Cerca

10 Brand di E-Commerce che hanno avuto successo con i Chatbot

Tempo di lettura: 10 minuti
10 marchi di e-commerce che hanno successo con i chatbot

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com
Le entrate globali derivanti dall’intelligenza artificiale dovrebbero crescere rapidamente da $ 643,7 milioni nel 2016 a $ 36,8 miliardi entro il 2025. E a quanto pare, i marchi di e-commerce prenderanno una buona parte della torta.

Grazie ai chatbot, l’intelligenza artificiale non è solo per aziende tecnologiche all’avanguardia come IBM Watson e Google. I chatbot possono venire con un mix di elaborazione del linguaggio naturale, machine learning e operatori live per eseguire tutti i tipi di attività che aiutano le aziende a servire meglio i propri clienti. Stanno crescendo in popolarità su Facebook Messenger, Skype, Slack, Kik e altre piattaforme di messaggistica.

Molti marchi li stanno già utilizzando per comunicare meglio con il loro pubblico target, fornire assistenza ai clienti, raccomandare prodotti e incrementare le vendite. Dai un’occhiata a queste statistiche da un recente rapporto Ubisend per aiutarti a realizzare il potenziale:

  • 1 consumatore su 5 prenderebbe in considerazione l’acquisto di beni e servizi da un chatbot.
  • Il 40% dei consumatori desidera offerte e offerte dai chatbot.
  • I consumatori sono disposti a spendere più di $ 400 attraverso un chatbot.

I chatbot fanno molto di più che offrire un nuovo canale affinché le persone possano trovare offerte ed effettuare acquisti di e-commerce. Aiutano anche i consumatori a identificare quali prodotti desiderano e di cui hanno bisogno.

Non riesci ancora a immaginarlo? Forse non hai provato nessuno di questi chatbot da solo. Per dare un’occhiata, ecco solo 10 dei molti casi in cui i marchi di e-commerce utilizzano chatbot AI per raggiungere il loro pubblico, fornire assistenza clienti, incrementare le vendite e altro ancora.

Sephora

Nulla può battere l’esperienza di chattare con un socio Sephora sulle tue esigenze di trucco di persona, ma il chatbot Sephora su Kik (una popolare app di messaggistica) si avvicina molto.

Quando lo apri, viene richiesto agli utenti di Kik di fornire alcuni dettagli chiave su se stessi sotto forma di un quiz che richiede pochi secondi per essere completato:

Chatbot e-commerce Sephora

Quindi puoi passare a sfogliare i prodotti, ottenere consigli di bellezza personalizzati e altro ancora. Il bot Sephora farà anche domande mirate sui tuoi gusti per fornire i consigli di prodotto perfetti, proprio come un vero associato di vendita. Quindi, gli utenti di Kik possono effettuare acquisti senza mai uscire dall’app di messaggistica.

Esempio di Sephora Chatbot

Il chatbot di Kik non è l’unico esempio di come Sephora stia usando l’IA per connettersi e vendere meglio ai clienti online. Hanno anche sviluppato un chatbot chiamato Sephora Virtual Artist su Facebook, che consente alle persone di provare diversi colori delle labbra usando le foto dei selfie.

I chatbot di Sephora aiutano i consumatori a trovare offerte e fare acquisti, ma fanno anche scelte di moda e trovano prodotti che soddisfano il loro stile e gusti unici. È qualcosa che un semplice sito di e-commerce non offre.

E mentre Sephora non ha ancora rilasciato numeri concreti sull’impatto che i loro chatbot hanno sulle vendite di e-commerce, tutti sono ottimisti. Beerud Sheth, CEO di Gupshup , ha recentemente dichiarato: “Un chatbot può aumentare notevolmente le vendite di un marchio come Sephora che ha un’ampia varietà di SKU. I chatbot si comportano come l’assistente alle vendite in negozio, sempre disponibili, immediati, altamente informati. “

eBay

eBay ha iniziato a utilizzare la tecnologia chatbot pilotando un semplice strumento di Facebook Messenger che ricorda agli offerenti 15 minuti prima della fine di una scheda dell’asta. In questo modo, possono ricordare di ricevere un’offerta dell’ultimo minuto.

