio può sembrare travolgente e complicato, ma se lo si interrompe in passi, sarà sufficiente fare il primo grande salto di coraggio e seguire piccoli passi che ti condurranno nel tuo percorso imprenditoriale. 

E sia che si tratti di un negozio di e- commerce o di un’attività commerciale, sapere cosa sta succedendo nel mondo delle piccole imprese può aiutarti a gestire meglio i tuoi rischi e opportunità. 

Sia che tu abbia già un’attività in proprio o che stia pianificando di avviarne una nuova quest’anno, queste statistiche ti aiuteranno a dare un senso alle novità e alle aspettative. Queste statistiche ti aiuteranno a capire cosa influenza le piccole imprese, come funzionano e come incidono sull’economia e su molti altri dettagli. 

Ecco uno sguardo alle prime 10 statistiche sulle piccole imprese e cosa aspettarsi nel 2020.

1. Quante piccole imprese ci sono negli Stati Uniti?

Quante piccole imprese ci sono negli Stati Uniti?

Ci sono 30,7 milioni di piccole imprese negli Stati Uniti che rappresentano il 99,9 per cento di tutte le imprese statunitensi (SBA, 2019). 

La Small Business Administration (SBA) definisce una piccola impresa come un’impresa che ha meno di 500 dipendenti. Ciò significa che molte startup di grande valore negli Stati Uniti rientrano in questa definizione di piccole imprese. 

La definizione di piccola impresa varia in tutto il mondo. Per fare un confronto, nell’Unione europea qualsiasi azienda che ha meno di 50 dipendenti è considerata una piccola impresa. In Australia, le aziende con meno di 15 dipendenti sono considerate piccole imprese.

Le statistiche sulle piccole imprese mostrano che la maggior parte delle imprese in America ha meno di 500 dipendenti. Le aziende con meno di 100 dipendenti rappresentano il 98,2% e quelle con meno di 20 dipendenti rappresentano l’89% di tutte le aziende del paese.

2. Quanti lavori vengono creati dalle piccole imprese?

le piccole aziende creano 1,5 milioni di posti di lavoro ogni anno e rappresentano il 64 percento dei nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti

Con così tante piccole imprese negli Stati Uniti, non sorprende che le piccole imprese generino la maggior parte dei posti di lavoro negli Stati Uniti. Secondo la Small Business Administration, le piccole aziende creano 1,5 milioni di posti di lavoro ogni anno e rappresentano il 64% dei nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti (Fundera, 2019).

Le statistiche dell’anno passato ci mostrano che le piccole imprese sono sempre state parte integrante dell’economia e della crescita degli Stati Uniti. Offrono opportunità di lavoro, crescita finanziaria e una gamma di prodotti e servizi unici. Quindi, indipendentemente dal fatto che diventino o meno grandi società, contribuiscono alla crescita economica.

3. Le piccole e medie imprese sono i principali motori della crescita economica globale

Oltre il 90 percento della popolazione aziendale rappresenta le PMI (piccole e medie imprese)

Oltre il 90 percento della popolazione aziendale rappresenta le piccole e medie imprese, note anche come PMI (SalesForce, 2019). E come hanno mostrato le ultime statistiche, le piccole aziende sono responsabili della creazione di un gran numero di posti di lavoro. 

Negli ultimi anni, le PMI hanno continuato a generare occupazione. Le PMI sono anche attori chiave nel contribuire all’innovazione. Questi contributi variano ampiamente tra aziende, settori e paesi. Ma un migliore accesso ai mercati globali e miglioramenti nelle reti di conoscenza, nonché la digitalizzazione, hanno svolto un ruolo importante nel progresso delle PMI nella partecipazione all’economia globale. Tutto sommato, le PMI contribuiscono in modo significativo alla crescita economica globale fornendo occupazione, promuovendo l’industrializzazione sostenibile e promuovendo l’innovazione. 

4. Qual è il motivo più comune per l’apertura di un’attività in proprio?

Qual è il motivo più comune per l'apertura di un'attività in proprio?

Ci sono molte ragioni per cui le persone potrebbero essere motivate ad aprire un’attività in proprio. Tra le motivazioni più comuni, il 55 percento degli intervistati ha dichiarato di aprire un’attività in proprio perché voleva essere il proprio capo (Guidantfinancial, 2019). 

