Cerca

10 passi su come sviluppare una strategia di Content Marketing (ed eseguirla) nel 2020

Potrei essere un po ‘di parte, ma credo nella potenza di una strategia di content marketing per attirare nuovi clienti, educare gli utenti, generare entrate e aiutare a costruire un marchio potente per qualsiasi azienda.

Diavolo, lo faccio da anni e ho visto in prima persona quanto possa essere efficace il marketing dei contenuti. E non sono l’unico …

Secondo il Content Marketing Institute , il 70% dei marketer B2B intervistati afferma di creare più contenuti quest’anno rispetto al 2016, con la tendenza che non mostra segni di rallentamento oggi.

La strategia di Content Marketing è in aumento nel 2017 e nel futuro

Tuttavia, mentre praticamente ogni piccola impresa e startup capisce il valore del marketing dei contenuti, può essere un pensiero spaventoso approfondire. I tuoi concorrenti o le persone a cui guardi pubblicano regolarmente post di blog di lunga durata e approfonditi, lanciare podcast o immergere le dita dei piedi nel mondo dei video, e sembra travolgente .

Oggi, speriamo di sbarazzarci di quella pressione che senti e di semplificare il processo di creazione di una strategia di marketing dei contenuti infallibile .

Che cos’è una strategia di marketing dei contenuti?

Una strategia di marketing dei contenuti è una tabella di marcia che non solo ti dice quali contenuti creerai, ma come li creerai, promuoverli e infine utilizzerai i tuoi contenuti per attrarre, conservare e convertire più lettori e spettatori in clienti per il tuo business.

È un grosso compito, ma uno che non dovresti avere paura di affrontare.

Ogni parte della tua strategia di marketing dei contenuti ha le sue sfumature e dettagli unici che non vorrai perderti. Quindi, diamo un’occhiata a ciascuna parte del processo e aggiungerò la mia esperienza lungo il cammino.

Come costruire una strategia di marketing dei contenuti in 10 semplici passaggi

  1. Definisci il tuo obiettivo di marketing dei contenuti
  2. Cerca e comprendi il tuo pubblico
  3. Imposta il tuo blog (se non ne hai già uno)
  4. Aggiorna il tuo contenuto attuale (se hai già pubblicato)
  5. Inizia a creare un elenco di e-mail e scopri come utilizzarlo
  6. Aggiorna il tuo contenuto attuale (se hai già pubblicato)
  7. Brainstorming di idee di contenuto e utilizzare la ricerca di parole chiave per trovare opportunità
  8. Decidi quale formato di contenuto vuoi produrre
  9. Descrivi quali strategie di marketing dei contenuti sperimenterai
  10. Usa gli annunci a pagamento per avere uno sguardo in più sui tuoi contenuti

Adesso tuffiamoci!

1. Definisci il tuo obiettivo di marketing dei contenuti

Prima di guardare a ciò che stai per creare, devi rispondere perché lo stai realizzando.

Ogni strategia di marketing dei contenuti inizia con l’obiettivo. Come misurerai il successo della tua campagna? È con il traffico? Nuovi abbonati? Download di app? Conversioni? Azioni sociali e coinvolgimento? Visualizzazioni video? Download di podcast? I saldi?

Nella sua classe Skillshare The New Business Toolbox , autore di best-seller, prolifico marketer e imprenditore Seth Godin spiega l’importanza di capire il tuo perché all’inizio.

Content Marketing Strategy Seth Godin Class

“Hai la libertà di fare queste scelte all’inizio quando sono gratuite, veloci e facili. Non più tardi quando hai preso impegni con le altre persone e te stesso. “

È facile rimanere coinvolti in tutte le tattiche del marketing dei contenuti, ma senza una strategia unificante, un forte perché , indipendentemente da ciò che crei, cadrà.

Comprendere presto il tuo obiettivo guiderà altre importanti decisioni mentre sviluppi la tua strategia di marketing dei contenuti.

Come, cosa stiamo facendo? E dove distribuiremo i nostri contenuti? Come spiega Godin, la tua strategia è come costruire una nave. Devi sapere dove salperà prima di poter iniziare a inchiodare assi di legno insieme.

Come sottolinea Godin,  “Abbinare ciò che costruisci a dove lo metti è più importante di ciò che costruisci in primo luogo. Ecco perché dobbiamo iniziare capendo a cosa serve questo? ”

Quando mi viene in mente di sviluppare una strategia di content marketing per uno dei miei clienti, che si tratti di un concerto freelance o attraverso il mio progetto secondario, Pro Content Marketer , iniziamo sempre nello stesso posto, con la definizione di un obiettivo finale e poi sostenendo in mini-vittorie più piccole che scalano fino al raggiungimento del quadro più grande.

Molto spesso con il content marketing, l’obiettivo finale sono le iscrizioni via e-mail o le registrazioni di prova gratuite.

In sostanza, attirare nuovi lettori attraverso idee intelligenti (contenuti) per post di blog , quindi convertendoli in abbonati e-mail che possono essere successivamente trasformati in clienti paganti mentre il resto del team di marketing lavora per costruire relazioni e fare soldi con i blog .

Una volta raggiunto questo obiettivo più ampio, è più facile determinare, in base ai tassi di conversione medi, quanti lettori o ascoltatori, spettatori, utenti, è necessario attirare il contenuto che si sta pubblicando, al fine di raggiungere l’obiettivo di iscrizione .

Il numero di persone che devi portare sul tuo blog è il tuo obiettivo di traffico.

E al fine di portare a sufficienza del diritto  traffico per colpire i tassi di conversione, è necessario promuovere i vostri contenuti syndications-atterraggio alle pubblicazioni, ricevendo menzioni nelle principali blog del settore, avendo influenzatori condividere con i loro seguaci, e così via fino alla linea.

Non è una scienza esatta per dire, ma più esegui, costruisci un portfolio di contenuti e lo promuovi, più vedrai quali sono i tuoi rendimenti di base sul marketing di contenuti e puoi fare modifiche e sperimentare andando avanti.

2. Ricerca e comprensione del pubblico

Una volta che hai una chiara connessione al motivo per  cui stai creando contenuti, il prossimo passo per sviluppare la tua strategia di marketing dei contenuti è capire esattamente chi vedrà, ascolterà o guarderà il contenuto che crei.

Il contenuto efficace non viene prodotto nel vuoto da un elenco di argomenti di cui si desidera scrivere o parlare personalmente, ma è realizzato all’aperto con il coinvolgimento, il feedback e la direzione del pubblico. La migliore strategia di content marketing è progettata per rispondere alle domande più urgenti che il tuo pubblico di riferimento ha: educare e trasformarle.

