Cerca

10 principali tendenze del Content Marketing che domineranno il 2020

10 principali tendenze di marketing dei contenuti che domineranno il 2020

Quando arriveremo alla fine dell’anno, ci sono due cose che possiamo dire con certezza per il 2020:

  • Il content marketing diventerà ancora più importante
  • La creazione e la distribuzione del contenuto cambieranno radicalmente

C’è una ragione per cui Seth Godin definisce il content marketing “l’unico marketing rimasto”: è autentico, utile e perfettamente adatto alla generazione di Internet.

Ma mentre pochi possono dubitare dell’efficacia del content marketing, i canali, le tattiche e gli strumenti che i marketer usano per creare e distribuire contenuti continueranno ad evolversi nel 2020 e oltre.

Quali sono le tendenze di marketing dei contenuti a cui prestare attenzione? Come dovresti cambiare la tua strategia di marketing per tenere il passo con questi cambiamenti?

Scopriamolo.

Di fretta, ecco un elenco delle tendenze di marketing dei contenuti per il 2020:

  1. Contenuto incentrato sui risultati
  2. Video e live stream sono al centro della scena
  3. L’intento dell’utente e della ricerca guida la creazione di contenuti
  4. Il marketing conversazionale continua ad evolversi
  5. I contenuti sono personalizzati per la ricerca vocale e i dispositivi intelligenti
  6. Il contenuto personalizzato ottiene una dose di steroidi
  7. I podcast continuano a prendere piede
  8. Contenuti incentrati sull’argomento per creare autorità
  9. La battaglia per lo snippet
  10. Creazione di contenuti basati sui dati

Ottieni il miglior playbook di marketing per la crescita

Le 41 strategie esatte che abbiamo usato per passare dal traffico a 4 a 6 cifre in un anno

[Tendenza marketing dei contenuti n. 1] Contenuti incentrati sui risultati

La competizione per i contenuti è così accanita ora, hai bisogno di un modo per distinguerti.

Come?

Trovando nuovi modi per aiutare i tuoi lettori a ottenere risultati più veloci.

Per esempio:

Chris Von Wilpert di Content Mavericks sta creando post di elenco filtrabili, come questo :

Tendenza del marketing dei contenuti: contenuto filtrabile

Invece di leggere un vasto elenco di metriche per monitorare il successo del marketing dei contenuti.

Ora tutti i suoi lettori che devono fare sul post sono:

  1. Seleziona il loro obiettivo principale di marketing dei contenuti.
  2. Consulta le 2-3 metriche di cui devono tenere traccia.

Il risultato: contenuto che è più facile da consumare E incentrato sul portare i lettori al risultato desiderato di più velocemente.

Come usare questa tendenza:

Il processo è semplice:

  1. Identifica i post dell’elenco sul tuo blog che ottengono traffico.
  2. Trasformali in post di elenco filtrabili in base al risultato che il tuo lettore sta cercando di ottenere da quell’argomento.

Ecco alcuni esempi:

  1. Un elenco di strumenti di distribuzione del contenuto con filtri per il tipo di strumento e se lo strumento è gratuito / a pagamento / nuovo:

Tendenza del marketing dei contenuti: elenco filtrabile

  1. Un elenco di piattaforme di distribuzione dei contenuti (con filtri per il tipo di piattaforma, se la piattaforma è gratuita / a pagamento / nuova e se la piattaforma fa parte di una strategia di firma):

Tendenza del marketing dei contenuti: un altro esempio di contenuto filtrabile

  1. Un elenco di strumenti di calendario editoriale (con filtri per il tipo di attività e se lo strumento è gratuito / a pagamento / nuovo):

Tendenza del marketing dei contenuti: contenuti incentrati sui risultati

Per creare contenuti incentrati sui risultati come questo, non è difficile. Ma avrai bisogno di uno sviluppatore per aiutarti.

Semplicemente:

  1. Determina quali filtri vuoi che il tuo post abbia (pensa dal punto di vista dei tuoi lettori: quali filtri aiuteranno il mio lettore a raggiungere più rapidamente i risultati desiderati?)
  2. Collega il tuo sviluppatore a questo articolo
  3. Chiedi loro di studiare gli esempi sopra e di farlo sul tuo post.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 2] Video e streaming live sono al centro della scena

A parte i post sul blog, il contenuto video è stato il contenuto di riferimento per i marchi da creare negli ultimi anni.