Il prossimo motivo più popolare per avviare un’attività in proprio consiste nel voler perseguire la propria passione, con il 39 percento degli intervistati che scelgono questa come motivazione principale. Altre ragioni comuni includono insoddisfazione per le società, trovare l’opportunità di avviare un’attività in proprio e mancanza di preparazione per la pensione 

Avviare un’attività in proprio significa che le persone hanno la libertà non solo di essere il proprio capo, ma anche il capo del proprio tempo. Ti dà la libertà di prendere decisioni e lavorare come e quando o dove vuoi. Ci possono essere molte ragioni per cui le persone in tutto il mondo decidono di optare per questa libertà finanziaria, ma la maggior parte delle principali motivazioni legate alla libertà dai loro posti di lavoro attuali e una maggiore indipendenza in termini di come lavorano. 

5. Chi sono la maggioranza dei proprietari di piccole imprese?

Chi sono la maggioranza dei proprietari di piccole imprese?

La maggior parte dei proprietari di piccole imprese appartiene alla Generazione X. L’indagine ha mostrato che il 44 percento dei proprietari di piccole imprese è di razza Gen Xer, seguito dal 41 percento da Baby Boomer. I millennial arrivano al terzo posto, con il 12 percento del totale e solo il 2 percento dei proprietari di piccole imprese ha 74 anni o più (Guidant Financial, 2019). 

E quando si tratta di genere, la maggior parte dei proprietari di piccole imprese sono uomini. Il sondaggio ha mostrato che il 73% dei proprietari di piccole imprese sono uomini e il 27% donne. Negli ultimi anni le piccole imprese di proprietà femminile hanno visto un aumento. 

6. Le nuove generazioni sono più propense a creare un’attività secondaria

Le nuove generazioni sono più propense a creare un'attività secondaria

Le statistiche ci mostrano che è più probabile che la nuova generazione di imprenditori faccia il trambusto. In effetti, Millennials e Gen Zers hanno il 188 percento in più di probabilità di avere l’obiettivo di creare un business secondario, rispetto ai baby boomer o ai tradizionalisti (SalesForce, 2019). 

Rispetto a Baby Boomers, Millennials e Gen Zers hanno anche il 48 percento in più di probabilità di affermare di aver avviato un’attività perché avevano l’idea che fossero appassionati di portare sul mercato. E grazie alla facilità con cui puoi avviare la tua attività, il processo è diventato molto più comodo per le nuove generazioni che stanno cercando di diventare il proprio capo. A causa della crescita dei mercati online e dello sviluppo di codice basso o no-code e in outsourcing, è diventato più facile gestire un’attività comodamente da casa propria.

7. Quale percentuale di piccole imprese fallisce?

Quale percentuale di piccole imprese fallisce?

Una delle maggiori paure che hanno le persone che iniziano un’attività in proprio è il rischio di fallimento. E non è una paura non realistica. In effetti, oltre il 50 percento delle piccole imprese fallisce nel primo anno e oltre il 95 percento delle piccole imprese fallisce nei primi cinque anni (Convergehub, 2019). 

Ora questa statistica non dovrebbe scoraggiarti dall’avvio di un’attività in proprio. In effetti, dovrebbe fare il contrario. Sapendo perché e in che modo la maggior parte delle piccole imprese fallisce entro il primo anno, è possibile pianificare una strategia aziendale per superare i potenziali rischi che potrebbero presentarsi. Ovviamente non sarai in grado di eliminare completamente tutti i rischi, ma ti aiuterà a capire meglio cosa puoi fare in diversi scenari che potrebbero sorgere. 

8. Qual è il motivo principale per cui le nuove imprese falliscono?

Qual è il motivo principale per cui le nuove imprese falliscono?

Il motivo principale per cui le nuove imprese falliscono è a causa della mancanza di domanda del mercato. In effetti, il 42 percento delle piccole imprese fallisce per questo motivo (CB Insights, 2019). Quindi, se c’è una cosa di cui dovresti essere sicuro prima di iniziare la tua attività è la necessità di ciò che offri ai clienti. 

Il prossimo motivo più probabile per cui le nuove imprese falliscono è perché finiscono i soldi. Le statistiche mostrano che, secondo quanto riferito, il 29 percento delle nuove imprese avrebbe fallito a causa della mancanza di finanziamenti. Altre cause del fallimento delle startup includono la non essere in grado di trovare la squadra giusta con cui lavorare, di essere superati dai concorrenti del settore, problemi relativi ai costi e un prodotto ostile. 