Content Marketing Strategy Crea per il tuo pubblico

Tuttavia, l’unico modo in cui i tuoi contenuti si collegheranno abbastanza con le persone per condividerli e aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi è che tu possa parlare direttamente con loro. Devi avere empatia e comprensione per la loro situazione.

Andrea Goulet, fondatore di BrandVox , interrompe il processo di definizione del pubblico nella sua classe Skillshare Diventa un blogger migliore .

Il primo passo è capire la demografia e la psicografia del tuo pubblico ideale.

I dati demografici sono i tratti quantitativi, o cose in cui puoi davvero scavare e misurare.

Pensa all’età, al sesso, alla posizione, al titolo di lavoro, ecc. Ad esempio, potresti dire che vuoi che il tuo content marketing parli con dirigenti di età compresa tra 30 e 45 anni o con 20 persone in cerca di lavoro remoto appena usciti dal college.

La psicografia  è ciò che non possiamo misurare.

Attributi come atteggiamento, sistemi di credenze, valori e interessi. Quindi, nel nostro esempio esecutivo, potremmo fare un ulteriore passo avanti e dire che i nostri contenuti parlano ai dirigenti che vogliono portare la loro attività al livello successivo ma non riescono a trovare un modo. O forse credono nel duro lavoro e nel fare la cosa giusta e apprezzano la famiglia e la morale forte.

Creare il tuo pubblico Personas

Ora parliamo delle  persone acquirente : le rappresentazioni immaginarie e generalizzate dei tuoi clienti ideali. Queste persone sono costruite con l’obiettivo di interiorizzare chi è il tuo cliente ideale e ti dà un’idea di come relazionarti con queste persone come veri esseri umani.

Per ognuna delle persone del pubblico che stai creando, scrivi i loro attributi (demografici e psicografici) in un elenco puntato.

Quindi, vuoi visualizzare esattamente chi è questa persona. Goulet suggerisce di utilizzare un sito di fotografia stock come Unsplash o Pexels per trovare una foto della persona che hai appena descritto. Potrebbe sembrare un po ‘sciocco, ma questo aiuterà seriamente a rafforzare la tua visione e creare più di una connessione tra te e il tuo pubblico ideale.

Infine, vuoi scattare quella foto, l’elenco puntato e scrivere una storia su di loro in forma di paragrafo, che descriva davvero l’ambiente e i sentimenti in cui vive la tua persona. Dagli un nome e descrivi le loro attività quotidiane.

In che modo i tuoi contenuti non solo si adattano, ma vengono trovati e riconosciuti da questa persona?

  • Lo stanno cercando su Google o usano siti della community come Quora o Reddit per trovare risposte e idee?
  • Sono utenti pesanti di Facebook o trascorrono la maggior parte del tempo su app come Snapchat?
  • Forse non trascorrono molto tempo online e preferiscono partecipare a eventi di persona, conferenze di settore, discussioni di gruppo?

Sviluppare una chiara comprensione di chi sia il tuo pubblico ti aiuterà immensamente a creare la giusta messaggistica e a inchiodare la narrazione nei tuoi sforzi di marketing dei contenuti .

Sii presente laddove il tuo pubblico esiste già.

Queste sono tutte domande fondamentali da affrontare durante la creazione della tua strategia di marketing dei contenuti, in modo che tu possa massimizzare le tue opportunità di mettere i tuoi contenuti di fronte al tuo pubblico ideale, dove stanno già passando il loro tempo .

Inoltre, è importante ricordare che puoi avere più di un pubblico.

Anche se non vuoi che il tuo pubblico ideale sia troppo ampio e diversificato, specialmente nei primi tempi della tua attività (i lettori potrebbero confondersi su chi sia la tua soluzione). Tuttavia, finché capisci chi è il tuo pubblico e attraversi questo passaggio, puoi creare ottimi contenuti per loro.

3. Imposta il tuo blog (se non ne hai già uno)

È tempo di passare dalla parte tattica a quella tecnica della tua strategia di marketing dei contenuti.

Se non hai creato un blog o non hai trovato un posto per ospitare i contenuti che creerai, ora è il momento.

Le buone notizie? Hai delle opzioni.

Fortunatamente, ci sono tonnellate di fantastiche (e facili) opzioni per configurare il tuo sito Web che vanno da piattaforme pronte all’uso a modelli completamente personalizzabili.

Ma prima di iniziare, dobbiamo rispondere a una domanda secolare per i produttori di contenuti.

Vuoi costruire la tua piattaforma o utilizzare quella di qualcun altro?

Voglio dire, vuoi creare il tuo blog sulla piattaforma WordPress (cosa che faccio personalmente e raccomando), attraverso un sistema di gestione dei contenuti pronto come Squarespace, o vuoi semplicemente ospitare i tuoi contenuti su un dominio esterno come Medium (scrittura), YouTube (video) o Apple (Podcast)?

Le cattive notizie? Ci sono pro e contro in ognuna di queste strade.

Mentre costruire il tuo sito ti dà la flessibilità e la libertà di farlo esattamente come vuoi, significa anche un investimento più tempestivo e continuo e potenziali costi di sviluppo. Stai anche iniziando senza pubblico, il che può rendere difficile far notare i tuoi contenuti.

D’altra parte, l’utilizzo di una piattaforma preesistente come Medium, YouTube e Apple Podcast per pubblicare i tuoi contenuti significa meno personalizzazione, ma costi di avvio più facili (soprattutto quando si tratta di investimenti nel tempo se non hai mai usato WordPress prima).

Questo percorso implica anche l’accesso immediato a un pubblico già presente e alla ricerca attiva di contenuti.

Tuttavia, per quanto attraente possa sembrare, tieni presente che non avrai il controllo di ciò che farà quella piattaforma in futuro, il che significa che potrebbero essere acquistati, hackerati, modificare le loro politiche o addirittura chiudere ogni giorno che scelgono.

Alla fine, la scelta è tua.

Tuttavia, sono personalmente propenso a partire dal tuo dominio blog fin dal primo giorno, quindi perché consiglio sempre alle nuove startup di dare il via ai loro contenuti con un blog basato su WordPress . E se non sei sicuro di come nominare il tuo blog, inizia con uno di questi generatori di nomi di dominio .

Se stai cercando di fare un investimento a lungo termine nella tua strategia di marketing dei contenuti, dovresti seguire i consigli dell’editor di GrowthLab Sean Blanda .