Tendenza del marketing dei contenuti: i contenuti video sono il secondo tipo di contenuto preferito dopo i post sul blog

(Il contenuto video è il secondo tipo di contenuto preferito dopo i post del blog |  Fonte )

Le ragioni di ciò vanno di pari passo:

Il consumatore moderno si aspetta sempre più di ricevere contenuti video dai propri marchi preferiti e il video mantiene il pubblico più a lungo di qualsiasi altro tipo di contenuto.

Anche il pubblico in streaming live continua a crescere, con l’ 80% degli intervistati in un sondaggio LiveStream che afferma che preferirebbe guardare video in diretta piuttosto che leggere un post sul blog. Inoltre, LiveStream ha riscontrato che l’81% degli intervistati ha guardato più video in diretta nel 2016 rispetto al 2015.

Come usare questa tendenza:

Invita il tuo pubblico a divertirsi, sviluppando UGC video con i tuoi prodotti in azione.

Come spiega Jesus Meca di Real Focus Marketing :

 

“Se crei il messaggio giusto e aiuti i tuoi clienti a creare recensioni video per il tuo marchio, creerai un esercito di mini-influenzatori che ti aiuteranno a creare più visibilità per il tuo marchio.”

 

Un altro fattore chiave da considerare è dove pubblichi i tuoi contenuti video. Ecco alcune piattaforme in cui è possibile pubblicare i tuoi video:

  • Youtube
  • Vimeo
  • Snapchat
  • TikTok
  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn
  • Il tuo sito web

Ecco Brian Fanale, di My Lead Systems PRO :

 

“Riteniamo che nel 2020 YouTube sarà il luogo in cui gli imprenditori prosperano di più. Contrariamente alla piattaforma pubblicitaria troppo saturata e costosa di Facebook, gli annunci video di YouTube sono relativamente una miniera d’oro non sfruttata. Inoltre, poiché si tratta di video, c’è un ROI molto migliore per i proprietari di attività che possono creare contenuti video accattivanti, di qualità e coinvolgenti “.

 

In termini di struttura video, hai una serie di opzioni, come:

  • Webinar
  • Sessioni di domande e risposte
  • Demo del prodotto
  • Dietro le quinte
  • Intervista con esperti

Nota che, in molti di questi esempi, non stai necessariamente parlando. Che tu sia impegnato in una conversazione con un membro del team, un esperto o il tuo pubblico in tempo reale, ti consigliamo di interagire con gli altri attraverso la maggior parte dei tuoi contenuti video.

Infine, è importante riutilizzare i tuoi contenuti video in una varietà di formati.

In molti casi, sarai in grado di trasferire il contenuto abbastanza facilmente. Ad esempio, una sessione di intervista può essere rapidamente convertita in contenuto solo audio e può anche essere trascritta in testo.

In altri casi, il processo potrebbe comportare l’utilizzo del contenuto video come base per contenuti basati su testo, immagini o audio, ma dovrà essere personalizzato per il formato in questione.

 

[Tendenza marketing contenuti n. 3] L’intenzione dell’utente e della ricerca favorisce la creazione di contenuti

In senso lato, ci sono 4 tipi di ricerche web:

  • Informativo: le query generiche utilizzate quando l’utente è alla ricerca di informazioni (ad esempio, “perché le zebre hanno strisce” restituiranno migliaia di risultati, ognuno dei quali fornirà probabilmente la risposta che l’utente sta cercando)
  • Navigazione: query specifiche utilizzate quando l’utente desidera visitare un sito specifico (ad esempio, invece di digitare “Facebook.com”, l’utente cerca semplicemente “Facebook” su Google)
  • Indagini: come “Le migliori cuffie nel 2019”, “Recensioni Bose”, ecc.
  • Transazionale: ricerche mirate all’azione utilizzate quando l’utente vuole fare qualcosa (ad es. “Acquista scarpe da ginnastica Nike” o “prenota un biglietto aereo per Maui”)

Tendenza del marketing dei contenuti: ricerche per intento di ricerca

(Ricerche per intento di ricerca |  Fonte )

Sebbene questa sia una conoscenza comune da un po ‘di tempo, i recenti aggiornamenti degli algoritmi di Google hanno portato gli intenti di ricerca in primo piano rispetto alla creazione di contenuti .