Per riflettere sui motivi per cui le nuove imprese falliscono, è sicuro affermare che si tratta di una combinazione tra ragioni incentrate sul cliente e mancanza di risorse, che sono gli elementi costitutivi di un’attività di successo.

9. Qual è la più grande sfida per le piccole imprese?

Qual è la più grande sfida per le piccole imprese?

Nei primi anni di avvio di una nuova attività, le piccole aziende devono affrontare una serie di sfide che possono limitare il loro potenziale. Una delle principali sfide che le piccole imprese devono affrontare è la scarsa qualità del lavoro. In effetti, il 52 percento degli intervistati ha affermato che il problema più importante per le piccole imprese era la qualità del lavoro (CNBC, 2019). I proprietari di piccole imprese affermano che è difficile trovare persone qualificate da assumere. Per le aziende che hanno più di 50 dipendenti, il percento dei proprietari ritiene che sia più difficile trovare assunzioni qualificate. 

Oltre a questo, anche i proprietari di piccole imprese devono affrontare sfide finanziarie. Dato che le società più piccole non hanno il vantaggio di essere supportate da molti fondi, di solito fanno fatica a capire come possono gestire le proprie finanze.

10. Il principale canale di marketing digitale tra i proprietari di piccole imprese

Principale canale di marketing digitale tra i proprietari di piccole imprese

I social media sono i preferiti dai proprietari di piccole imprese. In effetti, il 64 percento delle piccole imprese intervistate utilizza i social media nella propria strategia di marketing (The Manifest, 2019). 

Lo stesso studio ci mostra che quasi tutte le piccole imprese fanno pubblicità. E nella maggior parte dei casi questa pubblicità è attraverso mezzi digitali (rispetto ai canali tradizionali). Dopo il social media marketing, il prossimo metodo pubblicitario più popolare è il marketing online (49 percento), seguito dal marketing cartaceo (36 percento) e dalla TV (22 percento). 

Le piccole imprese si affidano al digitale come mezzo di pubblicità perché possono rivolgersi ai propri clienti in modo più efficace. Il marketing digitale aiuta le piccole imprese a raggiungere persone che potrebbero essere interessate ai loro prodotti, mentre i metodi tradizionali raggiungono un pubblico più ampio. 

Le statistiche sui social media ci mostrano che il social media marketing può essere uno strumento efficace per le aziende, in quanto il 73 percento degli esperti di marketing ritiene che i loro sforzi attraverso il social media marketing siano stati “piuttosto efficaci” o “molto efficaci” per la propria attività. 

Conclusione: statistiche sulle piccole imprese 

Senza dubbio, il 2020 sarà un anno significativo per le piccole imprese. Con l’aumentare della concorrenza, queste statistiche ti aiuteranno a prendere decisioni migliori se sei un piccolo imprenditore o sei interessato ad avviare un’attività in proprio. E anche se è probabile che tu debba affrontare delle sfide, conoscere le tendenze attuali ti aiuterà ad affrontare le difficoltà in modo più proattivo. 

Statistiche sulle piccole imprese 2020Riepilogo: statistiche sulle piccole imprese 

  1. Ci sono 30,7 milioni di piccole imprese negli Stati Uniti. 
  2. Le piccole aziende creano 1,5 milioni di posti di lavoro ogni anno e rappresentano il 64 percento dei nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti.
  3. Oltre il 90 percento della popolazione aziendale rappresenta le piccole e medie imprese. 
  4. Il 55 percento degli intervistati ha affermato che la principale motivazione per l’apertura della propria attività è quella di essere il proprio capo. 
  5. La maggior parte dei proprietari di piccole imprese appartiene alla Generazione X. L’indagine ha mostrato che il 44 percento dei proprietari di piccole imprese sono Gen Xer. 
  6. Millennials e Gen Zers hanno il 188% in più di probabilità di avere l’obiettivo di creare un business secondario, rispetto ai baby boomer. 
  7. Oltre il 50 percento delle piccole imprese fallisce nel primo anno e oltre il 95 percento delle piccole imprese fallisce nei primi cinque anni. 
  8. Il 42 percento delle piccole imprese fallisce a causa della mancanza di domanda del mercato. 
  9. Il 52 percento degli intervistati ha affermato che il problema più importante per le piccole imprese era la qualità del lavoro.
  10. Il 64 percento delle piccole imprese intervistate utilizza i social media nella propria strategia di marketing. 
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close