Sean Blanda

@SeanBlanda

(•_•)
<) )╯Always
/ \

\(•_•)
( (> Own
/ \

(•_•)
<) )> Your platform
/ \https://medium.com/@kurtgessler/facebooks-algorithm-isn-t-surfacing-one-third-of-our-posts-and-it-s-getting-worse-68e37ee025a3 

Facebook’s algorithm isn’t surfacing one-third of our posts. And it’s getting worse

Starting in January of this year, we at the Chicago Tribune started to anecdotally see a fairly significant change in our post reach.

medium.com

19 utenti ne stanno parlando

E come vantaggio secondario, avere il tuo blog ti aprirà anche a domande su coaching, consulenza, insegnamento o altri lavori da lavori domestici una volta che hai creato un po ‘di pubblico.

4. Aggiorna il tuo contenuto attuale (se hai già pubblicato)

Non c’è mai un brutto momento per rivalutare la tua strategia di marketing dei contenuti e cambiare marcia se qualcosa non funziona.

Lavoro esistente di aggiornamento della strategia di marketing dei contenuti

Se hai già scritto o prodotto altri tipi di contenuti per un po ‘di tempo, ora è un buon momento per portare i tuoi contenuti pubblicati nello stile della tua nuova strategia di marketing dei contenuti.

Per fare questo, devi sapere esattamente che tipo di ‘tipi’ di contenuti stai per produrre.

Ora, non stiamo parlando solo del formato, che si tratti di post di blog, video o podcast, ma piuttosto quali argomenti hai intenzione di produrre su una base coerente?

Il fondatore di BrandVox, Andrea Goulet, chiama questi “pilastri dei contenuti”, argomenti che saranno alla base del tuo blog (e della strategia di marketing dei contenuti).

Ad esempio, se stai costruendo un blog finanziario, i pilastri dei contenuti principali potrebbero essere:

  • Suggerimenti e trucchi per la finanza personale
  • Interviste e storie su persone che hanno trovato la libertà finanziaria
  • Novità del settore e cosa significa per te
  • Nozioni di base sulla finanza

Con questi pilastri in atto, ti consigliamo di assicurarsi che si sta colpendo 3 tipi di contenuto chiave, che Goulet chiama la  E del 3 .

  • Coinvolgimento: contenuti che hanno lo scopo di avviare una conversazione (piaccia o no, il marketing conversazionale è qui per rimanere, persone), come la tua opinione su un argomento popolare .
  • Evergreen: contenuti basati su termini chiave per la tua attività e ai quali puoi fare riferimento e aggiornare per gli anni a venire.
  • Eventi: contenuti attorno a un particolare evento o evento, ad esempio notizie importanti o eventi del settore .

Se hai già pubblicato contenuti, esaminali e verifica se si adattano alla tua nuova strategia di marketing dei contenuti.

Parla con il tuo pubblico e lavora per raggiungere i tuoi obiettivi? In caso contrario, è possibile aggiornarlo o modificarlo o è necessario eliminarlo del tutto?

5. Inizia a creare un elenco e-mail e scopri come utilizzarlo

Qualunque sia il contenuto che stai creando, vuoi metterlo di fronte alle persone giuste.

Ma prima di entrare nella distribuzione, sfruttando i social media e tutto il resto, dobbiamo parlare del pezzo più importante del tuo puzzle di distribuzione dei contenuti: la posta elettronica .

L’e-mail ti consente di comunicare direttamente con i tuoi abbonati e ti porta nelle loro caselle di posta in cui molti di noi trascorrono innumerevoli ore ogni settimana. Iniziare presto con la creazione di elenchi è un ottimo modo per amplificare il contenuto che stai creando.

Nella sua classe Introduzione all’e-mail marketing , Allyson Van Houten, responsabile del marketing di prodotti MailChimp, illustra alcune delle nozioni di base su come creare campagne di e-mail significative, rispondendo ad alcune delle principali domande di e-mail marketing che devono essere risolte e allineate con il tuo content marketing strategia.

Di quali strumenti hai bisogno?

Un fornitore di servizi e-mail (o ESP) ti consente di inviare e-mail, creare e gestire il tuo elenco di iscritti e controllare rapporti e analisi sull’andamento delle tue campagne. Un ESP assicurerà inoltre che le tue e-mail rimangano fuori dalle cartelle spam, manterrà il tuo elenco in salute e sotto controllo, e si assicurerà che tu stia rispettando tutte le leggi pertinenti relative alle e-mail.

Ecco uno screenshot della dashboard dal mio  ESK ConvertKit , che mostra le statistiche su quanti nuovi abbonati e-mail sto ricevendo nel tempo, inclusi i moduli / le offerte a cui si iscrivono, il che mi aiuta a tenere traccia di ciò che funziona meglio.

Ci sono molte opzioni, ma alcune delle più popolari per gli esperti di marketing e anche i costi di avvio più bassi sono ConvertKit vs AWeber vs Mailchimp .

Ecco alcuni altri principali servizi di email marketing da considerare:

Scopri la mia suddivisione dettagliata di ConvertKit vs AWeber vs Mailchimp per un’analisi completa su quale sia il miglior strumento di email marketing per i blogger.

Come qualsiasi decisione relativa a uno “strumento”, può sempre essere modificata o annullata se non funziona dopo un mese e ciascuno di questi ESP fa un ottimo lavoro nel rendere facile la migrazione.

Il mio consiglio? Scegli l’opzione più economica che ti offre la minima funzionalità minima necessaria per raggiungere i tuoi obiettivi e-mail e andare avanti. Puoi sempre cambiare le cose e passare a uno strumento con più opzioni in futuro.

E non dimenticare: è fondamentale assicurarsi di mantenere un elenco di e-mail pulito per garantire un’alta consegna ai tuoi abbonati. L’uso di uno strumento di verifica della posta elettronica di buona qualità può aiutare immensamente in questo processo.

Qual è l’obiettivo delle tue e-mail?

La tua strategia per l’email marketing deve essere correlata ai tuoi obiettivi aziendali.

Ciò che stai cercando di realizzare per la tua attività nelle prossime due settimane o mesi dovrebbe davvero dettare ciò che stai facendo nelle tue campagne e-mail e newsletter.

Come spiega Van Houten: “Alcuni degli obiettivi che potresti tentare di raggiungere con la tua strategia e-mail potrebbero essere la consapevolezza del marchio, la consapevolezza dei tuoi prodotti, la lealtà verso la tua azienda e il tuo marchio, oltre a guidare le persone sul tuo sito Web a consumare i tuoi contenuti “.

Quali contenuti devono includere le tue e-mail?

Il contenuto che stai creando per il tuo blog è un ottimo punto di partenza con ciò che potresti inviare al tuo elenco di iscritti e-mail.

Van Houten suggerisce di prendere quel contenuto e usarne parti per creare campagne e-mail che riporteranno le persone sul tuo blog a leggere il resto del tuo post, guardare il video completo o ascoltare l’intero episodio del podcast.