Fondamentalmente, poiché ora Google è in grado di rilevare il tipo di ricerca che un utente sta conducendo (insieme ad aspetti più specifici dell’intento), il motore di ricerca è ora attrezzato per indirizzare gli utenti al tipo di contenuto che stanno cercando in un determinato momento .

Come usare questa tendenza:

Cominciando dall’inizio:

Assicurati di aver creato contenuto adatto a ciascun tipo di query di ricerca.

Prendi questo aneddoto, come racconta Robbie Richards :

 

“Avevo un post di roundup che copriva gli strumenti migliori per l’esecuzione degli audit SEO e per un po ‘si è classificato per il termine non modificato (strumenti di audit SEO), nonché la versione modificata” migliori strumenti di audit SEO “. È stato fantastico! Ma, dopo l’aggiornamento di giugno, l’articolo ha perso le classifiche per il termine non modificato, ma ha mantenuto le classifiche per la variazione modificata. Perché? Google ha iniziato a vedere le pagine dei prodotti come meglio rispondenti alle intenzioni dell’utente per il termine “strumenti di controllo SEO” rispetto ai contenuti comparativi del blog “.

 

Richards racconta anche di un cliente che puntava a classificare il termine “infografica interattiva” su una pagina del prodotto. Nonostante l’alta qualità della pagina Web, il team non è stato in grado di portarlo sulla SERP migliore per il termine. Presto si sono resi conto che il motivo è che gli utenti alla ricerca di “infografiche interattive” probabilmente non sono alla ricerca di una pagina di prodotto; stanno cercando contenuti informativi.

Suggerimento: cerca il termine che stai cercando di classificare utilizzando “modalità di navigazione in incognito” per vedere quale tipo di post si colloca più in alto per la query. Puoi anche aggiungere “& filter = 0” alla fine dell’URL per vedere quali altre pagine sta prendendo in considerazione Google.)

Tendenza del marketing dei contenuti: usa & filtro = 0 per trovare altre pagine che Google sta prendendo in considerazione

(Usa & filtro = 0 per trovare altre pagine che Google sta prendendo in considerazione)

Per farla breve, il team ha creato un post sul blog di lunga durata contenente informazioni su infografiche interattive e girato in cima a Google poco dopo.

L’asporto:

Utilizza l’intento di ricerca come driver per la creazione di contenuti , poiché ti dirà in primo luogo quale tipo di contenuto dovresti creare.

Tendenze di marketing dei contenuti: una semplice modifica del titolo può fare miracoli

(Una semplice modifica del titolo può fare miracoli)

Inoltre, tieni presente che l’intento di ricerca si allinea in genere con il percorso dell’acquirente. Detto questo, assicurati che ogni contenuto che crei per diverse intenzioni di ricerca includa inviti all’azione e altre lingue che alimenteranno il tuo pubblico alla fase successiva del suo viaggio con facilità.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 4] Il marketing conversazionale continua ad evolversi

Il marketing conversazionale sarà fondamentale per interagire con il pubblico nel 2020 e oltre, per una serie di motivi.

Nel complesso, il marketing conversazionale ti consente di interagire con i tuoi clienti in un modo più “reale” (anche quando lo fai con mezzi artificiali, come un chatbot). Impegnandosi in una conversazione con il tuo pubblico, puoi saperne di più sulla loro persona, i loro bisogni specifici e i loro obiettivi previsti, il tutto senza mai richiedere loro di compilare un modulo o completare una serie di attività.

Tendenza del marketing dei contenuti: statistiche di marketing conversazionale

(Lo stato del marketing conversazionale |  Fonte )

Il marketing conversazionale inoltre riduce al minimo i “tempi di inattività” durante il rapporto con i clienti. Ciò si manifesta in alcuni modi:

  • Riduzione al minimo del tempo necessario per saperne di più sul cliente
  • Ridurre al minimo i tempi e gli sforzi necessari da parte del cliente per trovare le informazioni che stanno cercando
  • Riduzione al minimo delle lacune riscontrate tra gli impegni (poiché la conversazione si svolge in genere in tempo reale)

Come usare questa tendenza:

Investi negli strumenti che ti permetteranno di conversare con i tuoi clienti in tempo reale, sia da uomo a uomo che tramite chatbot.