Ora si sono espansi per offrire ShopBot, un assistente virtuale per lo shopping personale che aiuta le persone a trovare gli articoli che desiderano (al prezzo che desiderano) su eBay.

Tutto quello che devi fare è digitare alcuni dettagli su ciò che stai cercando (ad es. Scarpe da trekking da donna a meno di $ 75). eBay ti farà tutte le domande pertinenti per trovare la misura, lo stile e il colore perfetti per te.

Chatbot e-commerce eBay

Dal suo lancio, gli utenti di Shopbot hanno quasi tre volte più probabilità di porre domande su prodotti specifici rispetto a quelli che navigano nell’inventario di eBay. È un altro ottimo esempio di come l’IA possa migliorare l’esperienza di acquisto oltre a ciò che un normale sito di e-commerce ha da offrire. Alla fine, migliora il coinvolgimento, la fidelizzazione e può guidare le vendite.

SnapTravel

SnapTravel è un bot di Facebook Messenger che aiuta le persone a trovare offerte sugli hotel. Tutto quello che devi fare è digitare la città di viaggio e le date per ricevere consigli. Quindi puoi prenotare gli hotel direttamente a Messenger.

Chatbot e-commerce SnapTravel

Lo strumento offre offerte speciali disponibili solo tramite l’app e, se necessario, hanno agenti reali in standby 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per aiutarti con i tuoi programmi di viaggio.

Ma probabilmente non avrai bisogno di ulteriore aiuto per trovare un hotel con questo bot. Puoi trovare tutto ciò di cui hai bisogno rispondendo alle domande del bot sul tuo viaggio.

Utilizzando AI per la ricerca di Expedia, Priceline e oltre 100 altri siti, SnapTravel va oltre aiutando ad automatizzare il processo di ricerca degli hotel giusti per le tue esigenze di viaggio.

nido di aquila

Il rivenditore di abbigliamento e lingerie Aerie di America Eagle Outfitters è un altro sviluppatore iniziale di chatbot per l’app di messaggistica Kik. Considerando che sono un marchio popolare tra i giovani Millennials e Gen Z, ha senso che sarebbero rapidi a saltare sulla nuova tecnologia.

Il loro bot consente agli utenti di sfogliare i prodotti in base alle preferenze personali, come molti altri robot di e-commerce. Ma la caratteristica davvero unica è la loro opzione QUESTA o QUELLA: agli utenti viene mostrata un’immagine di due stili diversi e devono semplicemente premere “Questo” o “Quello” per restringere i loro gusti e trovare il prodotto giusto.

Aerie Ecommerce Chatbot

Dopo alcuni round del gioco, il bot è in grado di formulare raccomandazioni personalizzate in base alle tue preferenze di stile. Gli acquirenti che visitano il negozio di e-commerce di Aerie non riceverebbero gli stessi vantaggi e, di conseguenza, probabilmente acquisterebbero meno (o per niente).

Il Chief Technology Officer di AEO ha confermato i vantaggi in un comunicato stampa: “In poche settimane, i nostri chatbot hanno acquisito più del doppio del numero medio di utenti che aggiungiamo mensilmente su tutti i canali social messi insieme. Siamo entusiasti di vedere l’alto tasso di adozione dei nostri chatbot e i vantaggi che stanno portando ai nostri clienti “.

1-800-Flowers

1-800-Flowers è stato uno dei primi robot su Facebook Messenger. Serve come un ottimo esempio di come i marchi più vecchi possano trarre vantaggio dall’adozione tempestiva di nuove tecnologie.

Proprio come con il loro servizio di telefonata, il loro bot consente agli utenti di inviare fiori e regali. Ti chiede di selezionare gli elementi in base al tipo di evento (compleanno, romanticismo, anniversario, ecc.) E offre suggerimenti per regali diversi.

Hai bisogno d'aiuto? Contattaci via Email: info.ibdi.it@gmail.com

Esempio di chatbot e-commerce 1-800-Flowers

Quindi puoi acquistare i fiori e ricevere gli aggiornamenti di spedizione direttamente dall’app.