Questo è esattamente ciò che faccio con la mia newsletter settimanale (a volte due volte a settimana). Ecco uno screenshot della scorsa settimana.

Blog e-mail Strategia di marketing del contenuto

Fornisco un’anteprima del nuovo episodio podcast della settimana e dei nuovi post sul blog quando vengono pubblicati, in modo che i miei abbonati possano approfondire l’intero contenuto (se è una corrispondenza per ciò di cui hanno bisogno al momento).

Quali tipi di email devo inviare?

Esistono 3 tipi principali di e-mail che puoi inviare al tuo elenco, in modo da supportare la tua strategia di marketing dei contenuti:

  • Campagne generali e newsletter:  vengono inviate al tuo elenco completo. Sono fantastici quando hai appena iniziato e la tua lista non è davvero enorme (come sai che praticamente tutti nella lista vogliono sapere della tua azienda e dei contenuti che stai rilasciando).
  • Comunicazione che viene inviata a segmenti mirati del tuo elenco: man mano che cresci, dovrai assicurarti di inviare i messaggi giusti ai giusti gruppi di persone nel tuo elenco. Il tuo ESP dovrebbe consentirti di selezionare segmenti in base alle informazioni demografiche o ai link su cui hanno fatto clic in passato, in modo da poter inviare campagne più mirate.
  • Messaggi automatici: questi sono i messaggi che invierai a più persone nel tempo. Pensa alle e-mail di benvenuto, offrendo un corso elettronico o elenchi dei tuoi contenuti principali.

Quanto spesso devo inviare e-mail?

Non ci sono regole rigide e veloci sull’invio una volta alla settimana o una volta al mese, secondo Van Houten.

Piuttosto, la frequenza con cui invierai dipenderà da quanto tempo dovrai dedicare alla posta elettronica e dalla frequenza con cui hai notizie o nuovi contenuti preziosi da condividere.

Come hai appena iniziato, di solito raccomanda l’obiettivo di piccole imprese per 1 e-mail al mese.

Vuoi essere coerente e parlare con i tuoi abbonati il ​​più spesso possibile senza sopraffarli. E anche tu non vuoi passare 4, 5 o 6 mesi senza che loro ti sentano, perché probabilmente dimenticheranno come sono entrati nella tua lista e-mail e le tue possibilità di essere contrassegnate come spam aumentano in modo significativo.

6. Brainstorming di idee di contenuto e utilizzare la ricerca di parole chiave per trovare opportunità

Ricerca per parole chiave di strategia di marketing dei contenuti

Bene, a questo punto conosciamo il motivo per cui stiamo creando contenuti e chi è il nostro pubblico.

Abbiamo una configurazione del blog e il nostro fornitore di servizi e-mail è pronto per partire. Ora è finalmente il momento di parlare del contenuto reale che stai per creare e di come si allinea con la tua strategia di marketing dei contenuti.

È qui che inizia il divertimento.

Probabilmente hai un sacco di idee per post che puoi scrivere o video che puoi filmare a questo punto. Tuttavia, quell’entusiasmo iniziale può svanire rapidamente quando altre cose si frappongono.

Affinché la tua strategia di content marketing abbia successo, devi assicurarti di rimanere strategico in ciò che stai creando ed evitare di cadere nella trappola della semplice reazione.

Come spiega Seth Godin in The Modern Marketing Workshop :

“I grandi esperti di marketing fissano la propria agenda. Ciò significa uscire dalla modalità di reazione e concentrarsi sulla propria strategia. “

Per impostare la tua agenda, devi creare un calendario editoriale di content marketing che non sia reazionario.

Piuttosto, uno che è pieno di contenuti ripetibili che è direttamente legato ai tuoi obiettivi aziendali.

Download gratuito: modello di calendario editoriale di My Content Marketing

I post sul pilastro o i tipi di contenuto discussi in precedenza ti aiuteranno a dire i tipi di post che stai per scrivere, ma per quanto riguarda l’effettivo contenuto specifico di ciascuno?

Per questo, passiamo alla ricerca di parole chiave (ecco la mia guida su come ho cresciuto il mio blog a 584.958 lettori / mese usando la ricerca di parole chiave alla base del mio processo di content marketing).

Ecco come Rand Fishkin , fondatore di Moz , spiega le basi dell’utilizzo della ricerca per parole chiave in Introduzione al SEO: tattica e strategia per gli imprenditori .

Rand afferma: “Quando stai pensando al tuo pubblico, vogliamo dare un’occhiata alle persone che conosciamo nel gruppo che vogliamo prendere di mira e chiederci ‘cosa stanno cercando oggi che non riescono a trovare stai bene esposto? ‘”

Una volta che inizi a pensare alle esigenze del tuo pubblico, Rand offre una procedura in 5 passaggi per trovare gli argomenti e le parole chiave specifici che il tuo pubblico cercherà. Questo sarà il fondamento della tua strategia di marketing dei contenuti.

  1. Brainstorming di argomenti e termini: inizia scrivendo quante idee di post di blog potrebbero interessare il tuo pubblico. È utile coinvolgere le persone che lavorano direttamente con i tuoi utenti a questo punto, come un servizio clienti o un rappresentante di vendita.
  2. Utilizza uno strumento di ricerca per parole chiave per raccogliere risultati: ora è il momento di inserire quei termini in uno strumento come Google Keyword Planner, Moz, Twinword Ideas o qualsiasi altro per vedere cosa succede.
  3. Espandi e perfeziona la tua lista: prendi quella grande lista e perfezionali o raggruppali. Cosa sembra buono? Cosa non ha senso per i tuoi obiettivi di business?
  4. Crea un foglio di calcolo e dai la priorità ai termini: ora è il momento di organizzarti. Crea un foglio di calcolo con i dati che hai nel tuo strumento, come parola chiave, volume di ricerca stimato, difficoltà e opportunità e assegna una priorità a ciascuno di essi. Qual è il più importante per la tua azienda?
  5. Descrivi i contenuti che soddisfano le 3 principali esigenze: prendi i tuoi termini principali e crea un post di blog, descrivi i contenuti che serviranno ai tuoi obiettivi, alle esigenze dell’utente e al targeting per parole chiave. Questa è la tripla di contenuti killer e SEO-friendly.

L’ultimo consiglio di Rand? Assicurati di non solo mirare a abbinare il contenuto che vedi nella classifica n. 1, ma di espellerlo dall’acqua:

Elabora: “Qual è la cosa in cui quando leggi i primi risultati di ricerca dici” È fantastico, ma vorrei che … “. Se hai ottime risposte a questo, non chiedere “come possiamo fare qualcosa di buono come questo?” ma dite “come possiamo fare qualcosa di 10 volte migliore di uno di questi?” Questa è la barra che è stata impostata perché è così competitivo cercare di classificare i termini oggi. ”

7. Decidi quale formato di contenuto vuoi produrre

Post di blog, video, podcast, infografiche: hanno tutti il ​​loro posto nella strategia dei contenuti e dipende da te come li usi. Ciò che non è negoziabile, tuttavia, è che raccontano una storia.