Dopo aver raccolto questi strumenti, dovrai assicurarti che siano in grado di funzionare come previsto dal tuo pubblico.

Ci sono due parti in questo:

Crea degli script per i tuoi chatbot da cui “conversare” con il tuo pubblico . Ciò implica l’uso della voce del tuo marchio, la fornitura di informazioni di alta qualità e il mantenimento di un flusso di conversazioni durante la messaggistica del tuo chatbot.

Tendenze di marketing dei contenuti: bot conversazionale

Successivamente, assicurati che il tuo chatbot abbia una solida libreria di contenuti, dati e informazioni da cui trarre quando simula la conversazione con i tuoi clienti . Poiché il tuo pubblico sarà alla ricerca di risposte rapide o di una navigazione rapida verso contenuti più approfonditi, è fondamentale che il tuo strumento di chatbot sia in grado di trovare facilmente questi contenuti sul tuo sito.

Ciò significa non solo creare il contenuto per soddisfare questi scopi, ma anche organizzarlo e taggarlo in modo appropriato per garantire la corretta consegna.

Mentre ci spostiamo verso il 2020, ti consigliamo di tenere d’occhio il modo in cui chatbot e la tecnologia AI conversazionale continuano a migliorare. Se stai cercando un percorso per il vero marketing 1: 1, l’intelligenza artificiale ti darà sicuramente la strada.

 

[Tendenza marketing contenuti n. 5] I contenuti sono personalizzati per la ricerca vocale e i dispositivi intelligenti

Un’altra tecnologia chiave che guiderà il content marketing nel 2020 è il dispositivo intelligente.

In particolare, i marchi si concentreranno maggiormente sul catering per le ricerche vocali tramite dispositivo intelligente .

Il motivo è che l’uso della chat vocale è alle stelle. A gennaio 2018, il numero di ricerche vocali mensili ha superato il miliardo . Inoltre, è generalmente inteso che entro il prossimo anno il 50% di tutte le ricerche sul web sarà condotto a voce.

Tendenze di marketing dei contenuti: statistiche sulla ricerca vocale

Come sottolinea QuoraCreative , la maggior parte dei dispositivi intelligenti attualmente risponde a circa il 60% delle query in modo accurato e corretto . Sebbene ciò sia dovuto in parte al fatto che la tecnologia è ancora in fase di perfezionamento, c’è un altro motivo che è un po ‘più sotto il tuo controllo …

Come usare questa tendenza:

L’altro lato di quanto sopra è che i marchi stanno ancora iniziando a ottimizzare i loro contenuti per scopi di ricerca vocale.

Detto questo, se sei in grado di farlo prima dei tuoi concorrenti, saranno i tuoi contenuti a uscire dai dispositivi intelligenti del tuo pubblico nel prossimo futuro.

Ci sono due chiavi per farlo accadere:

Innanzitutto, devi capire come i consumatori conducono ricerche vocali. Mentre nel testo potrebbero digitare “2020 tendenze di marketing dei contenuti” la loro query vocale sarebbe più simile a “Quali sono le principali tendenze di marketing dei contenuti del 2020?” Comprendere le sfumature di questa leggera differenza può consentirti di creare titoli più efficaci e concentrarti su parole chiave a coda lunga più specifiche all’interno dei tuoi contenuti .

In secondo luogo, esaminando le query vocali condotte dai membri del tuo pubblico, otterrai ancora più informazioni sul tipo di informazioni e contenuti che stanno cercando. Questo, a sua volta, può aiutarti non solo a personalizzare i tuoi contenuti esistenti per il SEO vocale, ma anche a informare le tue future iniziative di creazione di contenuti, in generale.