1800Flowers E-commerce Chatbot

1-800-Flowers ha molto da offrire agli acquirenti oltre il tuo bouquet medio. L’app semplifica la navigazione e la scoperta delle idee regalo giuste in base all’occasione. Gli acquirenti devono scavare per questo da soli su un normale sito di e-commerce.

Spring Bot

Spring Bot è stato uno dei primi a essere lanciato su Facebook Messenger. È un servizio di messaggistica dal vivo e shopping personale che i marchi di moda possono utilizzare per connettersi con i clienti. Marchi come Balenciaga, Givenchy e Lanvin usano lo strumento per vendere ai clienti.

Il bot inizia ponendo alcune domande a scelta multipla, come ad esempio: cosa stai cercando oggi? (Articoli per donna o uomo) e qual è la tua fascia di prezzo? (Sotto $ 75, $ 75- $ 250, oltre $ 250).

Acquista Chatbot e-commerce di primavera

Puoi effettuare acquisti direttamente dal bot e ti darà ricevute, informazioni sulla spedizione e risponderà a qualsiasi altra domanda relativa all’acquisto.

L’esperienza è molto lontana da ciò che i siti di e-commerce tradizionali hanno da offrire. Neda Whitney, account account group presso R / GA , ha dichiarato: “Ci sono molte cose che i marchi di lusso possono fare in digitale per garantire che abbiano quel tocco high-touch. Una delle caratteristiche principali è la chat live del servizio clienti del concierge online. La clientela di lusso si aspetta un certo tipo di esperienza quando entra nel negozio, e questo lo traduce online. “

H & M

Il marchio di abbigliamento H&M ha sviluppato un bot interattivo per l’app di messaggistica Kik che consiglia i prodotti in base alle tue preferenze. Inizia chiedendoti di selezionare le foto di abbigliamento che ti piacciono. Quindi ti chiede di scegliere il tuo stile personale: casual, boho, preppy, classico o grunge.

Il bot H&M utilizza le opzioni fotografiche e pone domande sul tuo stile per creare un profilo completo di ciò che ti piace (e di quello che pensi ti piaccia). Una volta creato un profilo di stile, puoi usare il bot per creare i tuoi abiti, votare e sfogliare abiti creati da altri utenti e fare acquisti.

Chatbot e-commerce H&M

Il bot H&M funge anche da consulente di moda e forum pubblico per valutare lo stile. Non c’è niente come le opinioni (voti) degli altri che influenzano le tue decisioni di acquisto. I marchi che si affidano a un negozio di e-commerce da soli perdono questa opportunità per incrementare le vendite.

Pizza Hut

Sapevi che Pizza Hut ha venduto la sua prima pizza online prima che Amazon vendesse il suo primo libro? Il franchising continua ad essere un pioniere nell’adozione di nuove tecnologie. L’ultimo è il loro chatbot.

A partire dallo scorso agosto, i clienti possono ordinare la pizza semplicemente chattando con Pizza Hut su Facebook o Twitter Messenger . Puoi salvare le tue pizze preferite per riordinarle con il semplice tocco di un dito.

Pizza Hut E-commerce Chatbot

Il bot offre inoltre ai clienti le risposte alle domande più frequenti e informazioni sulle loro ultime promozioni. Tutto quello che devi fare è come la loro pagina Facebook (o seguire il loro profilo Twitter) e impostare i tuoi dati di pagamento.

È tutto nel tentativo di semplificare l’ordine delle pizze e funziona. I clienti non devono chiamare, visitare un sito mobile o scaricare un’app. Invia un messaggio come se stessi chattando con un amico. Poiché la pizza è spesso un acquisto d’impulso, un bot come questo è una risorsa preziosa per aiutare a migliorare le vendite.

Burberry

Il marchio di abbigliamento britannico Burberry può avere 161 anni, ma ha un occhio sul futuro adottando nuove tecnologie per raggiungere il proprio pubblico. Burberry ha lanciato il suo chatbot per Messenger durante la Fashion Week di settembre 2016. È iniziato come uno strumento per dare alle persone uno sguardo dietro le quinte delle loro collezioni di settembre.