Come afferma Seth Godin:  “Il marketing è l’atto di raccontare una storia alle persone che vogliono ascoltarla. E rendere quella storia così vivida e vera che le persone che la ascoltano vogliono raccontare ad altre persone. “

Per raggiungere questo obiettivo, Godin afferma che ci sono 4 qualità che i tuoi contenuti devono avere:

  1. Emozione: quale emozione vogliamo che le persone provino?
  2. Modifica: come stai cambiando le persone con il tuo prodotto o contenuto? Quell’emozione li cambia in un modo che aiuta il tuo marchio?
  3. Avviso: una volta che hai cambiato qualcuno, come crei il privilegio di poterlo dire quando hai qualcosa di nuovo?
  4. Condividi: come puoi convincere le persone a parlarsi?

Con questo in mente, diamo un’occhiata ai dettagli di mettere insieme alcuni dei formati di contenuto più popolari: post di blog, video e podcast.

Blog nella strategia di marketing dei contenuti

I post sul blog sono un ottimo punto di partenza con la tua strategia di marketing dei contenuti in quanto hanno di gran lunga il più basso ostacolo all’ingresso.

Non hai bisogno di un designer o di attrezzature speciali. Inizia a scrivere e sei pronto per partire.

Ecco come Eric Siu, CEO di Single Grain, spiega come creare un post sul blog in Content Marketing: Blogging for Growth:

Inizia con uno schema: inizia con solo uno scheletro di ciò che vuoi dire. Questo significa avere alcune righe per la tua introduzione e perché le persone dovrebbero preoccuparsi del tuo argomento, oltre a delineare i punti principali o i sottotitoli che utilizzerai in tutto il post. Leggi questo. Ha senso? Il tuo profilo risponde rapidamente Cosa, perché, come e dove?

Aggiungi la carne: questi sono i dettagli, le statistiche, le citazioni, le immagini o i casi studio. Se stai presentando reclami nel tuo post, devi eseguirne il backup. Usa Google per trovare statistiche sull’argomento. E quando ti colleghi a studi o riferimenti, queste sono persone fantastiche a cui rivolgersi in seguito quando distribuisci i tuoi contenuti.

Competizione individuale: a questo punto hai un buon post, ma non eccezionale. Fai il passo successivo e guarda cosa sta facendo la competizione. Qual è il risultato numero 1 per il tuo argomento e come puoi migliorare il tuo? Puoi approfondire? Aggiungi più immagini o risorse?

Scrivi un titolo eccezionale: l’ultima e quasi importante parte della scrittura è il titolo. Fai clic su cose che attirano la tua attenzione quando scorri i social media e il tuo pubblico è lo stesso. Ci sono grandi risorse per scrivere titoli su Copyblogger e Quicksprout.

Aggiungi un’immagine in primo piano efficace: le persone adorano le immagini e l’aggiunta di un’immagine in primo piano prima che il post sia stato mostrato per darti il ​​18% in più di clic, l’89% in più di preferiti e il 150% in più di retweet solo su Twitter. Dai un’occhiata a siti come Unsplash per foto migliori delle stock e quindi utilizza uno strumento come Canva per aggiungere elementi extra come testo o icone.

Video nella tua strategia di marketing dei contenuti

Secondo una recente ricerca, il 51% dei professionisti del marketing in tutto il mondo nomina il video come il tipo di contenuto con il miglior ROI, mentre il social video genera il 1200% in più di condivisioni rispetto a testo e immagini combinati.

Video sulla strategia di marketing dei contenuti e YouTube

Tuttavia, fare video può sembrare un compito monumentale se sei abituato a guardare i contenuti altamente prodotti da persone come Gary Veynerchuk che hanno interi team dedicati alla produzione dei suoi contenuti.

Hai bisogno di attrezzature specializzate, uno studio, illuminazione, suono, giusto? Non esattamente, nel video virale fai-da-te: una mini lezione su come realizzare video dimostrativi per iPhone , la fondatrice di Darby Smart, Nicole Farb, spiega come creare uno degli stili video più popolari là fuori – i video hyperlapse – solo con il tuo iPhone.

Se hai visto ricette di cucina o video tutorial fai-da-te online, conosci lo stile. Presenta ciò che realizzerai, gli ingredienti, il processo e il risultato finale, il tutto in 60 secondi o meno. Ecco come lo fa:

    • Insomma: meno di 60 secondi al massimo. Se riesci a mantenerlo per meno di 30 secondi lo stai uccidendo!
    • Prepara un piano: pensa ai tuoi ingredienti o oggetti di scena di cui hai bisogno o come mostrerai i passaggi
    • Usa i segnali manuali per comunicare ai tuoi utenti: la maggior parte dei video viene guardata senza audio, quindi pensa ad altri modi per comunicare ciò che l’utente deve sapere.
    • Usa i tuoi strumenti: Skillshare utilizza lo strumento Hyperlapse , Box per archiviare i nostri video e un supporto video, che puoi creare con qualcosa di semplice come due pile di libri con una tavola di fronte. Posiziona la fotocamera sul bordo della plancia e accendi l’app della fotocamera. Puoi impostare un ‘palcoscenico’ per dove stai filmando toccandolo sul tavolo.
    • Raccogli le tue risorse: o inseriscile una alla volta o disponile tutte al centro della scena.
    • Inizia con un’immagine avvincente: un impressionante “prodotto finito” per suscitare interesse o alcuni ingredienti non convenzionali.
    • Non preoccuparti che sia perfetto: i video fai-da-te diventano virali ogni giorno. Se riesci a raccontare una storia avvincente in breve tempo, non importa se l’hai girata sul tuo iPhone o su una fotocamera professionale.

Podcast nella tua strategia di marketing dei contenuti

I podcast sono super hot in questo momento come modulo di contenuto e, per una buona ragione, possono alimentare la tua strategia di marketing dei contenuti con uno sforzo relativamente basso rispetto a scrivere oltre 7.000 post di blog di parole come questo. 😂

Con quanto è impegnato il tuo pubblico, offrire loro un modo per ascoltare passivamente i tuoi contenuti è fantastico per abbassare la barriera d’ingresso.

Tuttavia, come i video, probabilmente stai pensando di aver bisogno di ogni tipo di attrezzatura e abilità specializzate. E mentre sì, l’audio è un’altra cosa, puoi iniziare con un po ‘di sforzo. Nella sua classe Ottenere il tuo podcast da terra! , Neil Patel, ospite di The Indian avvio Show (il # 1 tecnico di podcast in India) ci attraversa le basi del podcasting.