Nota: ecco perché l’adozione di un approccio omnicanale, insieme all’uso di una piattaforma CMS senza testa , è così vitale per gli standard odierni. Nella creazione di contenuti indipendenti dalla piattaforma, sarai sempre in grado di fornire tali contenuti al tuo pubblico, indipendentemente dal dispositivo che potrebbero utilizzare in futuro.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 6] I contenuti personalizzati ottengono una dose di steroidi

In poche parole:

Il consumatore moderno si aspetta che i marchi con cui si impegnano offrano un’esperienza altamente personalizzata su tutta la linea.

Il tuo pubblico non vuole ricevere la stessa raccolta di contenuti che stanno ricevendo tutti gli altri clienti . Piuttosto, il singolo consumatore desidera ricevere contenuti personalizzati in base ai propri interessi e bisogni in relazione al proprio marchio.

Come usare questa tendenza:

Tre parole…

Dinamico. Soddisfare. Consegna.

Fortunatamente, con l’aumentare della necessità dei consumatori di contenuti personalizzati, aumenta anche lo sviluppo della tecnologia per aiutare i marchi a soddisfare queste esigenze. Con questi strumenti di contenuti dinamici, puoi automatizzare la cura e la consegna di contenuti di grande rilevanza per i tuoi singoli clienti  , sia in loco che via e-mail o altro canale.

(Naturalmente, dovrai anche creare il contenuto stesso, ma questo è ovvio.)

Dai un’occhiata a questo esempio da Northern Trail:

Tendenza del marketing dei contenuti: contenuti personalizzati in base alle preferenze

(Contenuti personalizzati in base alle preferenze |  Fonte )

Qui, i singoli clienti ricevono versioni personalizzate della newsletter del marchio, inclusi collegamenti ad articoli completamente diversi in base alle loro preferenze individuali.

Oltre a fornire contenuti in base alle esigenze e agli interessi generali di un individuo, è anche importante considerare i suoi bisogni immediati in un determinato momento . Ciò risale all’importanza di considerare la loro posizione nell’imbuto di vendita, così come qualsiasi altra informazione che possa fornire un contesto alla loro esperienza con il vostro marchio.

Nel complesso, l’obiettivo nel fornire contenuti dinamici non è solo quello di fornire contenuti ai quali i vostri singoli clienti saranno semplicemente “interessati”, ma di fornire il contenuto esatto che li porterà a compiere ulteriori passi nel percorso del proprio acquirente.

Ecco un altro motivo per cui un CMS senza testa è essenziale per il content marketing nel 2020: consente una distribuzione senza interruzioni di contenuti dinamici, indipendentemente da come e dove i tuoi clienti interagiscono con i tuoi contenuti.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 7] I podcast continuano a prendere piede

Come riporta Statista , il numero di ascoltatori di podcast è quasi triplicato nell’ultimo decennio  – e si prevede che questo numero continui a crescere con il passare del tempo.

Ma non è solo che più persone ascoltano i podcast, ma stanno diventando più coinvolti con loro.

Tendenza del marketing dei contenuti: statistiche sui podcast

Come osserva Forbes , è molto probabile che gli ascoltatori di podcast completino episodi dei loro programmi preferiti e abbiano maggiori probabilità di interagire ulteriormente con il marchio in questione in seguito.

SEJ spiega anche che, nonostante la crescente tendenza dei consumatori nell’ascolto di podcast, il panorama è ancora piuttosto aperto. Mentre Internet può scherzare su “tutti coloro che hanno un podcast” al giorno d’oggi, la verità è che la maggior parte dei marchi deve ancora salire sul carro … almeno per ora.

Come usare questa tendenza:

Se c’è una chiara richiesta di contenuti audio nel tuo settore, devi farlo accadere.

Ma è importante farlo intenzionalmente. La creazione di un podcast per il gusto di farlo non sarà efficace; nessuno dei due sta preparando un episodio ogni volta che la tua squadra ha un po ‘di tempo libero o ogni volta che l’umore colpisce.

Invece di creare occasionalmente contenuti podcast di tanto in tanto, avvicinati alle tue iniziative podcast mentre fai il resto dei tuoi sforzi di marketing dei contenuti .

Se non stai cercando di creare contenuti podcast da solo, potresti anche considerare di apparire su altri podcast ascoltati dal tuo pubblico .