Chatberry e-commerce Burberry

Il chatbot si è evoluto da allora. A novembre ha introdotto opzioni per esplorare regali e pezzi di preordine. A febbraio, ha iniziato a invitare i fan di Facebook a seguire la loro sfilata dal vivo.

Ora il bot è impostato per rispondere alle domande del servizio clienti e aiutarti a sfogliare le raccolte. Se lo desideri, puoi anche chattare dal vivo con un consulente Burberry.

Dal momento che è un marchio di moda di lusso, i clienti Burberry beneficiano molto delle visite in negozio per consigli sulla moda. Fare acquisti alla cieca dal loro negozio di e-commerce non lo taglia. Grazie al bot, i clienti sono in grado di accedere a molti di questi stessi vantaggi direttamente dai loro telefoni cellulari.

Trim

Trim è una startup di fintech che per prima ha lanciato il suo chatbot su SMS. Da allora si sono estesi a Facebook Messenger.

Il bot è ultra-semplice: Trim esegue la scansione delle fatture per addebiti ricorrenti in abbonamento, quindi chiede agli utenti se desiderano annullare un abbonamento. Tutto quello che devi fare è riscrivere “Annulla palestra”, “Annulla Dropbox” o “Annulla [Inserisci abbonamento]” e il gioco è fatto.

Ora, questo bot non è dove Trim fa davvero i loro soldi. Offrono anche servizi per rinegoziare le bollette mensili, quindi prendere una riduzione dei soldi risparmiati.

Trim Chatbot e-commerce

Il semplice e gratuito bot di annullamento dell’iscrizione è diventato molto popolare su Messenger, aiutando Trim a introdurre nuovi utenti nel marchio, aumentare la propria base di clienti e commercializzare i propri servizi a pagamento. Secondo il CEO Thomas Smyth, Trim ha un tasso di ritenzione del 94% .

La proposta di valore di Trim riguarda la semplificazione del risparmio sulle spese. Non si desidera farlo manualmente al telefono o visitando un sito Web. Trasformare lo strumento in un bot conferma questa proposta di valore e attira nuovi utenti.

Conclusione

Questi 10 marchi di e-commerce sono solo alcuni dei molti già adottanti chatbot per raggiungere il loro pubblico di riferimento, creare una migliore presenza del marchio, fornire assistenza ai clienti, guidare le vendite e far crescere il loro business.

Se non sei ancora convinto che le app di messaggistica siano il posto migliore per raggiungere il tuo pubblico, dai un’occhiata a questi dati:

Grafico delle tendenze delle app di messaggistica

L’anno scorso, Business Insider ha riferito che le app di messaggistica ora hanno più utenti rispetto ai social network. E la tendenza continua a crescere.

Alla gente piace comunicare tramite app di messaggistica. I marchi che soddisfano questa preferenza sono tenuti a vedere più successo commerciale nel lungo periodo. E, come dimostrano tutti questi esempi, i chatbot possono fare di più per incrementare le vendite rispetto a un normale sito di e-commerce, anche se è ottimizzato per i dispositivi mobili.

Costruire il tuo chatbot unico con marchio richiederà un po ‘di creatività, ma ci sono molti servizi là fuori che possono aiutarti a iniziare senza toccare alcun codice, come Chatfuel , Morph.ai o Botsify .

Puoi anche iniziare con qualcosa di semplice come un chatbot basato su regole che risponde alle domande di base del servizio clienti, quindi espandersi a operazioni più complesse, come aiutare i clienti a trovare i prodotti giusti in base al loro stile e alle loro esigenze. Se desideri attirare seriamente nuovi clienti dalle app di messaggistica, prova a presentare una nuova funzionalità che colpisce, come eBay, Trim, Sephora e altri.

Servono per portare a casa un punto importante: i chatbot sono un carrozzone su cui altri marchi di e-commerce devono saltare se vogliono rimanere competitivi a lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares
Open

info.ibdi.it@gmail.com

Close