Passaggio 1: scegli il tuo argomento o la tua nicchia

Se conosci già il tuo pubblico e il tuo argomento, questo dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Tuttavia, ti consigliamo di scegliere una nicchia di blog per attirare le persone. Al momento ci sono oltre 100.000 spettacoli di podcast là fuori, quindi sii specifico!

Alcuni strumenti per aiutarti a ricercare nicchie sono cast.market (una pagina di ricerca per podcast), grafici di iTunes (per vedere cosa è popolare e dove ci sono lacune) o persino Google Trends .

Per il mio podcast , ho scelto l’argomento del trambusto laterale perché è stato un tema coerente nel mio blog negli ultimi anni, ed è stato l’argomento coesivo che lega quasi tutto ciò di cui scrivo insieme, quindi aveva senso parlarne nel mio spettacolo.

Passaggio 2: raccogli i tuoi strumenti

Una configurazione di podcast di base consiste in un microfono e un software per registrare la tua voce. Questo può variare dal semplice come il microfono incorporato (che non consiglio a causa della scarsa qualità del suono) a un microfono USB esterno, un’interfaccia audio e un software di registrazione professionale.

Personalmente, uso un microfono USB ATR2100 che suona alla grande e puoi acquistarlo su Amazon per circa $ 65 proprio qui .

Strategia di marketing dei contenuti Podcast Registrazione Mic

È super conveniente, ha una qualità audio eccezionale per il prezzo ed è piccolo e portatile che lo rende perfetto per gli spostamenti.

Dai un’occhiata alla pagina di Skillshare con esempi di configurazioni audio qui.

Passaggio 3: trova i tuoi ospiti (o scrivi i tuoi episodi)

Se stai facendo uno spettacolo in stile intervista (come il mio ), ora vorrai iniziare a coinvolgere alcuni ospiti.

Podcast Content Marketing Strategy

Puoi utilizzare il tuo social network esistente per contattare persone che già conosci o con cui sei connesso su Twitter o Facebook. Puoi anche andare su Medium o Amazon per trovare autori o esperti su argomenti specifici per la tua nicchia.

Dopo aver raccolto un elenco, metti insieme un modello di email di sensibilizzazione (mentre lo farai più e più volte) che è breve e chiaro con le aspettative. Dì loro chi sei, di cosa parla il tuo podcast e cosa stai chiedendo loro.

Passaggio 4: modifica il tuo podcast e aggiungi musica, suono e altri elementi

Il montaggio audio è una forma d’arte. Fortunatamente, ci sono tonnellate di opzioni convenienti per assumere un tecnico del suono o un produttore di podcast (come il mio) per ricucire i tuoi episodi. Per iniziare, tutto ciò di cui hai veramente bisogno sono 4 file: la tua intervista principale, introduzione, outro e jingle / musica.

Successivamente, carica questi file su Google Drive o Dropbox. Ecco uno screenshot della mia cartella Drive con episodi per il mio podcast, The Side Hustle Project .

Strategia di marketing dei contenuti utilizzando un podcast

Ed ecco un’istantanea all’interno di una cartella degli episodi, in modo da poter vedere tutte le diverse risorse che invio al mio editor:

Beni della cartella Podcast della strategia di marketing dei contenuti

Tieni presente che quando hai appena iniziato con il tuo podcast, ti consiglio di lasciare i tuoi episodi (o interviste) molto leggermente modificati senza troppa narrazione intrecciata (che richiede molto tempo) a meno che tu non abbia un talento per esso — o se il podcasting è in procinto di essere la tua più grande strategia di marketing dei contenuti in cui andrai avanti.

Ad ogni modo, dopo aver registrato la conversazione, riascoltare l’intervista principale e annotare cosa deve essere fatto e quando.

Successivamente, ti consigliamo di inviare un’e-mail al tuo tecnico del suono chiedendo loro di migliorare la qualità del suono e i livelli dell’intervista, se necessario, e apportare le seguenti modifiche:

  1. Aggiungi musica introduttiva (aggiungi un link al tuo file e per quanto tempo vuoi che venga riprodotto)
  2. Aggiungi nuova introduzione (aggiungi un collegamento alla tua introduzione)
  3. Aggiungi intervista principale (aggiungi link alla registrazione dell’intervista)
    • Con le seguenti modifiche (dire loro dove si desidera tagliare o modificare)
  4. Aggiungi outro (aggiungi link al tuo outro)
  5. Converti in MPR
  6. Salva come <qualunque sia il nome del file>

Passaggio 5: carica e promuovi

Congratulazioni! Ora hai un episodio podcast pronto per essere caricato su iTunes, SoundCloud o altrove e promosso insieme al resto dei tuoi contenuti!

Assicurati di colpire i tuoi ospiti con un po ‘di copia e incolla della copia social che possono utilizzare per promuovere il loro episodio, e aiuta immensamente se hai una grafica visivamente accattivante da accompagnare.

8. Descrivi quali strategie di marketing dei contenuti sperimenterai

Ora che hai i tuoi contenuti insieme, come hai intenzione di promuoverli o distribuirli? Devi essere produttivo con i tuoi sforzi di marketing , perché se nessuno vede, ascolta o legge il contenuto che hai dedicato così tanto tempo alla creazione, vale la pena scriverlo in primo luogo?

In 10x Marketing: Content Marketing che si distingue e ottiene risultati , il CEO di CoSchedule Garrett Moon affronta un paio di tattiche e strategie specifiche che puoi provare.

Trova il tuo “contenuto senza competizione”

Con così tanta concorrenza nei contenuti e negli spazi dei social media, Moon afferma che è importante trovare le tue opportunità di “oceano blu”, luoghi in cui non stai combattendo con i mercati esistenti e puoi fare il tuo meglio.

“Come puoi creare contenuti liberi dalla concorrenza, in modo che ciò che stai creando risulti efficace e significativo?”

Un esempio che fornisce è Groove, il software dell’help desk, che ha deciso di chiudere il proprio blog di successo per concentrarsi su qualcosa di cui solo loro potevano parlare: i loro numeri, le metriche e la propria storia di avvio.

Sono passati dalla produzione dei contenuti “me-too” che tutti stanno creando, a qualcosa di unico e sono stati premiati con enormi aumenti di traffico e utenti.