Pensalo come un “guest posting per il 2020”: se avere una conversazione veloce ma interessante con una nuova connessione ti aiuterà a far crescere il tuo pubblico, vale sicuramente la pena provare.

Tendenza del content marketing: il CMO di Ahrefs - Tim Soulo - obiettivo quest'anno

(Ahrefs ‘CMO – Tim Soulo – obiettivo quest’anno |  Fonte )

Se l’hosting ospite non fa per te, puoi anche seguire il percorso pubblicitario a pagamento . La maggior parte dei podcast con anche un seguito di dimensioni decenti (1.000 download per episodio) sono supportati da annunci di una varietà di aziende, offrendo l’opportunità perfetta per diffondere la consapevolezza del proprio marchio.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 8] Contenuti focalizzati sull’argomento per costruire autorità

Un altro modo in cui gli algoritmi di Google si sono evoluti è che ora guardano oltre la qualità di una singola pagina quando classificano tale pagina.

Ora, Google considera il contesto di una determinata pagina all’interno dell’intero sito . In un certo senso, Google ora valuta il valore olistico di una pagina Web e di un sito Web dal punto di vista del singolo ricercatore.

Ad esempio, supponiamo che esistano due “guide definitive” che spiegano le regole del football americano. Mentre ogni guida ha una qualità simile, una è ospitata su un sito web dedicato a tutti gli sport – e l’altra è pubblicata su un sito di fan per The Bachelor.

Sebbene entrambi possano classificare per il termine “regole del football americano”, il primo supererà sicuramente il secondo. Il motivo è che, oltre al valore fornito dalla pagina effettiva in questione, l’altro contenuto del sito Web promette di fornire all’utente un valore molto maggiore rispetto a quest’ultimo .

Come usare questa tendenza:

Kelsey Reeves di Organic Growth Marketing lo rende chiaro come un giorno:

 

“Il 2020 sarà tutto incentrato sulla costruzione dell’autorità locale”.

 

Ciò avviene creando pagine di pilastri di lunga durata che fungono da base per le iniziative di marketing dei contenuti e, successivamente, costruendo queste basi con il passare del tempo.

Nel creare il contenuto del pilastro, l’idea è di coprire un’ampia gamma di argomenti che rientrano in un unico ombrello. Questo viene fatto in termini più basilari e generali, come definire i termini da conoscere e illustrarne l’importanza.

Il contenuto supplementare creato in seguito è il punto in cui diventerai più specifico. Qui, ti immergerai in profondità nei singoli argomenti discussi nel post del tuo pilastro – collegandoti ai tuoi vari contenuti in tutto.

Tendenza del marketing dei contenuti: come creare i contenuti del pilastro

Reeves spiega:

“Creando una strategia a imbuto completo per ogni area di attualità, creerai quel dominio categorico, contribuendo a costruire la fiducia e l’autorità su un argomento specifico che influisce positivamente sulle classifiche.”

 

[Content marketing trend # 9] La battaglia per lo snippet

In precedenza, abbiamo parlato della capacità di Google di annusare l’intento per un determinato termine di ricerca e di fornire pagine e contenuti ultra pertinenti di conseguenza.

Nel considerare l’intento di ricerca, Google spesso presenta ulteriori informazioni nella sua prima pagina dei risultati (oltre al tradizionale elenco dei risultati della ricerca).

Uno dei widget più comuni presentati qui è lo snippet:

Tendenze di marketing dei contenuti: snippet in primo piano

(Stiamo andando meta completa qui)

Apparendo nella parte superiore delle pagine dei risultati per le ricerche informative, gli snippet forniscono una breve rassegna dei punti chiave all’interno di un pezzo di contenuto. Nell’esempio sopra, la nostra versione 2019 di questo post è stata in grado di catturare lo snippet con il termine “tendenze di marketing dei contenuti 2019”.

Come usare questa tendenza:

Alice Corner di Venngage ci dice che il numero di utenti “senza clic” è in aumento.

In altre parole, sta diventando sempre più comune per gli utenti cercare una parola chiave longtail, sapendo che Google probabilmente presenterà uno snippet (o un widget simile) che fornirà loro le informazioni di cui hanno bisogno senza dover fare clic su un sito Web completo.

Soluzione d’angolo?