Questa strategia di marketing dei contenuti si concentra sull’utilizzo delle loro competenze chiave, ma ecco come puoi trovare gli stessi tipi di opportunità all’interno della tua attività:

  1. Osserva i tuoi concorrenti: cosa stanno facendo, dove pubblicano e come stanno usando la posta elettronica? Scopri cosa stanno già vedendo i tuoi clienti.
  2. Cerca argomenti pertinenti su Google: guarda i primi 10 risultati e vedi cosa c’è. Quanto dura il contenuto. Quali immagini vengono utilizzate? Cosa è coerente o si distingue?
  3. Chiediti a cosa sei veramente bravo tu e la tua squadra? Quali sono gli schemi in cui cadono i tuoi concorrenti che puoi interrompere? Ci sono persone nel tuo pubblico che non stai servendo? Cosa hai creato di cui sei più orgoglioso?

Da questi 3 passaggi, dovresti essere in grado di iniziare a vedere opportunità in cui puoi eccellere che non sono già piene di concorrenza.

Dai la priorità a 10x opportunità

Un’altra tattica che è cruciale per qualsiasi strategia di marketing dei contenuti è quella di dare sempre la priorità ai contenuti di maggiore impatto. Moon lo chiama il test 10X contro il 10%. Quali opportunità potrebbero potenzialmente aumentare di 10 volte la crescita del tuo pubblico, del traffico o degli abbonati, rispetto al solo 10%?

Per fare questo, c’è un altro semplice processo in 3 passaggi:

  1. Scarica tutte le tue idee su una lavagna. Non ci sono idee cattive qui, lascia solo andare tutto fuori.
  2. Porta il resto della tua squadra per aiutare. Identifica tutte le reali opportunità 10X e inseriscile in una colonna.
  3. Classifica la difficoltà delle tue opportunità 10X su una scala da 1 a 3. Se hai un’opportunità 10X con solo una difficoltà di livello 1, dovresti saltare subito su questo e dare priorità alla tua strategia di marketing dei contenuti.

A questo punto, sai su cosa dovresti concentrarti di più. Ma ricorda, le tue idee al 10% non sono male, quindi non buttarle via. Ci potrebbe essere un tempo in futuro, quando  non diventano un’attività rendimento più elevato.

Oggi non hanno lo stesso potenziale impatto e quindi dovrebbero essere una priorità inferiore nella tua strategia di marketing dei contenuti in questo momento. Rivisita regolarmente la tua tavola delle idee per rivalutare le priorità e rimanere in punta di piedi.

9. Usa i social media per promuovere i tuoi contenuti

Content Marketing Strategy Gary Vaynerchuk Cura delle persone

In questi giorni è praticamente impossibile separare la tua strategia di content marketing dalla tua strategia sui social media.

Come afferma il maestro di citazioni motivazionali Gary Vaynerchuk, fondatore e CEO di VaynerMedia , nel contesto è fondamentale: la strategia dei social media in un mondo online rumoroso :

“Adoro i social media perché vende merda.”

I social media sono diventati parte integrante del far conoscere i tuoi contenuti alle persone giuste. Ma devi fare di più che pubblicare su Facebook e Twitter una o due volte. La strategia di Gary si chiama jab, jab, jab, gancio destro . Che si rompe per dare, dare, dare, chiedere.

“La mia strategia sui social media è quella di dare il maggior valore possibile al fatto che tu fondamentalmente colpisci le persone nell’acquistare ciò che stai vendendo. Quindi quando finalmente chiedi loro di comprare quello che stai vendendo, lo fanno. “

Ciò a cui si riduce non è semplicemente parlare dei tuoi contenuti e chiedere alle persone di fare clic su un link o iscriversi alla tua newsletter. Invece, è necessario dimostrare che sei una fonte affidabile di risorse didattiche e di guadagnare la loro attenzione per quando si fa chiedere qualcosa in cambio.

Al centro della tua strategia di marketing dei contenuti deve esserci la convinzione che si tratti di un investimento a lungo termine (a vita) nella costruzione del tuo valore.

Passando dal quadro generale dei social media all’aspetto reale della costruzione di post, Brian Peters , uno stratega del marketing digitale presso Buffer e compagno di marketing dei contenuti con me nel mio nuovo progetto, Pro Content Marketer , spiega il suo processo in Introduzione alla strategia per i social media .

Trova la tua voce: quali sono le parole, la grafica e le immagini che pubblicherai? Sarai eccentrico come MailChimp o più abbottonato come IBM o Cisco?

Scegli quali piattaforme utilizzerai: quando hai appena iniziato, semplicemente non puoi e non dovresti trovarti su ogni piattaforma. Scegli ciò che ha più senso per il tuo marchio e dove è più probabile che il tuo pubblico esca. Significa Facebook o Snapchat?

Genera contenuti specifici della piattaforma: puoi sia creare contenuti originali dai post del tuo blog o altri contenuti, sia curare i contenuti di altre persone come link o video pertinenti. Entrambi hanno il loro posto e dovrebbero far parte della tua strategia. Ogni piattaforma ha le sue sfumature e sottigliezze su come si abituano e le persone condividono. Se vuoi imparare i segreti di Gary dai un’occhiata al resto della sua classe qui.

Imposta il tuo “stack” sui social media: quali strumenti di blog utilizzerai per supportare la tua strategia sui social media? Peters suggerisce a Trello di pianificare in anticipo i post e assicurarsi di disporre di tutti i contenuti necessari. Canva e Pablo per la realizzazione della grafica. E Buffer o Hootsuite per pianificare la pubblicazione dei post al momento giusto.

E mentre i tuoi sforzi di sensibilizzazione iniziano a ripagare, puoi eventualmente ridimensionare il numero di e-mail che stai inviando (e le relazioni che stai costruendo) utilizzando l’automazione di sensibilizzazione .

10. Usa gli annunci a pagamento per avere un occhio in più sui tuoi contenuti

In questi giorni, molte piattaforme di social media stanno passando a un modello “pay to play”. Significa, anche se hai un seguito enorme e un grande coinvolgimento, devi fare un po ‘di soldi in pubblicità per far vedere i tuoi contenuti a tutti.

Quando stai appena iniziando e costruendo una nuova strategia per i contenuti, è probabilmente un po ‘spaventoso investire in annunci a pagamento. Nel solo 2016 sono stati spesi oltre $ 72 miliardi in annunci social, con un numero che dovrebbe salire a $ 113 miliardi entro il 2020.

Ma, come Peters descrive in un altro corso – Introduzione alla pubblicità sui social media – non è necessario gettare grossi pezzi di denaro sui social media per ottenere un ritorno. Invece, $ 5 è tutto ciò che serve per iniziare a sperimentare, specialmente con canali come Facebook Ads …

Strategia di Content Marketing Creazione di annunci a pagamento tramite buffer

(Gif per gentile concessione della guida definitiva di Buffer per iniziare con le pubblicità di Facebook )

Ecco come Peters interrompe la configurazione degli annunci social su Twitter, Facebook, Pinterest e Instagram:

Passaggio 1: definire i tuoi obiettivi

Gli annunci a pagamento arrivano tutti ai lavoratori dalla parte superiore della tua canalizzazione di marketing, dove non hanno sentito parlare del tuo marchio, fino alla metà e infine alla parte inferiore dove chiedi la vendita e si spera che diventino clienti.

Quindi, inizia chiedendoti, chi è il mio pubblico e qual è il mio obiettivo con loro?

Gestire una campagna di sensibilizzazione per il tuo pubblico di canalizzazione e aumentare la consapevolezza del tuo marchio?

Oppure, cerchi persone che già sanno chi sei e chiedi loro di fare clic su un post di blog o su una landing page?

Una volta definito il tuo obiettivo di alto livello, devi essere specifico su come misurare il suo successo, che si tratti di impressioni, coinvolgimento o clic. Per fare questo, ci sono 2 cose che devi fare:

  1. Imposta i parametri di Google Analytics e UTM sui tuoi link: si tratta di semplici strumenti che ti consentono di monitorare da dove proviene il tuo traffico e cosa ha fatto una volta arrivato sul tuo sito.
  2. Imposta “Pixel” sul tuo sito: questo è un piccolo frammento di codice javascript che puoi aggiungere al tuo sito Web per tenere traccia degli sforzi pubblicitari sui social media specifici per ogni singola piattaforma. Ad esempio, uno snippet di Facebook apre le linee di comunicazione tra Facebook e il tuo sito Web che fornisce loro informazioni sulle persone che vengono sul tuo sito e fanno sapere al social network se un utente ha fatto una determinata azione.

Passaggio 2: targeting

Successivamente, devi decidere chi vedrà il tuo annuncio. Come spiega Peters, il targeting è l’intero motivo per cui il social media marketing funziona così come:

“Le funzionalità di targeting hanno un livello senza precedenti. Le reti di social media come Facebook, Twitter, LinkedIn e Pinterest ti offrono un’incredibile quantità di informazioni sui tuoi clienti, che ti consentono di creare annunci altamente mirati e personalizzati per il nostro pubblico “.

Esistono 3 modi per indirizzare il tuo pubblico:

  1. Sviluppa personaggi del tuo pubblico previsto: chiedi perché qualcuno dovrebbe fare clic sul tuo annuncio? Loro chi sono? Quale problema stai risolvendo per loro?
  2. Retarget di persone che ti hanno visto: puoi anche scegliere come target persone che hanno visitato il tuo sito o hanno guardato un video per un certo periodo di tempo o sono andate su un altro sito. Il pubblico personalizzato ti consente di indirizzare le persone che già sanno chi sei, il che significa che puoi indirizzare gli utenti migliori della canalizzazione con annunci pubblicitari e quindi creare segmenti di pubblico personalizzati in base a ciò che fanno quegli utenti, spingendoli ulteriormente verso il basso nella tua canalizzazione di marketing.
  3. Targeting per concorrente o sosia: si tratta di gruppi di persone che il social network ritiene simili ai tuoi attuali utenti (e quindi che potrebbero piacerti) o che amano la pagina di un concorrente.

Passaggio 3: impostazione del budget

Come abbiamo detto prima, non è necessario un grande budget per avere successo con la pubblicità sui social media. In effetti, puoi iniziare con un minimo di $ 5 al giorno.

Quando inizi con un budget limitato, vuoi concentrarti sulla parte superiore del pubblico della canalizzazione, poiché sono più economici da affrontare. Non stai chiedendo una vendita o un clic, li stai semplicemente facendo vedere al tuo marchio e interagire con te.

Una volta passati da quella fase, inizierai a guardare cose come il costo per clic (CPC), il che significa quanto sei disposto a spendere affinché qualcuno faccia clic sul tuo annuncio. Oppure visualizzazioni del costo per mille (CPM). Mentre il budget per le grandi campagne sui social media può diventare complicato, tutto si riduce a una semplice domanda:

“Chiediti, sono disposto a spendere questi soldi per questo obiettivo specifico? Tutto dipende da quanto sei disposto a spendere i tuoi soldi e quali sono i tuoi obiettivi nella pubblicità sui social media in modo che $ 100 o $ 1000 non vadano sprecati. “

Non importa quale sia il budget fintanto che ciò che stai effettivamente pagando sta pagando nel lungo periodo.

Passaggio 4: Copia e oggetti visivi

Infine, è tempo di mettere insieme il tuo annuncio reale.

Per questo, Peters afferma che ci sono solo 4 elementi che devi includere:

    1. Cosa vuoi dire il tuo annuncio? Come in, quale emozione vuoi che il tuo pubblico provi quando vede il tuo annuncio? Vuoi scioccarli, deliziarli, incuriosirli?
    2. Come vuoi che il tuo annuncio appaia? È video? Un’immagine stock? Solo un sms? Che colori hai intenzione di usare? È sulla marca?
    3. Quale azione vuoi che il tuo pubblico intraprenda? Dove dovrebbero andare dopo aver visto il tuo annuncio? A una landing page o post di blog?
    4. Dove vuoi posizionare il tuo annuncio? È un annuncio per utenti mobili o desktop? È nel loro feed di notizie o da qualche altra parte?

Se vuoi approfondire, ci sono alcuni ottimi corsi su questo, come ad esempio Facebook Ads & Facebook Marketing Mastery Guide o Come creare un annuncio Killer Instagram in pochi minuti .

Considerazioni finali sulla creazione di una strategia di marketing dei contenuti:

Ormai, dovresti sapere praticamente tutto ciò di cui hai bisogno per pianificare ed eseguire una strategia di marketing di contenuti killer quest’anno.

Se hai domande su come far decollare la tua strategia di marketing dei contenuti, lasciali cadere nei commenti qui sotto e risponderò a ogni singola domanda che hai 😊

Vuoi che il mio modello di calendario editoriale gratuito mi aiuti a creare una strategia di content marketing come la mia?

Fai clic sul pulsante in basso per scaricarlo subito e ti invierò un link al mio modello di strategia di marketing dei contenuti copia e incolla che puoi iniziare a utilizzare oggi per i tuoi sforzi sui contenuti.

Ricorda, la tua strategia di marketing dei contenuti sarà efficace solo se hai  un piano .

Quindi, tutto ruota attorno all’esecuzione (e alla firma di quel contratto freelance prima di iniziare a lavorare per un cliente).

Andiamo a questo!

E ricorda se sei pronto per iniziare oggi stesso con la tua strategia di marketing dei contenuti, quindi prendi il mio modello di calendario editoriale per il marketing dei contenuti gratuito proprio qui .

Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close