Contenuti di lunga durata più incentrati sulla soluzione che rendono chiare le risposte alle domande ardenti del tuo pubblico.

 

“I marketer di contenuti devono essere molto più intelligenti su ciò che i lettori stanno cercando. Ciò significa utilizzare più parole chiave a coda lunga per indirizzare domande specifiche su ” come posso … “, con il contenuto molto più focalizzato sulle soluzioni. “

 

È anche importante creare un titolo conciso, ma altamente descrittivo, per le tue singole pagine web.

In questo caso, la semplicità supera l’intelligenza .

Infine, vale la pena notare che i contenuti di alta qualità attireranno allo stesso modo sia i ricercatori “click-happy” che i “no-click”. Mentre lo snippet aiuterà gli utenti a trovare rapidamente le informazioni generali che stanno cercando, ci sono buone possibilità che molte di queste persone si immergano più a fondo nel contenuto reale in un determinato momento in futuro.

Ecco Tomas Ratia di Frase.io :

 

“È impossibile negare l’emergere della ‘Answer Economy’. Con oltre il 50% delle query di Google che non generano clic, è chiaro che Google non si sta solo evolvendo in un motore di risposta, ma anche in un giardino recintato. I consumatori si aspettano sempre più risposte rapide e specifiche alle loro domande, sia su altoparlanti mobili che più intelligenti. La creazione di contenuti che si posizionano su Google richiederà agli esperti di marketing di adottare una strategia di contenuti basata sulle domande “.

 

[Tendenza marketing dei contenuti n. 10] Creazione di contenuti basati sui dati

Ogni esperto di marketing sa ormai che il content marketing non è qualcosa da affrontare a casaccio.

Cioè, una solida strategia di marketing dei contenuti mira a fornire valore intenzionale e specifico a un pubblico specifico.

La domanda è:

In che modo i marchi determinano quale valore offrire al proprio pubblico?

Ora più che mai, la risposta a questa domanda sono i dati.

(Tuttavia, molti team di marketing devono ancora raccogliere questo …)

Come ex CMO di Freshbooks, Stuart MacDonald spiega:

 

“O il monitoraggio è importante o no. Sei in un campo o nell’altro. O sei analitico e basato sui dati, oppure segui ciò che pensi funzioni. Le persone che vanno per istinto hanno torto. “

 

Per dirla chiaramente, il futuro della creazione di contenuti prevede che i marketer del contenuto basino i loro approcci e strategie quasi interamente su prove concrete di ciò che funzionerà e di ciò che non funzionerà .

Come usare questa tendenza:

L’ovvio primo passo qui è quello di adottare una mentalità basata sui dati in tutto il team di marketing e l’intera organizzazione.

Più che consentire a qualsiasi dato di guidare le tue iniziative di creazione di contenuti, tuttavia, devi assicurarti di concentrarti sui dati giusti, i dati che contano per i tuoi profitti .

Per distinguere tra metriche importanti e metriche di vanità, dovrai eseguire un po ‘di reverse engineering.

In sostanza, questo significa guardare alle iniziative di marketing dei contenuti di successo passate e identificare gli indicatori chiave di prestazione che normalmente precedono i guadagni finanziari. Quindi, determina quali sono stati i contenuti o la campagna che hanno portato a questi numeri e cerca di creare contenuti aggiuntivi che colpiscano le stesse note.

Mentre ci spostiamo verso il 2020, smetti di creare i contenuti che ritieni siano desiderati dal tuo pubblico e inizia a basare le tue decisioni sulla creazione di contenuti su dati concreti.

Il futuro del content marketing: principali tendenze di marketing dei contenuti per il 2020

 


 

Curioso quali sono state le tendenze del marketing dei contenuti del 2019?

  1. Autenticità, trasparenza e marketing di valore
  2. Personalizzazione e interattività dei contenuti
  3. Input e sviluppo tra team
  4. Più collaborazione tra marchi
  5. Integrazioni come leva di crescita
  6. Utilizzo di influencer come team di contenuti ad hoc
  7. Sviluppo di contenuti multimediali con distribuzione omnicanale
  8. Capitalizzazione su micro-momenti
  9. Uso di chatbot e intelligenza artificiale
  10. Uso del cluster di contenuti
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close